lunedì 17 novembre 2014

Ozono curatutto

Incoraggiati dall'enorme ingenuità di molta gente che popola la rete internet, sono sempre di più i ciarlatani che si lanciano nel campo delle pseudocure e delle pseudomedicine offrendo trattamenti chiaramente inutili quando non pericolosi. Se ne trovano migliaia e nei meandri della rete, dei perfetti anonimi ed a volte anche dei medici, lanciano la loro esca sperando che abbocchi qualcuno. Alcuni ci riescono, altri cambiano "trattamento" raffinando le loro affermazioni, altri ancora provano a fare il "salto" di qualità passando dal web alla televisione.
In rete si troverà di tutto, dai rimedi per qualsiasi malattia ai test per diagnosticarle, da fantasiose cure per il cancro a "noti" rimedi alternativi, non manca la fantasia. Ricevo molte segnalazioni ed ho un archivio a dir poco voluminoso ed ogni tanto mi "aggiorno" per controllare se quel ciarlatano si è ritirato o se ha avuto un certo successo.
Devo dire che rispetto al numero di false cure che si trovano in rete sono davvero poche quelle che arrivano al "grande pubblico", che riescono ad avere un certo successo; spesso sono quelle che si distinguono per originalità, altre volte hanno dei complici in medici veri e propri che danno una sorta di "approvazione" a queste truffe ed altre volte ancora sono talmente "confuse" e ben articolate da richiedere grande preparazione per smascherarne l'inconsistenza.
Oggi è la volta di qualcosa che avevo sottovalutato in quanto esistente da anni ma mai diventata "pseudocura" di largo consumo. Complicata e poco diffusa la ritenevo una delle tante terapie non provate da conoscere solo per cultura personale, fino a quando, dopo una segnalazione, ho approfondito l'argomento ed ho trovato alcuni dati interessanti...o curiosi, dipende dai punti di vista. Si tratta delle cure a base di ozono.

In realtà si rischia di fare un po' di confusione. Spesso è presentata come "ozonoterapia" una pratica che sfrutta l'ozono (un gas) per migliorare alcuni stati infiammatori e traumatici di tipo ortopedico (distorsioni, ernie al disco, esiti di fratture...). Non vi sono risultati eccellenti e gli studi dicono che questo tipo di terapie molto raramente risolvono i problemi per le quali sono consigliate, possono avere un ruolo palliativo e presentano qualche rischio.
Nel caso di cui parlo però, non discuterò di questa ozonoterapia ma di presunte terapie, sempre a base di ozono, usate per curare malattie molto più gravi e per le quali è promesso un effetto importante.

Partiamo da un dato chiaro: non vi è alcuna prova né motivo plausibile che questa presunta terapia abbia un effetto antitumorale o su problemi di tipo neurodegenerativo è una conclusione che si evince già per ciò che succede al sangue esposto a flussi di ozono. Sono segnalati alcuni terapeuti che in Italia ed in altre nazioni propongono questa linea di cura per moltissime gravi malattie: tumori maligni, AIDS, sclerosi multipla ed altro ma lo fanno su iniziativa personale visto che non vi è alcun dato scientifico che ne giustifichi l'utilizzo. Non sono segnalate guarigioni o miglioramenti evidenti (controllati scientificamente), non vi è alcuno studio che ne mostri benefici e sono stati evidenziati molti effetti collaterali, persino casi di decesso. Insomma, si tratta di una delle tante pseudoterapie ciarlatanesche.


La presunta cura consiste nella somministrazione endovena di ossigeno poliatomico, nome complesso del più conosciuto ozono, composto gassoso che in questa pseudoterapia è proposto in forma liquida.
Questa sostanza ha una forte azione ossidante (e questo si scontra con il fatto che l'azione ossidante fisiologica favorisce l'accumulo di mutazioni genetiche che può dare origine a cellule tumorali), per questo motivo, se la presunta terapia avesse i risultati promessi risulterebbe cancerogena e dannosa per l'organismo.

La cosa più eclatante in questo tipo di terapia è che lo stesso nome "ossigeno poliatomico liquido" (o "ozono liquido") è fuorviante, sembra descrivere chissà quale sostanza quando semplicemente rimarca la struttura dell'ozono che è già normalmente "ossigeno poliatomico", contiene 3 atomi di ossigeno) e, se si usasse su tessuti umani, sarebbe un composto dannosissimo. L'ozono è irritante, esplosivo in forma liquida. L'eventuale esistenza di "ossigeno poliatomico liquido" e la sua somministrazione in vena, quindi, renderebbe il trattamento mortale, nel caso dell'ozono liquido basterebbe pensare che data la sua alta instabilità, il suo utilizzo deve avvenire subito dopo la produzione, che è consentita solo con macchinari imponenti e costosi.

Gruppo di generatori di ozono

Oltre a questa difficoltà materiale, non bisogna dimenticare la possibilità reale di causare embolie gassose nel caso fosse somministrato in forma di gas. Ma a quanto pare chi propone questa pseudocura avrebbe trovato una soluzione.
Per quanto si capisce da quello (pochissimo) che si trova in giro, la terapia sarebbe costituita da acqua (o sangue) "ozonata" (cioè sottoposta a flussi di ozono, non si inietterebbe ozono ma acqua o trasfusioni di sangue sottoposti a flussi di ozono), ma anche in questo caso l'ozono dopo poche ore (circa 11) si decompone e torna ad essere ossigeno. Si consideri anche che l'ozono reagirebbe immediatamente con le cellule del sangue non raggiungendo per niente le cellule neoplastiche che si dice voler distruggere. La quantità di ossigeno e di ozono che giungerebbero sui punti da trattare quindi sarebbero letteralmente irrilevanti e senza alcun effetto. In pratica non vi è praticamente nessuna azione antitumorale (ma neanche di altro tipo) sull'individuo vivo. Sono gli stessi meccanismi dell'organismo che annullano gli effetti (praticamente immediatamente) di questa sostanza.
È già la procedura quindi che non ha molte possibilità di essere reale ed innocua, sui risultati comunque vi è un vuoto enorme, nessuna prova di efficacia, ammesso sia possibile somministrare questo tipo di cura.
L'alternativa all'ozono, secondo chi pratica queste terapie, visti i problemi insormontabili, potrebbe essere l'infusione di alte dosi di acido ascorbico (vitamina C) in quanto questo, a contatto con le cellule, rilascia ossigeno e ROS (specie reattive all'ossigeno, ovvero radicali liberi). Già questa metodica sembra almeno fattibile e senza particolari rischi, ma i risultati su varie patologie e sui tumori in particolare, sono ancora molto lontani dal definirsi "provati", gli studi in proposito non sono giunti a conclusioni certe e ad oggi nessuno ha avuto risultati degni di nota nella cura di malattie gravi.
La cosiddetta terapia all'ozono liquido (o poliatomico) si può definire senza dubbio quindi, una pseudocura ciarlatanesca.
Nella ricerca di centri o persone che nel nostro paese effettuano questo tipo di pseudoterapie, oltre a pochissimi medici privati, mi imbatto nell'azienda che sostiene di "sviluppare" la metodica, si tratta della Santé Direct, azienda che si occupa di cosmetici e prodotti di bellezza ed ecco che a questo punto vi è una sorpresa: Santé Direct si trova a Torino in via Cernaia 31.
Voi direte...e quindi?
 ...e quindi quello è l'indirizzo di una vecchia conoscenza: Medestea.
Già, è l'azienda farmaceutica che ha acquistato e finanziato il cosiddetto "metodo Stamina", la finta terapia a base di staminali che ha tenuto banco nelle cronache italiane dei mesi scorsi e non a caso l'indirizzo è lo stesso della Stamina Foundation, la fondazione "per lo studio delle cellule staminali" del prof. Davide Vannoni, persona che credo non abbia bisogno di presentazioni. A quanto pare la Medestea ha, tra le sue linee di "ricerca" e terapia, un bel po' di pseudocure senza alcuna base scientifica.

Che strano affare, vero? Come si vede anche in questa vicenda, mai nulla è fatto a caso. Dietro ad ogni presunto "benefattore dei malati" boicottato dalla scienza, c'è sempre un'organizzazione ben salda che sa benissimo cosa vuole ottenere e questo lo dico da quando ho iniziato ad occuparmi di queste cose.
Ma proseguiamo. Questa pseudoterapia è proposta all'estero in alcune cliniche di terapie alternative ed in Italia da alcuni medici, in case di cura private o "centri medici" che in sordina (ma neanche tanto), lasciano intendere di poter curare o migliorare gravissime malattie come la sclerosi multipla, anche la spiegazione del meccanismo d'azione della presunta terapia è lacunoso e ricco di termini vaghi e non adatti ad una cura seria, gli stessi medici imperversano su internet lasciando messaggi entusiastici sugli effetti di queste cure e frequentano siti e forum dedicati alle malattie più diffuse. Alla ricerca delle credenziali scientifiche dei medici che praticano in metodo in Italia si leggono proclami incredibili, come la possibilità di curare malattie gravi, ma non vi è traccia di pubblicazioni scientifiche serie o dati inconfutabili, anzi, l'aria è proprio quella delle più tipiche pseudoterapie. In rete per esempio esistono due "case report" (descrizione di caso clinico) di persone con tumori operati e poi sottoposti alla pseudocura che sarebbero guariti grazie a questa (come se non avessero fatto altro...), anche in questo caso molto fumo e pochissima sostanza. C'è stato anche il tentativo (tramite alcuni politici) di far compiere il "salto di qualità" a queste terapie, cercando di inserirle in un ospedale pubblico o di farle rimborsare dal SSN, medici che hanno creato una "società scientifica" d'appoggio alla pseudoterapia e che tramite questa sono entrati nelle stanze del potere.
Uno di questi medici, in particolare, avrebbe offerto la pseudocura ad una delle bambine "simbolo" del caso Stamina (la madre parla di "boccetta con la cura" portata ogni settimana) e poi avrebbe consigliato alla famiglia le terapie di Davide Vannoni ed ecco che ancora una volta il "cerchio si chiude". Disperati-rimedio miracoloso, sempre lo stesso copione.

False cure, strani intrecci tra aziende e medici alternativi, tentativi di "ufficializzazione", terapie non sperimentate per le malattie più gravi, mi sembra che per l'ennesima volta non si tratta di "coincidenze" ma che dietro alla disperazione ed alla sofferenza, più di una persona organizzi fiorenti attività, questo anche per rispondere a chi pensa si tratti di casi isolati e non organizzati.

Alla prossima.

Bibliografia:

- Velio Bocci: OZONE: A new medical drug. 2011, Springer
- International Journal of ozone therapy 7:155-160, 2008
- Scheda tecnica dell'ozono.

50 commenti:

  1. Occhio, quando parli dell'"acqua ozonata" ci sono alcuni refusi: hai scritto più volte "azoto" anziché "ozono".

    Per il resto... ottimo articolo come sempre :) Ammetto che prima di leggere questo articolo conoscevo questa sedicente terapia solo di nome, quindi ti ringrazio per le informazioni che mi (ci) hai fornito.

    RispondiElimina
  2. Grazie Tommy, ho corretto, ho fatto lo stesso errore di continuo (boh, forse i nomi hanno qualche assonanza) e l'ho corretto continuamente, eppure...
    :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Tra le referenze ci starebbe bene anche una bella scheda di sicurezza dell'ozono (per esempio questa: http://www.sanitysystem.it/scheda_sicurezza_ozono.pdf).
    Giocare con l'ozono è come giocare con il cloro o il fluoro, sono "bestie" pericolosissime con cui solo personale qualificato dovrebbe avere a che fare.

    RispondiElimina
  5. Mia nonna soffriva, oltre che di vari problemi cardiaci, di insufficienza venosa e arteriosa alle gambe che le provocava numerose e dolorosissime lesioni e ulcere. Circa 10 anni fa mio zio, fanatico delle fuffoterapie alternative, a insaputa del medico di base e del resto della famiglia l'aveva portata da un iridologo/omeopata/non so cos'altro che si vantava di poter curare l'insufficienza circolatoria e anche i problemi cardiaci con l'ozonoterapia. Entrambi le avevano detto di non dire niente a nessuno, di tenere segreta la cosa, ma lei preoccupata più che altro per il costo che sarebbe stato eccessivo, dopo 3 sedute ha spifferato tutto e così io ne sono venuta a conoscenza. Messa al corrente tutta la famiglia della cosa, avevo detto chiaro e tondo a mio zio che se avesse osato riportare la nonna da quel ciarlatano avrei denunciato entrambi (zio e ciarlatano). Mi ero fatta descrivere da mia nonna in cosa consisteva la terapia: l'iridologo le prelevava una sacca di sangue, iniettava in questa sacca una fiala di presunto ozono liquido (così lo chiamava lui), e le reinfondeva il sangue. All'epoca non avevo chissà quali mezzi per approfondire la questione, ma le nozioni di fisica, chimica e biologia del liceo mi bastavano per capire che si trattata di fuffa.
    Grazie per l'articolo, ci sono un paio di persone a cui lo farò leggere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo che di fuffe nell'ozonoterapia non ne ho viste

      Elimina
  6. le prelevava una sacca di sangue, iniettava in questa sacca una fiala di presunto ozono liquido

    Mi sa che è proprio questa di cui parlo.
    Una pseudocura inutile e potenzialmente pericolosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trattasi di autoemoterapia, si preleva sangue, lo si miscela con 02/03 reali, non presunti, e si reiniettano (infusione non trasfusione); si possono ottenere i medesimi risultati con insufflazione rettale di o2 o3; assisto da una anno agli effetti su paziente Alzheimer; dicembre 2015 grado grave, dicembre 2016 grado medio-grave.

      Elimina
  7. Posso fare una facile previsione? A breve qualcuno sosterrà che è un ottima terapia per l'autismo.
    Quando un ciarlatano lancia nuova fuffa presto o tardi diventa una terapia per disturbi sui quali non c'è ancora chiarezza sulle possibili cure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso per i numerosi interventi, ma ciarlatano, nuova fuffa, sono termini fuori luogo in questo caso; esiste una società italiana di ossigeno ozono terapia di cui fanno parte solo medici, non ciarlatani. Ognuno opera nell'ambito della sua specializzazione e sa quando è utile usarla e quando no; questi medici sono autori di pubblicazioni che può trovare in internet e nessuno di loro dice che l'ozono cura tutto. Cura soprattutto ernia e protrusioni, problemi connessi alla circolazione e specifiche infezioni virali e batteriche su cui non è difficile documentarsi.

      Elimina
    2. esiste una società italiana di ossigeno ozono terapia di cui fanno parte solo medici, non ciarlatani. Ognuno opera nell'ambito della sua specializzazione e sa quando è utile usarla e quando no;

      Questo non significa molto (esiste anche la società italiana di omeopatia, questo non significa che l'omeopatia curi le malattie), in ogni caso nell'articolo non mi riferisco all'ozonoterapia iniettiva usata, per esempio, nelle patologie vertebrali (ernie) e l'ho anche scritto (lo ricopio per comodità):

      "Spesso è presentata come "ozonoterapia" una pratica che sfrutta l'ozono (un gas) per migliorare alcuni stati infiammatori e traumatici di tipo ortopedico (distorsioni, ernie al disco, esiti di fratture...). Non vi sono risultati eccellenti e gli studi dicono che questo tipo di terapie molto raramente risolvono i problemi per le quali sono consigliate, possono avere un ruolo palliativo e presentano qualche rischio.
      Nel caso di cui parlo però, non discuterò di questa ozonoterapia ma di presunte terapie, sempre a base di ozono, usate per curare malattie molto più gravi e per le quali è promesso un effetto importante."

      Cura soprattutto ernia e protrusioni, problemi connessi alla circolazione e specifiche infezioni virali e batteriche su cui non è difficile documentarsi.

      Io mi documento sulla letteratura scientifica che, al netto di decine di pubblicazioni scadenti in riviste di valore pessimo, ci dice che l'ozonoterapia fondamentalmente non ha alcun effetto o perlomeno non ne ha di documentati e scientificamente dimostrati.
      Review Cochrane sull'ozonoterapia su:

      Carie: Non funziona (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26505864).
      Ulcere diabetiche: Non funziona (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26505864).
      Mal di schiena: Non funziona (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18646078).
      Di fronte a possibili rischi (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17268255).

      Ad oggi l'ozonoterapia non è considerata medicina scientifica e non ha particolari evidenze di utilità.
      Ha altre evidenze di livello maggiore?
      Grazie.

      Elimina
    3. Per Cochrane è necessario l'abbonamento; le evidenze sono in letteratura (1500 titoli); scadenti tutte le riviste a favore, e autorevoli tutti i testi contro? valutazione alquanto sbrigativa; perfino Wikipedia che pure è molto severa cita riviste autorevoli a favore, tra cui The Lancet; ci sarebbe anche Spine e molte altre, lo ISS eccetera, Cochrane (leggo senza problemi e funziona).

      Elimina
    4. Certamente ci sono evidenze del seguente livello: Journal of Vascular and Interventional Radiology: si afferma che l'ozonoterapia ha avuto una percentuale di successo dell'80% su 8000 pazienti compresi tra i 13 e il 94 anni nella cura dell'ernia.
      Jim Steppan, PhD, Thomas Meaders, BS, Mario Muto, MD, and Kieran J. Murphy, MD, FRCPC. A Metaanalysis of the Effectiveness and Safety of Ozone Treatments for Herniated Lumbar Discs. Journal of Vascular and Interventional Radiology Volume 21, Issue 4 , Pages 534-548, April 2010. La rivista è americana, ha H-index 104, e su SJR (Scimago Journal and Country Rank) è una rivista top quality.

      Elimina
    5. Per Cochrane è necessario l'abbonamento

      Gli abstract li legge tranquillamente, anche su PubMed.

      ci sono evidenze del seguente livello

      Infatti, pessime.
      Impact factor (nel 2015) di 2.5, non male ma nessuna "top quality" e lo studio è semplicemente una delle tante marchette pubblicitarie, anche nota, realizzata da dipendenti della ActiveO, società che vende...indovini un po'?
      :)
      Inoltre nella metanalisi parlano dell'ozonoterapia iniettiva per i dolori lombari (il gas iniettato nella schiena per le ernie ad esempio, anche se non ha grandi risultati è un'altra cosa), non di quello di cui parlo nel post.
      Coraggio, niente di meglio?

      perfino Wikipedia che pure è molto severa

      Ah, ecco, siamo già al livello "Wikipedia".
      Beh, perfino Wikipedia parla di "medicina alternativa" ed in ogni caso evidenzia che "There is no credible, peer reviewed evidence to support the use of ozone as a type of medical therapy.", se vuole glielo traduco.

      Insomma, se lei vuole credere ad una bufala fatti suoi ma, per favore, non si arrampichi sugli specchi per pubblicizzare ciarlatanerie (o non lo faccia qui, non vorrà mica convincermi?).
      Grazie!

      Elimina
    6. Se vuole leggere SJR Scimago e vedere come funziona http://www.scimagojr.com/journalrank.php, vi troverà che la rivista citata è Top Quality, come lo è anche Spine e come lo sono tante altre della bibliografia già citata. Non vorrà certo che perda tempo a esaminare una per una le riviste, cosa che ogni ricercatore dovrebbe fare da sé; tanto più che Lei arriva perfino a negare l'evidenza: che riviste con scritto di fianco top quality in SJR per lei non siano top quality è un po' strano. Esiste un'oggettività nella ricerca scientifica. L' è scritto top quality e chiunque può verificare.
      Quanto al livello "Wikipedia", che riporta anche pareri ben diversi da quelli che Lei cita, sappia che Lei stesso vi è citato. Quanto alla Sua accusa nei miei confronti di pubblicizzare ciarlatanerie, La inviterei a moderare i toni. Termino qui, poiché il discorso, come già rileva sopra un collega, andrebbe ripreso su basi scientifiche, cosa che qui non mi sembra fattibile.

      Elimina
    7. Non vorrà certo che perda tempo a esaminare una per una le riviste

      Ma ci mancherebbe, però lei oltre lo studio di un venditore di ozonoterapia e Wikipedia (che dice che l'ozonoterapia è una cialtroneria) non è saputo andare, che posso farci?

      Quanto al livello "Wikipedia", che riporta anche pareri ben diversi da quelli che Lei cita, sappia che Lei stesso vi è citato.

      Cosa che non cambia nulla. Wikipedia è un sito come un altro, non una rivista scientifica, è lei che l'ha citata a "favore" dell'ozonoterapia senza nemmeno notare che parla di "medicina alternativa senza prove di efficacia".

      Quanto alla Sua accusa nei miei confronti di pubblicizzare ciarlatanerie, La inviterei a moderare i toni.

      La mia non è un'accusa è un dato di fatto, non solo pubblicizza una ciarlataneria ma tenta ripetutamente di fare pubblicità a medici che la vendono (ovviamente con commenti che qui non sono accettati e quindi non verranno pubblicati).

      Lei si trova bene con questa bufala? La usi, a me non succederà nulla. Io ho messo a disposizione delle affermazioni, il resto (la sua salute, i suoi soldi, la dignità) non sono affari miei.

      Termino qui

      Sono d'accordo.
      Saluti!

      Elimina
  8. ottimo articolo. Perdonami Salvo, ma vista la possibile pericolosita' della procedura (sangue prelevato , fiale nel sangue e poi rieinfuso...scherziamo) nonche' l'assurdita' del tutto, non varrebbe la pena segnalarlo all'ordine del medici ed alle forze dell'ordine competenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pratica dell'ozonoterapia è legale e autorizzata dall'Istituto Superiore di Sanità, praticata in studi (medici non di stregoneria) privati e in istituzioni pubbliche; io ne faccio uso da un anno e sto benissimo

      Elimina
  9. non varrebbe la pena segnalarlo all'ordine del medici ed alle forze dell'ordine competenti?

    Le forze dell'ordine sanno e così anche l'ordine dei medici, che ha "patrocinato" un incontro di uno dei medici che offrono questo trattamento. Se c'è qualche provvedimento da prendere spero lo prenderanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Dottore, l'ozonoterapia è insegnata nelle università, i master sono in aumento, cliniche private, ospedali la ammettono, ci sono società costituite da medici, come la SIOOT, 2500 in Italia, 18000 medici in Germania la praticano ecc. basta fare una ricerca su Google. L'ISS ha condotto una Consensus conference nel 2006; le forze dell'ordine sanno, tutti sanno, perché l'ozonoterapia non ha nulla da nascondere; mentre Lei parla come di un'attività illegale o criminale coperta da chissà chi per chissà quali fini.

      Elimina
    2. mentre Lei parla come di un'attività illegale o criminale coperta da chissà chi per chissà quali fini.

      L'ozonoterapia è una falsa medicina, se poi qualcuno la usa per scopi illegali non sta a me dirlo o prendere provvedimenti, io faccio il medico, non il magistrato.
      Saluti.

      Elimina
  10. Caro Collega, se tu avessi voglia di approfondire l'argomento, mi piacerebbe riprenderlo su basi scientifiche. Sono a tua disposizione. Un caro saluto. Maurizio Maggiorotti Chirurgo Ortopedico Presidente AMAMI - Docente Master Ossigeno-Ozono terapia Università di Siena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo curioso che, nella prospettiva di un approfondimento tra addetti ai lavori, venga sottolineato il carattere scientifico del confronto.

      Saluti

      Elimina
    2. sì, in effetti è proprio curioso

      Elimina
  11. ...mi è appena stata proposta per curare l'epicondilite acuta ed il tunnel carpale.... :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla efficacia nell'epicondilite non vi è alcun dubbio. Sul tunnel carpale dipende dall'entità della compressione e dall'epoca di insorgenza della sintomatologia. Personalmente ho un successo superiore al 95% nell'epicondilite e del 50% nella STC. Spesso preferisco operare i pazienti affetti da compressione del nervo mediano al carpo e sottoporli a 10 minuti di intervento ambulatoriale in anestesia locale.

      Maurizio Maggiorotti

      Elimina
    2. Caro collega, come sai affermare qualcosa in base all'impressione personale non è certo il modo migliore per fare medicina. Visto che a me risulta che l'ossigeno-ozono terapia è fondamentalmente una pseudomedicina inefficace (ma sicuramente è un mio limite) mi indicheresti un paio di studi (validi, non quelli che ho trovato in rivistine indiane o "pirata") che mostrino questa efficacia "senza alcun dubbio"?
      Grazie.

      Elimina
    3. Non pubblico il commento perché contiene link a siti non scientifici (come da regolamento non posso mostrarli né si possono inserire link a siti personali), gli studi sono pubblici giusto, quindi per favore, se riuscissi ad avere qualche link a pubblicazioni indicizzate su PubMed di buon livello (link ad abstract, di studi Cochrane, BMJ, Lancet, Nature, perché ci sono tante piccole ricerche su riviste di nessun valore) sarebbe il massimo, altrimenti lascia stare.
      Io di studi seri non ne ho trovati, nemmeno uno e quindi mi permetto di dire che ad oggi l'ossigeno-ozono terapia è una pseudoterapia senza alcuna base scientifica, aspetto smentite ovviamente.
      Saluti.

      Elimina
  12. Quando pubblicate il mio commento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando pubblicate il mio commento?

      Quando riuscirai a farne uno senza insulti, volgarità ed argomenti civili.
      Saluti.

      Elimina
  13. Lei continua ad accusare , ma le riviste Top Quality e ve ne sono numerose altre, sono tali; ed esagera! Addirittura la dignità!, ma come si permette. Io non c'entro nulla né con la vendita né con la pubblicità dell'ozono. E' un dato di fatto.
    Con molta dignità, distinti saluti e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che palle con 'ste "riviste Top Quality" e che sono scatolette di tonno?

      Non esistono riviste "top quality" è un aggettivo che non significa nulla, non classifica una rivista scientifica o uno studio, non ha legami con l'attendibiltà o meno di una pratica medica (che non si giudica da UNO studio con pesanti conflitti di interesse), "top quality" non è un bollino o un diploma.

      "Top Quality" non ha nessun valore, ognuno può darsi questo appellativo tanto per darsi un tono. Il valore dello studio lo fa prima di tutto la sua precisione nel metodo (che si giudica singolarmente ed è data da molti fattori), poi dall'accuratezza della descrizione e dei risultati ed infine dall'atteggiamento degli autori, poi anche dalla rivista che lo ospita che può dare un ulteriore elemento per giudicarne la serietà.
      Gli argomenti per considerare valida o meno una medicina sono ben altri.

      Arrivederci.

      PS: Ma non aveva detto di aver terminato con i commenti? Ecco, faccia il "top quality commentator" e la finiamo qui, ok? Perché ora sta iniziando a diventare pesantino.
      Grazie.

      Elimina
    2. Lei scrive: Non esistono riviste "top quality" è un aggettivo che non significa nulla, ....ognuno può darsi questo appellativo tanto per darsi un tono.

      Sjr, Scimago Journal and Country Rank stablisce il ranking delle riviste a cui fa riferimento il Miur con l'agenzia Anvur per determinare il valore di una rivista nei concorsi universitari per professore ordinario e associato. Si tratta quindi di criteri oggettivi per settori cosiddetti bibliometrici. Nessuno puà darsi da sé il titolo di top quality perché stabilito oggettivamente dai ranking internazionali. Questa è la realtà dei fatti.

      Elimina

    3. A questo link lavori scientifici sul l'ozono pubblicati esclusivamente da riviste indicizzate
      https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/?term=oxygen-ozone+therapy

      Elimina
    4. Sì, grazie, so come si fa una ricerca su PubMed, non riesco a spiegarmi evidentemente.
      Con quei termini si trova di tutto (il primo lavoro è una caso di cecità dovuto ad ossigeno-ozono, non propriamente una prova di efficacia direi), avevo chiesto semplicemente, se esistono, lavori di buon livello che dimostrino l'efficacia e la sicurezza di questa presunta terapia. Ma lasciamo stare.
      Saluti.

      Elimina
  14. Non ho la più pallida idea se l'ossigeno poliatomico funzioni o no e da profano sono piuttosto scettico. Però la correggo: non si tratta d ozono ma di anione O2-. https://it.wikipedia.org/wiki/Superossido
    Non si tratta quindi di ozonoterapia.

    RispondiElimina
  15. Buongiorno,

    riporto qui una mia esperienza personale su cui mi piacerebbe molto avere il suo parere. Da che ho memoria soffro di allergie stagionali (con rinite, prurito agli occhi e alla gola). Da alcuni anni, su suggerimento di amici, in primavera mi sottopongo alla terapia di un immunologo di Parma, che consiste in una serie di punture sulla schiena abbinate a una dieta chiamata "Dieta Sheldon" (no grano, no latticini, no solanacee etc.). Il medico in questione sostiene che si tratti di ozonoterapia.
    Io so solo che per tutto il periodo in cui normalmente avrei delle crisi allergiche (da aprile a giugno, indicativamente) sto benissimo.
    Questo stesso medico si fa promotore del metodo Kousmine, che sappiamo non avere alcun fondamento scientifico.
    Sono al secondo mese di gravidanza e ho forti perplessità sul fatto di andare anche quest'anno a sottopormi alla terapia.
    Non so davvero cosa pensare: qual è il suo parere in merito? La ringrazio fin da ora.

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so davvero cosa pensare: qual è il suo parere in merito?

      Fermo restando che non si possono dare pareri per casi personali, il fatto che questo medico proponga vere e proprie ciarlatanerie lo rende pericoloso. La scelta resta sua ma, può esserne certa, questo le sta solo spillando soldi.
      Un saluto.

      Elimina
    2. La ringrazio dottore, la mia richiesta di parere era infatti più sull'attendibilità ed efficacia della terapia per le allergie che non sul mio caso specifico. E' stato più che chiaro.
      Un saluto a lei.

      Elimina
  16. Esistono 3 società scientifiche che si occupano di ossigeno-ozono in Italia e centinaia nel mondo. Basta fare un rapido giro sulle banche dati per approfondire il fondamento scientifico di quest terapia (personalmente mai sentita, ma ciò non è rilevante).
    Per quanto attiene allo stato di gravidanza, per il quale le faccio i migliori auguri, spero che il collega (se di tale si tratta) voglia astenersi. Ciò non perché l'ozono abbia un effetto teratogeno ma perché, per cautela giudiziaria, ove mai la gravidanza avesse un problema si scatenerebbe un contenzioso infinito.
    La saluto e le rinnovo gli auguri.

    Maurizio Maggiorotti
    Chirurgo Ortopedico
    Docente Univ Siena
    Master Ossigeno Ozono
    Presidente AMAMI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile dott. Maggiorotti, la ringrazio per il suo parere: condivido la sua cautela.
      Saluti,

      Laura

      Elimina
  17. Buongiorno Salvo se vuole le organizzo un incontro con il Professor Giovanni Barco, sarebbe credo interessato a capire perché le sue terapie non funzionino.
    Saluti

    RispondiElimina
  18. L'efficacia di una terapia non si decide incontrando me o altri medici ma pubblicando su riviste serie ed attendibili. Quando succederà definiremo l'ossigeno ozonoterapia come cura efficace.
    PS: Come mai lo chiama "professore"? In quale università insegna Barco? E che materia?
    Grazie.

    RispondiElimina
  19. Il prof. Umberto Tirelli, oncologo, commendatore della Repubblica per meriti scientifici, ha verificato su suoi pazienti l'efficacia dell'ozonoterapia nei tumori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha verificato su suoi pazienti l'efficacia dell'ozonoterapia nei tumori.

      Ma non è possibile, anzi spero non sia possibile.
      Se lo ha fatto comunque avrà sicuramente pubblicato dei dati e riceverà presto un premio Nobel, visto che l'ozonoterapia è una bufala notoria. Spesso in mano di ciarlatani. Anzi, occhio a non cascare in queste cose.
      Saluti!

      Elimina
  20. Perché secondo Lei, Umberto Tirelli, ben noto professore e luminare, dovrebbe essere così "ingenuo", da credere a "bufale" e "ciarlatani"? Perché non ha avuto abbastanza "occhio" da non "cascare in queste cose"? Ho letto ciò che Tirelli scrive e dice in conferenze accessibili in rete: al convegno "Ozono, respiro di vita" tenutosi a Brescia, il 7 giugno 2016; Tirelli interviene al minuto 11.46. Al minuto 14.30 il professore dichiara che non gli risulta che l'industria farmaceutica produca l'ozono e che è l'industria farmaceutica a stabilire che farmaci si debbano usare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché secondo Lei, Umberto Tirelli, ben noto professore e luminare, dovrebbe essere così "ingenuo", da credere a "bufale" e "ciarlatani"?

      E che ne so io? Nelle truffe ci cascano un po' tutti eh? Una volta anche io ma poi l'ho scoperto in tempo.

      non gli risulta che l'industria farmaceutica produca l'ozono

      Aspetta aspetta, mi sta dicendo che Tirelli estrae l'ozono con le sue stesse mani? La cosa si fa interessante...

      Elimina
  21. Beh, se l'industria farmaceutica facesse l'ozono... allora sì che sarebbe interessante per le multinazionali e lo propaganderenbero anche in televisione e sul corriere dei piccoli.
    La miscela di ossigeno ozono viene creata dall'ossigeno con un generatore di O3. Una volta acquistata la macchina, che ha un costo trascurabile, le spese sono finite. La terapia con O2O3 non rende ricca nessuna industria. Questo è il vero problema, non ci guadagna nessuna azienda se non una tantum con la vendita dell'apparecchio. Briciole rispetto al business del farmaco. Non solo, le industrie farmaceutiche hanno un grosso problema: chi utilizza la terapia con ossigeno ozono smette di comprare farmaci.
    Ecco perché l'industria detesta l'ozono ma fortunatamente non è un problema. Ha solo rallentato la diffusione della metodica che è in espansione continua perché apprezzata in ambito sempre più ampi. Segnalo a latere che sono in corso varie sperimentazioni universitarie (tra le altre all'Università di Roma "La Sapienza") sui benefici del l'ozono in corso di terapia oncologica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le industrie farmaceutiche hanno un grosso problema: chi utilizza la terapia con ossigeno ozono smette di comprare farmaci.

      Quindi, riassumendo, abbiamo una terapia eccezionale, che cura tutto, anche il cancro e pure economica che però le industrie del farmaco (come quelle che producono le flebo di acqua o il bicarbonato) non vogliono produrre perché non converrebbe (certo, una cura che cura tutto non conviene, ovvio), però la producono altre industrie che chiaramente, non essendo conveniente non diventano ricche, quindi lo fanno (presumo) per beneficenza o perché sono buone.
      In più, questa cura, efficacissima, è segreta (però la conoscono alcuni su internet e pure le università) altrimenti domani tutti la produrrebbero diventando ricchissimi.
      Ad oggi abbiamo quindi questa situazione: una cura segreta, convenientissima, efficacissima, che nessuno vuole produrre e nessuno vuole proporre.
      Mi ricorda le monete d'oro di Pinocchio. Io ci aggiungerei qualche alieno o un elemento di spionaggio che fanno sempre figo.

      È bello sparare cretinate via internet. Però c'è un limite, quindi chiedo cortesemente di smetterla perché ulteriori commenti simili (e totalmente inutili) verranno cancellati.
      Qui si parla di medicina, ogni affermazione deve essere corredata da adeguata (ed attendibile e decido io se una cosa è attendibile o meno) documentazione scientifica, altrimenti si evita.
      Grazie per la comprensione.
      Ciao.

      Elimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!