martedì 22 gennaio 2013

La medicina Ayurvedica, tra energie ed erbe.

Forse non tutti sanno che tra le varie medicine "complementari" (ovvero non scientificamente dimostrate) permesse dalla legislatura italiana, oltre all'omeopatia ed all'agopuntura ne possiamo trovare altre particolarmente curiose. Una di queste è una medicina tradizionale indiana esistente da secoli, si chiama Ayurveda (più o meno "conoscenza della vita" in sanscrito).
Si tratta di una medicina che, proprio per la sua antica origine, sfrutta idee e credenze secolari e che anche per questo motivo ha molte similitudini con altre medicine orientali ed antiche. L'Ayurveda ha come scopo quello di bilanciare le energie del nostro corpo ed in particolare mente e spirito, purificare l'organismo, integrare la salute e questo condurrebbe alla felicità, oltre che alla salute. I mezzi con i quali si otterrebbero questi benefici sono tutti "naturali", erbe, minerali, massaggi, diete, tutta una serie di rimedi tramandati dall'antichità (quando non esistevano le medicine) ed a volte "modificati" con il tempo. Molti praticanti l'Ayurveda mescolano le pratiche orientali con altre tecniche più o meno attinenti e spesso rendono la loro medicina ayurvedica del tutto differente da quella originale.
I "libri sacri" di queste pratica sono due testi risalenti a 2000 anni fa, che descrivono otto "branche" dell'Ayurveda (tra le quali la chirurgia, la psichiatria, l'ostetricia) e nonostante la sua "anzianità", ancora oggi in India ed in altri paesi orientali, molta gente unisce alla medicina standard anche pratiche ayurvediche. In questi paesi sono comuni delle scuole che insegnano i fondamenti della filosofia ayurvedica.
Si parte dall'idea, abbastanza comune, che il corpo sia connesso con la mente e l'universo attraverso una sorta di "forza vitale".
Ogni parte del corpo è unita all'universo, contiene sostanze che si ritrovano in natura e quando la "connessione" con la natura è sbilanciata, insorge la malattia.

La medicina Ayurvedica si basa su due concetti principali: la costituzione (prakriti) e la forza vitale (dosha). La prima è il rapporto tra mente e corpo che non cambia mai nella vita, la seconda è formata da tre forze vitali il cui squilibrio determina le malattie.

Ogni dosha è composto da due dei cinque elementi naturali (etere, ovvero l'aria "cosmica", acqua, fuoco, aria e terra) ed ogni individuo ha una sua combinazione variabile dei dosha (quindi una combinazione diversa dei due elementi che compongono il dosha), ma solo uno di loro prevale. Il nome dei dosha è quello originale sanscrito: vata (etere ed aria: controlla la mente, il cuore, la divisione cellulare, è il più importante), pitta (fuoco ed acqua: che controlla sistema ormonale e digestivo) e kapha (acqua e terra: forza, immunità e crescita fisica).
Esistono tanti altri particolari che spiegano le teorie della medicina Ayurvedica ma il discorso diventerebbe molto più difficile da seguire. Come si vede, questa pratica si basa su idee piuttosto comuni a tutte le medicine orientali, le energie invisibili, l'interconnessione con la natura, lo squilibrio delle forze vitali. Bisogna ridurre tutto all'epoca nella quale nacque questo tipo di medicina, quando non esisteva alcuna idea sullo sviluppo delle malattie, sulla loro cura, non si conoscevano i batteri e tutti i mali derivavano da forze sovrannaturali (che comunque erano connesse alla natura umana) che decidevano per noi. Per curare le malattie, la medicina ayurvedica utilizza gli elementi che secondo lei compongono il corpo, si usano quindi erbe o minerali, massaggi per "riequilibrare" le energie, ed altro, come esercizi di respirazione e simili allo yoga.
Alcune delle sostanze usate dagli ayurvedici hanno poteri medicinali, altre sono tossiche ed altre ancora hanno solo un potere "rituale".
Ma come fa un medico ayurvedico a stabilire se l'equilibrio di un individuo sia corretto? Come scopre le sue patologie?
Anche qui dobbiamo pensare ad un'epoca che non disponeva di strumenti diagnostici e quindi tutto si basava sull'esame del paziente, sulla sua dieta, lo stile di vita, lo stato della pelle, dei denti, della lingua, il battito cardiaco e la voce. In seguito all'esame sono prescritti i rimedi più adeguati che hanno diversi scopi:
  • Eliminare le impurità: con il "panchakarma" si purifica il corpo eliminando l'ama, ovvero il cibo non digerito che "ostruisce ed incolla" i tessuti determinandone il loro cattivo funzionamento.
  • Ridurre i sintomi: con l'esercizio fisico, la meditazione, la respirazione o i massaggi, il paziente vedrà migliorare il suo stato.
  • Aumentare la resistenza alle malattie: con le erbe, minerali, vitamine, tutto basato sulle descrizioni dei testi originali.
  • Ridurre la tristezza ed aumentare l'armonia: evitando le emozioni negative e pensando positivamente.


Naturalmente è certo salutare una filosofia (perché di questo si tratta, più che di una medicina) che invoglia al pensiero positivo ed al contatto con la natura. Migliorare la propria alimentazione, lo stile di vita, dedicarsi del tempo per curare la propria vita, sono tutti princìpi che non possono essere dannosi. Ma anche in questo caso, dietro ad una pratica apparentemente innocua, si possono nascondere alcune insidie. Molti "ayurvedici" non limitano la loro opera solo per la cura di piccoli malanni, malattie psicosomatiche, stati di stress, ma vanno molto oltre dicendosi capaci di curare malattie gravi (cancro compreso). Vi è un altro pericolo che si nasconde nella tendenza ad acquistare le sostanze "terapeutiche" direttamente dai produttori dei paesi orientali (pure tramite web). Molte erbe e minerali infatti, sono sottoposti a scarsi controlli e la loro qualità è molto scarsa quando non sono direttamente dannosi.
Sono in aumento infatti i casi di avvelenamento (anche letale) da prodotti ayurvedici. In particolare sono stati segnalati diversi casi di avvelenamento da piombo.
Nella medicina ayurvedica è previsto l'uso di olii, spezie ed erbe medicali e mentre l'uso esterno è raramente fonte di rischi (tranne alcune forme di dermatite), quello interno può essere molto pericoloso. Per questo motivo la pratica di questo tipo di medicina è riservata ai medici abilitati alla professione e vale sempre il consiglio di utilizzare prodotti controllati e di fonte conosciuta, in Italia la vendita di prodotti erboristici ayurvedici è consentita come quella di "integratori".
Tra gli ingredienti dei rimedi ayurvedici ci sono molti minerali come l'oro ed il piombo ma spesso non è nota nemmeno l'esatta composizione dei rimedi, è questo il pericolo reale.
In un'indagine statunitense, su 70 prodotti ayurvedici, bel 14 contenevano livelli di piombo, arsenico e mercurio pericolosi e, come detto, sono decine di casi di intossicazione da uso di erbe importate, fenomeno descritto anche in Europa (come qui, in Francia).
Gli studi scientifici sugli effetti di questa pratica non sono tanti, ne esistono diversi che si presentano come poco accurati e precisi e servirebbero per questo lavori più corretti per stabilire definitivamente il valore curativo di questa medicina tradizionale. E' chiaro che è la stessa base teorica dell'Ayurveda a non trovare conferme in campo scientifico, le fantomatiche "energie", la "forza vitale", l'equilibrio con l'universo sono tutti concetti filosofici che hanno pochissimo in comune con la medicina e la clinica, bisogna quindi analizzare gli eventuali effetti derivanti da quello che si usa in ambito ayurvedico. In generale non si ha un effetto terapeutico su malattie fisiche particolarmente significativo ma sembra che la correzione dell'alimentazione, accompagnata da una maggiore attenzione allo stato del proprio fisico, possa apportare benefici alla salute generale del paziente. Non sono conosciute malattie guarite con l'Ayurveda ma sono descritti stati di malessere psicologico notevolmente migliorati. Alcune erbe sono conosciute per il loro potere disinfettante e risolvente e per questo sono state utilizzate anche in piccoli interventi chirurgici. Il risultato è stato buono ma il dolore post operatorio superiore a quello dell'intervento classico.
In generale, visto che la pratica dell'Ayurveda in Italia è affidata a medici, si preferisce considerare questo tipo di approccio come utile complemento ad altre cure. Regolare le proprie abitudini di vita non può che tenerci in un binario di educazione sanitaria utile in qualsiasi caso, bisogna invece diffidare pesantemente da quei medici ayurvedici che mescolano la pratica indiana con altre pratiche del tutto non scientifiche e pericolose. Sono noti casi di medici che uniscono all'Ayurveda anche le teorie di Hamer (il medico psicopatico che sostiene che le malattie siano causate da traumi non risolti), che trattano con l'Ayurveda malattie gravi consigliando la sospensione della terapia medica o che compiono veri e propri riti magici per "rinforzare" gli effetti della respirazione o dello yoga, rasentando il plagio psicologico.

Per concludere quindi: diffidare da prodotti non sicuri e non certificati. Affidarsi solo a medici iscritti all'albo ed abilitati, parlare sempre con il proprio medico curante per capire se si può ricorrere a questo tipo di pratica o se non fosse consigliabile vista la propria patologia.
Basti sapere che la medicina Ayurvedica, da noi considerata quasi un "capriccio" un po' stravagante, in India è utilizzata dalla classe più povera (perché spesso praticata da guaritori improvvisati) ma che per le malattie vere, anche in quel paese, si rivolgono agli ospedali, quando esistono.

Alla prossima.

64 commenti:

  1. Caro WeWee, interessante post come sempre. Ma nella tua spiegazione dei Dosha non ho capito niente: dici che ci sono cinque elementi ma ne elenchi quattro (acqua, fuoco, aria e terra), dici che "ogni dosha è composto da due" di questi elementi ed "ogni individuo ha una sua combinazione dei tre" (tre cosa? dosha o elementi?), I dosha sono tre? Come si combinano gli elementi a formare i dosha? Perché sono tre? (cinque elementi hanno 10 modi di combinarsi tra loro).

    Potresti per favore chiarificare il passaggio? Non che sia fondamentale per capire il concetto ma mi hai incuriosito :)

    Grazie!

    Francesco

    RispondiElimina
  2. Il problema è uno solo, che chi vuole credere a queste cose ci crederà a prescindere dalle prove che porti loro. Ho avuto un paio di discussioni di gente trincerata dietro al "non è placebo perchè io lo uso e funziona" e "smettila di documentarti su internet e guarda in faccia la realtà" (come se aver sperimentato su di sé l'effetto placebo permetta di saperne di più di chi ha studiato medicina) ho semplicemente rinunciato. La memoria dell'acqua, il fatto che oltre 12CH non c'è più nulla son tutte domande che non interessano a chi vuol avere fede. Anzi il fatto che poni loro degli interrogativi li fa inc...* hem arrabbiare perchè in un certo modo li costringi a riflettere a scontrarsi con la realtà. Credo che lo Stato italiano, se fosse davvero corretto dovrebbe oltre a regolamentare queste pratiche fare informazione e far capire alla gente che è tutta fuffa... (*poi sicuramente anche io non sono il massimo della diplomazia)

    RispondiElimina
  3. Potresti per favore chiarificare il passaggio?

    Più che altro devo rifare i conti perché ho fatto confusione con i numeri. Correggo, grazie della segnalazione.
    :)

    RispondiElimina
  4. comunque volendo postulare il ragionamento "l'ho provato e funziona" (come se il placebo non funzionasse) si può anche che i fulmini non sono fenomeni elettrici ma una manifestazione dell'ira di Zeus "perchè l'ho visto"

    RispondiElimina
  5. Ho conosiuto indirettamente l'ayurveda tramite la lettura di un libro di Deepak Chopra (http://en.wikipedia.org/wiki/Deepak_Chopra), che oltre ad evangelizzatore delle pratiche ayurvediche è anche medico allopatico. Ho trovato la sua posizione abbastanza equilibrata (almeno in un testo, in altri decisamente esagera parlando ditematiche che non mi pare padroneggi altrettanto bene, come la fisica...) ed in particolare ho apprezzato il fatto che evidenzi che non esistono degli studi statistici sull'efficacia dell'ayurveda ma che sicuramente lui può citare molti casi di efficacia di queste "terapie integrative". Mi piacerebbe conoscere il parere di un esperto. Grazie.

    RispondiElimina
  6. Chiamare Deepak Chopra un "medico allopatico" sarebbe come dare della suora a Cicciolina

    RispondiElimina
  7. Mi sembrano più di tutto insegnamenti del maestro yoda ... ;-)

    RispondiElimina
  8. Ma guarda te!
    Ero venuto a segnalare un divertentissimo sito di medicine alternative che ho trovato per caso e trovo un articolo (come sempre ottimo) sull'argomento...

    Comunque il blog di cui parlavo è hearthaware DOT wordpress DOT com: spero di parlarne col solito tono incazzoso e dissacrante in uno dei prossimi post dei Paperi (una perla su tutte: citano a ca**o Otto Heinrich Warburg, nobel per la medicina negli anni '30 per uno studio sugli enzimi respiratori, per "giustificare" la loro teoria per cui la causa del cancro è quello che mangi).

    RispondiElimina
  9. Scusi esimio dott. Di Grazia, ma quanti sono in Italia le persone che seguono la medicina Ayurvedica ? Non sarebbe meglio spendere il tempo prezioso con problemi veri ? Come ad esempio la notizia Reuters di ieri di 800 bambini rovinati dal vaccino per l'influenza suina ?..

    http://www.reuters.com/article/2013/01/22/us-narcolepsy-vaccine-pandemrix-idUSBRE90L07H20130122

    RispondiElimina
  10. Piccolo OT:
    Ieri sono andato a fare il primo vaccino alla mia piccolina. Dopo le punture mi sento dire dal personale medico dell'ospedale: ' Se dove abbiamo fatto l'iniezione si gonfia un pò, ci metta della pomata omeopatica!'

    RispondiElimina
  11. Se dove abbiamo fatto l'iniezione si gonfia un pò, ci metta della pomata omeopatica!

    Io gli avrei risposto: "allora fatemi un vaccino omeopatico".
    ;)

    Scusi esimio dott. Di Grazia, ma quanti sono in Italia le persone che seguono la medicina Ayurvedica ?

    Non ci sono dati. Pochissimi per esperienza generale, milioni per gli Ayurvedici (che sono medici e quindi spesso mischiano medicina con "meditazione" definendola Ayurveda).

    Non sarebbe meglio spendere il tempo prezioso con problemi veri ?

    Non ho ancora la sindrome di Superman, quindi mi occupo di ciò che voglio.

    Come ad esempio la notizia Reuters di ieri di 800 bambini rovinati dal vaccino per l'influenza suina ?

    Non è ancora accertato (e comunque si parla di 30 milioni di dosi somministrate) ed anzi ci sono molti dubbi sul legame con la vaccinazione, puoi leggere qualcosa (scritto dal "mitico" Steve Novella) qui:

    http://www.sciencebasedmedicine.org/index.php/pandemrix-and-narcolepsy/

    RispondiElimina
  12. Non ho ancora la sindrome di Superman, quindi mi occupo di ciò che voglio.
    AKA "il blog è mio e lo gestisco io" ;)

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. volevo capire se quel sabato mattina è meglio se stò a letto

    Fabio, ho dovuto cancellare il tuo commento perché è riferito a prodotti in vendita (e qui è proibito). Comunque si tratta di multilevel marketing, tutti sorridenti e vincenti. Aspettano anche te, quindi stai a letto risparmierai soldi e noia, consiglio eh?

    RispondiElimina
  15. Cavolo scusa Salvo, volevo solo avere un consiglio da una persona competente come te. In rete trovo solo commenti entusiasti e le solite solfe....non pensavo fosse multilevel marketing...ma la chiropratrica, per te, funziona? Stò tizio scrive di essersi laureato in chiropratica e anche in bilogia....mah...forse vado solo per sentire le 4 menate che propina, purtroppo alcuni osci sono molto inclini a cose come omeopatia etc etc

    RispondiElimina
  16. La chiropratica in Italia è una pratica (chiedo scusa per il gioco di parole) non riconosciuta dalla medicina e non regolamentata. Anche negli USA, patria di questa disciplina, è molto discussa.
    Da noi non è diffusissima e per quanto ho visto dipende da chi la propone, perché molti uniscono alla chiropratica tutta una serie di sciocchezze "olistiche".

    Curiosità che c'entra poco con l'attendibilità della disciplina: negli USA esiste una vera e propria lobby della chiropratica, potentissima ed appoggiata politicamente, quasi intoccabile...ho sentito cose incredibili sull'argomento.

    Ciao!

    RispondiElimina
  17. stò ascoltando su youtube quella che loro chiamano "Accademy"....sono disgustato...praticamente per loro il "paziente" è solo un cliente e bisogna "tenerlo legato a se"...."stare molto attenti se è indietro con i pagamenti"....vomitevole....e questa sarebbe la "medicina alternativa"....

    RispondiElimina
  18. ...beh partecipare a queste "riunioni" è allucinante, lo scopo è creare uno stato di suggestione ed esaltazione in chi è presente e può diventare un potenziale cliente/venditore (che per loro sono la stessa cosa).

    RispondiElimina
  19. lei potrebbe scrivere un articolo su questi personaggi? se vuole le dò i riferimenti, l'incontro è per il 16 marzo e voglio mettere in guardia gli altri da simili ciarlatani.
    Sono davvero esseri disgustosi e viscidi, peggio dei predicatori televisivi.

    RispondiElimina
  20. Su questi no, non hanno molto a che vedere con la medicina, sulla chiropratica devo scrivere qualcosa da tempo e lo farò.

    RispondiElimina
  21. Non è ancora accertato (e comunque si parla di 30 milioni di dosi somministrate) ed anzi ci sono molti dubbi sul legame con la vaccinazione, puoi leggere qualcosa (scritto dal "mitico" Steve Novella) qui:

    Bene, e allora perché non scrivere ad esempio sugli psico farmaci, visto che vi sono delle correlazioni con le stragi nelle scuole, notizia apparsa anche su ''La Stampa''
    Insomma, cerchiamo di dare un senso a questo blog, un po di pepe:
    http://www.lastampa.it/2013/01/22/blogs/underblog/stragi-e-antidepressivi-c-e-un-nesso-ma-non-si-dice-big-pharma-non-vuole-XVHvJ5aWDVlPoxM9zVieJL/pagina.html

    RispondiElimina
  22. ...Quello che intendo è che sono emersi grossi problemi in questi ultimi anni sui farmaci, notizie apparse su giornali main stream importanti, da farmaci che non hanno nessun effetto, la chemioterapia che aiuterebbe il cancro, problemi enormi con i vaccini l'Aulin che è proibito in diversi paesi invece non in Italia ecc.. Si potrebbe ad esempio scrivere sulle varie proprietà dei cibi, come abbinarli ecc.. Invece questo blog alterna articoli interessanti a temi futili, che non soddisfano certamente l'intelletto e la curiosità di chi vi legge. Peccato, troppe occasioni perse..

    RispondiElimina
  23. ..dimenticavo un'altro tema che volevo postare già da tempo: Lo scandalo che coinvolse la Bayer nel processo di Norimberga, i vertici condannati per crimini contro l'umanità e che rilasciati dopo pochi anni furono tutti riassunti dalla stessa. Quanto è etico acquistare le loro merci ?

    RispondiElimina
  24. Ciao,
    complimenti per l'articolo, come sempre.
    Sarà un tantino off-topic, ma volevo comunque segnalarti questo simpatico articolo:

    http://www.libera.tv/videos/4137/cuba-crea-quattro-vaccini-contro-il-cancro-una-lezione-alle-aziende-farmaceutiche-che-non-fara-notizia

    in cui si afferma (ovviamente senza uno straccio di link a qualsivoglia studio scientifico, solo articoli di stampa cubana, suppongo di regime, che riportano dichiarazioni che poco hanno a che fare con la millantata scoperta) che a Cuba hanno già creato quattro vaccini (?) contro il cancro, più le solite sparate pro-terapie alternative e anti-embargo (non che sia a favore dell'embargo, ma ci sarebbero modi più costruttivi di combatterlo).

    RispondiElimina
  25. Invece questo blog alterna articoli interessanti a temi futili, che non soddisfano certamente l'intelletto e la curiosità di chi vi legge.

    E' già tanto se riesco a scrivere quello che scrivo e lo faccio con molto sacrificio rinunciando a ben altre (e più piacevoli e rilassanti) faccende. Quindi se non sei soddisfatto mi dispiace ma così è. D'altronde non abbiamo tutti gli stessi gusti, pensa che ricevo un paio di decine di mail al giorno con le richieste più varie, non riuscirei a soddisfarle nemmeno volendo.

    Inoltre per le segnalazioni c'è uno spazio apposito, le leggo tutte e se meritevoli sicuramente saranno tenute a debito conto.

    in cui si afferma (ovviamente senza uno straccio di link a qualsivoglia studio scientifico

    A Cuba hanno trovato un nuovo modo di fare affari.

    RispondiElimina
  26. @Unknown
    Anche a me interessano molto più i cibi che i farmaci, anche io parlo decisamente più volentieri di alimentazione che di medicina. Di conseguenza frequento prevalentemente siti dedicati all'alimentazione, non vado a dire a chi parla di medicina che perde occasioni e annoia la gente.

    RispondiElimina
  27. A Cuba hanno trovato un nuovo modo di fare affari.

    Sono soltanto briccole.. visto che curarsi a Cuba è pressoché gratis

    RispondiElimina
  28. curarsi a Cuba è pressoché gratis

    Ma quelli mica vendono ai cubani, non c'hanno una lira, quelli vendono agli stranieri, businness is businness. Ci sono agenzie di viaggio che vivono solo di viaggi della speranza a Cuba, per dire...

    RispondiElimina
  29. Ma quelli mica vendono ai cubani, non c'hanno una lira, quelli vendono agli stranieri, businness is businness. Ci sono agenzie di viaggio che vivono solo di viaggi della speranza a Cuba, per dire...

    Falso.. Ci sono testimoni italiani che vanno a Cuba per curarsi e non pagano nulla.

    Approfitto per postare una notizia bomba sul potere anticancro della melatonina apparsa sulla prestigiosa rivista ''International Journal of Molecular Sciences''

    RispondiElimina
  30. ... link
    http://www.corrierenazionale.it/qui-speciali/salute/2013/01/26/news/86125-Metodo-Di-Bella-nuovo-studio-la-melatonina-ha-potere-anti-cancro

    RispondiElimina
  31. Approfitto per postare una notizia bomba sul potere anticancro della melatonina apparsa sulla prestigiosa rivista

    1) non è una notizia bomba
    2) non è una rivista prestigiosa* (basta guardare l'impact factor)
    3) è una review malfatta sulle proprietà della melatonina
    4) siamo fuori argomento
    5) il "potere anticancro" della melatonina sull'uomo non ha particolari evidenze scientifiche.

    Sulla cura "gratis" hai esempi?

    *Non sfidare il prof. Massimo Della Serietà

    RispondiElimina
  32. Sulla cura "gratis" hai esempi?


    suo "cuggino" è andato e non ha pagato nulla... ;)

    RispondiElimina
  33. "2) non è una rivista prestigiosa* (basta guardare l'impact factor)"

    A me non interessa se non è prestigiosa, ci sono studi seri fatti da medici seri che attestano la validità del potere curativo della melatonina in tutto il mondo, purtroppo l'epifisi dopo i 40 anni ne produce troppo poca, dunque bisognerà sicuramente integrarla. Vi è una signora inglese che ha 95 anni e la prende da venti con risultati veramente eccezionali, aveva addirittura il Parkinson !
    Certamente gli anziani che dormono 3 ore a notte, dormirebbero meglio e più a lungo con la melatonina. In ogni caso, se i metalli pesanti che abbiamo nel corpo dalle schifezze che mangiamo e in aggiunta le onde magnetiche creano problemi alla ghiandola pineale, meglio prevenire, intanto può fare soltanto del bene, anche presa in eccesso, intanto ci pensano poi i reni a smaltirla.

    4) siamo fuori argomento

    Era soltanto un modo per provocare reazioni atte a uscire da temi noiosi..

    Sulla cura "gratis" hai esempi?

    La rete è piena di testimonianze, se cerchi ne troverai tante, se ne era occupata anche "Striscia la Notizia" un'anno fa..
    Non dimenticare che Cuba è un paese socialista, non prevede pagament per curarsi

    RispondiElimina
  34. @Unknown
    sta a chi afferma le cose a doverle dimostrare e non semplicemente delegari ad altri. Quindi se tu dici che a Cuba non si paga sei tu a doverlo dimostrare.

    A me non interessa se non è prestigiosa,
    Quindi uno studio pubblicato su Topolino ha lo stesso valore di uno pubblicato su PubMed?

    RispondiElimina
  35. A me non interessa se non è prestigiosa

    Ah beh, allora figurati cosa interessa a me, però ti interessava sottolineare che lo fosse, curiosamente.

    La rete è piena di testimonianze, se cerchi ne troverai tante

    Ecco una risposta interessante, non noiosa e scientificamente inappuntabile.
    :)

    Arrivederci.

    RispondiElimina
  36. Per quanto riguarda il "gratis" forse si riferiva alle notizie sull'Escozul, il medicinale a base di veleno di scorpione.

    Agli inizi a Cuba veniva fornito gratuitamente a tutte quelle persone, che con cartella medica alla mano, potevano dimostrare di essere ammalati di cancro, od a quei parenti di malati che non potevano muoversi proprio a causa della malattia.

    Curarsi a cuba non è gratuito, anzi, si paga caro, visto che pur avendo una sanità grautita per i cittadini, le medicine sono poche e molto care, quindi al turista viene fatto pagare tutto, e salato. Solo l'escozul fu fornito gratuitamente, anche perché agli inizi il medicinale non era stato sperimentato.
    Una volta fiutato l'affare il governo cubano ha preferito proporre i vitadox, ovvero la versione omeopatica dell'escozul.

    Ma per esperienza diretta ti assicuro che a cuba la sanità non è gratuita per i turisti, per un dito rotto ho pagato una cifra che si aggirava attorno agi 400$ circa, direi una quindicina di anni fa.

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  38. Unknown, ho cancellato il tuo ultimo commento, evita per favore dii inserire ulteriori commenti fuori tema o che non rispettano le regole, altrimenti cancello. Grazie.

    PS: hai già criticato il mio blog, un consiglio che posso darti è quello di non leggerlo e frequentare altri siti.

    RispondiElimina
  39. La sanità cubana è talmente gratuita che per viaggiare a Cuba è obbligatoria l'assicurazione sanitaria. Serve a rimborsare i biglietti di ringraziamento per i medici che ti hanno curato gratis, evidentemente.
    Per il resto, grazie per l'articolo sull'Ayurveda. Ne sapevo poco e l'ho trovato interessante.

    RispondiElimina
  40. L'escozul attualmente però si paga e caro (tipo 300€ a boccia mi pare)

    RispondiElimina
  41. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  42. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  43. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  44. Beh, ma in nessun paese al mondo, credo, la sanità pubblica è gratuita per i non residenti. O c'è un accordo fra i governi (per esempio nei paesi U.E., che però significa che il paese ospitante presenterà il conto al SSN italiano), oppure le cure (anche quelle di pronto soccorso) sono a pagamento per gli stranieri, anche quando per i locali sono gratis.
    In conclusione, dire che a Cuba noi paghiamo le cure non vuol dire che le paghino anche i cubani.

    RispondiElimina
  45. Salvo ma quando lo banni 'sto tizio? Fra accuse, affermazioni straordinarie mai demolite e la sagra della banalità... Ci saremmo anche stufati di leggerlo. Pubblicare i suoi commenti non fa altro che fare il suo gioco... sbattilo fuori così la discussione può proseguire in maniera civile senza il troll di turno...

    RispondiElimina
  46. sulla sanità gratuita: anche in Italia lo è parzialmente, ma gli stranieri o sono assicurati o pagano. Idem gli italiani all'estero. Il fatto di avere un'assicurazione non vuol dire che sia gratis, vuol dire che le spese le sostiene suddetta assicurazione... Comunque la situazione sanitaria a Cuba è questa (Si ricorda che le spese ospedaliere e mediche, secondo la gravità dei casi, sono molto elevate, che devono essere pagate in valuta e che l’Ambasciata, ai termini di legge, non può anticiparle né sostenerle per conto dei connazionali. - tanto per citarne un estratto)

    RispondiElimina
  47. Molto OT ma non vorrei che questa perla passasse inosservata.
    L'ho riletta molte volte ma ogni volta sono stordito dalla totale idiozia del discorso.
    Fortunatamente sul Fatto Quotidiano hanno un blog Salvo e Andrea Bellelli altrimenti il sito del giornale sembrerebbe un mirror di disinformazione.it.



    RispondiElimina
  48. Ho postato il link all'articolo completo evitando di copiare la parte interessata: potrebbero essere permalosi :-)
    Trovate la perla al paragrafo "Guarire con un clic".

    RispondiElimina
  49. autodiagnosi? Io faccio il sistemista e vedo nel mio lavoro che a sintomi uguali corrispondono cause diverse. Il corpo umano è infinitamente più complicato di un computer, quindi se chi si affida al fai da te fa dei danni informatici notevoli (e fidatevi ho visto computer devastati dal fai da te), temo a cosa potrebbe succedere ad un corpo umano messo in mano di chi non sa cosa sta facendo. Per carità non vado dal dottore per un raffreddore, ma per qualsiasi dubbio di natura sanitaria, chiedo a chi sa e non al salumiere (ottima persona tra l'altro)

    RispondiElimina
  50. ti dirò che subito dopo citano anche uno si è "curato" la sclerosi multipla con la terapia chelante...

    è meglio non parlare di politica in questo blog -troppo rischio di finire in caciara- ma ci sono delle uscite ultimamente mi portano davvero alla disperazione

    RispondiElimina
  51. Quel paragrafo di quell'articolo mi sta facendo mettere in discussione chi voterò nelle prossime elezioni...
    Anche se, secondo come dovrebbe funzionare il movimento, probabilmente qualcuno gli farà notare la castroneria e cambieranno quel punto.
    Con una proposta del genere il mio coto se lo scordano

    RispondiElimina
  52. >probabilmente qualcuno gli farà notare la castroneria e cambieranno quel punto.

    Guarda, dico solo questo e poi la smetto perché con la politica non se ne esce più: Grillo continua a dire che nel suo movimento c'è la gente comune eccetera; ecco, ho detto tutto. Molta gente comune, soprattutto quella del "web", e quella dobbiamo prendere in considerazione poiché il movimento di Grillo è nato sul web, crede in gigantesche castronerie spacciate come vere sulla rete. Il pericolo di un governo con questi presupposti non è remoto, considerà che già ora abbiamo alcuni governanti che di queste cose hanno fatto battaglie politiche (vedi Scilipoti con le medicine alternative e le numerose interrogazioni parlamentari sulle scie chimiche provenute da più schieramenti. E' UNO dei motivi che mi spingono a non votare M5S. Non solo, è uno dei motivi che mi spinge a cercare di convincere gli altri a non farlo. Fine.

    RispondiElimina
  53. @Riccardo (D.O.C.):
    Io, in effetti, mi riferivo ai non residenti, anche se mi sono espresso malissimo. :(

    @Salvo:
    Ho letto ieri di una inchiesta di una radio tedesca (WDR) su alcune compagnie farmaceutiche della Germania Ovest che pagavano medici della Germania Est per testare farmaci sperimentali. Questi, poi, li testavano con protocolli quantomeno dubbi. Mai sentite storie del genere?

    RispondiElimina
  54. @GREZZO: Mi trovo abbastanza in accordo con il tuo pensiero. Sono uno studente di odontoiatria all'ultimo anno, e la mia cultura, seppur minima, non me la sono fatta su internet. E il M5S non l'ho mai seguito.
    Un fatto però è sotto gli occhi di tutti: se in Italia esistesse una "élite di illuminati" che avessero le capacità di governare allora ben venga, sarei il primo a votarli; a conti fatti però sono i soliti vecchi politici che pensano ai loro interessi e basta. In questo contesto il M5S è l'unico vero possibile cambiamento, in bene o in male non lo so, ma tant'è.
    Non scordiamoci che "la democrazia è il governo del popolo, dal popolo, e per il popolo" (A. Lincoln).

    RispondiElimina
  55. Il problema è valutare se un cambiamento porta a cose positive. Cambiare e basta non serve a nulla, con questi presupposti poi si rischia di fare ancora più danni, perché si potrebbero avere governanti onesti che fanno cazzate gigantesche in tutta buona fede.

    RispondiElimina
  56. In ambito medico preferiresti che con un bisturi in mano ci sia un simpaticone che non ha mai fatto neanche un'appendicectomia o un medico burbero che ha grande esperienza in cardiochirurgia? Il bonaccione puoi metterlo sempre a curare i rapporti con i pazienti, quando si tratta di salvare le vite sinceramente è meglio il tizio dall'aria sinistra che sa cosa fare.

    RispondiElimina
  57. A me sembra molto più burbero Grillo che Berlusconi...
    Per quanto cambiare e basta non serva a nulla, a mio parere è sempre meglio di continuare imperterrito a fare la stessa cosa.
    Adesso abbiamo governanti disonesti, che fanno i cazzi loro in malafede.
    Anche io ci vado coi piedi di piombo, ma almeno prova a versare le critiche che fai al M5S anche agli altri, e poi mi dici che ne esce fuori.

    RispondiElimina
  58. Mah, a memoria mia, almeno in campo scientifico non ho mai sentito da un politico (e in un contesto politico) tante e tali balle quante ne spara Grillo. Questo batte pure Scilipoti, che almeno si limitava a due o tre cavalli di battaglia, anche se se li giocava alla grande.

    RispondiElimina
  59. La politica no per favore, torniamo in tema ? Grazie.

    RispondiElimina
  60. bugiardino del vaccino Tripedia DTaP (antidifterite-tetano-pertosse) della Sanofi Pasteur Msd, segnala le seguenti reazioni avverse: “Adverse events reported during post-approval use of Tripedia vaccine include idiopathic thrombocytopenic purpura, SIDS, anaphylactic reaction, cellulitis, AUTISM, convulsion/grand mal convulsion, ENCEPHALOPATHY, hypotonia, NEUROPATHY, somnolence and apnea”. (Traduzione): "Le reazioni avverse riportate durante l'uso post-approvazione del vaccino Tripedia includono purpura trombocitopenica idiopatica, SIDS, reazione anafilattica, cellulite, AUTISMO, convulsioni / convulsioni da grande male, ENCEFALOPATIA, ipotonia, NEUROPATIA, sonnolenza e apnea".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, entrando qui si riscopre un pò la linfa orientale di uno scrittore talentuoso e dotto, mi chiedo, studi di ricerca aryuveda nelle isole dell'Italia, Sicilia, e Sardegna o penisola, dove si trovano?
      Tra le piante potete indicarmi, piante agoniste e antagoniste dove si possono combinare i vari elementi? Certo sentir parlare di piombo o di mercurio portarebbe in camera mortuaria chiunque, le pratiche alchemiche magiche devono andare di pari passo con la scienza ufficiale, chimica, fisica, biologia,intese come strutture dove immergere i connotati principi alchemici, investitura in principi, fissazione, dissoluzione, stemperamento, schiarore, porte sull'infinito, margini e spettri dell'energia, con le piante principi attivi agonisti e antagonisti, uno studio tanto facile quanto sintetico siete capaci un pò tutti voi di presentarlo come canone di ricerca per gli studi per la penisola e le isole? Oppure, esistono ,cose, studi di ricerca facili cosi da imparare per il funzionamento e l'inserimento in altri piani di carattere medico nutrizionista o spiritualista? Fatemi sapere.....

      Elimina
  61. Guardate, sono una terapista ayurvedica riconosciuta in Svizzera, dove i trattamenti sono certificati e riconosciuti anche dalle casse malati, e trovo questo testo è molto brutto perché discredita tutti gli operatori nel mondo che praticano da anni ayurveda in maniera seria e rigorosa. È vero che esistono ciarlatani e prodotti spacciati per ayurvedici contentenenti sostanze tossiche : diffiderei di comprarli sul web, anche se ci sono dei buoni rivenditori (non posso fare nomi). Ma non è assolutamente il caso per chi vende e pratica ayurveda in modo serio. 
    Le cliniche ayurvediche dove ho lavorato, sono più costose degli ospedali normali, non è vero che ci vanno i poveri, anzi.... Ci vanno, purtroppo, le persone che posso pagare di più. Perché i costi sono più alti, visto che i medicamenti usati, quelli veramente ayurvedici necessitano di erbe bio e olii di primissima qualità. I costi sono più alti dellindustria farmaceutica classica.
    Tante cliniche ayurvediche sono rigorose e validissime, certificate da label di organicità e standard di qualità ISO internazionali. Posso assicurarvi che la qualità e lavorazione delle erbe che io do è top, e ricevo da una delle farmacie di fitoterapia migliori che ho visitato in India... tutto 100% naturale, assente di metalli o altro. Layurveda non lavora con i principi omeopatici. Non si parla qui di effetto placebo, ma purgativo di tossine presenti nei tessuti. Le erbe aiutano l'eliminazione, il rinforzo cellulare e il metabolismo. I principi attivi presenti e riconosciuti e documentati sono moltissimi. Andate a vedere sul Web in inglese. Il dottore, con il quale collaboro e Non posso fare nomi, ha ricevuto molti premi dalla stato indiano e la importante Gujarat ayurveda university per il suo lavoro in ayurveda e la promozione della salute. I farmaci ayurvedici, suoi e altri, sono studiati in laboratorio per i loro principi attivi proprio come in farmacia occidentale. Non è assolutamente vero che hanno effetto solo psicologico. hanno buonissima efficacia su molte malattie, è documentato. Puoi andare a vedere su Internet la marea di studi clinichi e farmacologici che ci sono sulle erbe ayurvediche indicando le erbe in latino (Botswelia serrata, asparagus racemosus, etc.). Posso provarvi io da sola l'efficacia dei miei medicamenti su pazienti con alto colesterolo, problemi epatici, biliari, digestivi, problemi articolari, artrite, problemi linfatici, ormonali-endocrini...

    Assolutamente no, tutto assente da metalli, erbe di qualità lavorate secondo la vera tradizione ayurvedica.

    Questo articolo non dice tutta la verità, spero solo voglia mettere in guardo da ciarlatani e truffe sul mercato, che sicuramente, ce ne sono un po' dappertutto!



       

    RispondiElimina
  62. Buongiorno, vorrei riportare la mia esperienza e approccio all' ayurveda:
    soffro di dermatite atopica, comparsa già in tenera età.
    Scambiata e curata come eczema da contatto e allergica ho subito cure mediche di ogni tipo, soprattutto tra nella seconda metà degli anni 80: vaccini, cure termali per l' asma ( potrebbero aver funzionato)creme, latti detergenti, unguenti e preparati farmaceutici, omeopatia, riflessologia plantare e soprattutto cortisone a volontà.
    Con l' adolescenza le cose sono vagamente migliorate. Le fasi acute si sono diradate e affievolite con punte acute comunque gravi.
    Accertato che si trattava di dermatite atopica l' unico rimedio proposto è stato il cortisone in tutte le sue varianti.
    Dopo la prima gravidanza (2003), una forma acuta e grave mi ha tormentato per quasi 1 anno. Cure proposte: fototerapia (non fatta per problemi logistici e tempo, cortisone e terapia con immunosoppressori (non fatta per paura).
    Un' amica mi propone di provare con l' ayurveda e mi presente un suo amico, medico chirurgo specializzatosi in India in medicina ayurvedica.
    Scettica, accetto.
    Dopo una brevissima visita in cui mi viene tastato il polso per qualche minuto, vi viene prescritta l' assunzione di una certa quantità di rimedi da acquistare in un' erboristeria della mia città, con anche un piccolo sconto.
    La visita non l' ho pagata in quanto amica dell' amica.
    Mi è stata consigliata una dieta con basso apporto di glutine e l' eliminazione o il ridotto consumo di latticini, fritture ed alimenti acidi. Il mio problema sarebbe causato principalmente da un eccesso di acidità a carico dell' apparato digerente.
    Non mi viene proposta alcuna meditazione ginnastica o massaggi.
    A sentimento mi è sembrato tutto piuttosto autorevole e serio.
    Infatti procedo con la cura: acquisto i rimedi che non sono economici ma nemmeno così dispendiosi. La marca è l' unica che distribuisce in Italia perché ha superato i controlli del ministero della salute pur utilizzando materie vegetali provenienti dall'asia.
    Faccio anche la dieta, non strettissima perché per me troppo rigida.
    Insomma, prima della fine del primo mese di cura, la dermatite è lentamente regredita...dopo un anno di tormenti...
    Ho imputato il merito a questa cura che ha prodotto dei risultati che invece la medicina tradizionale non aveva raggiunto.
    Che dire, il medico che mi ha prescritto questa cura ha precisato, prima della visita, che se non fosse stato in grado di aiutarmi me lo avrebbe detto e avrei dovuto rivolgermi alla medicina tradizionale e che comunque la dermatite ce l' ho e me la tengo e che i rimedi che mi avrebbe proposta mi avrebbero aiutato a tenerla a bada.
    Mi sono fidata, ho voluto provare, stanca del solito cortisone ed effettivamente i risultati sono arrivati. Non escludo che la dermatite possa essere regredita spontaneamente ma onestamente...sarebbe proprio un a bella coincidenza.
    Non sono guarita dalla dermatite, ma con queste cure devo ammettere che gli episodi gravi ed acuti sono diradati ulteriormente e sono anche meno gravi.
    Niente di magico o risolutivo, ma per me un valido aiuto nell' affrontare una malattia che purtroppo, ad oggi, la medicina tradizionale fatica a trovare rimedi efficaci.
    Grazie per l' attenzione.
    Buona giornata.
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è stata consigliata una dieta con basso apporto di glutine e l' eliminazione o il ridotto consumo di latticini, fritture ed alimenti acidi.

      Grazie per la testimonianza, anche se non capisco cosa c'entri l'ayurveda con le diete, il glutine o le fritture.
      Inoltre, visto il numero di cose che ha fatto, non sappiamo a cosa potrebbe essere dovuto il miglioramento (a questo punto a tutto, a qualcosa o a niente) ed il problema è proprio questo, le medicine complementari sono tali perché o hanno dimostrato di funzionare o non sono riuscite a dimostrare che funzionano. In parole ancora più povere, la sua testimonianza è interessante ma non ci dice nulla di nuovo sull'ayurveda. Qualcun altro potrebbe sostenere che le diete prive di glutine curino le dermatiti (non è vero). Non so se mi spiego...
      Saluti!

      Elimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!