martedì 18 agosto 2009

La cura del cancro oggi: un medico al lavoro

Abbiamo visto come si curava il cancro nella metà del 1800. Di passi avanti ne sono stati fatti. L'invenzione dell'anestesia, degli antibiotici, la chirurgia più sicura, gli esami diagnostici accuratissimi (oggi siamo a livelli inimaginabili fino a 20 anni addietro...), permettono alla medicina di curare una malattia inguaribile come il cancro.

Le neoplasie maligne, lasciate al loro decorso naturale, provocano la morte della persona afflitta, anche in poche settimana. Tutte le neoplasie maligne iniziano con un tasso di pericolosià bassissimo, è il tempo, che le lascia progredire ed espandere, che ne causa l'evoluzione letale.
Per questo quasi sempre, la guarigione dipende dall'organo colpito dal tumore e dalla diagnosi: più è precoce, più ha possibilità di salvare un individuo.

L'argomento cancro è da sempre quasi un tabù, se ne parla ma a bassa voce, io credo che informare e spiegare cosa succede realmente quando si incontra per la propria strada (da medico o paziente) questa malattia, faccia solo bene, a tutti.

Una cosa che ho notato ad esempio è che la maggioranza dei "sostenitori dell'alternativo" coloro cioè che credono alle cure alternative come cure efficaci coperte da potenti e multinazionali, sono in realtà poco informati. Sono pochissimi quelli in malafede, che pur di andare "contro", negano anche l'evidenza e questi sono in genere quelli che hanno interessi personali a mantenersi nelle loro posizioni (guaritori, venditori di rimedi alternativi, proprietari di siti web o case editrici ispirate all'alternativo).

La maggioranza invece semplicemente sconosce le cose e quando viene messa davanti ad una affermazione (anche se falsa e poco credibile), pensa sia l'unica possibile. Non hanno adeguate conoscenze, tutto qui, seguono luoghi comuni quasi sempre falsi e sono convinti di cose che nella realtà non esistono. Sono in pratica presi in giro da chi loro considerano come "guru", come principale fonte di sapere.
L'esempio tipico è quello dei "trucchetti scientifici" di Tullio Simoncini: affermare che gli studi dicono una cosa (a suo favore) quando invece basta leggerli per accorgersi che affermano proprio l'opposto (a suo sfavore quindi). Ma il lettore sprovveduto, in mancanza di informazione corretta, rischia di cadere in quel tranello.

Oltretutto il tipico comportamento del guaritore per convincere di avere "capito qualcosa" di medicina, è quello di condire le sue affermazioni con termini pseudoscientifici, paroloni, frasi complicate e senza senso, ad effetto...tutto per condire con...aria fritta le sue deliranti affermazioni.
La medicina fa i fatti condendoli di poche parole, il guaritore è bravo con le parole (non riuscendo poi, nei fatti, a guarire nessuno) e di fatti non ne mostra mai.

Mi è sembrato interessante e meno dispersivo raccontare una normale procedura nella diagnosi e la cura di una neoplasia. Quasi seguendo una giornata del lavoro di un medico.
E' anche un modo di rendere più comprensibili certi ragionamenti e certe decisioni. Utilizzerò un linguaggio più semplice possibile accompagnandolo da immagini che spiegano meglio tutto.
Il tumore è letteralmente l'aumento di dimensioni di una parte di organo o struttura (tumore=gonfiore). Rimuovere il tumore è il primo obiettivo per cercare di curarlo. Questo perchè esso si diffonde (nel caso dei tumori maligni) per contiguità (cioè per vicinanza, alle strutture ad esso adiacenti), per continuità ( cioè avanza, cresce di dimensioni, penetra nei tessuti) ed a distanza (con le metastasi).

L'obiettivo del chirurgo è rimuovere tutto o tutto ciò che è possibile, del tumore che intende curare.
Non sempre questo obiettivo è semplice da raggiungere, per vari motivi. Coinvolgimento di organi vitali, dimensioni troppo elevate, posizione complicata...ed altro. Inoltre, il chirurgo, per limiti umani, può rimuovere ciò che vede ad occhio nudo o ciò che "vedono" gli esami diagnostici che ha a disposizione.
Altro limite: se la neoplasia ha invaso strutture adiacenti o ha raggiunto dimensioni serie, può servire effettuare dei cicli di chemioterapia, servono sostanzialmente a diminuire di dimensioni e di "aggressività" il tumore, permettendo una più semplice e completa asportazione.

Prendiamo ad esempio un tumore che rende più semplice la spiegazione, quello del collo dell'utero.
Ho scelto questo esempio perchè tra i meno complicati e cruenti, tra i più semplici da illustrare e comprendere e...perchè mi occupo proprio di queste cose.
Il collo dell'utero è la parte finale dell'utero (immaginate una pera all'interno dell'addome, la grandezza è più o meno quella del frutto, con il "sedere" verso l'ombelico e la punta, rivolta verso l'esterno, la vagina):



Questo è un utero visto lateralmente, come se guardassimo una sezione all'altezza della coscia, mettendoci di lato, sul fianco della donna, se invece guardassimo davanti, rivolti all'addome, potremo vedere qualcosa del genere, ricordate sempre che la "pera" ha la punta verso il basso:


La parte finale, la "punta della pera" ( cervix, la cervìce, in italiano) è il collo dell'utero.
Se con uno strumento creato apposta, lo speculum, guardiamo dentro la vagina, vedremo proprio il collo dell'utero sul davanti, come se guardassimo la "pera" mettendola parallela al pavimento, coricata, all'altezza dei nostri occhi e guardassimo la punta di questo frutto, nel caso del collo uterino, vedremo qualcosa del genere...:

Quel foro centrale è l'OUE (Orifizio Uterino Esterno), che permette alle mestruazioni di fuoriuscire e durante il travaglio di parto si "apre", si dilata, fino a permettere il passaggio del nascituro. Se toccassimo senza guardare, il collo dell'utero, la consistenza è praticamente identica a quella della punta del nostro naso. Le dimensioni sono varie, ma in media, quella "pallina", misura circa 4-5 cm. di diametro.

Il cancro del collo uterino (o meglio, il cancro della cervice uterina) colpisce frequentemente proprio la zona attorno all'OUE. Altre volte, anche zone adiacenti.
Il Pap-test, consiste nel prelievo (tramite una spatola di legno) di cellule da quella zona, queste cellule, vengono prelevate passando la spatola attorno a quell'orifizio e poi "strisciate" (il nome popolare del Pap-test è proprio "striscio cervicale") su un vetrino, che dopo fissazione viene osservato e studiato da un citologo.

Dopo l'analisi, il risultato del Pap-test potrà dire se in quella zona vi sono cellule normali, precancerose o francamente maligne.
Certe volte, lo stesso aspetto ad occhio nudo della cervice uterina, lascia poco spazio a dubbi: se invece di osservare quell'aspetto liscio e regolare, si osserva qualcosa di non normale, il sospetto di tumore maligno sorge già prima del prelievo per il Pap-test.
Per capirci, delle immagini di tumori già evidenti all'esame visivo. Ricordate l'immagine del collo dell'utero di prima? Ecco cosa succede in caso di cancro evidente:





Credo siano evidenti le differenze e l'anormalità del collo uterino.

Le immagini sono ottenute con il colposcopio, uno strumento (una sorta di binocolo con luce e diversi ingrandimenti disponibili) che permette una visione ingrandita e ravvicinata del collo dell'utero, difficilmente è possibile vedere ad occhio nudo tutto quello che ci interessa.
Ricordo che comunque la diagnosi di neoplasia maligna non è MAI visiva o clinica (in questo senso possiamo parlare solo di sospetto, anche serio ma sempre ipotizzato), ma SEMPRE istologica.
Non esiste un tumore maligno senza diagnosi istologica. Anche in questi casi quindi, si effettua una biopsia di conferma.
Qui si spiega anche perchè senza esame istologico, un tumore diagnosticato a "vista" o riferito, come succede nelle guarigioni miracolose che ho trattato in questo blog, non hanno nessun valore scientifico. Capita (non spesso, ma capita eccome) benissimo di scambiare ad un primo esame una lesione benigna per una maligna.
Diagnosi fatta quindi, ora molto dipende dall'estensione della malattia. E' stato colpito un organo molto vascolarizzato e questo non è un vantaggio. Inoltre, fino a che punto si è infiltrata la neoplasia?

Esiste un solo modo per saperlo, asportare la lesione ed accertarsi se abbia invaso i tessuti vicini o addirittura i linfonodi. Questa è la stadiazione. Più è alta l'infiltrazione e l'invasione dei tessuti e degli organi vicini e più è grave, naturalmente, la prognosi.

I gradi del tumore del collo dell'utero sono diversi.
Esiste una prima divisione che comprende le DISPLASIE che sono stadi precancerosi che precedono il cancro vero e proprio. Le displasie sono dette CIN (Cervical Intraepithelial Neoplasia). Le CIN sono tre: I, II e III (rispettivamente di basso, medio ed alto grado) e non sono lesioni che hanno invaso strutture vicine, sono localizzate.
Dopo la CIN III (detta anche carcinoma in situ) iniziano i vari stadi (che si dividono per estensione e grandezza) di cancro INVASIVO, il più pericoloso.
Non mi dilungo più di tanto nella trattazione dei vari gradi del tumore del collo dell'utero, è un argomento un po' complicato e continuiamo con l'esempio pratico.

Ammettiamo che l'anatomopatologo, dopo biopsia, mi comunichi che la lesione è una CINIII e cioè una neoplasia di grado III. Devo asportarla, c'è il rischio che si infiltri in profondità o addirittura nel tempo invada gli organi vicini (nel caso del collo dell'utero: la vescica, il retto, il corpo uterino, la vagina...).

Non è sempre così: se l'anatomopatologo invece del CIN III mi comunicasse un CIN I, il grado più basso, potrei addirittura decidere di non intervenire per nulla, visto che quel grado spesso regredisce da solo, senza nessun intervento (ma con controlli serrati!), qualcuno estende questa scelta attendista anche per il CIN II.

Torniamo e proseguiamo con il nostro esempio: CIN III.

L'intervento indicato si chiama CONIZZAZIONE. I chirurghi più aggressivi propongono l'isterectomia (asportazione totale dell'utero): in donne che non possono o non vogliono più gravidanze in effetti, sembra il tipo di intervento più logico.
Come in tutti i trattamenti chirurgici dei tumori, è fondamentale asportare tutta la neoplasia. Vista la zona da trattare in questo caso, non c'è bisogno di intervento chirurgico con apertura dell'addome ma si può intervenire per via vaginale (come se si dovesse effettuare un Pap-test per intenderci).
Si tratta in questo di asportare una porzione del collo dell'utero di forma conica, che contenga TUTTA la lesione in oggetto.
Fino a qualche anno addietro, questa asportazione si effettuava con il bisturi classico, si chiamava "conizzazione a lama fredda". Oggi la conizzazione si effettua nella quasi totalità dei casi con elettrobisturi o bisturi a radiofrequenza (io uso quest'ultimo) ed è detta a "lama calda".
Questo strumento è detto ANSA DIATERMICA o Leep o Loop.

Ecco al volo come funziona:

Il supporto di plastica ha alla sua estremità una semiluna, è un filo metallico attraverso il quale passa corrente elettrica. La corrente, riscalda (non si arriva ad incandescenza comunque) il filo che così ha la capacità di "tagliare" i tessuti. Con due benefici: durante il taglio contemporaneamente coagula evitando emorragie e con questa tecnica il taglio risulta più preciso e netto. Per capire cosa succede, immaginate un filo arroventato che provi a tagliare del burro.

La resezione si effettua ruotando il supporto che mantiene il filo metallico ed il risultato è proprio un cono di collo uterino. Qui un'immagine della vecchia tecnica con il bisturi.

Per vedere una tecnica con Leep (anche se invece di ruotare lo strumento, il chirurgo utilizza un'altro metodo) ho trovato un video su You Tube (non è molto cruento, ho scelto questo tipo di patologia apposta, il video è "sopportabilissimo"), questo:


In una sola azione abbiamo ottenuto due cose:
1) Rimozione della lesione neoplastica
2) Pezzo anatomico per esame istologico, stadiazione, verifica della completa rimozione della neoplasia.

Uno degli aspetti più importanti è l'accertamento da parte dell'anatomopatologo, che in quel cono sia contenuta TUTTA la lesione diagnosticata. In questo caso il referto parlerà di MARGINI dell pezzo LIBERI DA LESIONE, ciò vuol dire che abbiamo asportato tutto quello che era necessario. Al contrario, se l'esame evidenza uno o più margini con lesione, evidentemente qualcosa è rimasto in sede ed è necessario un reintervento per completare tutto.

In questo caso poniamo confermata la lesione che dicevamo, la CINIII.

Visto che la lesione è stata asportata completamente, abbiamo in pratica terminato la nostra opera. La recidiva di tumore cervicale dopo asportazione a cono, è molto rara.

Le complicanze sono rarissime, gli effetti collaterali molto rari.

Nei casi più avanzati si preferisce operare per via addominale ed asportare anche utero ed ovaie e se il caso effettuare anche una biopsia dei linfonodi. Tutto questo ci permetterà non solo di asportare la lesione e le zone maggiormente a rischio di esserne coinvolte, ma anche di conoscere la gravità e l'eventuale estensione del tumore, potendo scegliere la terapia migliore.

Nei casi avanzati, chemioterapia ed in certi casi radioterapia, seguono la diagnosi, l'eventualità che cellule cancerose siano andate in circolo o abbiano raggiunto organi vicini è molto alta.

Per i casi più severi di tumore di collo dell'utero, la sopravvivenza è oggi buona, dopo 5 anni, circa il 65%, dopo 10 anni dalla diagnosi, più del 50%.

Fine. Il tumore è stato asportato. Ora la paziente deve sottoporsi periodicamente a Pap-test ed eventualmente a colposcopia, almeno una volta l'anno.

Ma ha tantissime possibilità di potersi dichiarare guarita.

Spero di essere stato comprensibile e di aver reso la procedura scorrevole. Questo è uno dei modi con i quali la medicina cura le malattie mortali che affligono l'uomo.

Poche storie, nessuna invenzione, nessuna promessa di miracolo, nessun vittimismo, questa è la realtà, la medicina di oggi, quello che succede negli ospedali, ogni giorno un medico salva una donna (ed una mamma, una moglie...) dal cancro. Nessuno va su internet a piangere o a saltare per le strade dalla felicità. Tutto questo, oggi, viene praticamente considerato "normale". Questi sono i risultati di anni di studio, progresso, scienza. Questo è ingegno umano.
Questo succede decine di volte al giorno, in tutti gli ospedali italiani e nel mondo.

Senza altri giri di parole: questi sono fatti.
Ognuno decida a chi affidarsi.


Alla prossima.

425 commenti:

  1. Post chiarissimo, solo che... beh, parlare di tumori al collo dell'utero è una cosa per me abbastanza sopportabile (anche solo con il mio corso di virologia all'uni ne abbiamo parlato, per via di HPV) e normale, ma vedere quello che fa il medico, vedere il collo dell'utero prima negli schemini e poi nelle foto e nel video... mi spoetizza un po' quello che è l'apparato genitale femminile, non so se rendo bene l'idea :-)

    RispondiElimina
  2. Ma dai, si vede benissimo che dopo l'asportazione della parte cancerosa il chirurgo applica della tintura di iodio, aveva ragione Simoncini! ;-)

    A parte gli scherzi, ma è vero che i tumori al collo dell'utero hanno percentuali molto alte rispetto ad altri tipi di neoplasie? In ogni caso, sapere che oggi il decorso positivo per questo tipo di malattia ha probabilità così alte, è molto più che confortante, fermo restando che le donne dovrebbero periodicamente sottoporsi a visite per evitare il rischio di diagnosticare un tumore troppo tardi, o sbaglio?

    RispondiElimina
  3. Dopo un intervento di "conizzazione" una donna può anche avere dei figli (!!!): infatti spesso è una malattia che colpisce le ragazze attorno ai 20-25 anni (rapporti sessuali precoci e promiscui = HPV+), quindi è importante che la cura debba essere anche "conservativa", se possibile.
    Ottimo post, come al solito.

    RispondiElimina
  4. A quando un articolo sulla "cura" Di Bella che fece molto scalpore ma che venne sconfessata dalla sperimentazione scientifica, cosa per la quale Simoncini & Co. si guardano bene dal fare?

    RispondiElimina
  5. Ottimo articolo, mi è rimasta solo una curiosità: dopo la conizzazione, l'utero mantiene tutta la sua funzionalità? Cioè, è possibile portare a termine un parto naturale?

    RispondiElimina
  6. Post estremamente interessante ed istruttivo, come sempre.

    RispondiElimina
  7. Avrei anch'io una domanda: nella nona figura, diciamo 9.C, e' schematizzato un tumore all'interno del canale cervicale. Nello schema della Mayo e secondo quanto hai scritto, durante il pap-test la spatola passa "attorno a quell'orifizio".
    Dunque, come ci arrivi, se ci arrivi ?


    PS: hai notato tutto quel "bianco", saranno mica funghi eh ?... eh eh :-))

    RispondiElimina
  8. Ciao WeWee. Ti avevo scritto un commento, l'ultimo nel post precedente a cui mi farebbe piacere che tu mi dessi il tuo parere sulla cosa.

    Ciao! ;)))

    RispondiElimina
  9. @ Giuliano: ti capisco, ma è anche vero che in "certi momenti poetici" non è che vedi il collo dell'utero. Almeno lo spero per te...
    :)

    @ Grezzo: alte percentuali di cosa? Di guarigione? Si, sono abbastanza alte. Di diagnosi precoce? Si, il cancro del collo uterino era la prima causa di morte della donna, non lo è più grazie al Pap-test ed alle terapie chirurgiche. Sulla cura Di Bella ho cominciato a preparare qualcosa...ma è un argomento scottante e molto vasto...

    @ Gwilbor: ti aveva risposto genesis61. La donna con conizzazione può avere una gravidanza senza alcun problema e può anche partorire spontaneamente.

    @ max(L): per la parte "interna" del collo uterino si usa una sorta di "spazzola" simile ad un cotton fiock che "gratta" le cellule di quella zona, oggi quasi tutti i medici quando eseguono un Pap-test fanno così. Sul "bianco" nemmeno ti rispondo...
    ;)

    @ Davide: ti rispondo in serata, la risposta non è breve...
    :)

    RispondiElimina
  10. @Tutti
    Per favore non mettetevi a ridere a causa della mia domanda.

    Nella seconda immagine, si vede il collo dell'utero che sembra avvolto da una specie di preservativo (Ho chiesto di non mettersi a ridere)

    Ho visto male io, oppure quella immagine si riferisce a qualche intervento effettuato dal medico, oppure non ho capito na mazza di anatomia femminile?

    RispondiElimina
  11. Credo che Wewee abbia trovato come immagine che illustra l'anatomia femminile in sezione cosiddetta "sagittale" solo quella che fa vedere come si posiziona il "diaframma" ... che poi peraltro ha funzioni anticoncezionali ...

    RispondiElimina
  12. Ok WeWee :))) tnx ;)
    In merito a questo post aggiungo che sarebbe saggio per ogni donna magari dai 30 anni in poi effettuare un pap-test 1 volta l'anno come del resto fare controlli annuali generali...anche se non si possiede alcuna sintomatologia di niente e si stà apparentemente bene! Alcuni ceppi dell'HPV a quanto ho potuto leggere, sono oncogeni e la degenerazione maligna sembra esser molto probabile dopo un intervallo anche di 8-10 anni (correggimi se sbaglio WeWee :)). Inoltre l'HPV virus spesso non si riesce a eliminarlo proprio del tutto e la sua presenza rimane silente nell'organismo e in casi di particolari stati d'immunosoppressione può non essere distrutto/rilevato dal sistema immunitario, continuando lì da "qualche parte" a svolgere tacitamente la sua azione degenerativa. Su vari commenti di virologi etc.. molti ribadiscono di fronte a infezioni HPV che la causa principale dev'essere cercata nel sistema immunitario (dopo aver agito localmente per curare papillomi etc..), ovvero perchè quest'ultimo non riesce a combatterlo adeguatemente e rimuoverlo completamente dall'organismo. Che poi sia fantasia o no, non lo so proprio...quanto studio e ricerca ci vorrebbe per appurare concretamente e di persona certe cose! :)

    RispondiElimina
  13. Diaframma? Cazzarola, non ci avevo pensato !
    Credevo che fosse una specie di "fasciatura" da mettere dopo l'operazione...Come una specie di cerotto.
    (Sempre ammesso che si metta il cerotto dopo l'operazione)

    RispondiElimina
  14. Di solito si consiglia di fare un Pap-test ogni 2-3 anni a partire dall'età in cui si hanno i primi rapporti sessuali.
    Controlli annuali si prescrivono in presenza di lesioni "precancerose" come la CIN I e CIN II (cfr. sopra) come "watchful waiting" (controlli clinici "stretti").

    RispondiElimina
  15. @genesis61:

    Sì infatti...sarà che io vedo nella prevenzione e nell'osservazone precoce una delle armi più potenti contro questa terribile malattia. Difatti i controlli annuali spesso vengono consigliati in soggetti che già hanno avuto a che fare con la malattia o del rilevamento come giusto dici tu di lesioni precancerose appurate. Mi chiedevo inoltre - nonostante l'enormi variabili in gioco che rendono difficoltosa l'impresa - se era possibile in genere fare una media approssimativa dei tempi di sviluppo di una lesione *divenuta* maligna dal CIN I al CIN III o IV dei seguenti tumori differenziandola nelle 2 fasce di età dai 30 ai 45 e dai 45 ai 60 anni e oltre:

    1) Adenocarcinoma al colon (escludendo la degenerazione maligna degli adenomi in adenocarcinomi che è stata orientativamente dichiarata intorno ad un range di 5-8 anni)

    2) Carcinoma gastrico

    Da qualche parte ho letto che ad esempio un carcinoma gastrico dal suo originarsi al rilevamento effettivo possono passare anche circa 5 anni (tranne chè per altri motivi un tale che ne è affetto non esegua una gastroscopia). 5 anni ???? Ma non è un tempo troppo lungo perchè un carcinoma già originatosi inizi a dare segni di sè dopo 5 anni ? Di certo la velocità di sviluppo è fortemente in relazione con l'età...ma vi saranno range variabili (minimi e massimi) sempre in relazione a quest'ultima...e range da escludere a priori in quanto troppo lunghi o no ? O_o

    RispondiElimina
  16. Dimenticavo ho trovato il link (leggete in basso) http://www.my-personaltrainer.it/salute/tumore-stomaco-sintomi.html in cui viene affermato che un carcinoma gastrico..: "è calcolato (mediamente) in 68 mesi il tempo che intercorre tra la comparsa dei primi sintomi e la prima osservazione da parte del medico"...
    accidenti 5 anni e 6 mesi!!! Secondo me hanno sbagliato...! :P

    RispondiElimina
  17. Ecco la risposta che ti dovevo, Davide (scusa il ritardo ma sono tornato ora dal lavoro):

    Spesso si declama il soffocamento relativo a certe "scoperte" da parte delle aziende farmaceutiche per proteggere il loro business e asserzioni simili si trovano spesso su siti in cui si esaltano cure e metodi alternativi per la cura o la battaglia contro il cancro. Ci tenevo a sapere una tua opinione in merito a questo aspetto tanto discusso

    Non credo ci siano persone tanto ingenue da credere che le industrie farmaceutiche siano state create per fare beneficienza o per scopi umanitari, sono delle aziende ed il loro scopo primario è guadagnare.

    Gli atti venali ed anche le corruzioni o le collusioni sono nel "curriculum" di tanti uomini, di tante aziende e quindi anche di quelle farmaceutiche. Hanno però due limiti: la scienza e l'evidenza, per ultimo ne hanno un altro, la conservazione della specie.

    La scienza: per produrre e poi vendere un farmaco, questo deve dimostrare di essere utile a qualcosa. La ricerca e la sperimentazione servono a questo.
    In più quello che viene pubblicizzato (leggi pubblicato nelle riviste scientifiche) come efficace deve passare altri filtri, compreso quello dell'uso costante. Se un farmaco non fa nulla, viene abbandonato. Hai voglia di regalare barche (mai viste), macchine (mai viste), computer (mai visti), penne di plastica (tantissime) ai medici, nessun medico ha interesse a prescrivere qualcosa che non guarisce, ne andrebbe della sua stessa reputazione e del suo stesso stipendio. Andresti mai da un medico che per dieci volte ti visita e per dieci volte ti prescrive qualcosa di totalmente inutile?
    Dopo sei mesi potrebbe cambiare lavoro. E tu quel farmaco non lo compri più. A chi conviene?

    Secondo filtro: l'evidenza.

    Un farmaco che funziona lo compri. Uno che non funziona, lo si abbandona.

    Se per esempio ti dicono che l'Aspirina ti fa diminuire il mal di testa e dopo la terza compressa non ti passa, di Aspirina non ne compri più. E' banale ma è anche lampante.

    La conservazione della specie: lo stesso farmaco che la terribile lobby delle multinazionali fa prendere a te ed a me, lo prenderanno anche i figli dei proprietari, i loro amici, le loro mogli, le loro mamme.
    Venali sì, ma mica scemi. Lo prenderà anche l'amante del proprietario della multinazionale o probabilmente lo prenderà lo stesso proprietario per andare con l'amante.
    Perchè il cattivo proprietario non prende invece un inoffensivo e naturale intruglio alternativo?

    Non solo, ma milioni e milioni di medici, uno di loro, almeno, si sarebbe accorto di questo grande complotto e ne avrebbe denunciato al mondo le cattiverie. Invece anche i medici prendono le compresse e le cure di "Big Pharma".

    Chi grida al complotto ragiona per luoghi comuni. Il ricco è cattivo. Il ricco si approfitta dei poveri. A volte è così, ma non lo è quando l'interesse del ricco è lo stesso del povero: stare meglio.

    Infine: sembrerà assurdo scoprire che non è stato MAI dimostrato un grande complotto di Big Pharma, mentre sono stati dimostrati complotti ed anche ridicoli (articoli pronti) per tante medicine alternative, questo i sostenitori dell'alternativo non lo sanno quasi mai e quando lo sanno non lo dicono.

    Qualcuno potrebbe dire: "il bue che dice cornuto all'asino", è proprio così, solo chi non ha nulla da perdere, si gioca il tutto per tutto, imbrogliando...

    In ogni caso, dell'argomento "complotto" in medicina, ho già scritto un articolo.

    Ciao!

    RispondiElimina
  18. Grazie della tua replica WeWee! Sono d'accordo con te ma vorrei mettere in evidenza alcuni punti:

    "lo stesso farmaco che la terribile lobby delle multinazionali fa prendere a te ed a me, lo prenderanno anche i figli dei proprietari, i loro amici, le loro mogli, le loro mamme.
    Venali sì, ma mica scemi."

    Beh...se loro venissero a conoscenza di qualcosa che funziona meglio e potrebbe giocare forte ruolo di prevenzione e/o cura in modo economicamente più accessibile alle masse... sì..loro userebbero quel rimedio, le loro moglie, figli, l'amante... ma alle masse appunto per mantenere elevati i loro interessi/profitti cercherebbero di tener la cosa nascosta... sarebbe anche in parte ragionevole dal punto di vista dei pezzi "grossi" che regnano sulle vette non credi..?


    "Non solo, ma milioni e milioni di medici, uno di loro, almeno, si sarebbe accorto di questo grande complotto e ne avrebbe denunciato al mondo le cattiverie. "

    Beh... perchè dovrebbero denunciare..? Un medico e/o ricercatore serio se riconoscesse l'efficacia di una cura la potrebbe usare per il proprio bene e si stà zitto senza schierarsi contro colossi...in battaglie varie, per svariati motivi. Qui in Italia abbiamo da anni svariati divulgatori di notizie a cui i media non danno spazio su vicende ben precise e schifezze di ogni tipo, che per via di poteri politici infiltrati ovunque vengono soffocati; ad esempio...è evidente che c'è un monopolio incredibile dell'informazione (prendi le reti televisive che sono tutte in mano a berlusconi...); ebbene nonostante ormai anche con l'avvento di internet certe cose escano allo scoperto (anche se vai cmq a leggerti le sentenze dei processi fatti a nostri parlamentari vedi di tutto...ma i media più comuni e controllati tacciono!)... le cose non si modificano di una virgola e la gente è sempre più confusa...ed evidenza più di quella che stiamo finendo in mezzo ad una strada con un debito pubblico di 1400 e passa miliardi di euro...quale potrebbe essere ? Io la penso come te riguardo il fatto che tuttavia la verità si fà strada sorretta dalla forza che le è propria e che è figlia dell'evidenza...e che le masse sono informate tramite i media... che sò magari in messico dove usano il laetrile (B17) hanno davvero curato dei tumori...magari non tutti in modo perfetto e immacolato...a noi chi ce lo viene a dire ? Dobbiamo andare su http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed per scoprire se c'è qualcosa di "attendibile" o in messico direttamente ? -->

    RispondiElimina
  19. Inoltre ciò che credo possa essere più temuto per le multinazionali farmaceutiche non è tanto un rimedio per la cura...(una volta che hai il tumore se funziona anche se lo vendo a 100000 euro tu te lo compri di sicuro...) ma se ci sono elementi che danno significative scoperte in termini di PREVENZIONE..ciò può diventare pericoloso: meno malati di cancro = meno vendita di farmaci = bilanci che sballano e miliardi che svaniscono!

    A chi devo dare alla fine autorevolezza ? All'evidenza ? Ok...quale evidenza? Di Veronesi...che sarà pur un luminare ma con quale coraggio và ad affermare che le nano-particelle prodotto dagli inceneritori provocano un incremento dell'incidenza dei tumori ai polmoni (e non solo) pari allo 0%!?...Allo 0%! Poi vai sul suo sito e trovi fra i suoi finanziatori delle multinazionali francesi, numero 1 in tutto il mondo come produzione di apparati per lo smaltimento dei rifiuti...viene logico fare 1 + 1...chi andrebbe contro all'autorevolezza di Veronesi? L'evidenza...e come possiamo testarla a verificarla noi comuni mortali ? Mica siamo tutti biochimici, possediamo competenze adeguate e abbiamo a disposizione macchinari dentro casa - o accesso ad essi - per fare queste verifiche! :)

    Io sono del parere che soltanto qualora ci fosse qualcosa di veramente "strabiliante" non potrebbe rimanere celata (a lungo!!!) e rimanere nell'ombra. I rimedi naturali alla fine ci sono...ma possono secondo me giocare solo un ruolo di prevenzione *relativa* come migliorare i processi di ricambio cellulare, diminuire il danno prodotto sull'organismo di sostanze oncogene (nitrosamine etc..)..ma non guarire in sè e assicurare una totale e longeva prevenzione nei confronti del cancro.

    Forse ho scritto un pò troppo...accidenti ...non me ne rendo conto giuro :D vabbè. Mi fermo :)

    P.S: ho scritto 2 commenti sopra prima della tua replica...cosa ne pensi di quello ? :))

    RispondiElimina
  20. Dimenticavo!

    "Infine: sembrerà assurdo scoprire che non è stato MAI dimostrato un grande complotto di Big Pharma"

    Nemmeno chi ha ucciso kennedy è stato mai "trovato"; chi ha avvelenato papa Luciani non lo hanno mai "saputo"; della strage dell'11 settembre negli States non hanno mai avuto prove che siano state esplosioni "controllate"; che berlusconi o dell'utri abbia avuto collusioni con la mafia non è mai stato "dimostrato" e l'elenco potrebbe scorrere ancora..; se invece io domani ammazzo anche con 1 piano quasi perfetto il vicino di fronte...tempo 3 giorni mi beccano subito e mi danno 20 anni!

    Questo per dire che: più sono elevati i poteri...e più potente è la capacità di occultamento, persuasione e manipolazione degli eventi di fronte alle masse...e ribadisco...in Italia ci hanno e ci stanno divorando...e ancora stiamo tutti a guardare!!!! Per cui guarda come inginocchiano le masse...e anche essendo oggi informati tramite la rete, notizie qua e là da fonti più o meno attendibili etc...rimaniano tuttavia sempre più perplessi e all'impasse. Quindi un Big-Pharma...il potere di "coprire" lo ha eccome! Noi non lo abbiamo...che siamo comuni "mortali"! :)

    RispondiElimina
  21. Beh...se loro venissero a conoscenza di qualcosa che funziona meglio e potrebbe giocare forte ruolo di prevenzione e/o cura in modo economicamente più accessibile alle masse... sì..loro userebbero quel rimedio, le loro moglie, figli, l'amante... ma alle masse appunto per mantenere elevati i loro interessi/profitti cercherebbero di tener la cosa nascosta... sarebbe anche in parte ragionevole dal punto di vista dei pezzi "grossi" che regnano sulle vette non credi..?

    Io non credo proprio. Se quella scoperta è promettente, significa che bisogna spingere in quella direzione. E per farlo bisogna che il rimedio divenga di dominio pubblico, altrimenti la ricerca medica rimarrà sempre ferma la palo. I "pezzi grossi" otterrebbero un rimedio un po' più efficace di quello di dominio pubblico, dopodiché più niente, dovrebbero accontentarsi di quello quando saprebbero che facendone partecipi tutti arriverà qualcuno che riuscirà a fare qualcosa di meglio.

    Beh... perchè dovrebbero denunciare..? Un medico e/o ricercatore serio se riconoscesse l'efficacia di una cura la potrebbe usare per il proprio bene e si stà zitto senza schierarsi contro colossi...

    Un motivo fra tanti... premio Nobel per la medicina. Seconda osservazione: che visione meschina che hai del mondo, dove tutti i medici non hanno neppure un briciolo di coscienza... peccato che Sabin sia già morto, altrimenti sarebbe divertente invitarti a ripetere quello che hai scritto in faccia a lui.

    Mica siamo tutti biochimici, possediamo competenze adeguate e abbiamo a disposizione macchinari dentro casa - o accesso ad essi - per fare queste verifiche! :)

    RispondiElimina
  22. @Davide:
    Beh...se loro venissero a conoscenza di qualcosa che funziona meglio e potrebbe giocare forte ruolo di prevenzione e/o cura in modo economicamente più accessibile alle masse... sì..loro userebbero quel rimedio, le loro moglie, figli, l'amante...
    e naturalmente mogli, figli e amanti dovrebbero tutti esser disonesti. Mettiamoci anche i nipoti, gli zii le nonne e gli amici tanto per essere sicuri che il complotto sia mondiale :-)
    No, decisamente non regge.

    Un medico e/o ricercatore serio se riconoscesse l'efficacia di una cura la potrebbe usare per il proprio bene e si stà zitto senza schierarsi contro colossi.
    Il punto e' che un ricercatore non lavora mai da solo, il che implica assumere che sia l'unico sveglio e capace del suo team o che debba prima pensare a convincere gli altri a tacere.
    No, non regge neanche questo.
    Che poi sia serio per il fatto di non far menzione ad altri delle sue scoperte proprio non ci arrivo a capirlo.

    che sò magari in messico dove usano il laetrile (B17) hanno davvero curato dei tumori...magari non tutti in modo perfetto e immacolato...a noi chi ce lo viene a dire ?
    Altri ricercatori che non sono messicani e non sono osteggiati dagli altri messicani e dal governo messicano :-)

    Dobbiamo andare su http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed per scoprire se c'è qualcosa di "attendibile" o in messico direttamente ?

    La prima che hai detto.

    Quindi un Big-Pharma...il potere di "coprire" lo ha eccome!
    Be', un po' si ne convengo e non e' neppure un gran segreto ma non e' ne facile ne conveniente ma soprattutto non esiste un'entita' unica e sovranazionale chiamata BigPharma che controlla i suoi affari e quelli del resto del mondo.
    Tutti disonesti tutti sulle buste oaga di BigPharma ?

    RispondiElimina
  23. @Gwilbor:

    "Seconda osservazione: che visione meschina che hai del mondo, dove tutti i medici non hanno neppure un briciolo di coscienza..."

    La coscienza ce l'hanno gli uomini di scienza ma sono i meno e proprio questi, devono purtroppo subire le superbie dei poteri più alti che appartengono a coloro non che sanno di più ma bensì che *possono* di più, i quali hanno costoro il controllo dell'informazione e l'autorevolezza per manipolare le masse e dirigerle nelle direzioni che preferiscono; sia chiaro che per masse qui s'intende i "più" e non i "meno" i quali resta pur sempre per il singolo individuo la volontà di sottrarsi a determinate contraffazioni e valutare ogni cosa con un particolare spirito critico. Sono riusciti a insabbiare cose molte più incresciose a paragone di una brillante rivelazione scientifica...e ho rammentato nel precedente commento degli episodi in cui consistenti cospirazioni hanno agito suscitando fortissimi scalpori tramite tragici eventi e tutto è finito in una bolla di sapone....! Quanta roba finisce in una bolla di sapone per mano di poteri iniqui ! E vorresti dirmi che nei tempi attuali invece l'apertura dei "meno" (perchè è la minoranza!), verso un etica professionale e umanitaria riesca - anche con brillanti rivelazioni di un operato e di uno studio meticoloso - a incrinare se non distruggere una solida catena pulsante di corruzione e cospirazioni formatasi con consistenza negli anni ? Ti faccio notare prendendo un esempio non tanto lontano da noi, che abbiamo il peggior parlamento e gestione politica esistente al mondo! Ne siamo consapevoli almeno in parte perchè certe cose devi andare a cercarle nei "buchi" e solo pochi lo fanno e/o lo sanno fare e un enorme ubriacatura e disinformazione ci viene propinata constantemente tramite il monopolio dell'informazione che per fortuna grazie all'avvento di internet diventa sempre più piccolo; Un Berlusconi si è fatto le leggi per scansarsi processi e finire dove ormai ben tutti lo sanno si merita...e c'è riuscito...ed io...tu...noi..cosa possiamo fare ??? -->

    RispondiElimina
  24. Ne siamo consapevoli che meriterebbero di finire in galera e che stà dissossando un Italia assieme a tanti altri...ma cosa puoi fare ? Ha avuto il potere d'insabbiare tutto di fronte ai nostri occhi e noi non possiamo fare niente...e come lui tanti altri. Adesso di fronte a queste cose che credo si basino su fatti e non sterili verbosità, dovrei avere una visiona forse non "meschina" ? Possiamo avere una coscienza ma non abbiamo il potere di smuovere le masse nella misura in cui necessiterebbe per esser competitivi e nemmeno l'evidenza sarebbe così "prorompente"...*almeno non in tempi brevi* tanto poi spunterebbe un Veronesi e smentirebbe tutto al pubblico e visto la sua autorevolezza non dirmi che non otterrebbe crediti e dietro le quinte...magari nei confronti dei suoi cari applicherebbe le ultime "promettenti scoperte". Certo prima o poi la cosa se è promettente in un modo o nell'altro verrebbe per forza di cose a galla...e se questo rimedio riducesse di un elevatissima probabilità il rischio di contrarre quasi tutti i tipi di cancro (paradossalmente parlando..)...i bilanci dei farmaci chemioterapici che fine farebbero ? Una cura andrebbe bene...la rimpiazzo al posto della chemio...e la vendo al triplo...tanto è 50 volte più efficace della chemio o radio..allora mi conviene! Per questo ho detto che solo una scoperta "strabiliante" e non PREVENTIVA ma CURATIVA potrebbe far fluire tutto "liscio". Riguardo Sabin..beh...grandi uomini non hanno mai popolato il pianeta ? Certo che sì. Solo che ogni cosa dev'essere relazionata con il periodo storico e la sua situazione contigente...i tempi di oggi e i confini verso cui l'uomo è diventato disposto a spingersi sono veramente incredibili: non più con lance e spade...ma con aerei che si scagliano contro palazzi uccidendo migliaia di persone in 1 colpo solo nel nome del dio denaro. E mi si viene a dire che la mia visione è meschina ? :)

    RispondiElimina
  25. @Max:

    e naturalmente mogli, figli e amanti dovrebbero tutti esser disonesti. Mettiamoci anche i nipoti, gli zii le nonne e gli amici tanto per essere sicuri che il complotto sia mondiale :-)


    Difatti ho detto che prima o poi la verità salirebbe a galla; non confindare troppo su elementi troppo esterni: per quanto ci siano amici attorno a noi...stai certo che non è che a quanto arriva e si fidano anche se sei autorevole...e magari hanno già rapporti di fiducia con il loro medico che li fà sentire più al "sicuro" di te che sei uno "sperimentatore". Magari se gli capita un cancro ad un tuo caro e tu con il tuo rimedio lo guarisci, allora l'amico di prenderebbe più in considerazione...e a sua volta lui poi dovrebbe riportare la cosa ad altri suoi personali amici con i quali potrebbe venirsi a creare il medesimo scetticismo iniziale...soprattutto se il rimedio non sà del "miracoloso!" :)

    Il punto e' che un ricercatore non lavora mai da solo, il che implica assumere che sia l'unico sveglio e capace del suo team o che debba prima pensare a convincere gli altri a tacere.
    No, non regge neanche questo.


    Beh l'ipotesi che se li comprano a tutti profumatamente con i miliardi e il ricercatore assieme il team tace magari tenendosi per sè le scoperte per applicarle per individuale necessità, guadagnando al tempo stesso un tenore di vita completamente trasformato ed elevato, la vedi troppo fuori etica vero ? Eppure di fronte a soldoni..sai quanta gente se la ficca in quel posto l'etica... ? E se non è per soldi...potrebbe anche esser per minacce...sono troppo pessimista vero..? Eppure queste cose non sono bagliori da film ma accadono eccome!!!

    Dobbiamo andare su http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed...

    Chi ti dice che non sia moderato/manipolato/controllato ? Nel senso da cosa bisognerebbe dar credito e autentica autorevolezza a quel portale ? Ho letto cose estremamente contraddittorie fra di loro...chi diceva x su una cosa e poi sulla stessa chi diceva y...e poi anche z...ora...o tutto ciò che è oggetto di forti pareri contrastanti è roba sperimentale e quindi non gli dò in quanto tale nessuna valenza...oppure ognuno "sperimenta" a modi propri e quindi mi ritrovo al punto di partenza! :P

    RispondiElimina
  26. @Davide:
    stai certo che non è che a quanto arriva e si fidano anche se sei autorevole...e magari hanno già rapporti di fiducia con il loro medico che li fà sentire più al "sicuro" di te che sei uno "sperimentatore"
    Francamente non si capisce cosa tu abbia scritto

    Magari se gli capita un cancro ad un tuo caro e tu con il tuo rimedio lo guarisci, allora l'amico di prenderebbe più in considerazione...e a sua volta lui poi dovrebbe riportare la cosa ad altri suoi personali amici con i quali potrebbe venirsi a creare il medesimo scetticismo iniziale...soprattutto se il rimedio non sà del "miracoloso!" :)
    Anche questo periodo mi sembra piuttosto confuso; si potrebbe invece intuire da quel poco che si capisce che lo scetticismo sia verosimilmente piu' correlato al miracolo che ad una ipotetica guarigione, buttata li nel mezzo di una discussione basata su ipotesi, paradigmi e paralleli, ma di di fatto senza nessun fatto concreto.

    Beh l'ipotesi che se li comprano a tutti profumatamente con i miliardi e il ricercatore assieme il team tace magari tenendosi per sè le scoperte per applicarle per individuale necessità è [...]E se non è per soldi...potrebbe anche esser per minacce...sono troppo pessimista vero..?
    No non sei pessimista, forse hai letto troppi romanzi alla moda alla Brown & Crichton :-) Di sicuro non frequenti l'ambiente della ricerca.
    Il che non significa che siano tutti incorruttibili, ma neanche che la maggior parte sia corruttibile e disonesta.

    Chi ti dice che non sia moderato/manipolato/controllato ?
    Queste tue stesse parole:
    Ho letto cose estremamente contraddittorie fra di loro

    RispondiElimina
  27. @ Davide

    Scusami un attimo, ti faccio solo una domanda, visto che tutto quello che hai scritto è praticamente identico a quello già esposto da altri complottisti che sono già passati di qui e ai quali è già stato spiegato che un complotto come quello ipotizzato da voi è semplicemente assurdo e impossibilitato ad esistere. Se davvero esistesse un complotto di Big Pharma volto a nascondere delle cure, perchè questi ciarlatani...ehm, scusa “alternativi” continuano indisturbati a vendere la loro robaccia? Un complotto brutto e cattivo come quello ipotizzato dai complottisti dovrebbe perlomeno far “sparire” questi venditori di cure per tutto, e invece nulla, non solo continuano a turlupinare i disperati, ma guadagnano in alcuni casi cifre da capogiro.

    RispondiElimina
  28. Parlando di medicina seria, vorrei fare un'altra domanda a WeeWee se non è di troppo disturbo. Ieri a Radio City (programma di Radiouno) una ricercatrice italiana che lavora negli USA ha detto che hanno scoperto il gene che scatena il tumore al cervello nei bambini, causato a quanto sembra da cellule staminali che non lavorano come dovrebbero. Quanto si è distanti dal progredire nella cura e nella prevenzione di un tumore quando si scoprono le cause genetiche?

    Inoltre (un pò OT), criticava fortemente il sistema ricarca italiano, che ha costretto lei e suo marito a emigrare, tu cosa ne pensi, da professionista in campo medico?

    RispondiElimina
  29. Sig. Grezzo, mi sembra ingeneroso da parte sua sostenere come robaccia i prodotti medicali che la natura ci offre generosamente, ma sicuramente lei non si riferisce a questo, perchè in caso contrario dovrebbe rivedere seriamente le sue basi di medicina. Io sostengo senza timore di essere smentito della reale efficacia di questi prodotti, che riprendono il posto che compete loro in vece degli abusivi e nocivi prodotti farmaceutici. A chi si riferisce qualificandolo come ciarlatano non ho idea, quello che mi piacerebbe leggere è il dovuto rispetto alla natura. Riguardo la sua posizione rispetto alle aziende farmaceutiche mi sembra che lei pecchi di eccessiva fiducia nei confronti di queste. Naturalmente rispetto la sua opinione in egual maniera di nome vorrei veder rispettata la mia riguardo i prodotti naturali e per assumere questi le garantisco che non ho bisogno dell'aiuto di alcun ciarlatano, non ho alcun bisogno specialmente in questo periodo di assumere unguenti vari e di dubbia produzione chimica per lenire e cuurare le fastidiose punture di zanzare, provi ad usare il gel dell'Aloe e mi dica se è la stessa cosa. La natura non poteva creare prodotto più miracoloso e sentire denigrare queste piante benefiche da chi non sa, non lo posso accettare. E non esiste solo l'Aloe, ma altre migliaia di piante che farebbero riempire il cestino della spazzatura dei prodotti chimici che vi affrettate ad acquistare in farmacia. Il complotto è da parte sua che propone prodotti chimici in alternativa ai prodotti naturali, ed è un messaggio che non deve passare.

    RispondiElimina
  30. @ WeWee
    Ottimo articolo, come sempre, concettualmente inconfutabile ed ineccepibile.

    @ luigipollina
    Sig. Grezzo, mi sembra ingeneroso da parte sua sostenere come robaccia i prodotti medicali che la natura ci offre generosamente, ma sicuramente lei non si riferisce a questo
    [...]
    E non esiste solo l'Aloe, ma altre migliaia di piante che farebbero riempire il cestino della spazzatura dei prodotti chimici che vi affrettate ad acquistare in farmacia.

    Il complotto è da parte sua che propone prodotti chimici in alternativa ai prodotti naturali, ed è un messaggio che non deve passare.

    Non mi sembra che Grezzo abbia denigrato alcunchè nello specifico, se non le trovate comiche dei ciarlatni (di qualunque origine siano) spacciate come terapie efficaci, miracolose e risolutive.
    Cosa mi fa Signor luigipollina... ora mi scade nel complottismo???

    Inoltre, la natura offre moltissime sostanze per curare diverse patologie, molte di queste già studiate e riconosciute dalla scienza ufficiale.
    Alcune possono essere usate così come si trovano in natura, altre sono invece usate come base per la sintesi di altri composti.
    In ogni caso una sostanza efficace, naturale o di sintesi, è comunque un composto chimico, indpendentemente dalla sua origine.
    I veleni più potenti si trovano in proprio in natura, senza bisogno dell'intervento di alcun laboratorio chimico.
    Non esistono sostanze buone o cattive.
    Esistono sostanze che funzionano, la cui efficacia è dimostrata, e sostanze che non funzionano.

    RispondiElimina
  31. @Max:
    Anche questo periodo mi sembra piuttosto confuso; si potrebbe invece intuire da quel poco che si capisce che lo scetticismo sia verosimilmente piu' correlato al miracolo che ad una ipotetica guarigione...

    E' correlato a qualcosa che funziona in modo brillante e che conseguentemente dà prognosi in alta percentuale favorevoli! Perchè il resto nella stragrande maggioranza dei casi - di cui attualmente disponiamo - serve solo a tentare di prolungare la sopravvivenza a 5 anni...e ovviamente dopotutto non è che ciò non sia un progresso o che sia male...!!! Inoltre non frequento l'ambiente della ricerca...ma le basi umane sono sempre le stesse in qualsivoglia settore e producono gli stessi effetti a prescindere dai medesimi.


    Chi ti dice che non sia moderato/manipolato/controllato ?
    Queste tue stesse parole:
    Ho letto cose estremamente contraddittorie fra di loro...


    Appunto...quindi fra tutte quelle contraddizioni chi è in grado di stabilire chi dice stronzate, chi no, chi ha sperimentato in modo attendibile etc...? Solo uno che lavora nel campo! Altrimenti domani vai dal tuo oncologo e ti dice: "Bah..sono tutte frescacce!"...l'indomani un altro...sì sì ci sono alcune evidenze....l'indomani non c'è nessuna evidenza. Certo sulla chemioterapia ci sono evidenze, le stesse che ci sarebbero se io ti dicessi che se ti butti da 200 metri d'altezza ti sfracelli e da un lato è giusto che la scienza e la ricerca faccia appello a questo modello per reputare qualcosa che *funziona*...


    @Grezzo:
    Scusami un attimo, ti faccio solo una domanda, visto che tutto quello che hai scritto è praticamente identico a quello già esposto da altri complottisti che sono già passati di qui e ai quali è già stato spiegato che un complotto come quello ipotizzato da voi è semplicemente assurdo e impossibilitato ad esistere. Se davvero esistesse un complotto di Big Pharma volto a nascondere delle cure, perchè questi ciarlatani...ehm, scusa “alternativi” continuano indisturbati a vendere la loro robaccia?

    Grezzo...l'herbalife perchè continua a vendere quello schifo e tenere in piedi giri di miliardi tutt'ora FIORENTI, con milioni di persone tutte completamente ubriacate e drogate da menzogne e illusioni ?

    Grezzo...quanti tutt'ora continuano a vendere e dovrebbero finire in galera (Telecom & company) e/o quanti PRIMA di finire in galera in rapporto diretto alla loro potenza hanno per decadi fatto l'ultimo schifo senza nessun ostacolo (Parmalat, Cirio e tanti altri...di sicura evidenza) ?

    Grezzo...il complotto per far crollare le torri gemelle in cui sono morte migliaia di persone...era una cosa piccola, un gioco a monopoli da parte di un paio di soggetti ? Chi ha pagato per quel complotto ? Me lo sai dire ? La verità secondo me stà nel mezzo perchè medicina alternativa e medicina ufficiale gravitano anch'essi attorno ai soldi e tendono a calcare la mano nelle loro rispettive direzioni fino a farsi guerre reciproche di notevole spessore. L'una si sente minacciata dall'altra per la buona fede e speranze che tenta di creare nella gente...l'altra si sente minacciata dalla maggiore efficacia dei farmaci nonostante il prezzo da pagare sia più alto in termini di carico fisico...ma non si può avere tutto ovviamente! Entrambe come fù detto all'inizio puntano alla "grana". Inoltre Grezzo...tu lo sai che dà decadi sono state già scoperte fonti di energia alternativa di sicura efficacia e risoluzioni a problemi ecologici *provate realmente* da cui sarebbe possibile - una volta fatto il primo passo - trarre seri giovamenti per la salute e ridurre il fattore inquinamento ?? Perchè tentennano e passano decadi e non prendono iniziative ? Eppure anche loro s'inquinano, l'aria anche loro la respirano..come dice WeWee l'interesse dovrebbe esser comune...solo che attorno a taluni dotati dei maggiori poteri decisionali gira il fattore SOLDI!

    RispondiElimina
  32. E aggiungo...visto che sia è fatto un balzo nel tema dell'ecologia...gli inceneritori..purtroppo abbiamo bisogno di 1 mezzo per smaltire i rifiuti e l'alternativa ad essi di sicuro è lì da qualche parte. Come fà Veronesi a dire che l'influenza dell'incredibile quantità di nano-particelle liberata nell'aria ha incidenza "0" nella genesi del cancro ai polmoni ? Sono appunto dei ricercatori con buona probabilità *seri* che ne hanno dato evidenza...e in tutta risposta...è stata loro messa sotto sequestro tutta la strumentazione a disposizione loro per gli studi (microscopio elettronico a scansione etc..)..e questi SONO FATTI! Ora Veronesi non è un idiota...ma di fronte ai soldi...cos'ha fatto ? Ha incentivato e promosso lo sviluppo degli inceneritori (vedi su sul sito i suoi finanziatori guarda casa chi sono..)...in cambio ha ceduto la sua autorevolezza per cosa...la ricerca!?!? O per lasciare fluire in modo più indisturbato possibile queste metodologie "barbare" visto ormai la loro solida integrazione e il loro business ben edificato, piuttosto che iniziare a spingerci verso nuove opportunità che ci sono eccome...? Certo spingersi verso nuove opportunità richiede costi e notevoli investimenti iniziali...meglio di no! Facciamo dire a Veronesi "0" e proseguiamo così...!

    RispondiElimina
  33. @Davide:
    E' correlato a qualcosa che funziona in modo brillante e che conseguentemente dà prognosi in alta percentuale favorevoli!
    A me sembra che si stia lentamente scviolando in discussioni oziose quanto quelle che riguardano il sesso degli angeli: siamo partiti da un'immaginario ricercatore solitario serio ma disonesto, che fatta la scoperta del secolo la tiene per se e per l'amante e arriviamo ad una terapia che, nonostante sia rimasta confinata all'ambito famigliare, si dimostrerbbe efficace in un'alta percentuale di casi ? Sigh ! Ma quanti famigliari dovrebbe avere codesto immaginario ricecatore nella tua mente ? Perche' capisco che 1 su 2 faccia il 50% tanto quanto 50/100 ma la differenza mi sembra piu' che evidente.

    Perchè il resto nella stragrande maggioranza dei casi - di cui attualmente disponiamo - serve solo a tentare di prolungare la sopravvivenza a 5 anni
    Niente affatto. La faccenda dei 5 anni e' ben diversa: per amor di precisione non si parla di un prolungamento della sopravvivenza a 5 anni, semmai di un aumento della proporzione di sopravviventi a 5 anni.

    Inoltre non frequento l'ambiente della ricerca...ma le basi umane sono sempre le stesse in qualsivoglia settore e producono gli stessi effetti a prescindere dai medesimi!
    Concordo.
    Ma il ragionamento induttivo porta a risultati concreti e non opinabili solo in matematica:
    nel mondo fisico e reale l'aver osservato un fattaccio in un ambiente puo' solo ragionevolemnte indurre alla riflessione che quanto osservato potrebbe accadere in qualsiasi altro contesto, NON che questo sia avvenuto o avverra' per certo.
    Quindi portare esempi concreti, vuoi l'omicidio di Kennedy, vuoi le torri gemelle o qualsivoglia altro di tuo gradimento, non cosituisce prova certa dell'esistenza di un complotto di BigPharma e nella fattispecie in oncologia. Del resto se avessi avuto delle prove non avresti avuto necessita' di portare altri esempi in tal senso.

    quindi fra tutte quelle contraddizioni chi è in grado di stabilire chi dice stronzate, chi no, chi ha sperimentato in modo attendibile etc...? Solo uno che lavora nel campo!
    Si, e non vedo cosa ci sia di strano: certe letture per essere ben comprese presuppongono anni e anni studio.

    Certo sulla chemioterapia ci sono evidenze, le stesse che ci sarebbero se io ti dicessi che se ti butti da 200 metri d'altezza ti sfracelli e da un lato è giusto che la scienza e la ricerca faccia appello a questo modello per reputare qualcosa che *funziona*...
    Prego ? Sara' ma ogni tanto ho la sensazione che butti li un po' a caso cose senza capo ne coda.

    l'herbalife perchè continua a vendere quello schifo e tenere in piedi giri di miliardi tutt'ora FIORENTI, con milioni di persone tutte completamente ubriacate e drogate da menzogne e illusioni
    Elementare Watson: perche' chi si fa abbindolare non ha gli strumenti per comprendere, quindi o mi fido del mio meccanico o mi metto a studiare se non per ripararmi l'auto da solo per distinguere i meccanici dai ciarlatani.

    RispondiElimina
  34. Sig. Byodoc, mi stupisce e non di poco la sua affermazione. E' naturale che la chimica esiste in natura, quello che non esiste in natura è la sintesi. Ho precisato che ognuno di noi è ben libero di prendere una pomata cortisonica per lenire la puntura di un insetto, se lei mi permette ottengo lo stesso effetto in maniera naturale spezzando una foglia di Aloe e spalmando nella parte dolorante il gel. Mi sembra che la differenza non sia solamente nel processo chimico dei due prodotti. Mi stupisce anche il Sig. Max, che assieme al Sig. Davide ed al Sig. Grezzo hanno praticamente distrutto una discussione eccellente come è solito fare il Dott. WeWee. Mi dispiace ma non posso non dimostrare la mia più profonda delusione. Non c'è assolutamente logica in quello che stanno dichiarando, stanno trattando argomenti che oltre ad esulare da quello guida di questa discussione, hanno fatto crollare il livello di professionalità. Ma di cosa stanno discutendo?

    RispondiElimina
  35. Ma se ho malditesta posso prendermi un'aspirina o devo succhiare la corteccia di salice?

    :)

    RispondiElimina
  36. @luigipollina:
    Mi stupisce anche il Sig. Max, che assieme al Sig. Davide ed al Sig. Grezzo hanno praticamente distrutto una discussione eccellente
    A volte ci si lascia prendere la mano dai complottisti, ne convengo: non a caso ho scritto nell'ultimo post che si stava lentamente scivolando in discussioni oziose.

    quello che non esiste in natura è la sintesi
    La sintesi in Natura esiste eccome, ma ovviamente la si chiama bio-sintesi. Se quello che intendeva dire e' che cio' che si sintetizza in laboratorio non e' "naturale" dovremmo allora ripensare al nostro concetto di naturale in relazione, in questo contesto, agli effetti sull'organismo umano.

    se lei mi permette ottengo lo stesso effetto in maniera naturale spezzando una foglia di Aloe e spalmando nella parte dolorante il gel
    Mi sembra che nessuno le abbia contestato la liberta' di scegliere con cosa curarsi ne abbia espresso giudizi di valore in tal senso.

    Mi sembra che la differenza non sia solamente nel processo chimico dei due prodotti
    Due molecole che non appartengono alla stessa classe avranno in generale meccanismi di azione diversi e in generale e' possibile pensare ad effetti collaterali diversi, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Sono dubbioso invece sul fatto che una molecola di sintesi, non esistente in natura o meglio non sintetizzata da organsimo vivente alcuno, debba necessariamente avere piu' e piu' gravi effetti collaterali.
    Francamente non condivido quella filosofia antropocentrica secondo cui la Natura avrebbe in se' tutti i rimedi per i mali dell'uomo.

    RispondiElimina
  37. @Max:

    Niente affatto. La faccenda dei 5 anni e' ben diversa: per amor di precisione non si parla di un prolungamento della sopravvivenza a 5 anni, semmai di un aumento della proporzione di sopravviventi a 5 anni.


    Vivono più persone oltre 5 anni ma poi muoiono lo stesso...beh sì meritevole, meglio 1000 che 10 a 5 anni...

    Quindi portare esempi concreti, vuoi l'omicidio di Kennedy, vuoi le torri gemelle o qualsivoglia altro di tuo gradimento, non cosituisce prova certa dell'esistenza di un complotto di BigPharma e nella fattispecie in oncologia

    Le prove di certi complotti finchè uno stesso non "salta", di certo non verranno ad esporle a te o a me!!! Pertanto qui non si parla di prove...ma di altissime probabilità che dove girino soldi, interessi ed elevati poteri..ci sia *SEMPRE* del marcio...la crisi economica attuale nella quale si è sprofondati al livello internazionale ne costituisce prova suppongo o no ? Non è forse tutta una progressiva corruzione e mancanza di etica che ha prodotto tutto questo alla radice ? E mi sembra irragionevole pensare che in tutto questo (e leviamo stò Big-Pharma per favore perchè il mio discorso è generale) l'ambito della ricerca e il settore farmaceutico abbiamo mantenuto la loro "etica" professionale e umanitaria?
    Sia chiaro: io non ho prova attuale tangibile di nessun complotto...ma nell'osservazione di particolari accadimenti nelle cui motivazioni trovo un denominatore comune - banalmente deducibile - di natura economica e monopolistica, diventa facile ascriverlo a tutti quegli ambiti di cui interessi si muovano esattamente in tal senso in similari proporzioni (SOLDONI!). Detto in 2 parole: dove girano troppi soldi a prescindere dall'ignoranza o meno delle masse non può non esistere il complotto, in qualunque luogo, con qualasiasi individuo in qualsivoglia maniera...e la causa di tutto questo si chiama *mafia* di cui forza assoluta e impareggiabile è quella di eliminare rapidamente e direttamente i problemi alla radice: "uccidere"; e dove ci sono soldi e potere non può non esserci mafia.--->

    RispondiElimina
  38. @Max:

    Elementare Watson: perche' chi si fa abbindolare non ha gli strumenti per comprendere, quindi o mi fido del mio meccanico o mi metto a studiare se non per ripararmi l'auto da solo per distinguere i meccanici dai ciarlatani.


    a) Quindi chi non ha gli strumenti - e sono sempre i più guarda caso - consente a questi imbroglioni di rimaner sempre attivi più o meno sulla cresta dell'onda giusto o no ??? Se è giusto..non trovi sia un fenomeno diffuso e la sua natura che lo origina sia facilmente ascrivibile a quasi ogni ambito ? (Risposta a "Grezzo" in particolare...)

    b) E chi possiede gli strumenti ? Coloro che sono dell'ambito..ok e noi ? Di chi dobbiamo fidarci ? Dobbiamo metterci ad approfondire la chimica, medicina, informatica..etc.. ?

    Prego ? Sara' ma ogni tanto ho la sensazione che butti li un po' a caso cose senza capo ne coda.


    Può darsi, non tutti godono della tua perfezione :D. Eppure il concetto è semplice: la metafora dei "200" metri indicava che soltanto ciò che ha ripetività nella sua causa/effetto e si mantiene costante o oscilla per cause sempre previste anche se non controllabili perfettamente, viene scientificamente accettato. Se 3 su 6 ricercatori pubblicano su pubmed gli effetti di una determinata molecola x inibiscano l'enzima y etc...mentre il restante dice il contrario, la verità soltanto un esperto può saperla (anche 3 su 30-40 o rapporti diversi...ad esempio, più persone credono statisticamente in dio rispetto a quelle che non ci credono e ciò non significa che dio esista!); le masse che s'informano quindi, che non sono ricercatori sono nelle mani di chi? Della fortuna in 2 parole! Perchè anche gli oncologi hanno pareri personali e non tutti parlano per esperienze dirette e prove tangibili. Io non ho potuto mai osservare gli effetti ad esempio dell'epigallocatechina 3 - gallato presente nel tè verde; su pubmed e oltre se ne parla...c'è chi ha fatto esperimenti bla bla bla...ora con quale attendibilità posso riusciare a capire se questo polifenolo agisce davvero o no ? Devo diventare un biochimico e trovare lavoro in qualche laboratorio di ricerca altrimenti mi attacco al tram ? :D

    RispondiElimina
  39. Sig. Max, la ringrazio per il Suo intervento. E le rispondo con molto piacere. E' ovvio che quando parlo di sintesi mi riferisco a quanto l'uomo è capace di imitare e superare all'interno di un laboratorio. Quando parlo di effetti collaterali, non mi riferisco alle allergie od anche allo shock anafilattico che può provocare un prodotto naturale. L'effetto collaterale più grave in quelli artificiali è la dipendenza, quanti non riescono più a curare un normale mal di testa assumendo un'Aspirina e ricorrono all'Aulin o preferiscono quest'ultimo perchè più efficace, quanti farmaci richiedono l'assunzione di altri farmaci per curare gli effetti collaterali dei primi (vedi i cortisoni). La Natura ha tutti i rimedi per le malattie naturali. Non sto sostenendo che la natura è in grado di curare le malattie degenerative, magari lo fosse, la morte fa parte del processo naturale ed è l'ultimo nella vita dell'uomo. Questo discorso lo deve valutare da un punto di vista generale, non mi deve andare sul particolare, per malattie naturali deve intendere tutte quelle che possiamo giudicare non gravi e dove non è indispensabile l'intervento del chimico, dove la natura non può deve intervenire l'uomo, ma non per questo bisogna costruire il malato, è impressionante il numero di farmaci che troviamo inutilmente nelle case di tutti noi. Allontanarsi dalla natura come stiamo facendo, rende normale che un bovino possa mangiare farine animali ed essere imbottito di robaccie (queste si) chimiche. Adesso anche per rispetto del Dott. WeWee gradirei non ricevere una replica a quanto esposto, perchè è il mio pensiero ed anche io esponendolo non sto rispettando l'argomento principe che è stato aperto, portando la discussione su altri lidi.

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. E dimenticavo: Se si riescono a insabbiare stragi così esplicite e tutt'altro che subdole in cui nessuno poi paga i "danni"...figuriamoci quelle più sottili e occulte che l'industria farmaceutica (e anche dei rimedi alternativi sia chiaro) in modo direttamente proporzionale all'ignoranza delle masse - che ripeto costituisce la fetta mooooolto più grossa - può edificare ! Inoltre...ti sembra ragionevole che un Veronesi (e mi chiedo come mai non hai commentato questa cosa) che è conosciuto in tutto il mondo..che ha cattedra etc...arrivi a dire un cosa così assurda ??? Me la chiami etica professionale e umanitaria questa ?

    RispondiElimina
  42. @Davide:
    Vivono più persone oltre 5 anni ma poi muoiono lo stesso...beh sì meritevole, meglio 1000 che 10 a 5 anni...
    Be' certo prima o poi si muore tutti: mai visto curve di sopravvivenza che avessero come asintoto orizzontale un valore superiore a zero. Almeno su questo pianeta.
    E se un trattamento aumenta la proporzione dei sopravviventi a 5 anni significa che piu' persone hanno vissuto almeno 5 anni. Mi pare lapalissiano e confortante.
    Al resto non ti rispondo neanche per non scadere nelle solite trite, barbose ed inutili discussioni.
    ps: non so perche' mi ricordi un certo Antonello..

    RispondiElimina
  43. @ luigipollina

    Le ha già risposto esaustivamente max(L) riguardo il suo post di replica.
    Lei è liberissimo di utilizzare ciò che più le piace quando e se punto da una zanzara.
    Personalmente quando mi punge una zanzara non utilizzo nulla di nulla, aspetto solo che il prurito passi, un pò di umana sopportazione ogni tanto ci vuole.

    L'effetto collaterale più grave in quelli artificiali è la dipendenza, quanti non riescono più a curare un normale mal di testa assumendo un'Aspirina e ricorrono all'Aulin o preferiscono quest'ultimo perchè più efficace, quanti farmaci richiedono l'assunzione di altri farmaci per curare gli effetti collaterali dei primi (vedi i cortisoni).
    La dipendenza è un fenomeno psico/biologico tipica degli animali.
    Se una sostanza o un farmaco o un qualsiasi altro prodotto non funzionano stia pur certo che non si innescherà alcuna dipendenza.
    Ma di questo la colpa non è certo dei medici o delle industrie farmaceutiche, bensì dell'uomo che non tollera più il minimo disagio.
    Comunque la dipendenza (psicologica) riguarda solo certe classi di farmaci, e nemmeno i prodotti naturali ne sono immuni (basta crederci), e non è certo innescata dai farmaci stessi.

    La Natura ha tutti i rimedi per le malattie naturali. Non sto sostenendo che la natura è in grado di curare le malattie degenerative, magari lo fosse, la morte fa parte del processo naturale ed è l'ultimo nella vita dell'uomo.

    Questo discorso lo deve valutare da un punto di vista generale, non mi deve andare sul particolare, per malattie naturali deve intendere tutte quelle che possiamo giudicare non gravi e dove non è indispensabile l'intervento del chimico, dove la natura non può deve intervenire l'uomo, ma non per questo bisogna costruire il malato, è impressionante il numero di farmaci che troviamo inutilmente nelle case di tutti noi
    Non ho capito... la Natura ha o non ha tutti i rimedi per le malattie allora... ???...
    Forse voleva dire che per talune patologie si potrebbe ricorrere a prodotti naturali piuttosto che "chimici"?
    Le è già stato risposto, nessuna differenza fra un prodotto "naturale" ed uno di sintesi.
    A molecole diverse (indipendentemente dall'origine) corrispondono azioni diverse.

    Allontanarsi dalla natura come stiamo facendo, rende normale che un bovino possa mangiare farine animali ed essere imbottito di robaccie (queste si) chimiche.
    Sono d'accordo.
    Volendo c'è un'alternativa anche a questo: morire di fame (vuoi per mancanza di cibo, vuoi per i costi esagerati dell'agrozootecnia-bio).

    RispondiElimina
  44. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  45. @Max:

    Ho adesso io una vaga impressione che tu risponda soltanto ai lidi di quello che ti conviene rispondere sinceramente...:) ora te ne esci con il vento di terra dicendo di evitare di scadere nelle inutili discussioni ? O Forse in merito agli ultimi sviluppi non sai cosa dire ? Di Veronesi non mi dici nulla ah ? Una figura così autorevole in termini di salute e prevenzione che promuove senza aver fatto nessun tipo di ricerca sulla cosa fra l'altro, l'uso degli inceneritori affermando che non causano nessun danno alla salute? Se arriva lui fino a tanto, immagino gli altri !!! E anche questa è filosofia astratta, ove gli effetti deleteri delle nano-particelle sono ormai letteratura scientifica ben consolidata e tangibile? Sarebbe bastato che dicesse che hanno un incidenza...anche minima ok...ma venir a dir "0" fra l'altro senza prove alla mano!! E anche questo è un ideale da fiaba ovvero pensare che una così azzardata affermazione da parte sua non sia sospettosa di un interesse ?

    Tanto per restare in tema visto che "pubmed" viene diciamo reputato autorevole...ti lascio un riferimento

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19093270?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

    A confronto cerca qualcosa sul tema stilata da Veronesi & co...! Vedrai che non c'è un tubo! E dice "0"!

    Qualcuno anzi mi scrisse:

    peccato che Sabin sia già morto, altrimenti sarebbe divertente invitarti a ripetere quello che hai scritto in faccia a lui.


    Aahahahaa..sarebbe anche divertente se Sabin avesse preso visione di questa storia sulle nanopatologie e il nostro prof. Veronesi!

    A volte ci si lascia prendere la mano dai complottisti, ne convengo: non a caso ho scritto nell'ultimo post che si stava lentamente scivolando in discussioni oziose.


    Si stavano confrontando delle tematiche interessanti ... invece dall'alto della tua "onniscenza" ed esperienza attraverso la quale fra l'altro stai commentando solo ciò che ti conviene, mi dai del "complottista" solo perchè rivendico il forte sospetto dell'esistenza di solide cospirazioni all'interno di questo settore e l'indice della sua pericolosità, come tanti altri del resto. Difatti nei punti in cui ti ho mostrato la mia motivazione in modo dettagliato e ragionevole hai iniziato a fare passi a ritroso oltre che non commentare completamente il discorso Veronesi postato per ben 3 volte.

    nel mondo fisico e reale l'aver osservato un fattaccio in un ambiente puo' solo ragionevolemnte indurre alla riflessione che quanto osservato potrebbe accadere in qualsiasi altro contesto, NON che questo sia avvenuto o avverra' per certo.


    Rileggi la mia domanda originaria con più attenzione e vedrai che la mia era una richiesta di confrontare e valutare altri pareri riguardo la tematica "complotto" e affinare possibilmente la mia comprensione piuttosto che portare prove!!! Quindi il ragionamento induttivo era rivolto a valutare probabilità e possibilità e fare eventuali possibili esclusioni che tavolta possono esser fatte anche non solo in matematica...altrimenti...le tue asserzioni "No.non regge affatto." ti contraddirebbero decisamente.

    ps: non so perche' mi ricordi un certo Antonello..

    Non lo conosco mi spiace...e scommetto che non mi perdo nulla vero ? :P

    RispondiElimina
  46. @Davide:
    Si stavano confrontando delle tematiche interessanti ...
    Personalmente trovo scarsamente interessante il complottismo spinto, non tutti si appassionano agli stessi argomenti. Piu' oggettivamente invece trovo l'argomento decisamente OT.

    invece dall'alto della tua "onniscenza" ed esperienza attraverso la quale fra l'altro stai commentando solo ciò che ti conviene
    Piu' che altro commento cio' che:
    a) conosco meglio
    b) mi interessa di piu'
    c) quello che riesco scegliendo tra a) e b)
    dagli infiniti romanzi che scrivi nel
    tempo che decido di dedicare alle mie
    risposte.
    In sintesi se ancora non l'hai capito non sono interessato a coninuare, qui, la discussione per i motivi test' detti.
    ps: non so perche' mi ricordi un certo Antonello..
    Non lo conosco mi spiace...e scommetto che non mi perdo nulla vero ? :P

    No, non ti perdi nulla.

    RispondiElimina
  47. @Max:

    Piu' che altro commento cio' che:
    a) conosco meglio
    b) mi interessa di piu'
    c) quello che riesco scegliendo tra a) e b)
    dagli infiniti romanzi che scrivi nel
    tempo che decido di dedicare alle mie
    risposte.


    Che guarda caso corrispondono ad aspetti in cui puoi introdurre elementi che possono avvalorare le tue tesi :)

    RispondiElimina
  48. Davide, il motivo per cui ricordi Antonello è che dici le stesse cose e con lo stesso tono. max(L) e altri hanno già risposto centinaia di volte a tutte le questioni riguardanti cure alternative, naturali, complotti, big pharma e altro, penso che ormai siano stufi di ripetere sempre le stesse cose. Se ti interessano le risposte, prova a dare un'occhiata ai post precedenti in cui si è andati avanti con centinaia di commenti

    RispondiElimina
  49. I complotti non esistono... bla, bla, bla.
    I complotti non sono mai stati provati... bla, bla, bla.
    Non si potrebbero mai mettere d'accordo così tante persone... bla, bla, bla.
    Farebbero del male anche a se stessi... bla, bla, bla.

    I complotti esistono in tutti i campi. Vorrete mica che il settore medico sia escluso vero?
    Nel corso degli anni li avete visti tutti ma vi siete forse limitati a pensare si trattasse di isolate mele marce?

    Rai3 ne ha messi insieme alcuni seguendo una specifica tematica ovvero:
    "Gli inventori di malattie".

    Qui lo streaming dalla rai
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-2d46eae7-7cab-4a04-a354-be9b1e43ef3f.html?p=0

    Qui le 5 parti su youtube.

    http://www.youtube.com/watch?v=W3D-P_rA4fM
    http://www.youtube.com/watch?v=GhhG_YW75UY&feature=channel
    http://www.youtube.com/watch?v=Deco6eYaqjY&feature=channel
    http://www.youtube.com/watch?v=Bw4j716SJp0&feature=channel
    http://www.youtube.com/watch?v=d_57ToGzZJA&feature=channel

    Non c'è peggior cieco di chi non voglia vedere. Per gli altri le prove abbondano in ogni dove.

    RispondiElimina
  50. XGrezzo

    Parli di me? Guarda che tu non esisti quindi pulisciti la bocca!

    E poi chi sei tu? Tu non mi ricordi nessuno!

    Quali sono le risposte le vostre?

    XDavide

    Guarda che parlare con questi è tempo perso, mi hanno preso in giro sostenendo un sacco di fregnacce ed io ci stavo pure cascando.

    Se cerchi chi ti ascolta rivolgiti altrove.

    Non dare loro la possibilità di dialogare e lasciali a masturbarsi mentalmente tra di loro, tra poco ti dicono che la chemioterapia fa solamente bene, io ho aggiunto altri tre morti per chemio alla mia già lunghissima lista.

    Quello che sanno solamente fare è insultare e dare dell'idiota a chi la pensa diversamente da loro, avevo deciso di non cagarli più, però non possono dimenticare il mio nome, gli mancherò sicuramente!

    Leggerli è divertente, magari ci credono veramente in quello che hanno imparato sui libri di Big Pharma!

    E pensare che volevo cercare di capirli e capire perchè sostengono cose assurde!

    RispondiElimina
  51. Daniele, come ogni buon complottista che si rispetti, ti attieni al copione "tutti sono imbecilli e ignoranti, io solo sono il depositario della verità". Molto divertente, ti è mai venuto in mente che invece siete voi che vedete complotti dappertutto a prendere dei giganteschi abbagli?

    RispondiElimina
  52. E com'era prevedibile, ecco che spunta di nuovo Antonello, che pensa di avere potere di far zittire le voci a lui contrarie e pensa di mettere soggezione. Mi scusi se l'ho nominata, sua maestà!

    RispondiElimina
  53. @Grezzo:

    Ok sì ho capito ma a me interessa confrontare una mia opinione decorata degli elementi determinati dal mio solo ed unico pensiero principalmente; poi certo magari ci sono domande affini e siffatte risposte e vanno bene. Se siete stufi, visto che qui nessuno deve favori a nessuno semplicemente non replicate...è semplice; nessuno con un minimo di buon senso vi potrà mai rimproverare di questo...restando fermo il fatto che ognuno ha il diritto di fare come gli pare, ritengo che tuttavia non è molto edificante entrare caldamente nel tema e poi ritrarsi commentandolo in modo imparziale fra l'altro classificandomi "complottista" solo perchè ho forti sospetti sulle istituzioni della ricerca farmaceutica.

    Solo un ebete vede il male dove non ci stà e fra dire "complottista" e dire "ebete" non c'è poi un così elevato divario. Poi con i tempi che corrono e con quello che ci circonda è molto opinabile a mio parere il fatto di non aver sospetti in merito; magari alcuni sì, saranno esasperati ma la base da cui parto tuttavia non mi sembra esser poi così fiabesca. Difatti...non ha proprio senso scrivere:

    nel mondo fisico e reale l'aver osservato un fattaccio in un ambiente puo' solo ragionevolemnte indurre alla riflessione che quanto osservato potrebbe accadere in qualsiasi altro contesto, NON che questo sia avvenuto o avverra' per certo.


    E' inutile retorica perchè si stanno discutendo solo gli elementi e le potenziali ragioni che - in mancanza di prove di qualsiasi natura incontrovertibili - potrebbero incrementare o decrementare la probabilità che questo sia accaduto, accade o accadrà. E' lecito o no avere dei consistenti sospetti in un tessuto sociale configurato oggigiorno con fortissime dosi di corruzione e amoralità (quale causa prima della crisi in cui ci troviamo) e volerne approfondire le motivazioni per farne un eventuale "aggiornamento" ? Significa esser "complottisti" il voler passare al vaglio ogni variabile per ottenere una più affine considerazione riguardo alla cosa grazie al confronto e alla stesura di quanti più elementi possibili? Io ho sempre ammirato chi si pone 1000 domande perfino spingendosi quasi fino all'assurdo...ed ho sempre diffidato da chi non se ne pone affatto o qualcuna.
    :)

    RispondiElimina
  54. XGrezzo

    Ecco bravo non nominarmi.

    Fatemi divertire a leggere i vostri proclami.

    Ma poi non vi annoiate sempre la stessa minestra....

    Veronesi è un ladro, no il ladro è Simoncini.

    Il cancro è una cellula impazzita, no il cancro è la candida.

    La chemio fa schifo, no fa schifo l'ARPC.

    Ma fatelo per WeWee che si ammazza la vita a scrivere dei piccoli capolavori e voi rovinate tutto con le solite cazzate.

    A voi piace la rissa! Ma allora parlate di calcio, lasciate stare gli argomenti seri.

    RispondiElimina
  55. Avete evocato antonello ed e' ricomparso. Ho visto che adesso il suo profilo lo nasconde il nostro antonello o rita.scarpelli

    RispondiElimina
  56. Spezzo una lancia a favore di Davide ,secondo me non è un complottista ,magari è un pò aggressivo a porre domande ,che però hanno un valido fondamento e credo di aver capito che lui si riferisca al penoso problema del nepotismo universitario ,del quale tutti noi paghiamo le conseguenze indirettamente , vedendo rallentati o non considerati sufficientemente, gli studi di parecchi ricercatori italiani, sottopagati e umiliati professionalmente dal sistema non meritocratico .

    questi sono esempi "dolorosi" :

    http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=21039

    http://www.youtube.com/watch?v=56MDkqcQlV8


    Mi sbaglio Davide?

    scusate se ho ripreso l'O.T

    RispondiElimina
  57. @Antonello:

    tra poco ti dicono che la chemioterapia fa solamente bene, io ho aggiunto altri tre morti per chemio alla mia già lunghissima lista.


    Antonello...la chemio non te lo diranno che fà bene però vedi..non te lo dirà nessuno...ma senza di essa semplicemente muori prima e distruggi *A PRIORI* la possibilità di un salvezza *totale*. Al momento non c'è di meglio...sempre meglio che morire...il mio discorso non era cmq per screditare la validità della chemio e simili...io parlavo di altro...di certo a tumore attivo...ci metti il bicarbonato sopra ? O la B17 ? O la graviola per bloccare l'angiogenesi ? Non blocchi proprio un tubo. Tutti i rimedi naturali possono solo far bene al corpo per ridurre l'ossidazione e consentire un più "armonioso" ricambio cellulare...quindi una parola: incrementare la prevenzione. I polifenoli abbassano il rischio di contrarre un cancro come le nitrosamine lo innalzano. Ma ciò non dà garanzia assoluta di niente. Ci sono miriadi di altri fattori, concause e interazioni nella genesi di un cancro.

    Una via di mezzo sarebbe giusto avere secondo me..la verità cmq stà nel mezzo ed è vero...ma alla larga coloro che promettono miracoli.
    :)

    RispondiElimina
  58. Davide
    Ok, ma il tuo "solo e unico pensiero" come dici tu, non è tanto "solo e unico", e rientra perfettamente nei canoni del complottista, se non ti definisci tale, hai comunque molti punti in comune con loro. Le 1000 domande se le pone chiunque, insieme a miliardi di dubbi, e questo è uno degli errori più ricorrenti nel tuo pensiero filosofico, ovvero il credere che gli altri abbiano solo certezze e che non approfondiscano. E' completamente errato come ragionamento, e ti pone in una situazione non proprio simpatica di dare dell'idiota al tuo interlocutore, altra cosa comune nel pensiero complottista. Ma la differenza tra te e altri in questo blog è piuttosto semplice: tu ti fai mille domande (pur se esposte come certezze quasi assunte a verità) ma non vuoi le risposte che contrastano con le tue convinzioni. E, ennesimo punto in comune con i complottisti, non accetti una risposta diversa da quella che ormai hai identificato come verità assoluta, e che si basa invece su sole supposizioni basate su ragionamenti iperbolici che portano a conclusioni solo in apparenza logiche.

    @Antonello, all'asilo qui vicino c'è gente più matura di te, impara da loro.

    RispondiElimina
  59. XDavide

    ah! Ho capito, i polifenoli, certo come ho fatto a non pensarci prima, e dire che li avevamo sotto gli occhi....

    La prevenzione, come no! Ma poi è impossibile morire senza chemio, che fa scherziamo? e ci rinunciamo così....

    Adesso è completa, mancavano i polifenoli...

    Ti resta solo di metterti d'accordo, per loro tutto fa venire il cancro, ma figurati se non siamo più che disposti ad accettare i polifenoli...

    Spiegami cosa vuoi fermare se la discussione è ha livello genetico, ti conviene seguire i discorsi di questi illustrissimi dottori, dire polifenoli o bicarbonato è la stessa ed identica cosa, non fai nulla con il primo e nemmeno con il secondo, abbiamo a che fare con una cellula incazzata, non lo avevi capito? e quella se ne sbatte, pensa solo a replicarsi! Quindi gli puoi mettere tutti i polifenoli che vuoi, anzi ci brinderà sicuramente.

    RispondiElimina
  60. @Simonetta:

    Sì certo si aggancia anche a quello ciò che dico è una conseguenza delle mie "paranoie"...:)

    Qualsiasi cosa sia rivolta alla prevenzione e sia accessibile in modo agile e basso costo, rappresenta incontrovertibilmente una minaccia al guadagno della lobby farmaceutica. Inoltre una persona disperata che stà male è più "sciacallabile", ovvero puoi spillargli più soldi perchè è disperata...si vorrebbe forse negare questo ? :)

    In Italia...qualcuno è riuscito a monopolizzare l'informazione su 60 milioni di italiani e a insabbiare tutto di più. Certo nel caso si abbia un interesse comune le cose sarebbero diverse...ma i nostri interessi non sono comuni se tizio x mira a prevenire e tizio y a curare: per curare ci vogliono i farmaci e il fattore più o meno presente "sofferenza" rafforza lo slancio alla disponibilità economica; per prevenire potrebbero volerci pure i farmaci ma qualora non ci possa essere un introito economico considerevole - rafforzato ripeto dal parametro "sofferenza" di chi stà male - il prevenire diventa il "cancro" dell'industria farmaceutica.

    Dove girano grossi soldi...ma tanti...c'è sempre una cospirazione...oggi più che mai..guardiamoci attorno :)

    P.S: Simonetta...è la mafia che crea cospirazione...quello che tu dici è una conseguenza della mafia...e ripeto: ricettacolo di TANTI SOLDI E PROFITTI NEL MODO PIU' FACILE E VELOCE POSSIBILE = FORTE ATTRAZIONE PER LA MAFIA.

    RispondiElimina
  61. XTutti

    Già mi sono pentito di essere entrato in questo sito di sfigati, davide ti auguro una buona permanenza sei molto adatto a loro (non è un complimento!).

    Ma che discorsi del cazzo......

    Ma perchè non lo chiudete sto sito? avete raggiunto i livelli più bassi su internet!

    "è la mafia che crea cospirazione...quello che tu dici è una conseguenza della mafia...e ripeto: ricettacolo di TANTI SOLDI E PROFITTI NEL MODO PIU' FACILE E VELOCE POSSIBILE = FORTE ATTRAZIONE PER LA MAFIA."

    Ma vi prende per il culo?

    Adesso questo tira in ballo Berlusconi.....

    onestamente in un sito che ha le pretese di parlare di cancro.....

    Ma non avete campi da coltivare, può darsi che vi riesca meglio!

    RispondiElimina
  62. @Antonello
    "avete raggiunto i livelli più bassi"

    Mai quanto un troll della tua risma, che si mette in silenzio continuando a monitorare il sito che odia tanto in attesa di potervi tornare nonappena il suo nick viene nuovamente tirato in ballo. Classico comportamento paranoico fanciullesco.

    RispondiElimina
  63. antonello ha detto...
    XTutti

    Ma non avete campi da coltivare, può darsi che vi riesca meglio!



    ci faccio un pensierino ,se sei te l'asino che tira il carretto.
    ;-)

    RispondiElimina
  64. @Antroll: cosa sono i polifenoli?

    RispondiElimina
  65. XGiuliano

    mi stupisci, non sai cosa sono i polifenoli?

    Ma la cura del cancro! E cosa sennò?

    RispondiElimina
  66. @nonricordochihanominatolaB17: la vitamina B17 non è una vitamina (le quali hanno la caratteristica di essere essenziali, ovvero non poter essere sintetizzate, salvo eccezioni, dall'organismo, e di essere utili all'organismo stesso), perché non solo non è utile (né essenziale) ma è addirittura velenosa. Occhio ai semi di mela e tutti gli altri semi che la contengono (ben pubblicizzati da chi questa cosa la promuove)!

    RispondiElimina
  67. @antroll: io so cosa sono i polifenoli. Tu?

    RispondiElimina
  68. XSimonetta

    Non si lascia una bella donna senza risposta.

    Ma li hai letti i post? E li reputi degni del Topic aperto da WeWee?

    Le solite cazzate sui complotti e stavolta siete riusciti a farci entrare le Torri Gemelle, ma Davide chi è un Mazzucchiano?

    RispondiElimina
  69. XGiuliano

    Mi dispiace per te ma io credo che il cancro sia generato da una mutazione e dalla replicazione infinita di una cellula impazzita, quindi i tuoi polifenoli sono buoni solo per farci la birra.

    Oppure li puoi usare come antiruggine.

    La nostra speranza è tutta nella ingegneria genetica e nella nanotecnologia, quindi non venite a raccontare balle con gli antiossidanti perchè a livello preventivo non possono fare nulla contro una cellula incazzata.

    La vitamina B17 non è vero che è velenosa io mangio quotidianamente 2 semi di albicocca, 1 di pesca ed 2 di limone (non c'entrano nulla però mi piacciono). Solo se eccedete nella quantità può essere mortale, lo avevo detto ad un mio amico ma oramai era troppo tardi.

    XGrezzo di nome e di fatto

    Quale è l'asilo che frequenti?

    RispondiElimina
  70. XSimonetta

    "ciao caro/a ,stammi bene"

    Se stai parlando con me sono un caro.

    Riguardo la tua bellezza mi è stato riferito così e non ho motivo di dubitarne, perchè lo sei anche nella maniera di esprimerti!

    Oserei dire poetica....

    E poi adoro le donne di carattere, ne sono rimaste ben poche....!

    RispondiElimina
  71. @antroll: la B17 sviluppa acido cianidrico. Sai cos'è?

    Sai cosa sono i polifenoli?

    Sono due domande molto semplici, basta dire sì o no. Una volta risposto a queste due domande possiamo imbastire una discussione al livello culturale più idoneo.

    Ma prima rispondi. Sai cos'è l'acido cianidrico? Sai cosa sono i polifenoli?

    RispondiElimina
  72. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  73. XGiuliano


    Ma che discussione vuoi aprire su questi?

    La vitamina B17 o volgarmente identificabile con il cianuro ha fornito ottimi risultati in vitro sulle cellule cancerogene, ma a quanto pare sull'individuo le cose vanno diversamente.

    Una leggenda metropolitana vuole che lo stesso Presidente Reagan ha avuto modo di sperimentare su se stesso gli effetti di questa impropria vitamina.

    Hai prove di guarigione avvenute con la B17?

    Riguardo i polifenoli sono molecole ricche di sostanze antiossidanti e sono presenti in natura in moltissimi alimenti di uso quotidiano.

    Praticamente se stiamo dietro a tutte le cazzate che ci raccontano non dovrebbe esserci un solo malato di cancro in circolazione, basterebbe assumere Vitamina C in quantità, mangiare uva rossa, mais, avena, paglia e fieno e chi più ne ha più ne metta ed il problema è risolto.

    In realtà cosa accade?

    sia i morti che i nuovi malati di cancro sono in crescita e per il futuro le cose andranno peggio.

    Giuliano rassegnati, il cancro è una cellula mutata forse staminale ed impazzita, quindi tutte le cazzate che vorrebbero farti credere gli alternativi sono appunto cazzate.

    Se poi non vuoi credermi non posso farci nulla, ma la realtà è questa.

    Il cancro è il frutto di una cellula incazzata che agisce replicando se stessa all'infinito e niente e nessuno può interferire su questo.

    Solo la genetica può venirci in aiuto.

    Ma poi perchè chiedi a me della B17 e dell'uva?

    RispondiElimina
  74. @antroll: guarda, prima di tutto che la B17 e i polifenoli curino il cancro io non l'ho mai detto. Ti ho chiesto se conoscevi queste due cose, visto che per entrambe hai esposto i tuoi pensieri. Credo, da quello che ho letto, che nella tua mente sia chiaro il concetto di "cianuro" e di antiossidante, e sono contento per te se sei convinto che la cellula cancerosa è una cellula impazzita, perché non è altro. Però, caro (decido di chiamarti caro, caro/a mi rompe un po' e io ti ho letto solo come antonello), devi renderti conto che se non hai alcuna base di biochimica o di biologia molecolare è ovvio che tu non capisca cosa c'entrino gli antiossidanti col cancro.

    Te lo chiedo, prima di scriverlo: ti va se ti spiego il collegamento tra antiossidanti e cancro? Così almeno non sei costretto a leggere chilometri di commento, se non vuoi.

    Seconda domanda: ti va se ti spiego perché la genetica è importante ma non l'unica strada?

    Terza domanda: ma perché sei convinto che io cerchi di far passare le tesi alternative quando, almeno in questo post, non ho preso le parti di nessuno (e comunque mai ho preso le parti degli alternativi)?

    RispondiElimina
  75. Non date corda al troll, ignoratelo, a parlare solo con se stesso vedrete che si stancherà

    RispondiElimina
  76. @The Foe-Hammer: hai ragione, ma vedo che alcune cose le sa, magari si riesce a farlo ragionare, magari mi sbaglio a chiamarlo antroll, ho ancora fiducia nel genere umano

    RispondiElimina
  77. Con un click abilito la moderazione.
    Così poi si può dire a ragione che pubblico solo ciò che voglio.

    Io in realtà vorrei solo educazione, se possibile.

    Ultimo avvertimento.

    RispondiElimina
  78. XGiuliano

    ho fatto tanta fatica a convicermi che in realtà la candida potrebbe essere una causa di cancro ma non il cancro.

    Che la vitamina B17 non può fermare la crescita del cancro;

    Che gli antiossidanti possono fare tante cose per il nostro organismo, ma non impedire la formazione del cancro;

    Che specialmente in base alle ultime novità può sussistere la fondatezza della cellula impazzita specialmente se staminale;

    ora arrivi tu e mi vuoi dire che gli antiossidanti possono.... ma che cosa se il problema è in una cellula che muta e che se muta lo fa a prescindere gli antiossidanti!

    E' un problema genetico, ci avete tritato nell'affermarlo ed adesso mi stai dicendo che la Vitamina C o i polifenoli possono fare qualcosa....

    Ma sei Giuliano veramente?

    La genetica non è l'unica strada? E l'altra quale sarebbe la nanotecnologia? e praticamente non possiamo identificarle nella voce genetica? L'una dipende dall'altra!

    Comunque spiega anche per gli altri cosa potrebbe fare un antiossidante nei confronti di una cellula mutata (secondo me nulla!) a meno che non sia una tua personale interpretazione, ed allora la cosa potrebbe essere veramente interessante.

    A te la parola Giuliano!

    RispondiElimina
  79. @Antonello:

    Io non conosco le tue precedenti rimostranze e punti di vista: pertanto vedo soltanto 1 solo prono alla critica, che non motiva interessato solo a sputare addosso ai punti di vista altrui...come diciamo nel mio ambito: "Motivazioni...o didn't happen.". E tu non motivi un tubo..o perchè non ne hai i numeri o perchè - appoggio Grezzo:

    Classico comportamento paranoico fanciullesco.

    Inoltre:

    Ma fatelo per WeWee che si ammazza la vita a scrivere dei piccoli capolavori e voi rovinate tutto con le solite cazzate

    Dibattersi e confrontarsi su tematiche di questo tipo non rendono giustizia agli sforzi del dott. WeWee.. ? Oppure sparare alla cieca e operare critiche senza neppure motivarle è più consono ad un insulto al suo operato ?

    Chiudo... a te l'ultima parola Antonello..sono convinto che ci tieni tanto e complimenti per il modo con cui ti sei fatto conoscere in modo talmente rapido...e pensare che qualcuno mi ha paragonato a te...accidenti non ti sembra il pari di una vera e propria bestemmia ? :)

    @Grezzo:

    Ok, ma il tuo "solo e unico pensiero" come dici tu, non è tanto "solo e unico", e rientra perfettamente nei canoni del complottista, se non ti definisci tale, hai comunque molti punti in comune con loro

    Accidenti Grezzo...ti sei perfino creato una categoria di riferimento certo che avrai un bel da fare eh per aver il tempo di fare queste "archiviazioni" :)

    . Le 1000 domande se le pone chiunque, insieme a miliardi di dubbi, e questo è uno degli errori più ricorrenti nel tuo pensiero filosofico, ovvero il credere che gli altri abbiano solo certezze e che non approfondiscano. E' completamente errato come ragionamento, e ti pone in una situazione non proprio simpatica di dare dell'idiota al tuo interlocutore, altra cosa comune nel pensiero complottista --->

    RispondiElimina
  80. Credere che gli altri abbiano solo certezze ? Ahahahaahah certo che hai un notevole orientamento al travisamento :) io ho fatto riferimento solo ad un concetto generale (delle 1000 domande) che poteva accostarsi a me piuttosto che a qualcuno qui dentro e non c'è nessun implicito riferimento in nessun altra direzione se non quello appena creato da te per gettar addosso del "fango". L'aver un cospicuo numero di perplessità e non "accontentarsi" della prima delucidazione che vien data, significa dare dell'idiota all'interlocutore ?

    Ma la differenza tra te e altri in questo blog è piuttosto semplice: tu ti fai mille domande (pur se esposte come certezze quasi assunte a verità) ma non vuoi le risposte che contrastano con le tue convinzioni

    Se non sono soddisfatto delle risposte in relazione alle mie perplessità che ci posso fare ? Devo calare la testa solo per non apparire stupidamente intransigente ? Ah!?


    E, ennesimo punto in comune con i complottisti, non accetti una risposta diversa da quella che ormai hai identificato come verità assoluta

    Se così fosse mi accingerei a chiedere il parere altrui ? E per cosa..per verificare se ho ragione o no tramite il riscontro di terzi ? Fino a prova contraria soltanto chi non assume le proprie posizioni ideologiche come verità assolute tende al confronto e chiede il parere degli altri...appunto per verificare la solidità del proprio pensiero ed eventualmente modificarla nel caso gli vengano esposti punti di vista ragionevoli ....difatti tutto il tuo discorso si polverizza di fronte a questa mia *precedente* affermazione:

    magari alcuni sì, saranno esasperati ma la base da cui parto tuttavia non mi sembra esser poi così fiabesca....

    Uno che presume di detenere la verità assoluta affermerebbe mai che alcuni dei suoi ragionamenti sia esasperati ?!?!?

    e che si basa invece su sole supposizioni basate su ragionamenti iperbolici che portano a conclusioni solo in apparenza logiche.


    Accidenti così facile ? Apparantemente logiche...motivazioni e didn't happen! Troppo facile fare queste riduttive dichiarazioni! Difatti è come nei miei posto ho dato possibilità notevoli di estendere il discorso ed ho ricevuto soltanto repliche decisamente parziali: è come se avessi mostrato un quadro per intero e chiesto un parere in merito e ne abbia ricevuto soltanto un paio relativi alla sua sola metà (rileggere per credere..).

    Grezzo un consiglio: inquadra le persone facendo meno appello a luoghi comuni e leggi in modo più "spensierato" tra le loro parole nonostante comprendo la difficoltà di farlo tramite uno schermo; a mia opinione siete forse un pò troppo coinvolti all'interno di quel senz'altro meraviglioso "edulcolorato" concetto di processo/progresso scientifico lineare e produttivo, esente da increspature, in cui in nome della nobile attività alla quale è finalizzato si presume sia immune ai tentacoli delle iniquità annesse alla natura umana.

    Se io potrei definirmi un estremista del pensiero pessimista in merito, voi sareste senz'altro l'esatto opposto: sempre estremismo è.

    Difatti mi sembra di aver ribadito:

    La verità secondo me stà nel mezzo perchè medicina alternativa e medicina ufficiale gravitano anch'essi attorno ai soldi e tendono a calcare la mano nelle loro rispettive direzioni fino a farsi guerre reciproche di notevole spessore...

    Chiudo anche con te Grezzo e ti lascio anche a te l'ultima parola...nel tuo caso specifico visto che mi sembri un pò più dotato di "capacità" rispetto ad antonello che apre il fuoco e spara a regime, sarò curioso e stimolato a leggere la tua replica :D

    Passo e...chiudo.

    RispondiElimina
  81. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  82. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  83. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  84. A conferma di quanto scritto sopra (fra una pausa e l'altra durante una delle mie sessioni notturne di lavoro) considerato che non sono un medico ma solo uno a cui piace informarsi, mi fà piacere trovare conferme nel post che WeWee mi ha consigliato di leggere riguardo la mia domanda iniziale che ha aperto questo "flame".

    Un danno di qualsiasi tipo (trauma, tossico, virus, radiazioni, tante cose, anche i funghi...) può creare un "errore" in uno o più di questi geni, che invece di dire correttamente alla cellula: "dividiti così, cresci così, muori così", fornisce informazioni errate, dicendole: "dividiti così" in maniera sbagliata, "cresci così" in maniera sbagliata, "muori così" in maniera sbagliata.


    in un modo o nell'altro mi sembra che non abbia molta difformità, nel concetto ovviamente, con quello appena ribadito ad Antonello:

    ma ci sono statistiche e alcune ricerche che dimostrano qualcos'altro ovvero: fattore predisponente + agente co-promuovente indotto dall'esterno = sviluppo neoplasia.


    Ne approfitto per chiedere una cosa a WeWee:

    Visto e considerato le premesse delle molteplici cause che potrebbero stare alla base della genesi di un cancro...il ruolo di determinate sostanze antiossidanti che causano diverse reazioni sulla cellula, i suoi recettori, enzimi etc. - fermo restando che ciò non garantisce totale garanzia di prevenzione assoluta - non può tuttavia esser prono a ridurre il rischio di specifiche degenerazioni cellulari per determinati tipi di tumore ostacolando e inibendo l'attivazione/disattivazione di determinati geni o metaboliti (ad esempio come il selenio nei confronti del p53) ?
    Più volte mi sono chiesto ad esempio visto l'assioma fattore predisponente + agente co-promuovente, se chi contrae un cancro possa esser visto "grossolanamente parlando" come un individuo che in relazione a:

    1) Stato del sistema immunitario di quel particolare momento;

    2) Interazione e congiunzione fra fattore predisponente e agente co-promuovente;

    3) Età e capacità/condizione fisica individuale d'incassare il "danno";

    4) Stato mentale;

    5) Condizione nutritiva;

    Attiva la "bomba" che inizia a fare il conto alla rovescia. Spesso immagino il cancro un elemento che è funzione di questi 5 aspetti.
    Chissà quanto magari ci si sbatterà la testa al muro in futuro - analogamente come accade in altre scoperte - quando e se si riusciranno ad isolare con successo delle vere e proprie cause di questa terribile patologia e magari, si verrà a conoscenza che il tizio "x" se non fosse stato a contatto con quel particolare agente y (un composto chimico, che sò un solvente) inalandolone i vapori, non avrebbe sviluppato quella mortale neoplasia ai polmoni. Si detta così è assimilabile a buona fantasia...però cavolo ci pensate di perdere una persona cara solo che perchè magari quella volta si trovò ad inalare casualmente e involontariamente quello specifico composto in un momento particolarmente "predisposto" del tutto ignara ?

    E' terribile il solo pensiero in effetti!

    RispondiElimina
  85. @antonello: siamo entrambi d'accordo che, in fin dei conti, il cancro è causato da una mutazione genetica. Il problema vero, quando si parla di prevenzione, è evitare per quanto possibile queste mutazioni. Un radicale libero (un composto chimico ossidante) danneggia la cellula in molti modi, tra cui anche colpendo il DNA, causando, direttamente o indirettamente, delle mutazioni potenzialmente cancerogene. Ecco allora che un composto antiossidante, come i polifenoli, la vitamina C, la vitamina E eccetera, riducendo la possibilità di formare radicali liberi, riducono anche la possibilità di cancro. Di certo non lo curano e di certo non lo evitano al 100%, ma aiutano(insomma, gli antiossidanti non fanno un tuboa da una cellula mutata, ma evitano che una cellula normale muti) . Inoltre, ovviamente, evitano i danni dei radicali liberi nei confronti di membrane cellulari, proteine e via discorrendo (limitano l'infiammazione, l'invecchiamento...)

    Una cellula muta e causa il cancro. Il problema è che non muta "a prescindere dagli antiossidanti", perché essi ne abbassano la possibilità di mutazione.

    La B17 è inutile e dannosa (e non capisco come ti sia venuto in mente che io abbia detto il contrario).

    Per combattere il cancro esistono molte strade, e la genetica è una, ma è attualmente quasi impraticabile: le terapie genetiche sono lontane dall'essere messe a punto. Altre strade sono quelle di uccidere direttamente le cellule cancerose (attualmente i farmaci che lo fanno non sono molto selettivi e causano enormi effetti collaterali), impedire il rifornimento di sangue e nutrienti al tumore bloccando la crescita dei vasi sanguigni, un combattimento al tumore sfruttando le difese immunitarie (anche questa strada poco praticata, ma comunque molto promettente), e sicuramente altre (oltre radioterapia e chirurgia, intendo) che ora non mi vengono in mente per ignoranza (i biologi si soffermano poco sulle terapie).

    Infine sì, sono Giuliano davvero

    RispondiElimina
  86. Ciao Simonetta .... Antonello occhio eh ... ;-))).

    Ho letto gli ultimi interventi di questa discussione (non tutto) .

    Io credo che necessiti maggior rispetto verso le idee altrui, senza necessariamente offendere o ancor peggio etichettare le persone (tipo complottista, ecc) .. Ma perchè ? Dobbiamo pensarla tutti uguale ? Oppure se non abbiamo ugual vedute l'interlocutore di turno si arroga il diritto ad etichettare così gratuitamente ???

    Faccio i miei complimenti a Luigipollina che mi sembra una persona molto saggia ed equilibrata .

    Secondo me , La Natura ha in se tutti tutti i rimedi se non per tutte per la maggior parte delle malattie che colpiscono il genere umano ... probabilmente molti rimedi ancora sono da scoprire e altri sono volutamente ignorati ,come ad esempio l'A.C.I. Argento colloidale Ionico che non ha bisogno di alcuna prova scientifica per mostrare la sua nobilissima validità ed efficacia , in barba a tutti gli antibiotici venduti nel circuito commerciale . .... Non ho prove scientifiche wewe !!! Mi dispiace ... se vinco al superenalotto ;-) però , mi procuro l'attrezzatura ;-) e gli uomini per portarti una prova scientifica ... ok ?

    Ah ... io volevo dire che ritengo non giusto che qualcuno mi ha definito "alternativo" . io non sono affatto alternativo . Io se devo prendere un antistaminico o un farmaco lo prendo eccome . Se so però che questo può farmi star meglio .

    Per tutto il resto cerco di evitare e non abusare MAI di farmaci e quando sono certo dell'efficacia (come per l'argento ad esempio) allora mi rivolgo a prodotti naturali .....

    Pure i dottori raccomandano di non abusare di farmaci e non assumere farmaci inutili ...e allora ? Cos'è questo ...essere "alternativo" ???

    Scusate se ho commesso qualche errore ma ho scritto di getto ed invio senza rileggere ;-)

    Buona salute a tutti .... Ciao Simonetta .

    RispondiElimina
  87. XGiuliano

    Un fattore esterno può mutare una cellula? le radiazioni, riescono ad entrare nel nucleo della cellula stessa e sicuramente riescono ad interferire con quello che è il normale sviluppo.

    Un forte stress, anche emotivo, ma sicuramente fisico, quindi una lunga e continua esposizione o contatto a determinati agenti definibili cancerogeni, in questo caso dipendono dall'organismo (non tutti i fumatori di ammalano di cancro ai polmoni per esempio), di tipo bio-chimico, perchè no, alla stessa maniera della tanto decantata fusione a freddo, posso immaginare in questa maniera il ruolo della candida o di altri microrganismi o virus che capaci di sviluppare enzimi o proteine cancerogene o meglio idonei alla mutazione cellulare riescono a far scattare il processo degenerativo.

    Inoltre il fattore più importante e più recente: e se fosse una cellula staminale? ho letto degli interessantissimi commenti proprio qui da voi (a volte accade che discutiate anche di cose interessanti, assurdo ma vero!), le staminali sembrano essere la soluzione alla domanda cosa è il cancro.

    Se ammettiamo una causa genetica allo sviluppo del cancro, quindi interna alla cellula, cosa potrà mai fare la prevenzione? Ci sono persone che in tutta la loro vita non hanno mangiato una fetta di carne e condotto una vita da vegetariani, si sono beccati il cancro al colon.

    La prevenzione non credo che servi a qualcosa, può solo fare bene all'organismo, ma nulla contro lo sviluppo del cancro.

    Può fare benissimo la prevenzione nel senso di scoprire quando inizia il processo degerativo, per questo indico nella nanotecnologia il futuro per la sconfitta del cancro e nella genetica l'arma per la distruzione fisica.

    Con la nanotecnologia dovremmo rassegnarci a vivere per sempre con delle navicelle biocompatibili che siano in grado di intercettare l'inizio della degenerazione, quindi lo sviluppo delle prime cellule, inserire quindi altre navicelle con le armi che la genetica proporrà per bombardare esclusivamente la zona interessara e solamente quella. Non è un'idea nuova, ma è stata inattuabile, adesso sembra che possa essere una realtà (non recente).

    Sai benissimo che i primi esperimenti sono stati fatti fin dagli anni 80 con gli enzimi e le proteine che avevano il compito di rendere individuabili le cellule cancerogene dal nostro sistema immunitario.

    Un ricercatore Giapponese, se non ho capito male, è riuscito a realizzare dei super macrofagi in grado di annientare il virus dell'AIDS, si pensa di fare qualcosa in questo senso anche per il cancro, ma il cancro a parte sporadici casi non è un virus.

    Allo stato attuale c'è poco da fare, nessun cancro è curabile. La maggiore o minore sopravvivenza dipende dalla replicazione delle cellule cancerogene. La chirurgia è ancora la migliore arma in nostro possesso, ma è il problema metastasi che bisogna risolvere perchè è quello che uccide, il cancro primario è facilmente eliminabile chirurgicamente (lo so che qualche volta si guarisce, ma non sono numeri degni di rilievo, sto parlando del decorso che non viene interrotto anche se passano vent'anni,discorsi già fatti).

    Figurati se poi io possa essere contrario all'assunzione di Vitamina C o del vino rosso.

    Comunque mi senbra strana questa tua predisposizione ai "farmaci" alternativi che sono i primi ad essere raccomandati dall'ARPC.

    L'ultima mia riflessione sulla candida è che essa può essere una causa del cancro e che il bicarbonato uccidendola prima che questa formi metastasi potrebbe fornire una spiegazione alle presunte guarigioni.

    Ma sul cancro in quanto degenerazione niente è efficace. ne possiamo parlare anche dopo.

    RispondiElimina
  88. XRiccardo-Otello

    Forse non ci crederai e per me puoi morire di gelosia.

    Solo leggendo una frase di Simonetta, traspare la delicatezza ferrea della femminilità che ogni uomo vorrebbe nella propria compagna.

    Sei fortunato a conoscerla personalmente.

    RispondiElimina
  89. Per Antonello

    Antonello , non farti prendere la mano .... scherzavo ...non si capiva ???

    Confermo tutti gli apprezzamenti su simonetta ... è ancora di più ;-)

    RispondiElimina
  90. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  91. gradirei rispetto e non essere tirata in ballo ,non siamo nel salotto della de filippi.
    grazie

    RispondiElimina
  92. Capito Antonello ? Fai il bravino mi raccomando !

    Questo è un blog serio ! ;-)

    RispondiElimina
  93. XRiccardo

    Volevo sdrammatizzare un pò, comunque nulla toglie alla importante presenza di una donna in questo manipolo di maschi che domina questo sito, credo che ci sia solo un'altra esponente del gentil sesso.

    Comunque ho semplicemente risposto alla tua battuta in maniera altrettanto scherzosa.

    Quello che mi ha stupito in lei è stato l'apprezzamento avuto nei confronti di un paranoico come Davide, mentre con me ha avuto un atteggiamento completamente diverso e su argomenti sicuramente più sani e comprensibili.

    Non la vedo nei panni di chi sostiene che dietro il cancro ci sia la mafia o che gli americani hanno buttato giù le torri, per non parlare delle altre cazzate su parmalat, cirio, ecc. tutti argomenti chiaramente portati avanti per distogliere l'attenzione dal topic e di chiara ispirazione mazzucchiana.

    Due pesi e due misure inspiegabili.

    RispondiElimina
  94. Due pesi e due misure inspiegabili. .

    Probabilmente in una discussione conta anche come ci si comporta e come si utilizzano le parole. Comportarsi di conseguenza è spontaneo.

    RispondiElimina
  95. Guarda Antonello sarebbe da non risponderti perchè è palese il tuo manipolare discorsi ,ma ho qualche minuto da perdere .
    Non apprezzo nessuna dietrologia a prescindere, figurati ,se ne sento la puzza scappo a gambe levate ,ho colto attraverso un discorso di Davide (se sia un complottista o meno a me poco interessa ),una verità implicita della società in cui si vive ,e cioè che l'interesse personale, sia sul piano della gratificazione che sul lato economico :
    condiziona il genere umano -inclusi i vertici dei poteri decisionali- .
    Tutto qua;
    per il film che ti sei fatto e ti accingi a proiettare posso dirti :
    sei scadente come regista ;-)

    ciack

    RispondiElimina
  96. l'interesse personale, sia sul piano della gratificazione che sul lato economico .

    Questo punto del pensiero di Davide posso sottoscriverlo, ma è proprio quel "sia" che "ci" difende.

    Esistono anche nella scienza e nella ricerca, le persone venali e disposte a tutto per tornaconto personale, ma per ogni "corrotto" c'è un onesto.

    Su questo ci posso giurare.

    Per un periodo sono stato dentro l'ambiente universitario e della ricerca, ho visto cose disgustose (ed infatti sono scappato, non sono mai sceso a compromessi) ma ho visto anche realtà eroiche ed esaltanti.
    Nessuno ha mai sostenuto che la lobby farmaceutica non sia proiettata al guadagno (anche le "malattie rare" ne sono vittime) ma generalizzare pensando che siamo tutti sotto un "grande fratello" sanitario che decide per noi e per il futuro dell'umanità è sbagliato.

    Prima o poi devo farne un articolo, sul nepotismo e sui baronati.

    Se tutti siamo vittime del complotto sanitario, IO sono un ipocrita perchè dovrei rendermi conto di situazioni pericolose per l'umanità senza muovere un dito. Eppure ho un figlio anche io, che porto dal mio collega medico se non riesco a curarlo io.
    Eppure, quando qualche anno addietro cominciai a pubblicare delle piccole ricerche scientifiche nessuno mi mise i bastoni fra le ruote e quando lo hanno fatto mi sono rifiutato semplicemente di accontentarli.

    Come mai anche io, unico medico in famiglia, nessuna parentela politica o medica, mai raccomandato, non protetto da nessuno, non colluso, non corrotto, non proprietario di aziende farmaceutiche, io, quando ero studente universitario, ho realizzato una ricerca senza avere nè sponsor nè regali e sono finito con il mio nome in un testo universitario importante (per la mia specializzazione)?

    Se è stato possibile per me (senza sforzi titanici) perchè non sarebbe possibile per gli altri studiosi onesti e seri?

    Sarò stato fortunato ma io di complotti non ne ho mai fatti nè subìti...

    Per questo nei miei articoli concludo sempre con la considerazione più banale che se ne frega dei complotti: questo o quel rimedio, FUNZIONANO O NO?

    Perchè chi ha "scoperto" la "cura del millennio" alla fine non risce MAI a fornire una sola prova di evidenza?

    Non la vogliono mandare al ministro, non la vogliono mandare alla casa farmaceutica, non si fidano, ok...ma non ce l'hanno un parente medico, un amico fidato, un MedBunker (hihi) che possa "certificare" seriamente la loro "scoperta"?

    Non è che chi accusa del complotto, alla fine è autore di un piccolo complotto"?

    Beh, a giudicare da quello che ho trovato documentandomi per i miei prossimi articoli su vaccini ed omeopatia, sembra proprio che qualcosa di "sporco" ci sia anche in chi si dichiara vittima del complottone...

    RispondiElimina
  97. Caro Wewe,

    è ovvio e pacifico che qualcosa di "sporco" ci sia sempre ed ovunque ed in qualunque settore: nel campo della medicina ad esempio come nel campo dei naturalisti o alternativi che siano .

    Ma Soprattutto nel campo della medicina ufficiale dove a farla da padrone sono indiscutibilmente le multinazionali farmaceutiche che dettano regole, impartiscono disposizioni, redigono studi, ricerche e statistiche , in evidente conflitto di interessi .

    Mi dispiace riconoscerlo ma interferiscono con grandi probabilità anche nei "vs" studi ... condizionandovi !!!

    Già il fatto che tu e tanti altri continuate a ripetere .... "non c'è evidenza e/o prova scientifica" .... bè questo la dice lunga su molti discorsi fatti e rifatti .

    Come ben sai, il singolo non può fornire praticamente nessuna prova scientifica certa .... gli è quasi impossibile . Però voi lo usate come schermo e questo lo ritengo un grande e inutile errore !

    Uno scienziato, un medico, un ricercatore medico, ha il dovere di non scansare a priori ogni e qualsiasi risultato , dovrebbe essere per lui una lampadina che si illumina e che lo spinga ad approfondire, invece nella stragrande maggioranza dei casi , egli si limita a fare qualche ricerca per vedere se nella letteratura medica vi è qualche prova scientifica . Quando non v'è ... allora l'autore o il paziente è un ciarlatano da deridere

    Fortunatamente non sono certo tutti così e grazie a questi se la scienza compie i suoi importanti ed utili progressi .

    I complotti ci sono eccome !!! l'uomo ce li ha nel proprio DNA ...da sempre !

    Dare gratuitamente del "complottista" a qualcuno che ha le proprie convinzioni ...è una etichettatura del tutto fuori luogo e fuorviante .

    Ciao

    RispondiElimina
  98. @Riccardo:
    Io credo che necessiti maggior rispetto verso le idee altrui, senza necessariamente offendere o ancor peggio etichettare le persone (tipo complottista, ecc)
    mah.."complottista" e' un sostantivo generato da un suffisso agentivo e non valutativo di tipo peggiorativo, quindi non vedo come il termine in se possa essere considerato offensivo.

    Secondo me , La Natura ha in se tutti tutti i rimedi se non per tutte per la maggior parte delle malattie che colpiscono il genere umano ... ,
    Io francamente questa visione della Natura la comprendo un po' a fatica: e' vero che ogni specie ha affinato i propri meccanismi di difesa nel corso dell'evoluzione, ma che altre specie abbiano fatto altrettanto anche per il bene dell'uomo mi pare una filosofia un po' troppo antropocentrica, generata verosimilmente per serindipita' avendo notato che in Natura esistono molti rimedi per i piu' svariati malanni.

    probabilmente molti rimedi ancora sono da scoprire e altri sono volutamente ignorati ,
    considerando solamente l'enorme numero di molecole note esistenti in Natura e non ancora testate e per puro effetto del caso e' piu' che plausibile che molti rimedi non siano ancora stati scoperti Per gli stessi motivi e considerando che ogni nuova ricerca richiede fondi, e' altrettanto verosimile che molte molecole siano volutamente ignorate per selezione, a favore di quelle per cui esiste un minimo razionale meritevole di ulteriori indagini.

    Argento colloidale Ionico che non ha bisogno di alcuna prova scientifica per mostrare la sua nobilissima validità ed efficacia
    E perche' mai questi favoritismi ? :-))

    ...e allora ? Cos'è questo ...essere "alternativo" ???
    Be' questo e' presto detto:
    l'accezione negativa del termine prevede una naturale inclinazione verso tutto cio' che si ritiene provenire dalle fabbriche di Madre Natura, indipendentemente dal fatto che quel qualcosa si sia dimostrato oggettivamente inefficace, e per complemento una naturale idiosincrasia verso tutto cio' che non reca il marchio di fabbrica di Madre Natura, indipendentemente dal fatto che si sia dimostrato oggettivamente efficace.

    RispondiElimina
  99. Credo che la maggiorparte degli attuali medici , abbia perso la propria scientificità ! (se così si può dire) !!!

    Si limitano ad osservare rigorasamente le prove scientifiche disponibili e se non ci sono , la prova non ha alcun valore .

    ma prima che vi fosse la "prova scientifica" non vi era forse nulla ? ... quindi .

    Vorrei scrivere una frase che mi disse una mia cara amica ... pochi giorni prima di morire :

    "Prega Ricky affinchè qualcuno illumini questi medici !"

    RispondiElimina
  100. il fatto che tu e tanti altri continuate a ripetere .... "non c'è evidenza e/o prova scientifica" .... bè questo la dice lunga su molti discorsi fatti e rifatti . .

    Cosa direbbe di "lungo"? Se per un'affermazione non hai riscontri cosa vuoi fare, andare contro l'evidenza?
    Se qualcuno afferma che gli asini volano, come fai a dimostrare che invece non volano?

    Hai due modi:
    1) Il metodo scientifico: prendi 1000 asini e li osservi. Noterai che su 1000 asini nessuno vola. Concludi che nessun asino vola.

    2) L'evidenza: compri un asino e lo osservi per più tempo possibile, non vola. Lo spingi, lo tiri, lo sollevi ed ancora non vola. Poi lo lanci da un dirupo (poverino...) e lui invece di volare si sfracella. Trai la conclusione preliminare che verosimilmente gli asini non volano. Compri un altro asino, poi un altro ancora. Fai le stesse prove. Le ripeti per altri dieci asini, poi per altri 50. Tutte le osservazioni basate sull'evidenza concludono che gli asini non volano.

    Hai raggiunto quindi due risultati importanti: hai dimostrato che chi affermava che gli asini volassero aveva torto.
    Hai fatto schiantare 63 asini. E' il prezzo della scienza.

    Uno scienziato, un medico, un ricercatore medico, ha il dovere di non scansare a priori ogni e qualsiasi risultato .

    Esatto, infatti viene fatto ogni santo giorno.

    invece si limita a fare qualche ricerca per vedere se nella letteratura medica vi è qualche prova scientifica .

    A questo servono le sperimentazioni. O pensi sia meglio che tutti gli scienziati del mondo o i medici, stiano chiusi in laboratorio mentre tu aspetti il tuo turno fuori?

    RispondiElimina
  101. Mi hai fatto ridere wewe ;-) .
    Non credevo fosse così difficile passare il mio concetto . Hai forse sapientemente estremizzato per buttarla sul ridicolo ???

    Se riesco e se mi va ti rispondo dopo pranzo !

    Non che non lo voglia fare , ma non vorrei che tu mi stia prendendo in giro ovvero fai finta di non capire .

    RispondiElimina
  102. No Riccardo, il tuo concetto non è affatto difficile farlo capire, quello che tu non capisci è come mai la gente non è d'accordo con quello che dici, sono completamente due cose diverse. Continui a dire "io credo" "secondo me" eccetera, e non hanno alcun valore, nè sociologico nè scientifico. Secondo la tua opinione i medici hanno perso la loro scientificità? In base a cosa lo dici? Sei un medico? Sai come viene effettuata la ricerca scientifica? Lo sai che i farmaci continuano a cambiare e non sono sempre gli stessi? Accusi WeeWee di volerti(ci) prendere in giro, e lo fai perchè sei assolutamente convinto della "malvagia medicina ufficiale dei brutti e cattivi che non vogliono che abbiamo accesso alle cure naturali". E' una tua convinzione, ok, non bisogna denigrare le convinzioni altrui, ma renditi conto che con questa supponenza sei tu a denigrare gli altri, non ti piacciono le etichettature? Difficile non farlo, ma stiamo al gioco, resta il fatto che il concetto è quello trito e ritrito: "io ho capito tutto e voi non avete capito niente, poveri infelici". Magari rileggiti tutto quello che hai scritto, e ti accorgerai che il concetto è chiaro in ogni riga.

    In ogni caso, ti è già stato spiegato migliaia di volte che la tua affermazione "è un errore rifiutare qualcosa solo per partito preso" è sbagliata come concetto di partenza. Nessuno rifiuta niente a priori, tantomeno la scienza, che ha come base la ricerca, e ricerca significa progresso, non staticità, ed è ricerca sempre di qualcosa di migliore e più efficiente, esattamente come accade in tutti i settori, tecnologici e non. Partendo da presupposti sbagliati, le conclusioni ovviamente non possono essere giuste, punto.

    RispondiElimina
  103. XRiccardo

    Non è che WeWee ha tanto torto, non dimentichiamo che lui rappresenta il vaglio a rete molto larga di quello che viene sostenuto in tema di guarigioni alternative.

    Abbiamo una medicina imperante e monolitica, è normale che chi ha qualcosa di nuovo da proporre deve presentare documentazioni avvalorate dalla scienza.

    In passato, non conoscendo i precedenti, avevo consigliato lo studio dei casi presentati come guarigioni, attribuite al solito Simoncini, ma a quanto pare e nonostante l'avversione di WeWee non è mancata la sua disponibilità.

    Non gli è stato permesso di studiare a fondo i documenti, ha trovato delle incongruenze già nei filmati e questo è bastato per erigere un muro da parte degli "alternativi".

    Se io fossi sicuro di queste guarigioni le studierei assieme ad un medico, non mi limiterei a fare degli spot.

    Non puoi pretendere che un medico dopo anni di studio e professione attiva negli ospedali, dia un calcio a tutto e ti creda sulla parola.

    Se non c'è un punto di incontro non si verrà mai a capo di nulla.

    Questo punto d'incontro devono essere gli alternativi a cercarlo, non certo WeWee.

    A prescindere le mie convinzioni sulla validità delle cure alternative, anche io chiedo che queste siano sottoposte a vaglio scientifico.

    Simoncini andrebbe rivalutato e vedere l'effetto del bicarbonato non sul cancro ma come barriera allo sviluppo delle metastasi.

    Ammettendo che il bicarbonato abbia la facoltà di rendere il terreno biologico improduttivo per lo sviluppo delle metastasi, si tratterebbe di rendere saturo l'organismo prima della operazione, in modo tale che la cellula sfuggita non possa svilupparsi.

    Con la chemio neoadiuvante il problema non si è risolto perchè non provare con il bicarbonato neoadiuvante.

    Dico questo perchè se non ricordo male erano stati documentati scientificamente questi dati positivi del bicarbonato sulle metastasi.

    Se ricordo male come non detto.

    Comunque non sarebbe sbagliato prima di operare impiantare nel corpo o delle sentinelle specializzate (nanotecnologia) o rendere inospitale le zone dove è presumibile lo sviluppo delle metastasi (genetica).

    (non c'è bisogno che vi incazziate più di tanto, ma se avete dato facoltà a Davide di sparare le sue...)

    RispondiElimina
  104. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  105. Non esser troppo sicuro di quello che dici WeWee...io fossi in te assumerei una posizione di "mezzo"..invece dedichi 3 righe contate a dire: "Sì sì certo...appoggio il fatto che le industrie farmaceutiche mirino al loro guadagno...che ci siano i corrotti ..la venalità...ma non sono tutti così..." e poi 300 in cui affermi che l'effetto di quello detto in 3 righe abbracci soltanto lo 0,0001% di tutta la "fiera" e che quindi che la percentuale restante appartenga a quei tutti che non sono "così".

    RispondiElimina
  106. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  107. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  108. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  109. affermi che l'effetto di quello detto in 3 righe abbracci soltanto lo 0,0001% di tutta la "fiera" e che quindi che la percentuale restante appartenga a quei tutti che non sono "così". .

    La penso così, quindi cosa vuoi che scriva, il contrario di quello che penso?
    Mi sentirei un idiota a pensare che la maggioranza (o una minoranza, ma ben rappresentata) degli ingegneri è incapace di costruire case antisismiche. Mi sentirei idiota ad affermare che tantissimi avvocati sono dei corrotti, mi sentirei tanto idiota ad affermare che tantissimi statunitensi sono guerrafondai.

    Le generalizzazioni sono idiote per definizione, ma se resto nel campo che mi appartiene, posso confermare (ed ho anche l'esperienza da ricercatore che mi appoggia) che il complottone non regge.
    Se anche qualcuno volesse tentare di organizzarlo, crollerebbe miseramente in pochissimo tempo. Ci sono troppi "controllori" indipendenti che non permettono che esso accada, tranne qualcuno voglia credere che tutti questi controllori, siano appunto corrotti e collusi e quindi sia la maggioranza della medicina, della scienza e della ricerca a fare parte del grande complotto.

    Se mi dici che il farmaco A guarisce la malattia X ed io lo prescrivo ma dopo 20 prescrizioni NON HO un risultato, quella medicina finisce nel gabinetto.
    E' tanto difficile da capire?

    PS: Il prossimo tuo messaggio con insulti, verrà cancellato, senza preavviso.

    RispondiElimina
  110. WeWee...Fammi capire...gli insulti impliciti vanno bene e quelli espliciti no ? Dico tanto per sapere...così mi regolo..

    Sei falso e non pensare che puoi prendermi per il culo come stai facendo con loro.

    Tornatene a LC.


    Rilassati e fidati dell'uomo con la barba e gli occhiali che hai accanto, non nè uno della CIA e guardati da Berlusconi... ma v.....

    Ma tu guarda...tutti possono mandarmi a fare in culo e dirmi quello che pensano..ed io no!

    RispondiElimina
  111. Ho già cancellato dei messaggi di antonello, stai calmo che non permetto maleducazione da parte di nessuno.

    RispondiElimina
  112. Davide, secondo me commetti un errore di fondo, continui a identificare l'industria farmaceutica come un unico organo distinto, ma non è così, per niente. Scopo primarie DELLE multinazionali farmaceutiche è il guadagno, e sono assolutamente identiche a qualunque altra azienda che vende prodotti e/o servizi. Per fare questo devono vendere farmaci. Cosa distingue il guadagno di un'azienda da un'altra? I team di ricerca migliori, ovvio, e la capacità di accapparrarsi un brevetto prima di altri. Tale brevetto però ha delle scadenze ben precise, terminate le quali qualunque azienda farmaceutica può sintetizzare il principio attivo sul quale è scaduto il brevetto. Se anche curare un paziente è l'ultimo dei pensieri di un manager di una multinazionale del farmaco, l'importante è che questo scopo venga raggiunto, in ogni caso.

    Quanto al fatto che secondo te si occulterebbero i metodi preventivi del cancro, c'è un punto di vista che forse hai trascurato: i pazienti di cancro sono clienti a breve termine, alle industrie farmaceutiche semmai interessano più i pazienti che invecchiano, perchè nella vecchiaia il corpo non funziona bene come dovrebbe e si hanno bisogno spesso di farmaci che in alcuni casi sono assolutamente necessari alla sopravvivenza dell'anziano, e senza i progressi che ha avuto la scienza medica in questo senso, hai voglia a diventare anziano, cosa che un tempo ci si poteva permettere solo ed esclusivamente se non si aveva qualche acciacco. In questo ragionamento, non pensi che per l'industria farmaceutica sia anzi un vantaggio un'efficace prevenzione dei tumori?

    RispondiElimina
  113. Scusate per mettere in corsivo , come fanno alcuni di Voi ... come si fa ???

    RispondiElimina
  114. @WeWee:
    Mi sentirei un idiota a pensare che la maggioranza (o una minoranza, ma ben rappresentata) degli ingegneri è incapace di costruire case antisismiche

    Difatti all'Aquila lasciando stare il centro storico le hanno costruite - ospedale compreso - e...abbiamo visto cosa è successo..e fai accadere quello stesso terremoto, magnitudo etc..da qualche altra parte...e poi ne discutiamo..se sono capaci o no..o per motivi di "budget" hanno implementato misure antisismiche più rudimentali..

    Mi sentirei idiota ad affermare che tantissimi avvocati sono dei corrotti

    Non serve che lo siano tanti...bastano solo quelli di Berlusconi al parlamento che lo aiutano a fare leggi che condizionano a cascata tutti gli altri avvocati!


    mi sentirei tanto idiota ad affermare che tantissimi statunitensi sono guerrafondai

    Certo a loro non frega un tubo del petrolio...

    Le generalizzazioni sono idiote per definizione

    Io ammetto la probabilità che ci possan essere forti cospirazioni in qualsivoglia ambito nel mondo...tu no; non c'è alcuna generalizzazione di nessun tipo.

    Se mi dici che il farmaco A guarisce la malattia X ed io lo prescrivo ma dopo 20 prescrizioni NON HO un risultato, quella medicina finisce nel gabinetto.


    Il placebo fà una percentuale dichiarata del 25% (tu stesso lo prescrivi). Inoltre ogni organismo tende alla guarigione spontanea di suo *generalmente*...il farmaco può essere solo un accelerante delle guarigione in certi casi o per attenuare la sintomatologia; escludendo quest'ultimo di cui verifica è ovviamente instantanea...quanto ha coadiuvato un farmaco in un processo di guarigione assieme all'abilità intrinseca dell'organismo di "ripristino"? Potrebbe anche darsi che abbia avuto un incidenza del 10% e nemmeno...e il resto appartenga a quanto già detto...quel farmaco "funziona" ne siamo proprio sicuri di quanto funzioni?

    Ho già cancellato dei messaggi di antonello, stai calmo che non permetto maleducazione da parte di nessuno.

    Ma davvero..e perchè non cancelli quello in cui scrive che sono un falso e mi manda a fare in culo ? Quello non è insultare vero ?! E' un insulto più leggero e ci può anche stare vero ?
    Oppure sei in questa tematica talmente in linea con il suo pensiero che quasi quasi quegli insulti fanno da eco a quello che pensi anche tu e quindi vale la pena lasciarli?

    RispondiElimina
  115. Davide, sposo in pieno i tuoi ragionamenti

    RispondiElimina
  116. mi spiegate come si fa a fare la scritta in corsivo ?

    RispondiElimina
  117. @Davide: facciamo la conta a chi ha iniziato per primo ad insultare? Ci sono altri messaggi con termini offensivi non cancellati. Da ora in poi siete avvisati.

    @Riccardo: < i > frase da mettere in corsivo < / i >

    RispondiElimina
  118. @WeWee:
    Ci sono troppi "controllori" indipendenti che non permettono che esso accada
    Diciamo che ci sono piu' persone oneste che corrotte o corruttibili. Almeno questa e' la mia personale esperienza nell'ambiente della ricerca. Questo per rispondere anche a Davide laddove scriveva:
    Semmai volevo passare in rassegna tutte le mie perplessità e cercare attraverso voi un eventuale spalla per saperne di più e capire meglio - da coloro che lo vivono - dettagli interessanti di questo settore per dare un assetto più attendibile al mio pensiero.
    Ora, al massimo, si potrebbe sostenere che questa sia una mia personale e peculiare esperienza e non la regola generale, ma a dirlo dovrebbe essere qualcuno con un'esperienza piu' ampia della mia, o meglio, non qualcuno che afferma di non aver mai frequentato l'ambiente delle ricerca; viceversa non avrebbe senso nessuna richiesta di informazioni da parte di - coloro che lo vivono -
    Infine per onesta' intellettuale non posso esprimere nessun giudizio circa la pervasivita' della corruzione in quegli ambienti di cui non ho esperienza diretta: se ad es. un panettiere mi dicesse che i panettieri sono tutti corruttibili al massimo potrei rispondere, per esperienza diretta, che il mio panettiere con me si e' sempre comportato onestamente.

    @Riccardo: per il corsivo devi aprire il commento con una i tra i segni di minore (<) e maggiore (>) e chiudere il commento nello stesso modo anteponendo alla i uno slash /

    RispondiElimina
  119. Dimenticavo:

    Io prendevo il Mepral 20mg (IPP) per la gastrite cronica...e mi è venuta l'ulcera senza aver nessun helico bacter e senza effettuare nessun carico sul mio stomaco di alcun tipo.
    Da quando ho preso l'Esopral *stessa quantità* non ho mai avuto più nessun disturbo..cosa è cambiato? Ogni corpo è diverso mi sentirò dire scommetto...ogni cosa può fare effetto su uno ma non sull'altro o aver un effetto più o meno maggiore... ho sentito nel tempo altre persone che hanno avuto il medesimo problema ovvero che il Mepral non faceva loro un tubo... ora... mettiamo che il Mepral sia poco efficace...intanto viene venduto..e quando e se lo toglieranno...nel frattempo si saranno fatti una bella grana con chissà quale risparmio dei costi di produzione visto che ... non "funziona" (capace che è acqua fresca..altrochè IPP).

    RispondiElimina
  120. @WeWee:

    Ma non farmi ridere ora...facciamo la conta ? Guarda caso iniziamo a fare la conta dai miei messaggi in poi lasciando inalterato quel messaggio di Antonello...ma bravo! I miei complimenti...faresti prima a dire che sposa il tuo pensiero e per questo lo lasci senza troppo giri.

    RispondiElimina
  121. @ Davide

    Il placebo fà una percentuale dichiarata del 25% (tu stesso lo prescrivi). Inoltre ogni organismo tende alla guarigione spontanea di suo *generalmente*...il farmaco può essere solo un accelerante delle guarigione in certi casi o per attenuare la sintomatologia; escludendo quest'ultimo di cui verifica è ovviamente instantanea...quanto ha coadiuvato un farmaco in un processo di guarigione assieme all'abilità intrinseca dell'organismo di "ripristino"? Potrebbe anche darsi che abbia avuto un incidenza del 10% e nemmeno...e il resto appartenga a quanto già detto...quel farmaco "funziona" ne siamo proprio sicuri di quanto funzioni?

    Scusami, eh? Ma queste cose sono esattamente le stesse che vengono appurate prima di dichiarare la validità o meno di un farmaco, pensi di aver scoperto qualcosa di nuovo?

    RispondiElimina
  122. Ma non farmi ridere ora...facciamo la conta ? Guarda caso iniziamo a fare la conta dai miei messaggi in poi lasciando inalterato quel messaggio di Antonello...ma bravo! I miei complimenti...faresti prima a dire che sposa il tuo pensiero e per questo lo lasci senza troppo giri.

    credo che Davide abbia ragione !!!

    RispondiElimina
  123. @Grezzo:

    Scusami, eh? Ma queste cose sono esattamente le stesse che vengono appurate prima di dichiarare la validità o meno di un farmaco, pensi di aver scoperto qualcosa di nuovo

    E allora ? Se la sua percentuale di efficacia è del 5% placebo escluso mica significa che non funziona affatto...funziona...ma molto poco ma lo mettiamo in produzione lo stesso se ha bassi costi di produzione...quando si rendono conto che è poco efficace lo togliamo...intanto...facendo un bilancio fra costi e ricavi...ci abbiamo guadagnato eccome!

    RispondiElimina
  124. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  125. @Davide:
    Il placebo fà una percentuale dichiarata del 25%
    Quale placebo e per quale malattia ?
    Mi pare una generalizzazione troppo ampia.

    Inoltre ogni organismo tende alla guarigione spontanea di suo*generalmente*...il farmaco può essere solo un accelerante delle guarigione in certi casi o per attenuare la sintomatologia;
    *generalmente* le cose non funzionano proprio cosi' come le descrivi: solo nel caso in cui una malattia puo' guarire spontaneamente il farmaco puo' accelerare il processo.

    quanto ha coadiuvato un farmaco in un processo di guarigione assieme all'abilità intrinseca dell'organismo di "ripristino"? Potrebbe anche darsi che abbia avuto un incidenza del 10% e nemmeno...e il resto appartenga a quanto già detto...quel farmaco "funziona" ne siamo proprio sicuri di quanto funzioni?
    A che servono gli studi vs placebo ?

    RispondiElimina
  126. Oppure si vorrebbe affermare che *NON* ci sono farmaci inutili che probabilmente sono stati messi lì appunto per consentire l'opportunità di guadagno sopra descritta ?

    Mi è venuta l'ulcera prendendo il Mepral...e non sono il solo...come fà a venire un ulcera con un IPP con 20mg al giorno senza nessun carico applicato sulla mucosa gastrica che vanifichi l'effetto del farmaco?

    RispondiElimina
  127. @Max:

    Quale placebo e per quale malattia ?
    Mi pare una generalizzazione troppo ampia.


    Infatti si parla in genere Max...visto che WeWee afferma che farmaci che non hanno efficacia in commercio non ce ne stanno.

    RispondiElimina
  128. XWeWee

    Ho cancellato il messaggio per toglierti da un imbarazzo che ti assicuro non devi avere.

    Ho individuato la figura di Davide e so a chi appartiene.

    Cercherà di farsi un seguito e ci riesce nei siti dove l'utenza è composta da gente sprovveduta, quindi voi siete a posto perchè casca male.

    Tenterà ripetutamente di invogliarti a fare determinate scelte e provocherà lo scontro.

    Avrai modo di conoscerlo.

    RispondiElimina
  129. XWeWee

    Ho cancellato il messaggio per toglierti da un imbarazzo che ti assicuro non devi avere.

    Ho individuato la figura di Davide e so a chi appartiene.

    Cercherà di farsi un seguito e ci riesce nei siti dove l'utenza è composta da gente sprovveduta, quindi voi siete a posto perchè casca male.

    Tenterà ripetutamente di invogliarti a fare determinate scelte e provocherà lo scontro.

    Avrai modo di conoscerlo.



    AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHH!!!

    RispondiElimina
  130. @ Davide: allora il conto te lo faccio io, visto che continui questa puerile discussione sugli insulti, HO cancellato 2 messaggi di antonello contenenti insulti, NON HO cancellato tuoi messaggi contenenti i seguenti insulti.


    - Ma da dove vieni da Zelig ?
    - vedo solo una specie di sottotipo di becero che se ne esce col vento di terra nel tentativo disperato di acquisire qualche credito e non sà un cazzo di biologia molecolare
    - mi mette al riparo di sparare le tue notevoli idiozie
    - la tua curva di ragionamento è davvero più limitata di quello che credevo
    - Sei davvero un pagliaccio...anche il capostipite più decelebrato di un branco di pecore avrebbe colto il nesso

    Basta dirmelo e li cancello tutti, i tuoi ed i suoi, così siamo soddisfatti e non si discute più.
    Proprio non si riesce a scrivere un'opinione senza definire l'altro un idiota vero?

    Ecco, ora torniamo alla discussione.

    RispondiElimina
  131. @Antonello:

    Se ritieni che non debba avere nessun imbarazzo...perchè lo hai cancellato ? Proprio tu che a tutti costi ti stai cercando di "difendere" dal fare il mio "gioco"....prendi e rimuovi un commento assecondando quello che sarebbe il mio desiderio di un gesto a mia opinione corretto ?

    ahah..:)))))))

    RispondiElimina
  132. Wewe scrive
    Cosa direbbe di "lungo"? Se per un'affermazione non hai riscontri cosa vuoi fare, andare contro l'evidenza?
    Se qualcuno afferma che gli asini volano, come fai a dimostrare che invece non volano?
    Hai due modi:
    1) Il metodo scientifico: prendi 1000 asini e li osservi. Noterai che su 1000 asini nessuno vola. Concludi che nessun asino vola.

    2) L'evidenza: compri un asino e lo osservi per più tempo possibile, non vola. Lo spingi, lo tiri, lo sollevi ed ancora non vola. Poi lo lanci da un dirupo (poverino...) e lui invece di volare si sfracella. Trai la conclusione preliminare che verosimilmente gli asini non volano. Compri un altro asino, poi un altro ancora. Fai le stesse prove. Le ripeti per altri dieci asini, poi per altri 50. Tutte le osservazioni basate sull'evidenza concludono che gli asini non volano.

    Hai raggiunto quindi due risultati importanti: hai dimostrato che chi affermava che gli asini volassero aveva torto.
    Hai fatto schiantare 63 asini. E' il prezzo della scienza.


    Wewe, scusa se te lo dico, ma sarà forse il troppo caldo di questi giorni, ma credo che tu non abbia capito proprio nulla del mio ragionamento .... Di pietro direbbe "ma che ci azzecca" io sono certo che lo stai facendo apposta invece .

    Il discorso degli Asini non c'entra nulla con le mie affermazioni dove dicevo - in sostanza e ribadisco - che Voi medici , vi affidate solo a quanto trovate sulla letteratura medica o in prove scientifiche fatte da altri !!!

    Sarò più chiaro: Voi avete l'abitudine o comodità o la compiacienza di DELEGARE altri (i Vs,. superiori per intenderci: cioè le case farmaceutiche che sfoderano almeno il 90 / 95 % della ricerca) e di fidarvi ciecamente ... con quasi timore all'obiezione di quanto loro ridigono ... dettano ... ordinano .

    Io mi sentirei uno schiavo .... un medico dovrebbe essere colui che cura secondo scienza ma soprattutto secondo coscienza .

    Quindi io ti dico : ho visto coi miei occhi persone migliorate non tanto ma tantissimo con l'uso di questo prodotto (questa volta non voglio far nomi) , di questa sostanza . e questo non è come dire che gli asini volano o che i prati sono blu .... perchè tu non puoi avere la certezza che questa mia affermazione siano una bufala.

    Tu che fai ????

    Giri in rete .... sfogli libri ed enciclopedia e se non trovi riscontro "in prova scientifica" ... mi dici a scelta una delle Vs. simpatiche frasi ??? (tra cui ... non posso fidarmi sulla parola .... una rondinella non fa primavera .... sei un ciarlatano .... devi darmi la prova scientifica ...ecc ...ecc) ?????

    Oppure ...secondo te sarebbe più ragionevole dire : (?)

    Però ... interessante , mi piacerebbe approfondire questa cosa . Se puoi spiegami meglio la tua esperienza e poi io faccio delle verifiche e magari provo, considerando che la sostanza non è tossica e non ammazza nessun asino

    RispondiElimina
  133. Esatto WeWee...rimuoverli tutti è cosa giusta se vogliamo esser paritetici! Poi fai come ti pare.

    RispondiElimina
  134. @ Davide:

    Bene, hai diritto di chiedere la cancellazione dei post, quindi tutti eliminati. Ottima idea quella di scrivere un commento di 50 righe per poi farlo cancellare per un insulto.
    Vedi tu cosa è meglio fare.

    RispondiElimina
  135. @Davide:
    Io prendevo il Mepral 20mg (IPP) per la gastrite cronica...[...] Da quando ho preso l'Esopral *stessa quantità* non ho mai avuto più nessun disturbo..cosa è cambiato? Ogni corpo è diverso mi sentirò dire scommetto...
    Effettivamente e' cosi' . Si potrebbe eccepire circa le scelte di madre natura ma il fatto e' che le cose stanno proprio cosi': il mondo dei viventi e' il regno della variabilita'.
    Quando si dice ad es. che un trattamento funziona poniamo nel 60% dei casi, non significa che la tua probabilita' di guarigione e' del 60%, ma che estraendo a caso da una popolazione molto ampia si ha una probabilita' del 60% che l'individuo estratto sia tra coloro che hanno beneficiato del trattamento.
    Questa deriva direttamente dalle leggi della probabilita', sviluppate fin dal '700 inizialmente per descrivere le regolarita' osservate nei giochi d'azzardo e poi applicate su *gruppi* di individui e non per predire le caratteristiche o il divenire dei singoli.


    che hanno avuto il medsimo problema ovvero che il Mepral non faceva loro un tubo... ora... mettiamo che il Mepral sia poco efficace...intanto viene venduto..e quando e se lo toglieranno...nel frattempo si saranno fatti una bella grana
    Per sapere se il Mepral e' poco efficace rispetto ad altri IPP, avresti dovuto o informarti prima leggendo la letteratura scientifica o, in assenza di una competenza specifica ahime', chiedere a qualcuno di tua fiducia. Ma per le leggi di cui sopra, nessuno avrebbe potuto garantire che tu saresti stato tra coloro che avrebbero beneficiato dell'effetto di quel particolare IPP.
    Nel mio caso specifico (ho fatto anch'io uso degli IPP) mi sono fidato delle mie conscenze ho preso altra molecola, che non era tra quelle consigliate dla mio medico. E' evidente che le stesse leggi della probabilita' che valgono per te valgono anche per me: nessuno poteva garantirmi, ne il mio medico ne le mie conoscenze, che la mia scelta sarebbe stata migliore della sua.
    E per finire d rispondere alle tue osservazioni: certo che ci avranno gaudagnato dalla vendita dei Mepral, ma qualcuno ci avra' guadaganto anche in salute. La frode ovviamente sarebbe solo nel caso in cui si dimostrasse che l'efficacia del Mepral non e' statisticamente diversa da quella di un placebo o nel caso si dimostrasse che tutti coloro che in passato hanno condotto studi indipendenti sul Mepral abbiano volontariamente taroccato i risultati.

    RispondiElimina
  136. @ Riccardo:

    Voi medici , vi affidate solo a quanto trovate sulla letteratura medica o in prove scientifiche fatte da altri !!! .

    Pensi sia possibile per una persona (medico) che lavora, impiegare le sue ore a fare sperimentazioni e ricerche quando c'è chi lo fa per lavoro/passione?
    Ci vai tu domani in ospedale al posto mio?
    Tra parentesi: un medico compie ogni giorno un passo avanti nella sperimentazione. Già detto: un farmaco che funziona, funziona.

    i Vs,. superiori per intenderci: cioè le case farmaceutiche .

    Non prendo soldi dalle case farmaceutiche, quindi non si tratta di miei superiori. E' una tua illazione, anche grave.

    Voi avete l'abitudine o comodità o la compiacienza di fidarvi ciecamente ... con quasi timore all'obiezione di quanto loro ridigono ... dettano ... ordinano . .

    Mi dispiace, hai visto troppi film complottistici. Non mi riconosco per niente nel tuo ritratto, come non riconosco nessuno dei miei colleghi che conosco meglio, nel quadro che hai descritto. Cambia tono.

    Io mi sentirei uno schiavo .... un medico dovrebbe essere colui che cura secondo scienza ma soprattutto secondo coscienza . .

    E' quello che cerchiamo di fare ogni giorno. Anche io mi sentirei schiavo di chi getta un'esca fasulla per farmi abboccare. Ed io abbocco in pieno. Più schiavo di così...

    Quindi io ti dico : ho visto coi miei occhi persone migliorate non tanto ma tantissimo con l'uso di questo prodotto .

    Bene. Forniscimi dei riscontri. Non posso chiedere altro.

    O pretendi che curi la gente con le proposte che mi arrivano ogni giorno in mail?
    Ieri mi hanno proposto l'infallibile guarigione dal cancro con polvere di ossido di ferro (ruggine, in pratica), efficacia 99%. Mi manderanno un resoconto, dicono loro...secondo il tuo punto di vista, io domani dovrei somministrare al primo malcapitato che vedo, un po' di ruggine dicendogli che qualcuno, via mail, mi ha garantito che guarisce dal cancro.

    Giri in rete .... sfogli libri ed enciclopedia e se non trovi riscontro "in prova scientifica" ... mi dici a scelta una delle Vs. simpatiche frasi ??? .

    La frase simpatica è una e solo una: le prove.
    Torno a fare l'esempio dell'asino?
    Le prove. Non curo la gente con le parole ma con i fatti. Le prove, quelle che vuoi, ma che siano P R O V E.

    Tra parentesi, quando mi propongono una "cura", spesso mi inviano anche dei testi da consultare...li leggo con curiosità, cerco di capire cosa hanno da dire...
    Ti stupirà sapere che i testi che mi inviano sono quasi sempre ridicoli.
    Ultimamente è successo che per una sostanza (per la quale presto scriverò un articolo) che mi sembrava avere un blando effetto, dopo la lettura del materiale inviatomi da un "sostenitore", tutto il mio entusiasmo, anche se poco, è diventato delusione. Quattro parole scopiazzate senza capo nè coda, banalità, affermazioni contraddittorie e, naturalmente, nessun fatto.
    In pratica le stesse persone che sostengono una cura alternativa, la smontano...e non è la prima volta...
    ;)

    RispondiElimina
  137. @Davide:
    Quale placebo e per quale malattia ?
    Mi pare una generalizzazione troppo ampia.

    Infatti si parla in genere Max...visto che
    WeWee afferma che farmaci che non hanno efficacia in commercio non ce ne stanno.


    La generalizzazione era riferita a quel generico e medio 25% di efficacia del placebo.
    Cosa c'entrano i farmaci ?
    Se credi che WeWee sia in errore asserendo che non esistono farmaci inefficaci in commercio allora quel 25% cosa dovrebbe essere, tutto effetto placebo o un valor medio ottenuto da farmaci efficaci e placebo ?
    Fermo restando che non hai detto da dove hai tirato fuori quel 25%.

    E poi quali sarebbero i farmaci in commercio di tua conoscenza che non sono efficaci ?

    RispondiElimina
  138. @Riccardo:
    Voi medici , vi affidate solo a quanto trovate sulla letteratura medica o in prove scientifiche fatte da altri !!! .

    Be', ognuno e' libero di pensare e fare quello che meglio crede per carita', ma a me, personalmente, un medico che mi proponesse un trattamento con prove di efficacia scovate affidandosi alla cabala occidentale ...ecco..francamente non dico che potrebbe avere avuto una botta di c...o ma francamente io non vorrei essere tra i suoi pazienti.
    Tra l'incertezza della cabala, il passaparola e gli amici al bar io preferisco di gran lunga l'incertezza della scienza. ;-)

    RispondiElimina
  139. Wewe non metterti al centro del mondo ! Non è il caso !

    Non sto parlando di te (solo) ma stò cercando di farti comprendere il mio punto di vista (più ampio) sulla ("vs") mentalità dei medici (la maggiorparte ...non tutti) .

    Ti ho detto e ripetuto che io (ma nemmeno un medico penso lo possa fare) non può fornirti alcuna prova ...se per prova intendi prova scientifica !!!

    Se ci fosse un pochino più ...non dico di fiducia ... ma di rispetto e considerazione , allora potrei fornirti le mie prove (non scientifiche) . le vuoi ??? Te le avevo gia offerte ... ma mi hai deriso !!!

    Dimmi cosa devo darti ?

    Gli esami ? prima e dopo ? e quando li hai visti ? cosa pensi che tu possa dirmi ?

    devo, per caso , riscriverti le frasette simpatiche ???

    Ecco il vostro muro di gomma a cosa porta .

    Se io faccio il geometra .... può venirmi una idea di come far funzionare in modo differente e più efficace un impianto elettrico .... ma per farlo devo necessariamente rivolgermi ad un elettricista , che porrà in essere tutti gli accorgimenti del mestiere ... e poi forse mi ringrazierà per avergli suggerito una dritta , che gli farà migliorare i suoi prossimi impianti ....

    Insomma è tanto difficile da capire ???

    Rispondo a Max .

    Vedi max , io ho questa idea :
    La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse .... alla fine crepano cmq tutti ...al di là di ogni vs considerazione ... la realtà è che di cancro si crepa ancora e molto ... quindi per me tutto ciò rappresente un fallimento e non ... l'incertezza della scienza . Solo che questo fallimento EVIDENTISSIMO (e come no ?) solo perchè ha la veste ufficiale .... allora viene venduto bene e alla grande !!!

    Credo sia un discorso mentale più che altro : pochi hanno o avrebbero il coraggio di andar contro corrente (rispetto all'ufficialità) ed è questo che regge ancora il gioco ... capisci ?

    Wewe .. ancora una cosa :
    Per quella sostanza cosa ti ha deluso ? Sentiamo ... non hai trovato supporto sui libri di testo ? Non ci sono ricerche positive delle big pharm ? non hai trovato prova scientifica ? ma questa sostanza , l'hai forse vista dal vero ? magari l'hai provata ? o ti sei limitato forse a leggere quanto ti ha mandato quel sostenitore .... ? chissà magari lo ha scritto il figlio di 7 anni ... ti basta così poco, per sentenziare ???

    Hai provato a vedere se qualcuno ne trae davvero giovamento (con i tuoi occhi intendo) ?

    Chiudo con una frase del Gran Renè

    .... manichini , nelle mani di chi è manichino già ....

    RispondiElimina
  140. rispondo al mio amico Riccardo ,non volevo ma me li ha tirate fuori con le pinze queste 4 parole :
    ringrazio quell'ufficialità medica tanto denigrata ,ogni giorno della mia vita,grazie a quell'ufficialità fatta di medici chirurghi e ricercatori ,sono qui a scrivere, dopo quasi 18 anni ,reduce da un'asportazione di entrambe le ovaie in stato d gravidanza ,per un carcinoma ovarico bilaterale e non basta , ero a 10 settimane di gestazione e nonostante TUTTO la mia splendida figlia è nata .
    Grazie alla scienza sono salva,la quale ha permesso che portassi aventi l' UNICA IRRIPETIBILE possibiltà rimasta di essere madre, e cioè, con un'intervento esemplare ,in cui il mio chirurgo e faccio tanto di nome F.di Re ,si è preso addosso la responsabiltà di rischiare per me ,non sottoponendoni ad un'intervento demolitivo .
    Ho fatto anche chemioterapia successivamente .

    forse mi devo scusare perchè ancora viva grazia alla medicina ???

    RispondiElimina
  141. scusate gli errori:
    rifiuto gli occhiali da presbite ;-)

    RispondiElimina
  142. @Riccardo:
    La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse .... alla fine crepano cmq tutti ...al di là di ogni vs considerazione ... la realtà è che di cancro si crepa ancora e molto ... quindi per me tutto ciò rappresente un fallimento e non ... l'incertezza della scienza . Solo che questo fallimento EVIDENTISSIMO (e come no ?) solo perchè ha la veste ufficiale .... allora viene venduto bene e alla grande !!!

    Le mie considerazioni sono queste:
    che di cancro si muoia e ancora molto e' tristemente noto e vero, che alcuni tipi di tumore siano piu' letali altri e' altrettanto vero, ma che si muoia tutti nonostante le cure un po' meno. E che la lotta al cancro sia un totale fallimento e' una mistificazione: prendiamo ad es. il tumore al seno; negli anni '20-'30 le stime di sopravvivenza a 5,10 e 15 anni erano rispettivamente del 18%,4% e 0.8% per i casi non trattati e del 55%,34% e 22% per i casi trattati [1].
    Nel 2003 le sopravvivenze stimate (in UK) a 5 e 10 anni erano pari a 80% e 72% rispettivamente [2]. A 20 anni dalla diagnosi la sopravvivenza era pari al 64%. Valore da confrontare con quel 22% e 0.8% di cui sopra, neppure a 20 anni dalla diagnosi ma a 15 per i casi trattati e non trattati rispettivamente.

    Per te sara' un fallimento come per molti altri non lo metto in dubbio, ma io alle opinioni preferisco i numeri.
    Quanto all'incertezza della scienza mi riferivo chiaramente al fatto che nessuno puo' garantire nulla a nessuno, se non i dati oggettivi di cui sopra a conforto.

    [1]
    Natural history of untreated breats cancer
    http://www.bmj.com/cgi/reprint/2/5299/213
    [2]
    Breast cancer statistics in UK
    http://info.cancerresearchuk.org/cancerstats/types/breast/survival/

    RispondiElimina
  143. Simonetta hai preso un abbaglio ...vedi a rifiutare gli occhiali ;-)

    Io che come sai soffro di allergia all'ambrosia ... ieri sera dopo l'ennesimo attacco ...ho preso tutto .. ma proprio tutto :

    Antistaminico - Spray orale al cortisone - spray nasale .

    Ma io mica sono contro la medicina o i medici , mica sono contro ai progressi della scienza .

    Ti dico anche che da circa 10 anni soffrivo di coliche renali : una volta all'anno e quando capitava ...di corsa in ospedale .... evvai di voltaren e se non sbaglio pure di ... buscopan .

    Poi finalmente da tre anni a questa parte una buona assunzione giornaliera di acido ascorbico mi ha risolto definitivamente il problema ed ora è proprio 3 anni che non mi vengono più .... e non mi si dica mica ...che è stato il voltaren o il buscopan dei 7 anni precedenti eh ... ;-)

    Simonetta io ce l'ho con la palese ottusità di certi (troppi purtroppo) medici , con l'innalzamento degli scudi innanzi all'ignoto .... vedi anche tu sei stata fortunata a trovare un medico con vedute larghe ... avresti trovato un altro (chissà magari wewe) magari avrebbe deciso di non rischiare nulla ... e chi glielo faceva fare ????

    Sai che molti medici assumono giornalmente Vitamina C ? Quando l'ho scoperto mi son detto .... cacchio e perchè non lo dicono se lo sanno che fa bene al S.i. ???

    Dai Simoentta ... rinforca gli occhiali ;-)

    Ti sei vitaminizzata oggi ? ;-)

    RispondiElimina
  144. Devi ringraziare LA PERSONA simonetta .... LA PERSONA che hai trovato e la fortuna che hai avuto nel trovarla !

    RispondiElimina
  145. E che la lotta al cancro sia un totale fallimento e' una mistificazione: prendiamo ad es. il tumore al seno; negli anni '20-'30 le stime di sopravvivenza a 5,10 e 15 anni erano rispettivamente del 18%,4% e 0.8% per i casi non trattati e del 55%,34% e 22% per i casi trattati [1].
    Nel 2003 le sopravvivenze stimate (in UK) a 5 e 10 anni erano pari a 80% e 72% rispettivamente [2]. A 20 anni dalla diagnosi la sopravvivenza era pari al 64%. Valore da confrontare con quel 22% e 0.8% di cui sopra, neppure a 20 anni dalla diagnosi ma a 15 per i casi trattati e non trattati rispettivamente.


    Nel frattempo la chirurgia ... max ... ha fatto molti progressi !!!

    Fammi esempio su cancro al prancreas .... semmai !

    RispondiElimina
  146. @Riccardo:
    vorrei mettere a confronto queste tue due affermazioni:

    1. La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse [..] quindi per me tutto ciò rappresente un fallimento [..] EVIDENTISSIMO

    2.Nel frattempo la chirurgia ... max ... ha fatto molti progressi !!!

    Ohibo'..forse che la chirurgia non sia a pieno titolo una "cura ufficiale" ?

    e vorrei mettere a confronto anche questa tua:
    Fammi esempio su cancro al prancreas .... semmai !

    con la mia precedente: che alcuni tipi di tumore siano piu' letali di altri e' altrettanto vero
    Senza offesa ma tutto questo mi ricorda da vicino certo modo di scrivere un po' pressapochista di certi "alternativi" (secondo l'accezione negativa del termine di cui avevo dato una definzione precedente): prima si fanno affermazioni generiche e roboanti, poi si cerca di schivare la risposta portando esempi specifici che si vorrebbe far credere fossero stati chiaramente inclusi e percio' esplicitamente taciuti nelle affermazioni generiche precedenti. Mah..

    RispondiElimina
  147. vorrei mettere a confronto queste tue due affermazioni:

    1. La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse [..] quindi per me tutto ciò rappresente un fallimento [..] EVIDENTISSIMO

    2.Nel frattempo la chirurgia ... max ... ha fatto molti progressi !!!

    Ohibo'..forse che la chirurgia non sia a pieno titolo una "cura ufficiale" ?


    LO DICO PER L'ULTIMA VOLTA, poi volutamente ignorerò ogni altra provocazione fuorviante :

    Forse nelle Vs. menti "classificatorie" voi avete la ferma convinzione che io ce l'abbia per forza contro OGNI E QUALSIVOGLIA cura ufficiale !!!

    Bè mi spiace deludervi ma IO non sono quello che qualcuno di Voi vuole farmi apparire .

    Mi dispiace perchè incursioni di questo tipo oltre ad essere radicalmente scorrette, deviano i discorsi importanti ... per questo non risponderò oltre !!!

    RispondiElimina
  148. @Riccardo:
    Forse nelle Vs. menti "classificatorie" voi avete la ferma convinzione che io ce l'abbia per forza contro OGNI E QUALSIVOGLIA cura ufficiale !!!
    Niente affatto. Non io almeno.
    Vedo pero' che hai amabilmente :-) glissato sulla mia domanda:
    forse che la chirurgia non sia a pieno titolo una "cura ufficiale" ?

    RispondiElimina
  149. Senza offesa ma tutto questo mi ricorda da vicino certo modo di scrivere un po' pressapochista di certi "alternativi" (secondo l'accezione negativa del termine di cui avevo dato una definzione precedente): prima si fanno affermazioni generiche e roboanti, poi si cerca di schivare la risposta portando esempi specifici che si vorrebbe far credere fossero stati chiaramente inclusi e percio' esplicitamente taciuti nelle affermazioni generiche precedenti. Mah..

    Max , con tutto il rispetto , ma non mi tiri nella tela del ragno ;-)

    Se non ti è chiaro qualche mio concetto, ti prego , non generalizzare, (puoi farlo con la medicina , essendo io profano in materia e forse tu più abile ed esperto) , ma non con la terminologia .

    Quindi se non ti è chiaro qualcosa , te lo spiego a tu per tu , da vicino , ma così facendo si deviano i discorsi e non si ottengono risposte che possono essere importanti .

    Che non sono un talebano alternativo credo di averlo gia dimostrato !

    Che non sono contro la medicina ufficiale TUTTA , mi pare di averlo gia detto e ridetto .

    Se vuoi confrontiamoci su quello che sono i miei dubbi (già ampiamente esposti) ...chissà che lì , tu possa farmi cambiare idea !

    Utilizzare l'arma di travisare a proprio piacimento i discorsi altrui è cosa tendenziosa e tipica di chi non sa fornire argomentazioni valide innanzi all'evidenza !

    Forse per ogni problematica bisognerebbe aprire un post apposto .... mah ...

    CiaCiao

    RispondiElimina
  150. Vedo pero' che hai amabilmente :-) glissato sulla mia domanda:
    forse che la chirurgia non sia a pieno titolo una "cura ufficiale" ?


    Si max certo la chirurgia è a pieno titolo cura ufficiale !!!

    E quindi ?

    Ora ti prego leggimi bene (sopra) . ok ? ;-)

    RispondiElimina
  151. @Max:

    La frode ovviamente sarebbe solo nel caso in cui si dimostrasse che l'efficacia del Mepral non e' statisticamente diversa da quella di un placebo...

    Chi lo dovrebbe dimostrare ? Non possono esser tutti d'accordo !? Ti sembra così difficile mettere d'accordo gruppi e gruppi di persone quando c'è il dio denaro di mezzo ? E quei pochi invece che non sono corrompibili...che fanno ? Vanno a urlare della potenziale cospirazione ? E chi li ascolta ? Quanti uomini come questi si sono dissociati da meschinità e hanno cercato di invalidare e ostacolare quel meccanismo che si stava edificando....bene...oltre a non esser ascoltati visto la scarsa autorevolezza rispetto alla controparte "corrotta" - e la massa segue le fonti in base all'autorevolezza e non per documentazione scientifica - taluni sono stati anche messi a tacere e hanno taciuto...solo pochi EROI sono andati avanti fino alla morte (cito Falcone e Borsellino che sono i primi che mi vengano in mente nonostante siano di tutt'altro ambito..). In sostanza le masse hanno seguito chi detiente il maggior indice di autorevolezza e quindi ribadisco che se il prof. Veronesi dice che l'aumento del rischio di cancro per via delle nano-particelle è "0", la massa (i più) ci crederanno sul serio. Chi arricchisce questi soggetti in definitiva...i "meno" o i "più" ?

    o nel caso si dimostrasse che tutti coloro che in passato hanno condotto studi indipendenti sul Mepral abbiano volontariamente taroccato i risultati

    Ancora con questo dimostrare ? Ma credi sul serio ancora alla tua età alla favola che tutto ciò che "è" ed esiste o è esistito, sia necessariamente pubblicamente diffuso ? O accessibile al vaglio comune ?

    Ok. Allora mi fai un favore ? Trovami la PROVA CHE LE NANO-PARTICELLE PRODOTTE DAGLI INCENERITORI:

    a) Incidano "0" nell'eziopatogenesi del cancro

    b) Che la loro concentrazione nell'aria - sempre tramite la produzione data dagli inceneritori - sia tale da aumentare o diminuire il rischio che insorga appunto un cancro.

    (segue)

    RispondiElimina
  152. Anche Veronesi stando alla morale delle "prova" tanto declamata qui, SENZA DOCUMENTAZIONE *VALIDA* A SUPPORTO E ALTRETTANTI REFERTI DELLE SUE INDAGINI...la stà sparando grossa dicendo "0" !

    O la legge della prova...per lui non "vale" ?

    Ammesso che quella di Veronesi sia un illazione... indotta da un "accordo" sporco sottostante...io dico: se sono arrivati a corrompere un oncologo di così grande spessore e fama... allora il potere dell'inganno può aver tentacoli davvero molto forti il chè rende ragionevole aver sempre uno spirito abbastanza critico e attento nei confronti di questo famigerato "complotto" e non fare inutile, edulcolorata filosofia solo perchè il nobile fine della ricerca scientifica in ambito medico sia quello di aiutare il prossimo e sè stessi.

    http://www.ecoblog.it/post/7754/veronesi-non-mi-intendo-di-inceneritori-ma-i-miei-esperti-mi-giurano-che-non-fanno-male

    http://www.youtube.com/watch?v=q30ray4fAa8

    http://www.fondazioneveronesi.it/pagina.php?id=93&nome=Partner%20The%20Future%20of%20Science

    http://www.veolia.com/en/

    "Tutte le ricerche che abbiamo fatto...libri e libri..." ....ma DOVE !?!?

    Portatemi le prove di questo... WeWee... apri un post su questo... se non si troveranno evidenze su questo... il "complotto" sarà andato direttamente ad attaccare il pesce più grosso...non di certo a te che a confronto non hai un autorevolezza minimamente paragonabile...ed effettivamente che guadagno ne avrebbero potuto ottenere tentando o corrompendo te ? :D

    RispondiElimina
  153. @Riccardo:
    Si max certo la chirurgia è a pieno titolo cura ufficiale !!!
    E quindi ?


    E quindi mi chiedevo, come gia' esposto in precedenza, il senso di affermazioni quali questa :
    La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse [..] quindi per me tutto ciò rappresente un fallimento [..] EVIDENTISSIMO

    Utilizzare l'arma di travisare a proprio piacimento i discorsi altrui è cosa tendenziosa e tipica di chi non sa fornire argomentazioni valide innanzi all'evidenza !
    Quale evidenza avresti portato a supporto della tua opinione secondo cui le attuali cure ufficiali per il cancro sarebbero un inutile spreco di risorse ?
    Io ho fornito l'esempio e l'evidenza oggettiva che le cure ufficiali non sono un inutile spreco di risorse e non vedo nessun travisamento, a meno che per te il travisare non coincida con il mettere a confronto alcune tue affermazioni apparentemente contradditorie.

    RispondiElimina
  154. @ Davide,

    E allora ? Se la sua percentuale di efficacia è del 5% placebo escluso mica significa che non funziona affatto...funziona...ma molto poco ma lo mettiamo in produzione lo stesso se ha bassi costi di produzione...quando si rendono conto che è poco efficace lo togliamo...intanto...facendo un bilancio fra costi e ricavi...ci abbiamo guadagnato eccome!

    Ehm, ti ricordo che queste sono solo TUE considerazioni su come TU pensi che funzioni l'industria farmaceutica. Quanto al farmaco che prendevi e che non ha avuto efficacia su di TE, ogni organismo reagisce in maniera diversa, e sai che si fa quando il farmaco non ha avuto effetto? C'è anche scritto sul bugiardino di qualsiasi medicinale CHIEDERE AL PROPRIO MEDICO, sicuramente molto prima che vengano prodotti danni come un'ulcera, il corpo umano non è un televisore, che ripari il pezzo rotto e funziona come prima, può darsi che TU possa essere intollerante ad una determinata sostanza e che quindi hai bisogno di un farmaco diverso che però agisca nello stesso modo. Da qui a fare tutto il ragionamento arbitrario e confusionario che fai, ci sta una distanza grande come quella tra la Terra e il Sole.

    RispondiElimina
  155. @Grezzo:

    è molto più ragionevole quanto scritto da Max piuttosto che quanto hai appena scritto te, che puzza di un "retorico" incredibile.

    può darsi che TU possa essere intollerante ad una determinata sostanza e che quindi hai bisogno di un farmaco diverso che però agisca nello stesso modo

    Leggi quello che scrivo prima di caricare i fucili: è un evidenza che ho ottenuto confrontandomi con tutti coloro che ho conosciuto che usano il Mepral (40 persone circa fino ad oggi in totale)...certo mica è sufficiente ad affermare che il farmaco non funzioni proprio visto le statistiche... ma non è nemmeno escluso che magari sia "acqua fresca" rispetto a quello che dovrebbe essere e che possa esser stata una strategia aziendale per fare grana....e finiamola di dire "prove" e "prove"...solo pochi lo saprebbero se dovesse esser realmente così e anche se leggessi qualcosa su internet avrebbe sempre una valenza relativa quei pochi stanno zitti perchè ognuno si guarda il proprio culo e il proprio posto di lavoro ! Magari poi qualcuno che prende il Mepral guarisce per cazzi proprio e non per via del Mepral e dice che il Mepral ha funzionato...egli come tanti...quindi il Mepral continua ad esser venduto indisturbato sostenuto da questa dinamica e se non funziona sarà ragionevole dire: "Non siamo tutti uguali.."!

    RispondiElimina
  156. @Riccardo, la cura per il cancro è un fallimento? Davvero? Grazie, mio lulluminatissimo scienziato, corriamo a dirlo a tutti i malati di cancro, lasciamoli morire subito, che è un inutile spreco di risorse, vuoi farlo tu? Che dici, se a uno gli dici "guarda, se ti curiamo puoi vivere almeno altri dieci anni" quello che ti risponde "sì, ma tanto prima o poi devo morire, c'ho anche un pò di fretta, quindi se mi vuoi dare una pistola la faccio finita qui e subito"? Sarà un'inutile spreco di risorse per TE che magari sei sano come un pesce e non te ne sbatte nulla, e al pari di quelle di Davide sono solo TUE considerazioni senza capo nè coda fatte senza cognizione di causa non essendo nè medico nè ricercatore.

    RispondiElimina
  157. Per Max

    Ok Max , ti faccio contento ;-) .

    Quando ho detto "l'attuale cura ufficiale contro il cancro" mi riferivo alla CHEMIO-PRATICA !

    Adesso, chiarito ciò, ti pregherei di porre altrettanta attenzione, a quelle che sono ... le mie domande !!!

    Mi vuoi rispondere tu o aspettiamo Wewe ?

    RispondiElimina
  158. E certo, di nuovo con la prova del pinco pallino ho parlato con 40 persone che hanno usato il Mepral e dall'alto di quale competenza medica sei giunto alla conclusione che detto medicinale non serva a nulla? Ma diciamolo a tutte le università, allora, i corsi di laurea in medicina non servono a nulla, basta Davide a spiegarci come funzionano le cose!

    RispondiElimina
  159. Per Grezzo:

    Certo io non sono ne medico ne ricercatore, m a questo è un blog aperto a tutti ...mi pare !

    Ci vuoi per caso far conoscere i tuoi titoli, oltre quello di "villano" ? ;-)

    Ed ora ti rispondo .

    Quando parlo di ufficiale cura e fallimento mi riferisco alla CHEMIO-PRATICA e non alla chirurgia (unica fonte di speranza per i malati ... forse )

    Caro, dovresti sapere o almeno avere il ragionevole dubbio , che la chemio-pratica sia davvero o meno , una cura , che essa ti conduca ad una aspettativa di vita (in termini temporali ...e di che altro sennò !) migliore .

    Secondo me invece la chemio-pratica ti fa schiattà ... prima ... molto prima e soprattutto in modo peggiore , e con atroci sofferenze ed inutili speranze !

    Meglio nulla piuttosto .

    Cmq ... se lor signori da quasi un secolo non salvano ancora con la chemio-pratica le persone realmente malate di cancro ... sarebbe ora che si levassero dai C..... e lasciassero spazio a qualsiasi altra proposta ...sia esso Di bella (che ha proposito non è per nulla vero che hanno fatto sperimentazione secondo sue istruzioni e sotto la sua egida) ... sia esso Simoncini ...sia esso il sig. Rossi .... sia esso Wewe ... se avesse qualche idea migliore !

    CiaCiao ... a domani

    Buona salute a tutti .... assumete giornalmente Vitamina C per aver un buon Sistema immunitario e per esserre sani come un ...pesce !

    CiaCiao

    RispondiElimina
  160. Manco avete di quanta gente s'ingegna e non dorme la notte per pensare a come fare più soldi!

    Piccolo scorcio: Un mio amico ad esempio ha lavorato per un periodo nei sistemi della vodafone che gestiscono tutto il traffico e lo smistamento delle chiamate; attraverso delle soffiate tramite alcune conoscenze che ha stretto nell'ambito ha avuto modo di verificare che esperti che di stampo più alto che si occupavano della progettazioni dei sistemi, implementavano algoritmi ben precisi mirati a bloccare le chiamate ogni tot di tempo/tentativi, addebitare il doppio dello scatto ogni tot di tempo/chiamate ad intervalli casuali; io stesso quando me lo raccontò iniziai a verificare tabulati a manetta, quanto meno per mia spassionata curiosità, constatando che seppur in modo molto casuale....c'erano occulte incongruenze di centesimi!
    Chiamai per chiedere spiegazioni: di fronte all'evidenza negavano o alcuni non sapevano che dire..(classici call center). Il tutto si concluse in una bolla di sapone (come tante altre cose del resto). Moltiplichiamo quei centesimi detratti a me per n persone = miliardi in più in cui ogni cospiratore ha la sua fetta. Se poi qualcuna si ribella, gli facciamo un rimborso di 100 euro e si stà zitto!

    Volete i tabulati ora ? :D

    RispondiElimina
  161. @Davide:
    Ti sembra così difficile mettere d'accordo gruppi e gruppi di persone quando c'è il dio denaro di mezzo ? Per mie esperienza diretta (hai chiesto questo ed e' la seconda volta che ti rispondo): si.

    E quei pochi invece che non sono corrompibili...che fanno ? Vanno a urlare della potenziale cospirazione ?
    No: se sono ricercatori fanno ricerche oneste. Se non lo sono (ricercatori) vanno a urlare della potenziale cospirazione dentro i blog.

    E chi li ascolta ?
    I primi ? Coloro che hanno gli strumenti per poter distinguere uno scienziato da un incompetente, i secondi tutti coloro che navigano su internet.

    Ancora con questo dimostrare ?
    Prendila come una mia ubbia: ma a tante chiacchere, ipotesi ed iperboli preferisco questo.

    Ma credi sul serio ancora alla tua età alla favola che tutto ciò che "è" ed esiste o è esistito, sia necessariamente pubblicamente diffuso ? O accessibile al vaglio comune ?
    Assolutamente no, ma a differenza tua sembra che io abbia gli strumenti per capire e scegliere tra tutto cio' che e' pubblicato e che conosco cosa e' fuffa e cosa verosimilmente no. E che ad es. le aziende farmaceutiche quasi mai pubblichino ricerche volta a dimostrare l'inefficacia di un nuovo trattamento e' cosa nota.: questo si che rappresenta un vero spreco di risorse poiche' non viene reso noto cio' che potrebbe far risparmiare anni e soldi ad altri per arrivare ai medesimi risultati negativi.
    Per quel che riguarda i risultati di altre ricerche mai pubblicate su trattamenti piu' efficaci rispetto agli attuali a cui sembri far riferimento, sembra invece che tu la sappia molto lunga ma non sia ancora riuscito a produrre neppure una pubblicazione rimasta nel cassetto di qualche ricercatore disonesto.


    Ok. Allora mi fai un favore ? Trovami la PROVA CHE LE NANO-PARTICELLE PRODOTTE DAGLI INCENERITORI:
    a) Incidano "0" nell'eziopatogenesi del cancro

    be' posso provare a fare una ricerca bibliografica, non saprei che dire altrimenti su questo come gia' ti dissi in altro post in modo piu' stringato. Ma immagino che tu ne abbia gia' fatte piu' e piu' volte e non ne abbia trovata nessuna. Magari hai ragione e non ne esistono, non dico di no, magari qualcuno non le ha ancora pubblicate, magari non hai usato le parole chiave piu' appropriate nella tua ricerca.

    RispondiElimina

  162. E certo, di nuovo con la prova del pinco pallino ho parlato con 40 persone che hanno usato il Mepral e dall'alto di quale competenza medica sei giunto alla conclusione che detto medicinale non serva a nulla? Ma diciamolo a tutte le università, allora, i corsi di laurea in medicina non servono a nulla, basta Davide a spiegarci come funzionano le cose!


    E' molto più sensato il ragionamento di Davide che questo tuo !

    Certo Davide potrebbe essere uno squallido mentitore .... chi ce lo dice ? Ma quantomeno ha suonato un campanello di allarme importante che varrebbe la pena di verificare .... no ?

    Davide .... mettiti il cuor in pace .... o ti procuri na prova scientifica o .... taci ;-)

    Buona salute a tutti .... assumete giornalmente Vitamina C per aver un buon Sistema immunitario e per esserre sani come un ...pesce !

    RispondiElimina
  163. @Riccardo

    ...secondo me

    ecco, i punto è questo, tutto quello che dici dopo questa frase non serve a nulla, lo capisci o no questo? Non sei un medico? Quindi è una TUA opinione, io, non essendo medico, non do alcuna opinione medica, punto, quando smetti di dire secondo me quando parli di medicina,, forse si può intavolare un discorso.

    RispondiElimina
  164. @Grezzo:

    E certo, di nuovo con la prova del pinco pallino ho parlato con 40 persone che hanno usato il Mepral e dall'alto di quale competenza medica sei giunto alla conclusione che detto medicinale non serva a nulla?

    Ma sai leggere ??? Ma come diavolo leggi le cose ? Ma perchè non impari a leggere ?

    Io ho messo in campo i miei sospetti..non ho detto che è così!!!

    Vedi come si travisano le cose ? Si prende quello che più interessa, si modifica nella propria testa in base al risultato che si vuole ottenere - in questo caso puntare a tutti i cotsi il dito - e poi lo si schianta addosso all'interlocutore. Impara a non operare filtraggi di alcun tipo quando leggi.

    @Riccardo:

    Mi dispiace ma qui dissento ma convengo *stranamente* e mal volentieri, con Grezzo. Se becco un cancro vorrei morire più tardi possibile...la scienza mi aiuta a questo e va benissimo; solo se arrivo al punto di crepare di dolori vorrei morire subito...e la scienza mi aiuta anche in questo con la morfina (anche se io conserverei una pistola nel cassetto...:)).

    Riuscire a vivere più a lungo e/o alzare la probabilità di debellare completamente un tumore per un tempo più lungo possibile è un passo scientifico notevole... poi se lo relazioni alla panacea non è un cazzo...ma siccome la panacea non esiste, allora è tremendamente qualcosa!

    RispondiElimina
  165. @ Riccardo, non è un campanello d'allarme che deve suonare qui, se vuole suonare un campanello d'allarme deve rivolgersi al ministero della sanità su dubbi riguardanti un farmaco che viene venduto anche in Italia, suonarlo qui è come suonarlo al vento, lo capisci o ti faccio un disegno?

    RispondiElimina
  166. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  167. @Davide
    Vedi come si travisano le cose ? Si prende quello che più interessa, si modifica nella propria testa in base al risultato che si vuole ottenere - in questo caso puntare a tutti i cotsi il dito - e poi lo si schianta addosso all'interlocutore. Impara a non operare filtraggi di alcun tipo quando leggi.

    Hai le idee un pò confuse, questo è esattamente quello che fai tu quando parli di medicina. Dove sono finite le "mille domande" che saggiamente uno si deve porre? Finora hai fatto solo affermazioni arbitrarie senza capo nè coda basandoti su ragionamenti assai contorti su come funziona l'industria farmaceutica.

    RispondiElimina
  168. @Riccardo:
    Quando ho detto "l'attuale cura ufficiale contro il cancro" mi riferivo alla CHEMIO-PRATICA !
    Certo e' un po' come dire che tutte le auto non inquinano per poi dover specificare che si intendeva solo quelle a idrogeno :-)))

    Adesso, chiarito ciò, ti pregherei di porre altrettanta attenzione, a quelle che sono ... le mie domande !!!
    Mi vuoi rispondere tu o aspettiamo Wewe ?

    No no, dovrai aspettare domani per via di altri impegni, ma se nel frattempo volessi porre le domande qui sotto sarebbe cosa gradita, visto che inizio a predermi un po' tra tutti i post ;-)

    RispondiElimina
  169. Buona salute a tutti .... assumete giornalmente Vitamina C per aver un buon Sistema immunitario e per essere sani come un ...pesce !

    scusate la pignoleria , ma mi era uscito ...essere con due erre ... chissà mai qualcuno ne approfittasse per darmi dell'ignorante ! ;-)

    RispondiElimina
  170. @Riccardo
    il fatto di dire quel .... secondo me .... che ti da tanto fastidio , significa aver una mente aperta e lasciar spazio ad altre eventuali teoria ...semmai ce ne fossero ... da parte di altri interlocutori .

    Il mio nick l'ho scelto così perchè non mi piacciono i girti di parole, quello che tu chiami "mente aperta" è semplicemente avere una mente fortemente inutile, in quanto fare ipotesi qualsiasi su una materia che non è di nostra competenza è come dare aria alla bocca e basta. All'età della pietra si parlava di secondo me oggi invece è sostituito dal così è perchè è stato dimostrato che ti piaccia o meno, tutto il resto è chiacchera di nessun valore, lo capisci o ti faccio un disegno?

    RispondiElimina
  171. Macchine ad idrogeno sono praticamente inesistenti ..... malati di cancro sottoposti a chemio ... credo sia la quasi totalità dei casi ....

    Max ... riprovaci , sarai più fortunato ;-)

    Buona salute a tutti .... assumete giornalmente Vitamina C per aver un buon Sistema immunitario e per essere sani come un ...pesce !

    RispondiElimina
  172. @Grezzo:

    Esatto bravo! Sono parecchio confuso e cerco di dissolvere ogni dubbio non facendo affermazioni a differenza di come dici tu... che fai filtraggi...magari manca l'intonazione...ma porre quesiti e sospetti facendo appello alla probabilità che possa anche essere in un determinato anche se..."marcio"...significa aver esaurito di porsi domande?

    Anzi in certe cose trovo molto obiettivo Max - nonostante le controversie - che mi ha fatto delle osservazioni attendibili su cui credo valga la pena di riflettere almeno un pò.

    RispondiElimina
  173. No Davide, tu hai dei dubbi (che poi dimostri che dubbi non sono) e cerchi di dipanarli inventandoti le cose, scrivi un romanzo, se ti piace inventare trame da film.

    RispondiElimina
  174. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  175. @Riccardo:
    Macchine ad idrogeno sono praticamente inesistenti ...malati di cancro sottoposti a chemio ... credo sia la quasi totalità dei casi ....
    auff...era un esempio in relazione al senso della tua precedente affermazione :-))
    E per inciso non mi risulta proprio che la quasi totalita' dei malati di tumore venga sottoposta a chemioterapia. Sicuramente esiste una variabilita' maggiore tra centro che entro centri, ma che questa sia la regola proprio non mi risulta.

    @Davide:
    se su 40 soggetti tutti affetti dalla stessa patologia nessuno dici ha sortito nessun minimo effetto io un pensierino per una segnalazione all'ISS lo farei. Certo dovresti farti consigliare su quali dati raccogliere di quei 40 e dovrebbero naturalmente essere tutti disposti a fornirti una delibera... e certo che 40 tra amici e conoscenti tutti affetti dalla stessa patologia, tutti trattati con lo stesso farmaco devi averli proprio cercati...
    :-) Certo oltre al numeratore bisognerebbe aver un opportuno denominatore prima di chiamare in causa l'inefficacia. Certo anche la sfiga vuole la sua parte ma tanto piu' bassa e' la probabilita' (p) di un evento tanto piu' alto e' il coefficiente di sfiga (1/p) :-))
    Tanto per alleggerire la giornata a tutti ;-)

    RispondiElimina
  176. XGrezzo

    Non basta lustrare le scarpe se poi non si hanno le competenze per discutere su determinati problemi.

    Hai fatto la figura che meriti.

    Impara da Max che lui in fatto di figure è un campione (la stessa pasta!).

    Ho letto alcuni dei tuoi commenti, ad un certo punto sono degli spudorati copia ed incolla di frase dette dai vertici del sito.

    Ma non disponi di libero arbitrio e di idee proprie?

    RispondiElimina
  177. @ Antonello, il libero arbitrio è cosa ben diversa da quello che dici tu, il libero arbitrio si conquista in un determinato campo solo con la conoscenza, cosa che TU non hai, al pari mio, quello che posso dire io, è solo quello che leggo su siti specialistici e scientificamente approvati, e non essendo un medico non posso certo onfutarli, la tua, invece, è la patetica pretesa di avere voce in un capitolo sul quale sei completamente ignorante, esattamente come sono ignorante io in medicina.

    Lustrare le scarpe? E a chi, solo perchè non faccio l'alternativo e il complottista sono un conformista? Faccio anche a te la domanda fatidica, ma non ti viene mai in mente che invece sei tu a prendere abbagli e non gli altri?

    RispondiElimina
  178. XGrezzo

    "Faccio anche a te la domanda fatidica, ma non ti viene mai in mente che invece sei tu a prendere abbagli e non gli altri?"

    Ma di quale abbaglio stai parlando?

    Che veronesi ha dichiarato che dobbiamo stare attenti alle patate ed al basilico che sono cancerogeni molte volte di più delle polveri sottili?

    Perchè non me lo spieghi con parole tue che l'amianto è meno pericoloso del basilico!

    Oppure che lo smog non incide sulle cause per il cancro!

    Sono in attesa di una risposta a queste semplicissime domande.

    RispondiElimina
  179. @ Antonello

    e che cosa vuoi che ti dica? Che Veronesi ha ragione? Torto? Ti ho già spiegato che nè io nè tu possiamo affermarlo, lui dice una cosa, altri studi invece dicono tutt'altro, embè? Collegalo con il discorso che si era intavolato, please, altrimenti non si capisce 'na mazza di cosa stai dicendo.

    RispondiElimina
  180. XGrezzo

    Altri studi?

    Praticamente ci hanno tritato per bene con la scusa dello smog, le polvere sottili, l'inquinamento atmosferico, dopodichè arriva Veronesi (un signore di passaggio) dice che dobbiamo stare attenti, alle patate, al mais, al basilico, ecc. però guarda caso, se questi alimenti sono OGM allora possono andare!

    Guarda caso gli inceneritori non sono pericolosi...

    Ma ti rendi conto che chi ha detto queste cose è il massimo esponente italiano della lotta contro i tumori?

    Mi vuoi fare capire se poi non è legittimo cominciare a coltivare qualche dubbio?

    Tempo fa avevo sottoposto all'attenzione la truffa dell'Avastin impiegato nella chemioterapia un giro per centinaia di miliardi di euro, effetti collaterali sui malati terrificanti, morti accellerate, dopodichè tutto normale...

    Vuoi un consiglio? sei una mente libera, non leggere solo quello che dicono da una parte, troverai tante cose vere, ma sono solamente quelle che vogliono farti trovare.

    Non esiste un'altra parte da leggere, esisti solo tu e la tua capacità di capire secondo la tua convenienza, che è quella di avere una cura per le malattie e non quella di essere un consumatore di farmaci.

    RispondiElimina
  181. Ancora, ti ripeto che il fatto che non faccio l'alternativo o il complottista non significa affatto che io abbia una mente dipendente da èpreconcetti e altre minchiate, pronto? c'è qualcuno in linea? Consumatore di farmaci? Sarà almeno un anno che non prendo neppure un'aspirina, perchè sono perfettamente sano, fortunatamente, pur non facendo uno stile di vita propriamente raccomandato, ciononostante sono consapevole che in caso di bisogno avrei bisogno di medicine, non di chiacchere, e di certo me le farei prescrivere da un medico, non da un pinco pallino.

    RispondiElimina
  182. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  183. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  184. Grazie per le belle parole di stima, Davide, ne farò tesoro.

    RispondiElimina
  185. XGrezzo

    Mi sono perso qualcosa! non è che potreste farmelo rivedere?

    Ok! Grezzo, cambiamo atteggiamento per capirci meglio, tanto siamo ignoranti in medicina ambedue e possiamo permetterci questo ed altro.

    Se qualcuno ti dicesse che prendendo un prodotto naturale invece dell'aspirina tu lo faresti sapendo di ottenere lo stesso effetto?

    RispondiElimina
  186. XGrezzo

    La frase giusta è: Prenderesti un prodotto naturale, invece dell'aspirina, ottenendo lo stesso beneficio?

    RispondiElimina
  187. XWeWee

    Tempo fa avevo chiesto in maniera molto umile e sottomessa se sapevate qualcosa su quel ricercatore Giapponese che sostiene di aver trovato la cura per l'AIDS, con possibili applicazioni sul cancro.

    Praticamente mi avete ignorato, poichè questo argomento potrebbe rientrare nella discussione che hai aperto, potrebbe essere anche una maniera per rientrare nei ranghi con argomenti più idonei invece della eterna querelle tra M.U. e M.A. ecc.....

    RispondiElimina
  188. @ Antonello, se questo qualcuno è un medico sì, altrimenti continuo con l'aspirina, di cui non sono certo ingordo, non sono uno spasmodico consumatore di farmaci. Se la medicina, con secoli di progresso scientifico alle spalle, che ha permesso una mortalità bassissima rispetto anche a solo un mezzo secolo fa mi dice che l'aspirina è comunque meglio di quel rimedio naturale, e che quel rimedio naturale anzi non fa nulla, che cosa farei secondo te?

    RispondiElimina
  189. Sig. Antonello, ho letto i suoi commenti ed ho trovato parecchi motivi per condividerli. Ho notato, sicuramente non per colpa sua, che determinate questioni da lei aperte non hanno avuto il meritato sviluppo, spero che alle stesse venga dato maggiore spazio in discussioni future. In particolare mi riferisco alla sua osservazione sulle cause del cancro e della eventuale corresponsabilità da attribuire alle cellule staminali.

    RispondiElimina
  190. @antonello: tre cose veloci veloci:
    1) mi dispiace che tu non creda nell'utilità della prevenzione, perché se è vero che non tutti quelli che fumano hanno il cancro ai polmoni e che anche i vegetariani sviluppano cancro al colon, è anche vero che la percentuale è a sfavore dei primi e a favore dei secondi: Certo che esistono i vegetariani con il tumore al colon, ma sono meno rispetto agli onnivori, e certo che ci sono fumatori che non hanno il cancro ai polmoni, ma tra quelli che hanno il cancro ai polmoni i fumatori sono i più numerosi, quindi prevenzione innanzi tutto.

    2) vitamina C e polifenoli non sono farmaci, ma molecole contenute nei cibi: non è nulla di alternativo, è roba che qualunque nutrizionista o dietologo include nelle diete che fa

    3) mi dai un riferimento a quello studio giapponese? Una volta che mi sono informato posso risponderti

    RispondiElimina
  191. XGrezzo

    Tanto per intenderci. Io mi riferisco proprio all'aspirina, non l'ho presa per esempio. E non serve un medico per questo.

    I medici vanno consultati sempre, ma preferibilmente per aspetti di cui si conosce la serietà e non per i normali malori.

    In farmacia le persone si fanno le autodiagnosi perchè confondono i farmaci di libera vendita con la sicurezza derivante dal mancato obbligo della ricetta.

    Sono farmaci sotto tutti gli aspetti.

    Anche la stessa aspirina può avere gravi effetti collaterali.

    L'hai presente la signorina della pubblicità che sorridendo elenca le qualità del farmaco per automedicazione e sempre ridendo dice che il farmaco può avere effetti collaterali anche gravi?

    E' da questa morse che bisogna sfuggire, attribuendo al farmaco la qualifica che ha!

    Il medico non ti dira mai di usare l'Aloe per curarti una infiammazione o una bruciatura.

    Non pensi che sia meglio allontanare dal nostro organismo tutto ciò che sia stato realizzato in laboratorio?

    Internet da la possibilità di conoscere i prodotti naturali ed i loro impieghi, sicuramente non rischi nulla perchè non esistono effetti collaterali equivalenti a quelli dei farmaci e se non ricevi i benefici che ti aspetti puoi sempre ritornare ai farmaci tradizionali.

    Se poi ti serve una persona che abbia le competenze necessarie, penso che anche nella tua città siano presenti le farmacie che vendono prodotti naturali o le erboristerie specializzate.

    RispondiElimina
  192. @ simonetta:

    grazie della tua testimonianza. Se per qualcuno la vita di qualcun altro (che poi nel tuo caso sono due vite...) non merita rispetto, per me è ragione di vita.

    @ Riccardo:

    Ti ho detto e ripetuto che io (ma nemmeno un medico penso lo possa fare) non può fornirti alcuna prova ...se per prova intendi prova scientifica !!! .

    Che altre prove conosci? Su cosa vuoi che io domani mi basi per curare il prossimo ammalato?

    Per quella sostanza cosa ti ha deluso ? .

    Inutile parlare in codice, c'è un articolo pronto, ne parleremo a suo tempo.

    Te le avevo gia offerte ... ma mi hai deriso !!! .

    Tutto scritto, non ho deriso nessuno, hai offerto delle prove, te le ho chieste e ti sei tirato indietro, come capita sempre in questi casi. E' tutto scritto e meno male, o potevi farmi passare per un ipocrita.

    Anzi, te lo chiedo di nuovo qui: quando vuoi sono disposto ad analizzare i casi che vorrai mostrarmi, completi di TUTTI i dati. I risultati li pubblicherò nel blog.

    Ecco il vostro muro di gomma a cosa porta. .

    Il muro di gomma lo creano quelli che agiscono come te. Affermi che qualcosa ha degli effetti, ti si chiedono le prove e dici che non le hai, ti si chiedono dei casi e dici che non puoi mostrarli, ti si chiedono dei riferimenti e dici che non esistono. Come vedi alla fine, gli "effetti" di quella "cura" si limitano alle parole ed al "lo dico io", ma non c'è nessun riscontro oggettivo nè evidenza che questi prodotti funzionino.
    Io con le parole non curo nessuno, se permetti. La gente viene da me (inteso da me, come medico) per essere curata, per stare meglio, per affidarsi, altrimenti va a Lourdes.
    Libera di farlo, naturalmente, com'è libera di affidarsi a Simoncini, Leonardini, Pinco Pallini. Se vuole.

    Hai provato a vedere se qualcuno ne trae davvero giovamento (con i tuoi occhi intendo) ? .

    Ne avrò visti una decina. Nessun risultato. Vuoi che mi metta a cercare nelle Pagine Gialle chiunque dica di essere guarito con qualsiasi cosa? Non è mio l'onere della prova, mi dispiace.


    La Attuale cura ufficiale contro il cancro , non è una cura ma un inutile spreco di risorse .

    Certo, quando, spero sinceramente mai, un tuo caro si ammalerà di cancro, gli dirò: visto che per alcuni, tutto questo è uno spreco di risorse, a lei non la curo, mentre all'altro che ci crede lo curo. Magari la stessa cosa l'avrebbe dovuta dire il medico di Simonetta o quelli che fanno vivere la gente malata di cancro.
    Giusto. Bah...

    (segue)

    RispondiElimina
  193. (continua)

    .. alla fine crepano cmq tutti .. .

    Falso.
    Studia e vedrai che non crepano tutti.
    Diglielo ad un ex ammalato di cancro che dopo 15 anni è ancora vivo, che in realtà è "crepato" ma non lo sa.
    Diglielo.

    Diglielo anche a Simonetta, che è crepata ma non lo ha capito o diglielo a sua figlia, diglielo.

    Fammi esempio su cancro al prancreas .... semmai ! .

    Ah, certo, bell'esempio di onestà. A te interessa demolire e basta. Non ti interessa l'esempio di cancro mammario che da malattia inguaribile è diventata tra le più guaribili, quella no, sarebbe dare troppo merito alla medicina, ma non parliamo nemmeno delle leucemie infantili, dalle quali oggi quasi tutti guariscono e sai con cosa? Con la CHEMIOTERAPIA.
    Il cancro al testicolo? Il suo 90% di guarigione?? Nono, troppo positivo, troppo merito ai medici che ci rompono le pa//e poi...maledetti.
    Dagli con cancro al pancreas, che è da sempre tra i meno guaribili, dai, affossiamoli questi medici corrotti e collusi, che ci hanno rotto a dire che loro guariscono tanto ed invece non guariscono nè il cancro al pancreas nè quello allo stomaco.

    Quando ho detto "l'attuale cura ufficiale contro il cancro" mi riferivo alla CHEMIO-PRATICA ! .

    Ahh, ecco, non volevi dire che le cure ufficiali non guariscono, ma che la CHEMIOTERAPIA non guarisce...ecco ecco...tu sì che sei un onesto "ricercatore" della verità. Qualche medico, ha anche detto che la chemioterapia NON E' la cura per il cancro. Ma a te che importa, a te interessa puntare tutto sui fallimenti della chemio, magari esci fuori il lavoro sul 2% di efficacia che fa tanto "alternativo". Sul fatto che poi la chemio guarisca i bambini malati di cancro, lasciamolo stare, non è questo il problema, il problema è sparare a zero, demolire, odiare e seminare odio, sospetto, diffidenza.
    Però i medici non devono essere diffidenti con chi ti propone la cura per il cancro a base di marmellata di fragole, no, sono troppo chiusi e sospettosi.

    La verità è che l'ignoranza è un male gravissimo, se unita alla testardaggine è letale.
    Questi non sono dibattiti, questo è discutere con un libro di Liala.
    Sempre con le stesse inutili e ripetute frasi fatte. Dette senza nemmeno conoscerne il significato, tanto da smontarsi e smentirsi da soli.

    Noioso, tremendamente noioso.

    Nel frattempo la chirurgia ... max ... ha fatto molti progressi !!! .

    Sbagli anche qua. Studia e potrai essere più costruttivo nelle discussioni sulla salute.
    La chirurgia di oggi è praticamente quella di 100 anni addietro. Sono cambiati i materiali, forse qualche "via di accesso", ma la chirurgia non potrà cambiare mai, per un semplice motivo, il corpo umano di oggi, è uguale a quello degli uomini preistorici. Un fegato oggi lo togli esattamente come lo toglievi 100 anni fa.

    Ed ora ti dico una cosa che ti farà rabbrividire.
    Sai chi è il chirurgo UNICO AL MONDO che ha cambiato radicalmente la storia della chirurgia oncologica del cancro mammario, tanto da essere considerato un maestro internazionale e praticamente un mito? Che poi è probabilmente chi ha il merito quasi totale del drastico miglioramento delle percentuali di guarigione dal cancro mammario. Si è calcolato (non ricordo dove) che con la sua scoperta abbia salvato milioni di vite umane.
    E' italiano. Sei fiero no?
    Si chiama UMBERTO VERONESI.

    RispondiElimina
  194. XGiuliano

    La prevenzione per la lotta contro il cancro, mi sa di proclama di sconfitta della ricerca.

    Non si può negare l'apporto positivo della prevenzione nel cancro mammario, ottimi risultati, ma intanto si continua a morire ed a tagliare, è fuori dubbio che si vive di più grazie alle moderne tecniche di chirurgia e di interventi sempre più vicini ai primi stadi della malattia.

    Ma dobbiamo anche adeguarci ai tempi e l'unica prevenzione che sicuramente può dare una drastica battuta d'arresto al cancro è la nanotecnologia.

    Oramai sarà una realtà la formazione di nanomacchine capaci di viaggiare all'interno del nostro corpo.

    La genetica ci aiuterà ad individuare la nascita delle prime cellule cancerogene.

    Sarà opportuno che fin dalla nascita queste nanomacchine rappresentino la coscienza interna del nostro corpo e che ci informino di quello che accade di anomalo in noi.

    Fantascienza? Non credo!

    Naturalmente oggi non possiamo dire ad un malato di cancro stiamo preparando una nanomacchina per lei, bisogna adoperarsi con quello che si ha a disposizione.

    Questo è uno dei link che riguardano il Dottore Giapponese:

    http://vivereconhiv.splinder.com/post/19672240

    RispondiElimina
  195. @Luigipollina

    Avevo tentato anche io di deviare tutto questo "flame" verso altri lidi di sicuro più costruttivi (vedi miei post di cercare prove su quanto detto da Veronesi, e di conseguenza approfondire la tematica delle nanoparticelle e qualcos'altro)...ma a quanto pare qui si prendono in considerazione approfondimenti molto più su ciò che tende a minare il campo della medicina...sembra un blog più rivolto a screditare tutti i pareri contrastanti l'ambito stesso piuttosto che incentivare la diffusione di nuove prospettive e informazioni...basta vedere su cosa ci s'impenna più a discutere, il contenuto della maggior parte dei post, la povera considerazione verso tematiche più produttive (quelle di Antonello secondo me lo sono nonostante il soggetto non sia da me gradito e mi gratifica che sia reciproco..). Sembra che qui è come se si prenda una posizione a "priori" (come il CICAP di cui è stato messo guarda caso pure il link nella lista del blog) nei confronti di determinate tematiche: ovvero una specie di guerra alla medicina alternativa e a chi osa mettere in discussione "l'affidabilità" della ricerca scientifica ufficiale. Oltretutto WeWee, noto che sulla questione inceneritori in relazione alla dichiarazione di Veronesi non ti sei pronunciato...eppure ti sono state date, per quanto non totalmente attendibili, delle evidenze stavolta, piuttosto che "chiacchere" (vedi i riferimenti che ho lasciato)...fino a prova contraria tutto porta a pensare solo una cosa: un accordo (o "complotto!") tra veolia (www.veolia.com) e il nostro caro prof. Veronesi basato sui $$$$!

    http://www.nanodiagnostics.it/Caso.aspx?ID=12

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17341612?ordinalpos=12&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

    Se così fosse....caro WeWee...questo riporta fortemente a galla le mie "paranoie"; non si discute sul fatto che Veronesi non sia un oncologo formidabile...ma anche il più grande e autorevole ricercatore può esser "corrotto" dal dio denaro il quale non si fà problemi a disinformare la massa per gli interessi della Veolia;

    "Tanti uomini..farebbero mai cose che potrebbero nuocere oltre agli altri anche a loro stessi.."

    Sì, ce ne sono tanti dfatti che se ne fottono altamente. E se questa storia è così e si è riusciti a piegare un oncologo di così grande responsabilità (è anche la sua equìpe perchè stai certo che se chiedi a loro ti diranno sempre "ZERO") che di fronte a studi provati è disposto a tagliarsi la faccia così deliberamente...allora sarai ancora dell'opinione che non esistono i complotti nel tuo tanto amato ramo? E fra l'altro vengono edificati al vertice in modo tale che il loro potere di diffusione sia il più elevato possibile...non vengono certo da te o dai tuoi colleghi..che autorevolezza avreste a dire "ZERO" ?

    RispondiElimina
  196. @antonello: grazie per il link, leggerò l'articolo poi ti dirò

    Per le nanomacchine, secondo me è fantascienza: c'è qualcosa di molto più facilmente manipolabile e usabile per questi scopi, qualcosa che le terapie genetiche stanno già adottando e che deve solo essere messo a punto: il virus. Ti assicuro che non c'è niente di meglio di un organismo naturalmente capace di entrare nelle cellule e mischiare i suoi geni con quelli della cellula infettata per la terapia genetica

    RispondiElimina
  197. noto che sulla questione inceneritori in relazione alla dichiarazione di Veronesi non ti sei pronunciato... .

    Sulla questione inceneritori ne so davvero poco, non sono argomenti che ho studiato a fondo.
    Sono abituato a pronunciarmi su cose che conosco bene.
    Leggerò i tuoi link ma non ho un processore mentale tanto veloce da farmi trarre conclusioni in pochi minuti.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!