giovedì 23 novembre 2017

Medicine come caramelle o caramelle come medicine, un sondaggio ci dice che è sempre un errore.

In questi giorni sta girando una notizia (soprattutto in pagine e siti di appassionati di omeopatia): uno studio francese avrebbe dimostrato che i prodotti omeopatici avrebbero lo stesso effetto dei medicinali.
In realtà questo è un esempio di come i dati di uno studio possano essere usati (manipolandoli) per ottenere il risultato che preferiamo, che ci piace e dimostra casomai come l'omeopatia sia un business molto furbo, in questo sì identica alla medicina che, quando vuole fare business ha i trucchi perfetti per farlo.
L'omeopatia, per chi non lo sapesse, è quella antica pratica esoterica secondo la quale dei granuli di puro zucchero (o di alcol nel caso dei prodotti liquidi) avrebbero la capacità di curare le malattie. In seguito ad una cerimonia magica (si diluisce l'ingrediente decine o centinaia di volte, poi si sbatte 10 volte così la sostanza produrrebbe l'effetto opposto a quello conosciuto, per esempio il caffè curerebbe l'insonnia invece di causarla) questi granuli si trasformerebbero in medicine anche se, ad una analisi, contengono solo ed esclusivamente zucchero (dalla 12ma diluizione in poi). È chiaro quindi che di effetti non possono essercene (così come dimostrano sia la logica che gli studi del settore), lo zucchero, non cura nulla e che chi dice di averli avuti probabilmente ha beneficiato dell'effetto placebo o ha confuso il  normale decorso della malattia con una guarigione miracolosa, non ci sono altre spiegazioni. Ovviamente chi produce e vende omeopatia evita di mostrare il lato paranormale e punta tutto su improbabili dimostrazioni di efficacia e su studi realizzati in maniera piuttosto furba, come questa.

La ricerca francese sull'omeopatia (realizzata con metodi piuttosto discutibili, in pratica i dati sono stati raccolti via telefono, come in un'intervista), finanziata da Boiron (multinazionale omeopatica) nota che i pazienti dei medici omeopati, rispetto a quelli dei medici normali, usano meno ansiolitici, meno antibiotici e meno anti infiammatori.
Inoltre, incredibile (?), non hanno più problemi di salute o complicazioni di chi si rivolge al medico ordinario. In pratica, usando meno medicine, si ammalano allo stesso modo di chi va dal medico.
Le notizie ed i comunicati relativi alla vicenda hanno toni trionfalistici (a me è arrivato addirittura un comunicato stampa): "L'omeopatia funziona come le medicine!" oppure "i pazienti omeopatici hanno salute identica a quelli normali, quindi l'omeopatia funziona". Ma quello che si legge in questo studio conclude davvero così? Dimostra che l'omeopatia funziona?
Niente di tutto questo, gli omeopati ci prendono in giro ancora una volta.

Andiamo per ordine, provo a spiegare a grandi linee lo studio che, alla fine, si rivela un semplice, banale, spot pubblicitario. Nello studio c'è poca scienza e molta propaganda.
Intanto è bene ricordare che parliamo di una ricerca effettuata qualche anno fa in Francia e che se ne parla in questi giorni solo perché l'accademia francese delle scienze ha ribadito l'inutilità e la mancanza di basi dell'omeopatia. Uno stuolo di omeopati si è quindi preoccupato di trovare sostegno per ribattere ed ha pensato di rispolverare questo studio non proprio recente. I dati dello studio sono stati pubblicati in molte riviste (quasi tutte alternative o di omeopatia) dividendo i dati per tipo di malattia o sfruttandoli per altre considerazioni. Il nome della ricerca è EPI3.

Si tratta di uno studio di coorte (significa che si osservano nel tempo dei gruppi di individui con caratteristiche paragonabili) nel quale sono stati controllati tre gruppi di persone. Quelle che si rivolgevano al medico ordinario, quelli che andavano da un medico che usava sia omeopatia che medicine e chi si rivolgeva ad un omeopata.
Di questi pazienti sono state controllate le condizioni di salute e l'uso che hanno fatto di alcune classi di farmaci: ansiolitici, antibiotici, anti infiammatori.
Il risultato finale è che i pazienti dell'omeopata usano meno farmaci ed hanno condizioni di salute (quindi "esiti" della malattia) simili a quelli dei medico ordinario.
Omeopati, associazioni omeopatiche, industria omeopatica e simpatizzanti dell'omeopatia, hanno quindi concluso che i prodotti omeopatici hanno la stessa efficacia e gli stessi risultati (i pazienti non muoiono o non stanno peggio) di quelli normali. Voi la vedete così?

Che i pazienti degli omeopati prendano meno medicine non sorprende, gli omeopati già ne prescrivono di meno (o non si direbbero "omeopati", farebbero i medici ordinari) ed i loro pazienti sono, per ovvi motivi, "selezionati" (chi va dall'omeopata lo fa perché non vuole andare dal medico o in ogni caso non ha particolare tendenza ad assumere medicine). Inoltre i disturbi di chi consulta un omeopata sono quasi sempre banali, lievi, spesso passeggeri, altrimenti altro che omeopata, si corre in ospedale. Perché non osservare quello che succede in malattie gravi e che, senza terapia, non migliorano?
Nulla di sorprendente quindi in quel risultato, i pazienti degli omeopati prendono meno medicine per ovvi e comprensibili motivi e non hanno complicazioni o problemi di salute conseguenti per motivi altrettanto ovvi e legati ai primi (se non hai malanni gravi, passati questi stai bene, a prescindere dal farmaco che hai preso o se non lo hai preso). Il concetto è ovviamente riconosciuto dai ricercatori (che dicono che le similitudini tra i gruppi possono rispecchiare il trattamento che i pazienti ricevono dai vari tipi di medici così come il normale andamento della malattia, la "regressione verso la media" del linguaggio statistico).

Se avete una mentalità scientifica vi sarete perciò subito resi conto che questo risultato non dimostra nulla, né l'efficacia dell'omeopatia né altro (nemmeno l'inefficacia, è proprio uno studio molto banale, senza pretese, praticamente un sondaggio telefonico), anzi, dimostra solo una cosa: quando le medicine non servono non bisogna prenderle. E dimostra anche che le aziende omeopatiche sono, appunto, aziende, con lo scopo di vendere e di usare qualsiasi tecnica pubblicitaria che aiuti a farlo. Non a caso, oltre al fatto che lo studio è stato finanziato da Boiron, molti degli autori sono direttamente coinvolti con l'azienda, essendone dipendenti.
Questa vicenda è un esempio perfetto di come le multinazionali farmaceutiche (in questo caso omeopatiche) riescano a "spremere" gli studi ottenendone sempre un risultato a loro favore. I dati della ricerca in questione non ci dicono nulla dell'efficacia dell'omeopatia ma i comunicati stampa lo annunciano con fierezza lo stesso. Una cosa simile avvenne qualche anno fa ad una presentazione di un mio libro.
C'erano tra il pubblico degli agopuntori. Una di essi mi fece una domanda, più o meno: "sa che l'agopuntura ha dimostrato di funzionare quanto un noto farmaco anti infiammatorio? Perché quindi non usarla?" io risposi qualcosa che chi ha mentalità scientifica ritiene ovvio: "quello che dice non dimostra assolutamente che l'agopuntura funziona, potremmo avere dimostrato per esempio che l'anti infiammatorio non funzioni, dipende dai punti di vista". La dottoressa fu presa da una sorta di crisi isterica (non scherzo, iniziò a battere i piedi) dicendo che ero io a non volere ammettere l'efficacia dell'agopuntura e che ero chiuso di mente. Ecco, diciamo che studi di questo tipo servono semplicemente a confermare le ipotesi che vogliamo, non certo a fare progredire la medicina.

Come vedete non è difficile "imbrogliare" la nostra mente, persino chi fa un lavoro che richiederebbe "occhio critico" può cascare nelle giravolte delle aziende che, non importa come, hanno solo interesse a dire che il loro prodotto funziona e deve essere venduto.
Io invece da questa ricerca traggo un altro messaggio, che è pure risaputo: non si deve abusare dei farmaci, anche se difficile da fare accettare.

È un concetto che si ripete da anni, le medicine sono farmaci, droghe, molto potenti, si usano solo in caso di bisogno.
Nella stragrande maggioranza dei casi (influenze, malesseri passeggeri, fastidi banali, sintomi temporanei) prendere una medicina non cambierà né il sintomo né il decorso del problema (al contrario, quando si ha un vero problema o un sintomo serio è sempre bene parlare con il medico che giudicherà se fosse il caso di assumere farmaci). Il risultato dello studio quindi ci conferma una cosa che sappiamo già e ne sottolinea un'altra che, continuamente, ripeto quando si parla di omeopatia e qualcuno mi dice "ma se non fa male, perché non prenderla?".
Bene, intanto una medicina si prende "perché fa bene" e non "perché non fa male" e poi si dimentica la perdita di denaro, la presa in giro della prescrizione di caramelle come fossero farmaci, le bugie che, per chiari motivi, l'omeopata dovrà dire al paziente.
Insomma il problema etico in omeopatia è importante, altrimenti chiunque potrebbe prescrivere acqua fresca, mentine come fossero pillole e dolciumi per curare le malattie. Non si può e non si deve fare.

Basta quindi non prendere niente, né medicine, né omeopatia, né altro, perché i disturbi passeranno da soli e che prendere farmaci, omeopatia, pasticcini o liquirizia è, fondamentalmente, la stessa cosa. In tutto questo l'efficacia dell'omeopatia non c'entra nulla ma gli omeopati hanno ovviamente rigirato la frittata trasformando un'ovvietà in una dimostrazione di efficacia (della quale nello studio non c'è traccia).
Il messaggio corretto, quindi, non è "l'omeopatia funziona come le medicine" ma "omeopatia, medicine ed altro, molte volte non servono a niente, evitatele".

Perché è vero che i medici prescrivono medicine come fossero caramelle ed è sbagliato ma gli omeopati prescrivono caramelle come fossero medicine, che probabilmente è anche peggio.

Alla prossima.

18 commenti:

  1. Ottimo articolo come sempre. Una domanda, cosa ne pensi del fatto che diversi preparati omeopatici (si parla di più di 3000) a breve saranno considerati farmaci ed inseriti in prontuario? Io sinceramente sono a metà tra l'incredulo ed il disgustato, e non mi spiego come sia possibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che anche questa storia gli omeopati hanno provato a girarla a loro favore. In realtà è semplicemente un fatto burocratico, i prodotti omeopatici devono essere, per legge, nel prontuario farmaceutico (è una legge europea che esiste da anni ma l'Italia non ha mai applicato). Per farlo in Italia l'AIFA (Agenzia italiana del farmaco) ha preteso dei dossier, dei documenti ed il pagamento di una tassa.
      Le aziende omeopatiche hanno protestato per questa tassa: avrebbe eliminato per motivi economici molti prodotti omeopatici dalle farmacie, i meno acquistati, per i quali non sarebbe stato conveniente pagare una somma di denaro per registrarli (quindi, come si nota, ci sono solo motivazioni economiche).

      Poi le acque si sono calmate, le aziende hanno proposto qualche loro prodotto, hanno pagato la tassa ed hanno trasformato la protesta in pubblicità: da "la legge vuole obbligarci a pagare quindi scompariremo" a "la legge finalmente ci paragona ai farmaci".

      Con un solo, "piccolo", particolare: gli omeopatici non devono presentare, al contrario dei farmaci, NESSUNA prova di efficacia per essere venduti, devono dimostrare solo di non essere tossici. Che, visto che si tratta di puro zucchero, non è nemmeno così difficile.
      :)
      Saluti.

      Elimina
    2. "Le acque si sono calmate"

      Scusa ma muoio dal ridere XD

      Scherzi a parte, comunque, è da un po' che non seguo la vicenda legale dell'omeopatia, ma avevano tolto alla fine che tu sappia lo status privilegiato per il quale erano dispensati con iva agevolata?

      Elimina
    3. No, nemmeno la "semplificazione" per la loro approvazione, cioè non devono (perché non possono) dimostrare di funzionare per essere venduti, come invece devono fare i farmaci. In cambio dovranno pagare più soldi per essere commercializzati.

      Grazie anche per la segnalazione del link non funzionante.

      Elimina
    4. Mi risulta che i preparati omeopatici dovranno semplicemente dimostrare di non far male e saranno denominati "medicinali" mentre i farmaci propriamente detti sevono dimostrare l'efficacia, il meccanismo d'azione etc. etc. Certo che questa nomenclatura si presta a tutte le manipolazioni del marketing

      Elimina
  2. (Off topic, ti segnalo che il link tra i siti amici "autismoincazziamoci.org" risulta non più attivo)

    RispondiElimina
  3. La cosa che mi sorprende è che PLoS One abbia accettato una simile accozzaglia di dati senza senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente Plos One sta facendo cose inspiegabili.

      Elimina
  4. Re: autismoincazziamoci.org forse hanno cambiato dominio? Ho trovato questo:
    https://incazzatautismo.wordpress.com/

    RispondiElimina
  5. Conoscete l’efficacia del placebo? Ha una percentuale altissima di guarigione se si pensa che non contiene nulla di terapeutico. Il farmaco omeopatico rappresenta un’informazione, é possibile che rappresenti un’amplificazione dell’effetto placebo. Non c’è nulla di esoterico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha una percentuale altissima di guarigione

      No. La percentuale di efficacia è molto bassa (efficace circa nel 5% dei casi) ed è oltretutto non costante, variabile, soggettiva, incontrollabile, quindi non può essere certo usato come medicina. Inoltre, presupponendo una bugia al paziente (o funzionerebbe ancora meno) c'è un problema etico di fondo.

      é possibile che rappresenti un’amplificazione dell’effetto placebo

      Certo, possibile ma a me sembra vergognoso che ai pazienti venga prescritto e venduto il nulla (con la menzogna) pur di tentare un effetto. Poi ovviamente se uno vuole essere imbrogliato non sono fatti miei.

      Non c’è nulla di esoterico!

      Assolutamente sì. Non sull'effetto ma sulla cerimonia di preparazione e sui presupposti dell'omeopatia. Si basa su fenomeni paranormali (memoria dell'acqua, succussione, dinamizzazione) con risultati magici (effetto opposto di una sostanza rispetto a quello conosciuto, il caffè curerebbe l'insonnia, per dire).
      È una pozione magica a tutti gli effetti. Non per niente l'associazione medica britannica l'ha definita "stregoneria".
      Saluti.

      Elimina
  6. Dott Di Grazie, dott. ma ha parlato ma mi pare di no, di questa NUOVA STAR della Tv ... il panzironi e le sue strambalate teorie e il suo libro tomo di ben 720 pagine ? che ne pensa ...ennesimo ciarlatano ? pare non sia neppure giornalista e forse ha SOLO la 3 media .... Anche lui cura TUTTO ! veda qui: https://www.youtube.com/watch?v=5IPQbGvU1g8&t=231s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dicono sia un idraulico.
      Ha trovato un modo per fare soldi e i boccaloni lo seguono. Però bisogna vedere se non incorra in qualche reato, non può dare consigli sulla salute e mi sembra che invece lo faccia.

      Elimina
  7. Tra l'altro la ricerca dice che tra i pazienti di medici solo omeopatici, c'è una maggiore incidenza, anche se statisticamente non significativa, di infezioni associate.
    E' possibile che le patologie URTI siano patologie che, normalmente si risolvono da sè, anche senza cure, salvo, in qualche caso, eventuali complicazioni?

    RispondiElimina
  8. Questo articolo è geniale, perché afferma delle cose che in un mondo normale sarebbero totalmente banali e che invece in questo mondo balsano vanno affermate e riaffermate continuamente con forza. La cosa che disgusta di più del mondo dell'omeopatia, almeno me, è che abbia piena cittadinanza nel mondo medico scientifico. Gli omeopati sono medici a tutti gli effetti e anziché venire radiati dall'ordine possono liberamente esercitare la loro "stregoneria" impunemente e liberamente come se fosse scienza. E guardi che non è affatto semplice convincere le persone che gli omeopati, che sono medici, esercitano la magia anziché la scienza. Se gli omeopati fossero regolamentati al pari degli astrologi non saremmo qui a parlarne. E invece sono medici...

    RispondiElimina
  9. http://www.lercio.it/rapinatore-gli-spara-con-una-pistola-a-salve-muore-commesso-farmacia-omeopatica/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geniale! XD
      Anche se sarebbe stato più corretto dire "commesso di farmacia omeopatica muore colpito da granello di zucchero"!!

      Elimina
  10. Le devo fare i miei più sinceri complimenti davvero...per la chiarezza e semplicità che qualsiasi persona, anche un bambino (per intenderci qualsiasi persona non mentalmente corrotta) può capire...ottimo lavoro! Spero che possa far luce sempre di più su argomenti così importanti che la maggioranza sottovaluta alla grande...abbiamo bisogno di persone competenti come lei che parlano con cognizione di causa...spero che, in un mondo sporco come questo (da certi punti di vista) nessuno arrivi a metterla a tacere...anche perché ci fa fare tante risate con la sua ironia e il suo modo di spiegare argomenti "tosti" in "termini banali" in modo che tutti possano arrivare a capire...davvero complimenti!

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!