mercoledì 17 novembre 2010

Nuova testimonianza sulle cure di Simoncini

Tullio Simoncini (non mi dilungo sulla sua incredibile storia, esiste un lungo riepilogo qui) si è fatto conoscere in tutto il mondo per le testimonianze che registra in video che poi diffonde su internet. Non mi dilungo neppure sulla validità di ciò che è riportato sui video perchè l'ho già fatto e lo rifarò prossimamente ma scrivo per diffondere il suo lavoro perchè c'è sempre chi non sa con chi ha a che fare o fa finta di non saperlo quando invece è bene conoscere le persone alle quali ci si affida.
Dopo tante testimonianze può capitare di perderne di vista una e quindi la riporto io, lui si definisce "incompreso" e quindi è bene "comprenderlo" meglio. Simoncini afferma di poter guarire il 90% dei tumori ma, coincidenza o meno, tutti i casi che vanno in cronaca appartengono sempre a quel 10% che non ha nessun beneficio dalle sue cure. Di questi casi però il guaritore non ne parla mai.
Alla fine comunque questa storia ha due morali legate ad altrettanti aspetti del problema: affidarsi alle cure alternative in attesa del miracolo e pagare fior di quattrini ai vari imbonitori della salute.

Stavolta si tratta di un ex imprenditore scozzese, Robert Fyvie 54 anni padre di tre figli, abitante a Musselburgh, nei pressi di Edimburgo.
Affetto da tumore intestinale viene operato nel suo paese.
Dopo quattro anni si sviluppano delle recidive al fegato e vista l'estensione della malattia che coinvolgeva buona parte dell'organo e delle vie biliari, i medici scozzesi hanno giudicato inaffrontabile l'intervento.
La sentenza era terribile.
Subito la ricerca di qualcosa di diverso, del miracolo.


Su internet si trova di tutto ma quando uno come Tullio Simoncini promette la guarigione nel 90% dei casi dai tumori ed in pochi giorni con il bicarbonato di sodio non si riesce spesso a riflettere su quello che afferma questa persona e controllarne l'attendibilità, non si riflette nemmeno sul fatto che il guaritore italiano promette veri e propri miracoli, mai avverati.
Oltretutto Simoncini viene presentato nel giornale locale come "oncologo italiano" senza alcun riferimento al fatto che si tratta invece di un guaritore senza titolo per curare persone malate. Chi ha letto l'articolo che raccontava la storia non poteva avere dubbi, Albert stava seguendo una cura come un'altra in Italia, non una medicina alternativa inefficace e quindi anche la presunta "cura" aveva il crisma dell'"ufficialità".

I medici che seguivano Robert non hanno avuto nessuna notizia della decisione dell'uomo fino a quando questa era già stata presa.
Così la famiglia comincia a muoversi e contattato l'ex medico romano ci si accorda per un intervento a Roma nel quale Simoncini avrebbe inserito i cateteri nel fegato del povero signore in modo da poter effettuare i lavaggi con il bicarbonato curativo.
Prima dell'intervento rivoluzionario di Simoncini, Robert decide di rifiutare la chemioterapia perchè a suo dire avrebbe indebolito il suo sistema immunitario e si è recato in Thailandia per effettuare delle cure con erbe e poi settimane di trattamenti olistici per rinforzare l'immunità in vista della cura con il bicarbonato. Al ritorno dal paese asiatico Robert dichiarava di stare molto meglio e di sentirsi in forma.
La spesa era alta per un pensionato, circa 10.000 sterline (più di 12.000 euro), ma la solidarietà dei compaesani di Robert è stata grande, un appello sui giornali locali e con l'aiuto di spettacoli, vendite di beneficienza ed offerte, la cifra è stata raggiunta in breve tempo, una raccolta fondi ed una solidarietà che ha coinvolto centinaia di persone. Anche i suoi piccoli figli, a quanto hanno detto, hanno dato fondo ai loro pochi risparmi per aiutare papà. Chi non lo farebbe...

Robert e famiglia si recano a Roma a marzo del 2010, così gli aveva detto il guaritore del bicarbonato, lui si sottopone all'intervento di Tullio Simoncini (evidentemente in qualche clinica compiacente) e tornano a casa, senza soldi ma con molte speranze nell'animo, vuoi che con una percentuale di guarigione del 90% in pochi giorni non si otterrà nessun risultato?
Nessuna guarigione nè miglioramento invece, come previsto, Simoncini (e la clinica...) ha intascato i soldi e continua a cercare altri disperati in giro per il mondo.
Robert Fyvie è morto circondato dall'affetto dei suoi cari pochi mesi fa, il 9 agosto scorso.
Lo ha annunciato con dolore il giornale locale.
La famiglia è naturalmente devastata ma il rimpianto più grande è del figlio di 10 anni che non ha potuto vedere suo papà assistere al suo esordio come pugile tra un paio di mesi. Questo particolare, commovente ma che può apparire secondario in un dramma come questo, potrebbe far riflettere sulle possibilità di sopravvivere anche un po' di più, per poter avere meno rimorsi e non regalare soldi a chi promette miracoli impossibili. Promesse che spezzano i sogni di tutti, vittime, parenti e chi spera con loro.

Ecco, il problema non è solo che la gente possa credere a Simoncini (perchè quando hai la mente offuscata dalla disperazione crederesti a tutto) ma che rinunci alle cure provate perchè..."indeboliscono" per farti illudere con i trattamenti olistici ed il bicarbonato. A pagamento, naturalmente, costi quel che costi.
Naturalmente se dovessi avere notizia delle cliniche compiacenti che aiutano Simoncini a compiere i suoi crudeli esperimenti lo farò presente, vediamo cosa avranno da dire.
E per chi si affida alle mani di questo tipo di personaggi quando non ha altre speranze dico solo che la malattia e la sofferenza sono prove molto dure ma da vivere con dignità e coraggio fino alla fine se possibile e chi è vicino a chi soffre a causa di una grave malattia sappia che affidare il corpo di un proprio caro a chi non ha altri scopi se non approfittarne per i propri interessi compie un atto irrispettoso, immeritato da chi sta male, indegno.

Per il bene di chi amate, non abbandonate a questa gente i vostri cari.

A proposito di "percentuali". Il guaritore romano ha rilasciato un paio di interviste ad una radio locale romana, nulla di nuovo, ma l'occasione per risentire dalla viva voce dell'ex medico le sue affermazioni assurde. Ho detto in un articolo passato che forse basterebbe assistere ad un incontro con Simoncini per rendersi conto della levatura di questo guaritore. Nelle interviste abbiamo l'occasione per farlo.
Le "perle" del conduttore della tramissione sono tante, dalla "scientificità" della cura Simoncini alla "ampia letteratura" che dimostrerebbe la stessa cura, sono talmente tanti gli strafalcioni dello speaker che non è nemmeno il caso di elencarli tutti, chi vuole li ascolti pure.

Ma è curioso come nelle due interviste, alla domanda: "Quante persone ha guarito?" Simoncini risponde 500, 600, un migliaio, nella prima intervista poi nella seconda dice 300, insomma...il luminare del bicarbonato non lo sa nemmeno lui. Poi una serie di affermazioni deliranti che si aggiungono alle altre come la familiarità del cancro che non esiste e, a proposito delle sue condanne..."sappiamo come funziona la magistratura...".
Insomma, un decalogo che conosciamo bene.
Qualcuno potrebbe pensare che è davvero da ingenui cascarci ma evidentemente il mondo è pieno di ingenui.
Per chi volesse ascoltare le interviste eccole qui, la prima e la seconda (più lunga).
Ed a chi ancora avesse dubbi sulle "cure" di questo personaggio il mio abituale invito: non perdete la freddezza, non cascate nelle trappole di questa gente, fatelo per chi volete bene, almeno nel loro momento più duro da affrontare.

Alla prossima.

Grazie a DB.

80 commenti:

  1. Leggo per la prima volta di Simoncini. Mi chiedo quando un "caso" diventa internazionale chi avrebbe il compito di prendere provvedimenti.Immagino che il suo "target" sia il paziente terminale, quello che ha solo qualche mese di vita da perdere. L'ordine professionale? Ma Simoncini non è medico. Nessuno dei media che parlandone così diffusamente fa poi giornalismo d'inchiesta, ormai relegato a pochi benemeriti. Come non pensare al caso Di Bella? Si tratta di proporzioni, numeri, epidemiologia della malpractice che determina indagini, sperimentazioni, condanne? Possibile che in questi casi nel nostro paese la "giustizia" sia in mano al gabibbo o ad un blog come questo, che per quanto letto e , meritevole sortisce un effetto molto limitato.
    Saluti

    RispondiElimina
  2. scusate ma...un povero cristo, che si impegna dalla mattina alla sera, cosa deve fare, in codesto paese, per andare in galera?

    RispondiElimina
  3. 'scusate ma...un povero cristo, che si impegna dalla mattina alla sera, cosa deve fare, in codesto paese, per andare in galera?'

    parole sante.....

    RispondiElimina
  4. Dignità. Scomparsa dal motore di ricerca di Simoncini. Avrei altro da dire, ma sono un tipo impulsivo che si lancia in parolacce e bestemmie contro gente simile, quindi evito.

    RispondiElimina
  5. Lo schifo è che costui non sia in galera. Ma d'altronde, a piede libero ci sono anche altre persone... e qua mi fermo.

    RispondiElimina
  6. Approfitto di questo post per chiedere se nella EBM esiste l'idea di rinforzare l'immunità. Leggo spesso di questa pratica nelle varie medicine alternative ma non capisco se l'idea sarebbe giusta ma l'approccio alternativo sbagliato oppure l'idea stessa è una cretinata.

    RispondiElimina
  7. Possibile che in questi casi nel nostro paese la "giustizia" sia in mano al gabibbo o ad un blog come questo

    Mah, sembrerò cinico ma da parte mia non ho mai avuto nessuna voglia di "forca". Mi piacerebbe piuttosto assistere alla presa di coscienza da parte di tante persone che sono sinceramente convinte della buonafede di Simoncini o di suoi simili, di quanto siano in realtà vittime del raggiro. Vedrei come costruttivo un bel calcio nel sedere ai guaritori piuttosto di una condanna (che poi io ripeto sempre che non è in tribunale che si fa la scienza), quello sì che mi renderebbe fiero ed orgoglioso dei miei simili...

    se nella EBM esiste l'idea di rinforzare l'immunità.

    Esiste ed è applicata. In alcuni casi anche di routine (si pensi ai vaccini, all'immunoterapia con BCG nel tumore vescicale, agli anticorpi monoclonali) mentre altre strade sono sperimentali.
    La differenza (tra medicina e fantasia) è quasi sempre in ciò che si propone: armi potentissime e mirate (che costano tanto, non solo in termini economici) da una parte ed illusioni (succhi di frutta, teorie indimostrate, meditazione) dall'altra.

    RispondiElimina
  8. Come al solito un bel post :)
    (solo un appunto: nel link si dice che l'uomo aveva un cancro all'intestino, poi diffuso al fegato- non alla vescica)

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, correggo, è stato un mio errore di traduzione.

    RispondiElimina
  10. @WeWee

    ...da una parte ed illusioni (succhi di frutta, teorie indimostrate, meditazione) dall'altra

    Infatti era questo a cui pensavo. Leggo spesso di assunzioni di megadosi di vitamine, tè verde, omega-3, erbe varie come questa oppure l'essiac di cui hai già parlato in passato. C'è da dire però che studi recenti asseriscono che la vitamina D può "rafforzare" il sistema immunitaria nel confronti dell'influenza stagionale.

    RispondiElimina
  11. Leggo spesso di assunzioni di megadosi di vitamine, tè verde, omega-3, erbe varie come questa oppure l'essiac di cui hai già parlato in passato.

    Alcune di queste sostanze hanno un razionale, altre no. Altre volte si fa confusione tra i vari meccanismi d'azione ed altre ancora si scambia un teorico effetto antitumorale con quello pratico. In certi casi ad esempio (certe vitamine, alcune erbe, il tè verde) si tratta di un accertato effetto antiossidante che è sicuramente utile nella prevenzione dei tumori ma assolutamente inutile nella cura. Se però hai un'anomalia genetica che ti causa un tumore, hai voglia di assumere antiossidanti o immunostimolanti, purtroppo resti a rischio lo stesso.
    Oppure vi è un effetto citotossico (per esempio della vitamina C) che però per risultare efficace dovrebbe essere moltiplicato per migliaia di volte, applicato di continuo e soltanto localmente.
    Attualmente non ci riusciamo e per questo si stanno studiando dei metodi per arrivare SOLO dove ci interessa (sul tumore) con mezzi "intelligenti" (gli anticorpi appunto o farmaci che agiscono sui recettori o altro). Se è per questo anche la chemioterapia ha quasi sempre un effetto devastante sulle cellule neoplastiche, ha un solo grande difetto: pur essendo più "letale" per quelle tumorali colpisce pure le cellule sane causando gli effetti collaterali che conosciamo.
    Se riuscissimo a portare un chemioterapico *SOLO* all'interno della cellula neoplastica non esisterebbero Simoncini e guaritori vari e probabilmente non staremmo qui a discutere.

    Il limite di alcune di queste cure "alternative" è proprio questo: se (e quando) si basano su idee teoricamente corrette, sono scorrette nella pratica, non per niente quando si controlla il loro effetto in vivo non c'è mai un'efficacia significativa (spesso nemmeno in vitro), altrimenti smetterebbero di essere "alternative".

    Per i motivi di cui sopra, i limiti delle nostre conoscenze, credo che le attuali terapie mediche contro i tumori siano poco perfettibili fino a quando non scopriremo (e ci sono tanti studi in proposito) come arrivare direttamente nella cellula neoplastica in maniera precisa ed esclusiva.
    Se questa strada non dovesse portare a nulla, l'unica speranza resta (allo stato di progresso attuale) la terapia genetica...che purtroppo non è proprio una realtà.

    studi recenti asseriscono che la vitamina D può "rafforzare" il sistema immunitaria nel confronti dell'influenza stagionale.

    Vero. Ma anche qui bisogna fare un ragionamento pratico: se vieni infettato da un virus influenzale poco pericoloso, dopo qualche giorno di malessere torni a stare bene, quindi la vitamina è praticamente inutile. Se invece il virus è pericolosissimo, non esisterà vitamina che potrà proteggerti. In più se sei un soggetto a rischio lo diventi ancora di più se ti senti "protetto" perchè hai assunto la vitamina D. Dal mio punto di vista è molto più "protettiva" una vita sana ed all'aria aperta...ma oggi chi può farla davvero?

    RispondiElimina
  12. scusate ma...un povero cristo, che si impegna dalla mattina alla sera, cosa deve fare, in codesto paese, per andare in galera?

    Sull'onda dell'incazzatura per aver letto l'ennesima cialtronata di questo furfante direi che non sarebbe sufficiente, ma sarebbe un buon inizio.

    RispondiElimina
  13. Davvero mi dispiace per lo scozzese che cercava una cura per la sua terribile malattia. Ma queste notizie devono essere pubblicate affinche' le persone che continuano a credere che basti un po' di bicarbonato oppure un po' di omeopatia a risolvere malattie anche meno gravi come queste comincino a rimettere in funzione quel poco di cervello che hanno.

    RispondiElimina
  14. "Ma queste notizie devono essere pubblicate affinche' le persone che continuano a credere che basti un po' di bicarbonato oppure un po' di omeopatia a risolvere malattie anche meno gravi come queste comincino a rimettere in funzione quel poco di cervello che hanno."
    Concordo, usare, continuare ad usare o reimparare ad usare il cervello ci puo' aiutare. simoncini (minuscola voluta e meritata) invece no!

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Mi meraviglio i come una trasmissione radiofonica possa permettersi di dar voce a questo criminale, specialmente senza la presenza di un medico "vero" che possa fare da contraddittorio, avvertendo gli ascoltatori che le sue teorie sono prive di senso e la sua terapia è mortale.
    Quanta pubblicità gli ha procurato? Quanti malati si rivolgeranno ora a lui?

    RispondiElimina
  17. @V'Ral: "Quanta pubblicità gli ha procurato? Quanti malati si rivolgeranno ora a lui?"
    Questa e' la parte piu' triste.
    Quanti altri disperati si rivolgeranno a questo sciacallo?
    Che tristezza!

    RispondiElimina
  18. Sto ascoltando la trasmissione... è incredibile, lo presentano come un illuminato scienziato, nessuno che gli chieda conto dei morti!

    RispondiElimina
  19. Si può presentare qualcuno come medico quando medico non è?

    Questo va alla radio a dire che TUTTI I CANCRI SONO I FUNGHI.
    Ne conosco di persone morte di cancro, alcune troppo vicine.
    Non sono un violento ma spero col cuore che venga a lui il cancro e si curi con il suo bicarbonato.

    Quella trasmissione mi fa incazzare

    RispondiElimina
  20. Si può presentare qualcuno come medico quando medico non è?

    No, soprattutto quando chi è presentato come medico senza esserlo, cura la salute delle persone.
    E' esercizio abusivo della professione. C'è un disegno di legge che inasprisce le pene per chi commette questo reato, fino a 10 anni di carcere.

    Quella trasmissione mi fa incazzare

    Ti capisco perfettamente ma il tuo "augurio" non lo condivido assolutamente e ti invito a non ripeterlo più.
    Io spero che paghi in altro modo.

    RispondiElimina
  21. Beh, almeno non è morto per colpa del bicarbonato, no?

    RispondiElimina
  22. Beh, almeno non è morto per colpa del bicarbonato, no?

    Tutto qui quello che sai dire? Simoncini ha fottuto soldi e tempo a un poveraccio che ha organizzato una raccolta di fondi affidandosi alla bontà e la solidarietà delle persone convinto che quel ciarlatano l'avrebbe guarito e tu sai dire soltanto questo? Sinceramente, sei senza dignità, sul serio.

    RispondiElimina
  23. l'unico grande rammarico è che le notizie che smentiscono ladri privi di coscienza come simoncini abbiano molto meno successo e diffusione delle loro panzane.

    RispondiElimina
  24. Beh, almeno non è morto per colpa del bicarbonato, no?

    Triste consolazione, ma è la verità.
    Ma c'è poco da esultare, è sempre un guaritore in cerca di boccaloni.

    Simoncini sa che con il suo bicarbonato molto raramente provocherà danni importanti a chi è gravemente malato e sa che al massimo può essere accusato di truffa (reato considerato "lieve"), tranne "incidenti di percorso".

    Ultimamente poi sta affinando le sue armi: a chi è candidato all'intervento chirurgico gli consiglierà di operarsi...per poi fare il bicarbonato...(così già la metà dell'opera è stato fatto dalla chirurgia).
    Capito il volpino?
    ;)

    le notizie che smentiscono ladri privi di coscienza come simoncini abbiano molto meno successo e diffusione delle loro panzane

    Le "notizie" vengono create per fare lo scoop e chi casca in una truffa non fa scoop (anzi la gente è portata a pensare "peggio per lui che ci ha creduto"), la cura "miracolosa" è molto più attraente di chi è caduto in un imbroglio...

    RispondiElimina
  25. @Wewee
    "Mi piacerebbe piuttosto assistere alla presa di coscienza da parte di tante persone che sono sinceramente convinte della buonafede di Simoncini" . Carissimo
    Chi vuol percorrere la Salerno Reggio Calabria può almeno facilmente documentarsi in questo paese, ma chi ha il cancro viene lasciato alla mercè di questi Simoncini con tanto di cassa di risonanza sui media. Nel secondo caso il rischio di danni forse è molto più alto che del viaggio in auto. Sinceramente, non pensi 1) qualcosa nel sistema "tutela sanitaria" del cittadino deve mancare 2) Parlare di giustizia per i vari Simoncini sia doveroso se si pensa anche che i NAS ti vengono a cercare i farmaci scaduti (che almeno curano chi vive nel III° mondo, felicissimo di riceverli) 3) che il tuo "viaggiare informati " ma guai a fare processi sia un po' melenso, oltre che utopico.Poi leggo: "esercizio abusivo della professione. C'è un disegno di legge che inasprisce le pene per chi commette questo reato, fino a 10 anni di carcere".Siamo sempre allo stesso discorso, chi applica le leggi nei confronti dei ciarlatani (c'è anche la radiazione dall'albo per questo signore, vero?) in questo paese?
    Saluti

    RispondiElimina
  26. @ Vito, simoncini è stato radiato dall'Albo per truffa ed omicidio, in teoria dovrebbe stare in galera ma è uscito grazie all'indulto, comunque non potrebbe prescrivere nemmeno un'aspirina, figurarsi visitare malati neoplastici.
    Ma questo nell'intervista non l'hanno detto, anzi l'hanno da subito chiamato "oncologo".

    RispondiElimina
  27. @V'Ral
    Siamo un paese stracolmo di "garanti" ,garanti delle quisquiglie e pinzillacchere oltre che dell'impunità (ma dov'è il GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L'EDITORIA ) per i malfattori. Che scoperta , eh?

    RispondiElimina
  28. 1) qualcosa nel sistema "tutela sanitaria" del cittadino deve mancare

    Eccome se manca ma prima di tutto manca l'informazione. Si risolverebbero anche tanti problemi sanitari, forse i meno gravi, ma cominciamo da quelli.

    2) Parlare di giustizia per i vari Simoncini sia doveroso se si pensa anche che i NAS ti vengono a cercare i farmaci scaduti (che almeno curano chi vive nel III° mondo, felicissimo di riceverli)

    Ma io sarei felicissimo se la giustizia si occupasse di Simoncini, il problema è che i vari Simoncini sono molto più veloci della giustizia, se questo individuo è stato condannato e radiato e continua come se niente fosse (trovando pure gente che lo aiuta nel suo lavoro) cosa facciamo, lo pediniamo per anni fino a beccarlo in flagrante? E quanti ce n'è come lui? Metà delle nostre forze sarebbero impegnati per fermare uno che è solo la punta dell'iceberg. Anche la cartomanzia è ciarlataneria (e quindi sarebbe reato) eppure...

    Se quindi si riuscisse a far crescere lo spirito critico (che si esercita con la cultura, la crescita morale e sociale...) metà di questi cialtroni sarebbero disoccupati e non avrebbero bisogno di segretarie per smaltirgli il lavoro, perchè quello che oggi è sinceramente convinto che Simoncini sia un genio incompreso, se capisse realmente cosa sta facendo il suo genio lo ricoprirebbe di catrame e piume e gli farebbe fare una sfilata nella via principale del suo paese.

    A me scrive gente coltissima che mi chiede di commentare la terapia che Simoncini ha prescritto ad un parente in fin di vita per 500 euro...cioè, mi scrivono per controllare se quella terapia al bicarbonato è giusta o c'è da sistemare qualcosa perchè per loro quella è una "cura efficace" e "Simoncini è un oncologo".
    Mi scrivono guaritori che chiedono di essere "criticati" sul mio blog...perchè sanno che se il loro nome si diffonde (anche parlandone male o forse meglio, parlandone male) troveranno una marea di boccaloni pronti a credergli e pagarli.
    E' la mancanza di cultura critica e scientifica che causa l'assedio dei ciarlatani, la nascita di mostri simili, dove ci sono le volpi è perchè ci sono le galline!

    RispondiElimina
  29. Questa e'un'altra occasione per
    WeWee,di produrre notizie tendenziose false e strumentalizzate a suo favore come il caso aysha.

    Tuttavia e'andata in maniera diversa vedi:
    http://tinyurl.com/2urkpj2

    "Through a combination of various race nights, auctions and other
    fundraising efforts, including his own children giving away their
    savings for their dad, Mr Fyvie was able to travel to Italy for the
    specialist help of Dr Tullio Simoncini, whose revolutionary treatments
    see cancer as a fungus and involve installing a catheter straight
    into the liver.
    However, by this time, the cancer was in too advanced a state and,
    despite receiving extensive treatment in Rome, Mr Fyvie was unable
    to keep up his heroic battle any longer."

    "He hoped that Dr Simoncini's treatments would prove even more successful and potentially cure him all together. Sadly, by the time
    he was able to travel for the procedure, it was already too late."

    Simoncini arrivato troppo tardi e oramai nulla potava salvarlo.

    RispondiElimina
  30. Simoncini arrivato troppo tardi e oramai nulla potava salvarlo.

    Certo, perchè non glielo diceva al pover'uomo che era ormai troppo tardi? Che fai prima ti fai pagare e poi a cose fatte dici che è troppo tardi?
    Ed il 90% di guarigioni dov'è finito?
    E la guarigione in pochi giorni?

    Intanto i soldini della raccolta fondi se li è presi.
    Simoncini si è anche dimenticato che non può fare il medico.
    Com'è distratto quest'uomo...
    :)

    RispondiElimina
  31. @ AranciaMeccanica

    Notizie tendenziose false

    Esattamente quelle che hai dato tu. Dove è il falso nell'articolo? C'è scritto semplicemente che si è fatto pagare da un paziente condannato a morte per iniettargli robaccia inutile che sapeva non avrebbe avuto alcun effetto. Questa è la pura verità e non cancella minimamente quanto sia miserabile quel ciarlatano.

    RispondiElimina
  32. Ringrazio Grezzo per esserlo stato non solo di nome ma anche di fatto, con il suo commento...

    E ringrazio WeWee per aver dato atto che tutto sommato non ho scritto una boiata; tra l'altro non ho difeso Simoncini.

    Invece, sempre per Grezzo, vorrei proporre questa foto di un noto attore morto di cancro poco tempo fa:

    http://www.celebrityhonkers.com/gossip/7910/patrick-swayze-1952-2009.html

    In questo caso, ovviamente, anche le canoniche cure (che non sono gratis, eh) non gli hanno salvato la vita (anche se ha potuto resistere per un po').

    RispondiElimina
  33. Ogni volta che leggo i commenti di certi personaggi che si schierano dalla parte dei guaritori. Mi cadono le braccia.

    In nessuna riga di questo blog e nessun medico ufficiale dice che esiste la cura per il Cancro, perchè di fatto non esiste.

    Esistono delle terapie, che in alcuni casi sono efficaci, per alcuni tumori portano alla guarigione, e per altri purtroppo si limitano a ritardare la morte del soggetto.

    Non capite che questi guaritori esistono proprio perchè NON ESISTE una CURA PER IL CANCRO che sia DEFINITIVA e totale per il cancro in tutte le sue manifestazioni.

    Se la medicina ufficiale curasse il cancro come cura l'influenza o il mal di gola, i guaritori non ci sarebbero o meglio starebbero sguazzando in altre patologie difficili da curare.

    Per capire quanto sono meschini questi guaritori basta dire che non esiste nessun "Luminare" alternativo che sbandiera cure per malattie come la SLA o altre malattie che colpiscono poche persone perchè queste malattie produrrebbero poco reddito (tralasciamo il fatto che poi ci son "guaritori che dicono di curare tutto perchè tutto fa brodo quando si tratta di quattrini)

    Il punto è uno e uno soltanto. Di Cancro spesso si muore, Il Cancro fa terribilmente paura, un malato di Cancro si trova all'infermo quando tra i denti i medichi gli diagnosticano questo male, un malato di Cancro e i suoi cari perdono lucidità per i motivi sopra citati.

    Aggiungo e concludo che gli strumenti e le documentazioni che trattano del Cancro ci sono, e sono molte, c'e' modo di documentarsi attraverso le fonti che hanno fondamento scientifico però nessuno o pochi di noi quando siamo sani abbiamo lo stimolo di informarmarci su questa malattia perchè come ho scritto poco fa il Cancro fa terribilmente paura lasciatevelo dire da chi l'ha toccato con mano sulla propria pelle.

    RispondiElimina
  34. tra l'altro non ho difeso Simoncini.

    Credo profondamente che Simoncini sia assolutamente indifendibile, da nessun punto di vista e lo dico da medico ma soprattutto da uomo. Per questo mi stupisco sempre di chi lo difende "nonostante tutto". Non si tratta di credere alle sue assurde teorie, ma di sostenere un uomo che ha fatto della scorrettezza (almeno morale) la sua vita.
    Sapere che esistono persone che lo sostengono "per principio" (perchè davvero, ce ne vuole per ammirare uno così, a prescindere dal fatto che uno ci creda o meno) mi scoraggia non poco.

    In questo caso, ovviamente, anche le canoniche cure (che non sono gratis, eh) non gli hanno salvato la vita (anche se ha potuto resistere per un po')

    E non è l'unico caso, altrimenti non eravamo qui a discutere di gente che promette guarigione nel 90% dei casi con il bicarbonato. Il termine "male incurabile" non esiste a caso.

    Da sottolineare che quel "ha potuto resistere per un po'" non è un valore che possiamo discutere, visto che quel periodo di vita guadagnato è tutto per chi è in pericolo di vita. Spesso si sottovaluta quanto i guaritori riescano a rubare anche "quel po'" che resta da vivere.

    RispondiElimina
  35. "scusate ma...un povero cristo, che si impegna dalla mattina alla sera, cosa deve fare, in codesto paese, per andare in galera?"

    Tu prova a mandare affanc. un vigile urbano.

    RispondiElimina
  36. @ Kempeitai

    Guarda che il discorso "denigra gli altri per avvalorare le tue scemenze" è vecchio e stantìo, ma evidentemente quelli come te tendono a dimenticare una cosa molto semplice che si vede tutti i giorni: la gente muore. La differenza sta tra chi approfitta di questo come Simoncini. Simoncini è solo un ciarlatano e truffatore (e queste sono le parole più blande che riesco a trovare) e sentire qualcuno liquidare il tutto con un commento come il tuo è sinceramente vergognoso e un insulto. Qu siamo di fronte ad un bastardo che ha aprofittato di un malato terminale facendogli fare i salti mortali per trovare i soldi da regalargli. Rifletti, e se non ci riesci comprati uno specchio che lo faccia al posto tuo.

    RispondiElimina
  37. Grezzo, non mi va di interfacciarmi con un monolite di tal fatta quale sei tu. Hai le tue idee? Ok, ti rispetto e tienitele. Non hai da convincermi a proposito di Simoncini e non hai da concincermi sulla validità delle cure canoniche: i risultati statistici più volte proposti da WeWee sono emblema più che chiaro e tanto mi basta per non andare, in caso mi dovessi ammalare (Dio non voglia) né da Simoncini a buttare soldi né in ospedale a farmi avvelenare gratuitamente e a spese del SSN con la chemio, dato che in entrambi casi farei una miserevole fine.

    Questa è la mia idea; quindi lasciami in pace e ignora i miei interventi se ti suscitano tutti questi impulsi da crociato. Visto che ci tieni tanto, vai dai carabinieri e denuncia Simoncini, mettici la tua faccia! Mostra le palle e facci vedere come lo denunci quel criminale! Invece di frignare in un blog gridando allo scandalo e facendo la figura del ridicolo con attacchi insulsi a chi non la pensa come te.

    Mi scuso con WeWee per lo sfogo, ma a quanto pare il proprietario di questo blog è l'unico con cui si possa ragionare pur avendo posizioni diverse.

    RispondiElimina
  38. @ Kempeitai

    Fino a prova contraria sono libero di dire quello che voglio. Rispetti le mie idee? A parte il fatto che non ci credo, mi dispiace ma io non rispetto per nulla le tue.

    RispondiElimina
  39. E' la mancanza di cultura critica e scientifica...

    Sottoscrivo questa frase in pieno. Sono anni che lo dico e lo faccio presente all'interno degli ambienti universitari sostenendo che i ragazzi di oggi non sanno più ragionare e che nessuno insegna loro ad usare il cervello, a ragionare per essere critici a leggere ed a farsi delle domande. Oggi è imperante la cultura del quizzone, della risposta multipla o del basti che funziona. Per non parlare della assoluta mancanza della cultura scientifica. Basti pensare che una persona oggi vive 24/24 ore immersa nella tecnologia, nel progresso e quindi nella scienza. Ma quello che interessa è solo spendere soldi per avere l'ultimo gingillo tecnologico con cui fare il figo ma senza chiedersi alla fine cosa è e come funziona. L'importante è che alla fine appunto funzioni.

    Scusate il piccolo OT.

    RispondiElimina
  40. @EpSiLoN
    "faccio presente all'interno degli ambienti universitari sostenendo che i ragazzi di oggi non sanno più ragionare ... Oggi è imperante la cultura del quizzone, della risposta multipla o del basti che funziona". ”

    L'ambiente universitario? ; ma se adesso sono proprio gli accademici a fare propria la cultura del "basta che funzioni "!
    Chissà quali sentimenti ti suscita '"inquinamento”della medicina ufficiale con l'istituzione in alcuni atenei di masters di medicina cinese, di agopuntura o di omeopatia. Poi se ci si esprime in questi termini ci danno dell'ottuso crociato ...

    RispondiElimina
  41. basta che funzioni

    Ma se davvero funzionasse almeno piangerei con un occhio...

    RispondiElimina
  42. Davvero notevoli le interviste a Simoncini.

    Ma non basterà un po' di bicarbonato per guarire nemmeno il cancro delle radio italiane: i djs non usano il cervello per scegliere musica, figuriamoci per scegliere gli ospiti. Sono persone senza alcuna competenza giornalistica, inadatte ad aprire bocca durante interviste e quindi a far aprire bocca agli altri.

    Il risultato è che uno stupido invita un altro stupido ed insieme si diffonde una palettata di stupidate, a cui la gente (a parità di requisiti) tendenzialmente si aggrappa con estremo piacere.

    L'unica fortuna, dal mio punto di vista, è che se un'intervista del genere venisse fatta in Svizzera, il dj mezz'ora dopo sarebbe in strada con tutte le sue cose in una scatola.

    Ma la fortuna più grande è che vi siano persone come te, Wewee, che si meritano tutta la stima del mondo per ciò che fanno con il loro paziente lavoro di divulgazione.

    RispondiElimina
  43. EDIT:

    Piuttosto criptico...
    (il commento rimosso)

    RispondiElimina
  44. @VITO

    L'ambiente universitario? ; ma se adesso sono proprio gli accademici a fare propria la cultura del "basta che funzioni "!

    Questo è dovuto a qualche saccente ministro del secolo scorso che per spingere le università a laureare più gente possibile e quindi tutti introdusse la valutazione didattica su base quantitativa e non qualitativa. Il risultato è che oggi difficilmente uno studente si ritira perchè per dirla alla Venditti "la matematica non è il mio mestiere" ma a botta di calci nel sedere e di esami a quiz chiunque arriva a prendersi il pezzo di carta.

    RispondiElimina
  45. Girando in rete ho trovato questa intervista. Giusto per segnalarvela.

    @WeWee
    Una curiosità. Esistono degli studi sulla frequenza di autoguarigioni da tumore?

    RispondiElimina
  46. Girando in rete ho trovato questa

    Già segnalata e letta.
    Se qualcuno ha per caso un contatto con la sig.ra Brigliadori la contatterei volentieri, se non sbaglio lei è una sostenitrice dell'urinoterapia diceva di bere la sua urina ogni mattina, perchè quindi non pensare sia stata questa a guarirla oppure Hamer, della quale lei è sostenitrice o la meditazione? Sarebbe interessante...capire cosa l'ha guarita e da cosa sarebbe guarita...
    Però è un peccato che questi fortunati al momento di fornire della documentazione fanno i vaghi, un vero peccato per tutti. Sono egoisti.

    Esistono degli studi sulla frequenza di autoguarigioni da tumore?

    Esistono delle stime in quanto è molto difficile stabilire con certezza se un tumore sia davvero regredito spontaneamente (persone anziane senza assistenza, perdita di dati, storia clinica poco accurata...) ma si stima che esista una regressione spontanea di tumore maligno ogni 60.000-100.000 casi. Annualmente sono riportate 20 remissioni spontanee di tumore maligno ma ripeto sono stime.

    I casi eclatanti e più evidenti sono comunque quasi sempre riportati come "case report" in letteratura, come questo.

    Le spiegazioni non sono univoche, si chiamano in causa meccanismi immunologici, ormonali, di necrosi post chirurgica ed altro.
    Esiste un filone di ricerca che studia anche questo.

    RispondiElimina
  47. No, EpSiLoN, non è vero: l'Italia ha un tasso di abbandono degli studi universitari altissimo: http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/econo/temidi/td07/td626_07/td626
    Sulle altre cose che dici sono d'accordo, ma gli esami capestro che determinano un sacco di abbandoni nell'università ci sono ancora, soprattutto in certe facoltà. Magari non sono più quelli di una volta: ad Ingegneria Analisi è forse più facile, e scienza delle Costruzioni per gli elettronici non c'è più, ma ce ne sono altri almeno altrettanto difficili.
    Poi, certo, ci sono anche il Cepu e le università telematiche. Ma questa à un'altra faccenda...

    RispondiElimina
  48. Poi, certo, ci sono anche il Cepu e le università telematiche.

    OT MODE ON
    Sulle uni telematiche mi sento di spezzare una lancia. Io sto facendo un master online completo su tutti i fronti, la mia ragazza è iscritta a psicologia ad una uni online che si appoggia ad una fisica (credo stesso rettore), e ti assicuro che il piano di studi è di tutto rispetto, come pure i programmi dei corsi. Non è possibile generalizzare sulla bontà delle varie uni online, ma su due uni diverse entrambi abbiamo avuto una buona esperienza, non è male.
    OT MODE OFF

    RispondiElimina
  49. No, EpSiLoN, non è vero: l'Italia ha un tasso di abbandono degli studi universitari altissimo

    Per fortuna. Significa che c'è ancora qualcuno che pensa di non essere portato per fare il medico, l'ingegnere o l'architetto. A parte la battuta il mio intervento era orientato al fatto che la scuola oggi non insegna più a ragionare e che le università si sono dovute adeguare e sfornare più laurendi riducendo la qualità degli insegnamenti e la difficoltà degli esami. Oggi si tende molto ad insegnare un mestiere piuttosto che insegnare a ragionare o detto in altri termini a cavarsela con le materia (colpa è della riforma 3+2). Certo si sono ancora esami che rappresentano una "botta" ma ti posso assicurare che il livello di difficoltà si è dovuto abbassare notevolmente per poter riempire un pò le statistiche.

    RispondiElimina
  50. Scusate ma stasera a Striscia la notizia quel dottorato radiato che curava i tumori con il bicarbonato era Simoncini?

    RispondiElimina
  51. Scusate ma stasera a Striscia la notizia quel dottorato radiato che curava i tumori con il bicarbonato era Simoncini?

    Direi proprio di sì.
    Mi pare che ci siano pochi dubbi.
    Sono FELICE che un programma con così grandi ascolti abbia sputt... ehm... messo in evidenza le pochezze e meschinità di un simile personaggio.
    Ora assisteremo agli isterici e sbavosi attacchi a Striscia da parte dei mazzucchi di turno. Loro, che fanno della "comunicazione" il principale mezzo per la propria sopravvivenza sono stati fregati sul loro stesso terreno con la forza dell'evidenza.

    Come dicono altrove: rosik rosik rosik.

    RispondiElimina
  52. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  53. Scusate volevo dire dottore e non dottorato :-)

    Comunque in Italia per avere giustizia ci vuole come sempre il gabibbo! :-(

    RispondiElimina
  54. Vedi che razza di profeta che sono, altro che guaritore : primo post di commento al presente (scripta manent) ed "evoco" l'intervento del gabibbo ! In nome del "basta che funzioni" ho dei forti "poteri" !

    @Epsilon
    Ho poco capito la tua risposta. Ti faccio presente che l'"inquinamento”della medicina ufficiale con l'istituzione in alcuni atenei di masters di medicina cinese, di agopuntura o di omeopatia cui accennavo è diretto ai medici, che già un "mestiere" si presume ce l'abbiano. Sai io abito in Toscana, quindi vedo bene quello che la politica può anche fra gli accademici ...

    RispondiElimina
  55. @EpsiLon: non ti rispondo qui perché saremmo veramente OT, ma mi piacerebbe trovare un luogo per portare avanti questa discussione. Lasciami dire però una cosa: vivendo e lavorando in Università da quasi quarant'anni, una certa ideuzza sul come vanno le cose, soprattutto nelle facoltà tecniche e scientifiche, credo di essermela fatta. L'alta percentuale di abbandoni è una cosa pessima, e non è legata al fatto che uno si rende conto di non essere portato per una certa materia.
    Sulle università on-line invece mantengo la mia opinione negativa, più per motivi pedagogici che didattici.
    Fine dell'OT - chiedo scusa a WeWee.

    RispondiElimina
  56. Scusate ma stasera a Striscia la notizia quel dottorato radiato che curava i tumori con il bicarbonato era Simoncini?

    Non ho visto Striscia ieri, se era quello che ha linkato Epsilon era la replica di un vecchio servizio di Striscia. E' Simoncini nel suo studio di Roma.
    Lo ricordo benissimo, come ricordo la figura del guaritore che scappava dal microfono come un bambino colto a rubare la marmellata, patetico.
    Poi Striscia ai tempi trasmise un secondo video con la testimonianza di parenti di persone "curate" dal guaritore e purtroppo decedute subito dopo.

    RispondiElimina
  57. Sull'argomento "università" ne avrei cose da dire...anche molto preoccupanti se parliamo di medicina.
    Boh, prima o poi ne farò un articolo, ci penso da tempo...

    RispondiElimina
  58. Credo abbiamo rimesso in giro questi servizi perchè io e MOLTI altri amici abbiamo mandato una bella mail sia a Striscia che Le IENE per segnalare questo personaggio nuovamente.

    Come detto poco sopra in Italia per fare giustizia bisogna sempre ridursi a chiamare il Gabibbo e questo ho fatto organizzandomi un po' preparando una bella mail documentata e chiara.

    Quando ho letto le prime volte di questo personaggio mi sono chiesto cosa potevo fare per farlo smettere e questa era una delle soluzioni che mi sono venute in mente.

    Altre non le ho attuate ma ci stiamo
    lavorando.

    Non riesco a sopportare che tale personaggio si arricchisca sulla sofferenza delle persone che stanno vivendo un dramma come il cancro è una cosa troppo immorale e crudele.

    Ho visto il servizio di sfuggita su una TV in un locale che vende cibo da asporto avevo le lacrime agli occhi.

    RispondiElimina
  59. @VITO
    Il mio era un discorso legato più che altro alla mancanza di una formazione metodologica all'interno delle università.

    @Riccardo
    L'abbandono è sicuramente da contrastare. Ma io credo che il motivo non è da ricercarsi esclusivamente nei programmi universitari che ripeto dal mio punto di vista si sono semplificati negli ultimi anni. Il problema dal mio punto di vista è a valle. Oggi nelle università arrivano studenti neo diplomati che non sanno studiare, non dimostrano interesse ed in cui l'esame non è una opportunità ma più che altro un ostacolo. L'università sta diventando quello che una volta era l'istituto superiore.

    Comunque ben venga un post sulle università su cui scambiarci le nostre opinioni.

    RispondiElimina
  60. in Italia per fare giustizia bisogna sempre ridursi a chiamare il Gabibbo

    Vedrai che anche chi deve far rispettare la legge per professione lo farà.
    ;)

    RispondiElimina
  61. Un dubbio ora mi coglie: Qualora Simoncini fosse condannato per abuso della professione medica, truffa, plagio (se questo reato esiste ancora) ed evasione fiscale chi lo sostiene, gli fa propaganda, lo spita in audio o in video o gli procura pazienti potrebbe essere ritenuto complice?

    RispondiElimina
  62. chi lo sostiene, gli fa propaganda, lo spita in audio o in video o gli procura pazienti potrebbe essere ritenuto complice?

    Può darsi, dipende da *come* lo ha aiutato. Di certo non uno che dice di crederci quanto un altro che gli procura clienti.
    Esiste il concorso di colpa...

    RispondiElimina
  63. Una delle cose che più mi ha infastidito nel video è l'aver incassato i soldi senza fare neanche la ricevuta fiscale. Ho sempre pensato che l'onestà di un uomo si misura anche da queste cose. Puoi anche essere un premio nobel ma se fai il furbo su queste piccolezze non meriti nessuna fiducia.

    RispondiElimina
  64. Ho sempre pensato che l'onestà di un uomo si misura anche da queste cose.

    Pienamente d'accordo. E' uno dei miei metri di giudizio nei rapporti con il prossimo.

    RispondiElimina
  65. Una delle cose che più mi ha infastidito nel video è l'aver incassato i soldi senza fare neanche la ricevuta fiscale.

    e a che titolo gliela rilascerebbe? Questo se nel video non fosse già più medico.

    RispondiElimina
  66. @Rado

    Veramente gli ha anche fatto lo sconto di 30€ per evitare la ricevuta. Forse perché come dici tu non ne ha diritto.

    RispondiElimina
  67. Bla bla bla
    E di questo cosa mi dite?
    http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2010/09/27/news/cancro_una_molecola_spegne_i_geni_responsabili_della_crescita_delle_cellule_cancerose-7490226/

    L'articolo originale parlava di bicarbonato, ma la parola è stata sostituita con un misterioso "antiacido".

    Io conosco moltissime persone morte con la chemio, e la maggior parte di loro non erano malati terminali, anzi, quando hanno iniziato le cure parlavano di una sciocchezza..

    Come la mettiamo?
    Ah, già, quelle sono cure "ufficiali", non si possono criticare.

    RispondiElimina
  68. Quella notizia è già stata commentata, cerca bene nel blog.

    RispondiElimina
  69. @PdO
    Sai come e dove dovresti metterla?

    Leggi PRIMA, e solo DOPO parli!

    RispondiElimina
  70. Mah. La gente come PdO a volte mi fa pensare che se sei cosí cretino da credere ad un ciarlatano anche dopo che è stato smascherato, allora vabbé, dagli i tuoi soldi e muori felice...
    Le "cure ufficiali" sono ufficiali perché funzionano. Non nel 100% dei casi, e non senza effetti collaterali. Ma hanno un effetto. Continua pure a credere ai ciarlatani, che prima ti rubano i soldi vendendoti cagate e poi ti lasciano morire lo stesso. Complimenti.

    RispondiElimina
  71. Bla bla bla
    E di questo cosa mi dite?
    http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2010/09/27/news/cancro_una_molecola_spegne_i_geni_responsabili_della_crescita_delle_cellule_cancerose-7490226


    Ok, se allora il bicarbonato funziona davvero, perchè quel delinquente di Simoncini tarocca TUTTI i casi che presenta ???
    Sù, rispondi genio.

    RispondiElimina
  72. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  73. Repubblica ha recensito due lavori dei quali uno pubblicato su Nature http://www.nature.com/nature/journal/v462/n7270/full/nature08543.html e l'altro su Cancer Research http://cancerres.aacrjournals.org/content/69/1/358.full
    Nel primo lavoro si menziona una molecola capace di influenzare il processo di trascrizione genetica nellecellule tumorali e quindi di inibire la proliferazione e la crescita di alcuni tumori
    Nel secondo lavoro si afferma che modificando il pH dell'ambiente circostante le cellule tumorali si può correggere l'ipossia generata dall'acido lattico prodotto dalle stesse cellule cancerose ed inibendo così crescita e metastasi. QUESTO NON SIGNIFICA CHE IL BICARBONATO COMBATTE LA CANDIDA E CHE IL TUMORE E' UN FUNGO COME IL TAROCCATORE PRINCIPE DICHIARA. Probabilmente il giornalista che ha scritto l'articolo non ha letto gli originali ma ha solo tradotto uno dei tanti articoli che appaiono sulle riviste di divulgazione scientifica edite negli Stati Uniti d'America. Purtroppo la parola bicarbonato ha rafforzato le convinzioni dei Simoncinologhi. Peggio per loro, direte voi, ma peggio anche per i lettori di Repubblica che dovessero per disgrazia incontrare il sunnominato sul loro doloroso cammino.

    RispondiElimina
  74. Ma poi sono l’unico stronzo che si ricorda i servizi di Striscia su Simoncini? Perché non si parla di quelli? Che un “infiltrato” di striscia completamente sano si vede prescrivere le flebo di bicarbonato, e quando arriva Ghione Simoncini scappa con le gambe in spalla?
    ‘Spetta che cerco...

    Hm WeWee non so se sono io ma continua a non funzionarmi il “cerca” sul blog. Gli do invio e non si muove. Gli clicco sopra e resta lì...

    Cmq ho trovato solo questo
    http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/video.shtml?1276

    Voglio dire, cosa deve fare uno perché la gente capisca come stanno le cose? Tagliar loro un braccio con un’ascia? Simoncini che dice di guarire il cancro al cervello col collirio, signori, ma sveglia su, va bene abboccare come fessi, ma dopo che vi han rimesso in acqua state di nuovo mangiando la stessa esca, è davvero imbarazzante...

    RispondiElimina
  75. Il sito www.curenaturalicancro.com (multilingue) è momentaneamente sospeso (spero per sempre) nella versione italiana. Può essere che la magistratura italiana FINALMENTE si stia muovendo? Sarebbe un BEL REGALO DI NATALE.

    RispondiElimina
  76. Sempre sul forum dei caproni ho trovato questa discussione

    A questo link da pagina 79, le motivazioni della chiusura del sito.

    Che si stia muovendo qualcosa finalmente ?

    RispondiElimina
  77. Purtroppo esistono i delinquenti che truffano le persone in fin di vita con rimedi fantasiosi e purtroppo esistono anche i rimedi costosissimi della medicina ufficiale che non servono a nulla e continuano ad essere somministrati anche in casi dove le speranze sono pari a zero. La chemioterapia è una terapia ormai vecchia e si basa su un principio rozzo.....prendo a bastonate un uomo adulto e un bambino sperando che muoia prima il bambino....la ricerca esiste ma purtroppo spesso è in mano a grandi multinazionali che la orientano verso il loro principale obiettivo ossia il guadagno....e la chemio sappiamo quanto fa guadagnare i signori di Kancropoli. Ma i tumori anche quelli gravissimi come quelli polmonari in stadio avanzato possono guarire e leggere articoli come quello pubblicato su BMJ conforta. La ricerca deve orientarsi a capire come è possibile che un tumore possa regredire spontaneamente senza cure....è lì la chiave del mistero e prima o poi ci arriveremo.
    http://casereports.bmj.com/content/2010/bcr.07.2010.3147.full

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!