venerdì 28 ottobre 2011

Ciarlatano s.p.a.

Quanti ciarlatani abbiamo conosciuto in questi mesi?
Ho mostrato come lavorano, come presentano il loro "prodotto", come lo vendono e come cercano di convincere gli ingenui.
Nello studio delle tecniche utilizzate da queste persone ho spiegato come, con dei semplici trucchetti, i ciarlatani riescano a convincere chi legge dei presunti successi ottenuti. Trasformano un trafiletto di una rivista di moda in un articolo scientifico pubblicato su una rivista internazionale, si dissociano ferocemente dagli altri ciarlatani trattandoli come, loro sì, imbroglioni (così da prenderne le distanze) ed attaccano ferocemente la medicina che a loro dire sarebbe tutta coalizzata contro di loro (e chissà perchè).

Senza particolare ritegno pubblicano video, referti, esami, concludendo in maniera arbitraria che questi rappresentino la prova che il loro metodo riesca a sconfiggere le malattie. La cosa più interessante è che è davvero raro trovare un guaritore che falsifichi un referto o ne modifichi un altro, in genere gli esami o le lastre che si vedono on line sono quasi sempre reali, nessuna modifica particolare, è l'interpretazione che si offre che è assolutamente falsa, tanto che per comprenderla è necessario l'intervento di un medico perchè chi non ha esperienza con le refertazioni o gli esami medici raramente riesce a districarsi nella selva di termini tecnici, espressioni strettamente mediche e sigle particolari.
E' un esercizio molto interessante e curioso, se alla fine non rappresentasse una drammatica truffa, capire come questa gente si prenda gioco dei pazienti. Non usano strani metodi o difficili tecniche psicologiche, giocano sporco come i più banali e patetici imbonitori. Il gioco delle tre carte, semplicemente.

Il caso che ho trattato dall'inizio di questo blog, quello di Tullio Simoncini il guaritore del bicarbonato, è esemplare.
All'affermazione (importante) di aver guarito una persona dal cancro, Simoncini affianca referti di TAC, esami istologici, video di testimonianza diretta. Chi non conosce per ovvi motivi una TAC, chi non sa leggere un referto istologico, vede in questi esami la prova di quella guarigione: "se c'è la documentazione, la guarigione è provata, c'è poco da dubitare" ed i testimoni "tutti attori"?. E' questo il trucchetto di bassa lega del guaritore.
All'occhio del professionista medico che legge ogni giorno referti ed esami istologici tutto ciò appare incredibile. Che la guarigione dal tumore (quando c'è una guarigione, perchè non è sempre così) sia dovuta al metodo alternativo non è così scontato ed anzi quasi sempre è assolutamente falso.
Basta sostituire una lastra, cambiare un termine o addirittura non far nulla, fidandosi del fatto che il pubblico non sa certo cosa significhi un termine medico come "pregressa TURBT" o "margin free", il pubblico legge "guarigione dal tumore" scritto dal ciarlatano e si ferma a quel concetto. Lo stesso fanno altri.
Come Simoncini anche gli altri.
Hamer non fornisce alcun riscontro delle sue migliaia di presunte persone guarite, la Clark mostrava semi di pompelmo spacciandoli per "parassiti" espulsi dai suoi pazienti, anch'essi guariti ma dei quali non esisteva nessuna documentazione e così via.
Facile e comodo. I ciarlatani "moderni" non hanno alcuna differenza con quelli "artigianali", i cosiddetti "venditori di olio di serpente": affermazioni drastiche ed esagerate (cura del cancro, falsa scientificità), millantato credito (conosciuto in tutto il mondo, metodo riconosciuto dagli scienziati), risultati facili e garantiti al 100% (anzi, al 90%, perchè il vero ciarlatano lascia sempre una finestra pronta per la fuga).

Novità a Nizza: Mamadou. Vero mago vudù, questo stregone conosciuto a livello mondiale in tutto il quartiere, riparerà il vostro PC per via telepatica senza bisogno di spostarvi. Il suo potere è tale che egli sarà capace di riparare i settori difettosi del vostro disco rigido e cura anche il cancro a distanza, i problemi di erezione e farà innamorare di voi la vostra vicina. Pagamento anticipato 100 € via bonifico. Risultati garantiti.

Il metodo a quanto pare è di successo.
Il metodo dell'"azienda ciarlatano" è anche ricco di contraddizioni: si definisce perseguitato dalla comunità scientifica ma nello stesso tempo la comunità scientifica lo osannerebbe per le sue ricerche, il suo metodo sarebbe innocuo ma allo stesso tempo il guaritore è l'unico in grado di applicarlo con sicurezza, la cura miracolosa è economica ma chissà perchè chi la vende chiede un sacco di soldi.

Non importa neanche questo, la gente ci crede, c'è poco da fare, quando offri speranze di guarigione basta molto meno di un trucco in un referto per farti cascare come una pera matura dall'albero e questi ciarlatani hanno una clientela incredibilmente numerosa.
Anche i video sono un buon esempio di trucco da ciarlataneria. Ricordate il video della "recidiva di melanoma curata con la tintura di iodio?". Ricordate che ascoltando le parole del testimone, la tintura di iodio aveva fatto sparire "un puntino nero" e non una "recidiva di melanoma"? Se l'autore del video lo avesse intitolato "fa sparire puntino nero con la tintura di iodio" e non "recidiva di melanoma curata" lo stesso video avrebbe avuto, diciamo,...un altro senso.
E se qualcuno cominciasse a leggere bene i referti? Nessun problema, basta non mostrarli più. Come è successo.
E se qualcuno chiedesse questi referti per approfondire la notizia del secolo (la cura del cancro)? Nessun problema anche in questo caso, basta usare delle scuse banali: li hai persi in un trasloco, li stai preparando, non si trovano più, in ultima analisi c'è sempre la scusa finale, il paziente non vuole mostrarli...in ogni caso questi referti non li vedrete mai.
Mai mostrare il cilindro dal quale estrai il coniglio.

E' sempre così e rispecchia fedelmente le regole del marketing. Sono dimagrita di 15 kg con la cura del mago Gianfilippo, lo dice qualcuno in un video e "quindi" perchè non crederci? Ho vinto 100.000 euro al Lotto, fidatevi del Mago Pallino. C'è il testimone che lo dice in TV, perchè dovrebbe mentire?
Poco importa se in quel video non c'è altra documentazione: perchè quel testimone non dovrebbe dire la verità?
Il passo successivo è la "diffusione"...diffondi più che puoi, parlane, utilizza internet, Facebook, descrivi tutto come un mistero, aggiungi la persecuzione, un po' di complotto ed il gioco è fatto. Passaparola!

Il bello è che pure se spieghi passo passo questi trucchetti c'è sempre qualcuno che dice di crederci, in fondo è molto più comodo e rilassante credere al miracolo che affrontare la dura realtà.
Che il metodo Simoncini abbia fatto scuola non c'è quindi dubbio e sono sempre più i guaritori che lo stanno adottando.

Il lato più oscuro di questa vicenda è che il "passaparola" può arrivare anche grazie a siti come il mio: non importa come ne parli, intanto diffondiamo il caso qualche allocco per strada si trova sempre.

Mi sono reso conto di questo strano fenomeno quando ho capito che molti "guaritori", tutti con la scoperta della cura del cancro in mano, mi scrivevano semplicemente per indurmi a parlare di loro.
I primi messaggi ricevuti da parte di ciarlatani li consideravo errori o coincidenze, quando poi ho notato che sempre più "geni incompresi" cominciavano a scrivermi per chiedermi di pubblicare anche se negativa un'analisi delle loro "cure" mi sono chiesto il motivo di questo improvviso "amore" per la verità.
Ma com'è possibile, un guaritore da quattro soldi che scrive proprio a me per annunciarmi che guarisce il cancro con infusioni di alloro e limone?
Che abbia sbagliato indirizzo mail?
Quando poi il ciarlatano insisteva con i suoi messaggi ho avuto l'illuminazione. Anche un mio articolo di critica, anche un'analisi sull'inconsistenza di certe teorie, sarebbero stati il primo passo per la diffusione incontrollata...anzi, se quel furbo di MedBunker ne parla male sicuramente qualcosa sotto c'è, perchè Big Pharma, le multinazionali, il complotto, Veronesi, eccetera eccetera (elencare il luogo comune che si preferisce).
Che poi  fa sempre figo andare contro tutto ciò che è ufficiale e proviene dalle autorità.

Così ho pensato di rendere un servizio migliore a questi signori, parlerò dell'ennesimo guaritore per smascherarne i giochetti di quart'ordine ed i trucchetti da fiera ma non lo nominerò, non linkerò il suo sito...non gli farò pubblicità insomma (e se qualcuno riuscisse a capire di chi parlo non lo faccia presente nei commenti, significherebbe solo fargli un favore).
Se poi qualcuno è tanto testardo da volersi infilare sotto le ali di questi avvoltoi ha sempre la possibilità di farlo ma non sarò certo io ad accompagnarlo.

Oggi è il turno di un medico, uno "vero". Ha scoperto la cura per tutte le malattie, AIDS, malattie neurologiche, cardiovascolari, malattie degenerative e...cancro, l'onnipresente cancro, anche in fase terminale, sostiene lui. E' anche capace di far ringiovanire.
Come riesce?
Con varie sostanze, melatonina, vitamine ed altro (questo "altro" è il componente principale, una sostanza presente comunque nel nostro corpo, inefficace contro il cancro, non la nomino per non facilitare il riconoscimento del soggetto).

Ci chiediamo allora: come fa un guaritore a "provare" al mondo di aver scoperto la cura per tutte le malattie?
Studi scientifici? Statistiche? Pubblicazioni? No. Forse ha catalogato tutti i suoi dati per presentarli alla comunità scientifica? Nemmeno, niente di tutto questo. Come abbiamo visto il guaritore usa dei trucchi da palcoscenico, poi diffonde la sua idea ed aspetta...aspetta...aspetta, come un ragno nella sua tela.
Qualcuno passerà e se non passa, aspetta ancora, questione di tempo...
Se un giorno questo ulteriore guaritore dovesse diffondere il suo nome, farò presente di chi si tratta ma fino ad allora non sarò certo io a procurargli potenziali vittime.

Ho la convinzione che i ciarlatani quelli "professionisti" sappiano bene quello che fanno. Non sono dei poveri sprovveduti che credono di aver scoperto chissà cosa, sanno benissimo che nessuno può toccarli finchè non ci scappa il morto e visto che con i malati di cancro il morto con le loro cure (inefficaci) ci scapperà purtroppo sicuramente, sanno che c'è un semplice metodo di farla franca: lasciarlo morire di cancro. Nessuna pastiglia velenosa, nessuna pozione magica, basta somministrare aria, acqua, aglio o limone e nessuno potrà accusarti di omicidio o di qualcosa di grave, male che vada ti becchi una denuncia per truffa e sei a posto. Molto più rischioso somministrare strani intrugli che rischiano d'intossicare il povero truffato e se poi mi mettono dentro per omicidio?
Meglio fare le cose semplici.
Così questa volta il ciarlatano di turno interpreta pienamente il suo ruolo.

Cura facile ed efficace, testimonianze video (non linko il sito come detto ma i video sono lì) che raccontano di improbabili guarigioni (dalla signora che "si sentiva cadere il mondo addosso" al malato di cancro, da quella che ha finalmente perso 18 kg all'altro che aveva un infarto ed ora sta bene) e referti medici che proverebbero queste guarigioni miracolose.
Referti medici?
Certo, con il solito giochetto: scrivi che il paziente è guarito, chi vuoi che vada a guardare i referti e soprattutto chi vuoi che li capisca?
E allora torniamo alle origini. Il primo "caso" che ho trattato in questo blog fu quello di Lorna, paziente "guarita" via mail da Simoncini con il suo bicarbonato ma che in realtà era stata operata precedentemente (in ospedale) ed era libera da malattia al momento della "cura" del guaritore romano. Vi ricordate? Anche lei si giudicava guarita dal bicarbonato e nel video preparato da un collaboratore di Simoncini appariva tanto di referto.
Qualcuno però si era dimenticato di farne sparire uno, quello che parlava dell'intervento che aveva realmente guarito la donna, una cosiddetta TURBT. Questo intervento consiste nella resezione (asportazione) del tumore mediante una sorta di elettrobisturi. E' una procedura che si utilizza in numerosi tipi di tumore come quelli ginecologici, della vescica e della prostata.
Nella video testimonianza non si accenna a questo intervento ed il referto viene evidenziato solo nel punto che interessa alla cricca del ciarlatano: paziente guarita. Non bisogna scendere nei particolari quindi, basta far credere a tutti che sia stato il bicarbonato.
E quando il trucchetto è stato scoperto i suoi autori hanno negato fino alla fine, in maniera ridicola perchè negava l'evidenza ma decisa.

Ebbene anche il nuovo guaritore ha utilizzato questo trucchetto di basso livello.
Anche lui ha "guarito" un paziente da un tumore, alla prostata questa volta. Scrive infatti nel suo sito che da un referto nel quale è diagnosticato un carcinoma della prostata, si passa ad altri referti nei quali il tumore si sarebbe "disattivato" (sic) ed il paziente è tornato alla sua vita normale.

Ecco la schermata del sito:



Nei referti (sono quattro icone) la storia della guarigione mediante il metodo del nostro guaritore. Nel primo referto si mostra l'esito della biopsia alla prostata: in effetti alcuni pezzi asportati mostrano un esito inconfondibile: carcinoma, è un cancro maligno.
Il secondo ed il terzo referto sono illeggibili. Le immagini sono piccolissime e non si distinguono nemmeno le parole.
Il quarto referto, quello che dovrebbe mostrare l'"inattivazione del tumore" (con le parole del guaritore) parla chiaro: è stata effettuata l'asportazione del tumore con una TURP (intervento simile alla TURBT che ho spiegato prima) ma vi sono altre aree sospette (discariocinetica vuol dire aumentata di volume ma non per forza maligna) che probabilmente è bene sottoporre a biopsia ulteriore.



Bene, anzi, male: di guarigione in quei referti non c'è nemmeno l'ombra e se proprio vogliamo  presupporla ed essere pignoli il paziente ha subìto un intervento chirurgico che ha asportato la lesione.
Questo è lo stesso identico trucco di scuola "simonciniana". Una tradizione che si tramanda da un guaritore ad un altro.
Quindi?

Quindi siamo davanti all'ennesimo trucco da baraccone.
Ma l'esimio guaritore non manca di stupirci, visto che (come notato nei commenti al post) ne ha combinate tante. Una è davvero singolare.

Nella sua pagina internet appare uno studio scientifico a sua firma, c'è persino la scansione con lui come primo autore (accompagnato da altri due) dello studio.
Cercando però su Medline lo stesso studio di autori ne ha solo due e manca proprio il nome del nostro amico. Osservando meglio la scansione si scopre che il nome è semplicemente "incollato". Il genio incompreso ha letteralmente aggiunto il suo nome ad uno studio al quale egli non ha assolutamente partecipato.
Incredibile.

Non dubito che esiste sempre chi crederebbe anche a quest'altro "genio" della medicina, non mi stupirei ed è per questo che ho deciso (per ora) di non "pubblicizzarlo" è semplicemente un imbonitore. Il problema è che è un medico (a quanto dice) e lavora in giro per l'Italia.
Le sue "guarigioni" riguardano qualsiasi malattia, sono testimonianze video come quelle di Simoncini, senza riscontri, referti o controlli sono persone reali che dicono di essere "guarite" da diverse patologie, una è pure dimagrita ed un'altra si sente meglio. Una fiera del grottesco.
Poi una serie di documenti di "casi clinici" che sono tutti del tenore di questo sopra. Conclusioni arbitrarie, diagnosi senza riscontro, "evidenze" che evidenti non sono, guarigioni che vede solo il guaritore, non esiste nessuna prova di un effetto di quelle cure.
Altro giro altra corsa quindi, è nato un nuovo guaritore.

Per chi quindi pensa che i vari Simoncini di internet con i loro "trucchetti" siano casi isolati o insoliti dovrà ricredersi. Ne esistono diversi come lui e tanti ne arriveranno. Il metodo è redditizio, poco rischioso ed ha una clientela potenziale vastissima.
Fino a quanto non esisteranno regole in questo campo, chiunque voglia alzarsi la mattina e "guarire le malattie" potrà farlo rischiando pochissimo.

Non dovrei farlo presente? E perchè no. Solo un disonesto potrebbe prestarsi a questi giochi e non sarà certo la mia presenza a fermarlo.

Ma c'è un particolare della storia del guaritore di cui ho parlato che è troppo tragicomico per non essere riportato. Nella drammaticità dell'argomento ci scappa anche una piccola risata.
Andando a controllare il curriculum di questo medico stupisce l'enorme quantità di "incarichi" e posti apparentemente di prestigio si definisce "docente", si fa chiamare professore e responsabile di dipartimento ma soprattutto è il rettore di un'università, tutto certificato.
Insomma, un professore, rettore di università che si presta a simili giochetti sarebbe perlomeno discutibile. Ci sarebbe da restare spiazzati.

Poi vai a controllare i titoli riportati e si scoprono cose interessanti come alcuni titoli assolutamente insignificanti. Ma il meglio arriva controllando l'università che avrebbe nominato rettore il nostro nuovo genio incompreso, scopriamo che è tutto vero ma si tratta di un'università privata (sconosciuta e che fornisce titoli senza alcun valore accademico) che rilascia diplomi come quello di cucina naturale e si occupa di medicine non convenzionali...ebbè...ma il corso più prestigioso è sicuramente quello di massaggiatore capo bagnino.

Il corso di massaggiatore capo bagnino edizione 2011


Gli altri prestigiosi corsi dell'università della quale il nostro amico è rettore
Non approfondisco il corso di "consapevolezza e riconoscimento del "se" ipnotransazionale".
Beh, come rettore di università quindi, niente male, non c'è che dire, sull'università intendo...

Nel suo "curriculum", l'ennesimo genio incompreso fra vari incarichi di tutti i tipi riporta anche il suo essere "medico personale" di un importante prelato, un cardinale molto influente che lui avrebbe guarito dal morbo di Parkinson. Ora, non è che se sei il medico personale del cardinale sei più bravo a guarire i tumori (il cardinale dovrebbe già avere i suoi ehm...santi in paradiso...) ma magari questa "referenza" può portare acqua al proprio mulino.
Così a proposito di questo "titolo" il nuovo guaritore incompreso inserisce anche una lettera.
Voi penserete quello che ho pensato io: sarà una certificazione di guarigione? Una lettera di ringraziamento? Sarà una testimonianza umana del grande cardinale?
No.

Niente di tutto questo. E' peggio, molto peggio.
E' la lettera di raccomandazione che un altro cardinale fa ad un assessore della regione Lazio per far diventare direttore generale di una USL il nostro guaritore.


Avete capito bene. Il nostro genio pubblica allegramente su internet la lettera di raccomandazione di un cardinale (ho oscurato i nominativi) a disposizione di tutti e la usa come "credenziale"!

Certo, la lettera non ha avuto evidentemente grande successo (e meno male...) perchè il nostro amico non è diventato manager di USL, ma il cardinale ci ha provato.
Non è fantastico?
In fondo è anche uno scoop, non avevo mai visto una vera lettera di raccomandazione del vaticano...
Un disastro quindi, prima di tutto personale e poi per chi ci casca.
Per chi si chiede quindi ancora come mai queste persone non abbiano nessun ritegno nei confronti dei malati, si chieda prima di tutto perchè non ne hanno nemmeno per se stessi.

Alla prossima.

Aggiornamento: quasi tutto il materiale del sito descritto è sparito. Non so dire se successivamente al mio articolo, lo avevo controllato qualche settimana fa ed era on line. In fondo meglio così.

Aggiornamento: forse ho capito perchè il materiale è sparito, il nostro amico è stato beccato.

44 commenti:

  1. Università popolare Nicholas Flamel?!?!

    Cioè il personaggio di Harry Potter e la pietra filosofale? Quello che l'ha creata?

    moooooolto convincente ;)

    RispondiElimina
  2. Flamel è veramente esistito, ma era uno scrivano che poi, secondo leggende, sarebbe riuscito a diventare immortale grazie alla pietra filosofale, per poi decidere di morire comunque.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Nicholas_Flamel

    Direi che è un ottimo personaggio al quale dedicare una università di fuffologia.

    RispondiElimina
  3. Grazie della dritta, però sarebbe stata più affascinante un'università di Cagliostro ;)

    RispondiElimina
  4. Quel "al defunto cardinale" la dice lunga...

    RispondiElimina
  5. Zille,
    mi hai preceduto, stavo per scriverlo io...
    ;-)

    RispondiElimina
  6. WeWee, capisco che possono usarti come Spot pubblicitario, se li nomini.

    Ma se legge il nome chi riesce a rendersi conto che è un truffatore, ed in giro sente che qualcuno lo diffonde, può intervenire contro.

    Purtroppo il numero di chi si fa fregare è più alto di chi ragiona?

    Il Mondo non sarebbe com'è se no, vero?

    :(

    RispondiElimina
  7. In realtà fornire informazioni sull'università potrebbe permettere di risalire senza troppe difficoltà al nome del rettore. Sono arrivato alla lista dei docenti, con un po' di perseveranza e controllandoli uno per uno potrei arrivare a capire chi è. Fortunatamente io ho di meglio da fare e mi fermo qui, ma altri potrebbero avere tempo da perdere.

    RispondiElimina
  8. Fortunatamente io ho di meglio da fare e mi fermo qui, ma altri potrebbero avere tempo da perdere.

    Lo facciano, non mi interessa, ma di sicuro, visto che questa persona mi ha scritto appositamente non gli farò la pubblicità che cercava. Certo, se facesse il passo troppo lungo ne riparlerò con piacere.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Zille, sei veramente un'Aquila. Oppure no? ;D

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. @ Calenda

    Si lo so ho svelato l'arcano ma non concordo con la decione di WeWee che credo sia solo dettata da un momento di sconforto donchisciottesco. Se ci si limita a fare informazione puó andare anche bene ma questo sito nasce anche per allertare e contrastare il fenomeno. Farlo senza fare i nomi a mio avviso diventa un esercizio inutile.
    IMHO e quindi siccome siamo a casa di WeWee e qui le regole le fa lui puó sempre cancellare il mio post se lo ritiene necessario.

    Saluti
    Zille

    RispondiElimina
  13. Zille, complimenti (sinceri) per quello che hai trovato ma DEVO cancellare i tuoi commenti perchè identificano esattamente di chi si sta discutendo.
    Spero capirai...
    Comunque quella sull'unico studio pubblicato è fantastica e la segnalo nell'articolo...
    Ti chiedo scusa per "cancellare" il tempo che hai perso a cercare.

    RispondiElimina
  14. Non preoccuparti capisco perfettamente.

    Saluti
    Zille

    RispondiElimina
  15. @WeWee

    Ti consiglio di modificare anche leggermente il testo preso dal sito di quel ciarlatano ;-)

    RispondiElimina
  16. Ti consiglio di modificare anche leggermente il testo preso dal sito di quel ciarlatano

    L'ho riassunto senza riportarlo integralmente, forse è meglio...
    ;)

    RispondiElimina
  17. @Zille

    Discutere di quel medico o fornire link verso quel sito non farebbe altro che aumentarne la popolarità presso i motori di ricerca. In pratica aumenterebbe il suo ranking anche se ne parliamo malissimo. Purtroppo i motori di ricerca non riescono ancora a fornire risposte ordinate oltre per la popolarità anche per l'affidabilità delle informazioni :-)

    RispondiElimina
  18. @ EpSiLoN74

    Hai ragione per i link ma piú si denuncia il nome piú é probabile che nell'indicizzazione quiesto esca prima su un sito di debunker che sul suo. O No?

    Saluti

    Zille

    RispondiElimina
  19. Beccato anch'io.
    Non nomino solo per le note ragioni.

    Ma è troppo facile, se lasci i testi copia-incollabili... basta affidarsi al buon gurgle!

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Purtroppo temo che non ci sia una percentuale che ci dica se conviene o meno nominarli...

    RispondiElimina
  22. Il "purché se ne parli" fu coniato da Wilde ben prima dell'avvento del web, ed è sempre validissimo.

    Anche in questo caso, è dimostrato che il bronzo per forgiar facce non manca mai.

    Io sono dell'avviso che sia meglio mettere i nomi, così da comparire nei risultati delle ricerche; nomi, ma nessun link, per non aumentare il ranking di quei siti.

    Poi, in realtà, non penso ci sia un modo giusto, o più giusto, di fare.

    RispondiElimina
  23. Io ho trovato che si sarebbe anche autoproclamato Gran Maestro Templare :P
    con grande incazzatura dei templari italiani, pare.
    Infatti sul sito in construzione mette anche il simbolo.

    RispondiElimina
  24. @Zille

    Ma non credo che se ci mettiamo a discutere in maniera massiccia di quel soggetto questa pagina diventa più autoritaria dell'autore della pagina stessa. Certamente è un problema non avere un luogo dove poter leggere chiaramente il nome di quell'approccio e definirlo una truffa. Ma capisco pure il timore di WeWee.

    RispondiElimina
  25. @Epslon74

    Autoritaria no ma con piú probabilitá di uscire al primo posto nella ricerca sí, e la maggior parte delle persone non va oltre i primi 5 risultati di google. Comunque sia comprendo il ragionamento di WeWee e lo rispetto ma non concordo. Riconosco anche che é facile criticare se poi é WeWee che ci mette la faccia ma questa gentaglia merita essere esposta e la gente allertata.

    RispondiElimina
  26. quiz :D
    Udite, udite, o rustici; / attenti, non fiatate.
    Io gia' suppongo e immagino / che al par di me sappiate
    ch'io sono quel gran medico, / dottore enciclopedico,
    [...]
    Comprate il mio specifico, / per poco io ve lo do

    RispondiElimina
  27. Più che CIARLATANO S.P.A. direi CIARLATANO S.R.L.... a responsabilità limitata, visto l'abbondare di impuniti assenti dalle patrie galere.

    RispondiElimina
  28. @repiazz
    È questo l'odontalgico
    mirabile liquore,
    dei topi e delle cimici
    possente distruttore,
    i cui certificati
    autentici, bollati
    toccar vedere e leggere
    a ciaschedun farò.

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. @ Da un altro Mondo

    :D sì, è la cavatina di Dulcamara, ma il quiz voleva essere più sottile (vabbè, cervellotico)

    il ciarlatano prosegue:
    Ei move i paralitici / spedisce gli apopletici,
    gli asmatici, gli asfitici / gli isterici, i diabetici,
    guarisce timpanitidi / e scrofole e rachitidi,
    e fino il mal di fegato / che in moda divento'.
    Mirabile pe' cimici / mirabile pel fegato,
    guarisce i paralitici / spedisce gli apopletici.
    (ricorda niente? una qualche ***colina? LOL)

    così, siccome:
    - l'Organon di Hahnemann è del 1810
    - "la" dulcamara è un rimedio omeopatico
    - L'elisir d'amore che se la prende (garbatamente) coi ciarlatani, ma anche coi gonzi, è del 1832

    ...Donizetti è un medbunker ante litteram!

    RispondiElimina
  31. Ho avuto la stessa esperienza con la mia pagina di raccolta di siti pseudoscientifici. Ricevevo spesso commenti da parte dei "clienti", di sue tipi, fondamentalmente
    - Le segnalo per una gradita recensione il mio sito www.fuffapura.com
    - perché mette la mia brillante teoria al pari di quelle emerite cialtronate di tutti gli altri?

    Per i secondi provo parecchia tristezza, anche se in certi casi, vista la loro aggressività nei miei confronti, non più di tanta. Per i primi condivido quel che dice WeWee, anche un sito come il mio diventava pubblicità. Ma se non fai nulla lasci la gente in loro balia. Occorre capire quando cominciare ad intervenire, probabilmente quando ti querelano o ti bannano o simili è segno che sei nel giusto.

    RispondiElimina
  32. Gianni Comoretto dice
    Ma se non fai nulla lasci la gente in loro balia
    parlo da profano, ma nel caso di un medico non è possibile, anche in assenza di reato, sensibilizzare l'Ordine Provinciale di appartenenza del soggetto? dubito che comportamenti così smaccatamente grossolani siano compatibili con la deontologia professionale

    RispondiElimina
  33. (segue)
    certo la sospensione o radiazione non impedirebbe di proseguire la disinvolta attività, vedi Simoncini, ma almeno il "guaritore" perderebbe quella parte di clientela rassicurata dalla copertura di ufficialità

    RispondiElimina
  34. D'accordo con Repiazz, anche se magari lo fate già...

    In ogni trovo molto appropriato il link qui a dx, dove si può verificare se qualcuno di questi è effettivamente iscritto all'albo.

    RispondiElimina
  35. @ Calenda Maia

    certo che il link a Fnomceo è utile, utilissimo; però vedo dei limiti oggettivi. Innanzitutto bisogna sapere che esiste, e poi chi ha un problema (quindi è preoccupato, turbato) avrà la freddezza necessaria per una ricerca non semplice? gli Ordini sono provinciali, e salvo errore sono 106; e che io sappia nulla vieta di essere iscritti da una parte ed esercitare da un'altra, senza contare le omonimie: se cerco Pinco Pallino ne trovo magari due a Genova quattro a Pescara uno a Bolzano e così via, quale sarà il mio?

    comunque sia il Nostro è iscritto, ahimé se è iscritto... e siccome per quanto è dato capire esercita per l'appunto "fuori provincia", che ne sanno dei suoi metodi i Probiviri (o Commissione Disciplinare o quel che sia, non me ne intendo) del suo Ordine se non ne vengono informati? oltretutto questa sensibilizzazione dev'essere preventiva, altrimenti vuol dire che il danno è già stato fatto, mentre lo scopo dovrebbe essere di mettere in condizione di non nuocere
    e non può certo attivarsi uno qualunque, che non essendo parte interessata non sarebbe attendibile (e una querela per diffamazione e calunnia non gliela toglierebbe nessuno); se poi lo facesse un diretto interessato (che forse non si rivolgerebbe all'Ordine ma piuttosto al Tribunale) saremmo daccapo, il danno c'è già stato! e una delazione anonima cadrebbe meritatamente nel vuoto
    mi domando se una strada praticabile possa essere la raccolta di un dossier il più possibile completo (documenti, (freeze del sito web, se possibile testimonianze, eccetera) da sottoporre a chi ha veste quasi istituzionale, come il Codacons, l'ADUC, forse il Tribunale del Malato, e sentire cosa ne pensano

    RispondiElimina
  36. Non c'entra nulla col post in questione ma non ho trovato altro modo di contattarti.

    Ho letto di un fantomatico hair test/test del capello che - a dire dei naturopati - consentirebbe di trovare una quantità esorbitante di intolleranze alimentari, ecc. (dunque non quello usato per trovare tracce di sostanze specifiche, tipo stupefacenti).

    Ti segnalo questo: "Commercial Hair Analysis: A Cardinal Sign of Quackery". Potrebbe uscirne un bell'articolo (se non l'hai già fatto).

    RispondiElimina
  37. Nel riconfermami che le tecniche usate dai venditori di olio di serpente sono sempre le stesse, sono tornato sul sito xenu.com-it.net per rinfrescarmi sulle tecniche di Scientology. Mi son riletto la storia della campagna contro il Ritalin fatta per screditare psichiatri e pediatri. Ricerca su Google per capire chi faceva da cassa di risonanza a Scientology su questo. Subito beccato il noto sito complottista disinformazione.it, da cui si passa direttamente a aerrepici.com. Si potrebbe fare uno schemetto sulla tecnica comunicativa...

    RispondiElimina
  38. Bell'articolo. Mi ha ricordato che qui in Brasile sono nate numerose congregazioni religiose con questi trucchetti. Usano il nome di Dio per dimostrare agli ospiti, presenti alle cerimonie, le loro miracolose guarigioni. Dal momento che si tratta di migliaia e migliaia di fedeli (i raduni evangelici qui sono come i concerti rock) chi vuoi che controlli sul momento le radiografie che porta sul palco la signora Maria per dimostrare la lenta ma inesorabile "sparizione" del tumore? E chi sà poi se si tratta di quello o di altre malattie facilmente guaribili.

    Sorvolano poi sul fatto che la signora Maria, oltre alle preghiere, fosse sotto chemioterapia. In sostanza si salva grazie alle cure mediche ma viene evidenziato come la guarigione in realtà sia avvenuta grazie alle orazioni. E giù a vendere abbonamenti alla loro tv via cavo e alle "tovaglie" benedette del 2011 (nuova collezione).

    RispondiElimina
  39. Ottimo articolo come sempre.
    Ma se questa persona si spaccia per medico non è facile da controllare, anche solo on-line?
    O è un medico veramente? (in tal caso sarebbe da denuncia)

    RispondiElimina
  40. Mi sa che l'ho beccato...
    però sono sparite le immagini a cui fai riferimento tu, Wewee, e pure il pdf...

    RispondiElimina
  41. Wee Wee, una domanda un pò OT, ma sempre a proposito di "cure miracolose": hai mai sentito parlare delle cure di "demetallizzazione", in cui vengono somministrati dei chelanti che riportano in circolo i metalli pesanti accumulati tramite i processi di confinamento?
    Se si, ci scriverai qualcosa prima o poi?

    RispondiElimina
  42. O è un medico veramente?

    Lo è.
    Attualmente esercita in guardia medica.

    però sono sparite le immagini a cui fai riferimento tu, Wewee, e pure il pdf...

    Già, tutto sparito. I miei "screenshot" risalgono a poco più di un mese fa.

    hai mai sentito parlare delle cure di "demetallizzazione", in cui vengono somministrati dei chelanti che riportano in circolo i metalli pesanti accumulati tramite i processi di confinamento?
    Se si, ci scriverai qualcosa prima o poi?


    Ne ho parlato a proposito delle false cure per l'autismo. Probabilmente ne riparlerò.

    RispondiElimina
  43. a proposito, (e nella sottocategoria "le nostre tasse all'opera"), sono venuto a sapere di questo workshop tenutosi presso la biblioteca del senato sull'uso di campi elettromagnetici per la cura di malattie degenerative...

    www.ispesl.it/informazione/eventi/dfi/2011icems.pdf

    nella seconda sessione, quella sui fondamentali, a parte il noto nobel che invia il DNA via radio, compaiono altri scienziati che aprono tutto un mondo di "acqua informata", "biorisonanza olografica", "biofotoni" ecc.

    il signore di cui qui si discute e' di certo in buona compagnia... sembra che la nuova frontiera della cialtroneria sia all'interno del mondo scientifico.
    che e' anche il mondo in cui lavoro. comincio sinceramente a preoccuparmi.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!