lunedì 9 novembre 2009

Aggiornamento influenza

Alcuni aggiornamenti sulla situazione attuale riguardante l'influenza. Visto che si tratta di un argomento molto sentito e che continuano a circolare appelli allarmistici, il Dott. Giuliano Parpaglioni, che collabora con MedBunker, fornisce alcune spiegazioni generali su temi legati all'influenza che sta per invadere la nostra nazione poichè a quanto pare ci sono anche molti operatori del settore che sconoscono completamente cos'è un'influenza e come si fronteggiano le sue conseguenze.

Attualmente sono stati registrati oltre i 500.000 contagi in tutto il mondo con 6394 decessi (quasi la metà nel continente americano). Sono tutti numeri notevolmente inferiori a quelli registrati ogni anno per le comuni influenze stagionali.

Ribadisco quindi che l'attuale influenza di cui tanto si parla è una forma influenzale comune e normalmente aggressiva e che le uniche persone alle quali è consigliata la vaccinazione sono quelle che appartengono a categorie a rischio. La pandemia in atto non mostra particolari pericoli per chi è sano.
Il vaccino è un farmaco di testata sicurezza ed efficacia e non ha mostrato particolari effetti collaterali imprevisti.
Un articolo molto completo di aggiornamento e riepilogo è stato pubblicato oggi qui, su Dillinger.it.


Influenza, cos'è?

di G. Parpaglioni

L'influenza è una malattia comune e presente in tutto il mondo, l'agente scatenante è un virus, precisamente un Orthomyxovirus.
Questa malattia è caratterizzata dall'essere diffusa per contatto (anche indiretto) e per via aerea e causa nella maggior parte dei casi un'infezione alle vie aeree superiori che si traducono in mal di gola, tosse, raffreddore, debolezza generale, dolori alle ossa, febbre alta. Quando c'è interessamento del tubo digerente, con diarrea e vomito, non si tratta quasi mai Orthomyxovirus e quindi la malattie non è strettamente da definire influenza, anche se spesso queste sindromi sono chiamate influenze intestinali.

Può capitare che, a seconda del ceppo virale e del paziente, la malattia si presenti in forma più grave, causando una polmonite che interessa anche gli strati più bassi delle vie aeree, causando così sintomi più gravi, fino ad arrivare, alcune volte alla morte del paziente. Perché questo avvenga spesso è sufficiente che il paziente sia debilitato (persona anziana o bambino molto giovane, immunocompromessi, concomitanza con altre malattie...), oppure che il virus sia più aggressivo: alcuni ceppi sono infatti capaci di dare una polmonite in percentuale più alta rispetto ad altri.

Cosa distingue un ceppo influenzale da un altro?

Nella cronaca degli ultimi tempi si fa un gran parlare di influenza aviaria, suina e stagionale: queste tre influenze sono molto simili e tra loro differiscono per la capacità di legarsi ad alcune chiavi molecolari presenti sulle cellule che vogliono infettare; alcune sono specifiche per gli uccelli, altre per i suini, altre ancora per gli umani.
Ovviamente c'è la possibilità che la chiave per i suini sia buona anche per gli umani, così come anche quella degli uccelli.

Per spiegare un po' questa cosa scendo lievemente nel tecnico: sulla superficie del virus esistono due proteine che interagiscono con queste chiavi molecolari, chiamate emoagglutinina (HA) e neuroaminidasi (NA), su queste proteine ci sono degli zuccheri, questi zuccheri sono i responsabili del riconoscimento della chiave, e a seconda del tipo di zuccheri, l'affinità sarà maggiore per gli uccelli, per gli umani o per i suini.
Inoltre nei telegiornali si sente parlare di H1N1 o di H5N1, questo perché anche le proteine HA e NA possono cambiare (quindi abbiamo varie tipologie di HA: H1, H2... e la stessa cosa succede per le NA con N1, N2...), contribuendo in questo modo al riconoscimento della chiave. Infine, l'influenza è divisa in tre gruppi: A, B e C, di cui la A è divisa in H1N1, H3N2 ecc..., mentre B e C non hanno questa divisione, inoltre C è scarsamente rappresentata, molto meno comune delle altre due influenze.
In effetti dire "influenza A", come si sente dire nei telegiornali, è dire semplicemente influenza: la maggior parte delle epidemie stagionali è data dall'influenza A. Inoltre anche H1N1 è poco significativo, perché esistono ceppi di H1N1 stagionali squisitamente umani, mentre sappiamo che la pandemica infetta anche i suini. Normalmente le varie epidemie vengono chiamate col nome del paese in cui sono state segnalate per prime, quindi questa pandemica potremmo chiamarla californiana, o messicana (come nel 1918 fu "la spagnola"), oppure con il nome tecnico S-OIV A/H1N1 che sta per swine-origin influenza virus A/H1N1. Al di là di come vogliamo chiamarla, principalmente c'è da ricordare che l'influenza, qualunque tipo, è potenzialmente letale per alcune persone, ed ecco perché da qualche anno esiste il vaccino anti-influenzale, che il ministero della salute raccomanda sempre ai deboli e agli anziani.

In questo momento storico abbiamo, nel mondo, la presenza contemporanea di tre ceppi influenzali: la stagionale (che da noi ancora deve arrivare), la suina e l'aviaria (che per ora è viva e vegeta e fa danni soprattutto in Egitto).
L'influenza stagionale la conosciamo tutti, dà quasi sempre i sintomi lievi a cui siamo abituati e non ci spaventa; la suina dovrebbe spaventarci ancora meno visto che dà una malattia se possibile anche meno grave della stagionale ma è molto più veloce nella diffusione, con una mortalità di gran lunga inferiore; l'aviaria ci spaventa di più perché è molto grave e con una mortalità molto alta, ma per fortuna non è ancora in grado di trasmettersi da uomo a uomo.
La presenza di tre ceppi influenzali contemporaneamente è motivo di preoccupazione per gli addetti ai lavori, perché l'influenza è un virus capace di ricombinazione, ovvero di incroci con altri virus. L'influenza stagionale, l'influenza suina e l'influenza aviaria hanno dato prova di poteri infettare tutte e tre l'uomo: questo vuol dire che può esserci la possibilità che una persona sia colpita da più di un ceppo contemporaneamente.
Le conseguenze potrebbero essere catastrofiche: un'eventuale incrocio tra suina e stagionale potrebbe portare ad un virus veloce e con mortalità pari a quella della stagionale o superiori, un incrocio con l'aviaria potrebbe essere l'inizio di una pandemia pari a quella del 1918, che uccise milioni di persone.

L'unica arma che abbiamo per combattere questa possibilità è il vaccino.

Vaccinarsi contro la suina o contro la stagionale impedisce la ricombinazione, quindi diminuisce la possibilità di aggravamento della malattia, ed è questo il motivo per cui mi sento di consigliare la vaccinazione: le mutazioni del virus possono avvenire comunque, indipendentemente dalla ricombinazione, ma la ricombinazione le accelera e le facilita quindi se vogliamo evitare di trovarci in situazioni difficilmente gestibili dal punto di vista sanitario (e per cui i telegiornali non aiutano affatto, visto il panico che stanno creando per questa tutto sommato lieve malattia) la vaccinazione di massa è l’opzione più ragionevole.

Per i più "precisi" questa è la "linea tassonomica" del virus dell'influenza "suina", in pratica tutta la linea di classificazione. Cliccando su ogni gruppo si leggono (su PubMed) tutti i (tantissimi) virus appartenenti al relativo gruppo:
 

Un po' più chiaro adesso cosa vuol dire H1N1? Cos'è la "suina", che peso ha l'attuale influenza sulla nostra salute?

Bene.

Per dare la misura sull'enorme ignoranza sull'argomento, linko un video che ha bisogno di pochissimi commenti. Un medico (pubblico, lavora in una USL a suo dire) che oltre ad occuparsi di omeopatia, fiori di Bach e medicine alternative, si premura di avvertire tutti dei pericoli del vaccino, accumulando una tale montagna di stupidaggini che davvero viene voglia di capire come faccia questa persona a curare chi sta male. Non è l'unico caso.
Le bufale le elenca tutte, dalla "sindrome della guerra del golfo" causata dallo squalene al collegamento tra mercurio contenuto nei vaccini e malattie. Dall'antigelo (proprio così) contenuto nei vaccini, ai mancati test.
Insomma un elenco esemplare di sciocchezze. Il bello è che si lamenta del panico che causano i mass media quando lui è un esempio di panico ingiustificato ed infondato diffuso per sua enorme ignoranza sull'argomento. Da parte sua basterebbe solo uno sforzo di documentazione, che sarebbe pure doveroso, visto il lavoro che fa ma che evidentemente gli costa troppo impegno rispetto ad un video su YouTube.

Il video si trova qui.

Alla prossima.

147 commenti:

  1. Ho appena lasciato un messaggio indignato nei confronti di questo cialtrone pagato con i soldi delle nostre tasse.

    RispondiElimina
  2. Scusate il super OT ma...
    Ma mi è tornato in mente l'uranio impoverito. è un sacco di tempo che nn se ne parla (credo) e che nn entra con la prepotenza di un a pallottola nel mondo dei supercomplotti.
    Eppure sono sempre stato curioso di capire se fa male o no. Qulcuno sa darmi qualche dritta?

    ciao ciao

    RispondiElimina
  3. mi è tornato in mente l'uranio impoverito

    E' un argomento che devo trattare ma qualche giorno fa, quando cercavo materiale a riguardo (non me ne sono mai occupato a dire il vero), ho letto un po' di letteratura e quello che ho trovato escludeva completamente un ruolo dell'uranio impoverito nella genesi delle leucemie (o di altre malattie) dei militari impegnati al fronte...parlo di studi scientifici ufficiali, non solo militari. Ma non mi esprimo in maniera definitiva perchè sto iniziando a documentarmi da poco tempo.

    @ grezzo:

    quello è uno dei pochissimi casi in cui mi vergogno di un mio collega.

    RispondiElimina
  4. Scusa, ma significa che un'influenza "normalmente" ha una mortalità dell'1,2% circa dei contagiati?

    RispondiElimina
  5. Sull'uranio impoverito c'è questo articolo di John su Giornalettismo:
    http://www.giornalettismo.com/archives/10022/uranio-impoverito-il-mito-i-fatti/

    Giuliano, grande articolo! Davvero chiaro ed esaustivo.

    RispondiElimina
  6. grazie a weewee e a ad enrico.
    Ma che scatole però: mai un bel compotto a cui aderire, uffa.

    RispondiElimina
  7. Complimenti a WeWee e al dott. Parpaglioni per la chiarezza eccezionale du questo post!
    Mi ha fatto capire parecchie cose in piu'. Penso anche che mi dara' qualche spunto in piu' per "spegnere" qualche collega che si ubriaca troppo di non-notizie pubblicate da qualche TG, senza ovviamente prendersi la briga di VERIFICARE quanto letto.
    E purtroppo di persone cosi' ce ne sono un po' troppe!
    P.S.: nessuna offesa, spero, se io continuo a non volermi vaccinare. Non per paura del vaaccino, non ne ho, ma per libera e senziente scelta. Ma non mi sognerei MAI di sconsigliare qualcuno dal vaccinarsi.

    RispondiElimina
  8. @ frankbat:

    se non sei un soggetto a rischio non hai nessun motivo particolare per vaccinarti. Anzi, sarebbe fondamentalmente sbagliato farlo.

    @ Rado:

    a cosa ti riferisci?

    RispondiElimina
  9. Oddio, ho riletto ora per la prima volta. Ma che ho scritto? Qualcuno mi corregga la grammatica!

    RispondiElimina
  10. Altra puntata di boyager e indovinate di che si parla? Ebbene si, proprio dell'influenza.
    Dopo una breve introduzione sulle varie pandemie nel corso della storia, il tema del programma si è ovviamnete spostato sugli interessi economici che ci sarebbero dietro al vaccino.
    Il caro Giacobbo non si smentisce e ci regala ancora una sana serata di disniformazione.
    Che tristezza!

    RispondiElimina
  11. "Le conseguenze potrebbero essere catastrofiche: un'eventuale incrocio tra suina e stagionale potrebbe portare ad un virus veloce e con mortalità pari a quella della stagionale o superiori, un incrocio con l'aviaria potrebbe essere l'inizio di una pandemia pari a quella del 1918, che uccise milioni di persone.

    L'unica arma che abbiamo per combattere questa possibilità è il vaccino."

    poi dice che sono i complottisti ad essere catastrofisti e ad aspettarsi sempre la fine del mondo, ma va la'.

    Certo l'unica arma che non funziona è il vaccino, quella che funziona la vitamina D invece non la consigliamo vero?

    Non vi è un solo studio comparativo con placebo che mostri che i vaccini siano efficaci. Come mai non si fanno?

    Ma ci sono molte certezze che le sostanze in esso contenute bene non fanno di sicuro. Chimica e Biologia docent (non sono opinabili)

    E non mi dire come al solito, che non c'è nessuna relazione tra le malattie e i vaccini solo perchè avvengono dopo qualche settimana. Non si è fatto neanche uno studio statistico sistematico degli effetti a lungo termine dei vaccini. -Come mai?

    RispondiElimina
  12. Probabilmente ne siete già a conoscenza, ma eccovi due link che illustrano quello che si sta diffondendo sul web a proposito di influenza e vaccini:

    http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=3261

    http://www.youtube.com/watch?v=vglJ0n6fzHM

    RispondiElimina
  13. @Marco

    Dire che ci sono gli interessi economici sotto è solo dire la pura verità.
    Cosi' come dire che ci sono interessi economici quando si creano nuovi farmaci solo perchè il brevetto di quelli vecchi è scaduto.
    O forse nel 2009 viviamo ancora nel mondo degli ingenui?

    Il complesso farmaceutico è l'unico a non aver avuto bisogno di salvataggi durante l'ultimo bailout americano.
    O meglio avrà il suo bravo bailout adesso con sta idiozia della suina.

    A proposito dimenticavo. Per testare se un'influenza è di tipo suino o di altro tipo c'è bisogno di esami specifici. Quando si parla di 500.000 contagiati e 6000 decessi ma non si cita da nessuna parte in che modo si è stabilito che fosse suina e non come probabile altro tipo, questa è Disinformazione allo stato puro.

    RispondiElimina
  14. Non vi è un solo studio comparativo con placebo che mostri che i vaccini siano efficaci. Come mai non si fanno?

    Potresti proporti tu come volontario: ti inoculi il virus della poliomielite e poi ti vacciniamo con un placebo.

    Se RESTI VIVO vuol dire che saresti guarito lo stesso, quindi si potrebbe dimostrare l'inefficacia del vaccino, se MUORI invece il mondo te ne sarà grato perchè vuol dire che il vaccino funziona.
    Lo scriveremo sulla lapide, naturalmente.

    E non mi dire come al solito, che non c'è nessuna relazione tra le malattie e i vaccini solo perchè avvengono dopo qualche settimana.

    In che senso dopo qualche settimana?
    Gli eventi avversi vengono ritenuti collegati al vaccino quando avvengono a ridosso della sua somministrazione (un mese in genere) ma i registri tengono conto di TUTTO quello che avviene dopo la somministrazione anche dopo anni ed anche per eventi assolutamente slegati (come gli INCIDENTI STRADALI o l'ANNEGAMENTO), proprio per non perdere nessun dato.
    Se ti vaccini a 2 anni e ti viene una neurite a 55, considerato tutto quello con cui veniamo a contatto nella nostra vita, la possibilità che sia stata causata dal vaccino è molto bassa...ma molto.

    La segnalazione di sospetto evento avverso inoltre può essere fatta da chiunque, anche dai genitori che si sa non è che "sottovalutino" più di tanto i sintomi dei propri figli.

    Non si è fatto neanche uno studio statistico sistematico degli effetti a lungo termine dei vaccini. -Come mai?

    Cercali e li trovi, ce ne sono centinaia. Non conoscere bene un argomento non può farti trarre conclusioni errate che risolveresti con una buona dose di volontà e voglia di capire meglio.

    Ciao.

    RispondiElimina
  15. Quando si parla di 500.000 contagiati e 6000 decessi ma non si cita da nessuna parte in che modo si è stabilito che fosse suina e non come probabile altro tipo, questa è Disinformazione allo stato puro.

    Sì, in effetti la tua è disinformazione.
    Ma come ti ho detto, basta un po' di buona volontà per capire meglio e non cadere nelle trappole dell'ideologia complottista che fa tanti danni al cervello.

    I dati sui contagi e sui decessi sono relativi ad H1N1 CONFERMATA dai test (esami specifici come li chiami tu), esistono anche i dati per altri tipi di influenza naturalmente.

    Nella pratica, visto che nei Pronto Soccorso di tutta Italia arrivano centinaia di persone con il raffreddore e la febbre e non è possibile effettuare tamponi faringei a tutti, è stata data la direttiva di considerare chiunque affetto da influenza "suina" fino a prova contraria (perchè tanto non cambia nulla).

    In caso di complicanza o decesso è necessaria la conferma del contagio da H1N1 che quando c'è fa entrare quel caso in quelli registrati nelle statistiche che leggi.

    Però ti chiedo un favore: io per capire meglio e documentarmi ho girato tutti i siti adatti, ho cercato letteratura, ho letto libri, fallo anche tu, è bello conoscere come vanno le cose intorno a noi.
    :)

    Ciao!

    RispondiElimina
  16. Le tue seguenti affermazioni sono in contraddizione
    1)"I dati sui contagi e sui decessi sono relativi ad H1N1 CONFERMATA dai test (esami specifici come li chiami tu), esistono anche i dati per altri tipi di influenza naturalmente."

    2)"Nella pratica, visto che nei Pronto Soccorso di tutta Italia arrivano centinaia di persone con il raffreddore e la febbre e non è possibile effettuare tamponi faringei a tutti, è stata data la direttiva di considerare chiunque affetto da influenza "suina" fino a prova contraria (perchè tanto non cambia nulla)."

    Quindi mi stai dicendo che i 500.000 contagiati potrebbero aver avuto un qualunque tipo di influenza data la pratica dettata ai pronto-soccorsi? E ti sembra corretta informazione questa? Sparata sui telegiornali di tutto il mondo?

    Cerca di rispondere alle mie domande visto che ti definisci l'esperto e non deviare dall'argomento per favore.

    RispondiElimina
  17. "Potresti proporti tu come volontario: ti inoculi il virus della poliomielite e poi ti vacciniamo con un placebo."

    Guarda che esistono metodi statistici. Non c'è bisogno di iniettarsi il virus per fare un testo con placebo.
    Allora ti spiego come fare visto che non ci arrivi:

    Prendi un campione statistico di persone, metà le sottoponi a vaccino, metà le sottoponi a placebo.

    Poi vedi a distanza di mesi quante del primo e quante del secondo gruppo hanno contratto il virus.
    Lascia stare la poliomielite (ovviamente sei saltato subito sul carro del vincitore). Perchè non lo facciamo proprio con il virus dell'influenza questo test?

    Vedo che sei già arrivato all'attacco personale e al sarcasmo da quattro soldi, dopo appena numero 1 di risposte. Wow è un record questo.

    RispondiElimina
  18. Vorrei precisare quando ho detto
    "Quindi mi stai dicendo che i 500.000 contagiati potrebbero aver avuto un qualunque tipo di influenza data la pratica dettata ai pronto-soccorsi?"

    Leggasi qualunque tipo di influenza o altra condizione patologica con sintomi parainfluenzale (raffreddore etc..)

    RispondiElimina
  19. Cerca di rispondere alle mie domande


    Cerco di spiegarmi meglio, vista la tua simpatia e verve:

    TUTTI quelli che arrivano al Pronto soccorso con sintomi influenzali devono essere ritenuti come affetti da influenza suina (fino a prova contraria).

    QUELLI TRA LORO che muoiono o sono in condizioni preoccupanti devono essere sottoposti a test che CONFERMI la diagnosi.

    QUELLI con la diagnosi CONFERMATA di infezione da H1N1 entrano nelle statistiche ufficiali.

    I DECESSI da H1N1 devono avere la conferma di positività all'infezione. I CONTAGI sono stimati dall'incidenza sulla popolazione (non puoi sapere esattamente quante persone sono contagiate non tutte vanno al pronto soccorso, non tutte vanno dal medico, non tutte presentano sintomi gravi).

    Come fanno a fare la stima? Ti rispondo con le stesse parole del ministero:

    la sorveglianza dell’influenza è basata sul sistema Influnet, che raccoglie i casi della rete dei medici sentinella registrati tra i propri assistiti nonché i dati sui virus circolanti dalla rete dei laboratori accreditati. L’Iss effettua inoltre conferme a campione dei casi clinici e l’approfondimento virologico delle forme gravi

    Se c'è altro di poco chiaro provo a rispiegarlo.

    RispondiElimina
  20. "Cerco di spiegarmi meglio, vista la tua simpatia e verve:"

    Meno male che cambi tono, eri partito male..
    Allora vediamo un po' se ho capito:

    "TUTTI quelli che arrivano al Pronto soccorso con sintomi influenzali devono essere ritenuti come affetti da influenza suina (fino a prova contraria)."

    Non capisco il perchè di questo apriori visto che è l'influenza meno letale che si conosca, ma vabbè..andiamo avanti

    "QUELLI TRA LORO che muoiono o sono in condizioni preoccupanti devono essere sottoposti a test che CONFERMI la diagnosi."

    OK quelli morti e quelli gravi fanno il test. Bene.

    "QUELLI con la diagnosi CONFERMATA di infezione da H1N1 entrano nelle statistiche ufficiali."

    Ok quindi dalla logica che mi hai dato finora deduco che la diagnosi sui casi gravi e sui morti si fa con il test del tampone. E da qui si puo' sapere quanti morti (e moribondi) ci sono da H1N1 ok. (Ma la massa dei contagiati rimangono un numero completamente arbitrario!)

    I DECESSI da H1N1 devono avere la conferma di positività all'infezione.

    Questa non l'ho capita: sembra una ripetizione della precedente. Perchè ribadisci quello che hai detto prima?

    " I CONTAGI sono stimati dall'incidenza sulla popolazione (non puoi sapere esattamente quante persone sono contagiate non tutte vanno al pronto soccorso, non tutte vanno dal medico, non tutte presentano sintomi gravi)."

    E' proprio qui il punto se uno non sa meglio che taccia e la smetta di spargere il panico sui mass media. Chi stabilisce l'incidenza? Fino all'altro anno di suina non si parlava quasi, quest'anno all'improvviso è venuta la fine del mondo, eppure danno dati precisissimi sulla sua attuale incidenza. Perchè l'anno scorso nessuno dava dati precisissimi sull'influenza suina?


    "Iss effettua inoltre conferme a campione dei casi clinici e l’approfondimento virologico delle forme gravi"

    Dove sono queste statistiche per l'Italia, sono pubbliche? Le statistiche devono essere fatte con rigore altrimento valgono come l'acqua fresca.
    Poi siccome qui si parla di casi mondiali, se ci mettono dentro statistiche molto meno rigorose di paesi molto meno rigorosi (che ne so l'Angola tanto per dire) il dato finale viene completamente aleatorio.

    RispondiElimina
  21. Comunque non hai risposto al perchè non si promuove la vitamina D contro l'influenza?

    Perchè è gratis?

    RispondiElimina
  22. Non capisco il perchè di questo apriori visto che è l'influenza meno letale che si conosca

    E' una procedura abbastanza comune in medicina (e non solo): pensa al peggio quando non puoi distinguerlo agevolmente dal "meno peggio". Se arriva una persona con dolore toracico, pensa prima di tutto all'infarto e solo alla fine ad un dolore intercostale.
    In questo caso ha un valore puramente pratico: non si possono fare test a tutti e così è bene non escludere l'evenienza peggiore.

    Questa non l'ho capita: sembra una ripetizione della precedente. Perchè ribadisci quello che hai detto prima?

    E' una ripetizione infatti, distinguevo i decessi dai contagi.

    Chi stabilisce l'incidenza?

    L'Istituto superiore di sanità dopo aver ricevuto i report delle "sentinelle" sparse nel territorio.

    se uno non sa meglio che taccia e la smetta di spargere il panico sui mass media

    Questo lo penso anche io. Purtroppo i mass media cercano basi per degli scoop ed a quanto pare non hanno notizie più importanti da dare creando una psicosi ingiustificata.

    Perchè l'anno scorso nessuno dava dati precisissimi sull'influenza suina?

    I dati precisissimi ci sono ogni anno (e li puoi pure consultare) esistono intere strutture che hanno questo compito, solo che non venivano diffusi perchè non interessavano a nessuno se non agli addetti ai lavori...

    Dove sono queste statistiche per l'Italia, sono pubbliche?

    Certamente. Sul sito ministeriale. Sono elencati anche i i laboratori ed i responsabili della raccolta dei dati (è il sistema Influnet).
    Vengono aggiornate settimanalmente con report quasi quotidiani.

    Puoi trovare tutto qui ed in particolare per quanto riguarda i numeri e l'epidemiologia, qui (è un pdf).

    perchè non si promuove la vitamina D contro l'influenza?

    La vitamina D può aiutarti a prevenire l'influenza (come la C) e ne avevamo parlato anche in questo blog. Un buon medico lo sa e lo consiglia. Un ministro della salute che consiglia spremute di arancia ed integrazione di vitamina D lo vedrei molto meno a suo agio, non è il suo compito oltretutto.

    Sul "gratis" avrei qualche dubbio, d'inverno di sole non ne hai tanto e gli integratori costano.

    RispondiElimina
  23. @Truther1:
    Non vi è un solo studio comparativo con placebo che mostri che i vaccini siano efficaci. Come mai non si fanno?
    Un po' forte come affermazione se bastano una manciata di secondi e qualche parola chiave per trovare cio' che non si vuol cercare.

    e.g.:

    Cutts F et al.
    Efficacy of nine-valent pneumococcal conjugate vaccine against pneumonia and invasive pneumococcal disease in The Gambia: randomised, double-blind, placebo-controlled trial
    The Lancet, Volume 365, Issue 9465, Pages 1139-1146

    RispondiElimina
  24. Truther1,

    la tua arroganza è offensiva. Pensaci ;)

    RispondiElimina
  25. eccolo là.

    truther1, se ti conoscessi di persona potrei citare un film che mi piace tanto: ancora una volta la tua mente acuta e penetrante si è applicata e sei giunto alla conclusione sbagliata. Però non ti conosco, quindi al massimo posso dirti di studiare le materie che citi (chimica e biologia) e magari aggiungi pure un corso di immunologia. L'ignoranza non è una colpa, l'arroganza sì, perciò studia qualcosa di serio prima di parlare di cose che non conosci, ti stai coprendo di ridicolo e nemmeno te ne accorgi

    RispondiElimina
  26. WeeWee, mi servirebbe il tuo aiuto per rispondere ad un complottista. Secndo questo qui il vaccino antinfluenzale del 1976 contro la suina (che poi, sepre secondo quanto dice, non è arrivata) ha provocato molti danni neurologici e causato la morte di 25 persone per sindrome di Guillam Barrè, ma non mi da nessuna fonte autorevole dalla quale attingere questa informazione. Cosa accadde realmente nel 1976?

    Grazie

    RispondiElimina
  27. @ Grezzo:

    Nel 1976 fu avviata una campagna di vaccinazione contro una prevista epidemia di influenza suina negli USA che poi non si avverò.
    Si notò un aumento dei casi di sindrome di Guillain Barrè(GBS) e questo fece sospendere il programma di vaccinazione.
    In seguito furono effettuate delle indagini molto accurate: se l'evidenza mostrava un collegamento tra vaccinazione e sindromi neurologiche, non ci sono stati altri elementi che facessero sospettare un nesso tra le due cose (vaccino-GBS).

    Le polemiche furono tantissime in quegli anni e per questo furono realizzati altri studi ma anche quelli non riuscirono a dimostrare un collegamento e si limitarono ad osservare il fatto: successe qualcosa ma non si riesce a capire perchè.
    Risponde ad una FAQ sull'argomento (ma molto in breve) il CDC qui e rimanda ad un documento molto più completo (ma lunghetto ed in inglese) che è qui.

    Il fatto che le autorità americane abbiano sospeso immediatamente la vaccinazione in seguito alla segnalazione di eventi avversi (non per forza collegati al vaccino) è una dimostrazione che nessuno voleva decimare la popolazione. Un argomento a sfavore del complottismo viene utilizzato a favore.
    Occhio quindi a "combattere" con i complottisti, l'operazione "spostamento dei paletti" è sempre in agguato, risolto un problema ne trovano un altro, in un loop infinito.
    :)

    RispondiElimina
  28. Grazie! Vediamo ora cosa mi risponde il signorino, anche se probabilmente le risposte saranno sempre "ma tu hai la mente chiusa, big pharma lì, qua, di là" e altre fregnacce, aria fritta, insomma. Pensa che ho anche chiesto al tuo "collega" di darmi dei riferimenti scientifici affidabili che confermassero le sue affermazioni, e mi ha risposto che non ha bisogno di riferire nulla in quanto lui è laureato ed è una garanzia di affidabilità. Fa un pò ridere detto da uno che pubblicizza naturopatia, Tai Chi terapia, omeopatia e altre truffe, pardon, cure alternative. Ma poi torniamo sempre allo stesso argomento: dietro c'è sempre l'intenzione di vendere qualcosa a qualcuno.

    RispondiElimina
  29. Io ho linkato a una conoscente l'articolo di Dillinger.it per permetterle di avere qualche dato in più (era molto allarmata dai video che girano per internet) ma mi ha subito risposto orripilata che ai suoi bambini non farebbe mai somministrare un vaccino che contenga formaldeide. Cosa posso risponderle (oltre a una generica affermazione come "è la quantità che fa il veleno"?)? Oltretutto aggiunge che un suo bambino ha avuto una brutta reazione allergica al vaccino per la pertosse, che i vaccini consigliati ai bambini sono troppi, che le sostenze nocive che ci circondano sono abbastanza senza dovercele anche somministrare, che conosce figli di amici diventati disabili grazie ai vaccini (questa potrei farmela spiegare meglio, ma non oso, mi sembra arciconvinta che i vaccini sono il male...).
    Persone che hanno queste idee mi sembra che negli ultimi anni stiano aumentando tanto - parlare con loro di statistiche e test è quasi inutile; in più tirano fuori l'argomento finale che è la convenienza economica delle grandi case farmaceutiche.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. WeeWee, la conoscevi quest'altra cialtrona?. Ecco cosa dice del vaccino! Qua stiamo partendo completamente per la tangente...

    RispondiElimina
  32. Ohps, il collegamento non funziona, è questo

    RispondiElimina
  33. Ciao WeeWee, grazie mille per il servizio di informazione corretta che fai.

    Mi servirebbe un favore: mia moglie è presa dal panico per colpa di quest'influenza e non riesco a fargli capire che non c'è motivo, provo a parlargli di statistiche ma non ne vuole sapere: l'ha detto la tv che è un virus "cattivo-cattivo".

    Quello che la impaurisce di più è per nostro di figlio di 1 anno riportando come la morte causata dall'influenza "normale" (termine senza molto senzo, sopratutto dopo aver letto il tuo articolo, ma è per capirci) non colpisce *mai* i bambine mentre questa ha gia fatto qualche morte tra bambini piccoli.

    Puoi confermarmi/smentirmi se la mortalità tra i bambini dell'influenza H1N1 è minore/magiore/uguale rispetto a quella di un influenza "normale".

    Grazie mille

    RispondiElimina
  34. Dimenticavo: grazie mille al dott. Parpaglioni!

    RispondiElimina
  35. @Grezzo,
    ho letto un po' quel che dice sta Claudia Ranville (espertissima in un sacco di cose, sembrerebbe).
    Che schifo!
    Eppure nn riesco a spiegarmi come mai io continui a preoccuparmi di chi crede a certe stupidaggini, dovrei fregarmene, pensare che quel gli capita poi è meritato, ma non mi riesce, mi incazzo ogni volta. Porca miseria...

    RispondiElimina
  36. Patrizia Mandanici,

    la tua conoscente forse non sa che ciò che conta non è la sostanza in sé che assumiamo, ma la sua quantità. Che prove ti porta a sostegno delle sue affermazioni? Potrei dirti, istintivamente, di lasciarla nel suo brodo. Il punto è che ci sono di mezzo i bambini e sono stufo di vederli pagare per l'ignoranza dei genitori...

    RispondiElimina
  37. GaS,

    la mortalità di A-H1N1 sui bambini è minore rispetto a quella della normale influenza stagionale, così come è inferiore negli adulti. Il problema è che i bambini non hanno la capacità di palesare i loro sintomi e le difese immunitarie, specialmente all'età di vostro figlio, sono "deboli". Forse è il caso di "importi" su tua moglie, sempre e solo per il bene del piccolo. Chiedi parere al medico di fiducia, senti che ti dice :)

    RispondiElimina
  38. Grazie mille, purtoppo l'unica statistica ufficiale del ministero della salute che ho trovato sono relative al 2006 e riportano 0 morti per influenza tra i bambini, però di medicina non capisco niente e quindi forse non so dare la giusta lettura a dati trovati su internet. Mi sapete indicare una fonte in cui reperire la % di casi di mortalità infantile dovuti all'influenza?

    Vorrei poi fare un discorso che non vedo fare in giro, forse perchè leggo poco tutto quello che riguarda medicina ed affini: diciamo che l'influenza H1N1 ha un tasso di mortalità N volte minore dell'influenza stagionale. Penso che questo dato non basti ad indicare la "pericolosità" dell'influenza.

    Se, ad esempio, l'influenza N1H1 ha una possibilità di contagio M volte maggiore (come mi sembra di capire), l'indice di confronto è dato da M/N, se quindi M>N la "nuova influenza" farà più danni della normale influenza stagionale.
    Cioè: è minore la probabilità di morire a causa di H1N1 ma è molto maggiore la probabilità di prendersela: in totale, è maggiore la probabilità di morire a causa di H1N1. ha senso? possiamo dire con ragionevole certezza che M/N<1?
    Spero di essermi spiegato.

    Vorrei sottolineare che penso di avere una posizione equilibrata sul tema, non ho nessuna paura specifica per questa influenza e penso che sia giusto vaccinare le persone a rischio, vorrei solo approfondire il tema.

    Grazie mille e scusate la lunghezza.

    P.S.: impormi su mia moglie?...non la conosci :-)

    RispondiElimina
  39. GaS,

    dopo un bel po' di ricerca forse ho trovato qualcosa in .pdf

    RispondiElimina
  40. @max
    hai trovato uno studio soltanto? No giusto per sapere, prima di andarlo a controllare.

    Il fatto è che i vaccini non vengono di norma sottoposti a studio comparativo con placebo, mentre tutti i medicinali si e questo è un dato di fatto.

    A chi mi dà dell'arrogante non rispondo nemmeno. Non lo merita e basta.

    Sono arrogante io? O e' arrogante l'organizzazione mondiale della sanità a dichiarare pandemia una influenza banalissima??
    Tra l'altro le nuove regole della pandemia sono state stabilite dalla OMS da pochi anni, coincidenza anche questa o preveggenza?

    @ wewe
    grazie per i links sulle statistiche. Il problema pero' è che mentre in passato molte persone non andavano proprio dai medici sentinella per banali sintomi influenzali, adesso vi ci riversano grazie al terrorismo mediatico di massa, e per questo le statistiche che mostrano un picco di incidenza gia' in queste settimane sono con tutta probabilità completamente inconfrontabili con quelle degli anni passati.

    Infine vorrei porre un'altra domanda/dubbio. Il test dell'influenza come funziona? Perchè se si limita a controllare la presenza di anticorpi, bhe allora potrebbe prendere una grossa cantonata, visto che molta agente ha già gli anticorpi per la suina da anni passati.

    RispondiElimina
  41. sempre @ wewe
    quanto costerebbe allo stato darci gli integratori di vitamina D gratis invece di inocularci il vaccino?
    Se ti fai due conti csterebbe su per giu' lo stesso ma a qualcuno non conviene evidentemente.
    Eppure in Canada hanno puntato tutto sulla vitamina D ed hanno scartato il vaccino ritenendolo oltretutto pericoloso e inaffidabile. O per lo meno hanno applicato il principio precauzionale.

    RispondiElimina
  42. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  43. @WEWE

    scusa ancora una ppunto mi è venuto in mente adesso:

    tu scrivi:

    "E' una procedura abbastanza comune in medicina (e non solo): pensa al peggio quando non puoi distinguerlo agevolmente dal "meno peggio". Se arriva una persona con dolore toracico, pensa prima di tutto all'infarto e solo alla fine ad un dolore intercostale."

    Si d'accordo, ma in questo caso non sarebbe la suina l'ipotesi peggiore, bensi' l'influenza normale (o stagionale) che è molto piu' letale. Quindi il principio che si sta applicando nei prontosoccorsi è in realtà quello del "best case" non del "worst case".

    RispondiElimina
  44. @Truther1:
    Sono arrogante io? O e' arrogante l'organizzazione mondiale della sanità a dichiarare pandemia una influenza banalissima??

    Qui parliamo e non ci capiamo. Questa banalissima influenza è banale ora, ma è un virus diverso dalla stagionale, e l'incrocio con la stagionale è preoccupante a tal punto da far partire le vaccinazioni. Cosa c'è di difficile da capire?

    Poi se permetti sei tu l'arrogante, che prima mi dai dell'ignorante (dicendo che devo studiare chimica e biologia - sono laureato in biologia) e poi ti dimostri assolutamente incapace di capire anche l'italiano del post, che ho scritto appunto in maniera semplice per poter far capire anche ai non addetti. Quindi piantala, e torna quando avrai fatto l'esame di immunologia all'università

    RispondiElimina
  45. Aggiungo che, come detto nel post, in Egitto c'è ancora l'aviaria, e ci sono stati più di mille casi di suina. Questo ancora rende la faccenda banale, Truther1?

    RispondiElimina
  46. @ Un-truther 123456789

    Hai fatto affermazioni tanto straordinarie e sconvolgenti ma non hai citato neanche una fonte dalle quali hai attinto questo materiale. Vuoi illuminarci su questo punto oppure dobbiamo pensare che sei tu il presuntuoso?

    RispondiElimina
  47. quanto costerebbe allo stato darci gli integratori di vitamina D gratis invece di inocularci il vaccino?
    Se ti fai due conti csterebbe su per giu' lo stesso ma a qualcuno non conviene evidentemente.

    questa è da oscar.
    per te la vitamina D funziona efficacemente per la prevenzione, il vaccino no.
    Entrambi dovrebbero essere venduti a tutti, entrambi avrebbero lo stesso costo per lo Stato.
    MA le multinazionali cattive preferiscono venderci il vaccino che non ci cura (e per il quale devono fare costosi test) invece di... venderci la vitamina D che ci cura (e per la quale non devono fare preziosi test), stante lo stesso importo.

    Ah no, scusa, la vitamina D la vendono solo le multinazionali buone..

    RispondiElimina
  48. "Qui parliamo e non ci capiamo. Questa banalissima influenza è banale ora, ma è un virus diverso dalla stagionale, e l'incrocio con la stagionale è preoccupante a tal punto da far partire le vaccinazioni. Cosa c'è di difficile da capire?"

    Questo è ovvio per te che pensi che i vaccini siano delle panacee miracolose, quando non vi è nessuno studio sistematico a dimostrarlo. PEr stabilirlo devono essere fatti studi con placebo, fino a che questa pratica non verrà consolidata quella dei vaccini è pseudoscienza paragonabile alla cieca fede.

    Le persone che si ammalano di influenza ogni volta sono spesso proprio quelle che prendono i vaccini. Ovviamente potrebbe anche essere una logica opposta, ossia quelli che si vaccinano lo fanno perchè hanno un sistema immunitario debole che tende ad ammalarsi spesso di influenza e quindi si ammalano nonostante facciano il cvaccino (a sto punto a cosa serve?).
    Ricordo di aver visto una volta su siti ministeriali ufficiali che per andare in certi paesi africani occorreva vaccinarsi contro la febbre gialla. Ma se poi si andava a leggere le raccomandazioni che davano ai vaccinati erano di proteggersi il piu' possibile dalle punture di zanzare. E allora di nuovo la domanda: "che mi vaccino a fare??". Visto che vaccinarsi non è uno scherzo. Un mio collega vaccinatosi per la febbre gialla è stato a letto con forti malditesta e altri sintomi non piacevoli per una settimana intera. Vale la pena sottoporsi a cio', se poi devi comunque proteggerti dalle zanzare. Mha a me pare fantascienza.

    Senza uno studio serio con placebo non si potrà mai stabilire se i vaccini abbiano una qualche efficacia. Se poi si aggiungono a questo anche le altre variabili, tipo il fatto che il virus influenzale pu' non essere lo stesso ogni anno, l'utilità dei vaccini diventa ancora piu' aleatoria.

    Tu sarai un biologo, ma io sono ingegnere chimico, sono abituato a ragionare con logica. Se mi dimostri che mi sbaglio logicamente sono sempre pronto a rivedere le mie opinioni sull'utilità delle vaccinazioni.

    Se non te ne sei accorto ho dato prova di umiltà con questa mia affermazione non di arroganza.

    "Poi se permetti sei tu l'arrogante, che prima mi dai dell'ignorante (dicendo che devo studiare chimica e biologia - sono laureato in biologia) "

    No non ti permetto di darmi dell'arrogante, visto che hai appena detto il falso.
    Ecco le mie parole esatte copiate e incollate. Nota anche che il commento non era riferito a te ma era generale.

    -Ma ci sono molte certezze che le sostanze in esso contenute bene non fanno di sicuro. Chimica e Biologia docent (non sono opinabili)-

    Dove vedi il fatto che ti ho dato dell'ignorante? Non ho voglia di andare sul personale anche perchè non servirebbe. Mi interessa parlare di fatti e basta. Sono aperto alla discussione, non all'attacco personale, cosa di cui già non sono stato risparmiato su questo sito da diversi utenti.

    Che il thimerosal faccia male lo dice l'intera comunità medica, tant'è che era stato tolto dai vaccini. Adesso è stato reintrodotto nei vaccini per l'h1n1 nel multidose. Per favore non mi si venga a parlare di quantità, perchè le dosi di mercurio che si somministrano nei vaccini sono 15 volte superiori a quelle massime consentite dalla tossicologia ufficiale (non complottista)

    Lo squalene presente in tutti i vaccini europei dell'h1n1 non è stato approvato dalla FDA americana, quindi gli americani non lo ritengono sicuro per il momento.

    Se vuoi discutere fallo solo sui fatti, rispondi alle domande che ti pongo. Ad esempio perchè nessuno si fila la vitamina D e si punta solo sul vaccino. Finchè non mi si risponde io continuo a fare le stessa domande.

    RispondiElimina
  49. @Grezzo se vuoi che ti risponda su qualcosa, devi evidenziare le mie affermazioni, su cui desideri ricevere una risposta. Grazie.

    RispondiElimina
  50. @Thh
    "Ah no, scusa, la vitamina D la vendono solo le multinazionali buone.."

    Il fatto è che la vitamina D la vende anche una multinazionale potentissima, si chiama Sole e gli antichi lo veneravano come un dio perchè forniva la vita, la salute e la prosperità.

    Ora il punto che non capisci è che se una cosa è ampiamente disponibile e accessibile alla gente, nessuno ci puo' fare sopra tanti soldi vendendola. Per di piu' la vitamina D non è brevettabile, per cui qualunque fabbrichetta cinese potrebbe cominciare a produrla a prezzi molto competitivi, se solo vi fosse un'adeguata domanda di mercato.

    Perchè la domanda di mercato non c'è? Lo vuoi sapere? Ma lo vuoi proprio sapere?? Perchè il 99% della gente non è a conoscenza di questa informazione sulla vit. D. E chi è che tiene all'oscuro la gente? I mass media, che anzi demonizzano il sole, spingendo la gente a coprirsi di creme protettive cancerogene.

    RispondiElimina
  51. @ Gas: convincere una moglie? Non ci penso nemmeno!!!
    :)
    Sinceramente: se tua moglie non ascolta statistiche, esperti e non usa il buon senso, cosa pensi possa convincerla?

    @ Thruter1:

    Sì, sei al limite dell'arroganza da ban ed hai cominciato ieri, quindi ti invito a moderare i tuoi toni. Non puoi (è regolamento) lanciare anatemi ed accuse pesanti senza dimostrarne i motivi, per questo tipo di cose ci sono i forum appositi.

    Ti ho cancellato un messaggio perchè citavi un prodotto in commercio ed è proibito.

    il test dell'influenza come funziona? Perchè se si limita a controllare la presenza di anticorpi,

    No, funziona con tecniche di biologia molecolare, non misura gli anticorpi ma la presenza effettiva del virus.

    quanto costerebbe allo stato darci gli integratori di vitamina D gratis invece di inocularci il vaccino?
    Se ti fai due conti csterebbe su per giu' lo stesso ma a qualcuno non conviene evidentemente.


    A qualcuno conviene ad altri no, la vitamina D sarà prodotta e venduta da un'azienda che poi verrebbe accusata di essere al soldo delle lobby delle vitamine e di aver corrotto i ministri che diffondono una "semplice vitamina per curare l'influenza". Inoltre la vitamina D non ha proprietà vaccinali e quindi non è nemmeno paragonabile.

    Si d'accordo, ma in questo caso non sarebbe la suina l'ipotesi peggiore, bensi' l'influenza normale (o stagionale) che è molto piu' letale.

    Ma visto che l'allarme e le procedure sono state pensate per l'influenza suina, ci si concentra su quella, visto che per le stagionali si hanno esperienze decennali.

    RispondiElimina
  52. Che il thimerosal faccia male lo dice l'intera comunità medica, tant'è che era stato tolto dai vaccini. Adesso è stato reintrodotto nei vaccini per l'h1n1 nel multidose. Per favore non mi si venga a parlare di quantità, perchè le dosi di mercurio che si somministrano nei vaccini sono 15 volte superiori a quelle massime consentite dalla tossicologia ufficiale (non complottista)

    Lo squalene presente in tutti i vaccini europei dell'h1n1 non è stato approvato dalla FDA americana, quindi gli americani non lo ritengono sicuro per il momento.


    Truther1: non mi sembra carino cancellarti interventi lunghissimi quindi ti chiedo di leggerti il regolamento del blog e poi tornare a postare.
    La prima cosa che devi tenere presente, se vuoi stare qui è quella di non fare affermazioni gravi e non dimostrate (come quelle due che ho riportato sopra sul Thimerosal e sullo squalene) senza "pezze scientifiche".

    Poi ricordati di utilizzare un tono moderato e non provocatorio.

    Grazie.

    RispondiElimina
  53. wewe se devo venire su un blog e scoprire che ci sono regole cosi' stringenti tali che chiunque dissenta venga imemdiatamente redarguito di censura, mi fa passare la voglia.
    Siamo esseri umani, il confronto deve avere toni appassionati, se no vorrebbe dire che non crediamo in quello che diciamo, saremmo solo dei robot.

    vuoi una referenza sul thimerosal, apri la prima enciclopedia, li' la troverai. Perchè non dici ESATTAMENTE dove mi sbaglierei e perchè?

    Non usare toni minatori, non sto infrangendo nessuna regola qui.

    RispondiElimina
  54. wewe dire che la vitamina D non ha proprietà vaccinali è come dire che il vaccino non ha proprieta vitaminiche. E' una scoperta semantica interessante, ma nulla piu'.

    Dal punto di cvista degli effetti è provato scientificamente che la vitamina D previene di ammalarsi di influenza. E questo è quello che veramente conta alla gente. Alla gente non frega nulla di quanti anticorpi hanno, di cosa siano i linfociti T e via dicendo. Quello che vogliono sapere è come fare a stare bene in salute e BASTA.

    RispondiElimina
  55. Bene, Truther, dammi le fonti (scientifiche, eh?) di questo. (una precisazione, però, Truther, il vaccino della febbre gialla non ti protegge dalla malaria, che non è una malattia virale, e che è veicolata dalle zanzare, ecco perchè la raccomandazione di proteggersi dalle zanzare)

    1)Questo è ovvio per te che pensi che i vaccini siano delle panacee miracolose, quando non vi è nessuno studio sistematico a dimostrarlo. PEr stabilirlo devono essere fatti studi con placebo, fino a che questa pratica non verrà consolidata quella dei vaccini è pseudoscienza paragonabile alla cieca fede.

    2) Le persone che si ammalano di influenza ogni volta sono spesso proprio quelle che prendono i vaccini.

    3)Senza uno studio serio con placebo non si potrà mai stabilire se i vaccini abbiano una qualche efficacia.

    4)Che il thimerosal faccia male lo dice l'intera comunità medica, tant'è che era stato tolto dai vaccini. Adesso è stato reintrodotto nei vaccini per l'h1n1 nel multidose. Per favore non mi si venga a parlare di quantità, perchè le dosi di mercurio che si somministrano nei vaccini sono 15 volte superiori a quelle massime consentite dalla tossicologia ufficiale (non complottista)

    5) Lo squalene presente in tutti i vaccini europei dell'h1n1 non è stato approvato dalla FDA americana, quindi gli americani non lo ritengono sicuro per il momento.


    Per corretteza di informazione, a queste tue affermazioni devono seguire altrettante fonti affidabili che dicano la stessa cosa, puoi illuminarci?

    RispondiElimina
  56. Comunque la vitamina D non previene un bel nulla, aiuta a prevenire ma non è la stessa cosa e non ti protegge completamente dal virus come il vaccino. Visto che ci sei riportami questa fonte scientifica che dice che la vitamina D previene l'influenza.

    RispondiElimina
  57. A me risulta che lo squalene non è approvato dalla FDA american, o non lo è nei vaccinia. A te no?
    Tant'è vero che lo squalene, presente nei vaccini europei per l'h1n1, è assente invece in quelli americani. Ti risulta o No?

    Cerca di rispondere di piu' e generalizzare meno grazie.

    RispondiElimina
  58. Generalizzare di meno? Ti ho semplicemente chiesto la fonte, l'avrai letto da qualche parte, no? Bene, riportaci la fonte, e permetti se dubito della parola di uno che per i viaggi in africa si preoccupa della febbre gialla ma non della malaria. E siccome non sei un medico, le tue sole affermazioni sono perlomeno dubbie, ti pare?

    RispondiElimina
  59. Truther1,

    io avrei voluto rispondere volentieri a qualche tua affermazione, ma non l'ho fatto per due motivi: il primo è l'arroganza (come fattoti notare), classico atteggiamento di chi non vuole capire, ma convincere; il secondo è la totale assenza di prove nelle tue argomentazioni. Tra l'altro penso (dimmi se sbaglio) che tu non abbia letto bene né il mio articolo né quello di WeWee, né quello di Giuliano.

    A me piacerebbe provare a rispondere a qualche tua domanda, penso serva a tutti, oltre che a me e te. E ricordati che questo spazio è uno spazio di discussione civile, né mio né tuo, ma di WeWee. :)

    RispondiElimina
  60. @Grezzo
    perchè non mi citi tu le fonti in cui quello che io dico sarebbe falso.

    Citami tu gli studi che dimostrano che i vaccini prevengono qualche cosa? Citami tu gli studi con placebo riguardo al virus dell'influenza?
    Citami tu dove viene detto che il thimerosal non faccia male?

    Io ho le mie fonti, tu le tue. Se vuoi discutere su chi ha ragione mettiti prima sullo stesso piano e non fare il professore.

    RispondiElimina
  61. @ Truther

    Sullo stesso piano? Qui siamo proprio alla follia pura, ma come, fai queste affermazioni e non porti nulla a favore di quello che dici? A dispetto della tua arroganza, hai ben poco da dire a riguardo. Se hai letto qualche articolo di WeeWee (che è un medico, a differenza di te) noterai che ha disseminato di fonti autorevoli ogni affermazione che ha fatto. Io qui non ho fatto alcuna affermazione, ti ho semplicemente chiesto di documentare le tue, dove sono?

    RispondiElimina
  62. Non ho voglia di combattere contro 10 leoni insieme, mettetevi d'accordo su chi deve interloquire con me, visto che siete solo contro di me e non per la discussione.

    Grezzo quando dicevo generalizzare mi riferivo a wewe.
    Cosa c'è sulla febbre gialla che non hai capito? Ti ho detto che un collega ha fatto il vaccino ed è stato male una settimana. Per la malaria non esistono vaccini, quindi che si preoccupava a fare prima???
    La malaria la si prende e se si ha un sistema immunitario in forma e con l'aiuto del chinino si guarisce senza conseguenze, qual'è il problema? _Io consiglierei a chiunque di rimanere nel proprio continente, perchè ogni popolazione ha sviluppato specifiche difese cntro i problemi naturali del luogo di origine.

    RispondiElimina
  63. Perchè non dici ESATTAMENTE dove mi sbaglierei e perchè?

    Hai detto che il Thimerosal "fa male" ed a quello che dicono tutte le ricerche relative proprio a questa sostanza smentiscono la tua affermazione. Inoltre dovresti sapere (da ingegnere chimico) che il Thimerosal è ETILMERCURIO e non METILMERCURIO che è il derivato mercuriale davvero tossico (perchè si accumula e non lo smaltisci nemmeno con le bombe, mentre l'etilmercurio lo metabolizzi ed elimini in 24 ore).
    Comunque su questa storia del Thimerosal nei vaccini c'è già pronto un articolone di prossima pubblicazione, quindi se ti interesserà ne avremo di che discutere.

    Sullo squalene e l'FDA si tratta semplicemente di un problema burocratico: lo squalene è stato prodotto come adiuvante ed approvato proprio qui in Italia (a Siena c'è la Novartis) e da noi quindi è un prodotto esistente da anni.
    Negli USA invece, la procedura di approvazione è iniziata nel 2006 e non è passato quindi il periodo necessario per testarlo ed approvarlo.
    Solo per questo il suo uso non è ancora permesso.

    La differenza è sostanziale: si legge sempre che l'FDA NON HA APPROVATO lo squalene ma un fatto è non approvarlo perchè tossico un altro non approvarlo perchè la procedura è ancora in corso.
    Non pensi?

    PS: Io non minaccio e non censuro nessuno te lo assicuro, io voglio semplicemente che questo non diventi il ring disgustoso che trovo negli altri siti/blog/forum e su questo divento intransigente.
    Naturalmente vale per tutti.

    RispondiElimina
  64. ok yari voglio discutere davvero concalma e pacatezza, ma non accetto che mi si attacchi continuamente e da piu' fronti. Se avevo torto marcio in quello che dicevo mi avreste già smentito da un pezzo con le voste fonti inoppugnabili. Questo non è ancora accaduto.

    @grezzo si bisogna mettersi sullo stesso piano. Non è il tipo di laurea che serve a valutare un uomo. E' la sua capacità di ragionamento.

    RispondiElimina
  65. Si guarisce senza problemi dalla malaria sempre? Ma davvero? Ma allora che ci preoccupiamo a fare? Mamma mia, ha avuto mal di testa il tuo amico, deve essere stato terribile, ma non così tanto, visto che te lo ha raccontato, in quanto se avesse preso la febbre gialla forse avrebbe avuto un pò meno possibilità di farlo. Rispondi alle domande, non tergiversare, che la malaria non è una banale malattia da niente che guarisce con poco e senza conseguenze

    RispondiElimina
  66. WeWee si diceva la stessa cosa dell'amianto ti ricordi? Che non faceva male.
    E dell'additivo al piombo delle benzine? Ce ne siamo scordati?
    E del benzene? Che era al 4% e poi è calato al'1%.
    Guarda caso si scopre sempre che le cose facevano male DOPO, mai prima.

    RispondiElimina
  67. @Grezzo la malaria è off-topic qui. E' una parentesi che hai introdotto tu..
    Io so di molta gente che dalla malaria africana è guarita e sta bene. Tu no? Mi dispiace.

    RispondiElimina
  68. wewe la sostanza non cambia sullo squalene.
    Al momento non è approvato dalla FDA. Tu parli di iter burocratico come se si trattasse di passare la mancia al custode. C'è una procedura, se la passerà allora sarà approvato, al momento NON LO E'. E quindi ho detto solo la pura verità.

    RispondiElimina
  69. Io non so molto di medicina (studio in tutt'altro ambito), quindi mi limito a leggere questa discussione, che è molto interessante. Però una cosa la devo dire. Truther dice:
    "@Grezzo
    perchè non mi citi tu le fonti in cui quello che io dico sarebbe falso."
    Ora, questo tipo di replica è assurdo. Se io sostengo una cosa mi devo anche assumere l'onere della dimostrazione, non posso dire una cosa e chiedere agli altri di dimostrare che sia falsa. Sarebbe come se accusassi un uomo di essere un ladro senza prove, e che quest'uomo venisse arrestato solo sulla base della mia accusa perché non ha potuto dimostrare il contrario!
    Dici che sei un ingegnere e che sei abituato a lavorare con la logica, ma da questa tua frase sembra invece che di logica tu ne sappia molto poco...

    RispondiElimina
  70. Truther1,
    "Non è il tipo di laurea che serve a valutare un uomo. E' la sua capacità di ragionamento."

    Sottoscrivo in pieno, anche perché io stesso sono riuscito a scrivere quell'articolo con poche basi scientifiche scolastiche, tanta buona volontà, tempo dedicato quasi esclusivamente alla ricerca dei fatti e, non da ultimo, ho saputo filtrare le mie fonti.

    Ora, dato che sto scrivendo un articolo su banditismo e mafia, lascio volentieri il dibattito a voi. Ad ogni modo ciò che risponde ad alcune tue accuse lo trovi in quanto già scritto sui tre articoli, basta solo, come giustamente dici, ragionare, senza cieca fede ;)

    RispondiElimina
  71. Truther1,

    "C'è una procedura, se la passerà allora sarà approvato, al momento NON LO E'. E quindi ho detto solo la pura verità."

    E' come dire ad un bambino seduto sulla panca dell'ambulatorio pronto a vaccinarsi: "Ma come, tu non sei stato vaccinato?!?!"

    Insomma, non facciamo il processo anche alla giusta procedura... :)

    Chiudo :P

    RispondiElimina
  72. grezzo cmq il mio amico poi non è piu' partito per l'africa. Peccato avrei voluto tanto vedere se il vaccino aveva un effetto o meno.

    RispondiElimina
  73. Anghelos, io sono ingegnere quindi per me è piu' difficile andare a pescare fonti mediche. Chi è medico lo fa per mestiere, puo' trovare le fonti contro di me molto piu' velocemente. Per me occuparmi di salute non è una professione, me ne occcupo solo per me stesso, perchè voglio stare bene in salute.

    Se mi si da il tempo riesco anche a raccogliere tutte le mie fonti al meglio.
    Tuttavia considera anche che su certe cose non esistono neanche fonti. Come ho già scritto nessuno diceva che l'amianto facesse male, ma sarebbe dovuto valere il principio di precauzione. Cosa vuol dire? Che finchè qualcuno non mi dimostra senza ombra di dubbi che una tale sostanza chimica di sintesi che è normalmente assente dal mio organismo non produca danni, io ho il legittimo dubbio che li produca. Cio' non toglie che puoi sempre dimostrarmi in maniera molto convincente del contrario. In questo caso l'onere della prova si inverte ed è a carico di chi sta andando contro i fondamentinaturali e biologici su cui è basato il nostro organismo umano.
    Un ingegnere ha una estrema famikliarità con il principio di precauzione. Si sovradimensionano apparecchiature ed impianti spesso solo per il principio di precauzione.

    RispondiElimina
  74. WeWee si diceva la stessa cosa dell'amianto ti ricordi? Che non faceva male.

    Si dice la stessa cosa delle arance, del pane e del cotone.
    Che discorso fai...esistono centinaia di studi io mi baso su quelli e sull'evidenza non sulle parole del primo che passa.

    Sono un medico, tu vorresti essere curato con quello che mostra e dimostra di non essere tossico o con quello che propone il mio vicino di casa?

    C'è una procedura, se la passerà allora sarà approvato, al momento NON LO E'. E quindi ho detto solo la pura verità.

    Truther, guarda che a me i discorsi svicolanti non piacciono. Un prodotto non approvato per questioni temporali e NON perchè è tossico è ben differente come concetto...tu hai lasciato intendere che la FDA non avesse approvato lo squalene per chissà quali motivi...o ho capito male io?

    Ed il Thimerosal che "fa male" dov'è finito?

    Mi dai un riferimento a questa tua affermazione?
    Perchè il Thimerosal lo hanno assunto milioni di persone nel mondo e la specie umana è ancora qui...e tutti gli studi mostrano che male non fa...anche qui hai detto la verità o ammetti di aver detto un'inesattezza?

    Sei un adulto (mi pare di capire), coraggio...
    ;)

    RispondiElimina
  75. @Truther1:
    hai trovato uno studio soltanto? No giusto per sapere, prima di andarlo a controllare.

    Certo che no. Ma queste erano le tue esatte parole "Non vi è un solo studio comparativo con placebo" che a prima vista lascerebbe suppore all'ingenuo lettore un'esaustiva ricerca.
    Ovviamente sei libero di controllare oppure no, non solo l'articolo che ho indicato ma anche se e' l'unico . A me dopo una manciata di secondi rimaneva l'imbarazzo della scelta, dunque o non hai fatto nessuna ricerca e hai recitato a memoria una delle tante poesiole complottiste che girano per la rete o non hai usato le parole chiave giuste.

    PEr stabilirlo devono essere fatti studi con placebo, fino a che questa pratica non verrà consolidata quella dei vaccini è pseudoscienza paragonabile alla cieca fede.
    Non necessariamente a meno di non voler considerare privi di valore gli studi osservazionali o retrospettivi.

    Questo è ovvio per te che pensi che i vaccini siano delle panacee miracolose, quando non vi è nessuno studio sistematico a dimostrarlo.
    Non esiste uno studio sistematico che consideri la totalita' dei vaccini poiche' non avrebbe senso, in compenso esistono diversi trials clinici e meta-analisi (do per scontato che tu sappia cos'e' una meta-analisi) per gli specifici vaccini.
    e.g. :
    Graham A et al.
    Efficacy of BCG Vaccine in the Prevention of Tuberculosis Meta-analysis of the Published Literature JAMA 271(9) 1994.

    Qualora ti venisse voglia di controllare anche quest'ultima referenza non ti sfugga la descrizione della selezione degli studi inclusi :
    "A total of 1264 articles or abstracts were reviewed for details on BCG vaccination, concurrent vaccinated and unvaccinated groups, and TB outcome; 70 articles were reviewed in depth for method of vaccine allocation used to create comparable groups, equal surveillance and follow-up for recipient and concurrent control groups, and outcome measures of TB cases and/or deaths. Fourteen prospective trials and 12 case-control studies were included in the analysis."

    RispondiElimina
  76. wewee

    sul thimerosal, ok lo so che wikipedia non è il massimo, ma se c'è qualcosa di sbagliato puoi sempre correggere:

    Thiomersal is very toxic by inhalation, ingestion, and in contact with skin (EC hazard symbol T+), with a danger of cumulative effects. When applied to human nerve cells it changes cell membrane permeability and induces programmed cell death.[8] It is also very toxic to aquatic organisms and may cause long-term adverse effects in aquatic environments (EC hazard symbol N).[9] In the body, it is metabolized or degraded to ethylmercury (C2H5Hg+) and thiosalicylate.[2]
    Few studies of the toxicity of thiomersal in humans have been performed. Animal experiments suggest that thiomersal rapidly dissociates to release ethylmercury after injection; that the disposition patterns of mercury are similar to those after exposure to equivalent doses of ethylmercury chloride; and that the central nervous system and the kidneys are targets, with lack of motor coordination being a common sign. Similar signs and symptoms have been observed in accidental human poisonings. The mechanisms of toxic action are unknown.

    Ora qui si dice che il thimerosal è estremamente tossico e puo' portare ad avvelenamento e morte cellulare. Negli animali colpisce il cervello e i reni e porta a mancanza di coordinamento motorio.
    Si dice anche che sono pochi gli studi di tossicità sugli uomini.

    Eppure l'OMS lo considera sicuro per i vaccini.
    Qualcosa non mi torna.

    RispondiElimina
  77. "Non esiste uno studio sistematico che consideri la totalita' dei vaccini poiche' non avrebbe senso"

    Lo avrebbe farlo per ogni vaccino, separatamente.
    Lo studio con placebo è indispensabile per stabilire l'efficacia di un qualunque rimedio farmacologico, non capisco perchè non debba esserlo per i vaccini. Lo si potrebbe fare tranquillamente sull'influenza. I volontari per i vaccini non mancherebbero, almeno a giudicare dalle persone che scrivono in questo blog, quindi dov'è il problema a farlo?

    "in compenso esistono diversi trials clinici e meta-analisi (do per scontato che tu sappia cos'e' una meta-analisi) per gli specifici vaccini."

    No non so cos'è la meta-analisi ma so che non è uno studio statistico comparato con placebo. Vuoi spiegarmelo tu cos'è?

    RispondiElimina
  78. wewee frutta, grano e quant'altro vengono mangiati da millenni senza conseguenze negativi, anzi solo con effetti positivi sulla salute.
    Non ho ragione di dubitarne.
    Ho ragione di dubitare di una "pseudo-scienza" come la vaccinazione moderna invece, praticata da qualche decina d'anni.
    Perdonami il termine pseudoscienza, non è mio intenzione offendere.

    RispondiElimina
  79. vado a dormire, sarò felice di leggere le vostre risposte domani.
    Notte a tutti..

    RispondiElimina
  80. Complimenti per il sito, provo a postare un documento che dovrebbe chiarire la posizione della FDA rispetto allo squalene http://www.fda.gov/ohrms/dockets/dockets/80n0208/80n-0208-c000037-15-01-vol151.pdf
    Interessante soprattutto la domanda 8... Ho postato lo stesso documento in un altro forum, ma non ho avuto molta fortuna. Gli antivaccino hanno sempre una strana idiosincrasia per le pubblicazioni scientifiche (il documento ne cita parecchie).

    RispondiElimina
  81. @Truther1;
    Se avevo torto marcio in quello che dicevo mi avreste già smentito da un pezzo con le voste fonti inoppugnabili. Questo non è ancora accaduto.
    Diciamo che non e' accaduto che tu abbia riconosciuto di avere sparato a caso su parecchie delle cose che hai tirato in ballo (es. l'esistenza di studi controllati vs placebo e thimerosal) e che colto in fallo (con parole tue: "Citami tu gli studi che dimostrano che i vaccini prevengono qualche cosa") hai cercato la via di fuga con maldestri esercizi di paralogica.

    Tu sarai un biologo, ma io sono ingegnere chimico, sono abituato a ragionare con logica. Se mi dimostri che mi sbaglio logicamente sono sempre pronto a rivedere le mie opinioni sull'utilità delle vaccinazioni.

    Bene, allora tra i tanti articoli che a questo punto dovrai leggere per rivedere le tue opinioni aggiungerei anche:
    1.
    Scherer A., McLean A.
    Mathematical models of vaccination
    British Medical Bulletin 2002;62:187-199

    2.
    Gangarosa EJ et al.
    Impact of anti-vaccine movements on pertussis control: the untold story.
    Lancet. 1998 Jan 31;351(9099):356-61

    Il primo per un'introduzione ai modelli matematici che storicamente hanno preceduto gli studi clinici (fu Bernoulli nel 1760 a pubblicare il primo studio che prevedeva gli effetti dell'immunizzazione)

    Il secondo raccoglie e confronta gli effetti di diverse coperture vaccinali in termini di diffusione di diverse malattie in differenti popolazioni.
    Per quest'ultimo avevo gia' postato altrove e quindi ti riporto con quanto detto allora:

    "[..]la ridotta copertura vaccinale mediata
    dai movimenti anti-vaccinali sia correlata ad una maggiore diffusione delle malattie (pertosse nello specifico caso)

    Poiche' una figura e' piu' eloquente di molte parole ho estratto dall'articolo in due grafici che mostrano le serie storiche
    nelle nazioni in cui la coperatura vaccinale e' stata :

    [A] completa o quasi indipendentemente dai movimenti suddetti
    http://i38.tinypic.com/10zv955.jpg

    [B] incompleta a causa dell'attivita' dei movimenti anti-vaccinali
    http://i38.tinypic.com/ang9dc.jpg

    un terzo grafico, forse il piu' significativo, che mette a confronto le
    serie storiche di paesi limitrofi dove le coperture vaccinali sono state nulle o ridotte vs complete o quasi:

    [C] http://i36.tinypic.com/jg38fs.jpg

    Credo sia evidente come un'insufficiente copertura vaccinale sia sempre stata storicamente correlata ad una maggiore incidenza della malattia in esame."

    RispondiElimina
  82. @Truther1
    Qui puoi documentarti in modo adeguato:

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/

    RispondiElimina
  83. se c'è qualcosa di sbagliato puoi sempre correggere:

    Wikipedia non è un riferimento attendibile, lo sai. Intanto leggi pure la parte finale del paragrafo che hai riportato:

    "Since then, it has been found that ethylmercury is cleared from the body and the brain significantly faster than methylmercury, so the late-1990s risk assessments turned out to be overly conservative.[10] A 2008 study found that the half-life of blood mercury after vaccination averages 3.7 days for newborns and infants, much shorter than the 44 days for methylmercury."

    Se poi fai caso, tutti i riferimenti relativi al Thimerosal come prodotto tossico (basta seguire i links) si riferiscono al MERCURIO che è ben altra cosa e non al Thimerosal che è etilmercurio. Probabilmente quella pagina è stata "vandalizzata" da qualcuno che puntava proprio al terrorismo infondato. Controlla e poi mi dici.
    ;)

    RispondiElimina
  84. @truther1: ok, discutiamo sui fatti. Prima si moriva di vaiolo, ora con la vaccinazione è stato eradicato. Prima la poliomielite era frequente, ora, con la vaccinazione è sporadica. Prima la difterite era una condanna, ora, con la vaccinazione è rara. Potrei andare avanti a scrivere un libro con frasette del genere. Sempre inutili i vaccini? Sempre non sperimentati scientificamente? Sempre fede cieca? Sai almeno come funziona un vaccino? Cerca Jenner su wikipedia, guarda cosa ha fatto e fatti un'idea. Poi torna qui e continua a dirmi che i vaccini sono fede cieca. Parliamo di influenza. Ripeto la mia domanda: credi che la situazione sia banale in Egitto? Abbiamo una influenza veloce e una influenza con mortalità più alta nella stessa zona geografica, come pensi di rallentarle, davvero con la vitamina D? Ad ingegneria chimica magari si studia chimica, chimica organica, forse anche biochimica, ma dubito che ci siano materie come immunologia o virologia, giusto? Bene, visto che invece quelle materie ci sono a biologia, perché non fai uno sforzo e cerchi di capire che può esistere qualcuno che, avendo approfondito, può evitare che tu continui nelle tue erronee convinzioni? Inoltre, qui c'è un medico che, pubblicando il mio articolo, ha implicitamente detto di essere d'accordo con quello che affermo. Ora io sono un biologo, immunologia forse non è la materia più importante nel mio corso di studi, ma lui è un medico, se è d'accordo lui...

    continua...

    RispondiElimina
  85. Questo è ovvio per te che pensi che i vaccini siano delle panacee miracolose, quando non vi è nessuno studio sistematico a dimostrarlo. PEr stabilirlo devono essere fatti studi con placebo, fino a che questa pratica non verrà consolidata quella dei vaccini è pseudoscienza paragonabile alla cieca fede.
    Spiegami come faresti un test con placebo con un vaccino. Prendi 1000 persone e 500 le tratti col vaccino, 500 le tratti col placebo, poi dopo un tot di giorni li prendi e li esponi tutti al patogeno, se quelli col placebo si ammalano di più in maniera significativa rispetto a quelli vaccinati allora si deduce che il vaccino funziona, giusto? Bene, vai a vederti Jenner, come detto sopra, col vaiolo cosa ha fatto.

    Le persone che si ammalano di influenza ogni volta sono spesso proprio quelle che prendono i vaccini.

    Influenza accertata come? Tosse e raffreddore? O prova in laboratorio? Perché nel primo caso potrebbe essere una parainfluenza o un raffreddore, che danno sintomi simili ma che non sono sensibili al vaccino. Il vaccino non evita che ti ammali, evita che tu ti prenda l'influenza, che è diverso.

    Ricordo di aver visto una volta su siti ministeriali ufficiali che per andare in certi paesi africani occorreva vaccinarsi contro la febbre gialla. Ma se poi si andava a leggere le raccomandazioni che davano ai vaccinati erano di proteggersi il piu' possibile dalle punture di zanzare. E allora di nuovo la domanda: "che mi vaccino a fare??". Visto che vaccinarsi non è uno scherzo. Un mio collega vaccinatosi per la febbre gialla è stato a letto con forti malditesta e altri sintomi non piacevoli per una settimana intera. Vale la pena sottoporsi a cio', se poi devi comunque proteggerti dalle zanzare. Mha a me pare fantascienza.
    Le zanzare non portano solo la febbre gialla. Hai presente la malaria?

    No non ti permetto di darmi dell'arrogante, visto che hai appena detto il falso.
    Ecco le mie parole esatte copiate e incollate. Nota anche che il commento non era riferito a te ma era generale.

    -Ma ci sono molte certezze che le sostanze in esso contenute bene non fanno di sicuro. Chimica e Biologia docent (non sono opinabili)-

    Scusami, ma se mi dici che ci sono certezze date dalla biologia e dalla chimica, e con queste certezze tu vai contro a quello che scrivo io che quelle materie le ho studiate e su cui mi baso per ogni cosa che scrivo beh, faccio fatica a non vederci un attacco personale.

    Se vuoi discutere fallo solo sui fatti, rispondi alle domande che ti pongo. Ad esempio perchè nessuno si fila la vitamina D e si punta solo sul vaccino.
    Perché la vitamina D non può aiutare contro il virus. Nessuna vitamina ha proprietà antivirale, l'unica arma che abbiamo è il vaccino, che è preventivo, che potenzia le difese immunitarie

    RispondiElimina
  86. Truther1, qualche chilometro piu' indietro scrivevi: "Per favore non mi si venga a parlare di quantità, perchè le dosi di mercurio che si somministrano nei vaccini sono 15 volte superiori a quelle massime consentite dalla tossicologia ufficiale (non complottista)".

    Max(L) ti chiedeva la sorgente di questa informazione e tu glissavi.

    Credo che la fonte (solidissima) fosse questa qui: lo studio originale (comparso su Pediatrics) che ha generato la raccomandazione di togliere il thiomersal dai vaccini negli USA.

    Leggerlo tutto, sebbene un tantino pesante, e' istruttivo.

    Anzitutto, si scopre che la dose conta e come: gli estensori dello studio si sono dati un daffare porco per calcolare correttamente le dosi ed i livelli di esposizione.

    Poi si scopre che il TOTALE delle vaccinazioni da 0 a 6 mesi POTREBBE far superare i limiti per l'esposizione al metilmercurio indicati dalla FDA (non il vaccino antiinfluenzale considerato da solo, quindi, e non certo per bambini da 2 a 14 anni, che pesano certamente di piu' di una femmina <6 mesi al 50mo percentile)

    La terza cosa che si scopre e' che superano le indicazioni della FDA, ma non quelle del WHO, per esempio.

    Per finire, non posso fare di meglio che riportare per esteso le conclusioni dell'articolo (scusate, ma blogger si mangia le formattazioni: leggetelo dal PDF che ho linkato, per maggiore chiarezza)

    " CONCLUSION
    Our review revealed no evidence of harm caused
    by doses of thimerosal found in vaccines, except for
    local hypersensitivity reactions. At the time of our
    review, vaccines containing thimerosal as a preser-
    vative could expose infants to cumulative mercury at levels that exceed EPA recommendations during the
    first 6 months of life. The clinical significance of this conclusion is not currently known; EPA guidelines contain as much as a 10-fold safety factor and such guidelines are meant to be starting points for the evaluation of mercury exposure. However, reducing exposure to thimerosal from vaccines is merited given the goal of reducing human exposure to mer-cury from all sources, the feasibility of removing thimerosal as a vaccine preservative, and the desire of ensuring public confidence in the safety of vaccines. "

    RispondiElimina
  87. @ mirkred:
    Gli antivaccino hanno sempre una strana idiosincrasia per le pubblicazioni scientifiche

    Benvenuto. Sono pronto a scommettere che se un antivaccinista è in buona fede cambia idea dopo essersi documentato. Spesso è solo questione di pigrizia mentale: mi annoia cercare decine di documenti e mi accontento di quello che "leggo su internet".
    Per questo ritengo la stragrande maggioranza degli antivaccinisti in malafede.

    @ Terenzio:
    Our review revealed no evidence of harm...

    Traduci tu o traduco io?
    ;)

    Tra chi legge non tutti comprendono l'inglese e questo passo mi sembra molto importante da capire...

    RispondiElimina
  88. @ Truther, se non sai come reperire le fonti dalle quali ti documenti allora che parli di medicina a fare? Con la logica? Con la logica ma senza conoscenze adeguate (che guarda caso hanno alcuni medici qui, non certo io), continui a tergiversare sulla marea di inesattezze che hai detto, e quando ti è stato fatto notare l'errore hai cambiato discorso dicendo che era off topic. Sulla malaria te l'ho fatta presente perchè tu hai detto che praticamente che se il vaccino della febbre gialla fosse stato efficace (so benissimo che ha degli effetti collaterali particolarmente fastidiosi) non ci si sarebbe dovuti preoccupare delle zanzare, io ti ho fatto notare che le zanzare veicolano la malaria e tu mi hai detto che è una malattia da niente e che è off-topic. Anzitutto non è una malattia da niente, anche se si guarisce, e in secondo luogo già questo fa capire che la tua logica fa acqua da tutte le parti e che non hai il coraggio di ammettere le castronerie che spari, e poi vai ad ammettere candidamente che non sai come reperire le fonti. Ma allora dove le leggi tutte queste cose che dici? Le senti al bar?

    In ogni caso gli utenti esperti di medicina su questo blog ti hanno dato dei riferimenti che mettono in luce le inesattezze del tuo "ragionamento logico", leggili, e se proprio non riesci ad ammettere di esserti sbagliato fai finta che non ti funzioni la connessione internet. E ricordati che la tua laurea in chimica e il tuo ragionamento logico non ti permettono automaticamente di essere un conoscitore dei processi scientifici in medicina.

    RispondiElimina
  89. Per caso avete letto l'articolo sul vaccino uscito sul numero di Internazionale in edicola? Mi interessava un parere di qualche esperto, a naso mi sembra che sia un articolo tendenzioso e che omette qualche informazione (anche se i dati riportati possono essere reali, non lo so)- il succo è che il vaccino antinfluenzale non abbasserebbe di molto la mortalità. E' soprattutto il tono molto scettico sul modo di muoversi di istituzioni e comunità scientifica che mi sembra un po' allarmante...

    RispondiElimina
  90. Ma che fine hanno fatto Daniele, kiCCO e Truther1? Dissolti come neve al sole. Saranno mica stati internati in un campo di concentramento per chi non vuole vaccinarsi o imbarcati su un aereo che produce scie chimiche?

    RispondiElimina
  91. Vi prego, ditemi che non c'è gente che crede davvero a questa pazzoide

    RispondiElimina
  92. E di nuovo complimenti al TgCom e ai suoi bloggerS...

    http://consumatore.tgcom.it/wpmu/2009/11/11/vaccino-h1n1-avete-letto-il-bugiardino/

    RispondiElimina
  93. E potevano mancare loro????

    http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=23796&sez=HOME_INITALIA&npl=&desc_sez=

    RispondiElimina
  94. Ciao WeWee, bel post!! Esaustivo e costruttivamente divulgativo. Per quel materiale da mandarti su quella faccenda "parapsicologica" di tempo fà non me ne sono dimenticato...ma sono talmente impegnato in un progetto che non sto avendo un attimo di tempo per fare un cernita e preparare del materiale significativo da spedirti. Non appena mi libero un pò mi mobiliterò in merito...tanto tu sei sempre qui no ? E chi ti smolla :)

    Bye.

    RispondiElimina
  95. truther,
    sempre per la storia del placebo, a me è venuto in mente anche il recente Vaccination with ALVAC and AIDSVAX to Prevent HIV-1 Infection in Thailand

    se te ne servono altri
    vaiolo
    epatite B
    Haemophilus influenzae
    pneumococco
    in meno di quindici minuti di ricerca (e gran parte del tempo perso per leggere i singoli testi, più che per trovarli)

    RispondiElimina
  96. chiedo venia, il link per il vaiolo è questo

    RispondiElimina
  97. Truther1

    Quando ti è stato chiesto di offrirti volontariamente per farti iniettare la polio e vaccinarti con un placebo, hai risposto che non ve n'è bisogno perché ci sono altri metodi statistici?

    Mi spieghi quali suggerisci per confrontare placebo e vaccino e fare a meno di volontari?

    Poi io non riesco a capire perché ci si ostini a negare alcune evidenti verità.

    A) la vita media si è allungata notevolmente e l'Italia vanta una delle medie più elevate.
    B) i nostri nonni (io ho 45 anni) morivano di polio e di vaiolo. Io ho ancora conosciuto molti genitori di miei coetanei che avevano contratto la polio e sebbene sopravvissuti erano costretti ad una vita da invalidi.
    Quante persone conosci che hanno contratto la malattia della mia generazione? Credi che sia merito dei placebo?

    Personalmente credo che le case farmaceutiche guadagnino molto di più sull'aspirina, gli anticoncezionali, i collutori,le pillole per il mal di testa che sui vaccini.

    RispondiElimina
  98. Ben detto Orsovolante, ma soprattutto credo che le ditte farmaceutiche guadagnino molto di più vendendo medicine a pazienti vivi piuttosto che a pazienti morti, non credi truther1? Pronto? C'è qualcuno???

    RispondiElimina
  99. Avete letto questa intervista pubblicata su Micromega? Che ne pensate?
    http://temi.repubblica.it/micromega-online/l%E2%80%99influenza-a-tra-bufale-d%E2%80%99oro-e-allarmismo-di-stato/

    RispondiElimina
  100. dell'articolo su micromega penso male, o meglio, per metà penso male, per metà no: anche secondo me l'accordo fatto dal governo è una stupidaggine (e magari c'è sotto qualche ricompensina) ma perchè il vaccino non dovrebbe essere sicuro?

    voglio dire, tutti i vaccini antiifluenzali sono preparati allo stesso modo. Se sono sicuri quelli contro l'influenza stagionale, per quale assurdo motivo questo nn dovrebbe esserlo? Posso capire se qualcuno solleva dubbi sulla sua efficacia (non ho cercato dati su questo, e anche se lo facessi nulla cambierebbe: di vaccino uno ce ne è, bisogna tenerselo), ma che faccia male, ma perchè?
    Non mi sono mai scontrato col partito del "I vaccini antiinflueanzali fanno male", esiste solo quello del "Il vaccino contro la suina fa male".

    Ma perché? perchéééé?

    Se penso che c'è la possibilità che mi becchi l'influenza durante le vacanze di natale già mi viene male. ho già fatto la vaccinazione per l'influenza stagionale e ora farò quella per la "suina" (lavorare in svizzera ha i suoi vantaggi)

    RispondiElimina
  101. Ciao Crespo,

    La tua domanda è saggia, ti consiglio la lettura di questo documento: www.pforster.ch/yvaccin/Influenza.pdf

    Puoi trovare delle buone risposte EBM. Se hai dei dubbi su chi è Tom Jefferson fai qualche ricerca in rete.

    Avvocato del Diavolo

    RispondiElimina
  102. Orsovolante: in risposta ai punti A e B del tuo ultimo post proporrei una domanda:

    Come mai ancora oggi la polio è endemica in paesi ad alta copertura vaccinale?

    Ciao

    Avvocato del Diavolo

    RispondiElimina
  103. Per cortesia qualcuno è in grado di spiegarmi con qualche evidenza scientifica il senso del punto 10 delle faq del ministero della salute sulla nuova influenza? http://tinyurl.com/yl4otjz

    "Cosa può succedere se i vaccini vengono somministrati nello stesso braccio?

    Esiste il rischio che l'organismo non risponda verso uno dei vaccini. Ecco perché sarebbe necessario che il medico vaccinatore, oltre agli altri dati, segnasse sulla scheda vaccinale anche il braccio in cui ha somministrato il vaccino."

    Grazie

    Avvocato del Diavolo

    RispondiElimina
  104. OT
    Una domanda, qualcuno può spiegarmi che diavolo è la naturopatia? Conosco pèersone che stanno per spendere soldi per seguire un corso da naturopata, vorrei sapere se è il caso di bloccarle prima del pagamento (da quel poco che ho capito mi sembra l'ennesima trappola per gonzi, ma vorrei un aprere di gente più esperta).
    Grazie mille

    RispondiElimina
  105. Grezzo si chiedeva:
    Ma che fine hanno fatto Daniele, kiCCO e Truther1? Dissolti come neve al sole. Saranno mica stati internati in un campo di concentramento per chi non vuole vaccinarsi o imbarcati su un aereo che produce scie chimiche?

    Sinceramente mi spiace l'ironia che trasmetti nel tuo post. Non che me ne offenda figurati però è evidente che sono riuscito a comunicare poco o nulla del mio pensiero.

    Se nessuno ha visto la puntata di exit del 11/11/2009 ne consiglio la visione visto che fortunatamente è disponibile anche in streaming. Casomai qualcuno volesse cominciare ad ascoltare qualche fatto ben documentato.

    http://www.la7.it/trasmissioni/video_dettaglio.asp?Trasm=exit&video=32881&prop=adv

    In merito alla mia presunta fuga tale non è. Il problema è che in questo particolare periodo ho poco tempo da dedicare ad internet.

    Noto comunque con dispiacere che il poco tempo che vi dedico qui è ampiamente sprecato. In un altro articolo anche se parzialmente fuori tema vi avevo espresso la mia opinione rispetto ad alcuni componenti del vaccino ma pare il mio intervento non sia stato proprio spunto di riflessione per alcuno.

    Il problema non consiste sul fatto se il thimerosal si scomponga in etilmercurio piuttosto che nell'assai più tossico metilmercurio.

    Il problema nasce dal fatto che mi viene messo un conservante in un vaccino che viene usato subito appena prodotto. Il vaccino non ha bisogno di conservarsi per anni. E' stato già acquistato per l'epidemia corrente e se ne resta in magazzino (allo stato) l'anno prossimo non servirà.

    Il problema non nasce dal fatto se la formaldeide sia o meno tossico-cancerogena ma dal fatto che esiste un'alternativa sicura, efficace e molto più economica per inattivare i virus ovvero semplice luce ultravioletta.

    Lo squalene al massimo può anche starci come potenziale rischio perché la riproduzione del virus va così a rilento che pur usando un'adiuvante la fornitura di vaccino sarà completata approssimativamente a Marzo ad epidemia ampiamente conclusa.

    Aggiungo un particolare in più che potrete apprezzare vedendo il servizio di exit in streming.

    Il contratto fatto dallo stato italiano solleva Novartis da ogni responsabilità dei danni che il vaccino potrebbe procurare.

    Tradotto in italiano per i non capienti Novartis ha la certezza che il vaccino provocherà dei danni e guardacaso questa "manleva" c'è anche negli USA.
    Il caro Wewee infatti ci tranquilizza sul fatto che negli USA lo stato di emergenza non abbia provocato la legge marziale. Quello che non sa invece è che negli USA c'è una legge che prevede che in caso di stato di emergenza sanitaria le industrie farmaceutiche non possono essere chiamate a giudizio contro "eventuali" danni che provochino i loro farmaci. In america d'altronde esistono le class action che possono agevolare le cause contro grandi aziende. Guarda caso Obama ha dichiarato lo stato di emergenza per la presunta "pandemia" di nuova invenzione OMS.

    Anche su questo ci sarebbe da discutere. Come si può pretendere di prendere seriamente l'OMS che cambia arbitrariamente la definizione di pandemia per farvi rientrare l'influenza suina tanto che ora vi rientra ogni tipo di influenza.

    Se non vedete ancora "il marcio in Danimarca" è inutile che sprechi ulteriormente il mio tempo.

    RispondiElimina
  106. il senso del punto 10 delle faq

    Non lo so con certezza ma penso ad una interferenza prima tra la reazione "locale" al vaccino e poi a quella immunitaria. Probabilmente la reazione dei tessuti al primo vaccino potrebbe diminuire o ritardare l'azione del secondo perchè gli anticorpi avrebbero maggiore difficoltà a raggiungere la sede di vaccinazione.
    E' solo una mia ipotesi.

    RispondiElimina
  107. Antonio, è una trappola per gonzi, ma non più di tanto, visto che i gonzi saranno i clienti dei tuoi amici. Daniele, prima di continuare a ripetere sempre le stesse cose che WeeWee ti ha già smentito, rileggi tutti i commenti e poi torna con qualcosa di nuovo, altrimenti, te lo ripeto per l'ennesima volta, porta fonti autorevoli che attestino la tossicità del vaccino e dei componenti contenuti in esso nelle quantità che lo compongono. Altrimenti è solo un bla-bla che non serve a nulla. in ogni caso, WeeWee, se ne avrà voglia di continuare ad ascoltare sempre le stesse cose che dici, è più qualificato per risponderti in quanto medico, oltre che gestore del blog.

    RispondiElimina
  108. Il vaccino non ha bisogno di conservarsi per anni.

    Un "conservante" non ha lo scopo di conservare un vaccino per anni ma di "conservarlo" integro e non renderlo una bomba biologica letale, evento che può succedere anche un attimo dopo che sia stato messo nel flaconcino. Infatti il Thimerosal è contenuto SOLO nei flaconi multidose, quelli più esposti ad eventuali contaminazioni.

    esiste un'alternativa sicura, efficace e molto più economica per inattivare i virus ovvero semplice luce ultravioletta.

    ...che nel momento stesso in cui cessa di agire non svolge più la sua azione "disinfettante". Serve quindi una sostanza "stabile" che resti in soluzione fino al momento della somministrazione. Inocularti una coltura di batteri in un braccio non è una sensazione piacevole.

    Il contratto fatto dallo stato italiano solleva Novartis da ogni responsabilità dei danni che il vaccino potrebbe procurare.

    Mi dai un riferimento attendibile a questa notizia?
    A me risulta che la Novartis risarcirebbe lo stato italiano in caso di danno a terzi, non quello che scrivi tu.
    Grazie.

    Quello che non sa invece è che negli USA c'è una legge che prevede che in caso di stato di emergenza sanitaria le industrie farmaceutiche non possono essere chiamate a giudizio contro "eventuali" danni che provochino i loro farmaci.

    Informati meglio, sei tu che non sai come stanno le cose. La legge alla quale ti riferisci è una legge del 2006 che non ha NULLA a che vedere con questa influenza o con le vaccinazioni ma è nata come legge antiterrorismo. Si chiama Prep Act (cercalo così ti documenti). Se il governo USA è in stato di emergenza, le aziende che hanno contratti o subappalti con lo stato non possono essere citate a giudizio per eventuali danni a terzi, tranne per difetti di fabbricazione. E' una legge vecchia e che solo chi è in malafede la fa apparire collegata agli eventi della pandemia.

    Occhio...che divento cattivo quando si manipola la verità e tu nel tuo messaggio non hai avanzato dei dubbi, hai fatto affermazioni FALSE.

    Come si può pretendere di prendere seriamente l'OMS che cambia arbitrariamente la definizione di pandemia per farvi rientrare l'influenza suina tanto che ora vi rientra ogni tipo di influenza.

    E come si può pretendere che si possa discutere di cose così delicate se non si conosce nemmeno in significato dei termini che si utilizzano?
    Comincia a studiare da qui, che è semplice, poi, quando avrai capito:

    - Che il Prep Act esiste da 4 anni
    - Lo scopo dei conservanti nei vaccini.
    - Che non è vero che la Novartis Italia ha un'immunità per eventuali danni.
    - Il significato di pandemia.

    ...passeremo ai prossimi argomenti, sperando di trovare meno ignoranza. Sono qui per questo d'altronde.
    :)

    RispondiElimina
  109. Daniele: "mi viene messo un conservante in un vaccino che viene usato subito appena prodotto".

    Scusa, Daniele, hai presente le uova?
    Niente conservante: le devi tenere in frigo e comunque, dopo una settimana, le butti.

    Il vaccino e' fatto partendo dalle uova, ma devi poterlo conservare a temperatura ambiente per almeno un paio di mesi. O ci metti un conservante, o non capisco proprio come ci si possa riuscire.

    La domanda giusta non e' "perche' un conservante", ma semmai "perche' il thimerosal e non un altro conservante?"

    Tu ti lamenti che il tuo intervento sia andato a vuoto, ma guarda che avevo risposto esattamente alla stessa obiezione e quasi con le stesse parole: devo lamentarmi anch'io?

    RispondiElimina
  110. Una domanda, qualcuno può spiegarmi che diavolo è la naturopatia?

    E' un termine talmente generico che non vuol dire nulla.
    Non esiste la "naturopatia" è come dire "tuttologia" (o "fuffologia", secondo i casi).

    In genere in questi corsi si spennano dei pollastri desiderosi di apprendere l'arte di "curare con le erbe" con qualche accenno all'omeopatia ed alle altre stupidaggini come l'iridologia o i fiori di Bach.
    Alla fine non hai nè un titolo di studio, nè un'esperienza in qualcosa ma nemmeno un'arma seria per curare le persone (che nemmeno lo puoi fare oltretutto).
    Conclusione?
    Molto meglio andare a bere una bella birra non omeopatica in compagnia...
    :)

    RispondiElimina
  111. (WeWee mi ha preceduto e mi sa anche, leggendo il suo intervento, che ho scritto una cavolata)

    A.D. concordo con uno dei tuoi interventi ma non con gli altri due.

    Per la precisione, mi interessa parecchio la domanda del terzo post (quello sul braccio con due vaccinazioni): letta cosi', mi sembra uno svarione del ministero (ma probabilmente e' solo che sono ignorante io).

    RispondiElimina
  112. Sempre A.D. Circa la domanda che hai posto ad Orsovolante, ti linko l'ultimo bollettino pubblicato dal WHO Global Polio Eradication Initiative
    Potresti gentilmente spiegarmi:
    1) quali dei 4 paesi al mondo in cui la polio e' ancora endemica siano ad "alta copertura vaccinale"?
    2) Cosa significhi esattamente "alta copertura vaccinale"?


    Circa l'articolo (o presentazione) che hai indicato nel primo intervento, secondo me contiene una cavolata galattica. Provo a spiegarmi: nel caso la cavolata la stia scrivendo io, correggimi pure.

    Il grafico dell'ufficio di statistica tedesco in fondo al pezzo, nel contesto della presentazione, sembrerebbe indicare che il vaccino antiinfluenzale no nserve a niente, perche' al crescere della popolazione vaccinata negli anni non si registra ne' una diminuzione nella tendenza dei contagi ne' in quella delle morti.

    Solo che il concetto dietro e' sbagliato per una serie di motivi:
    1) il vaccino antiinfluenzale non si fa con lo scopo di eradicare l'influenza, come si e' fatto con vaiolo o polio. Quindi non ci si va nemmeno vicino, con una normale campagna di vaccinazione, ad una copertura tale da far sentire un effetto SULLA POPOLAZIONE GENERALE.
    Lo scopo e' di ridurre morbilita' e mortalita' nelle sole categorie a rischio, come ci ripetono alla nausea da mesi.
    2) In virtu' del punto precedente, il confronto tra aumento della copertura vaccinale (linea azzurrina) e tendenza del numero di contagi (linea rossa) non ha senso. Bisognerebbe confrontare la linea azzurrina con il numero di contagi TRA I VACCINATI e non tra la popolazione generale.
    3) Idem per la linea blu (tendenza del numero di morti per l'influenza): non sappiamo se e quanti di quei morti fossero stati vaccinati, quindi il confronto non ha senso. Il confronto giusto sarebbe in questo caso tra mortalita' specifica e mortalita' specifica della popolazione vaccinata.

    Sinceramente, mi pare strano che l'ufficio federale di statistica tedesco abbia fatto degli errori di interpretazione dei dati cosi' grossolani, quindi sospetto che quel grafico o sia stato elaborato dall'autore della presentazioen sui dati grezzi forniti dall'istituto (nel qual caso, l'attribuzione della fonte sarebbe impropria o parziale), oppure che il grafico, nel suo contesto orginale, fosse stato fatto per studiare qualche altro fenomeno.

    RispondiElimina
  113. @Daniele:
    Il contratto fatto dallo stato italiano solleva Novartis da ogni responsabilità dei danni che il vaccino potrebbe procurare.

    ...fatto salvo quello che ha gia' detto WeWee in merito..

    Tradotto in italiano per i non capienti Novartis ha la certezza che il vaccino provocherà dei danni

    dunque vediamo un po'...che il vaccino provochera' "danni" e' una conclusione abbastanza banale passata come verita' rivelata perche' qualunque farmaco, cosa, o attivita' umana non e' priva di effetti collaterali.
    Non ti fai il vaccino per paura degli effetti collaterali e alla prima influenza rischi l'ulcera prendendo l'aspirina, decidi di non prendere l'aereo per un viaggio perche' hai paura di volare e ti schianti in automobile con tutta la famiglia, decidi di non andare al lavoro in auto e ti investono sulle strisce pedonali...dunque il punto non e' solo cosa si rischia ma anche quanto si rischia compiendo un'azione e quanto con l'alternativa.

    Comunque sia ad oggi, 12 novembre 2009 (comuicato stampa n.503) secondo il Ministero della Salute sono state vaccinate 149000 persone che, senza entrare nel dettaglio di noiosi calcoli statistici, rappresentano un discreto numero di soggetti per monitorare la comparsa di eventi avversi anche rari. Parlo ovviamente di eventi avversi seri non di rossore o prurito locale.
    Ah..ad oggi, sempre secondo il comunicato stampa di cui sopra, si stima una mortalita' pari allo 0.0028% per un totale di 42 decessi causati dall'influenza. Mortalita' indubbiamente inferiore a quella dell'influenza stagionale ma sicuramente superiore a al rischio di qualunque evento avverso grave da vaccinazione.

    RispondiElimina
  114. Salve wewee, potrebbe darmi una spiegazione sulla mutazione del virus?...cioe' quante sono le effettive possibilita' in natura che la mutazione del virus verso uno piu' aggressivo e pericoloso avvenga?.
    Inoltre qualcuno sa se l'eventuale mutazione sarebbe immunizata dall'attuale vaccino ,o in quel caso si deve ipotizzare una corsa a un vaccino nuovo?.
    In ultimo , esiste in italia e nel mondo un controllo sugli animali (in particolare il suino a questo punto vero transfer del virus),puntuale?

    RispondiElimina
  115. Daniele,

    ne parlo con Alessandro Sortino. Ad ogni modo, stiamo parlando di un programma TV!!!!!!! Cioè, non ascoltate (giustamente) i TG e poi vi affidate ad un programma che "sembra" dica quel che voi avete nella testolina? Vogliamo un po' usare la TV per quello che è e non come se dicesse oro colato? O.o

    RispondiElimina
  116. @ yari.davoglio

    Finalmente un intervento sensato. Una persona che dice che ne parlerà, discuterà e che avrà la possibilità di formarsi una propria opinione usando una base più ampia di dati sulla quale ragionare.

    Per quanto riguarda la tua obiezione sulla TV è un malinteso od una generalizzazione. Normalmente viene consigliato di non ascoltare troppo o solamente i canali di informazione tradizionali (TV ma anche giornali e radio) perché nella maggioranza dei casi presentano una informazione parziale ed omologata.
    Nel caso della trasmissione in oggetto ho rilevato il pregio di trasmettere al grande pubblico informazioni che normalmente non lo raggiungono. Questo non vuole essere una beatificazione di una particolare trasmissione televisiva ma una segnalazione di un singolo lavoro ben fatto che condivido e che ha il grande pregio di bilanciare la parzialità dell'informazione televisiva precedente dove non si erano mai neanche lontanamente nominate quelle informazioni.

    @ Terenzio il troll
    Tu mi dici:
    Scusa, Daniele, hai presente le uova?
    Niente conservante: le devi tenere in frigo e comunque, dopo una settimana, le butti.

    Il vaccino e' fatto partendo dalle uova, ma devi poterlo conservare a temperatura ambiente per almeno un paio di mesi. O ci metti un conservante, o non capisco proprio come ci si possa riuscire.


    A parte il fatto che le uova non devono affatto conservarsi ma sono esattamente il "pasto" per il virus che si moltiplica proprio usando le cellule delle uova ti aveva appena risposto Wewee dicendo nell'intervento prima del tuo che il "conservante" si aggiunge alla fine nel vaccino.

    Poi prosegui
    La domanda giusta non e' "perche' un conservante", ma semmai "perche' il thimerosal e non un altro conservante?"

    Un'altra ottima domanda che davo per scontata. Non l'ho fatta esplicitamente io solo perché non sono a conoscenza se esistano altri tipi di conservanti con caratteristiche differenti.

    Tu ti lamenti che il tuo intervento sia andato a vuoto, ma guarda che avevo risposto esattamente alla stessa obiezione e quasi con le stesse parole: devo lamentarmi anch'io?

    Non l'avevo letta e non comunque a seguito del mio intervento. Se però la tua risposta era questa capisci che te la ha smentita persino Wewee. Poteva farlo anche prima visto che il blog è suo.

    RispondiElimina
  117. @ Max(L)
    Tu dici:
    dunque il punto non e' solo cosa si rischia ma anche quanto si rischia compiendo un'azione e quanto con l'alternativa.

    Comunque sia ad oggi, 12 novembre 2009 (comuicato stampa n.503) secondo il Ministero della Salute sono state vaccinate 149000 persone che, senza entrare nel dettaglio di noiosi calcoli statistici, rappresentano un discreto numero di soggetti per monitorare la comparsa di eventi avversi anche rari. Parlo ovviamente di eventi avversi seri non di rossore o prurito locale.


    Questo è chiaro ed ovviamente sono d'accordo con te solo che in medicina alle volte si parla di farmacovigilanza per indicare un controllo che avviene negli anni per identificare patologie non immediate. Al momento sappiamo per certo solo che il vaccino non presenta mortalità diretta a singola iniezione. Fare una valutazione ora dei possibili danni a lungo termine non è facile.

    Tradotto in italiano per i non capienti Novartis ha la certezza che il vaccino provocherà dei danni

    dunque vediamo un po'...che il vaccino provochera' "danni" e' una conclusione abbastanza banale passata come verita' rivelata perche' qualunque farmaco, cosa, o attivita' umana non e' priva di effetti collaterali.
    Non ti fai il vaccino per paura degli effetti collaterali e alla prima influenza rischi l'ulcera prendendo l'aspirina,


    Fermiamoci all'esempio dell'aspirina. L'aspirina si sa benissimo che può provocare l'ulcera, tipicamente se assunta a stomaco vuoto, tanto che questo problema è evidenziato sul bugiardino. Ogni persona che assume aspirina ne è dunque teoricamente informata e non può fare causa al produttore. Questo mi porta a concludere che l'azienza farmaceutica che la produce sia protetta contro cause legali per ulcera e che dunque non abbia alcuna necessità di ottenere alcuna impunità legale. Mentre nel caso del vaccino della suina è altrettanto evidente che esistono concreti effetti collaterali non menzionati nel bugiardino talmente gravi che le case farmaceutiche non si sentono in grado di poter far fronte a cause civili e dunque chiedono ed ottengono "immunità" su questo.

    RispondiElimina
  118. Finiamo con Wewee.

    Occhio...che divento cattivo quando si manipola la verità e tu nel tuo messaggio non hai avanzato dei dubbi, hai fatto affermazioni FALSE.

    In teoria potrei anche aver fatto affermazioni false. La certezza in ogni caso appartiene solo a precise personalità patologiche. Vediamo dunque di dibattere su queste affermazioni per verificare la falsità o meno delle stesse.

    Risposta 1:
    Un "conservante" non ha lo scopo di conservare un vaccino per anni ma di "conservarlo" integro e non renderlo una bomba biologica letale, evento che può succedere anche un attimo dopo che sia stato messo nel flaconcino. Infatti il Thimerosal è contenuto SOLO nei flaconi multidose, quelli più esposti ad eventuali contaminazioni.

    In pratica mi stai dicendo che i virus in un vaccino non vengono inattivati con la formaldeide (che poi comunque viene separata e ne rimangono solo tracce se pur ampiamente rilevabili).
    In pratica stai affermando che un vaccino è un cocktail altamente infettivo di virus vivi che separati dal thimerosal ritornerebbero ad essere infettivi.
    Questa tua affermazione si commenta da sola.

    Mi dai un riferimento attendibile a questa notizia?
    A me risulta che la Novartis risarcirebbe lo stato italiano in caso di danno a terzi, non quello che scrivi tu.
    Grazie.

    Sul sito dell'adiconsum mi pare c'è il contratto integrale. Se avessi visto la trassmissione televisiva in streaming che ti ho proposto c'era una persona agguerrita col contratto in mano ma l'informazione era presente anche prima in un documento della corte dei conti fatto vedere nella stessa trasmissione e circolante in rete.

    Informati meglio, sei tu che non sai come stanno le cose. La legge alla quale ti riferisci è una legge del 2006 che non ha NULLA a che vedere con questa influenza o con le vaccinazioni ma è nata come legge antiterrorismo. Si chiama Prep Act (cercalo così ti documenti). Se il governo USA è in stato di emergenza, le aziende che hanno contratti o subappalti con lo stato non possono essere citate a giudizio per eventuali danni a terzi, tranne per difetti di fabbricazione. E' una legge vecchia e che solo chi è in malafede la fa apparire collegata agli eventi della pandemia.

    Ed io che cosa ti ho detto? Ti ho detto che quella legge esiste come dici anche tu e che non è applicabile se non durante uno stato di emergenza. Obama come hai scritto un precedente articolo pure tu ha dichiarato lo stato di emergenza dunque la legge del 2006 attualmente copre le case farmaceutiche da eventuali casi. Sui difetti di fabbricazione non vedo alcun problema. Se io dichiaro che nel vaccino metto un composto pericoloso non introduco una molecola estranea come difetto di fabbricazione.


    Parlando della pandemia poi dici:
    E come si può pretendere che si possa discutere di cose così delicate se non si conosce nemmeno in significato dei termini che si utilizzano?
    Comincia a studiare da qui, che è semplice, poi, quando avrai capito:


    Anche qui se tu avessi guardato la trasmissione che ti ho linkato si vedono due "screenshot" del sito dell'OMS a distanza di pochi giorni a cavallo della dichirazione di pandemia.
    Nel primo si legge che per dichiarare pandemia devono essere presenti anche molti decessi e nel secondo questo requisito scompare.
    Nel mezzo di questo cambiamento c'è la dichiarazione dell'influenza suina come pandemia che prima ovviamente non rientrava vista la bassa mortalità.

    A quanto pare fino ad ora di affermazioni FALSE da parte mia zero.

    RispondiElimina
  119. che fine ha fatto il mio commento? Eppure mi sembrava... Boh vabbeh...

    @fede: non conosco esattamente il tasso di mutazione del virus, quello che posso dirti è che muta velocemente e/o lentamente. Velocemente è perché può incrociarsi con altri ceppi (ad esempio influenza stagionale o aviaria), lentamente perché può mutare senza interventi "esterni" di altri virus. C'è però da dire che anche quando muta lentamente, la velocità è rilevabile nell'arco di qualche mese o anno. Il vaccino che c'è ora probabilmente non potrebbe immunizzare contro il virus mutato, perché trattandosi di un virus nuovo, mai visto, non è possibile predirne "forma e struttura", che sono le cose che gli anticorpi riconoscono (gli anticorpi sono prodotti sul "modello" del vaccino). Infine, credo che gli istituti zooprofilattici facciano questo lavoro

    RispondiElimina
  120. @daniele:
    Il problema nasce dal fatto che mi viene messo un conservante in un vaccino che viene usato subito appena prodotto. Il vaccino non ha bisogno di conservarsi per anni. E' stato già acquistato per l'epidemia corrente e se ne resta in magazzino (allo stato) l'anno prossimo non servirà.

    Il conservante serve per conservare il vaccino per i mesi in cui è usato, e la "bomba biologica" a cui si riferisce WeWee difficilmente potrebbe essere quella che dici tu: i virus sono inattivati dalla formaldeide, impossibile che tornino vivi. Molto probabilmente si riferisce a possibili contaminazioni batteriche che molto probabilmente avrebbero luogo senza il conservante.

    Il problema non nasce dal fatto se la formaldeide sia o meno tossico-cancerogena ma dal fatto che esiste un'alternativa sicura, efficace e molto più economica per inattivare i virus ovvero semplice luce ultravioletta.

    Il motivo per cui si usa la formaldeide, oltre quello che ti hanno già detto, è che essa fissa le forme delle molecole, le immobilizza, fa in modo che resistano più a lungo nella loro forma originale. Questo porta all'efficacia del vaccino: il virus rimane nell'aspetto tale e quale, i linfociti lo riconoscono per quello che è e producono contro di lui (e tutti i suoi simili) gli anticorpi giusti. Questo non succederebbe usando gli UV.

    Io poi non so nulla di leggi, e sinceramente non ho capito quello che dici sullo squalene, però per quello che potevo ho risposto.

    @WeWee: dì la verità: stai ritardando gli articoli sui vaccini per far esaurire le cartucce a chiunque passi di qui, vero? :P

    RispondiElimina
  121. sì infatti, la bomba biologica non è il virus, ma altre bestie che ci crescerebbero più che volentieri nel flaconcino :)

    @ Terenzio
    sia sulla mortalità che sull'incidenza vale il discorso che hai fatto tu (servono i dati tra i vaccinati).
    Sull'incidenza poi c'è anche un altro fattore... i vaccinati arrivano a un generico 5 quantità per anno (unità di misura un po' criptica), mentre i malati sono circa 5000 quantità per anno. Anche se il vaccino fosse efficiente al 100%, non puoi vedere alcuna flessione :D

    RispondiElimina
  122. @Daniele:
    in medicina alle volte si parla di farmacovigilanza per indicare un controllo che avviene negli anni per identificare patologie non immediate.
    Assolutamente no: gli studi di farmacovigilanza, altresi' detti studi di post-marketing surveillence, non hanno lo scopo di monitorare la comparsa di patologie che possono manifestarsi anni dopo l'esposizione ad un fattore di rischio, ma quello di stimare la frequenza di patologie rare nella popolazione. Frequenza di comparsa e tempo di comparsa sono cose assai diverse : se per un ipotetico vaccino una tipica reazione immediata quale lo shock anafilattico avesse una probabilita' di comparsa pari ad 1:149000 non avresti bisogno di un numero indefinito di anni per poterlo osservare ma di 149000 soggetti esposti (non e' il calcolo esatto ma spero di aver reso l'idea).

    Al momento sappiamo per certo solo che il vaccino non presenta mortalità diretta a singola iniezione. Fare una valutazione ora dei possibili danni a lungo termine non è facile.
    Non e' facile per nessun trattamento o farmaco, sia esso di sintesi o "naturale", fondamentalmente perche' maggiore e' la distanza tra esposizione e manifestazione della malattia, maggiore e' la probabilita' che intervengano altri fattori di rischio o confondenti. Vuoi un esempio concreto ? Pensa a alla quantita' di mercurio a cui ti espone una vaccinazione e confrontala con la dose cumulata mangiando pesce nel corso degli anni. Dopo 10 anni dall'esposizione al vaccino quale sara' la causa piu verosimile, supponendo un nesso biologico plausibile ?

    questo problema è evidenziato sul bugiardino. Ogni persona che assume aspirina ne è dunque teoricamente informata e non può fare causa al produttore.
    Alt: hai letto il bugiardino del Focetria ?
    http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccines/focetria/focetria_pi.html
    Io vedo la descrizione degli eventi avversi classficati come ormai in uso da molto coumni (1:10) a molto rari (1:10000).

    Mentre nel caso del vaccino della suina è altrettanto evidente che esistono concreti effetti collaterali non menzionati nel bugiardino talmente gravi....
    talmente gravi ma cosi' rari che nessuno li ha ancora osservati almeno in Italia su quei 150000 vaccinati, o talmente gravi e rari che neanche tu sai di che stai parlando ?

    RispondiElimina
  123. Ecco il link al BLA molto più completo del bugiardino pubblicato dall'enea

    http://www.fluscam.com/Vaccine_Package_Inserts_files/Novartis_A-H1N1_2009_Monvalent_VaccinePackageInsert_BasedOn1980Approvalfor%20Fluvirin_UCM182242.pdf

    RispondiElimina
  124. In pratica stai affermando che un vaccino è un cocktail altamente infettivo di virus vivi che separati dal thimerosal ritornerebbero ad essere infettivi.
    Questa tua affermazione si commenta da sola.


    Tu ti commenti da solo. Non girare le carte in tavola: hai detto che in un vaccino non c'è bisogno di conservante perchè non deve essere conservato per lungo tempo ed io ti ho risposto che un conservante è FONDAMENTALE per assicurare la sterilità di qualcosa che ti entra nell'organismo. Tu hai affermato che un conservante nei vaccini non serve, motivami questa tua affermazione con argomenti non con frittate rivoltate.

    Se avessi visto la trassmissione televisiva in streaming che ti ho proposto c'era una persona agguerrita col contratto in mano

    La trasmissione non l'ho vista ed in ogni caso io non mi baso su quello che dice una "trasmissione". Se hai riferimenti ufficiali ne parliamo.

    Ed io che cosa ti ho detto? Ti ho detto che quella legge esiste

    Certo che esiste e non ha NESSUN legame diretto con l'attuale pandemia nè con il vaccino. Inserirla quindi in questa discussione è fuori luogo. Quella legge l'hai letta? Io sì e mi sembra ragionevole per gli scopi che si prefigge. Farla apparire come una norma creata apposta per "vendere impunemente i vaccini" è scorretto.

    Nel primo si legge che per dichiarare pandemia devono essere presenti anche molti decessi e nel secondo questo requisito scompare.

    Quindi è un complotto dell'OMS?
    Però quando si parla di complotto bisogna decidersi perchè un giorno è un complotto per sterminare la popolazione mondiale con un virus mortale creato in laboratorio, un altro lo è per vendere i vaccini perchè il virus è innucuo.
    Tu da che parte stai?

    Sulla definizione di pandemia, io mi baso su quello che leggo: qui le tabelle OMS

    Nel mezzo di questo cambiamento c'è la dichiarazione dell'influenza suina come pandemia che prima ovviamente non rientrava vista la bassa mortalità.

    E quindi?

    A quanto pare fino ad ora di affermazioni FALSE da parte mia zero.

    A te può sembrare quello che vuoi, ma l'unico riferimento alle tue parole è una "trasmissione televisiva". Aspetto se vuoi, non c'è fretta, ma a me servono carte per dire se una cosa è vera o no, non "trasmissioni televisive".

    Ed è anche curioso il fatto che quando la TV dice quello che vogliamo è attendibile ed onesta, quando dice l'opposto è corrotta, falsa e costruita.

    RispondiElimina
  125. Wewee ha scritto
    Tu ti commenti da solo. Non girare le carte in tavola: hai detto che in un vaccino non c'è bisogno di conservante perchè non deve essere conservato per lungo tempo ed io ti ho risposto che un conservante è FONDAMENTALE per assicurare la sterilità di qualcosa che ti entra nell'organismo. Tu hai affermato che un conservante nei vaccini non serve, motivami questa tua affermazione con argomenti non con frittate rivoltate.

    Ovvio che la sterilità e importante ma il fattore contaminate da dove proviene?

    1)Dalla siringa che usa il medico? Sempre la stessa per decine o centinia pazienti?
    2)Dal fatto che le confezioni di vaccino siano aperte ed esposte a contaminazione ambientale invece che sigillate?
    3)Dal fatto che una lurida azienda farmaceutica sia così sporca e zozzona da infettare ogni fialetta vuota con ogni tipo di germi prima di riempirla?
    4)Dal liquido utilizzato come solvente del vaccino che è stato completamente sterilizzato dalla formaldeide che è distruttiva per ogni forma di vita vivente poiché attacca direttamente il DNA?

    Te lo ripeto. Io motivi per un conservante a funzione germicida, antibatterica ect non ne vedo perché nessuno dei punti finora elencati (unici plausibili) mi risulta vero. Se hai informazioni nel merito di come vengano infettati i vaccini post preparazione replica pure che ti ascoltiamo con attenzione.

    Certo che esiste e non ha NESSUN legame diretto con l'attuale pandemia nè con il vaccino. Inserirla quindi in questa discussione è fuori luogo.

    Neghi dunque un tuo stesso articolo dove affermi che Obama ha dichiarato l'emergenza sanitaria rendendo di fatto operativa quella legge. Al peggio non c'è mai fine.

    Per quanto riguarda la situazione italiana questi sono i rilievi che la corte dei conti (nota associazione sovversiva che ha il compito di controllare l'operato economico del governo) ha fatto al contratto italiano:

    http://www.scribd.com/doc/22251193/Vaccino-H1N1-il-contratto-misterioso

    Però quando si parla di complotto bisogna decidersi perchè un giorno è un complotto per sterminare la popolazione mondiale con un virus mortale creato in laboratorio, un altro lo è per vendere i vaccini perchè il virus è innucuo.
    Tu da che parte stai?

    Sto dalla parte di chi dice che questa operazione di paventata vaccinazione di massa è alquanto strana e sospetta.
    Guardacaso entrambi le posizioni che hai nominato sono concordi ed hanno portato prove a sostegno di queste stranezze.
    Qualunque sia lo scopo una cosa è certa.
    "C'è del marcio in Danimarca".

    Per te non c'è nulla di strano?
    Ne prendo atto e smetto di fornirti informazioni che evidentemente ti sono sgradite.
    Pare che tu sia già depositario della VERITA' (tm) per diritto di nascita per cui non ti preoccupare.
    Questo è il mio ultimo intervento/lettura del tuo blog. Non disturberò le tue certezze ulteriormente.

    RispondiElimina
  126. Daniele

    La sterilità assoluta non esiste cosi come non esiste il mondo perfetto.

    Negli anni 70 una delle missioni apollo atterro nei pressi di una precedente missione.
    Recuperò una telecamera lasciata sulla luna oltre un anno prima.
    La telecamera era stata sterilizzata prima di mandarla nello spazio. Inoltre era stata esposta al vuoto assoluto per diversi mesi, al gelo totale e alla radiazione spaziale senza la protezione offerta dall'atmosfera.
    Non saprei ideare nulla di meglio per sterilizzare qualche cosa.

    Malgrado tutto ciò, si scoprì, dopo il suo recupero, che una colonia batterica era rimasta sul suo sensore ed era sopravvissuta.


    Quindi... perché ci si dovrebbe fidare?
    Certo che un vaccino dovrebbe essere sterile. Ma i virus ed i batteri non vanno in giro urlando "sono qui". Una certa quantità la trovi sempre. La possibilità che si moltiplichino esiste. Quindi personalmente preferisco farmi inoculare un vaccino dove si è tenuto conto di questa possibilità, per quanto remota, che uno che potenzialmente potrebbe uccidermi non a causa dei complotti ma per seticemia. (non sono medico spero di avere usato il termine corretto)

    RispondiElimina
  127. Non disturberò le tue certezze ulteriormente.

    Ti ringrazio.
    Saluti.

    RispondiElimina
  128. Alleluja Daniele, non sentiremo la tua mancanza. Uno che per avvalorare le sue teorie si basa su manipolazioni della realtà, non può che essere un bugiardo. E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  129. @Daniele:
    Ovvio che la sterilità e importante ma il fattore contaminate da dove proviene?

    toh guarda...mi ponevo giorni fa il medesimo interrogativo a proposito di certi conservanti per alimenti ad azione antibatterica...

    Te lo ripeto. Io motivi per un conservante a funzione germicida, antibatterica ect non ne vedo
    immagino tu non ne veda dunque anche per i suddetti conservanti alimentari.
    Non sara' che sei un po' fissato ? Uno di quelli che al supermercato si infila diligentemente i guanti usa e getta prima di toccare le patate perche' non si sa mai e poi stringe la mano all'amico casualmente ritrovato al bagno in autostrada ?

    RispondiElimina
  130. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  131. Salve ,
    quello che stupisce un lettore comune è, la totale mancanza di prove da parte degli antivaccino,neanche un documento serio a favore delle loro tesi.

    Emerge il totale accanimento contro chi è preparato , polemica spicciola .

    Per me, pronto ad ascoltare le prove della dissidenza ,solo profonda delusione nel vedere il trionfo dell'ignoranza ,spacciata con arroganza .

    RispondiElimina
  132. La versione monodose del vaccino contiene mercurio solo in tracce,praticamente 0

    invece la confezione multidose ne contiene 25mcg a dose.

    RispondiElimina
  133. Per me, pronto ad ascoltare le prove della dissidenza ,solo profonda delusione

    E' la stessa cosa che provo io quando mi inviano delle presunte prove inconfutabili di un evento medico straordinario che poi si rivela un bluff. Deludente.

    @ Buono:

    La versione monodose del vaccino contiene mercurio solo in tracce

    L'effetto "conservante" infatti è richiesto nei flaconi multidose, quelli monodose sono sterili.

    RispondiElimina
  134. Vi linko anche uno studio sulla accertata presenza di anticorpi per lo squalene nella sindrome del golfo
    http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_udi=B6WFB-45F4JKG-1X&_user=10&_rdoc=1&_fmt=&_orig=search&_sort=d&_docanchor=&view=c&_acct=C000050221&_version=1&_urlVersion=0&_userid=10&md5=af819311d3e5c842e347f25e64da6882

    e un documento ufficiale FDA su quanto sia devastante sempre lo squalene
    http://www.fda.gov/ohrms/dockets/dockets/80n0208/80n-0208-c000037-15-01-vol151.pdf

    magari prima di bollare alcune cose come bufale (che pure esistono) documentiamoci eh......

    RispondiElimina
  135. Buono,

    cito dal pdf:

    Humans cannot live without squalene, because we use squalene as an
    essential building block to make hormones and other substances in our bodies.


    Based on other research, it is clear that whether squalene causes harm or not is related to selected conditions
    of concentration, dose, route of application, and other factors.


    Based on manufacturing records, FDA
    can verify that no squalene was added to any vaccine fonnulation used during the Gulf War.


    This squalene had to be in the form of an
    emulsion (a mixture of tiny droplets) to be recognized by the Immune system. Squalene in its oily state is
    naturally present inside the human body.
    Tens of millions of doses of this European influenza vaccine have been administered safely since 1997.


    In its investiiations of illnesses among Gulf War veterans, the Senate Special Investigations Unit (SIU) found no
    credible information indicating that vaccines used during the Gulf War contained squalene. [...] The FDA verified that none of the vaccines used during the Gulf War contained
    squalene as an adjuvant.


    Eccetera, eccetera, eccetera.

    Ora, o io non so l'inglese a sufficienza, o non lo sai tu, o non capisco la tua obiezione.

    RispondiElimina
  136. (Se ci sono errori nelle citazioni in inglese sono dovuti al mio copia/incolla dal pdf.)

    RispondiElimina
  137. magari prima di bollare alcune cose come bufale (che pure esistono) documentiamoci eh......

    Esatto. E mai fermarsi alla prima impressione o si rischia di diventare paranoici. Se un argomento interessa si approfondisce e si scopre per esempio che...:

    1) Presenza di anticorpi antisqualene in militare con Sindrome della guerra del golfo:

    I vaccini somministrati a quei soldati NON contenevano squalene. E' quindi evidente che non può essere stata questa sostanza a causare la malattia. Ma allora, che ci facevano quegli anticorpi trovati nei soldati?
    Non fu facile capirlo, ma viste le concentrazioni fu ipotizzata la contaminazione dei farmaci con lo squalene presente nelle provette usate per preparare i farmaci, provenienti dal sudore e dal grasso di chi quelle provette le aveva manipolate. In ogni caso (e copio dal secondo documento che hai linkato):

    The trace level of squalene found by the FDA and SRI In diphtheria, tetanus, and anthrax vaccines is well
    below the concentration naturally present in human blood (250 parts per billion). Injecting trace amounts of
    squalene are unlikely to have any biological effect


    Cioè quelle concentrazioni di squalene (bassissime) non potevano avere nessun effetto biologico (di nessun tipo).

    2) La FDA parla di effetto devastante dello squalene? Per esempio dove? A me sembra dica altro:

    The relevance of findings in susceptible animal species to humans is unclear (IONSox, 1999; Kuroda et al,
    2004).
    Based on other research, it is clear that whether squaiene causes harm or not is related to selected conditions
    of concentration, dose, route of application, and other factors


    Cioè che l'eventuale effetto (mai evidenziato sull'uomo) dello squalene dipende da svariati fattori: concentrazione, dose, via di somministrazione ed altro.

    In ogni caso:

    Tens of millions of doses of this European influenza vaccine have been
    administered safely since 1997.


    Se poi leggi bene tutto il documento troverai tanti altri elementi che sono con evidenza molto tranquillizzanti, altro che devastanti.
    Più chiaro ora?
    ;)

    RispondiElimina
  138. @Buono

    Il documento in pdf dice che lo squalene nn fa male. C'è da notare che è una fotocopia di un qualcosa datato 1999.

    l'articolo invece mi pare alquanto inconsistente.
    Io faccio il ricercatore di professione, una cosa che assolutamente nn riesco a capire è come possa essere legato lo squalene Chronic fatigue syndrome (CFS) (di cui fa parte la cosidetta sindrome del golfo).
    Ovvero, dato che ogni anno centinaia di migliaia di persone fanno un vaccino contene squalene, e non accusano i sintomi di questa sindrome, come si fa ad associare la CFS ai vaccini?

    Se poi uno pensa a che cosa è lo squalene, e bisogna aver fatto fin un liceo per capirlo propriamente (o aver seguito assiduamente Quark), trova questa fobia veramente assurda.

    Non vorrei allungare troppo il post, ma faccio notare che la rilevanza scientifica dei lavori che riguardano la sindrome del golfo è ridicola (La rilevanza di un lavoro scientifico può essere calcolata precisamente e, ogni anno, apposite banche date vengono aggiornate con il "valore delle singole riviste". Succede cioè che più un lavoro viene ritenuto importante, più viene citato da altri, e si può quindi costruire un indice dell'importanza di ogni singolo giornale e fin di ogni singolo articolo, si chiama Impact Factor).
    Inoltre, tra queste pubblicazioni, le più autorevoli mostrano seri dubbi riguardo al collegamento con lo squalene o con i vaccini.

    ecco un po' di link:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17364497?itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum&ordinalpos=6

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17707114?itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum&ordinalpos=4
    (magari si spiega tutto con un po' di psicologia?

    E soprattutto
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19379786?itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum&ordinalpos=14

    che è
    1)più recente (2009 vs 2000)
    2)appare su una rivista più quotata (Impact factor 3,3 vs 1)
    3)dimostra ampiamente il contrario dell'articolo da te citato

    RispondiElimina
  139. Grazie a tutti,avrò un pò da leggere ora

    RispondiElimina
  140. Ho preso la suina....
    Non sto scherzando, non ho fatto test di accertamento, ma alla fine visto il decorso della malattia pare sia proprio quella.
    Tre giorni con febbre fra 38-39° curati a tachipirina e te. Praticamente non starnutivo, tossivo pochissimo, niente raffreddore, polmoni pieni di liquido, male agli occhi se provavo a muoverli.
    Dopo questi tre giorni la temperatura mi è scesa, il mio medico di condotta ancora si rifiuta di prescrivermi qualsiasi antibiotico, dicendomi "tanto passa da sola".
    Oggi la temperatura sembra stabile sotto 37°C, il tutto in 7 giorni.
    Altre persone contagiate: 2, entrambe con il medesimo decorso. Solo che una ha avuto complicazioni respiratorie ed ha avuto la malattia per 20 giorni, l'altro dopo due giorni con febbre a 40°C è uscito tranquillamente di casa per andar a lavoro (deve aver avuto ancora 37-38°).

    Ho cercato in google altri blogger che raccontassero l'esperienza di aver preso la suina...ed ho trovato solo video di complottisti sul vaccino (-,-)

    RispondiElimina
  141. Ho bisogno di un chiarimento... in sostanza su questo blog si approva la campagna di vaccinazione su larga scala contro l'influenza suina, il che a prima vista è cosa buona e giusta, però c'è una considerazione da fare: l'epidemia è esplosa con molto anticipo rispetto all'inizio delle vaccinazioni, infatti adesso abbiamo già passato il picco dei contagi, e perdipiù il vaccino inizia a fare effetto dopo una ventina di giorni. Quindi perché insistere nelle vaccinazioni se ormai è come chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati? Come risposta a questo ho solo sentito il parere di Fezio che ha specificato che la campagna servirà ad evitare una seconda ondata dell'influenza. Ondata che però non è imminente e quindi sarebbe meglio combattere con calma, magari in futuro quando si avrà a disposizione più informazioni per produrre un vaccino più efficace e senza adiuvanti. O no?

    RispondiElimina
  142. Quindi perché insistere nelle vaccinazioni se ormai è come chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati?

    Perchè non possiamo essere sicuri che "i buoi siano già scappati".

    In poche parole non è ancora stata osservata una diminuzione dei casi di contagio e quindi non possiamo essere certi che la pandemia sia conclusa.
    Io la vedo così.

    In caso poi di una seconda ondata (sempre possibile, anzi probabile), ridurre al minimo le persone suscettibili al virus diminuirebbe definitivamente non solo il numero dei contagiati ma anche la possibilità (che è il vero spauracchio) di mutazione.

    Restiamo ben al di sotto della mortalità per altre influenze ed allo stato attuale non c'è motivo di vaccinare chiunque ma solo di informare in modo che si sappia che esiste la possibilità per chi è a rischio, di proteggersi dalla malattia.

    Credo che da parte italiana tutta la vicenda sia stata condotta (per una volta il nostro governo ha usato il buon senso) in maniera degna.
    Dal punto di vista "terroristico-complottista" basti ricordare a quello che si diceva solo pochi giorni fa, quando le pagine web erano piene di espressioni come "campi di concentramento-vaccinazioni obbligatorie-virus mortale-vaccino mortale".

    Di tutto questo non si è verificato nulla (e meno male) ma i complottisti continuano a battere i piedi...

    RispondiElimina
  143. Il vaccino pandemico sarebbe un complotto per far guadagnare le case farmaceutiche ? non credo...se tutti si vaccinassero e la pandemia si arrestasse di colpo perderebbero fior di quattrini non vendendo più a peso d'oro: alcool in gel (tipo Amuchina), mascherine, paracetamolo, antivirali, sciroppi per la tosse... devo continuare ? ;-)

    RispondiElimina
  144. @SteveR esiste tuttavia il rovescio della medaglia.
    L'impatto mediatico di molti GF-giornali + topogigio spinge molti a diventare ipocondriaci ed a procurarsi tamiflu, sciroppi, mascherine, consumare dosi di tachipirina, amuchina per lavarsi le mani da usare nei bagni pubblici al posto del sapone presente, ecc...
    Un bilancio societario si può valutare in modo più completo con l'andamento in borsa e con gli attivi societari pubblicati a fine anno.

    Quanto al terzo mondo, non so cosa interessi ad una persona che muore di fame dei vaccini per la suina ad un decimo del prezzo pagato dalle nazioni "ricche", quando il colera o altra malattia miete più vittime.

    RispondiElimina
  145. wewee scusa ma dove hanno sbagliato in questo articolo che mi sembra di fonte seria dove asseriscono che la suina è ben più pericolosa della normale influenza?
    http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1307

    RispondiElimina
  146. @robinet: guarda, non ho tempo di guardare tutte le statistiche, ma ho trovato ad esempio quelle del 2007/2008 sul sito del CDC
    http://www.cdc.gov/flu/weekly/weeklyarchives2007-2008/07-08summary.htm

    Più o meno la mortalità la contano come per la Suina, quindi il confronto si può fare (quindi va nelle statistiche anche se è una complicanza)

    Nell'articolo dicono che la stagionale ha una mortalità dell'1 per mille, ma a giudicare da quel che dice il CDC, almeno per quella stagione è un pochino più alta...

    RispondiElimina
  147. @SalvodigraZia non potrebbe rispondere a Stefano Montanari nel suo Blog ufficiale? Afferma diverse cose false (credo), come le nanoparticelle

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!