giovedì 4 giugno 2009

Simoncini: astrocitoma guarito dal bicarbonato? FALSO

Eccoci ad un altro dei casi presentati da Tullio Simoncini come risolti dalla sua "cura" al bicarbonato.
In breve, per chi non lo sapesse, Simoncini è un ex medico (ormai radiato dall'albo professionale) che sostiene che tutti i cancri siano causati da un fungo (la candida) e che la cura si effettua con del bicarbonato di sodio, in flebo o localmente, in alternativa si può usare la tintura di iodio.

Si è già visto che le sue teorie non hanno nessun fondamento scientifico ma se non bastasse, l'analisi dei casi presentati da lui stesso come dimostrazioni di efficacia hanno evidenziato manipolazioni dei dati, omissioni, mancanza di documentazione, approssimazioni molto pesanti. Un fallimento su tutti i fronti, dunque. Se la mancanza di scientificità lascia sempre aperta la piccola finestra dell'"imponderabile", la mancanza di efficacia, questa finestra la chiude per sempre e considerando che questa persona dichiara di guarire il 90% dei tumori e si fa pagare per le sue pseudocure, spero che questa finestra gli si chiuda in faccia.

E' la regola, nelle "prove" di efficacia dei guaritori. Quando millantano guarigioni incredibili e dichiarano di averne le prove queste prove sono insufficienti ed incomplete o sono manipolate. In pratica non provano nulla.

Esistono ad esempio i casi nei quali il tumore non c'era (e lo stesso paziente invece ne era convinto), esistono i casi che erano guariti grazie alla medicina, agli interventi chirurgici ma su questi viene distolta l'attenzione per concentrarla sul trattamento alternativo ed attribuirne a lui l'effetto, altri casi, attirano l'attenzione di chi legge (o ascolta, nel caso dei video) la testimonianza, su un particolare per indurlo a pensare che sia stato il guaritore a far sparire la malattia e non altre pratiche tradizionali che avevano già guarito la persona.
Una delle mie analisi che ha colpito maggiormente i lettori, è stata quella relativa ad una presunta guarigione da un tumore vescicale (il "famoso" caso di Lorna). Il video descriveva una donna che in un'intervista dichiarava di essere guarita da un tumore vescicale eseguendo dei lavaggi con acqua e bicarbonato. Nelle immagini in effetti si evidenziava la diagnosi iniziale (quella appunto di carcinoma vescicale) e quella finale (l'assenza di carcinoma). Ad un'analisi attenta però (bastava leggere bene TUTTO il referto e non solo la parte evidenziata nel video), fu mostrato che il documento che dichiarava la guarigione, in realtà descriveva un intervento chirurgico come responsabile dell'assenza della malattia, l'intervento miracoloso del bicarbonato era stato successivo e non aveva nessun legame con l'avvenuta guarigione.

Non è un caso isolato. Lo stesso fenomeno lo notiamo anche in altre testimonianze di Simoncini e di altri guaritori. Il tumore non c'era, se c'era era stato guarito da altre terapie (ufficiali) o non era stato guarito per niente ma veniva mostrato come tale.

Sembra semplice da notare, come "giochino", ma non lo è sempre. I video sono fatti apposta per portare chi li guarda a capire una cosa per l'altra, il montaggio stesso (vedi evidenziazioni, carrellate veloci sui documenti, primi piani su particolari poco importanti ma "impressionanti") è fatto in modo da portare ad un ragionamento che non corrisponde alla realtà.

La persona ha un tumore (viene mostrato il referto, evidenziando il tipo di tumore), effettua la cura con il bicarbonato e guarisce (viene mostrato UN referto che parla di guarigione).

Semplice e lineare come decorso clinico. Solo che non è quello reale.

Non dimentichiamo che Simoncini è laureato in medicina, non può quindi non sapere che un referto si legge in tutta la sua interezza, non può non capire che se hai fatto un intervento chirurgico devi dirlo, perchè quindi queste omissioni?
Se di un referto mostriamo solo quello che ci interessa, è chiaro che stiamo manipolando i fatti, ci sono altre spiegazioni? L'alternativa è che l'ex medico romano non sappia nulla di medicina e non sappia leggere un referto tac o una ecografia.

E' chiaro che i guaritori si cullano sull'ignoranza, sull'incapacità di chi guarda (in genere) di capire bene il decorso di una malattia, di interpretare un referto, i termini medici, di conoscere l'argomento a fondo, ma un medico, un addetto ai lavori, che referti ne legge decine al giorno, interpretandoli per curare la gente, non è facile da abbindolare. Così, non serve chissà quale indagine, chissà che capacità, serve solo LEGGERE quello che è scritto nei documenti.

Per questo la prima richiesta che si avanza ad un guaritore è quella relativa "alle carte" ai documenti. In genere il "trucco" è proprio lì.

Quando poi viene "smascherata" la manipolazione del caso, le scuse per giustificare queste manovre sono le più banali, come quella tipica del "guaritore pasticcione". Lui non si era accorto di quel particolare, non si era reso conto, non aveva sentito bene, è un piccolo errore.
;)

Uno dei casi descritti come "testimonianze di cura" in video presenti nel sito di Simoncini, ha il titolo di "Recidiva di astrocitoma di 3° grado curato con flebo di bicarbonato di sodio".
Il video è qui.


L'Astrocitoma è un tumore cerebrale (in alcuni casi del midollo spinale) che colpisce gli astrociti, delle cellule che formano un reticolo attorno ai neuroni, inizialmente benigno. Ha però la possibilità di diventare maligno. Ne esistono 4 gradi, i primi due sono tendenzialmente benigni, il 3° ed il 4° sono considerati maligni.

La terapia è principalmente chirurgica e mira alla rimozione totale (se possibile) della lesione. Cicli di radio o chemioterapia possono servire a migliorare la prognosi o, nei casi più maligni e diffusi, la sopravvivenza. Vista la zona che colpisce, l'intervento è molto delicato e può comportare effetti collaterali da lievi a molto gravi, dipende anche dall'estensione e dalla sede del tumore.

Nel caso in questione, la donna intervistata, in base a quanto detto, è stata colpita da astrocitoma, ha affrontato un intervento chirurgico, poi cicli di chemioterapia ed un secondo intervento chirurgico che le ha causato anche alcune sequele.

Come si vede dal video dunque, la signora ha seguito tutto l'iter previsto dalla medicina. Potremmo fermarci qui, visto che la signora è viva e vegeta, buon per lei, in ogni caso, operata, non è certo guarita per il bicarbonato.

Eppure, questo caso viene presentato come "risolto" dal bicarbonato di sodio.
Questo video è presentato da Simoncini anche nei "congressi" che frequenta, come prova di efficacia della sua teoria.
Nel video, dopo un'intervista iniziale, si parla di cicli di bicarbonato via flebo che avrebbero causato una RIDUZIONE del tumore. Successivi cicli di bicarbonato, avrebbero portato ad una ULTERIORE RIDUZIONE DEL TUMORE, vengono mostrati anche i referti ed ecco le immagini del video che mostrano (ed evidenziano) le frasi nei referti con i sottotitoli, la prima che parla di LIEVE RIDUZIONE:




...e la seconda che parla di ulteriore riduzione della massa tumorale ed è detto chiaramente che furono le flebo di bicarbonato a ridurre ulteriormente la massa, come è scritto qui:




La donna ha già effettuato l'asportazione chirurgica del tumore e poi la chemioterapia...quindi già così la "testimonianza" non avrebbe molto significato, ma chi ha fatto quel documentario spinge l'attenzione di chi guarda sui cicli di bicarbonato...e poi sulla LIEVE riduzione del tumore e sull'ULTERIORE RIDUZIONE DELLA MASSA TUMORALE...non ci sono mezzi termini, diagnosi, bicarbonato, ulteriore riduzione. Scioccante.

Ma si è ridotta davvero questa massa tumorale?

NO.
Come no? E' scritto chiaramente nel video!
Ecco, è questo quello che si vuole far credere, che il bicarbonato abbia ridotto (per due controlli consecutivi!) la massa tumorale.

Al solito, il guaritore pasticcione, non si è accorto che nel referto (è una risonanza magnetica) visibile nel video, NON SI PARLA DI RIDUZIONE DELLA MASSA TUMORALE ma di riduzione di volume del focolaio di alterazione della barriera ematoencefalica.


Nel referto si parla di riduzione di un segno "radiologico" non di riduzione del tumore

Leggiamo bene. Sottolineato in rosso, l'intera frase del referto, sottolineato in blu la frase che descrive come INVARIATA la nodularità presente a sinistra dell'ipotalamo.
Per ingrandire il fermo immagine del video con il testo del referto, cliccare qui.
In quel referto non esiste nessuna massa tumorale ridotta è scritto invece:

Una ulteriore riduzione di volume del focolaio di alterazione della barriera ematoencefalica [...] Sostanzialmente invariata la piccola nodulazione già nota nel versante...

In altre parole, non c'è nessun tumore descritto. La riduzione è riferita all'immagine (causata dal mezzo di contrasto, nel caso della risonanza magnetica si usa una sostanza, il Gadolinio) che non ha nulla a che vedere con una massa tumorale.
La barriera ematoencefalica è uno strato di cellule che separa le strutture cerebrali dal sangue, non è un organo, è un'"entità" formata dalla parete dei capillari sanguigni e dai "piedi" degli astrociti. E' chiamata "barriera" proprio perchè separa le cellule nervose dal sangue e "seleziona" le molecole che possono passare dal sangue al sistema nervoso, accettandole o respingendole secondo le loro dimensioni. Alcune sostanze (anche alcuni farmaci) infatti riescono ad oltrepassarla, altre no.
Un FOCOLAIO DI LESIONE DELLA BARRIERA EMATOENCEFALICA alla risonanza, non è una massa tumorale ma è segno, ad esempio, di infiammazione o di sofferenza delle cellule della barriera. Succede nella sclerosi multipla ad esempio. Anche l'intervento chirurgico può aver causato quell'immagine, avendo asportato un tumore proprio a livello cerebrale. NON ESISTONO MASSE della barriera ematoencefalica.
La barriera ematoencefalica è uno strato di cellule quindi, non forma masse come detto e nel referto oltretutto è scritto chiaro, non c'è una massa, il "focolaio" è il risultato del passaggio del mezzo di contrasto che in questo caso è minore rispetto al controllo precedente, è quindi un'immagine causata dall'impregnazione della sostanza di contrasto, una radiografia ad esempio, non mostrerebbe nulla, in questo caso.
In quella risonanza leggendo tutto il referto, in realtà era stata mostrata la presenza di un'altra lesione (che invece non viene sottolineata)...è definita come nodulazione, potrebbe essere il residuo del tumore o l'esito cicatriziale dell'intervento chirurgico, non possiamo saperlo, ma qualsiasi cosa sia, quella c'è ancora, INVARIATA.
Un'altra finta "prova" di Simoncini.
Da considerare che in tutto il mondo, Simoncini continua a curare persone malate e promettere guarigioni. Una sorta di mina vagante.
Anche in questo caso quindi devo concludere questa analisi in maniera negativa.
ASTROCITOMA GUARITO DAL BICARBONATO DI SODIO: FALSO.


Considerato che lui dichiara di guarire il 90% di chi si rivolge a lui, evidentemente io sono stato particolarmente sfigato, di tutti i casi che ho analizzato, non ne ha guarito nemmeno uno. Oppure non sono io ad essere sfigato, ma lui a non dire le cose come stanno in realtà...
Alla prossima.

Ultimo aggiornamento 24/11/11

30 commenti:

  1. Il prologo è IMHO eccessivamente lungo (il c.d. "riassunto delle puntate precedenti"), ma la parte investigativa è notevole e la spiegazione è comprensibile a tutti. Complimenti.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Secondo me fa bene a fare un piccolo rissuntino, serve per chi si affaccia per la prima volta nel blog.
    :)

    p.s. Ma come si va a ricevere la notifica di ogni commento postato senza dover per forza cliccare su "Pubblica commento" ?? boh!

    RispondiElimina
  4. @lorenzodes:

    so che il prologo è lungo, ma non tutti conoscono Simoncini. In altri articoli dove andavo subito all'"indagine" molti mi chiedevano di spiegare chi fosse...

    @Roberts: non ho capito...
    :)

    RispondiElimina
  5. ih ih...intendevo:
    E' possibile ricevere l'avviso per email di ogni commento aggiunto, senza doverne per forza postare uno io (di commento) ?
    Credo di no cmq...

    RispondiElimina
  6. Ah, ora si....la risposta è no.
    ;)

    RispondiElimina
  7. L'alterazione della BEE, barriera emato-encefalica, è SICURAMENTE un esito dei DUE interventi chirurgici e della radioterapia (anche se in realtà questa induce perlopiù un'alterazione microscopica della "permeabilità" della BEE sfruttata anche per facilitare la penetrazione dei farmaci chemioterapici che altrimenti ne verrebbero "respinti").

    RispondiElimina
  8. Ti rendi conto genesis? Io resto ancora stupito da come questa persona manipola la realtà...

    Ogni volta è una sorpresa...

    Racconta la storia, nel video evidezia quello che gli interessa e poi se vai a vedere bene...
    Incredibile...

    Nel video è scritto chiaramente che si è ridotta la MASSA tumorale...pazzesco che imbroglio...

    RispondiElimina
  9. Pazzesco signori. Qui sotto (link) potete avere un esempio di come l'ignoranza possa ottenebrare le menti di coloro che sostengono Simoncini e le solite ingenue terapie complottiste anti-chemioterapia. Quello che è più incredibile è come questi individui NON vogliano ragionare, neppure se poste di fronte a quella che dovrebbe essere un'evidenza.
    http://www.j3njy.it/2008/09/17/tullio-simoncini-cancro-e-cura-alternativa-truffa-o-verita/

    Leggete i commenti...e buon divertimento. C'è pure un riferimento poco lusinghiero a questo blog:-(

    -Giuliano-

    PS. Complimenti a WeWee per l'ottimo blog. Ce ne fossero di più in giro...

    RispondiElimina
  10. Solito eccellente articolo di WeWee, ma ormai si sa no??... :-))))

    Spettacolare il blog linkato da
    Lighter... uno spasso... della serie "se un son scemi un si vogliono"... come al solito manco una, dico una risposta o una dimostrazione o un caso di guarigione conosciuto e riconosciuto... solo parole al vento... discredito per chi ha studiato ed è competente (molto di questo è pura invidia), accuse di collusioni, complotti, manipolazioni... soliti slogan triti e ritriti ai quali non crederebbe nemmeno un bambino dell'asilo.

    Gente che, a causa delle loro affermazioni, è colpevole almeno moralmente quanto i ciarlatani che lucrano ed illudono le persone disperate.
    Vergognatevi, e studiate.

    RispondiElimina
  11. Che risposte pretendi dal moderatore del forum di Simoncini?
    ;)

    RispondiElimina
  12. Che dire? Complimenti a WeWee per l'ennesima volta. Io sto parlando di questo blog con tutte le persone che conosco.

    RispondiElimina
  13. @WeWee
    "Ogni volta è una sorpresa..."

    Bhè, ma mica tanto... ;)

    @ByoDoctor
    "se un son scemi un si vogliono"

    E' chiaro che è tutto "un giro" di collaboratori opportunamente collegati tra loro. Da arpc, a med nat,a luogocomune... tutto un minestrone unico con sempre le stesse persone, e con le stesse NON risposte...

    Che schifezza!

    RispondiElimina
  14. Caro Wewee, non mi stupisco più ... di gente come Simoncini, di gente come i pazienti di Simoncini, di gente come i parenti dei pazienti di Simoncini ...

    Adesso, pensiamoci un attimo: ma credete che curare la gente cioé fare il medico, usare dei farmaci, praticare un intervento chirurgico, prescrivere ed interpretare un esame diagnostico o di laboratorio sia una cosa che può fare chiunque ?

    Perché c'é un sacco di gente che si sente autorizzata a discutere di medicina come se fosse un argomento da bar dello sport, mandando a quel paese chi ha studiato una materia per decenni (su decine di libri di migliaia di pagine ciascuno), "trollando" blog come questo, solo perchè si "sono documentati" gurglando qua e là, leggendo wikipedia (stendiamo un velo pietoso...) e frequentando blog/siti di naturopati ?

    Perchè esiste nella nostra società (soprattutto in Italia) questo straripante rifiuto dell'autorità non solo politica, fiscale ma anche scientifica ?

    Posso anche pensare che nel primo caso il motivo risieda nel fatto che i nostri governanti negli ultimi decenni non ci abbiano dato prova di virtù cristalline; che pagare le tasse non piaccia a nessuno posso anche crederlo, salvo poi lamentarsi che i servizi non ci sono...

    I vantaggi del progresso scientifico, non solo in campo medico, sono sotto gli occhi di tutti ma ...
    ...ma se si muore di una malattia anche nel III millennio non è accettabile, si deve pensare che qualcuno, e non Dio o qualsivoglia Essere Superiore, ha preordinato le cose perchè la gente si ammali e che venga curata nel modo che conviene di più alle multinazionali, soffrendo molto più del dovuto e che se ne stia anche zitta ...

    Io non ci sto !!! La mia bellissima professione non è quella di cui si legge sui vari blog, forum etc.
    Le "mele marce" ci sono in ogni categoria e i medici non fanno eccezione, anche se credo che siano al di sotto della media; ma sinceramente credo che nessuno che non faccia questo lavoro possa capire come ci si senta davanti ad un paziente che ci espone i suoi problemi, sperando in una soluzione.

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  15. Bellissimo messaggio genesis, è una riflessione che ho fatto spesso. Quando ero piccolo, vedevo quei camici bianchi in ospedale come degli angeli che avevano lo scopo di alleviare le sofferenze, forse lì è nata la mia passione per la medicina.

    Nell'immaginario collettivo, spesso il medico è visto come un "impiegato della salute" che timbra il cartellino, legge quattro documenti, prescrive due compresse e passa a prendere lo stipendio. In realtà chi non è dentro gli ospedali a sacrificare (si, spesso si tratta di sacrificare) la propria vita con lo scopo di assistere il prossimo non può nemmeno capire i dubbi, le gioie, le tristezze, i successi, le delusioni di un lavoro che ogni giorno salva milioni di vite nel mondo.

    Il mio ex primario, ormai in pensione, grande signore d'altri tempi, diceva che quando si riuniscono dei medici, si parla sempre e solo di medicina, perchè solo chi fa questo lavoro può capire.

    Noi siamo al servizio dei pazienti, ma i pazienti dovrebbero capire che senza il loro sostegno i primi a pagarne le conseguenze saranno loro.

    ...e poi dobbiamo pure giustificarci davanti al primo che passa ed insulta i medici e la loro professione.

    Dobbiamo essere forti nel nostro lavoro, impassibili e freddi quanto basta per affrontare certe scelte ma la nostra freddezza deve rivolgersi anche a chi, in un attimo e con molta presunzione, pretende di distruggere secoli di progresso e decenni di studi.

    Mentre mio fratello che ha scelto un'altra via, a 20 anni aveva già un'automobile e viaggiava in tutto il mondo, io ero piegato sui libri per capire, imparare, risolvere.

    Non dimentico nemmeno i sacrifici che hanno fatto i miei genitori per farmi arrivare dove sono arrivato.

    E non sarà certo un Simoncini, un Mazzucco o un Mondini a sputare su tutto questo.
    Non pretendo la loro gratitudine, non ne sarebbero capaci, ma pretendo che si limitino a fare quello che sanno fare, evitando di disprezzare chi permette a loro ed alle loro famiglie di stare bene ed in salute.

    RispondiElimina
  16. Allora complimenti doppi per la battaglia che avete deciso di iniziare con questo blog....

    La guerra è iniziata, abbracciate i fucili (in realtà i post nel blog) e non abbiate nessuna pietà per il nemico (i nomi di cui sopra).

    Per quello che può contare vi capisco.

    Ecco perchè i complimenti sono doppi :)

    p.s. Ma il popolo per la maggior parte è un popolo da italieta appunto, ignorante, e non è facile toglierli alle grinfie del nemico, che furbescamente su quello punta.

    RispondiElimina
  17. la risposta è no.

    La risposta diventa sì se metti i commenti incorporati sotto il post nelle impostazioni di Blogger.

    RispondiElimina
  18. Ah, intendi dove c'è scritto:
    "Iscriviti a: Commenti sul post (Atom)"

    ??

    Che poi vengono fuori 3-4 possibilità di "abbonamento"

    Gracias!

    RispondiElimina
  19. No, intendevo che se WeWee mette il modulo per postare i commenti incorporato sotto i commenti stessi, si può scegliere di ricevere via mail i nuovi commenti anche senza postarne nessuno.

    Vedi ad esempio il mio blog.

    RispondiElimina
  20. Wewee...esegui! >:(

    ih ih, a parte gli scherzi...sarebbe un ottima idea per chi non può seguire sempre il blog.
    Sarebbe anche utile(per tutti), a mio parere, fare si che ogni volta che Wewee posta un nuovo argomento(post) arrivi una mail a chi lo desidera...così è più facile per tutti seguire l'evolversi del Blog.

    Non trovi WeWee ??
    :)

    RispondiElimina
  21. Fatto, dimmi se funziona...
    ;)

    RispondiElimina
  22. Funziona :)

    Ora resta da risolvere il problema seguente, che dicevo sopra.
    Quando Wewee produce un nuovo argomento, e mette quindi un post, come fare ad essere avvisati per mail del nuovo argomento ?
    :)

    RispondiElimina
  23. Io sul mio blog uso FeedBurner: se a WeWee va, si deve registrare al servizio e poi mettere il widget apposito nella colonna a destra
    Un'altra cosa: i captcha sono così necessari (che con il modulo incorporato speso e volentieri si leggono male)?

    RispondiElimina
  24. Forse qui, le veci di feedburner le fa wikio.... po' esse ??

    Che bello, post su post di OT, scommetto che siamo gli utenti preferiti di WeWee....

    ihihhihih :P

    RispondiElimina
  25. Si, Wikio ti consente di "abbonarti" al blog e quindi ricevere gli aggiornamenti (l'ho messo per quello).

    Per i captcha, mi pare siano obbligatori per chi non ha account blogger, ma controllo (a me per esempio non li chiede se mi loggo come blogger).

    Lievemente OT, è vero.
    :P

    RispondiElimina
  26. Hola, e' un po' che non ci si sente..
    colgo l'occasione per tornate IT e ti segnalo, per il tuo prossimo post sull'argomento bicarbonato e tumori una nuova intervista comparsa su luogocomune:

    www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3221

    laddove si parla di una nuova mirabolante guarigione da un tumore alla vescica...
    ma as usual basta fare attenzione ...
    1. nel primo inserto che evidenzia una cartella
    clinica si legge
    "carcinoma uroteliale parete sx posteriore della VESCICA"
    2. nel secondo inserto si legge che nell'URETRA
    le aree della pregressa resezione non evidenziano sospetti di recidiva"

    3. l'intervistato afferma di avere fatto 7 interventi ma non dice di avere fatto l'ultimo controllo, che avrebbe dovuto mostrare il fallimento dell'ultimo intervento prima del trattamento con bicarbonato, bensi' dopo.
    Il che chiaramente dimostra che sanno quello che fanno o che gli atti di fede a volte necessitano di una mano: se tra l'ultimo intervento ed il controllo avessero infilato una banana anziche'
    una soluzione di bicarbonato avrebbero potuto cercare di mostrare quanto siano efficaci le banane.
    Ma anche volendo chiudere entrambi gli occhi un dubbio resta:
    il trattamento con il bicarbonato e' stato
    fatto in vescica, laddove era segnalato il
    carcinoma e viene mostrato un referto
    che parla della scomparsa delle lesioni
    nell'uretra ..
    C U Soon ;-)

    RispondiElimina
  27. Ciao Max, bentornato!
    Allora, commento la tua "indagine":

    1) Non è così il discorso della differenza tra i due referti. C'è da dire che stavolta (avrà imparato la "lezione"?), chi ha realizzato il video è stato più "furbo", rendendo le immagini dei referti praticamente illegibili. In ogni caso non è corretta la tua analisi della differenza tra vescica ed uretra nei due referti. Nel primo si legge di un carcinoma vescicale della parete posteriore della vescica e (di sfuggita) si legge anche di un tumore della cupola vescicale.
    Nel secondo è semplicemente descritta una cistoscopia ed il riferimento all'uretra è una routine. Quando si esegue l'esame, si descrivono tutte le strutture che si visualizzano nel tempo, quindi l'uretra (come nel referto) e poi la vescica, in tutte le sue parti. Alla fine, la diagnosi di assenza di lesioni neoplastiche, tutto qua.

    Naturalmente quella testimonianza, vale molto poco, non ci sono documenti, non è descritto esattamente l'iter, non si sa bene nemmeno cosa e quando quella persona ha effettuato gli "interventi" che descrive. Poi, come dici tu, il referto più importante non esiste. Quello cioè del controllo tra l'ultima cistoscopia e l'inizio della cura con il bicarbonato.

    C'era una lesione ed il bicarbonato l'ha fatta sparire? E' una cosa.
    Non c'era una lesione ed il bicarbonato...non ha fatto nulla? Sarebbe un'altra...
    :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  28. Ah, aggiungo che stavolta (contrariamente che in passato) ho notato leggendo il thread che gli utenti di Luogocomune hanno mantenuto un atteggiamento molto più serio e neutrale (nonostante Mazzucco continui a fare lo gnorri e trattare i suoi utenti come idioti).
    L'importante è questo, non dobbiamo "tifare" ciecamente per una cura ma studiare e capire. Con Simoncini, studiando, si capisce benissimo dove vuole andare a parare...
    ;)

    RispondiElimina
  29. Ho letto. Alcuni si stanno svegliando, e hanno postato una serie di giuste osservazioni, tra cui i famosi studi citati da Simoncini i quali dicono tutt' altro da quello che Simoncini vuole far credere nei sui scritti.

    Segnalo a chi arriva per la prima volta su questo blog, di leggersi tutti gli altri casi analizzati qui.

    Scoprirà che non c'è NULLA di chiaro nei casi di "guarigione" postati da Simoncini, tranne una cosa, quella si è chiara: i casi sono tutti come gli studi di cui sopra, Simoncini dice A e invece è B.
    E non serve essere medici per capirlo. ;)

    RispondiElimina
  30. Solo una cosa:
    Lo studio di Hughes citato anche da un utente di Luogocomune che dice "il 91% non si sà bene a cosa si riferisca":
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7177889?ordinalpos=6&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum

    dice che su 109 casi fatali di micosi da candida , 91 hanno avuto come causa la Candida albicans, e "other Candida species" = altri tipi di Candida, nei restanti 18 casi.
    Il 90% di cui si fà riferimento nello studio, è il 90% dei 109, i quali si dice hanno lo stesso profilo come pazienti.

    In questo caso, quindi, nemmeno esiste un "91%" , Simoncini poteva copia incollare meglio no?
    :)

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!