lunedì 24 giugno 2013

MedNotizie: bambini, omeopatia e facce toste.

Un'altra rassegna di notizie curiose, incredibili, assurde o stupende (dipende dai punti di vista).

Che male vuoi che faccia?

La delirante crociata antivaccinista non manca di far danni. In Nuova Zelanda, la vittima è un bambino di 7 anni, Alijah. Il padre ha già evitato di vaccinare i suoi due figli più grandi, è condizionato dalle letture su internet, quelle che parlano di gravi effetti collaterali dei vaccini, di complotti, di medici cattivi e multinazionali truffaldine e così decide di non vaccinare neanche il più piccolo, ma le cose non vanno bene, il bambino, attorno alle festività di Natale, è colpito dal tetano.
Finisce in rianimazione con gravi sintomi e per 26 giorni lotta tra la vita e la morte (i genitori lo definiscono, in una straziante intervista, agonizzante). Fortunatamente le cure funzionano e dopo un periodo di ricovero il bambino esce dall'ospedale (in sedia a rotelle, i postumi del tetano gli procurano ancora spasmi muscolari). Avrà bisogno di riabilitazione verbale e fisica per almeno un anno.
La vicenda ha scioccato il padre "è tutta colpa mia", dice. Vaccina subito gli altri due bambini, "tante informazioni emotive e senza basi, su internet parlavano di effetti collaterali severi e frequenti, di teorie del complotto sui medici "cattivi" e sui governi e le aziende farmaceutiche", l'uomo, pentito, scrive alla scuola del figlio raccomandandosi di far vaccinare tutti i bambini per non soffrire quello che ha sofferto il suo bambino e si propone di iniziare un cammino di "informazione sulla salute" da diffondere tra le famiglie della sua comunità. "Ora sta bene e ciò che resterà tutta la vita è la cicatrice della tracheotomia [incisione sul collo che permette di intubare un paziente per permetterne la respirazione ndr]".
Il papà di Alijah ha commesso un errore frequente, scegliere la soluzione più semplice. A scanso di equivoci e vista la rarità odierna delle malattie infettive, l'uomo ha evitato una puntura a suo figlio, tanto c'erano sempre internet e Google a "giustificarlo", "l'ho fatto perché lo dicevano su internet". Tutto normale, fino a quando, come a volte succede, il caso colpisce proprio te ed allora maledici il giorno che hai letto internet seguendo ciò che era scritto su pagine anonime ed allarmanti facendo decidere male sulla salute di tuo figlio. 
Alijah ora sta meglio, ma quando idioti ed ignoranti (quando non cialtroni con interessi economici) vi chiedono "che senso ha vaccinare?", fategli girare la domanda al papà di Alijah, saprà come rispondere.
A questo proposito la triste notizia della morte di Micha, un bambino contagiato dal morbillo di un non vaccinato che ha poi sviluppato una temibile complicanza (la PESS) e ci ha lasciati.

Facile fare l'antivaccinista...

Il padre di Alijah era stato convinto dei "pericoli" dei vaccini dalle false informazioni che si trovano in rete e Gordon Jay, medico, noto negli Stati Uniti per essere il pediatra di parecchi "vip" e per le sue posizioni antivacciniste, dopo aver partecipato a manifestazioni antivaccino, aver dichiarato che oggi vaccinare non ha più significato e che vaccinarsi è pericoloso, prima di partire per un paese del terzo mondo, cosa fa?
Esatto, si vaccina (dice contro l'epatite A prima di partire per l'Etiopia).
Perché è facile parlare di antivaccinismo dalla poltrona del nostro benessere ed è facile approfittare della vaccinazione degli altri per sentirsi protetti. Visto come scompare subito il "rischio" quando il "sederino" è il nostro?

Dott. Gordon Jay, antivaccinista, si vaccina

Perché Jay, da buon pediatra, sa che le posizioni antivacciniste sono solo ideologiche e che il pericolo di non essere protetti contro gravi malattie è fortemente superiore ai potenziali e rarissimi rischi della vaccinazione. Per chi non ci credesse ancora, esiste una pagina che raccoglie le storie drammatiche (ed a volte impressionanti) di chi ha ceduto alle sirene degli antivaccinisti. Da leggere, con un po' di coraggio.

Omeopatia

Quando si dice i punti di vista.
Una ricerca non certo rivoluzionaria ma curiosa, condotta da omeopati in una rivista di medicina alternativa, ha controllato quanti studi scientifici mostravano effetti dell'omeopatia e quanti ne mostravano l'inefficacia. Ha poi diviso i risultati secondo il tipo di rivista che aveva pubblicato i vari studi: riviste "omeopatiche" o riviste di medicina.

Il risultato è abbastanza evidente e prevedibile, solo il 30% degli studi pubblicati in riviste omeopatiche conclude negativamente nei confronti dell'omeopatia mentre per gli studi delle riviste "classiche", i risultati negativi sono più del doppio, oltre il 60%. Qual è la conclusione della ricerca degli omeopati? Che forse bisognerebbe fare studi più accurati? Che nelle riviste "di parte" c'è una sorta di fisiologica "selezione" che "premia" gli studi favorevoli all'omeopatia? Che le riviste omeopatiche, essendo meno prestigiose, pubblicano di tutto? No. La conclusione è che le riviste scientifiche sbagliano.



Un'altra ricerca sull'omeopatia è davvero curiosa (nei limiti fortissimi che sono evidenti in questo lavoro): quante volte abbiamo sentito dire che l'omeopatia non ha nessun effetto collaterale?
In senso stretto è così, ma quando comprando omeopatici si è convinti di assumere medicine efficaci i rischi e gli effetti collaterali esistono. Quelli diretti (prodotti fatti male, allergie, contaminazioni, finti omeopatici...) e quelli indiretti (curare una malattia con palline di zucchero, ritardare la terapia efficace, trascurare malattie serie...), tanto che sono segnalati anche casi letali o particolarmente gravi.
Infine l'annuale review Cochrane (un'istituzione indipendente che studia tutti gli studi esistenti su un argomento facendone una statistica unica) sull'Oscillococcinum (prodotto omeopatico che millanta di curare l'influenza): non funziona. I granuli di Oscillococcinum non servono a curare o prevenire l'influenza. Non è questa la notizia, ma il fatto che la review sia stata prodotta dall'associazione omeopatica britannica (con sede in via Hahnemann!). Lo dicono anche loro insomma.
Sarà per questo che ormai gli ospedali e le farmacie omeopatiche inglesi chiudono a ritmi vorticosi? Probabilmente sì, nonostante i ripetuti tentativi delle organizzazioni omeopatiche di insabbiare le critiche. Prima pagando un giornalista ora addirittura pressando il NHS (l'istituto per la salute inglese) che ha ricevuto continui "consigli" non proprio amichevoli per cancellare dal suo sito informativo tutte le critiche all'omeopatia ed i riferimenti troppo chiari sul fatto che l'omeopatia non è più di un costoso placebo. Insomma, la "medicina dolce", al momento della crisi, perde la sua dolcezza e si comporta come i peggiori affaristi.
A proposito di "affari": mi scrive l'ufficio stampa di una nota azienda omeopatica, esce un loro nuovo prodotto (ennesima sciocchezza) e mi invitano alla presentazione con un pranzo offerto da loro. Un pranzo? Con gli omeopati?
Ecco la mia risposta:


Tre anni, un ictus, si salva

L'ictus è un insieme di sintomi dovuti all'ischemia (il tessuto non riceve più irrorazione sanguigna) di zone del sistema nervoso centrale (cerebrale soprattutto) perché i vasi che portano il sangue in quella zona sono stati ostruiti (in genere da un coagulo di sangue) o vi è un'emorragia e quindi l'apporto di sangue è insufficiente. L'evento è abbastanza conosciuto in età adulta ma i casi in età pediatrica sono rarissimi. Non solo: riconoscere un ictus in un bambino è difficilissimo (sintomi come difficoltà di parola, movimento, pensiero, sono molto sfumati nei bambini piccoli). L'equipe dell'ospedale Regina Margherita di Torino ha compiuto un doppio miracolo. Ha riconosciuto l'ictus in una piccola bambina di tre anni e lo ha anche risolto con una tecnica che è applicata con frequenza negli adulti ma praticamente mai nei bambini. Non avere esperienza su un piccolo paziente significa rischiare, serve essere molto capaci ed avere una buona dose di coraggio, qualità che evidentemente non mancavano ai medici che hanno compiuto questo piccolo miracolo. Tutto italiano.

Wikipedia Guerrilla

Wikipedia è l'enciclopedia più diffusa su internet ed oggi fonte di notizie per molti navigatori. Proprio la sua diffusione ha causato negli anni diversi episodi di vandalismo, ovvero di "modifiche" delle varie voci da parte di chi aveva interesse a farlo in maniera non neutrale. Questo è successo sia per voci importanti che per altre minori. Il fenomeno è cresciuto in maniera esponenziale, tanto che esistono veri e propri "gruppi organizzati" che modificano le pagine di loro interesse per influenzare l'immagine di persone o la "neutralità" di eventi storici. Non è un caso che queste pagine riguardano spesso argomenti molto contrastati, politici, storici e medici. Per quanto riguarda questi ultimi, le pagine spesso oggetto di "modifiche selvagge" sono quelle per le quali il dibattito è sempre acceso: omeopatia, cure alternative, oncologia e per contrastare gli "attacchi" dei gruppi organizzati "complottistici" ecco che nasce un gruppo organizzato "scettico". Composto da volontari da tutto il mondo, i ragazzi di Skeptic Guerrilla seguono le pagine dei loro rispettivi paesi e cercano di mantenere l'atteggiamento "neutrale" ed il punto di vista scettico negli argomenti più dibattuti. Mi hanno detto che non esistono ancora volontari per il nostro paese, chi volesse contribuire al progetto contatti la responsabile, Susan Gerbic, fotografa americana che ha avuto l'idea.

I pericoli dell'inquinamento

L'inquinamento ambientale è un problema serio, si stima che moltissime delle malattie che attualmente rappresentano maggiore incidenza di mortalità nell'uomo, abbiano nell'inquinamento una delle cause più importanti. Dalle malattie cardiovascolari, ai tumori, alle malattie respiratorie, queste sono tutte patologie che diminuirebbero drasticamente riducendo i livelli di rovinosa distruzione ai quali è sottoposto il territorio in cui abitiamo.
Esistono aree industriali (anche in Italia), nelle quali i livelli di sostanze tossiche, pericolose, cancerogene, è ben al di sopra dei livelli massimi consentiti ed in quei territori esistono abitazioni, scuole, comunità: il loro impatto sulla salute quindi è indiscutibile.
Una recente ricerca effettuata su una comunità sarda, quella di Sarroch, paesino di quasi 6000 abitanti  a sud dell'isola, dimostra come le aree industriali possano condizionare in maniera devastante la salute di chi abita vicino ad aree densamente industrializzate. La cosa più allarmante è che i danni sulla salute non riguardano solo patologie a sviluppo immediato (come tumori, malattie, cardiovascolari e respiratorie, allergie) ma anche altre che possono comparire nelle generazioni successive, per un danno molto più profondo, quello al DNA.
Lo studio nota come la comunità di Sarroch presenti molti più danni al DNA (quasi il doppio!) di gruppi residenti in aree rurali e non industrializzate. La presenza di inquinanti e composti come il benzene ed il metilbenzene (misurata nei cortili delle scuole...) è significativamente superiore a quella di zone non industrializzate e coincide con la presenza di danni al DNA del gruppo residente nella stessa area. Lo scenario non è pericoloso, è terribile, perché per chi non lo sapesse, ricordo che un danno al DNA può essere non solo causa diretta di gravi malattie ma è trasmissibile alle generazioni successive di chi ne è portatore con conseguenze tremendamente gravi per il singolo e la sua comunità.

La terapia naturale per l'asma

In India (a Hyderabad), ogni anno, il 9 giugno, si svolge una tradizionale cerimonia che ormai ha secoli di storia.  I discepoli di un santone ormai scomparso, somministrano a migliaia di persone di tutte le età, un pesce vivo con un misto di spezie locali. Tutti in fila, le persone che vogliono sottoporsi a questa terapia, aspettano il loro turno, poi aprono la bocca ed uno degli addetti infila fino in gola un pesciolino vivo che guizzando viene inghiottito da chi si sottopone a questa pratica. Secondo la tradizione, questa "terapia", tutta naturale, servirebbe per guarire dall'asma e da malattie respiratorie di vario tipo e le famiglie indiane non disdegnano di sottoporre anche i loro bambini a questo cerimoniale.


La cura naturalmente non ha alcun valore scientifico né ha attendibilità, ma è talmente radicata nei costumi locali che nonostante le condanne di varie associazioni di diritti umani (soprattutto perché i bambini subiscono un vero e proprio supplizio essendo costretti a sottoporsi a questa tortura), lo stesso governo non incoraggia ma "sopporta" la manifestazione.
Per gli amanti del "naturale" a tutti i costi, c'è quindi anche questa possibilità, ingurgitare un pesciolino vivo, sentirlo guizzare nello stomaco ed aspettare. Male non fa, ma che schifo...

False notizie vere.

A volte i giornalisti ci regalano perle incredibili. Come commentare altrimenti la notizia dell'arresto di una "falsa maga" (per qualcuno "falsa chiromante")? Spiegatemi, cari giornalisti, come faccia una persona ad essere una "falsa maga". Ci sono quelle vere? Esistono chiromanti certificate?
No, perché a questo punto mandatemi dei falsi soldi falsi, non si sa mai possa spenderli davvero.

Faccia tosta, anzi, testa tosta...

C'è un mercato pieno di ingenui pronto lì fuori a comprare l'impossibile, è per questo che abbondano certi personaggi.
Non ci credete nonostante tutte le storie che vi ho raccontato?

Vediamo se ci credete se vi mostro l'immagine di un medico che pubblicizza una "cura per i capelli", e che la diffonde tramite video ed annunci su Facebook: con la sua cura capelli folti e lunghissimi:

Ha inventato la cura per la calvizie. Lui.

Non è un fotomontaggio né uno scherzo, questo fotogramma è tratto dal video del medico che ha un centro per la cura della calvizie, ha scoperto la "terapia per i capelli", lui!
Ecco un esempio lampante che c'è gente che non ha limiti nel proporre le soluzioni più assurde ed anche meno credibili, nessun pelo sullo stomaco...e nemmeno sulla testa.
Se neanche questo vi convince, non so che fare.

Alla prossima.

Si ringrazia N.A.

35 commenti:

  1. Ho letto degli studi omeopatici sulla Stampa di Torino, credo che fosse un articolo su commissione perchè era di fatto un lunga apologia dell'omeopatia, e ci sono rimasto di stucco: mai lette tante idiozie. Pubblicati studi a favore dell'omeopatia, e chi li ha pubblicati? Gli omeopati, ma dai! E conditi da tanti grafici e statistiche... se volete io posso produrre una statistica che lega in maniera evidente l'aumento di smartphone in occidente e i suicidi di contadini in india!

    RispondiElimina
  2. L'ultimo e' come quelli che vendono i numeri vincenti per il lotto.
    E' palese che se uno sapesse che numeri vinceranno la mossa migliore sarebbe giocarli e diventare miliardario, non cederli ad altri.
    Ma alla fine dei clienti li trovano sempre, che roba assurda :-O
    Roberto.

    RispondiElimina
  3. Intanto volevo segnalare questa bella notizia:
    http://www.repubblica.it/salute/2013/06/24/news/staminali_bene_primi_test_per_sla-61738014/?ref=HREC1-5

    Alla facciazza di Stamina e delle Iene...

    Speriamo bene per il futuro di molti malati di SLA

    RispondiElimina
  4. Quello della calvizie è favoloso!!! Sono 5 minuti che sto ridendo....

    RispondiElimina
  5. "il plasma che si arricchisce di piastrine dalle 3 alle 5 volte superiore alla concentrazione normale nel sangue"

    E beh certo! Una volta nella provetta le piastrine si moltiplicano. Diciamo che è un'affermazione un po' fuorviante nei confronti del consumatore.


    RispondiElimina
  6. Thank you for the shout-out! Look how popular the Omeopatia page is to Italian readers. http://stats.grok.se/it/201306/Omeopatia

    The Italian omeopatia page is in good shape, but can we say the same for other pages? I really need Italian editors, I don't have a single one working on this project.

    RispondiElimina
  7. Sono andato a leggere le testimonianze a cui accenni nella prima parte, sono riuscito solo a leggere la prima, troppo straziante, e ho smesso...

    RispondiElimina
  8. giusto stamani venendo in moto a lavoro ragionavo tra me sui ciarlatani, Simoncini & co. Mi chiedo com'è possibile che non abbiano nessuno scrupolo di coscienza sapendo che le loro cure sono inefficaci e che sostanzialmente condannano una persona a morte? Praticamente è omicidio. Sbaglio? Quando poi vedi un antivaccinista che si vaccina è lampante che è solo facciata, è solo per gli altri. Mi chiedo perché lo fanno? A quale scopo? Impedire alla gente di curarsi? Fare tornare malattie debellate da anni? Che sia questo il vero complotto? :)

    RispondiElimina
  9. Un pò OT, ma anche no.
    Ieri il "buon" Vannoni NON si è presentato al Ministero per la consegna del razionale della sua cura adducendo la mancanza di Andolina (è in Iraq). Forse oggi si degna di andarci, forse

    RispondiElimina
  10. Ma le testimonianze di shotbyshot sono solo in video? O sono io che sono scemo?

    RispondiElimina
  11. Riguardo il caso di Alijah, due estati fa all'ospedale Montefiascone (VT), dove era finito un vicino di casa per un infortunio, ci dissero che avevano appena avuto un caso di tetano, e che ogni anno in Italia se ne verificano parecchi casi, soprattutto in estate. Sembra sia perché molti non fanno i richiami (ogni 10 anni), e spesso si feriscono facendo lavori straordinari durante le vacanze. Io ho fatto il richiamo lo scorso anno, a scanso di problemi (anche per motivi di lavoro).
    Avete qualche statistica a riguardo?

    RispondiElimina
  12. @Claudio
    colgo la tua occasione per porre al buon weewee un quesito: come si fa a sapere quali vaccinazioni si è fatto e se c'è bisogno di un richiamo nel caso in cui alcune di esse non siano state segnate da punte parti? (tipo quelle che ti fanno a militare nel caso in cui non vengano riportate sul libretto rosso in tuo possesso)?

    RispondiElimina
  13. @ Claudio:

    Avete qualche statistica a riguardo?

    In Italia vi sono meno di un centinaio (nel 2006, sono stati 64) di casi di tetano ogni anno (infezioni crollate in numero dall'introduzione della vaccinazione obbligatoria), oggi, la quasi totalità dei casi riguarda donne ultrasessantenni, probabilmente perché vivono di più e perché gli uomini hanno ricevuto la vaccinazione durante il servizio militare (quando era obbligatorio).

    http://www.epicentro.iss.it/problemi/tetano/epid.asp

    @ Guido DR:

    come si fa a sapere quali vaccinazioni si è fatto e se c'è bisogno di un richiamo

    L'unico modo sono i libretti vaccinali o rivolgersi alle rispettive USL che conservano i dati. Anche durante il militare esiste il libretto delle vaccinazioni. Se si hanno dubbi sui richiami basta chiedere ad un medico o al servizio USL.

    RispondiElimina
  14. Tetano? Noi adulti dovremmo fare tutti un richiamo ogni dieci anni, davvero?? Mi sembra così strano.

    RispondiElimina
  15. A me nessuno m'ha detto di fare questi richiami. Ma sono obbligatori?

    RispondiElimina
  16. Per Wikipedia in italiano i problemi sono altri, ovvero i gruppi di utenze che si fanno guerra sugli argomenti "delicati" tanto che sono gli stessi amministratori a modificare le pagine in modo ben poco imparziale.

    Per quella del medico calvo che cura la calvizie...
    Pazienza, lasciamo stare, va, grazie al cielo non ne ho bisogno, ma anche fosse, di certo non credo a certe vaccate, meglio calvo che fesso.

    RispondiElimina
  17. Ma sì che la cura per la calvizie funziona. Vedete che ha i capelli sulle tempie e sulla nuca? *sarcasmo*

    RispondiElimina
  18. @Salvo
    c'è il libretto rosso ma sulla mia copia non c'hanno scritto un beneamato :) 'parte il fatto che essendo passati quasi 10 anni suppongo che il problema ormai più non si ponga...

    RispondiElimina
  19. Il parlamento australiano durissimo: sciogliere l'associazione degli antivaccinisti.
    http://www.heraldsun.com.au/lifestyle/parenting/australian-vaccine-network-under-pressure-to-cease-operation/story-fni0do1x-1226669532088
    Un parlamento afferma che su questioni riguardanti la salute occorre tenere una posizione scientifica: sembra un sogno da noi.

    RispondiElimina
  20. L'Australia è stato il paese che ha incriminato anche l'azienda produttrice dei famosissimi balance board. Quelle pecette che attaccate o tenute in tasca o come braccialetto avrebbero modificato il campo magnetico del corpo umano migliorandone le prestazioni e l'equilibrio. In Italia purtroppo c'è gente ancora che le usa...

    RispondiElimina
  21. @ Hamsa Mantra e Adriano G. V. Esposito,

    Sì, per il tetano, dopo il ciclo vaccinale classico dell'infanzia/adolescenza è consigliato (non obbligatorio) eseguire una dose booster (il cosiddetto "richiamo") ogni 10 anni.

    Nel caso in cui non si possa stabilire con certezza quando e se sono state somministrate le dosi booster precedenti, è possibile eseguire un test sierologico per vedere se è ancora presente un numero sufficiente di anticorpi in circolo o se è il caso, appunto, di fare il richiamo.


    @ Marco Ferazzani

    Parli dell'incredibile "Power balance"! Può essere tuo per "soli" 40€ sul più grande store online. Non male per un pezzo di plastica colorata. -_-"
    Non so se hai mai visto con quale prova pratica ti convincono che migliora l'equilibrio? Demenziale!

    RispondiElimina
  22. @James: Bravo! Si era proprio il power balance, non mi ricordavo bene il nome... La gente è disposta a credere alle peggio cavolate, ma in questi casi lampanti è la mancanza di cultura scientifica che spopola in Italia il vero problema. Mi ricordo quando vidi la prima volta il power balance. Un cugino della mia ragazza la viene a trovare e mostra orgoglioso il suo nuovo acquisto: 10 adesivi olografici (non so se è corretto il termine olografico, correggetemi in caso) per la modica cifra di 70 euro! Tutto fomentato li tira fuori e fa "guardate qua!" e si mette a fare tutte le varie prove che aveva visto sui video su internet... e nella follia collettiva dove tutti provavano i vari "test" sono stato pure criticato perché scettico e critico nei confronti di quegli adesivi. "meglio le medicine vero?" "voi studiosi vi sentite onniscenti" "sempre pronti a ribattere a criticare"... SI! è proprio così! E meno male! Ovvio che dopo neanche una settimana dei power balance non ce n'era più l'ombra.

    RispondiElimina
  23. @Marco Ferrazzani
    anche in Italia l'azienda produttrice del PW è stata condannata ai risarcimenti, ma ha sfruttato questo evento per "dimostrare" la serietà dell'azienda... Non c'è limite alla faccia tosta di certa gente

    RispondiElimina
  24. http://gazzettadimodena.gelocal.it/cronaca/2013/06/27/news/l-acido-retinoico-aiuta-con-il-cancro-rivincita-per-di-bella-1.7325294

    RispondiElimina
  25. http://gazzettadimodena.gelocal.it/cronaca/2013/06/27/news/l-acido-retinoico-aiuta-con-il-cancro-rivincita-per-di-bella-1.7325294

    Questo è un altro articolo scritto dallo stesso giornalista (storico sostenitore e biografo di Di Bella) che scrisse dei congressi cinesi.
    Ora si riferisce ad uno studio "in vitro" che ha mostrato come delle cellule tumorali "modificate" su un loro recettore, rispondono all'acido retinoico. Se proprio volessimo fare i pignoli questo studio potrebbe essere la conferma che l'acido retinoico alle cellule tumorali non fa nulla e che per agire serve modificare una loro proteina, ma visto il tenore dello studio (interessante, per carità), anche questo sarebbe non scientificamente corretto.

    Nessuna "rivincita" per Di Bella, nessuna scoperta epocale, niente a che vedere con la cura bufala, solo gossip.
    Ogni volta che questi leggono "melatonina" o "acido retinoico" gli prende un coccolone poverini ed iniziano ad agitarsi.
    :)

    RispondiElimina
  26. Ora che ci penso.
    L'articolo di Brancatisano sui congressi cinesi (apparso anch'esso sulla Gazzetta di Modena) è uno dei "pezzi forti" dei miei convegni (mi serve ad introdurre il mio scherzo proprio sull'argomento), ora potrei usare questo suo articolo per spiegare l'assoluta mancanza di cultura medica dei giornalisti che confondono pere con mele e che non sanno nemmmeno leggere uno studio scientifico (che non è nemmeno difficile da capire).
    Grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  27. @guido DR. peccato che proprio in italia sia nata e, a quanto ne so, continui imperterrita nella produzione e promozione una gemella del power balance, senza che nessuno se ne interessi. ne parlai tempo fa con stefano cavallina.

    RispondiElimina
  28. @Salvo
    "Ora si riferisce ad uno studio "in vitro" che ha mostrato come delle cellule tumorali "modificate" su un loro recettore, rispondono all'acido retinoico..."

    Mi hai fatto venire in mente questa: http://xkcd.com/1217/

    RispondiElimina
  29. Mi hai fatto venire in mente questa: http://xkcd.com/1217/

    Bellissima.
    Mi ha ispirato talmente tanto che ho scritto qualcosa in proposito che pubblicherò.
    :)

    RispondiElimina
  30. @Salvo.
    Grazie per la segnalazione del sito dell'ISS.
    Riporto una frase:
    "Attualmente il tetano colpisce soprattutto persone anziane, non vaccinate o vaccinate in maniera inadeguata."

    Quindi sostanzialmente conferma quello che mi disse il medico di Montefiascone.

    @Adriano G. V. Esposito.
    I richiami sono "consigliati", poi dipende dai casi personali. Io per lavoro sono spesso a contatto con ferri arrugginiti e posti malsani, e quindi ho preferito fare il richiamo. Anche chi pratica hobby a rischio tipo trekking (visto: ferite da filo spinato arrugginito trovato in mezzo a sentieri), pesca sportiva (ami, ancorette, attrezzi arrugginiti), giardinaggio (specie se usa attrezzi vecchi o in aperta campagna), secondo me farebbe meglio a fare i richiami. Tu non so che vita fai, dovresti decidere di conseguenza.

    RispondiElimina
  31. Lo so, non c'entra niente con l'argomento, ma visto che si parlava di antitetanica... Se non ricordo male, dovrei fare il richiamo il prossimo anno, ma ho un dubbio: c'è qualche controindicazione alle vaccinazioni nei soggetti immunodepressi (globuli bianchi totali tra 2900 e 3300)?

    RispondiElimina
  32. c'è qualche controindicazione alle vaccinazioni nei soggetti immunodepressi

    In genere solo per le immunocompromissioni gravi (e quella che indichi mi sembra al limite) e dipende anche dal tipo di antitetanica. Meglio consultarsi con il medico della USL, ha delle schede di valutazione apposite, in ogni caso ti copio le controindicazioni stabilite dall'ISS per l'antitetano:

    Controindicazioni

    •reazione allergica grave (anafilassi) dopo la somministrazione di una
    precedente dose
    •reazione allergica grave (anafilassi) a un componente del vaccino

    Precauzioni:

    •S. di Guillain-Barré e sindromi
    correlate entro 6 settimane dalla
    somministrazione di una precedente dose di vaccino
    •malattia acuta grave o moder
    ata, con o senza febbre
    •nevrite periferica dopo la somministrazione di una precedente dose
    •reazione allergica grave al lattice
    (per i prodotti che contengono lattice nella siringa)
    •reazione di Arthus dopo somministrazione di precedente dose

    Puoi trovare un documento molto esauriente (sempre ISS, è un .pdf) che comprende anche il commento per ogni condizione particolare, comprese le immunodeficienze, le terapie in corso, le condizioni fisiche, abbastanza facile da consultare:

    http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1947_allegato.pdf

    A partire da pagina 28 (del documento, non del .pdf) trovi in ordine alfabetico le varie condizioni con relative controindicazioni e commenti.

    RispondiElimina
  33. Grazie mille Salvo!
    Dici che quei valori sono al limite?
    Allora è ufficiale: sono immunodeficiente! ;o)

    RispondiElimina
  34. hahaha!!! ospedali e farmacie omeopatiche che chiudono a rotta di collo! Che fantasia che hai! E per quel prodotto poi! Inventane un altra, non crederai che qualcuno ci creda,dai! :)

    RispondiElimina
  35. @Annarossa. Non chiudono , si diluiscono fino a scomparire omeopaticamente . XD

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!