sabato 20 febbraio 2016

Il grande mistero dei vaccini letali. Come le piastrelle della cucina.

Quando si discute di vaccini, chissà perché, si sfiora la rissa, i commenti si dividono, le persone possono essere messe ai lati di una linea netta: pro e contro.
Ma come si fa ad essere "pro" o "contro" una cosa che è innegabilmente utile? I vaccini sono farmaci, sostanze estranee al corpo ma il loro scopo è oggettivamente utile e benefico (proteggere dalle malattie infettive), si può essere "contro"?
Se lo chiedessimo a chi è "contro" probabilmente risponderebbe che lo è perché i vaccini "possono fare male", possibile, cos'è che non fa mai, con assoluta sicurezza, male? Ma sappiamo dagli studi e dall'esperienza che, anche se ci fossero alcuni casi di effetti collaterali gravi, il beneficio è indubbiamente superiore al rischio. Non c'è alcun dato serio che dica il contrario.

Affrontare le discussioni sui vaccini è spesso difficile perché è difficile spostare le opinioni di fede, quelle dovute non ad una conoscenza dell'argomento ma ad un principio ideologico, però con gli anni conosci gli argomenti, le paure, le obiezioni di chi contesta l'utilità dei vaccini che quasi sempre non sono ponderate, derivano da false informazioni, dati manipolati.

Sono quasi sempre gli stessi: il mercurio contenuto nei vaccini è tossico (falso, i vaccini non contengono più mercurio da anni), i vaccini causano l'autismo (non è vero, nessuno ha mai dimostrato una cosa del genere), esistono migliaia di persone danneggiate da vaccino (in Italia forse sono poche decine e non migliaia i veri danneggiati da vaccino). Poi ne esistono altri, alcuni veramente deboli ma che si ripetono con costanza, uno di essi è uscito fuori da alcuni mesi e mi ha colpito per l'evidente fallacia. Mentre le altre obiezioni presuppongono conoscenza dell'argomento (cosa non scontata), questa ti lascia un po' sopreso perché qualsiasi persona dotata di ragionevolezza non la penserebbe nemmeno.
Qualcuno dice: "ma se i vaccini sono sicuri e non provocano effetti collaterali, perché i medici non firmano un documento di assunzione di responsabilità?".
Capito?
Alcune persone sostengono che i medici che vaccinano dovrebbero firmare un documento nel quale si assumono qualsiasi responsabilità per eventuali effetti collaterali della vaccinazione.
Quella persona ragionevole a cui facevo cenno prima direbbe che è ovvio che un documento del genere non sarebbe proponibile, il concessionario d'auto firmerebbe un documento con il quale si assume il 100% di responsabilità per eventuali danni subìti a causa dell'automobile che avete acquistato? Come si fa a conoscere tutte le possibilità, gli errori, le coincidenze che capiteranno al proprietario dell'automobile? Come fa a rispondere il concessionario per un problema di fabbricazione o di manutenzione? Il medico ha già la responsabilità dell'atto che compie, come in qualsiasi momento del suo lavoro. Se sbaglia, se commette un errore di somministrazione, se esegue male la vaccinazione ne risponde, se c'è un errore di conservazione o di stoccaggio ne risponderanno altri e persino se c'è un errore di informazione, per questo esiste il consenso informato che firmano i genitori: sono stato informato su ciò che mi interessava, ho capito bene e voglio fare il vaccino,  firmo così il consenso per certificarlo.
A che serve dunque un documento (non ufficiale, non rilasciato da un'autorità) che dovrebbe fare assumere al medico qualsiasi responsabilità?
Improponibile, nemmeno il venditore di frutta firmerebbe un documento del genere: e se l'acquirente soffocasse mangiando le sue arance? Ovvio, no?
Ma i commentatori antivaccino non si pongono queste domande e vanno avanti per la loro strada, fino a concepire un documento che ha degli spunti per uno studioso di psichiatria. Ne esistono diverse forme, alcune tradotte (con risultati disastrosi) da documenti simili in inglese, redatti da "naturopati", omeopati, ciarlatani di varia estrazione, tutte hanno in comune un elenco di affermazioni che, sinceramente, preoccupano per stupidità e ci sono genitori che veramente lo hanno presentato agli uffici vaccinali, che lo ritengono un documento credibile ed a me sembra davvero assurdo che ci siano persone che gestiscano così la salute dei propri figli, credendo alle baggianate sparse in rete. I genitori, secondo le pagine che pubblicizzano una cosa del genere, dovrebbero chiedere al medico che vaccina, di firmare questo documento e, in caso di rifiuto, la vaccinazione non avverrebbe. Così qualcuno aggiunge: nessuno finora ha firmato questo modulo, evidentemente questa sicurezza sui vaccini non c'è.
Io invece rispondo che, evidentemente, il documento è demenziale.
Qui ne trovate un tipo.
Il medico dovrebbe mettere la propria firma su un documento che riporta cose come
Sono consapevole del fatto che i vaccini possono contenere molte delle seguenti sostanze chimiche, eccipienti, conservanti e cariche:
* Idrossido di alluminio
* fosfato di alluminio
* solfato di ammonio
* amfotericina B
* tessuti animali: sangue di maiale, sangue di cavallo , cervello di coniglio,
* arginina cloridrato
* rene di cane, rene di scimmia.....ecc...ecc...
Ovviamente, il fatto che si scriva che in un vaccino ci sia "sangue di cavallo" o "cervello di coniglio" è un caso, non ha certo lo scopo di suscitare ribrezzo, immagino. In un'altra versione leggiamo:
DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ per atto medico
il sottoscritto ........................ in qualità di Responsabile del .......................... ed il sottoscritto ..........................in qualità di medico vaccinatore del ....................................................con la presente dichiarano di assumersi ogni responsabilità rispetto ai possibili danni o effetti collaterali che il minore .................................................. dovesse contrarre in conseguenza dell'inoculazione dei seguenti vaccini:
vaccino……………………………vaccino …………………vaccino.............................
e così via.
In una di queste discussioni sui vaccini che ho avuto qualche settimana fa, come spesso accade, comparve un commentatore che proponeva proprio questa cosa: se i vaccini sono sicuri, perché il medico non firma un documento con il quale si assume tutte le responsabilità?
Inutile la mia spiegazione, gli esempi del meccanico, del consenso informato, dell'assurdità di una cosa del genere, il commentatore è convinto: se i vaccini fossero sicuri, perché non firmare un documento con il quale ci si prende ogni responsabilità? Nonostante questo sia un ragionamento superficiale ed ingenuo (e che mostra una visione particolare del mondo) fa presa in molte persone, tanti credono davvero che, se il medico si rifiuta di firmare un documento del genere, deve esserci per forza qualcosa sotto. Il complotto: i medici sanno che i vaccini sono pericolosi, li somministrano a tutti e firmare quel documento preparato dal naturopata e scaricato su internet farebbe crollare tutta la finzione.


Allora ho giocato l'ultima carta per cercare di farmi capire.

Ho chiesto all'interlocutore che mestiere facesse, l'operaio, dice. Ottimo, sarebbe disposto l'operaio a firmare un documento in cui si assume tutte le responsabilità relative al suo lavoro? Tutte, il 100%.
Avrà capito, dico io.
Invece no, il commentatore è deciso, lui firmerebbe, perchè è sicuro di ciò che fa, conosce i materiali, il suo lavoro e quindi si assumerebbe tutte le responsabilità, non come i medici che si rifiutano perché, sicuramente, avranno qualcosa da nascondere.
Niente, non c'è niente da fare, non riesco a spiegarmi nemmeno con l'esempio sul suo lavoro. Oppure no, forse qualcosa posso fare per fargli capire che sta dicendo una stupidaggine (se in buonafede, altrimenti una bugia).
Proporgli proprio un lavoro e fargli assumere tutte le responsabilità, così da poter dare il buon esempio e finalmente dimostrare la superficialità e malafede dei medici che vaccinano, d'altronde non credo esista un complotto dei muratori.
Contatto allora il mio amico commentatore operaio.
Ecco la mia proposta:

Piastrellatura completa di una parete di casa mia. Materiali scelti da me ma acquistati da persona di fiducia del piastrellatore.
Firma di un'assunzione completa di responsabilità per eventuali danni presenti e futuri derivanti dal lavoro o dai materiali usati nel lavoro.
Tutto davanti ad un notaio.
Costo del lavoro deciso da un perito scelto da un albo professionale.
Pagamento equivalente al triplo del valore stabilito dal perito.
Rimborso spese di viaggio, vitto, alloggio. Rimborso spese del perito, notaio e varie ed eventuali.

Che dite, è una proposta allettante?

Naturalmente anche io avrò il mio bel documento di assunzione di responsabilità, ma vuoi paragonare una vaccinazione con una piastrellatura? Ecco cosa avrebbe dovuto firmare l'esecutore dei lavori, garantendo che:
1) Gli ingredienti (solventi, pigmenti, cariche, leganti e coadiuvanti, metalli pesanti, arsenico) usati durante i lavori sono sicuri per l'inalazione ed il contatto.
2) Personalmente ha studiato le relazioni degli esperti di sicurezza sul lavoro relative a tossicità, teratogenicità, oncogenicità e rischi ambientali relativi ai prodotti utilizzati. La presente garantisce l'esclusione di ogni rischio diretto o indiretto per la salute mia e dei miei famigliari, sia in corso che dopo il termine dei lavori.
3) Si assume ogni responsabilità in caso di conseguenze derivanti dai metalli pesanti e dai contaminanti impiegati nella produzione delle sostanze impiegate nel lavoro finito, si assume le conseguenze di ciò che ha costruito e degli eventuali se pur rari eventi avversi ad esso legati.
4) Garantisce l'assoluta innocuità e non pericolosità dei materiali utilizzati, su animali, esseri umani di qualsiasi età e vegetali. Ne risponderà in caso tale innocuità fosse smentita da documenti, studi, ricerche.
5) Risponde di ogni danno diretto ed indiretto causato da sostanze, materiali, tecniche ed accessori utilizzati nel presente lavoro edilizio, esclude effetti collaterali, disturbi, malattie o sintomi da ricondurre al suddetto lavoro edilizio.
6) Afferma di non esercitare il mestiere di operaio edile e di non avere nessuna esperienza nel campo né professionale né amatoriale, pertanto si assume ogni responsabilità personale, civile e penale di danni o conseguenze derivanti da errata esecuzione o problematiche relative al lavoro svolto.
7) Consapevole delle responsabilità che questo impegno comporta, accetta ogni onere ed aggravio civile, penale ed economico, derivante dalla presente dichiarazione.
8) Il compenso del lavoro finito sarà pari al triplo del valore della prestazione in euro stabilito come da perizia (allegata) redatta da………………………..……….iscritto all’albo dei periti industriali della provincia di..............con n°……. pari ad euro:…………………… , il compenso totale quindi ammonterà ad euro: …………………, pagabile tramite assegno bancario o bonifico bancario all’esecutore dei lavori.
A tale somma si aggiungeranno le spese di vitto, alloggio, viaggio (documentate e documentabili) necessarie all’esecuzione del lavoro.
Possiamo paragonare la mia richiesta a quella di far firmare al medico un'assunzione completa di responsabilità? Io direi di sì (anche se una piastrellatura ha un tempo di esecuzione molto meno rapido e si basa quasi totalmente su abilità personali, cosa che non è così in caso di vaccinazione), d'altronde pagato il triplo, con tutti i rimborsi spese, chi si rifiuterebbe?
Se le piastrelle sono sicure, perché un operaio non dovrebbe garantirle? Se il lavoro è fatto bene, perché non assumersi le responsabilità?
Se non lo facesse, dovrei pensare al complotto dei piastrellatori o alla pericolosità delle piastrelle?
Il commentatore che vedeva i medici come paurosi esecutori di ordini che non si assumono le responsabilità chiede garanzie sul pagamento, sul lavoro, sugli accordi; più del notaio che garanzie dovrei dare?
Allora inizia una lunga trattativa, estenuante.
Chiede copia del documento che dovrebbe firmare. Inviata.
Chiede le foto della parete da sistemare: semplice, lineare, di soli 5 metri. Fatto.
Chiede un riferimento del materiale: mando foto, catalogo disponibile via internet con misure, codici e tutte le specifiche. Fatto.
Passano giorni.
Afferma di non essere un esperto piastrellatore e che quindi dovrà chiedere ad un suo amico per dei consigli, bisogna aspettare.
Aspetto ed accetto anche il fatto che si definisca "non esperto".
Dice che la parte di parete vicina alla porta è molto complicata quindi non sa se potrà garantire per quella parte di muro.
Non ha importanza, aspetto risposta: accetta o rifiuta?
Passano i giorni.
Chiede i tempi: a suo piacimento, basta accordarsi. Ampio preavviso.
Passano i giorni. Deve pensarci.
Chiede altre foto: inviate.
Chiede disegno con misure della parete: fatto.
Chiede altro tempo ed aspetto.
Passano i giorni.


Infine la risposta: rifiuta. Non può assumersi la responsabilità completa del lavoro. Dei materiali sì ma dei lavori...poi non ha esperienza, non può garantire per l'umidità, per la porta vicina al muro...succo del discorso: rifiuta un pagamento allettante per un lavoro manuale di esecuzione ordinaria.
Poi il commentatore, quando ho annunciato il suo rifiuto via Facebook, ha giustificato la sua scelta arrampicandosi un po' sugli specchi, con delle scuse e con un po' di rabbia ma il rifiuto resta ed io non posso pensare ad altro se non che la lobby dei piastrellatori ci nasconda qualcosa: perché l'operaio ha rifiutato il lavoro pagato a peso d'oro? Cosa c'è sotto? Perché ha rifiutato di prendersi tutte le responsabilità per un lavoro semplice e veloce pagato il triplo?
A questo punto invito tutti a riflettere bene prima di fare piastrellare le pareti di casa propria, cosa c'è sotto (il muro, ok, battuta ovvia)?
Ah, nel libro "Le vaccinazioni pediatriche" (prima ristampa marzo 2010) di Roberto Gava (omeopata antivaccinista) si legge: "L'autore e l'editore non si assumono responsabilità per effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.", lui di che complotto fa parte?
Ecco, questo non è un grande esperimento, è forse un gioco interessante ma mostra come facendo esperienza sulla propria pelle, i grandi complotti e le operazioni segrete immaginate da chi non conosce certi meccanismi, diventano molto più chiare e stupide: e false. La vita è molto più semplice dell'intricato mondo dei complotti, usiamo la testa, non la cieca diffidenza.

Alla prossima.

PS: L'offerta speciale pagata il triplo non è più valida, lavoro ormai eseguito, pagato il giusto. ;)

129 commenti:

  1. ti dirò una sola parola :
    SQUALENE...
    prima di fare un articolo su cose che non conoscete cercate almeno di informarvi grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non ci spieghi tu cos'è lo squalene?

      Elimina
    2. Io lo squalene lo conosco. Lo produce anche il corpo umano e senza di esso moriresti, prima però avresti molte carenze (anche sessuali, pensa un po').
      Tu invece hai notizie importanti da fornire che non conosco (può succedere)? Bene, dacci queste notizie (fonti serie e con attendibilità scientifica, ovviamente) che sono pronto ad ascoltarle.
      Se non le darai hai fatto un commento idiota che non serve a niente.
      Grazie e saluti.

      Elimina
    3. Ora faccio andare in tilt i complottisti: efficacia antitumorale dello squalene---> https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11060781

      :P

      Elimina
    4. Lo squalene? No dai ti prego... proprio un immuno stimolatore essenziale per la vita hai citato?? Deu meu!

      Elimina
    5. Ma lui non ha detto niente sullo squalene, ha scritto: "ti dirò una sola parola: SQUALENE...". Mica ha scritto cose strane o approfondimenti, l'ha buttata lì, che fa sempre effetto.

      Un po' come se io scrivessi: "una sola cosa: variegato!"

      Un commento a caso insomma. :D

      Elimina
    6. >Un po' come se io scrivessi: "una sola cosa: variegato!"

      all'amarena? :D

      grazie per tutto il suo estenuante lavoro

      Elimina
    7. non capite niente. Lo squalene è un precursore del COLESTEROLO!!1! I vaccini che lo contengono hanno lo scopo di causare dislipidemie nei bambini!!!!11!UNO!1!

      Elimina
    8. E via di squalene come se fosse antani!

      Elimina
    9. Gabriele, io te ne dico un'altra: METEMPSICOSI. Tiè. Ce l'ho anch'io la dialettica, che ti credi.

      Elimina
    10. Volevo partecipare anch'io: PARALIPOMENI DELLA BATRACOMIOMACHIA!

      Sono i vantaggi di un'istruzione classica (cit. Alan Rickman in "Trappola di Cristallo").

      Elimina
    11. "cit Trappola di Cristallo"

      Dunque tu non tieni la gobba come il reale citato....

      Elimina
    12. Allora volete la guerra:
      Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch !!!!1!11111!! Con un nome così dev'essere LETALE!!!

      Elimina
    13. ORA MI DIVERTO SUL SERIO!! ;-)
      @BOMABARDA
      @SALVO DI GRAZIA
      @DANIELE BOTTINO
      @MENTORE SESTO

      Lo squalene inserito nei vaccini NON, RIPETO "NON", viene riconosciuto dal corpo umano e per questo causa reazioni AUTOIMMUNI...
      MA SCOMMETTO NON LO SAPEVATE VERO??

      invece che attaccarmi in branco in modo stupido con battutine cretine fareste meglio a chiedervi PERCHE' L'MF59 ED IL SUO ADIUVANTE AS03 ( SAPETE DI COSA PARLO VERO!?!!? ;-) ) sono stati testati quasi esclusivamente "solo" (!!!!!!) su over65 e NON SUI BAMBINI A CUI IL VACCINO E' INIETTATO...

      Elimina
    14. 1) sono offeso perché non mi hai preso in considerazione nell'idioz... ehm... nel poderoso attacco che hai portato
      2) in che modo lo squalene endogeno e quello esogeno sono diversi? Come li distingui? Mi disegni le formule chimiche del primo e del secondo in modo da evidenziarmi le differenze?
      3) scommetto che ora porterai gli studi che dimostrano che gli adiuvanti che citi sono tossici, vero? Ah a proposito, come mai che qui dice "The MF59-adjuvanted vaccine has been shown to enhance immunogenicity and to confer cross-reactivity against heterologous influenza viral strains in the elderly, in adults with serious underlying medical conditions and in healthy infants and young children. Furthermore, its effectiveness has been demonstrated in older adults, reducing hospitalizations for pneumonia, cardiovascular and cerebrovascular diseases."? Eppure hai detto quasi esclusivamente "solo" (!!!!!!) su over65"

      Elimina
    15. Mi viene da dire che il sig. Pierattelli sta esagerando con gli steroidi anabolizzanti.

      Elimina
    16. @ Gabriele:

      Premetto che ulteriori tuoi commenti scritti in maiuscolo (equivale a gridare, se non lo sapessi) o che non rispettano le regole del blog (prima di tutto educazione) non saranno accettati.

      Mi accodo alle domande che ti hanno fatto altri perché dimostri una scarsissima conoscenza dell'argomento:

      1) Perché lo squalene inserito nei vaccini dovrebbe scatenare problei autoimmuni mentre quello che produciamo no?

      2) Perché dici che lo squalene sarebbe testato quasi esclusivamente sugli anziani quando esistono decine di test (e controlli) anche sui bambini che ne hanno dimostrato la non tossicità? (per esempio: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22906943)

      3) Mi diresti il meccanismo con il quale lo squalene trasforma la sua azione fisiologica nell'organismo in azione "nociva" come tu sostieni?

      Grazie per le risposte.

      PS: Se tu non sapessi rispondere o avessi dubbi sull'argomento sono disposto a spiegarti un po' di cose, se invece preferisci tenerti i dubbi va bene lo stesso.
      Ciao!

      Elimina
    17. Ti faccio presente che ho fondato gestito diretto e portato al successo un blog da 50000 utenti quotidiani e quindi so benissimo quando usare lo stampatello per gridare e quando usarlo per mettere in evidenza alcuni concetti come ho fatto In questo post.

      1) Che lo squalene inserito nei vaccini non venga riconosciuto dal corpo umano non lo dico ma studi scientifici che puoi Tranquillamente trovarti online e che non ti posto perché tanto dall'atteggiamento ho capito che manco li leggeresti.

      2) Vedo che la voglia di sfottermi non hai trovato il tempo di andarti a leggere sul perché dei vaccini fatti a dei bambini di pochi mesi o pochi anni Siano stati testati solo su persone Over 65 in cui chiaramente le risposte immunitarie sono del tutto diverse è enormemente più lente.

      3) Sugli sfotto Del branco da stadio che ti fanno seguito Non mi abbasso neanche a commentare perché a mettersi contro gli idioti si perde sempre dato che ti battono per esperienza

      Elimina
    18. "quindi so benissimo quando usare lo stampatello per gridare e quando usarlo per mettere"
      Mi permetto di dubitare della sua perizia.

      "non ti posto perché tanto dall'atteggiamento ho capito che manco li leggeresti"
      La capisco: il dott. Di Grazia è un losco figuro.
      Però il sottoscritto, al netto dell'ironia che usa di solito, è una brava persona che andrebbe a leggerli, gli studi*.
      Quindi, se vuole essere così cortese da risparmiarmi faticose ricerche, sarò ben lieto di ricevere da lei i riferimenti che ha in mente.
      Ci conto.

      *ne basta uno, per iniziare, quello che per lei è il più solido e rappresentativo

      Elimina
    19. @ Gabriele:

      Se hai gestito un blog da un fantastiliardo di utenti, saprai benissimo che l'utente che commenta (lanciando oltretutto allarmi) senza argomentare e soprattutto senza rispondere alle domande poste dagli altri, è un poco educato e non partecipa correttamente alla discussione. Hai l'occasione per dimostrare un danno alla salute e non la sfrutti? Un peccato, veramente.

      Ti ho fatto tante domande, non hai risposto neanche a una. Se non risponderai alle domande poste dagli altri commentatori non saranno più accettati tuoi commenti, questo non è un palco.
      Partiamo dalla prima:

      - Sostieni che lo squalene nei bambini avrebbe dimostrato scarsa sicurezza, ti ho indicato uno studio (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22906943) che dice il contrario. Ora tocca a te.

      In quali vaccini per l'infanzia è contenuto lo squalene ed in quali studi è stata dimostrata la sua insicurezza o pericolosità?

      Attendo risposta, grazie.

      Elimina
    20. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    21. Ho letto e riletto il commento notificato via mail, ma non riesco a intuire cosa abbia fatto di male il sig. Francesco, per essere cassato. Ed è sabato mattina: rischio di essere tormentato dalla curiosità per tutto il fine settimana.

      Elimina
    22. Boh, non lo ricordo. Però a volte i commenti li eliminano gli stessi autori ma Blogger dice che li ho eliminati io.

      Elimina
    23. Credo che il commento eliminato sia proprio il mio, che intendeva sottolineare le debolezze dello studio segnalato da Salvo a dimostrazione della sicurezza dello squalene nei bambini:
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22906943

      Un punto importante riguardava finanziatore e conflitto di interessi degli autori (che chiunque può andarsi a leggere poiché, dalla pagina in questione, si può agevolmente arrivare al full-text dell'articolo)

      Questo è, in soldoni, ciò che ho letto.

      Focalizziamoci per comodità sui soggetti che, almeno in linea teorica, sono più vulnerabili per peso corporeo e fattori legati al livello di sviluppo, e cioè sui 201 arruolati e vaccinati tra i 6 e gli 11 mesi di vita, dei quali un sottogruppo di circa 150 soggetti riceve un vaccino contenente squalene (con un braccio di controllo NO squalene pari ad 1/3). Sul totale (401, 6-11 + 12-35 mesi) 28 vengono visitati 13 mesi dopo l'ultima vaccinazione, ragion per cui è presumibile che solo una decina di loro siano quelli vaccinati con l'AF03 nel primo anno di di vita; tutti i rimanenti vengono invece contattati demandando il follow-up ad un'intervista telefonica e all'occhio clinico dei genitori.

      E, sempre mantenendo il focus sulla sicurezza, nessuno degli eventi avversi più gravi (SAEs) viene correlato ai vaccini in studio, ragion per cui, visti sponsor e conflitti di interesse degli autori, il non dubitarne diventa più che altro un esercizio di fede, a maggior ragione del fatto che costoro non si sono nemmeno presi la briga di disegnare il trial in cieco.

      Inoltre, nel capitolo pazienti e metodi, paragrafo partecipanti, vengono riportati parecchi criteri di esclusione, che difficilmente verrebbero presi in debita considerazione (e tutti insieme) nel corso di una campagna vaccinale 'sul campo', sottoponendo di conseguenza i vaccinandi a rischi aggiuntivi.

      Riepilogando, se ne vaccinano 150 in condizioni cliniche (diciamo così…) "artificiosamente" controllate per poi, sulla base dei dati di sicurezza raccolti, presumere che tale "sicurezza" sia applicabile quando se ne vaccinano 150 MILA (o 1 milione e mezzo o 15 MILIONI) con l'impiego di popolazione. Tanto varrebbe allora abolire del tutto gli studi clinici che, se ben fatti e con numeri del tutto diversi, risultano essere troppo lunghi e costosi (una via che, peraltro, l'industria sta perseguendo sia da questa che dall'altra parte dell'Oceano Atlantico) tanto, in fase postmarketing, di cavie fiduciose e disposte anche a pagare - se non ci pensa Pantalone - se ne trovano a bizzeffe…

      Io mi auguro che l'OMS abbia avuto a disposizione ulteriori dati prima di dichiarare che l'uso dell'AF03 sia sicuro nei bambini, ma non mi stupirei del contrario: infatti è proprio grazie all'OMS, e alla sua dichiarazione di pandemia "fantasma" del virus H1N1, che le casse dell'industria si sono ingrassate al pari di quanto sono dimagrite quelle dei bilanci statali.

      A commento conclusivo di questo studio, credo che caschi a fagiolo un brano dell'editoriale di Richard Horton su The Lancet che avevo già segnalato:

      "The case against science is straightforward: much of the scientific literature, perhaps half, may simply be untrue. Afflicted by studies with small sample sizes, tiny effects, invalid exploratory analyses, and flagrant conflicts of interest, together with an obsession for pursuing fashionable trends of dubious importance, science has taken a turn towards darkness…The apparent endemicity of bad research behaviour is alarming. In their quest for telling a compelling story, scientists too often sculpt data to fit their preferred theory of the world. Or they retrofit hypotheses to fit their data."

      Saluti

      Elimina
    24. Se il commento cancellato era su questi toni mi sono sbagliato, probabilmente ti avevo confuso con Gabriele, al quale ho chiesto di commentare solo dopo aver trovato uno studio scientifico che mostrasse gli eventuali pericoli dello squalene che lui tanto pubblicizza.

      Il tuo commento però non lo trovo corretto:

      visti sponsor e conflitti di interesse degli autori, il non dubitarne diventa più che altro un esercizio di fede

      È la stessa cosa che fai tu. Visto che c'è un conflitto di interesse "sicuramente" i dati sono falsi. Questa è una fallacia e se si discute così non c'è...discussione.

      Cioè tu non hai dimostrato che lo squalene sia dannoso, hai "sospettato" e concluso (senza prove, così...per fede) che gli autori dello studio abbiano qualcosa da nascondere. Io non dico che quello studio dimostri qualcosa, è solo UNO tra i tanti (e la posizione dell'OMS lo dimostra) che mostrano come non siano emersi problemi particolari dall'uso di squalene (che poi sarebbe anche logico visto che è una sostanza organica che noi stessi produciamo).
      Io per capirlo ho cercato, letto, studiato e poi concluso. Non ho detto "visto che gli antivaccinisti sono idioti, quindi lo squalene è sicuro". ;)

      Fai una breve ricerca e ne troverai quanti ne vuoi.

      Oppure fai anche tu il lavoro opposto. Mostrami uno studio serio (non antivaccinisti, naturalisti, esaltati) che faccia sospettare la pericolosità dello squalene.
      Ciao!

      Elimina
    25. Signor Petrelli, è per colpa di gente invasata come Lei che chi non vaccina è malvisto e preso per persona poco seria.
      Se pretende di entrare in un blog di medici portando avanti il suo credo, lo faccia quantomeno con tre pagine di link e con la dovuta educazione.
      Qui non siamo sul suo blog!

      Elimina
  2. Io ho provato a leggere una delle dichiarazioni di assunzione di responsabilità che hai linkato: se un medico normale dovesse firmarla vorrebbe dire che non ha letto bene la lista dei "componenti" che sono elencati. Qualunque medico sano di mente non la firmerebbe mai in quanto nella lista c'è praticamente di tutto.... Manca giusto l'acqua fresca!!!

    Mi sembra di aver a che fare con quelli che fanno del loro meglio per far avverare la loro previsione: tutto è scritto in modo tale che chiunque con un minimo di senso della realtà non firmerebbe mai... Quando non firma non pensano che sia una persona normale... no... C'è sicuramente del marcio. Cosa, a dir il vero, ovvia, ma la puzza non sta dalla parte di chi firma ma dall'altra!!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualunque medico sano di mente non la firmerebbe mai

      Ovvio, oltretutto in alcuni "documenti" sono elencati ingredienti che non ci sono nemmeno, per esempio il Thimerosal. Il medico dovrebbe firmare che "sa" che c'è il Thimerosal che però non c'è. Per dire il livello di attendibilità di queste cartacce. :)

      Elimina
    2. Però hai linkato un documento veramente "estremo" nella forma: anche io che non sono un medico ho capito subito che è stato tradotto da un programma, non avrei neppure finito di leggerlo se mi avesserlo chiesto di firmarlo: quasi non si capisce il senso.

      Ho riconosciuto solo una cosa alla prima occhiata:
      il glutammato monosodico!

      (cos'è il numero DEA? esiste in Italia oppure è una cosa americana)?

      Elimina
    3. Ma come, Salvo, non eri consapevole che alcuni vaccini "sono stati trovati per essere stati contaminati con SV40"?!?! E non hai letto le "relazioni al contrario" sul thimerosal?! Ti faccio togliere il numero DEA!! (Che è proprio un codice rilasciato ai medici americani dalla Drug Enforcemente Administration -l'antidroga insomma-... del resto il blog da cui è tratto il documento si chiama "Il risveglio della DEA": coincidenze? Io non credo. )

      Elimina
    4. pardon, "Risveglio di una Dea".

      Elimina
  3. È più calzante ed efficace l'esempio del paracadute: a volte i paracadute non si aprono. Lo stesso i vaccini: a volte hanno reazioni avverse, anche gravi in rarissimi casi. La soluzione è lanciarsi senza paracadute (vivere senza vaccinarsi)? No, ed è parimenti assurdo chiedere di certificare che il paracadute si aprirà o che il vaccino non avrà reazioni avverse, perché quasi sempre non sarà così, ma c'è la remota possibilità che qualcosa vada storto.

    Quello che la gente deve capire è che non vaccinarsi e come buttarsi da un aereo senza paracadute, per il timore che il paracadute non si apra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, purtroppo non c'è esempio o metafora che tenga: quando si abbraccia aprioristicamente e ideologicamente una posizione e si vuole solo affermarne la validità, il livello e il rigore logico delle argomentazioni è tale per cui in un caso del genere non mi stupirebbe una risposta del tipo "No, non vaccinarsi non è come buttarsi dall'aereo senza paracadute, è come evitare di salirci, su quell'aereo".

      Elimina
    2. Non vaccinarsi è come non salire sull'aereo e fare un incidente in auto (il viaggio va pur fatto, no?)

      Elimina
    3. MA DI CHE C:::O PARLI????? AHHAHAHAHA
      AEREI?? AUTO??
      MA FAI IL MECCANICO PER CORTESIA!

      Elimina
    4. Gabriele:

      - Non scrivere in maiuscolo.
      - Scrivi in maniera corretta e civile.
      - Rispetta le regole (del blog e dell'educazione).

      In caso contrario non saranno più accettati i tuoi commenti.
      Grazie per la comprensione.

      Elimina
  4. Vorreste vivere in un'epoca in un epoca in cui il vaiolo era epidemico? O in quella in cui i bambini morivano di croup difterico? Per non parlare della polio...
    Senza i vaccini il mondo sarebbe ancora peggiore di quello che è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se guardi i dati la virosi della polio era già in declino quando è stato messo in commercio il vaccino.
      Non dimentichiamoci che la nostra italia (fatta di otta/novantenni) è in buonissima parte non vaccinata... Quindi non è proprio vero che 'si muore' se non ci si vaccina! Io ad esempio ho fatto la mia scelta: sia vaccinarsi che non vaccinarsi presuppone dei rischi. È facile parlare 'di poche decine di casi di danni da vaccino' quando uno dei 'danneggiati' è tuo figlio... Negli ultimi due anni lo stato italiano ha soeso un milione e trecentomila euro di risarcimenti e a qualcuno saranno pur andati, giusto?
      Personalmente in questo caso dopo luuunghe e complesse ricerche e dopo le mie esperienze con una casa farmaceutica per cui ho sprimentato un farmaco e con la quale sono ancora in causa (ho 'donato' 15,000 euro per partecipare al trial e a momenti rimango paralizzata... Le mie cartelle cliniche (tutta la mia storia clinica dei diciotto mesi in questione) sono stati secretati come da contratto (!) e da lì la mia sfiducia verso le case farmaceutiche non ha fatto che aumentare... La mia non è solo la semplice paura di una reazione avversa ma penso che le case farmaceutiche (diversamente dai singoli medici) sono società che come unico scopo hanno quello di guadagnare, che sarebbero pronte ad omettere dati ed a pilotare le ricerche (e non c'entrano i complotti... C'entrano i guadagni!) e di conseguenza non mi fido dei farmaci da loro prodotti. Scelta sbagliata? Scelta da irridere? Io so però che se a mio figlio venisse uno shock anafilattico mortale dovuto ad un vaccino io mi sentirei un'omicida. È giusto? È sbagliato? Si può discutere sui sentimenti? Perchè vacciniamo un neonato a termine nato sano per l'epatite B anche se la madre ha anticorpi vaccinali? Il mio secondo è stato vaccinato (senza consenso!) in quinta giornata e in sesta ha avuto un ittero patologico così grave da dover effettuare la plasmaferesi... Secondo il medico dell'ospedale, detto tra l'altro con tono leggero 'si, poteva essere stato il vaccino, lo avevano visto succedere altre volte!'
      Perchè questo effetto avverso non è stato riportato alla asl? Perchè a nessun genitore viene detto che QUALSIASI effetto avverso che si manifesti nei successivi 40 giorni all'inoculazione vada riportato?
      Io penso che le statistiche sarebbero ben diverse se questi studi venissero riportati...
      E se i miei figli prenderanno il morbillo avrò 36 ore dalla comparsa delle prime eruzioni per inoculare il vaccino, che tra l'altro posso scegliere di fare singolarmente (e non in un'esavalente! Come può un sostema immunitario non essere aggredito da un'esavalente?!) in un centro di vaccinazione per viaggi all'estero.
      Ps il vaccino per la difterite (che ho fatto diverse volte in quanto sono una fotografa che ha viaggiato per mezzo mondo) immunizza solo in percentuali molto basse, basta conservarlo male per mezz'ora e diventa inefficace.
      L'europa poi è polio free
      O forse dovrei vaccinarmi per aviaria, suina o per la prossima 'pandemia mortale' dal nome accattivante?
      A proposito, Dottore, sarebbe bello se Lei potesse occuparsi della fine che hanno fatto queste infezioni, sono sparite dalla tv e dal web e in giro trovo solo bufale

      Elimina
    2. non è proprio vero che 'si muore' se non ci si vaccina!

      Certo che non è vero. Esattamente come non è vero che chi non mette il casco in moto debba morire. Può morire se cade, mentre chi ha il casco ha una più alta possibilità di salvarsi.
      Se una persona non mette il casco in moto perché "se non lo metto non è che muoio", fa una scelta. Molto stupida ma la fa.

      le case farmaceutiche (diversamente dai singoli medici) sono società che come unico scopo hanno quello di guadagnare

      "Tutto il mondo" ha lo scopo di guadagnare, anche il panettiere o il giornalaio. In particolare nel campo dei vaccini, le case farmaceutiche stanno abbandonando le linee di produzione perché sono prodotti che non rendono economicamente, rappresentano una delle fasce meno convenienti (per loro) da produrre.
      Detto questo: senza case farmaceutiche ci cureremmo con le radici e le bacche bollite. Non bisogna essere dipendenti dalle case farmaceutiche ma nemmeno tanto ingenui da credere che i farmaci crescano sugli alberi.

      Perchè vacciniamo un neonato a termine nato sano per l'epatite B anche se la madre ha anticorpi vaccinali?

      Perché se il neonato (poi bambino) dovesse infettarsi con l'epatite B ha un'alta probabilità di sviluppare cancro del fegato (oltre l'epatite che non è certo una passeggiata). Al contrario un adulto che si infetta, molto probabilmente, svilupperà solo la malattia cronica, brutta ma non sempre soggetta a degenerazione neoplastica. In Italia, introdotta la vaccinazione obbligatoria per l'epatite, i casi sono crollati e da noi l'epatite B era epidemica...

      E se i miei figli prenderanno il morbillo avrò 36 ore dalla comparsa delle prime eruzioni per inoculare il vaccino

      Beh, le auguro di essere tanto brava da saper diagnosticare un morbillo in 36 ore. Sarebbe un bel record.

      Come può un sostema immunitario non essere aggredito da un'esavalente?!

      Infatti non è "aggredito" ma "stimolato" ed invece di fare 6 punture, con 6 fiale contenenti eccipienti, 6 appuntamenti, 6 stress, 6 rischi di avere effetti collaterali o allergie ne fai 1 (una). È talmente logico che non capisco come non si possa capire.

      il vaccino per la difterite immunizza solo in percentuali molto basse

      Ma non è vero. Chi le ha detto una cosa del genere? Il vaccino antidifterico la protegge benissimo dalla tossina batterica, non dall'infezione e la tossina è ciò che rende la difterite pericolosa (raramente). Chiaro che se lo conserva o maneggia male può essere rovinato ma questo che c'entra.

      sarebbe bello se Lei potesse occuparsi della fine che hanno fatto queste infezioni

      L'ho fatto ai tempi della "pandemia".
      Poi non se ne è più parlato.

      Elimina
    3. Dato che una lettrice ha citato la difterite, mi sento in dovere di recare una piccola testimonianza.

      Quanti qui dentro hanno mai conosciuto una persona che s'è ammalata di difterite? Io soltanto una, mio padre, che l'ebbe da bambino, fine anni Quaranta. Dopo, si è diffusa la vaccinazione, infatti in Italia è praticamente scomparsa. Lo era anche in Spagna, ultimo caso nel 1986, prima che un bambino di 6 anni, figlio di antivaccinisti, ne morisse nel 2015.

      A meno che la lettrice o chi per lei pensino che la difterite sia scomparsa da sola, è evidente che la vaccinazione funziona.

      Elimina
    4. Guarda, il fatto che molta gente pensi alle malattie scomparse "per magia" (come se i batteri ed i virus si fossero estinti) è un fenomeno molto diffuso proprio perché non le vediamo più in mezzo a noi. Un altro classico è il riferimento ai grafici in cui si vede l'incidenza della malattia che inizia a diminuire e poi con l'inizio della vaccinazione praticamente scompare. Allora pensano: "ecco, stava già sparendo prima della vaccinazione" (ed indicano nelle migliori condizioni igieniche il merito di questo miglioramento).
      In realtà anche questa è una falsa percezione. Non solo si può notare come le malattie infettive crollino improvvisamente (ed in coincidenza con le vaccinazioni, in annni diversi secondo la loro introduzione per le diverse malattie) e non gradualmente (se fossero solo le condizioni igieniche la malattia non scompariebbe certo in un anno e per sempre) ma anche come queste "condizioni igieniche" cambino negli anni.
      Nelle malattie virali, ad esempio, le epidemie hanno un classico andamento altalenante (nei grafici sembrano denti di sega), prima tantissimi casi, poi diminuiscono, poi di nuovo tantissimi e così via. Quando è stata introdotta la vaccinazione questo andamento non c'è più stato, i casi sono diminuiti e basta.

      Altro errore di percezione: non stiamo parlando di differenze tra il 1800 ed oggi ma tra il 1960 ed oggi. Le nostre città avevano già condizioni igieniche normali e simili alle nostre ed io ricordo benissimo i miei compagni di scuola poliomielitici.
      Ma si sa, l'uomo dimentica presto.

      Elimina
  5. "No, non vaccinarsi non è come buttarsi dall'aereo senza paracadute, è come evitare di salirci, su quell'aereo"

    E buttarsi invece direttamente dal campanile, perchè mio cuggino ha letto su internet che il guru Machica Voloe ha spiegato che tutti possiamo volare, basta attivare l'energia psicovolatronica che risiede nel quarto chackra a sinistra, come se fosse antani..

    RispondiElimina
  6. "basta attivare l'energia psicovolatronica che risiede nel quarto chackra a sinistra, come se fosse antani"

    Questa, giurin giuretta, te la rubo!
    :D

    RispondiElimina
  7. Proprio l'altro giorno ho avuto una lunga e "interessante" discussione con un mio conoscente, convinto che ci siano tanti complotti al mondo e che i poteri forti vogliano tenerci tutti ignoranti, statici, privarci di diritti...

    Lui ha una bimba, pur vaccinata, ma non è sicuro che i vaccini facciano bene. Ho provato a discutere, gli ho detto che mi intendo dell'argomento e che l'ho studiato a dovere (lui no, per sua stessa ammissione). Varie volte mi ha interrotto dicendo:

    "Credo alla tua buona fede, ma chi ti dice che non ti abbiano fatto credere delle cose sbagliate? Come puoi sapere che gli studi che hai letto non siano ingannevoli proprio per farti credere quello che vogliono loro?"

    Alla fine, ho trovato un'argomentazione che ha fatto breccia. Gli ho chiesto:

    "D'accordo, ti chiedo una cosa che puoi verificare anche tu. Quante persone conosci che hanno avuto la difterite?"

    Silenzio... Dopo un po' ammette: "Non lo so".

    "Io solo una, mio padre, da bambino, fine anni Quaranta. Da decenni in Italia non s'ammala più nessuno di difterite. Una volta era comune, chiedi ai tuoi genitori o ai tuoi nonni".

    "Davvero era comune?"

    "Non mi credi? Allora pensa a un'altra cosa: tu hai un segnetto sulla spalla? Sei vaccinato contro il vaiolo. Conosci qualcuno che abbia avuto il vaiolo?"

    "No"

    "Ecco, una volta morivano migliaia di persone di vaiolo. La forma maior della malattia aveva una mortalità del 30%, dal 1976 non c'è un solo caso di vaiolo a livello mondiale. Secondo te è scomparso da solo?"

    "Potrei continuare con altre malattie. Ma vedi che, nell'arco di pochi decenni, malattie del tutto normali sono scomparse per sempre. Chiedi ai tuoi genitori. Forse ci sono dei complotti tra i potenti, ma che i vaccini abbiano fatto del bene è provato".

    Non ha saputo come rispondere e ha ammesso che ci penserà. Credo che con individui del genere, sia già un'enorme vittoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio papà era del '43, ricordo il momento in cui abbracciandolo presi per la prima volta consapevolezza di quel segno tondo, uno stampo profondo e molto evidente, sul braccio, molto su, quasi sulla spalla. Sinistra? Io ricordo sinistra.
      La prima cosa che che feci fu controllare il braccio di mamma, mamma è del '40.
      Il segno c'era, un pochino più in basso, stesso braccio, molto più leggero e sbiadito.
      Chiesi, eri molto piccola, ma prima di tutto chiesi e fu mio papà, operaio siderurgico, licenza media conseguita alla serale, a spiegarmi i vaccini e le malattie, il vaiolo e l'epidemia di colera, che aveva colpito napoli appena tre anni prima che io nascessi.
      Me ne parò come un fattodi grande importaza storica: l'ultima grande epidemia nella nostra città, le vaccinazioni di massa allo stadio san paolo, il loro viaggio di nozze e non potersi spostare senza esibire ogni due per tre i certificati di vaccinazione
      I miei appartenevano a una generazione per cui studiare era un atto rivoluzionario, marxista.
      Non capisco cosa succede oggi alla nostra cultura, per cui tutti parlano e scrivono, ma nessuno legge.

      Elimina
    2. Sono in piedi, in segno di rispetto, e sto applaudendo.

      Elimina
    3. Non capisco cosa succede oggi alla nostra cultura

      Nulla di strano.
      Abbiamo tanto accesso alla cultura, dovunque, semplice da raggiungere, per tutti che sembra come una fila di buonissimi dolci esposti in vetrina, esposti allo sguardo dei passanti.
      Crediamo basti fermarsi ed ammirarli attraverso il vetro per sentirsi la pancia un po' più piena. Ma se quel dolce non lo assaggi si è solo illusi di averlo mangiato, si va in giro a dire "in quella pasticceria fanno dolci buonissimi" quando in realtà ne abbiamo visto il colore e la forma ma non ne abbiamo mangiato una sola briciola.
      È il rumore della pancia vuota che ce lo fa capire.

      Elimina
    4. grazie granmarfone a nome di papà e grazie a salvo per la risposta, ma poi mi viene una domanda: che si può fare?
      c'è qualcosa di pratico, utile e praticabile, che ognuno di noi potrebbe fare, per migliorare un pò la situazione?

      Elimina
    5. Abbandonare l'idea di cambiare il mondo, bella ma molto distante dalle possibilità reali. Accontentarsi di lasciare dei "semi" che germogliano. Chi con un blog, chi partecipando alle discussioni, altri incoraggiando, facendo qualcosa, sostenendo, serve semplicemente mantenere salda quella minoranza (che è stata SEMPRE una minoranza) disposta ad usare la testa più che la pancia.
      Ricordandosi anche che un giorno, si spera mai, anche noi potremmo essere creduloni davanti a qualcuno che ci fa promesse esagerate ma che noi speriamo siano vere.
      Che poi è anche divertente ed appassionante impegnarsi in ambiti così, sono molto interessanti e si impara molto.
      :)

      Elimina
    6. Anch'io un po' in ritardo, applaudo. Per sdebitarmi del ritardo (a volte sto lontano da ciò che amo) ti ho citata nella mia pagina fb.

      Elimina
  8. Mi chiedevo per quale ragione il blogger ed i suoi seguaci sembrano il più delle volte voler convincere tutti della verità delle loro posizioni.

    Nel caso dei vaccini una spiegazione potrebbe essere la paura del venir meno della cosiddetta "immunità di gregge".
    Ma ad esempio, nel caso dell'omeopatia, o dell'osteopatia, una simile ipotesi viene meno.

    Siete convinti della infallibilità della scienza, o comunque del fatto che anche se fallibile è pur sempre meglio che affidarsi al caso o alle opinioni personali. Questo sicuramente ha senso: ciascuno matura una certa visione del mondo.
    Quello che non capisco è per quale ragione dobbiate per forza convincere tutti gli altri.
    Uno dei principi di chi si affida all'empirismo dovrebbe essere la cautela, il diffidare non solo delle certezze degli altri, ma anche delle proprie. Ed anche imparare a rispettare le opinioni degli altri anche quando appaiono errate.

    Buon proseguimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ma ad esempio, nel caso dell'omeopatia, o dell'osteopatia, una simile ipotesi viene meno"

      E infatti lì basta proprio la fuffaggine in sé - ad esempio, l'omeopatia: spiega perché l'acqua dovrebbe essere come la spada di Grifondoro e trattenere solo memoria di ciò che fa bene? Perché le favole vogliono un lieto fine?

      "Uno dei principi di chi si affida all'empirismo dovrebbe essere" stare attento a quel che prova e a come lo prova - in tre/cinque giorni qualsiasi talismano potrebbe curarti da un raffreddore. Farti passare una frattura ossea, invece, richiede circa un mese (poi dipende anche la frattura è scomposta o meno e dall'età, ma non della pietra, pare).

      E' contro cose un po' più definitive che pare le pietre abbiano qualche problema - tipo anche solo una peritonite, per dire - figurati mali più seri.

      Beh, un caro saluto a Harry Potter e compagni. Purtroppo noialtri siamo tutti Babbani e con noi certe cose pare proprio non funzionino

      Elimina
    2. Quello che non capisco è per quale ragione dobbiate per forza convincere tutti gli altri.

      Per come la vedo io, lo scopo di questo blog, dei miei blog e di quasi tutti i blog che fanno divulgazione scientifica o antibufala è quello di informare, non convincere. La scienza non va avanti a dogmi, chi segue dogmi non può essere convinto del contrario (prova a dire a un credente che il suo dio non esiste), ma se qualcuno cerca informazioni e non ha una posizione dogmatica allora il lavoro del debunker e dell'informatore scientifico sono preziosi

      Elimina
    3. "Siete convinti della infallibilità della scienza, o comunque del fatto che anche se fallibile è pur sempre meglio che affidarsi al caso o alle opinioni personali."

      Che il metodo scientifico sia, al momento, lo strumento migliore che abbiamo per determinare se un fenomeno si verifica o no (e, in seconda istanza, perché lo fa) è molto di più di una semplice convinzione; direi che è un fatto conclamato.

      «Reality is that which, when you stop believing in it, doesn’t go away.»
      (Philip K. Dick)

      Elimina
    4. Quello che non capisco è per quale ragione dobbiate per forza convincere tutti gli altri.

      Vedila da un altro punto di vista.
      Chi legge cose che smentiscono le proprie convinzioni, pensa che qualcuno voglia "convincerlo", quasi obbligarlo a cambiare idea e per questo si chiude a riccio, spesso diventa aggressivo (si sente attaccato), ha il sospetto di essere preso in giro (non è facile, specie se non hai le competenze adatte, capovolgere una propria idea fissa) e rifiuta a priori ogni argomento.
      Guarda l'esempio del primo commento, quello sullo squalene: il commentatore non ha argomentato o spiegato i suoi dubbi (è lecito averne) ma ha buttato un termine lì "squalene", con tanto di punti di sospensione. Un sospetto, manca solo la musica da film horror. Lui non ha fatto studi sullo squalene e probabilmente neanche sa di cosa si tratta ma avrà letto da qualche parte che è una pericolosissima sostanza contenuta nei vaccini. Per lui quindi non basterebbe nessun argomento, nessuna spiegazione, a lui basta la parola...squalene...non serve altro e non sente ragioni.
      Capisci cosa voglio dire?

      Io, sia professionalmente che nella mia passione per la divulgazione, non ho MAI pensato di dover convincere qualcuno. Professionalmente lavoro in ospedale, se uno sta male e vuole venire da me viene, provo a curarlo e finisce lì. Nella divulgazione io scrivo (il "blog" è un "diario personale"), chi vuole legge e si fa le sue idee.
      Non per niente non troverai mai un post nel quale scrivo "questa cosa è così perché lo dico io che sono medico quindi ho ragione" ma "questa cosa sembra essere così perché lo studio A, confermando lo studio B, mostra questo dato".
      Fine.
      Il resto sono costruzioni personali che non mi riguardano.
      Ciao!

      Elimina
    5. "Io, sia professionalmente che nella mia passione per la divulgazione, non ho MAI pensato di dover convincere qualcuno."

      Forse mi sfugge qualcosa per via delle implicazioni che ha il verbo dovere utilizzato (io avrei usato volere, per esempio), comunque chiedo se l'idea di convincere qualcuno non passi per la testa accidentalmente nemmeno nel caso di persona intenzionata a non usare o ad abbandonare i trattamenti c.d "tradizionali" per curarsi il cancro a colpi di bicarbonato.

      Elimina
    6. Forse mi sfugge qualcosa per via delle implicazioni che ha il verbo dovere utilizzato (io avrei usato volere, per esempio)

      No, "dovere" lo trovo più adatto. Io non "devo" convincere nessuno, non è il mio lavoro né la mia vocazione, mi piacerebbe che ad ogni post tutti coloro che credono alle varie sciocchezze dicessero "ah, grazie, non lo sapevo, ora ho capito" ma non è così e so che non lo sarà mai. Io scrivo per passione, il senso del dovere ce l'ho dentro e lo uso cercando di fornire informazioni corrette, oneste, equilibrate ma non posso condizionare la vita degli altri, ancor meno se in stato di malattia.

      l'idea di convincere qualcuno non passi per la testa accidentalmente nemmeno nel caso di persona intenzionata a non usare o ad abbandonare i trattamenti c.d "tradizionali" per curarsi il cancro a colpi di bicarbonato.

      A me scrivono tante persone che stanno usando o vorrebbero usare una delle tante finte terapie (anche per malattie gravi come il cancro), non ho MAI usato una parola per convincerli o pressarli a cambiare idea. Faccio presente che quella descritta è una cura non scientifica, senza basi e che non ha mai curato nessuno, faccio presente che i vari guaritori non hanno nessuna attendibilità medica e poi concludo "la scelta è personale, le auguro di fare la migliore". Non sono né in missione di salvezza dell'umanità né pretendo di essere un guru, in ospedale curo, in rete informo.

      Elimina
    7. "Rispettare le opinioni degli altri anche quando appaiono errate"... vuol dire che dobbiamo rispettare qualsiasi cavolata?

      Elimina
    8. @Simone Ruggeri: ognuno ha i propri motivi, che credo siano diversi un poco da quelli degli altri. Il mio motivo di "voler convincere" è che credo sia buono farlo; siccome credo alle cose perchè le ritengo vere ritengo che se anche gli altri le sapessero ne avrebbero un vantaggio. Es: so come si usa un computer e quindi aiuto le persone che hanno difficoltà ad usarlo, così c'è un vantaggio collettivo. So che i vaccini sono utili, convinco le persone che non li vogliono usare ad usarli, così stanno meglio.
      Poi non è che vada in giro per la strada a controllare chi fa "bene" e chi fa "male", però ho sempre avuto questo brutto tratto del carattere.

      Elimina
    9. imparare a rispettare le opinioni degli altri anche quando appaiono errate.

      Ecco, anche qui potrei fare l'esperimento. Chiamare un ingegnere e chiedergli di costruire un aereo con la carta velina. Alla sua risposta "guardi che è impossibile e soprattutto molto pericoloso", inveire, chiedendogli di rispettare tutte le opinioni, anche se appaiono sbagliate.

      Cioè, secondo me, in tutto questo c'è qualcosa che non va.
      :)

      Elimina
    10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    11. Io direi che quello che non va è continuare a confondere il diritto di dire quel che si vuole con il valore di verità di ciò che si dice. Mi sembra che questa sia all'origine di tanta confusione.

      Elimina
    12. Io direi che quello che non va è continuare a confondere il diritto di dire quel che si vuole con il valore di verità di ciò che si dice

      "Everyone is entitled to their own opinions, but they are not entitled to their own facts"

      Elimina
    13. "Chiamare un ingegnere e chiedergli di costruire un aereo con la carta velina."
      In Corea del nord si può costruire un aereo con la carta velina: anzi li fanno tutti in carta velina se lo dice Lui! :)
      E non si ammalano se lo dice Lui! :)

      Elimina
    14. "Quello che non capisco è per quale ragione dobbiate per forza convincere tutti gli altri."
      Io lavoro in un centro oncologico. Ho visto una donna che si era rivolta a una naturopata e aveva trattato il suo tumore al seno con gli impacchi di erbe e argilla; quando -di fronte all' evidente insuccesso della "cura"- è arrivata da noi il tumore era ormai grosso come un melone, era piena di metastasi e c' era ben poco da fare per guarirla, anche se gli oncologi ci hanno provato. Ho visto una ragazzina i cui genitori hanno rifiutato la chemioterapia adiuvante dopo che un bravo chirurgo era riuscito ad asportarle un enorme tumore del torace; la mamma credeva nella potenza delle preghiere, e si è decisa ad accettatre le chemioterapie solo quando il tumore era ricresciuto come prima dell' operazione. Questi sono i casi più clamorosi, ma ne ho visti tanti, negli anni. Allora, se chi sceglie di curarsi con l'omeopatia o con l' Essiac, o con l'aloe ecc. lo fa per sè stesso (non sceglie per un figlio minorenne, o per un genitore incapace di ribellarsi) e accetta FINO IN FONDO le conseguenze (senza andare poi in ospedale quando la situazione è ormai gravissima, chiedendo di essere salvato dalla medicina che -presa in tempo- lo avrebbe guarito ma che adesso rischia di non essere più risolutiva) per me sta benissimo. Ma se mi chiede un parere PRIMA di scegliere, io dico sinceramente che al posto suo non lo farei, e che se si trattasse di un mio parente o del mio miglior amico lo sconsiglierei caldamente dal farlo. E spiego il perché.

      Perché noi medici ci accaloriamo? Perché abbiamo scelto di fare questo lavoro per guarire la gente, per farla stare bene, o il meglio possibile. Quindi non possiamo restare indifferenti davanti a chi crede a venditori di fumo (e in certi casi di morte).

      Sarebbe come tacere vedendo un ragazzino accettare caramelle da uno sconosciuto, un ubriaco che si mette alla guida, uno sbruffone fare l'equilibrista su un viadotto, un ragazzo che va afare il bagno in un fiume in cui sappiamo che ci sono gorghi pericolosi... E' un dovere civile.

      Elimina
    15. Lascia stare amico mio... purtroppo ormai si prende per verità solo la scienza quantitativa,come dai tempi di lavoisier. Ci siam dimenticati completamente di quella qualitativa, anzi, si disprezza fortemente chi la sostiene! La scienza è un'insieme di entrambe ma purtroppo ci hanno cambiato la forma mentis... però mi raccomando eh, che nessuno si chieda il perché contraiamo determinate malattie più spesso oggi rispetto ad altri tempi!

      Elimina
    16. "Rispettare le opinioni degli altri anche quando appaiono errate"
      Smentire NON E' mancare di rispetto
      Il concetto stesso di dialogo si fonda sul presupposto che esistano dei dati, che questi dati prescindano dal loro osservatore, che si possano misurare e le misurazioni comunicare e confrontare.
      Una persona che crede che nulla sia oggettivo e tutto opinabile, perchè diamine esprime opinioni e pretende siano rispettate? Se tutto è opinabile, nulla ha senso e ragione di essere comunicato e condiviso
      (sto in filosofia mode on)

      Elimina
    17. Se "tutto è opinabile" fosse vero almeno la frase "tutto è opinabile" sarebbe una verità assoluta e quindi è falsa. Direi che trattasi di logica non di filosofia. :)

      Elimina
    18. in questo blog mancano i like :)

      Elimina
  9. Certe persone non cambieranno mai idea, io non ci darei peso.

    Per tutte le altre, (o perlomeno per me) questo articolo é molto interessante e ben strutturato: grazie

    RispondiElimina
  10. Veramente Gava nel suo libro scrive "L'autore e l'editore non si assumono responsabilità per effetti negativi causati dall'uso (...) delle informazioni qui contenute" ?
    Dunque si puo' dire che di costoro "ma se i vaccini non-sono sicuri e provocano effetti collaterali, perché i medici antivaccinsit non firmano un documento di assunzione di responsabilità?"

    Saluti (non riesco piu' ad accedere con il mio vecchio account, ne ho creato uno nuovo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo se questo ragionamento funziona anche per cose come vannoni, simoncini, di bella, medici omeopati etc. Dovrei provarlo al primo antivaccinista che incontro che mi parla di bicarbonato.

      Ma per fortuna non ne incontro tanti-

      Elimina
  11. Considerando la propaganda politica degli ultimi vent'anni, dove i fatti sono spariti ed è tutto un'opinione (per forza legittima), non vedo perché ci si debba stupire se poi la gente non si vaccina credendo alle favole.

    RispondiElimina
  12. Ragazzi, noi viviamo in un paese dove si pensa che il foglio che ti fanno firmare prima di qualsiasi operazione sia per sollevare il medico da qualsiasi responsabilità.

    Ma che vogliamo pretendere?

    RispondiElimina
  13. Propongo un esperimento.
    Presentare una dichiarazione del genere ad un "naturopata", in cui si chiede di certificare la completa responsabilità per qualsiasi effetto avverso, o mancanza di effetti curativi, della cura proposta. Con tutti i danni indiretti conseguenti. Es. ti danno un rimedio omeopatico, si assumono la responsabilità qualora fosse dimostrato che non fa nulla, o qualora non facesse nulla nel caso specifico, del ritardo nella cura.

    RispondiElimina
  14. Comunque alla lista dei tessuti animali presenti in quella lista aggiungerei il cazzo di cane...

    RispondiElimina
  15. Caro Salvo, mi permetto di commentare. Studente di infermieristica al terzo anno. Ritrovo tutto ciò che hai scritto. Questo Paese sta sprofondando nell'assurdità più totale. Grazie agli pseudo-scienziati, agli pseudo-medici, e a tanti altri pseudo-qualcosa.
    Per fortuna, oltre ai siti da due soldi il cui unico scopo è "fare click" con queste baggianate, ogni tanto brillano blog come il tuo. Continua così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però mai abbattersi. Ricorda sempre che l'ignoranza fa molto rumore e quindi sembra siamo circondati. Non è vero.
      Gli antivaccinisti in Italia sono 4 (quattro), tutti medici privati, il loro stipendio dipende da quanta pubblicità riescono a farsi e per farla devono gridare.
      Ma molto meglio essere onesti in silenzio che ciarlatani con il megafono in piazza.
      Grazie e ciao (ed in bocca al lupo per i tuoi studi).

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Apparte la vaccata del fatto che i medici antivaccinisti siano solo 4 visto che in Italia sono molti di più E cercando di non indagare Sul rapporto Tra medici E case farmaceutiche perché rischierei di prendere numerose denunce Ti posto un link Katy Serve come base per capire quanto siano pericolosi e poco testati i vaccini a base di squalene


      http://attentiallebufale.it/informazione-scientifica/speciale-bufale-pandemiche-come-difendersi/vaccino-e-squalene/

      Elimina
    4. E cercando di non indagare Sul rapporto Tra medici E case farmaceutiche perché rischierei di prendere numerose denunce

      Non ho capito, ti denuncerebbero solo perché indaghi? Se indaghi e trovi reati (e li provi) smaschereresti truffe, nessuno potrebbe denunciarti. Guarda me, ho indagato per anni su truffe e fregature anche da parte di medici antivaccino e nessuno mi ha denunciato. Basta attenersi ai fatti, le denunce partono se scrivi falsità.

      Ti posto un link Katy Serve come base per capire quanto siano pericolosi e poco testati i vaccini a base di squalene

      Ma tu non puoi uscirtene così. Altrimenti ti rispondo con le parole dell'OMS (sai cos'è?):

      "Twenty two million doses of Chiron's influenza vaccine (FLUAD) have been administered safely since 1997. This vaccine contains about 10mg of squalene per dose. No severe adverse events have been associated with the vaccine. Some mild local reactogenicity has been observed.
      Clinical studies on squalene-containing vaccines have been done in infants and neonates without evidence of safety concerns."
      (http://www.who.int/vaccine_safety/committee/topics/adjuvants/squalene/questions_and_answers/en/)

      Allora facciamo così, per evitare il vecchio gioco di chi lancia il sasso e poi nasconde la mano (come hai già fatto dimostrando poca correttezza), rispondi a questa domanda: mi diresti quali vaccini per l'infanzia contengono squalene ed in quale studio (link a studi, non a pagine internet) ne è stata rilevata la poca sicurezza o pericolosità? Parla con parole tue, spiega le tue ragioni, forza.

      Aspetto risposta.
      Se non arrivasse non saranno più accettati tuoi commenti.
      Grazie!

      Elimina
    5. Gabriele, vedo che continui a commentare senza rispondere alle domande ed incurante della mia richiesta, forse non hai letto il mio commento, ricopio la parte più importante così la metto in evidenza:

      Aspetto risposta.
      Se non arrivasse non saranno più accettati tuoi commenti.
      Grazie!

      Elimina
  16. sto leggendo con molto interesse, ma da appassionata di giurisprudenza, con studi universitari alle spalle e grande passione per la materia, la mia domanda è sempre una: perchè cani e porci pensano di poter scrivere testi legali?
    Un minimo di alfabetizzazione renderebbe evidente per esempio che, pure se quel testo inglese fosse giuridicamente corretto, magri sarà stato redatto per un altro ordinamento giuridico e che quindi, bene che va, non basta tradurlo, ma tocca adattarlo al proprio ordinamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Però mi auguro che non debba anche sottostare alla prosa, alla grammatica e alla sintassi della giurisprudenza italiana.

      Elimina
    2. Hai studiato giurisprudenza? :)

      Elimina
    3. No, mi è bastato leggere il commento delle 13:47.
      Però potrei sbagliarmi: magari la Giurisprudenza - per via professionale o passionale - non c'entra.

      Elimina
    4. Infatti ti sbagli.
      Chi ha avuto la bella idea di questi geniali formulari, ha fatto il seguente ragionamento: se i medici accettano di sottoscrivere un obbligo LEGALE, allora sono in buona fede.
      Bella, ammesso che uno sia in grado di scrivere un testo che vincoli giuridicamente un altro.
      Il testo scritto da Salvo, per darti una pietra di paragone, era scritto in maniera giuridicamente inappuntabile e in grado di vincolare il contraente, se l'avesse sottoscritto.
      Se un medico firmasse uno di questi formulari e per ventura uno di questi finisse in tribunale, ai sensi della legge vigente, l'unica conseguenza sarebbe far fare una sonora risata al giudice, ma penso la più bella risata mai sentita in un tribunale.
      Sicuramente questo è un aspetto marginale dell'articolo di Salvo, ma a mio avviso interessante: i medici potrebbero tranquillamente firmare senza timore di alcuna conseguenza e vedere l'effetto che fa a questi intelligentoni, convinti di averli sgamati.
      Ad una persona come me, leggere un formulario così poi, fa lo stesso effetto che fa ad un ingegnere il progetto di un boing di carta velina con i motori di marzapane
      Il diritto è quella scienza che tutti ignorano, finchè non gli serve, quando fanno un incidente d'auto, quando devono riempire un formulario per la scuola dei figli, sposarsi, separarsi... E' la scienza che più di tutte compenetra tutti gli aspetti della nostra vita, non ultima le cure mediche e sarebbe bello vederla approcciata con la curiosità e il rispetto che ogni scienza merita.

      Elimina
    5. " i medici potrebbero tranquillamente firmare senza timore di alcuna conseguenza e vedere l'effetto che fa a questi intelligentoni, convinti di averli sgamati."

      Il veleno è tra le righe: farebbero firmare al medico che sa che i vaccini sono tossici e altre cose anche ridicole, sì, ma tanto gli basterebbe poi per andare in giro a dire che "pure il medico XY ha ammesso che i vaccini sono un veleno e fanno male".

      Così quei medici che per dimostrare che i vaccini non hanno niente a che fare con l'autismo (cosa evidente già solo dal fatto che gli autistici non sono - come dovrebbe essere se un influsso ci fosse - milioni ma qualche migliaio), si ritroverebbe ad essere....sponsor della bufala(!)

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Il bizzarro principio che le persone di normale intelligenza e cultura debbano "rispettare le opinioni degli altri, anche quando appaiono errate" è l'ultimo rifugio dei cazzari, fuffari e mentecatti vari quando si trovano con le spalle al muro sul piano logico.

    In realtà, un principio del genere non solo non esiste, in nessuna cultura e in nessuna civiltà, ma NON DEVE esistere. Perchè ad esempio io potrei, senza alcuno sforzo intellettuale, snocciolare tutta una serie di "opinioni" che non solo mi farebbero mettere per sempre al bando da questo sito, ma con tutta probabilità mi farebbero avere (meritatamente) dei guai. "I neri sono tutti....", "gli ebrei fanno...", "i finocchi non possono pretendere..." eccetera eccetera eccetera.

    Sono "opinioni," no? E dal mio punto di vista, le "opinioni" degli antivaccinisti sono esattamente sullo stesso piano. Il fatto che non vengano trattate allo stesso modo sul piano legale è un grave errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si può mettere sullo stesso piano di responsabilità chi opera con l' umano e chi con la materia....

      Elimina
    2. La prima democrazia dovremmo averla di pensiero. Ci sono tanti stati estremisti (e lasciamelo dire anche un pò fascisti) dove chiunque non la pensi come il leader viene imprigionato o fucilato sul posto... Basta emigrare! Ovviamente a meno che lei non mi dimostri che esistono studi scientifici indipendenti che attestano che la mortalità infantile dei bimbi non vaccinati è superiore a quella dei vaccinati e in tal caso le assicuro che cambierò idea.
      Dottore, perchè non modera anche questo genere di commenti? Io ho due lauree e vent'anni di volontariato nel terzo mondo sulle spalle e vedere le mie idee associate a certe parole lo trovo MOLTO irrispettoso

      Elimina
    3. Io ho due lauree e vent'anni di volontariato nel terzo mondo sulle spalle

      Io ne ho una più una specializzazione ed un diploma universitario, 20 anni di professione. Non sarei tanto sicuro nell'esporre le mie idee in campo ingegneristico o aerospaziale in quanto in questi campi sono un perfetto incompetente e sono sicuro farei enormi figuracce.
      Invece noto che ci sono persone che, pur essendo ignorandi in certi campi (e qui parliamo di medicina) non hanno alcun problema a "dire la loro" ma soprattutto di pensare sia giusta anche quando un competente li smentisce. Questo non è un problema per me ma per loro.
      Una persona che sostiene che i vaccini non siano utili (e mi fermo a questa affermazione) è ignorante, nella peggiore delle ipotesi in malafede.

      Elimina
  19. @salvodigrazia ho letto che è molto importante assumere quotidianamente pastiglie di acido folico almeno tre mesi prima del concepimento, per prevenire malformazioni o altri problemi. È realmente importante o basta una corretta alimentazione?

    RispondiElimina
  20. È realmente importante o basta una corretta alimentazione?

    È realmente importante assumere ac. folico prima di programmare una gravidanza, se l'alimentazione è varia e preferisce le verdure, la quantità utile si assume già, se si ha il dubbio (o l'esigenza) di non poterne assumere a sufficienza è meglio integrare. L'importanza dell'acido folico in gravidanza è dimostrata.

    RispondiElimina
  21. Ci tenevo a dire che pur non avendo vaccinato i miei figli per curarmi vado dal medico e non certo dall'omeopata! Perchè a me sembra che l'assioma sia antivaccinista=credulone ignorante=seguace di santoni e guaritori... Beh, non è così. E per i minorenni per fortuna esistono i tribunali dei minori cui qualsiasi medico può rivolgersi quando un genitore rifiuta cure di vitale importanza per il figlio. Non siamo mica scientologisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me sembra che l'assioma sia antivaccinista=credulone ignorante=seguace di santoni e guaritori... Beh, non è così.

      Non per forza è così. Un antivaccinista può non essere credulone ma semplicemente male informato o plagiato da qualcuno o ancora più banalmente incompetente ma inconsapevole di esserlo. Non c'è un solo motivo per il quale qualcuno è realmente convinto che i vaccini non servano, sono tanti. E quasi sempre stupidi.

      Elimina
  22. Buonasera Dottore, la "leggo" da lungo tempo e le faccio i miei complimenti per il blog e per la chiarezza con cui spiega tematiche mediche di una certa complessità. Avrei da sottoporre un caso alla sua attenzione. Premetto che io sono favorevole ai vaccini e se avessi un figlio non penserei neanche un attimo di non farlo vaccinare, ho letto la storia di un povero bimbo malato la cui malattia a dire dei genitori e dei medici che lo hanno in cura sarebbe stata scatenata al terzo richiamo del vaccino esavalente probabilmente a causa di un deficit immunitario o almeno questo è quanto ho capito io. Cosa ne pensa? Questa è la storia del bimbo http://www.iacopomelio.com/il-vaccino-puo-distruggere-la-vita/?doing_wp_cron=1456709494.7907459735870361328125

    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'articolo putroppo non dice nulla, notizie vaghe e frammentate, parla di generica "cerebrolesione" (i vaccini non causano "cerebrolesioni") e poi di "encefalopatia epilettica" (ma non c'è nessuna correlazione tra vaccini ed epilessia), quindi non si può dire più di tanto.
      Inoltre in un punto dell'articolo si parla addirittura di cure che avrebbero migliorato la situazione: omotossicologia (che è una forma di omeopatia) e diete, una delle più tipiche terapie da ciarlatani.
      Quindi, senza esprimere giudizi sul caso (che non conosco), sicuramente non si tratta di un buon servizio per capire come sono andate le cose.

      Però in genere c'è un modo abbastanza attendibile per capire se un problema è realmente un caso (rarissimo) di danno da vaccino (da anni in Italia non c'è un morto o un grave danneggiato da vaccini...): chiedere chi ha fatto questa diagnosi.

      Se la diagnosi di danno da vaccino proviene da una struttura pubblica è probabile lo sia davvero, se proviene da un medico privato o addirittura da uno dei tanti (sempre gli stessi) ciarlatani che vivono di queste diagnosi (inventate), si tratta di una falsità.

      Attenzione: questo non significherebbe che non esista un problema di salute ma che non sarebbe dovuto alle vaccinazioni.

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta e per la chiarezza. Le auguro un buon fine settimana.

      Cordiali saluti

      Elimina
  23. Ottima risposta!
    Ognuno ha il diritto di essere ignorante, io sono ignorante in medicina, proprio per questo mi fido di chi la medicina l'ha studiata.
    Così come non so mettere le piastrelle, quindi mi rivolgo a un piastrellista, nulla di male in tutto ciò.
    Il problema è quando il piastrellista viene da me (che son ingegnere) a dirmi come gestire un processo produttivo.
    Se sei ignorante, stai zitto e lascia fare a chi le cose le ha studiate, se vuoi avere diritto di replica prima studia, informati e diventa esperto nel campo.

    È una regola tanto semplice che non capisco perchè non sia chiara.

    RispondiElimina
  24. Tra l'altro ho sempre il sospetto che, sommando tutti i complotti a cui crede questa gente, risulterebbe che tutti sono coinvolti tranne loro.
    Non sono arrabbiati per il complotto, sono arrabbiati perchè non li hanno invitati a farne parte.

    Però sai, ci avevo judo (cit.)

    RispondiElimina
  25. Buonasera Dott. Di Grazia, desidero farLe i complimenti per la Sua cultura, la Sua intelligenza e il "metodo" collaudato con cui mette con le spalle al muro chiunque abbia un'idea diversa dalla Sua. Sono psicologo e criminologo, lungi da me entrare in ambito medico, però, se me lo concede, mi permetto di dire che il Suo modo di scrivere è, visto dagli occhi della mia professione, fallace non meno di quello dei Suoi oppositori. Forte della Sua posizione e dell'appoggio del branco, colpisce con elegante prepotenza chi non la pensa come Lei, basandosi però sulle medesime formule empiriche. I "difetti" di pensiero che trova nei suoi oppositori, in maniera più sottile, si riscontrano anche in Lei. Quindi, per un ignorante della materia quale so di essere, nè una nè l'altra parte mi dà l'idea di essere totalmente affidabile.
    Detto questo, come io non mi permetto di giudicare le Sue idee in ambito medico, Le chiederei cortesemente di avere l'UMILTÀ di non emettere sentenza sulla mia idea.
    Termino aprendo una piccola parentesi: ho avuto la fortuna di viaggiare per anni, Africa, Sud America e Estremo Oriente le considero la mia seconda casa. Lì ho avuto la fortuna di conoscere gli "stregoni" che riescono a fare medicina senza usare prodotti di sintesi (non mi chieda come perché sono ignorante in materia), sciamani e curanderos che in più di una circostanza mi hanno salvato la Vita. E pensi un po', nessuno di loro ha voluto niente in cambio.
    Questo per dirLe che, loro stregoni e primi medici del pianeta, hanno capito meglio di chiunque altro la debolezza della mente umana, e che per aiutare veramente le persone a guarire, bisogna allontanarsi il più possibile dalle cose materiali, pur avendo una cultura medica importante. Allopatici e naturalisti continueranno a farsi la guerra sulla base di numeri e interessi troppo materiali per essere dei medici completi.
    Sicuro che verrò criticato ma rasserenato dalla mia buona fede e imparzialità, auguro a Lei ed a tutti gli utenti del Suo blog, un buon Viaggio in questa meravigliosa Vita.
    Il sognatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se me lo concede, mi permetto di dire che il Suo modo di scrivere è, visto dagli occhi della mia professione, fallace non meno di quello dei Suoi oppositori

      Mi dispiace che gli psicologi e criminologi vedano il mio modo di scrivere fallace, lei è il primo che me lo fa presente ma accetto la critica (anche se non la argomenta nemmeno per sogno).
      Lei quindi è il portavoce di quale associazione?

      Le chiederei cortesemente di avere l'UMILTÀ di non emettere sentenza sulla mia idea.

      Che sarebbe?

      sciamani e curanderos che in più di una circostanza mi hanno salvato la Vita.

      Fantastico. Quindi, essendoci piena libertà di scelta, la prossima volta che starà male (speriamo mai!) vada da uno sciamano no?
      Chi glielo impedisce?

      Saluti!

      Elimina
    2. Sono una psicologa,e vorrei dissociarmi fortemente dall'opinione del sognatore, invitandolo a parlare per se stesso e non a nome di una categoria.
      La psicologia é una scienza anch'essa, che si bada sul metodo scientifico, cerchiamo di non far passare un messaggio fuorviante con opinioni evidentemente personali.
      Grazie.

      Elimina
  26. 1.
    L'argomentazione è rapida: Le Sue "prove" sono attendibili tanto quanto lo sono quelle degli altri, quello che sa l'ha studiato su libri criticabili tanto quanto un libro di naturopatia. Il buon Dio o chi per lui, non ha aspettato il xx secolo per far scoprire la medicina. Altra cosa, anche in questa Sua prima risposta, Lei non ha analizzato le mie affermazioni, si è limitato a controbattere con battute prefabbricate (se ciò non è fallace...)

    Ha visto che gliel'ho argomentato...? Stupito eh ;)

    2.
    Non sono portavoce di nessuna associazione. Perché dovrei?

    3.
    Dal Suo "che sarebbe" - continuo - l'umiltà? Ha ragione...deduco che Lei non lo possa sapere.

    4.
    Data la Sua cultura, mi stupisce la bassezza della Sua ironia.
    Loro c'erano quando ho avuto bisogno di loro. Questo è quello che conta.

    Dott. Di Grazia, in quale ospedale lavora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha visto che gliel'ho argomentato...? Stupito eh

      Stupitissimo. Quindi lei pensa che i testi di medicina equivalgano ai testi di "naturopatia". Argomentazione incredibilmente seria, non saprei come controbattere in effetti.

      Non sono portavoce di nessuna associazione. Perché dovrei?

      Dato che diceva "agli occhi della sua professione" pensavo fosse portavoce di un'associazione di professionisti, quindi la sua critica è personale, in pratica non le piace ciò che scrivo.
      Succede, non si può piacere a tutti, grazie per le osservazioni interessantissime.

      Dal Suo "che sarebbe" - continuo - l'umiltà? Ha ragione...deduco che Lei non lo possa sapere.

      Se lei dice che non dovrei emettere sentenze sulla "sua idea" ma questa idea non la dice, stiamo parlando del nulla, se ne renda conto.

      Data la Sua cultura, mi stupisce la bassezza della Sua ironia.

      Che ironia?
      Sono serissimo. Non capisco perché dovrebbe venire da me a dire come vuole curarsi. Preferisce lo sciamano o lo stregone? Li ha pure conosciuti e sono stati utili? Ci vada, cosa pensi possa importarmi?
      La pelle è sua, mica mia.

      In bocca al lupo.

      Ora chiusa la discussione se non ha altro di importante da dire e soprattutto che non riguardi la mia persona, argomento poco interessante.
      Grazie per la comprensione.

      Elimina
    2. Mi permetto di risponderLe solo per il suo tono poco corretto e impreciso.

      Lei ha scritto:
      Se lei dice che non dovrei emettere sentenze sulla "sua idea" ma questa idea non la dice, stiamo parlando del nulla, se ne renda conto.

      Se va a rileggere il mio primo messaggio

      "I difetti" di pensiero che trova nei suoi oppositori, in maniera più sottile, si riscontrano anche in Lei. Quindi, per un ignorante della materia quale so di essere, nè una nè l'altra parte mi dà l'idea di essere totalmente affidabile.

      Se la sintassi italiana per Lei non è un'opinione, la parolina idea mi sembra ci sia e leghi bene con il resto.

      Se legge e analizza i dati scientifici come i messaggi che Le inviamo, allora direi che si spiegano i dubbi sull'attendibilità del Suo blog ;)


      Elimina
    3. Ah, quindi la sua "idea" era quella che sarei inaffidabile, non lo avevo capito bene.
      Grazie mille per il prezioso contributo.


      PS: ulteriori commenti OT non saranno accettati.

      Elimina
  27. Apprezzo lo sforzo di "sognatore". Ma purtroppo chi è convinto che la verità sia una notizia che va attinta da fonti autorevoli, difficilmente può cambiare idea. Né smettere di voler convincere gli altri della purezza dei propri assunti.

    Solo chi ha compreso che la verità non sta scritta da nessuna parte, ma è una esperienza da realizzare, è nella condizione di cambiare i propri punti di vista.

    Altri non sono ancora pronti per questa ascesa di coscienza, e proprio per questo, pur non potendo condividere le loro affermazioni, dovremmo astenerci dal cercare inutili scontri.

    Buon proseguimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti anche aggiungere una cosa come "bisogna essere aperti e innocenti come i bambini", o "prima rinunciare a tutto quello che si crede di sapere" o anche "e come ti infinocchio se ti sei pure messo a studiare davvero e magari hai anche girato il mondo e visto da te che quel che ti propino sono bubbole?"

      Elimina
    2. Grazie Simone per avermi fatto capire di essere stato poco chiaro (pago l'ingenua testardaggine dei miei 30 anni).
      Non sono qui per far cambiare idea a qualcuno, sono a favore della varietà di pensiero perché, almeno sulla carta, esso favorisce il confronto, quindi la crescita.
      La mia condivisione delle mie esperienze per il mondo ha forse fatto credere che io sia esclusivamente pro-medicina alternativa, questo non è vero e ora vi spiego la mia ragione.
      A 8 anni rimasi coinvolto in un incidente stradale: frattura multipla scomposta del femore sx, sfondamento dello zigomo sx, doppio trauma cranico parietale e temporale sx, più 13 microlesioni e lacerazioni a mani e gambe. Due settimane di coma. Quattro mesi di ospedale. Cinque anni di trattamenti farmacologici. Come potrei essere contro la medicina ufficiale, dato che mi ha salvato la Vita?
      Spero sia chiara ora la mia neutralità per principio.
      Quello che critico è il metodo con cui questo blog propaga un'assurda idolatria.

      Ho deciso di curiosare in questo blog perché incuriosito dal suo nome: medbunker, quanta violenza in questo nome.
      Se anziché trincerarvi e fare la guerra alle foglioline magiche, cercaste ENTRAMBI, allopati e naturalisti, di venirvi incontro e collaborare, sicuramente fareste del bene all'umanità e anche a voi stessi.

      Dott Di Grazia, da come scrive, un ignorante della materia come me è portato a credere che la medicina moderna stia salvando il mondo e la medicina naturale sia il peggiore dei cancri. Le ricordo che per DUE MILIONI DI ANNI l'uomo è sopravvissuto e si è evoluto grazie alle foglioline magiche.
      Se anziché giocare con i numeri ragionasse con la Sua testa, si accorgerebbe dell'assurdità della guerra che sta tenendo.
      È anche vero che, se dietro i ragionamenti ci sono dei soldi che entrano veloci sul suo conto grazie alla Sua propaganda, allora quello è un altro discorso...
      Mi saluti la bella Vittorio Veneto e grazie per la chiacchierata costruttiva.
      Il sognatore

      Elimina
    3. "Le ricordo che per DUE MILIONI DI ANNI l'uomo è sopravvissuto e si è evoluto grazie alle foglioline magiche."

      Questa frase emerge da tutto il resto, perché ben rappresenta la misura della caratura di ragionamento del sig. Sognatore.
      Se esercita davvero psicologia, spero che non faccia troppi danni.

      Elimina
    4. io veramente non so come faccia Salvo a sopportare continuamente discussioni sul nulla, anche di fronte ad affermazioni che rasentano il ridicolo ed oltrepassano abbondantemente il limite della querela (perché insinuare che "dietro i ragionamenti di un medico ci siano soldi che entrano veloci non si sa da dove" è il più classico degli autogol, tra l'altro incomprensibili per uno che dichiara di essere "criminologo").
      A me il solo leggere termini come "allopatico" mi provano brividi, fastidio e noia infinita, quanto basta per troncare sul nascere qualsiasi discussione per manifesta futilità.
      Il problema è che qua basta un giorno su internet per ritenersi tuttologi in grado di controbattere alla pari con tutti. Poco conta che l'interlocutore abbia un decennio tra corso di laurea e specializzazione e chissà quanti lustri di professione sul campo.

      Elimina
    5. non so come faccia Salvo a sopportare continuamente discussioni sul nulla, anche di fronte ad affermazioni che rasentano il ridicolo ed oltrepassano abbondantemente il limite della querela

      Il fatto è che capisco che non tutti abbiano le basi culturali ed intellettive per sostenere una discussione o anche per comprendere dei concetti semplici (il noto analfabetismo funzionale) e non dipende dal titolo di studio, quindi pazienza, tanta.
      Inoltre se scegli di esporti devi sopportarne oneri ed onori, inevitabilmente. Sulle insinuazioni da querela ho un intero studio legale che ci pensa e quindi non mi sobbarco neanche questo problema, ci mancherebbe anche questa.
      Insomma, non sono questi i problemi della vita, sopporto benissimo.

      :)

      Elimina
    6. Ho deciso di curiosare in questo blog perché incuriosito dal suo nome: medbunker, quanta violenza in questo nome.
      Se anziché trincerarvi e fare la guerra alle foglioline magiche


      In realtà a quanto ricordo degli inizi, il nome MedBunker viene da Debunker, ovvero colui che smaschera le bufale. Trattando di medicina, da Debunker è diventato MedBunker

      Elimina
    7. Ora c'ho anche il nome violento. :)

      Elimina
    8. Molto più di Medbunker, a essere di ingombrante imbarazzo è il nome anagrafico Salvo Di Grazia, che equivale a vivo per miracolo. Detto tra noi, non è un elemento a favore di chi afferma di applicare il metodo scientifico.

      Elimina
    9. Dico, e sulle orrende complicanze della data di nascita del blog stesso (per non parlare del blogger) in base alla scientificissima numerologia, non vogliamo dire niente??

      Elimina
    10. Non è nemmeno questione di basi culturali in alcuni casi... l'ultimo post dell'illustre Sognatore offre parecchi spunti sulle tecniche dialettiche di chi attacca il nostro.
      "Come potrei essere contro la medicina ufficiale, dato che mi ha salvato la Vita?"... eh certo, mi ricorda il famoso incipit "non sono razzista, ho anche degli amici neri".
      Per non parlare della solita insinuazione, confezionata in maniera un pelo più elegante del solito, sui "soldi che entrano veloci sul suo conto grazie alla Sua propaganda", ma che parafrasata rimanda al consueto "ki ti paka??!!1!11!?". 😅

      Elimina
    11. l'ultimo post dell'illustre Sognatore offre parecchi spunti sulle tecniche dialettiche di chi attacca il nostro.

      Ma anche il finto ossequio, l'eloquio mieloso ("leggerLa"), l'insinuazione, mi ricordano gli inizi del blog, le epiche lotte con i primi commentatori compulsivi, ci cascavo, mi impegnavo, perdevo ore per rispondere alle domande e dopo partivano insulti e calunnie, il classico "kittipaka" e persino minacce, tutto lavoro inutile, sono persone che hanno un pregiudizio e si sfogano così.

      Poi con il tempo fai esperienza e li riconosci alla prima sillaba, così preferisco tagliare corto e non perdere tempo.
      Comunque ora davvero, basta OT perché non sono molto interessanti.
      :)

      Elimina
  28. Chiudete baracca per favore...
    Vaccinatevi contro la mediocritá.
    Poponi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che se non metti "SVEGLIA!!1!1" il tuo commento è incompleto.

      Elimina
  29. E pensare che per avere in tempi ragionevoli il vaccino contro il meningococco C con spesa compartecipata dalla regione ho dovuto fare il diavolo a quattro ! Liste di attesa under 45 lunghissime. Scarso personale. Scarsi vaccini. Liste over 45 CHIUSE, malgrado le disposizioni regionali, per agevolare gli under 45 ritenuti più a rischio. Telefonate e mail a CUP, Dipartimento per la salute pubblica, URP, giornali. Alla fine per sfinimento (altrui) ho avuto i miei vaccini. Anche per i miei genitori ultra 75enni.

    -" ...ma non ci sono studi su persone di quell' età..."
    -" dottore, vaccina e stai sereno. Questi fanno più vita sociale di me. Come tutti i fuori fascia di rischio che se la sono beccata e portata a casa. "


    A quanto pare una (piccola) botta di epidemia, mette tutti d' accordo sui vaccini. Alla faccia di foglioline magiche, riti wodoo e antivaccinisti.
    Ecco quel che manca da un po': una bella epidemia di una malattia a scelta. Perchè guardacaso, grazie ai vaccini ce ne siamo dimenticati. Ma come ho constatato, basta poco per far tornare la memoria.
    ;)

    RispondiElimina
  30. una settimana fà parlavo con un amico (che pensavo avesse una mentalità scientifica), parlando del più e del meno siamo caduti sul discorso vaccini. Lui era tendenzialmente Anti ma vedeno la mia "preparazione" (non mi ritengo preparato ma grazie a Salvo e altri siti di debunking un pochetto informato lo sono) ha cambiato argomento deviando su medicina tradizionele cinese, ph del sangue e cose del genere. Siccome gli ribattevo proprio tutto chidendogli dati e aspettative di vita ai tempi della medicina tradizionale cinese, alla fine, messo all'angolo, è riuscito a dire che èper la sopravvivenza dell'umanita è sempre esistita la selezione naturale della specie. Per fortuna sono stato salvato da un'amica che mi chideva consigli escursionistici.
    Ma cavolo SELEZIONE DELLA SPECIE (scusate l'urlo ma mi ha sconvolto) sei vede che non ha un figlio, se mio figlio muore per tetano, te la do io la medicina cinese e la selezione della specie. Bo, credo che perdano il contatto con la realtà.
    Scusate la sfogo ma avevo bisogno di condividere

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!