lunedì 22 aprile 2013

La "piccola malattia": il morbillo

I bambini di oggi praticamente non conoscono le malattie infettive tipiche dell'infanzia. Sino a pochi anni fa erano talmente diffuse che esserne colpiti era considerato "normale", anzi, visto che alcune di esse potevano essere più pericolose se comparse in età adulta, esistevano famiglie che favorivano il contagio mettendo a contatto i bambini infetti con quelli che ancora non erano stati colpiti dalla malattia. Quasi tutte le malattie dell'infanzia causano la comparsa di piccole macchie sulla pelle (si chiama esàntema, da qui il temine "malattie esantematiche) accompagnate da altri sintomi (febbre, tosse, congiuntivite, malessere...), alcune invece causano altri disturbi localizzati in altre sedi. La comparsa dei vaccini ha reso queste malattie talmente rare che oggi vederne un caso è veramente difficile. Nonostante si tratti di malattie a "decorso benigno" (cioè in genere la loro comparsa non causa problemi gravi e non lascia sequele) in alcuni casi possono esserci complicazioni più o meno gravi ed in casi ancora più rari le complicazioni possono essere gravissime quando non letali. Un altro aspetto di questo tipo di malattie è che il loro decorso (per alcune di esse, come la pertosse) è particolarmente violento e preoccupante: febbre altissima, tosse incontenibile, stato soporoso, tutti sintomi che allarmano i genitori ed inducono paura e stress. Chi ha avuto la pertosse, chieda ai genitori il terrore nel vedere il proprio figlio letteralmente soffocare ed emettere colpi di tosse strazianti.

Come detto però, oggi si tratta di eventi piuttosto rari, anche in Italia la percentuale di vaccinati è molto alta e questo consente di controllare i casi conclamati di malattia.
Pochi giorni fa però, la notizia che in Galles, è iniziata, prima in sordina ma poi, come avviene per tutte le malattie virali, sempre più diffusa, un'epidemia di morbillo. L'aspetto "sociale" di questa vicenda dovrebbe far riflettere tutte le famiglie che hanno paura della vaccinazione. In Galles infatti, sono stati presi d'assalto gli ambulatori, con code infinite per ricevere la protezione dalla malattia. Tutte le famiglie che per paura (non dimentichiamo che l'Inghilterra è stata la prima nazione colpita dalla famosa frode del nesso vaccini-autismo propagandata dall'ormai ex medico Andrew Wakefield, tanto che il basso livello di vaccinazione in certe regioni inglesi è chiamato "Wakefield effect") non avevano vaccinato i propri figli ora si precipitano negli ospedali per farli vaccinare. Non solo quindi hanno messo a repentaglio la salute dei figli, ma può capitare che la vaccinazione "tardiva" non protegga più i bambini (potrebbero ricevere la protezione quando ormai il contagio è avvenuto). Un altro aspetto poco conosciuto del problema (e che è emerso in Galles) è che alcuni individui (bambini immunodepressi, che sono sottoposti a chemioterapia, che hanno allergie a componenti del vaccino) non possono vaccinarsi e sono quindi ad alto rischio di contrarre la malattia. Chi non si vaccina quindi, non fa solo una scelta personale ma condiziona anche la vita del prossimo.
Attualmente i casi in Galles sfiorano i 900 con un decesso di un uomo affetto da morbillo confermato (anche se è da confermare la causa del decesso).

L'altro aspetto di questa vicenda è il ritorno di malattie considerate quasi "scomparse" (lo sapete che esistono pediatri che non hanno mai visto un caso di morbillo?). Questa quindi può essere l'occasione per raccontare cos'è il morbillo e cosa può causare. Per me un ripasso, per le famiglie una pagina di conoscenza utilissima.

Il morbillo (da "piccola malattia" per differenziarlo dalle "gravi malattie" come il vaiolo o la difterite), è una patologia causata da un virus della famiglia dei paramyxovirus, altamente contagioso e dalla sintomatologia importante. Prima della diffusione del vaccino a livello mondiale, si contavano (nel 2000) 548.000 decessi l'anno (soprattutto bambini sott i 5 anni), nel 2011 la mortalità si è ridotta a 158.000 casi in tutto il mondo. Il virus si contagia per via aerea (respirazione, contatto diretto) ed una persona non protetta dal vaccino a contatto di un contagiato ha il 90% di possibilità di contagiarsi a sua volta. Prima dello svilupparsi dei sintomi il virus resta in incubazione per circa 10 giorni per poi esplodere con i tipici sintomi della malattia che includono febbre (per circa 4 giorni, fino a 40°C), tosse, raffreddore, congiuntivite ("arrossamento degli occhi"), inappetenza e rash cutaneo (l'esàntema, ovvero la presenza di piccole macchie rosa-rosso su tutto il corpo), un segno particolare sono delle piccole macchie rossastre all'interno della bocca, sulla guancia, dette "macchie di Koplik". Proprio la comparsa di queste "macchie" spesso allarma i genitori che così capiscono che è il caso di consultare il pediatra che fa diagnosi della malattia che in ogni caso è abbastanza allarmante perché rende il bambino particolarmente debole e visibilmente sofferente. L'esàntema compare gradualmente prima nelle parti alte del corpo per poi ricoprire anche quelle inferiori, alla sua scomparsa seguirà il "percorso" opposto, scomparirà prima dalla testa e dal tronco ed infine dagli arti inferiori e può provocare prurito.
La malattia ha quasi sempre decorso benigno, anche se alcune forme possono essere particolarmente aggressive (soprattutto in soggetti con basse difese immunitarie) ma possono comparire delle complicazioni che sono più frequenti nei bambini molto piccoli e negli adulti. Le più frequenti sono le infezioni delle vie respiratorie (spesso dovute ad infezione batterica sovrapposta) e le encefaliti, temibili complicanze che si sviluppano in un caso su 1000 contagiati. Altre complicanze possono riguardare l'occhio o il canale uditivo con possibilità di aggravamento fino a seri problemi alla vista o all'udito.

Tipico esàntema da morbillo in viso

L'encefalite da morbillo ha una mortalità molto alta, circa il 15% ed anche chi la supera ha un alto rischio di avere sequele molto gravi (nel 30% circa dei casi), di tipo neurologico.
Non esiste terapia per il morbillo (come per la maggioranza delle malattie causate da virus) ma esiste la possibilità di prevenzione che si attua con il vaccino, in Italia non obbligatorio ma consigliato: la vaccinazione completa protegge per tutta la vita ed è efficace nel 99% dei casi, nel bilancio rischi/benefici, questo è enormemente a favore dei secondi: "in un caso su 1000 il morbillo si complica, In rari casi (3 ogni 10.000) i bambini possono avere reazioni moderate come convulsioni correlate alla febbre alta. In casi estremamente rari (da 0,2 a 0,4 ogni 10 mila ) si può avere una riduzione delle piastrine nel sangue che può causare temporanee piccole emorragie. Reazioni allergiche di tipo anafilattico con ipersensibilità e gonfiore della bocca, difficoltà del respiro, pressione bassa e shock sono del tutto eccezionali ( meno di 1 caso ogni milione di vaccinati)".
Una gravissima complicanza del morbillo può insorgere molti anni dopo il contagio (soprattutto in chi ha avuto la malattia in età precocissima, in un caso su 100.000), è la panencefalite subacuta sclerosante (PESS), altamente invalidante e non curabile. Al contrario di altre malattie come la rosolia, il morbillo contratto in gravidanza non rappresenta un grosso pericolo per il feto. Aumenta la possibilità di aborto spontaneo in caso di infezione nelle prime settimane di gestazione mentre, se il contagio avviene alla fine della gravidanza, è possibile che il neonato presenti sintomi di morbillo subito dopo la nascita, alcune malformazioni alla nascita sono state definite come sospette da infezione da morbillo contratta in gravidanza iniziale.

Il virus del morbillo


Per ottenere immunità quasi totale dalla malattia sono necessarie due vaccinazioni in totale.
Come detto non esistono terapie per sconfiggere la malattia ed in caso di contagio valgono gli stessi rimedi utili in caso di sindrome influenzale, utili per migliorare i sintomi: idratazione, riposo, antifebbrili. L'uso di antibiotici è controindicato, sono da utilizzare solo in caso di complicazioni (quelle respiratorie su tutte) e sotto stretto controllo medico.
L'organizzazione mondiale della sanità, considerando che questa malattia ancora oggi miete migliaia di vittime in tutto il mondo, si è prefissa l'obiettivo di eradicarla dal pianeta ma i tentativi non hanno avuto successo per vari motivi (anche per la difficoltà di raggiungere popolazioni isolate o molto povere). Gli sforzi continuano.
In Italia la malattia ha ancora dei piccoli focolai e sono descritte complicanze ma la vaccinazione di massa ha contenuto epidemie importanti. Se nel 2002 (fino al 2003, è l'ultima epidemia di morbillo nel nostro paese con 8 decessi) abbiamo avuto un picco di 18020 casi, nel 2009 si sono verificati 759 casi in totale, si pensi ai quasi 90.000 casi del 1988. Nulla in confronto di ciò che accade nei paesi poveri, nei quali il morbillo, ancora oggi, uccide. Nel 2012 nel solo Pakistan ben 500 bambini sono morti per morbillo e migliaia i contagiati con complicanze.
Il vaccino antimorbillo non è tra quelli obbligatori e per fortuna le complicanze, specie quelle letali, sono piuttosto rare, ma se esiste un'arma per prevenire questo tipo di malattie è bene riflettere sulla possibilità di approfittarne, per noi e la nostra comunità.

Se interessa approfondire altri argomenti simili, conoscere malattie ormai rare e discutere di come le abbiamo limitate fatemelo sapere nei commenti.

Alla prossima.

Pagine dedicate al morbillo:

Wikipedia
Ministero della salute
OMS

160 commenti:

  1. Come sempre un articolo moderato e bene informato. Bravo. Naturalmente ci saranno commenti e giudizi negativi da parte di che, per esempio, ha definito "vergognoso" (termine abusato e usato prevalentemente nel Veneto) come questo altro articolo http://lettura.corriere.it/debates/la-crociata-contro-i-vaccini/
    pubblicato sul corriere della sera e criticato e, appunto, definito vergognoso da un certo Ferdinando che ogni tanto fa precedere il suo nome dal titolo di Dr. pur non essendo in possesso di alcuna laurea e combatte ferocemente contro TUTTI i vaccini. Lo stesso è noto per avere consigliato la ricotta in impacchi per la cura di molte malattie ma che nonostante i suoi discorsi salutisti è un accanito fumatore.

    RispondiElimina
  2. Pochi giorni fa però, la notizia che in una regione inglese, il Galles,

    il Galles è una regione gallese, non inglese ;)

    RispondiElimina
  3. il Galles è una regione gallese, non inglese

    Hai ragione!
    :)

    Naturalmente ci saranno commenti e giudizi negativi

    Guarda, sono abituato ai "giudizi negativi", ma se ne arrivasse qualcuno a proposito di un articolo come questo che semplicemente descrive una malattia, non si tratterebbe di un giudizio ma di un delirio.
    :)

    RispondiElimina
  4. L'articolo è ottimo.
    Però, come avevo già suggerito, io metterei, se è possibile reperirlo, un grafico con la diminuzione delle vaccinazioni messo a confronto con quello dell'aumento di morbillo e dei casi di autismo,
    Inoltre sarebbe interessante anche parlare degli effetti collaterali del vaccino e della loro incidenza sia in termini di frequenza che di gravità rispetto alla malattia stessa.
    Lo dico perché su questi argomenti gli antivaccinisti ci giocano (ricordo le varie testimonianze di signori con figli paralitici perché avevano fatto il vaccino).

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. io metterei, se è possibile reperirlo, un grafico con la diminuzione delle vaccinazioni messo a confronto con quello dell'aumento di morbillo e dei casi di autismo

    Di articoli con questi grafici e dati ne ho scritti un bel po'.
    Questo non è un articolo sui vaccini ma che spiega in maniera semplice cos'è il morbillo, il cenno ai vaccini è fondamentale (è l'unico modo per prevenire la malattia) ma non è centrale nel tema trattato.
    :)

    RispondiElimina
  7. Pietro, ho cancellato il tuo commento (è la seconda volta), perché qui non sono permessi link a siti che disinformano e che contengono informazioni false.
    Per favore, leggi il regolamento del blog prima di commentare ulteriormente.

    Grazie della comprensione.

    RispondiElimina
  8. Ottimo articolo come sempre.
    E' un piacere leggerti e come ti ho gia' detto stó aspettando il tuo libro che devo regalarne un paio a gente disinformata :-)

    RispondiElimina
  9. Ho una domanda: i miei genitori, come molti altri genitori di un bimbo autistico, sono molto sospettosi sui vaccini, e non sono fra i peggiori. Hanno vaccinato il mio fratellino contro tutte le malattie(anche la meningite), ma si sono rifiutati di fare l'ultimo richiamo del morbillo(il pediatra ha detto che non rischiava troppo).
    Domanda: rischia qualcosa di serio? Quanto sarà immune al morbillo da grande?
    P.S.: continui nella sua opera di divulgazione, ma temo che siano necessari anche incontri a tu per tu con le associazioni dei genitori, perché le dicerie sui vaccini sono diffusissime!!!!
    Ho un'ultima domanda: quando mi vaccinai io contro il morbillo, mia madre mi portò d'urgenza all'ospedale a causa di una strana contorsione di tutto il corpo(non convulsioni, fu un movimento strano, innaturale, di tutto il corpo) che ebbi al supermercato. Il medico mi dette del cortisone e mi rimandò a casa. La causa potrebbe essere stata il vaccino(anche se la risposta fosse sì, rimarrei a favore dei vaccini, anche perché l'episodio non me lo ricordo nemmeno più!), o fu solo una prima manifestazione dei miei tic nervosi?
    Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  10. rischia qualcosa di serio? Quanto sarà immune al morbillo da grande?

    Rischia di contrarre il morbillo, una sola dose di vaccino protegge di meno e per meno tempo. Se la vostra zona di residenza ha una buona copertura vaccinale naturalmente il rischio è minore per l'immunità "di gregge".

    potrebbe essere stata il vaccino

    Non posso saperlo, in ogni caso, in mancanza di altri sintomi, un episodio del genere non lo collegherei alla vaccinazione. A volte, in caso di febbre alta (possibile dopo una vaccinazione) possono avvenire episodi convulsivi (in genere in soggetti predisposti) ma, appunto, sono collegati all'alta temperatura corporea.

    RispondiElimina
  11. Ignoravo che la psicosi vaccino=autismo avesse raggiunto dei livelli cosí gravi,fortuna che non é un virus mortale altrimenti non oso immaginare cosa sarebbe successo.

    RispondiElimina
  12. esiste la possibilità di essere vaccinati
    1) solo per il morbillo (senza parotite e rosolia)
    2) da adulti
    ?

    RispondiElimina
  13. 1) solo per il morbillo

    Sì, anche se dipende dalle varie USL in quanto alcune non hanno i vaccini singoli e devono richiederli (anche all'estero, a volte), quindi in caso di necessità l'ideale sarebbe chiederlo in tempo in modo da organizzarsi.

    2) da adulti

    Sì.

    RispondiElimina
  14. Io posso raccontare la mia esperienza.
    Negli anni '60 ho fatto il morbillo, andavo in prima (o seconda) elementare, non ho avuto particolari problemi. Purtroppo mia sorella era molto piccola, credo avesse meno di un anno, prese il morbillo da me in una forma particolarmente virulenta (mi pare che il pediatra parlasse di morbillo emorragico) che fece temere per la sua vita. Poi fortunatamente guarì ma, in seguito, ha sempre sofferto di una salute alquanto malferma.
    Ci fosse stato il vaccino, magari tutto questo non sarebbe avvenuto.

    RispondiElimina
  15. Bell'articolo! Vorrei solo aggiungere che prima della vaccinazione i morti per morbillo in tutto il mondo erano 6 milioni.

    RispondiElimina
  16. @ Xodroont
    Avevo scritto un articolo sull'efficacia del vaccino anti-morbillo e ci sono anche alcuni grafici:
    http://vaccinarsi.blogspot.it/2010/12/il-vaccino-antimorbillo-lefficacia.html

    E qui puoi vedere un confronto dei rischi vaccino/malattia:
    http://vaccinarsi.blogspot.it/2012/06/la-sicurezza-del-vaccino-mpr-morbillo.html

    RispondiElimina
  17. "in 1 caso su 1.000.000 il vaccino ha un effetto collaterale, nel 98% banale e reversibile". Quando ho fatto vaccinare mio figlio con il trivalente, dopo una decina di giorni si è manifestata una febbre oltre i 38, tenuta sotto controllo e durata un 2 o 3 giorni. I medici mi avevano avvertito che quasi sicuramente sarebbe venuta la febbre e quasi tutti i genitori che conosco hanno avuto la stessa esperienza. Come si fa a dire che il vaccino provoca effetti collaterali soltanto in un caso su un milione? Di quali effetti collaterali si parla? E, ampliando il discorso, come funziona la farmacovigilanza (per i vaccini ma anche per il resto), visto che la febbre di mio figlio non è stata segnalata a nessuno?

    RispondiElimina
  18. @ Giacomo: Salvo si riferiva evidentemente agli eventi molto gravi. Se guardi il mio secondo link vedrai la frequenza di febbre e anche degli altri eventi avversi. Spesso non viene segnalato perché fa parte di quegli eventi di cui già si conosce la frequenza. Non è un vaccino nuovo ma è in uso da qualche decennio.

    RispondiElimina
  19. Come si fa a dire che il vaccino provoca effetti collaterali soltanto in un caso su un milione? Di quali effetti collaterali si parla?

    Degli effetti molto gravi, se non fosse chiara la frase la riformulo.

    come funziona la farmacovigilanza (per i vaccini ma anche per il resto), visto che la febbre di mio figlio non è stata segnalata a nessuno?

    Se l'avessi comunicata al medico di famiglia (o all'USL) lui avrebbe avuto l'obbligo di segnalarla, in ogni caso da qualche mese esiste un modulo con il quale chiunque (anche un semplice cittadino) può segnalare qualsiasi evento che accadesse dopo la vaccinazione, un po' quello che succede con il VAERS in America, non per forza da collegare, ma almeno da segnalare.
    La scheda esiste anche in rete, qui:

    http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.doc

    RispondiElimina
  20. Ho fatto così, ho modificato la frase copiando i dati dell'USL (servizio di igiene) di Treviso così da quantificare uno per uno tutti i tipi i complicanze più comuni, così dovrebbe esere più chiaro.

    RispondiElimina
  21. Ma perchè si collega proprio il vaccino per il morbillo all'autismo e non un altro vaccino, tipo quello per la polio o la pertosse. Voglio dire. Ormai non si vaccina solo per il morbillo, ma mi sembra che sia inserito nel trivalente o addirittura nell'esavalente, non mi ricordo. Hai già spiegato che nemmeno si può ricondurre l'autismo ai vaccini, nemmeno mi spiego perchè poi solo a quello del morbillo.

    RispondiElimina
  22. Ma perchè si collega proprio il vaccino per il morbillo all'autismo e non un altro vaccino

    Perché lo studio (quello poi rivelatosi falso, il noto di Wakefield) diceva di aver trovato parti del virus del morbillo nell'intestino dei bambini autistici (che poi si scoprì erano autistici anche prima del vaccino). Lo studio però, concludeva che nonostante questo non era possibile fare una correlazione tra vaccinazione antimorbillo-parotite-rosolia (MPR) ed autismo.
    Da questa affermazione, Wakefield passò (durante le conferenze stampa per presentare il suo studio) direttamente alla correlazione, come se fosse accertata e la stampa amplificò il fatto.
    A quel punto la strada era aperta e da una "voce" si passò ad una "certezza": il vaccino MPR è causa di autismo.
    Naturalmente non solo fu dimostrato che i dati dello studio furono falsati intenzionalmente, ma gli studi successivi lo smentirono, ma la frittata era fatta.
    Il resto è storia.
    Una sentenza recente comunque, ammette un risarcimento perché un caso di autismo sarebbe stato provocato dalla vaccinazione antipolio (questo per dire quanto ci sia di scientifico nelle sentenze sull'argomento), perché non vi era "altra spiegazione plausibile".
    Ancora: recentemente gli avvocati specializzati in questo tipo di cause, stanno spingendo affinché anche il diabete venga riconosciuto come causato dai vaccini.

    RispondiElimina
  23. @Salvo: in realtà l'ho segnalato allo stesso distretto in occasione del successivo vaccino, ma, a parte dirmi che è normale, non mi pare che abbiano manifestato un qualche interesse. Comunque ti ringrazio delle informazioni.

    RispondiElimina
  24. in realtà l'ho segnalato allo stesso distretto in occasione del successivo vaccino, ma, a parte dirmi che è normale, non mi pare che abbiano manifestato un qualche interesse.

    La febbre è considerata comunque una reazione abbastanza "normale" alla vaccinazione. Se lo hai segnalato ufficialmente non possono esimersi dal registrare l'evento, se è stato un "per conoscenza" è possibile che abbiano ritenuto che essendo un evento noto non sia necessario segnalarlo.

    Io comunque consiglio che in caso di qualsiasi evento avverso sospetto dopo la vaccinazione, si comunichi con l'ASL ufficialmente, perché la farmacovigilanza la facciamo anche noi cittadini (anzi, forse è la più "importante").

    RispondiElimina
  25. Salve, leggo sempre il suo interessantissimo blog. Avrei una domanda sui vaccini. Ho sentito dire, anche da medici ASL, che certi vaccini (tipicamente quelli contro l'influenza) è meglio non farli e prendere la malattia, così il sistema immunitario si tiene in esercizio. Ha senso un ragionamento del genere? Grazie

    RispondiElimina
  26. Ha senso un ragionamento del genere?

    No. Il sistema immunitario non ha bisogno di "esercizio" perché è sempre attivo (in caso contrario non esisteremmo come specie). Ogni giorno veniamo a contatto con centinaia di virus, batteri, funghi, corpi estranei ed ognuno di loro è distrutto dal sistema immunitario. Quando questo non funziona o è insufficiente ecco che compare la malattia.
    In ogni caso il vaccino anti influenzale non è consigliato a tutti ma solo alle categorie a rischio.

    RispondiElimina
  27. "Ha senso un ragionamento del genere?"
    I discorsi da medico di paese senza nessuna evidenza scientifica... Purtroppo se ne sentono di tutti i colori, non tutti i medici sono preparati quanto il Dott. Di Grazia. 😉

    RispondiElimina
  28. Complimenti per l'articolo.
    Per quanto riguarda la sentenza che ha riconosciuto la correlazione tra il vaccino e l'autismo non mi direi nemmeno troppo stupito.
    In primo luogo perché la giustizia italiana è la stessa che, ricordo, impose al servizio pubblico nazionale la sperimentazione del metodo Di Bella.
    E poi, soprattutto, perché la giurisprudenza civile ha assunto un orientamento in tema di nesso di causalità (o, meglio, di prova del nesso di causalità) che ha molto poco di scientifico e che si basa sull'assunto del "più probabile che no".
    Il che significa, in pratica, che se non vi sono spiegazioni alternative alla possibilità che una malattia sia causata da una pratica vudù, allora è "più probabile che no" che il vudù ne sia la causa.
    E a loro (i giudici, intendo) piace chiamarlo principio della "ragionevole probabilità scientifica".
    D'altronde, in quel caso, l'autismo comparve subito dopo la somministrazione del vaccino, sicché è evidente la "ragionevole" correlazione scientifica.
    Viviamo in tempi così...

    RispondiElimina
  29. loro (i giudici, intendo) piace chiamarlo principio della "ragionevole probabilità scientifica".

    Ne ho parlato con un giurista, mi ha spiegato questa cosa e comprendo che per chi ragiona con il metodo scientifico non è semplice entrare in questa mentalità. La stessa cosa accade con i "rimborsi per le cure alternative" e devo preparare un post su questi argomenti, dal punto di vista giuridico.

    In ogni caso mi pongo sempre la stessa domanda: se qualcuno facesse richiesta di risarcimento perché il suo autismo è stato provocato dall'abbaiare del cane del vicino, "rischierebbe" di vincerlo?
    Perché dal punto di vista medico siamo a questo livello...

    RispondiElimina
  30. L'assurdità, poi, è la discrepanza delle regole di prova sullo stesso elemento, quello eziologico, nel processo penale e in quello civile. E quindi capita che il medico assolto nel penale per mancanza del nesso causale, sia poi condannato in quello civile per lo stesso fatto.

    Per rispondere alla tua domanda (retorica) direi, molto poco retoricamente, che anche la giustizia del nostro Paese sta imboccando la strada, molto "americana", del risarcimento ad ogni costo.
    Basta leggere le sentenze in materia di lesioni o omicidio per amianto per rendersene conto.

    Con tutto il rispetto, gli studi epidemiologici, prova principe del nesso di causa, (soprattutto nei processi di amianto) non mi sembrano un criterio molto "scientifico" per addebitare la responsabilità a qualcuno. Forse banalizzo troppo, ma non sono altro che statistiche.
    Per cui se gli studi epidemiologici dimostrassero un aumento di casi di autismo dove ci sono tanti cani che abbaiano... Ti pare?

    Ah, dimenticavo: ovviamente anche nella vicenda di Busto Arsizio, quella della correlazione vaccino autismo, si è ricorsi a "studio epidemiologici". Anzi, si dice, che:
    Il nesso è stato valutato rispettando i dati obiettivi, i dati casistici, i dati statistico-epidemiologici e i dati sperimentali;
    Sarei proprio curioso di sapere quali.

    RispondiElimina
  31. @Marco Ferrazzani
    "I discorsi da medico di paese senza nessuna evidenza scientifica... Purtroppo se ne sentono di tutti i colori, non tutti i medici sono preparati quanto il Dott. Di Grazia"

    Per prima cosa dovrebbe sapere che i medici di paese da anni si chiamano Medici di Medicina Generale e che sono obbligati da anni a mantenere un costante aggiornamento scientifico (e guarda caso fra l'altro sulla medicina preventiva e sulle vaccinazioni).

    In secondo luogo i medici ASL deputati alle vaccinazioni citati nel post più sopra sono dirigenti di primo livello delle ASL, non i MMG convenzionati.

    Per il resto potrebbe stupirla sapere quanta evidenza scientifica occorre per ottenere il titolo di Medico.

    Che poi alcuni possano perderla per strada in taluni casi (in modo trasversale, anche nelle università) potrebbe essere oggetto di discussione....

    RispondiElimina
  32. @sergio Paolini: non era mia intenzione offendere nessuno. La mia era un po' una generalizzazione. È ovvio che la maggior parte dei medici fa bene il suo lavoro. Mi volevo soffermare sull'ultimo punto da lei argomentato essenzialmente.

    RispondiElimina
  33. http://www.minambiente.it/home_it/showitem.html?item=/documenti/comunicati/comunicato_0565.html&lang=it

    di solito i complottisti antivaccinisti e soci amano alla follia i delfini (che, come diceva un tale, sono solo dei tonni che se la tirano)

    e' possibile che la popolazione marina faccia da reservoire a quella terricola e viceversa?

    RispondiElimina
  34. oops... ho poi scoperto che non e' lo stesso virus

    mi scusino!

    RispondiElimina
  35. fatevi quattro risate:

    http://www.youtube.com/watch?v=x-ONWODUWUI

    RispondiElimina
  36. Oddio,questo é un capolavoro:credevo di aver visto di tutto,ma sono stato troppo presuntuoso. :)
    http://www.mednat.org/vaccini/influenza_spagnola.htm

    RispondiElimina
  37. non capisco come si faccia a leggere quelle pagine piene di link parole in mille colori diversi ecc. dopo due righe sbrocco!

    RispondiElimina
  38. Piccolo OT pignolo:

    "il Galles è una regione gallese, non inglese "

    Ma per carità. E' verissimo che il Galles non è una "regione inglese", ma definirlo una "regione gallese" è un contorsionismo linguistico assurdo; sarebbe come dire che la Sicilia è una regione siciliana.

    Geograficamente, il Galles è parte della Gran Bretagna. Politicamente, è un "country" (paese, nazione - da non confondere con "county", contea o regione) che fa parte del Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord.


    ;)

    RispondiElimina
  39. il vaccino sembra proteggere anche dall'otosclerosi, malattia con base genetica che provoca sordità trasmissiva e che probabilmente è scatenata dal contatto con il virus del morbillo. Nei paesi in cui la vaccinazione è diffusa da più tempo anche l'otosclerosi sta sparendo..

    RispondiElimina
  40. @ Kalimer:

    parlando con avvocati che operano nel settore 'ambientale-medico', ho compreso che, in sintesi, il loro ragionamento è il seguente: non è possibile escludere che il tal agente abbia provocato questo effetto, quindi il legame causale è possibile e quindi posso avviare la causa per risarcimento.

    Poiché la certezza al 100% non è di questo mondo, in pratica posso sempre chiedere i danni dando la colpa a qualsiasi cosa (o a qualcuno).

    RispondiElimina
  41. Due osservazioni:

    1) vedo che anche lei usa "sequele" al posto di "conseguenze" o "postumi"; è proprio necessario questo ennesimo anglicismo? :P

    2) la Wikipedia italiana dice che il vaccino antimorbillo non funziona... :(

    RispondiElimina
  42. @Teresa: "la Wikipedia italiana dice che il vaccino antimorbillo non funziona... :("
    ora, e' vero che su Wiki si trova questo "Il morbillo è una malattia che può essere prevenuta tramite vaccinoprofilassi, la quale non assicura un'immunità dal morbillo, oppure mediante somministrazione di immunoglobuline sieroprofilassi. L'immunizzazione passiva andrebbe effettuata entro 6 giorni dall'esposizione e trova indicazione quasi esclusiva nei bambini di età inferiore ai 6-12 mesi, nelle gestanti e negli immunodepressi."
    Ma si trova anche questo "Il 95% dei soggetti sviluppano immunità dopo 1 dose di vaccino, il 99% dopo la seconda dose, il 99,6% se vengono rispettate tutte le possibili dosi di richiamo. Il vaccino è molto efficace, garantendo una copertura vaccinale duratura per tutta la vita del paziente"
    Ed e' anche vero che Wiki italiana spara un sacco di vaccate.
    Affermare che " la Wikipedia italiana dice che il vaccino antimorbillo non funziona... :(" mi pare un po' fare free climbing sugli specchi...

    RispondiElimina
  43. Aggiungo due link, se Salvo permette.
    Il primo testo citato e' tratto da qui http://it.wikipedia.org/wiki/Morbillo
    il secondo da qui
    http://it.wikipedia.org/wiki/Vaccinazione#Morbillo
    Tu, Teresa, dove hai trovato l'affermazione che fai?

    RispondiElimina
  44. Parlavo proprio del brano da te citato: "Il morbillo è una malattia che può essere prevenuta tramite vaccinoprofilassi, la quale non assicura un'immunità dal morbillo"
    Siccome quella pagina di Wikipedia è uno dei siti che il dottore ha elencato alla fine dell'articolo, facevo presente che la wiki è perlomeno ambigua sull'argomento e che quindi sarebbe il caso che qualche esperto come il dott. Di Grazia ci mettesse mano per riscrivere il tutto in maniera più coerente :)

    RispondiElimina
  45. >>Ancora: recentemente gli avvocati
    >>specializzati in questo tipo di cause,
    >>stanno spingendo affinché anche il diabete >>venga riconosciuto come causato dai vaccini.

    >Il diabete?!?


    Da anni ci stanno provando anche con la sclerosi multipla, se è per questo...

    Lisa

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. @Teresa, non stiracchiare il senso. "non assicura immunita'" NON significa "non funziona".
    E poi tu non hai fatto presente una beata fava.
    Tu hai semplicemente detto "la Wikipedia italiana dice che il vaccino antimorbillo non funziona... :("
    Hai accuratamente "dimenticato" di citare l'altra pagina che e' effettivamente in parziale contraddizione, ma tu non l'hai manco citata.
    Attenta, che gli specchi sono scivolosi...

    RispondiElimina
  48. Non esiste terapia per il morbillo (come per la maggioranza delle malattie causate da virus)

    Questo non è vero, i pediatri omeopati sanno affrontare le malattie dei loro pazienti e non solo loro, è la medicina allopatica che non ha terapia, non la medicina naturale!
    E necessario curare le malattie esantematiche, non vaccinarle!

    RispondiElimina
  49. Questo non è vero, i pediatri omeopati sanno affrontare le malattie dei loro pazienti

    E' chiaro che stai scherzando (stai scherzando, vero?) ed imiti quelli che credono a tutte le baggianate che si trovano su internet.

    Bel colpo.
    :D

    RispondiElimina
  50. Frankbat, nel mio primo commento mi stavo lamentando che la pagina di Wikipedia che ho citato (quella linkata dal dottore) fosse scritta male, tanto da asserire cose contradditorie (che il morbillo è prevenuto dal vaccino ma che questo non dà immunità). Una simile maniera d'esprimersi non può che causare dubbi e sconcerto presso i non addetti ai lavori (figuriamoci negli antivaccinisti!), quindi segnalavo la pagina nella speranza che un esperto la correggesse. Tutto qua :)

    RispondiElimina
  51. Ho una curiosità...
    Sono sempre stata abbastanza delicata e cagionevole di salute. Tra le cause possibili ho pensato alla mancanza di allattamento al seno (mia madre si ammalò e perse il latte dopo che nacqui), ma ora mi stanno venendo dei dubbi: non potrebbe essere una conseguenza di alcune malattie che ho preso in tenera età?
    Tipo la pertosse (che ho avuto nel primo anno d'età) o il morbillo, che ricordo come una malattia abbastanza grave: giorni e giorni a letto al buio (la luce mi dava molto fastidio), febbre molto alta, lungo periodo di convalescenza e debolezza (ricordo che la prima volta che mi hanno fatto alzare dal letto le gambe non mi reggevano, e ho dovuto a poco a poco "reimparare a camminare").
    Grazie a chi potrà rispondermi :D

    RispondiElimina
  52. @Teresa: "nel mio primo commento mi stavo lamentando che la pagina di Wikipedia che ho citato (quella linkata dal dottore) fosse scritta male"
    Mah, veramente nel tuo commento non trovo nulla di simile.

    RispondiElimina
  53. assolutamente non scherzo, ogni omeopata è perfettamente in grado di curare il morbillo e le altre malattie esantematiche scegliendo tra i rimedi più simili ai sintomi che il medico trova, con i miei figli è successo questo, conosco anche delle amiche con esperienze simili.
    Ricordo che il nostro pediatra ci aveva detto che esiste un rimedio specifico per il morbillo, si chiama Morbillinum, nel nostro caso però ha preferito usare un altro rimedio perchè ci aveva detto che il bambino era già in una fase avanzata.
    Sono stata molto soddisfatta della cura, non vaccinerei mai i miei figli, preferisco non correre inutili rischi perchè so che con la medicina naturale è possibile risolvere naturalmente queste malattie.

    RispondiElimina
  54. Annarossa, quanto è durato il morbillo nei bambini curati con l'omeopatia?

    RispondiElimina
  55. Annarossa la Natura risolve le malattie uccidendo il malato la maggior parte delle volte. La medicina è un progresso tutto umano, frutto del suo ingegno. L'omeopatia non è né naturale, né efficace. Vaccinare e vaccinarsi è una scelta responsabile di prevenzione sia a livello personale che comunitario. È statisticamente molto più rischioso attraversare la strada che vaccinarsi. Ora veda lei, se è ancra il caso o meno di vivere la vita o rintanarsi in casa. Ops, in casa si muore un sacco! Elettricità, spigoli vivi... Oddio che ansia!

    RispondiElimina
  56. @Annarossa una mia amica é andata, per problemi in gravidanza, in pellegrinaggio a medjugore ed é andato tutto bene , come la seconda volta per altri problemi. Possiamo quindi dire che andare a medjugore funziona al 100% basta crederci .

    RispondiElimina
  57. @Annarossa per fortuna sua, dei suoi figli e di tutti quelli che ricorrono alla omeopatia che in Italia il 70% almeno delle persone ricorrono ai vaccini per le comuni malattie esantematiche e per l'epatite. Medici ed esperti di statistica (sicuramente non supportati dalla vasta letteratura pubblicata dagli omeopati) hanno stabilito che superato quel 70% l'effetto barriera dovrebbe proteggere anche i non vaccinati. Perciò secondo queste persone (ripeto, non con la vasta conoscenza degli omeopati ma con una certa esperienza sulla malattie) lei dovrebbe ringraziare quel 70%.
    Del resto vorrei sapere una cosa: si il vaiolo e la poliomielite sono solo ricordi passati, questo è dovuto a farmaci (sparo il nome, ma in omeopatia questo e altro) del tipo del Vaiolinium e del Poliomielitium o alla campagna fatta da un gruppo di medici e scienziati sponsorizzati da quella strana organizzazione chiamata WHO (o OMS in italiano)?

    RispondiElimina
  58. per annarossa: non ti è venuto in mente che ai tuoi figli il morbillo possa essere guarito NON grazie alle manovre dell'omeopata, ma semplicemente perché in assenza di complicazioni, dopo qualche giorno, guarisce da solo?

    Sempre che tu non sia un troll, ovviamente.

    Lisa

    RispondiElimina
  59. Mi perdoni Salvo Di Grazia ma questo link in questo post non era proprio possibile non pubblicarlo:

    http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=44749&Cr=vaccinat&Cr1=#.UXpguqtH5Ag

    RispondiElimina
  60. @Marco Ferrazzani

    L'omeopatia non è né naturale, né efficace

    Chi lo ha detto!? Dove sta scritto?

    RispondiElimina
  61. Dell'efficacia dell'omeopatia se ne è parlato tanto, troppo; ad ogni modo il buon Dott. Salvo Di Grazia ha scritto diversi articoli riguardanti l'omeopatia. Se li legga.
    Cosa intende lei per Naturale? Per me è naturale anche l'aspirina, o il chemioterapico: sono fatti di molecole, esistono. Ma il mio modo di intendere Naturale è in antitesi ad esempio a Metafisico. Il suo modo di intendere Naturale penso invece sia in antitesi col concetto di Sintetico. Peccato che non esiste una differenza del genere: ogni elettrone, ogni protone, ogni neutrone, sono uguali a tutti gli altri. Per cui un molecola estratta da una pianta sarà sempre uguale alla stessa ricavata attraverso un processo di sintesi.
    Ora, tornando alla nostra cara omeopatia, questa panacea per tutti i mali che si autorisolvono in due-tre giorni, cosa avrebbe di naturale inteso come lo intende lei se viene prodotto in laboratori, con processi di lavorazione analoghi a quelli usati nelle fabbriche dei farmaci "classici". Che poi, devo trovare un "naturalista" che mi spieghi cosa significa naturale: naturale come il veleno della vipera? o come gli alcaloidi? La natura è crudele signori, non sta a fare giustizia, per lei non esiste la giustizia. Qualsiasi altro animale se si ammala muore la maggior parte delle volte, e non esiste al mondo animale in grado di curarsi come fa l'uomo, al massimo possono mangiarsi delle foglie o dell'erba per stimolarsi il vomito come fanno i cani e altri mammiferi. La salute, cosa significa salute in natura? Non significa nulla! Il concetto di salute se l'è inventato l'uomo. Stessa cosa vale per la malattia. E non è vero che la salute è il nostro stato naturale, mentre la malattia un turbamento di questo nostro stato, come non è altrettanto vero che il compito del medico è quello di riportarci al nostro stato naturale di salute. Cazzate new age fricchettone! Anzi tra virgolette si potrebbe affermare che il medico agisce contro natura, facendo sopravvivere individui che altrimenti non supererebbero la pressione dell'evoluzione. Ha mai avuto una bronchite? Un'infezione? Be' sappi che senza antibiotici sarebbe molto probabilmente morta. Mia nonna mi ha raccontato di una sua cugina che negli anni 20 morì a 15 anni perché si era ferita la gamba con un ramo, determinando un infezione che la portò nel giro di pochi giorni in shock settico e quindi alla morte.
    E' facile per noi borghesotti del mondo civile stare qui a fare i moralisti protetti dalle nostre mura domestiche; è facile giocare ai piccoli dottori quando si ha a che fare con un raffreddore! Ma lo vada a raccontare ai milioni di bambini e adulti che ogni anno muoiono nel mondo perchè non hanno accesso alle nostre cure, ai nostri farmaci. Vada a dirlo a quelle mamme, gli dica che sono meglio i loro riti sciamanici e le loro erbe piuttosto che le occidentali pillole! Anzi faccia una cosa: doni tutto quello che ha ad una di quelle famiglie, e vada a vivere al posto loro, in quelle condizioni, e poi mi venga a raccontare come si sta "al naturale"!
    La verità è che lei è una persona davvero ipocrita, e la cosa triste è che non si rende conto neanche della sua ipocrisia, e delle conseguenze che comporta. Ci pensi su.

    RispondiElimina
  62. Chi lo ha detto!? Dove sta scritto?

    annarossa, visto che qui non posso ripetere in due righe, volumi di chimica, fisica e buon senso, ti dico che, fermo restanto che chiunque può liberamente credere a ciò che preferisce, dall'unicorno rosa agli oroscopi, l'omeopatia è una bufala che non ha mai dimostrato efficacia e che non serve a curare né guarire nulla.
    Inoltre, ogni prodotto omeopatico con diluizione che supera la 12ma (12CH), è acqua (o zucchero).

    Non chiedere quindi agli altri come mai non credono al fatto che qualcuno sia guarito con l'omeopatia, ma chiedi a te stessa come mai credi che delle palline di zucchero abbiano guarito qualcuno.
    (io continuo a pensare che stai provocando o scherzando, comunque).
    :)
    Saluti.

    RispondiElimina
  63. Io scherzo!? niente affatto, guarda cosa dice il corriere.it! Loro scherzano sicuramente, scrivono:

    Nel 2012 sono stati quasi duemila i casi di morbillo in Inghilterra, la cifra più alta registrata in quasi due decenni.

    Sarebbe questa la pericolosa epidemia di cui state parlando!? 2000 casi in 53 milioni di abitati in 20 anni!?

    http://www.corriere.it/salute/13_aprile_26/inghilterra-epidemia-morbillo_66cbd2e2-ae76-11e2-b304-d44855913916.shtml

    http://it.wikipedia.org/wiki/Inghilterra

    Dove si parla di un morto che FORSE è deceduto per il morbillo.
    Sarebbe questo l' umorismo nero britannico!?

    L omeopatia è una bufala!? E allora perchè il mio medico pediatra ha lo studio pieno di pazienti comprese alcune mie amiche? Secondo voi da acqua da bere a tutti i bambini che visita e tutti i loro genitori sono felici che i loro figli non guariscano?

    RispondiElimina
  64. Annarossa chiedi al tuo pediatra cosa c'é dentro i granuli oltre lo zucchero :-) . Se ti risonde niente la prossima volta bevi un bicchiere di acqua , spendi niente e fa lo stesso effetto . Se ti risponde che ci sono principi attivi guarda l'etichetta e fatti fare il conteggio di quanti gr di principio ci sono. Se ti dice che devi credere nell'omeopatia e tira fuori la memoria dell'acqua vi in chiesa a pregare che fa lo stesso.
    Infatti in inghilterra adesso sono tutti andati a farsi vaccinare , chissâ perché se non funziona o_O

    RispondiElimina
  65. Il tuo pediatra ha pieno lo studio perché è pieno di gente polla pronta a credere ai rimedi "dolci" e a tutte queste boiate qui.

    Informati e poi ne riparliamo.

    RispondiElimina
  66. Sarebbe questa la pericolosa epidemia di cui state parlando!? 2000 casi in 53 milioni di abitati in 20 anni!?

    No, i 2000 casi sono avvenuti solo nel 2012, non in 20 anni. Sono relativamente pochi, grazie alle vaccinazioni ed ai normali picchi delle infezioni virali. Questa volta, solo in Galles, siamo già ai quasi 1000 casi.
    L'epidemia di morbillo è pericolosa, in quella Gallese c'è una morte sospetta e decine di ospedalizzati. Libera naturalmente di preferire un'encefalite o una polmonite (o in rari casi la morte) ad una puntura che ti protegge, ma non ti agitare se c'è gente che preferisce vivere in maniera molto più sicura.

    E allora perchè il mio medico pediatra ha lo studio pieno di pazienti comprese alcune mie amiche?

    Beato lui. Pensa che gli astrologi ed i chiromanti hanno più clienti degli omeopati. Non per questo io mi vanterei di fare la fila dal chiromante.
    :)

    Secondo voi da acqua da bere a tutti i bambini che visita e tutti i loro genitori sono felici che i loro figli non guariscano?

    Mica è scemo il tuo pediatra. Lui prescrive farmaci quando c'è una malattia da curare e palline di zucchero quando ci sono mamme ansiose da calmare. Il risultato è eccezionale.

    RispondiElimina
  67. Nel 2002 c'è stata un'epidemia di morbillo in una città tedesca, Coburg. La causa erano 3 omeopati che avevano convinto tanti genitori a non vaccinare. Uno di questi, il dott. Fromme aveva da solo ca. 400 malati di morbillo fra i propri pazienti. Alla fine dell'epidemia (in totale erano ca. 1000) il dott. Fromme ha scritto un report dettagliato dell'andamento dei "suoi" casi di morbillo. Il numero e il tipo di complicanze corrispondeva esattamente a quella conosciuta dalla letteratura scientifica. L'epidemia era rimasta circoscritta alle zone con alta concentrazione di famiglie che avevano rifiutato il vaccino. Non si era estesa alle altre zone con alta copertura vaccinale. Fra i ca. 1000 malati di questa epidemia c'era anche un caso di encefalite.

    RispondiElimina
  68. @Ulrike

    Ottimo esempio che dimostra che una terapia omeopatica per il morbillo esiste, è evidente che il dott Fromme ha curato 400 pazienti di morbillo tenendo un accurata descrizione di quello che lui faceva in quel periodo, lui sa bene come si cura il morbillo, chiedete a lui i dati del suo lavoro sul morbillo se volete imparare a curarlo.

    Senza il vaccino ricompare il morbillo, non è un epidemia, è un semplice ritorno, non ha senso parlare di epidemia dopo che il vaccino è stato tolto,è ovvio che il morbillo ritorna!

    Il mio pediatra non da vaccini, antibiotici, antinfiammatori... è conosciuto come omeopata da tutti, non come un furbetto come qui si vorrebbe far credere.

    RispondiElimina
  69. "Ottimo esempio" un tubo: annaossa, hai letto quel che ha scritto Ulrike?

    Fra i ca. 1000 malati di questa epidemia c'era anche un caso di encefalite.

    Esattamente quel che dicono le statistiche. Probabilmente, quel caso si sarebbe potuto evitare, se la pratica di vaccinare i ragazzini fosse stata più diffusa.

    RispondiElimina
  70. L'unica cosa che si può fare nei confronti di persone come Annarossa (cioè persone fermamente convinte dell'utilità dell'omeopatia) è informare, in quanto se la fiducia nasce da ignoranza, allora è possibile che si cambi idea, ma se si tratta di una vera e propria "fede", come accade in moltissimi casi, allora qualunque sforzo è inutile. Sarebbe come cercare di convincere un fervente Cristiano che Dio non esiste. Per questo consiglio ad Annarossa di leggere la simpatica guida illustrata sull'omeopatia (http://medbunker.blogspot.it/2012/06/guida-illustrata-allomeopatia.html) nonché i numerosi post presenti su questo blog sullo stesso argomento (http://medbunker.blogspot.it/search/label/omeopatia?updated-max=2010-08-23T10%3A01%3A00%2B02%3A00&max-results=4). Consiglio anche il video in cui Boiron (cioè il proprietario della più grande multinazionale di prodotti omeopatici) dichiara apertamente di curare la propria ernia del disco con il cortisone, anziché con i suoi prodotti omeopatici (http://www.youtube.com/watch?v=m4voGDUNW4U&list=UUuEXVVbM1AcDqqT3miLVSIg&index=2).

    RispondiElimina
  71. Annarossa io da perfetto ignorante ho capito che il morbillo passa da solo (correggetemi se sbaglio) se non ci sono complicazioni quindi cosa avrebbe curato questo omeopata ? Il problema sonp le complicazioni che possono andare dal ricovero in ospedale fino a casi eccezionali alla morte . Ora vogliamo salvare questi casi eccezionali o non ce ne frega niente ? sai la ruota gira e non si sa a chi tocca e il miglior e unico sistema é il vacccino .

    RispondiElimina
  72. "Ottimo esempio che dimostra che una terapia omeopatica per il morbillo esiste"

    No, è un ottimo esempio che la "cura" omeopatica non riduce il rischio di complicanze. Il dott. Fromme aveva curato le complicanze con gli antibiotici...

    RispondiElimina
  73. L'omeopata Fromme aveva curato 385 dei propri pazienti che si erano ammalati di morbillo. Di questi 21 avevano come complicanza l'otite media e 12 una polmonite. Entrambe le complicanze sono state trattate da Fromme con gli antibiotici. 2 pazienti dovevano essere ricoverati.

    RispondiElimina
  74. Segnalo che questa mattina al GR2 (RAI Radio 2) delle 7:30 hanno parlato dell'epidemia in Galles. Secondo il GR (ma come al solito la notizia è da verificare) i casi sarebbero quasi 3000 e gli ospedalizzati per complicazioni gravi quasi 400.

    RispondiElimina
  75. "Mica è scemo il tuo pediatra. Lui prescrive farmaci quando c'è una malattia da curare e palline di zucchero quando ci sono mamme ansiose da calmare. Il risultato è eccezionale."

    chapeu...

    RispondiElimina
  76. Se non fosse che queste persone non hanno responsabilità su quello che gli sta sccedendo direi ben gli sta! Ma dato che la colpa è di genitori incoerenti e deficienti non posso che augurare a quei ragazzi una pronta guarigione. Dopodiché prenderei quei genitori e gli accollerei tutte le spese dovute a questa epidemia.

    RispondiElimina
  77. @annarossa: Sono stata molto soddisfatta della cura, non vaccinerei mai i miei figli, preferisco non correre inutili rischi perchè so che con la medicina naturale è possibile risolvere naturalmente queste malattie.

    La mortalita’ per morbillo di circa 1 caso ogni 1000, indubbiamente anche se di morte si tratta per il genitore che decide di non vaccinare il proprio figlio questo dev’essere un rischio trascurabile quanto meno sufficientemente piccolo da non causargli problemi di coscienza. La convinzione di non avere fatto una sciocchezza pero’ credo sia piu’ da imputare alla probabilita’ di guarigione: perche’ un genitore antivaccinista dovrebbe spaventarsi di fronte ad una probabilita’ di 1 su 1000 che il proprio figlio muoia quando 999 su 1000 guariscono per cause naturali ? Certo quello che meno capisco e’ come possano i genitori antivaccinisti credere che 999 su 1000 guariscono per cause naturali mentre il loro e’ guarito grazie all’omeopatia.

    Ottimo esempio che dimostra che una terapia omeopatica per il morbillo esiste, è evidente che il dott Fromme ha curato 400 pazienti di morbillo tenendo un accurata descrizione di quello che lui faceva in quel periodo

    Che esista una terapia omeopatica per il morbillo e‘ fuori discussione, che ne esista una efficace direi un po’ meno. Ma certo tu hai letto che le annotazioni di Fromme mostravano che i suoi 400 pazienti avevano avuto tutto quello che potevano avere come quando uno ha il morbillo e ne hai dedotto che l’omeopatia funziona...

    E necessario curare le malattie esantematiche, non vaccinarle!

    Sono d’accordo, non si vaccinano le malattie ma le persone.

    RispondiElimina
  78. ho trovato un ottimo video del dott Eugenio Serravalle nel suo sito ufficiale (nella sezione video) che spiega molto bene i vaccini con moltissimi dati e riferimenti, tra questi anche quello del morbillo-parotite-rosolia, lo consiglio a tutti.

    RispondiElimina
  79. Annrossa e io ti consiglio di leggere quello che Salvo scrive su questo blog riguardo i vaccini e quello che scrive Ulrike sul suo blog "VACCINARSI" per scoprire quante bufale e mezze veritá diffondano Serravalle e Gava .
    Poi vedi tu se vuoi capire come ragiona la medicina o come credono certi dottori.

    RispondiElimina
  80. Ulrike ha citato un certo omeopata Fromme, io ho cercato di scoprire in rete qualcosa su di lui ma non ho trovato nulla, dove lo trovo?

    RispondiElimina
  81. .
    perchè "percorso opposto" e non " medesimo percorso", visto che l'ordine di scomparsa è il medesimo di quello di comparsa?

    RispondiElimina
  82. @Annarossa,
    facendo una ricerca come "dr. fromme coburg" su google escono moltissimi risultati, però mi sembrano tutti in Tedesco.

    RispondiElimina
  83. ho scoperto questo scritto di Fromme del 2002

    http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=de&u=http://www.plaudern.de/impfen-eine-entscheidung-3318/dr--fromme-einer-der-2-beschuldigten-kinderaerzte-in-coburg-n-45_all.htm&prev=/search%3Fq%3Ddr.%2Bfromme%2Bcoburg%2BImpfstoff%26newwindow%3D1%26hl%3Dit%26biw%3D1280%26bih%3D618

    in cui lui si lamenta di essere stato diffamato dopo avere curato i bambini dal morbillo, in questo scritto noto però che i bambini sono stati curati con la D30 di alcuni rimedi, quindi non credo che si possa parlare di omeopatia, piuttosto di una via di mezzo tra la fitoterapia e l omeopatia, una D30 non ha niente a che fare con una 30CH, perchè in questa non c è nessuna materia oltre all acqua ed è stata succussa , mentre le diluizioni D1 D3....D30 non sono altro che diluizioni di una TM, in pratica si tratta di un fitoterapico diluito, quindi Fromme non è un omeopata in senso stretto ma piuttosto uno che cura con la natura, molti in germania fanno questo non mi stupisco.
    Questo spiega il ricorso agli antibiotici in alcuni casi, un omeoata vero avrebbe dato almeno una 5CH, 30CH, 200CH non una D30!
    Si tratta di uno dei tanti sedicenti omeopati, magari un medico bravo ma non un omeopata come Hahnemann ha insegnato, ecco risolto il caso Fromme, si tratta di un pediatra che cura naturalmente quando può altrimenti ricorre gli antibiotici come gli altri allopati, nulla di strano, ma l' hanno anche diffamato poveretto! :)

    RispondiElimina
  84. @annarossa:ma l' hanno anche diffamato poveretto! :)

    Ah certo, se gli hanno dato dell'omeopata e non lo e' ha tutta la mia comprensione.

    RispondiElimina
  85. essendo fitoterapia immagino che abbia usato delle sostanze provenienti da piante. Quali?

    RispondiElimina
  86. una D30 non ha niente a che fare con una 30CH, perchè in questa non c è nessuna materia oltre all acqua ed è stata succussa , mentre le diluizioni D1 D3....D30 non sono altro che diluizioni di una TM

    Tutte le diluizioni omeopatiche derivano da una tintura madre, CH e DH indicano il metodo di diluizione (CH le diluizioni centesimali, cioè una parte su 100, DH quelle decimali, cioè una parte su 10).
    Come da una 12CH in poi non vi è più traccia di principio attivo, la stessa cosa accade dalla 24DH in poi.
    In una 30D (o DH) non vi è alcuna traccia di principio attivo ed è anch'essa una diluizione omeopatica e non è fitoterapia, pratica scientifica ed i cui preparati contengono sostanze attive.

    RispondiElimina
  87. allora anche in una 30D non c' è materia, ma non si può dire DH, manca la succussione quindi non credo che si possa dire DH.
    In ogni caso gli omeopati unicisti usano normalmente le CH, le K, le LM. Mi sembra molto strano anche perchè una D30 l' omeopata tempo fa l' ha data anche a mia mamma ma solo come un aggiunta alla cura non come cura omeopatica, non mi è mai capitato in molti anni di conoscere o di leggere un omeopata che prescrive le D, al posto delle solite CH o K, oltretutto in farmacia non si trovano granuli di D ma solo di CH e K, non credo nemmeno che esistano dei granuli D, io l' avevo trovata in polvere e solo su ordinazione.
    Per me quello non è un omeopata torno a dire, è un opportunista che mischia allopatia con quel tipo di omeopatia, omotossicologia, fitoterapia e altro, lo fanno in tanti, non si possono definire omeopati.
    Forse naturopati!?

    RispondiElimina
  88. Ma dato che parli tanto di successioni, diluizioni? M lo sai cos'è l'omeopatia? Quali sono i principi? Quando è staa inventata? Inoltre: conosci la chimica, hai studiato fisica? Ti rendi conti che se l'omeopatia esistesse, qualsiasi omeopata che riuscisse a dimostrarlo inconfutabilmente vincerebbe un premio Nobel per la medicina ed uno per la fisica! Eppure è strano perché non vedo omeopati prendersi a spintoni per arrivare per primi nei laboratori; se ne stanno tranquilli nei loro studi, spesso ricavati dalla loro casa, con al muro qualche tavola anatomica con i meridiani, quattro cianfrusaglie così tanto per darsi un aria da guaritore, e via a fare soldi vendendo zuccherini! Che tristezza...

    RispondiElimina
  89. Per chi capisce l'inglese, un' interessante analisi "politica" della situazione in Galles (il sito è quello dei Trotzkisti della IV Internazionale)

    http://www.wsws.org/en/articles/2013/05/01/meas-m01.html

    RispondiElimina
  90. Ci riprovo:

    http://www.wsws.org/en/articles/2013/05/01/meas-m01.html

    RispondiElimina
  91. 83 ospedalzzati su 950!!! Che paura! Siamo tutti terrorizzati dalle malattie esantematiche quindi corriamo a vaccinari! :)
    Non ci curiamo con la natura, ci vacciniamo che è meglio!

    RispondiElimina
  92. Non ci curiamo con la natura, ci vacciniamo che è meglio!

    Ok, allora adesso mi devi spiegare perché
    1) l'omeopatia è naturale
    2) i vaccini, che inoculano un patogeno o parte di esso reso innocuo per rinforzare il sistema immunitario tramite il suo esatto modo di funzionare normalmente, non sono naturali.

    Spiega.

    RispondiElimina
  93. 83 ospedalzzati su 950!!! Che paura! Siamo tutti terrorizzati

    Sei terrorizzata? Io no e credo lo siano in pochissimi.
    Se ti senti terrorizzata prova a controllare la tua ansia e cerca di vivere serenamente. La vita è fatta di scelte, possibilità e opzioni, anche andare in auto è una scelta (mica è obbligatorio) e può essere pericoloso (si muore pure sai?), anche andare in moto è bellissimo ma molto pericoloso (si può muorire!), anche avere il morbillo o l'influenza può essere pericoloso (si può morire...), non c'è bisogno di terrorizzarsi, solo di informarsi e comportarsi di conseguenza, senza bisogno di criticare chi ha scelto diversamente: le cinture di sicurezza, il casco, il vaccino, di questi solo il vaccino non è obbligatorio per legge, pensa un po'.
    A te la scelta.
    :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  94. Annarossasei pessima! Il tuo sarcasmo davanti ad una tragedia causata da persone incapaci di riflettere come te è davvero fuori luogo. Te l'ho già detto, la tua incoerenza mi fa paura. Fatti un esaminò d coscienza.

    RispondiElimina
  95. Quello che non capisco è come faccia un omeopata a "guarire" il morbillo. Per quanto io non sia una dottoressa, so che le malattie esantematiche sono causate da virus, contro i quali nulla si può fare se non aspettare che passino da sole e, nel frattempo, alleviare i sintomi (es. le tonnellate di talco mentolato con cui ho cosparso mia figlia durante la varicella). Quindi, il "rimedio" omeopatico cosa avrebbe fatto? La malattia è durata meno? Oppure ha alleviato la fotofobia, l'esantema o quant'altro? O, meglio ancora, ha alleviato l'ansia della mamma lasciando tutto il resto come prima?

    RispondiElimina
  96. Quindi, il "rimedio" omeopatico cosa avrebbe fatto?

    A queste domande rispondono gli studi scientifici. Nessuna malattia è guarita o "migliorata" dall'omeopatia (tranne quelle su base psicosomatica), ma il "fare qualcosa" tranquillizza chi la usa (i genitori in questo caso). In più il fatto che si somministri l'omeopatico (che richiede un'adesione totale alla prescrizione, un cerimoniale preciso), fa osservare i miglioramenti spontanei della malattia più da vicino ed in maniera attenta. Vale sempre il vecchio detto: "l'influenza con l'omeopatia passa in soli sette giorni e non dura una settimana come quando non si fa nulla". E' soprattutto un problema di percezione ed effetto placebo.
    Che poi ci sia gente che non vuole rendersene conto (per ignoranza o principio), non è proibito ma non cambia minimamente lo stato delle cose.

    RispondiElimina
  97. Annarosa ti faccio un paio di domande.
    Uno berresti mai una tazzina di caffè con dentro un prodotto omeopatico a base di plutonio?
    Se non lo fai perchè?
    Se sì lo sai perchè non hai problemi di salute immediati?

    RispondiElimina
  98. io credo che sia solo fiato sprecato... se davvero avesse interesse a capire dove è che sbaglia e rimediare leggerebbe quello che gli abbiamo consigliato di leggere. La realtà è che le convinzioni sono dure da cambiare, sono stati scritti centinaia di libri su questo argomento.

    RispondiElimina
  99. ma quali prove scientifiche!I bambini con le loro mamme fanno la fila per mesi prima di arrivare ad un appuntamento con un pediatra, non certo per seguire un cerimoniale salvifico illusorio ma perchè chi li ha preceduti ha avuto dei risultati! Tantissimi omeopati sono pediatri, quindi medici specializzati, mica dei medici di paese qualsiasi!

    non credo che esista il rimedio Plutonio, so che esiste Uranium.
    Uranium lo prenderei, perchè no!?

    RispondiElimina
  100. I bambini con le loro mamme fanno la fila per mesi prima di arrivare ad un appuntamento con un pediatra

    ...e ci credo che quando arrivano guarirebbero pure con le gocce di rugiada.
    :D

    RispondiElimina
  101. Annarosa non hai risposto alle mie domande:
    perché
    1) l'omeopatia è naturale
    2) i vaccini, che inoculano un patogeno o parte di esso reso innocuo per rinforzare il sistema immunitario tramite il suo esatto modo di funzionare normalmente, non sono naturali?

    RispondiElimina
  102. @Annarossa: "I bambini con le loro mamme fanno la fila per mesi prima di arrivare ad un appuntamento con un pediatra"
    Mesi? Boh, con la mia pediatra faccio una telefonata e in giornata (o al massimo la mattina dopo) riesce a visitare i miei figli....che pediata ha?

    RispondiElimina
  103. Che poi se stai male davvero, aspetti mesi??? Moriresti no? Che malattia hanno questi bambini per durar gli mesi? Discorsi senza senso a ruota libera proprio.

    RispondiElimina
  104. @annarossa:I bambini con le loro mamme fanno la fila per mesi prima di arrivare ad un appuntamento con un pediatra

    Suppongo niente di grave dunque, anche perche' uno non aspetta mesi se il bambino sta male per davvero. Il che pero' crea in modo del tutto -naturale- una coda selezionata: quella delle mamme di quei bambini che mettono la maglia di lana quando la mamma ha freddo.


    Tantissimi omeopati sono pediatri, quindi medici specializzati, mica dei medici di paese qualsiasi!


    Eh..se solo penso a quel tale che va dicendo che il cancro e'un fungo...medico e pure specializzato.

    @Giuliano Parpaglioni:Annarosa non hai risposto alle mie domande:

    probabilmente perche' il silenzio e' la migliore strategia di fuga quando non si sa argomentare.

    @giacomo:Troll?

    E' una possibilita'.

    RispondiElimina
  105. spero sia un troll; se non fosse così sarebbe ancora peggio!

    RispondiElimina
  106. no guardate, per avere un primo appuntamento da uno dei migliori omeopati pediatri ci vogliono almeno 1-2 mesi, per non parlare di certi altri...questo è un fatto che nessuno può negare. Per i controlli successivi i tempi si abbreviano, ma non sono certo di una settimana o meno! Se poi si ha bisogno di comunicare rapidamente c' è il telefono anche ai giorni festivi per certi omeopati.
    Questo perchè l' omeopatia è efficace e i medici bravi sono pochi, quasi tutti privati, le visite mediche sono più lunghe di quelle allopatiche.
    Se tutti gli ospedali italiani avessero un ambulatorio di omeopatia, pagando solo il ticket, sarebbe una gran cosa anche per la tempistica e i prezzi delle visite, per il momento ci sono solo poche eccezioni.
    Ma voi queste cose non le sapete vero?, vivete nella sacra scienza ma quello che avete intorno non lo vedete o fate finta di nulla! Lo sapete anche voi dai, non fate gli gnorri! E se queste cose non le sapete sul serio, provate a chiedere ai pediatri allopati cosa fanno i loro colleghi omeopati a Firenze a Milano, Roma, Torino, Napoli, Catania....

    RispondiElimina
  107. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  108. per quanto riguarda l'omeopatia dipende da chi ti segue. su di me ha evitato dopo operazione ad osso mandibolare l'uso di antibiotici ai quali sono allergica e che mi dettero provocandomi problemi e non mi servirono per la febbre. invece l'omeopata che mi seguiva mi dette un complesso omotossicologico che mi aiutò a superare il tutto senza conseguenze e velocemente

    RispondiElimina
  109. hehe quando si vanno a toccare gli interessi, cioè le vostre tasche che si stanno svuotando anche per merito dei colleghi omeopati allora spuntano i troll! :)

    RispondiElimina
  110. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  111. prevedo almeno un paio di commenti cancellati... costa tanto leggere le regole prima di commentare?

    RispondiElimina
  112. annarossa rispondi alle mie domande please?

    RispondiElimina
  113. Floriterapia di luce e Lucy, ho cancellato i vostri commenti, qui non è possibile inserire link a siti non scientifici o di ciarlatani.

    PS: Prima di commentare è buona educazione leggere il regolamento del blog.
    Grazie.

    RispondiElimina
  114. Naturalmente ricordo anche che ognuno risponde delle cose che afferma, internet non è certo porto franco e le leggi del mondo reale (tra le quali quella sulla diffamazione) sono valide anche sul web.

    Grazie.

    RispondiElimina
  115. @giuliano

    1-l omeopatia è naturale perchè come dice questo blog è acqua, più naturale di così!

    2-i vaccini naturali!? mio dio con tutte quelle cose che ci sono dentro sarebbero naturali come ad esempio un aranciata!?
    Diresti che un aranciata è naturale come il lorazepam!?

    RispondiElimina
  116. L'unico ciarlatano che leggo in giro sei tu e quelli che come te vogliono spacciare per vere solo le scienze che hanno indubbiamente delle cose valide ma non tutte quelle che vuoi far passare tu. E' evidente che ti pagano per fare questo sennò non impiegheresti così tanto tempo per imbonire i lettori che credono alle cose che pubblichi. i vaccini non fanno danni? informati che è meglio

    RispondiElimina
  117. @annarossa:1-l omeopatia è naturale perchè come dice questo blog è acqua, più naturale di così!

    ehm...anche l'Uranio 238 è naturale e pure tutti gli anticorpi nei vaccini sono naturali se ci si pensa bene.

    @Lucy:L'unico ciarlatano che leggo in giro sei tu

    certo che dare del ciarlatano a qualcuno dopo aver linkato come fonte il sito di un tale che sostiene che i vaccini fanno diventare gay e di avere fatto ringiovanire la moglie perchè dopo aver bevuto la sua urina ha riavuto le mestruazioni ...a 70 anni..
    non so se mi spiego il perchè non ci si fa un gran bella figura e si è autorizzati a ridere

    RispondiElimina
  118. omeopatia è naturale perchè come dice questo blog è acqua, più naturale di così!

    Quindi è solo dell'acqua molto costosa. Io pensavo ci fosse anche dello zucchero...

    mio dio con tutte quelle cose che ci sono dentro sarebbero naturali come ad esempio un aranciata!?

    Quindi se una cosa ha molti ingredienti non è naturale? Ma a parte questo, mi interessa molto di più se rispondi a questa semplice, innocua domanda: lo sai che la cicuta, il veleno del cobra, quello della cubomedusa, l'arsenico, il l'amanita falloide e le foglie dell'oleandro sono tutte robe naturali?

    RispondiElimina
  119. E' evidente che ti pagano per fare questo sennò non impiegheresti così tanto tempo per imbonire i lettori che credono alle cose che pubblichi.

    Salvo mi dici chi ti paga? Anche io tengo un blog informativo, vorrei poterci ricavare qualcosa. No, l'NWO non è affidabile, aspetto l'assegno da 6000 euro da mesi, ormai.

    RispondiElimina
  120. voi tutti che state dietro a questo personaggio che dice di essere medico e lavorare in ospedale pubblico si vede che siete agganciati a istituzioni varie e al famoso purtroppo CICAP che nega di essere sostenuto dai poteri forti e multinazionali ma rientra proprio nella piovra di chi ci toglie ogni libertà di espressione...contenti voi di viverei col prosciutto sugli occhi

    RispondiElimina
  121. Lucy, a me dispiace veramente tanto che lei si sia ridotta a questo livello di insulti e instabilità, le sono vicino, ma la avverto che i prossimi commenti con questi contenuti saranno eliminati.
    Grazie per la comprensione.

    RispondiElimina
  122. Vale anche per Floriterapia di Luce. Chi ha voglia di sfogare i propri istinti da lavandaia non può farlo qui, cerchi un posto più adatto.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio Dottor Di Grazia,

      mi consenta di esprimere la più vibrante protesta per il suo linguaggio irrispettoso. Non s'azzardi mai più a denigrare le lavandaie, categoria di oneste lavoratrici utilissime per la società, cui peraltro apparteneva pure mia nonna.

      Ossequi.

      Elimina
  123. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  124. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  125. @Fitoterapia di Luce:voi tutti che state dietro a questo personaggio che dice di essere medico

    Perchè, non lo è ?

    rientra proprio nella piovra di chi ci toglie ogni libertà di espressione

    Mah…io tutta questa assenza di libertà di espressione fatico un pò a vederla, voglio dire hai un tuo blog (a proposito veramente sei un’operatrice del benessere che fa massaggi con i fiori di Bach ? Cioè sei una professionista del settore o è solo un hobby ?) e sei risucita a scrivere anche in questo per non parlare del portale di quel tale di cui si diceva sopra che va dicendo che a vaccinarsi si diventa gay

    intanto pochi giorni fa il figlio di cari amici di famiglia ...bambino sanissimo e vispo di 4 anni...dopo un vaccino ha cominciato a sentirsi male e i medici hanno subito parlato di autismo.

    Dipende da che medici frequenti, ne cosnosco uno ad es. che ha la fissa dei funghi e dice che il cancro è un fungo

    è un caso che abbia dato segni dopo il vaccino?

    E’ possible, anzi considerando che la maggior parte delle persone non ha effetti collaterali di rilievo direi che è probabile. Ma quando ci si abitua a cercare conferme di quello in cui si ha fede si vedono le prove ovunque anche se queste non ci sono

    dopo 3 giorni non era più lui. e ultimamente ne sento sempre più spesso di queste vicende.

    Questo è facilmente comprensibile, basta cercare quello che si vuole trovare e non cercare quello che non si vuole per concludere meravigliati che di cose come quelle che si è cercato se ne trovano in quantità.

    RispondiElimina
  126. Lucy sei peggio di annarossa...
    ma davvero pensi quello che scrivi? Mi sto vergognando per te.

    RispondiElimina
  127. Mio figlio subito dopo il vaccino é inciampato in un sasso e si é sbucciato un ginocchio e il giorno dopo un suo amico gli ha tirato un sasso nella gamba. Certo che questi vaccini fanno proprio male .

    RispondiElimina
  128. Denni pd: sto morendo dal ridere! Se non mi faccio un infusione di staminali muoio!

    RispondiElimina
  129. @Marco

    ma fatti una bella tisana di ortiche va! :)

    RispondiElimina
  130. Meglio buttarla sul ridere perché davvero il discorso stava prendendo una piega davvero raccapricciante.

    RispondiElimina
  131. @Denni pd:Mio figlio subito dopo il vaccino é inciampato in un sasso e si é sbucciato un ginocchio e il giorno dopo un suo amico gli ha tirato un sasso nella gamba. Certo che questi vaccini fanno proprio male

    Tu ci scherzi ma negli stati uniti nel VAERS, database che raccoglie tutti gli eventi avversi da vaccino segnalati spontaneamente, compare di tutto, compresi eventi quali l’incidente in motorino alla ragazza di ritorno dall’ambulatorio –dopo- la vaccinazione (e non sto scherzando). Non si sa tra il vaccino e l’incrocio funesto la ragazza si fosse fermata a causa del freddo per un capuccino poi rimastole sullo stomaco con conseguente capogiro. Ovviamente se non si fosse recata all’ambulatorio per la vaccinazione....Come pensi che sarebbe presentato su un blog come questo un evento simile da un antivaccinista convinto ? Io dico che piu’ o meno suonerebbe cosi’ intanto pochi giorni fa la figlia di cari amici di famiglia, ragazza sanissima dopo il vaccino ha cominciato a stare male e ha avuto un incidente Quello che non capisco e’ per quale motivo non esistano gli “anticappuccinisti” ben sapendo che caffeina e latte tra tachicardia, acidita’, rigurgiti, allergie e intolleranze varie causano nella popolazione piu’ disturbi di un vaccino.

    Certo se uno non e’ in grado di capire quale possa essere l’attendibilita’ delle informazioni prese da siti (si’, sto parlando di mednat) il cui autore gia’ messosi in ridicolo in passato per avere detto di avere costruito un boiler a fusione fredda e di avere costruito un disco volante con motore antigravitazionale...il minimo che possa fare e’ darsi ai massaggi professionali con i fiori di Bach e sbirciare tra un massaggio e l’altro cosa ne pensa dei vaccini colui che ha inventato lo scaldabagno nucleare (una delle mie preferite di sempre e’ quella dei vaccini introdotti dagli alieni come arma di distruzione di massa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Max ormai é sempre colpa dei vaccini o delle medicine. Il bello di queste persone é che professano il bene la pace il ritorno alla natura ma poi sonon le prime a incazzarsi per niente accusare tutto e tutti e non rispettare gli altri. A mio parere non ci puoi discutere devi solo prenderli per i fondelli per fargli capire che le loro teorie sono una stupidaggine. Naturalmente parlo degli ultras e non di quelli che vogliono capire e ragionare. Quella degli alieni mi mancava :-)

      Elimina
  132. @Max(L): "(si’, sto parlando di mednat)"
    Quel sito è prima di tutto un insulto all'html...

    RispondiElimina
  133. @Max(L), grazie non conoscevo il VAERS. Ci sono alcune segnalazioni che mi stanno facendo piegare in due dalle risate. Da un lato ci sono una marea di annotazioni generiche, tipo "weakness", che potrebbero essere collegate a QUALSIASI altro motivo, dall'altro lato alcuni sono onesti nell'indicare "not sure it's relating to vaccine". Ma cosa se ne fanno di questa marea di dati, spesso inutili?

    RispondiElimina
  134. Un sacco di gente ha avuto incubi dopo il vaccino. Interessante. Non è che si potrebbe farci uno studio (serio) sopra??

    Ci sono pure quelli che segnalano effetti collaterali MESI e MESI dopo il vaccino. Vale lo stesso?

    RispondiElimina
  135. C'è stato anche chi ha segnalato di essersi trasformato in Hulk (non scherzo).

    RispondiElimina
  136. Da vecchio appassionato di fumetti 'sta cosa mi ha incuriosito, e credo aiuti i profani a capire come funziona il meccanismo.
    Basta googlare brevemente per scoprire che la segnalazione è stata fatta intenzionalmente da tale dottor Jim Laidler (presumo tu già lo sappia, doc, scrivo giusto per la cronaca) proprio per mettere alla prova il funzionamento del database che ha tranquillamente registrato la sua segnalazione.

    La cosa interessante è che il dottore è stato contattato dai responsabili del VAERS, i quali hanno potuto cancellare il record solo dopo suo esplicito consenso.
    In caso contrario la segnalazione sarebbe rimasta registrata e - mi vien da dire - probabilmente sarebbe stato meglio, già mi vedo le torme di bambini che sarebbero andati di corsa e spontaneamente a vaccinarsi. ;-)

    RispondiElimina
  137. presumo tu già lo sappia, doc, scrivo giusto per la cronaca

    Sì, ne ho anche parlato in occasione degli articoli sui vaccini.
    Il VAERS è un database pubblico su segnalazione volontaria e da quello pescano a piene mani gli antivaccinisti per elencare spaventosi effetti collaterali (che non esistono) ma anche le aziende farmaceutiche. Per proteggersi da richiesta di risarcimento ormai in scheda tecnica inseriscono la possibilità di effetti collaterali incredibili (per poter dire davanti a qualsiasi richiesta "beh, io avevo avvertito"). Una delle ultime è la morte da incidente stradale, in una scheda tecnica di un vaccino statunitense c'è anche questa.
    :)

    RispondiElimina
  138. Ciao,volevo segnalare questo articolo
    http://www.eticamente.net/10230/riconosciuta-legalmente-la-correlazione-tra-autismo-e-vaccino-trivalente.html

    È possibile avere un commento?

    RispondiElimina
  139. In paesi dove il livello igienico e adeguato e quindi paesi come l'Italia, sottoporre i bambini di 2 mesi a 6 vaccini è da criminali.
    Non solo è dimostrato che lo loro efficacia è zero, ma minano la formazione del sistema immunitario per sempre. In altri paesi più evoluti di noi, si vaccina a 5 anni e non dopo sessanta giorni. Chi sostiene il programma vaccinale italiano è un ignorante ..o un criminale.

    RispondiElimina
  140. In paesi dove il livello igienico e adeguato e quindi paesi come l'Italia, sottoporre i bambini di 2 mesi a 6 vaccini è da criminali.

    Infatti una delle ultime epidemie di morbillo (con migliaia di infetti ed un morto) è avvenuta in Galles, paese notoriamente circondato da paludi infestate da Minolli nel quale si consuma solo acqua reflua e carne avariata.
    Sai perché io non scrivo mai un articolo di ingegneria meccanica? Perché sono consapevole della figuraccia che farei ad ogni riga ed io alla mia reputazione ci tengo, quando si è ignoranti su un argomento è sempre meglio non aprire bocca, almeno chi hai di fronte avrà sempre il dubbio.
    :)
    Saluti!

    RispondiElimina
  141. Ciao,volevo segnalare questo articolo
    http://www.eticamente.net/10230/riconosciuta-legalmente-la-correlazione-tra-autismo-e-vaccino-trivalente.html

    È possibile avere un commento?


    Mi ero perso il tuo commento, chiedo scusa.
    Si tratta di una sentenza (vera) di tribunale che va di pari passo con quelle che "ammettono" le cure alternative (vedi Stamina o Di Bella). Le leggi non decidono secondo l'attendibilità scientifica di un fatto ma secondo le norme che regolano uno stato di diritto ed è per questo che non sarà mai un tribunale a decidere se una terapia, una correlazione o un dato scientifico sia attendibile o meno.
    Lo ripeto sempre: la scienza non si fa in tribunale ed il fatto stesso che gli antivaccinisti si appoggino a sentenze o a trasmissioni, petizioni ed altro che con la medicina non c'entra nulla la dice lunga sulla loro mancanza di dati scientifici.

    RispondiElimina
  142. Buongiorno Dott. Di Grazia,
    sono mamma di un bimbo di 3 mesi e vorrei poter rivolgerle alcune domande :
    _ Come faccio a sapere se il mio bimbo di soli 3 mesi e' allergico alle proteine dell' uovo o a qualche componente del vaccino? Con quali esami lo scopro?
    _ Cosa mi dice del tetantest? Cosa ne pensa?
    _ Mi conferma che il vaccino per l'epatite b e' obbligatorio in Italia grazie a tangenti prese dall'alllora ministro De Lorenzo?
    _ Come puo' un bimbo di 3 mesi prendere l'epatite b?
    _ Se il vaccino e' controindicato ai soggetti immunodepressi o con problemi al sistema immunitario,io come posso sapere se il mio bimbo puo' avere di questi problemi? Che esami debbo fare?

    Grazie di cuore per la sua attenzione

    Un saluto

    RispondiElimina
  143. Come faccio a sapere se il mio bimbo di soli 3 mesi e' allergico alle proteine dell' uovo o a qualche componente del vaccino?

    Con i test allergologici, ma l'allergia all'uovo non è una controindicazione alla vaccinazione.
    Posso indicare un documento utilissimo dell'ISS sulle varie condizioni (anche le più rare) in rapporto alle vaccinazioni, non è difficile da consultare (è un .pdf):

    http://www.iss.it/binary/publ/cont/09_13_web.pdf

    Cosa mi dice del tetantest?

    Che è un buon modo per controllare il proprio stato immunologico, attenzione al metodo però, molte volte si confonde il test con prelievo ematico che fornisce il titolo anticorpale (per intenderci, il laboratorio fornisce un valore preciso di anticorpi) con quello "veloce" che fornisce solo la positività senza dare il valore preciso. Quest'ultimo è naturalmente molto meno utile.

    Mi conferma che il vaccino per l'epatite b e' obbligatorio in Italia grazie a tangenti prese dall'alllora ministro De Lorenzo?

    Sì, questo però non diminuisce il valore della vaccinazione né influisce sulla sua efficacia (il vaccino è obbligatorio anche in altri paesi che non hanno avuto la "fortuna" di conoscere l'ex ministro). Sull'azione di De Lorenzo non credo ci sia bisogno di commenti, ha scontato la sua pena giudiziaria e credo stia scontando quella morale.

    Come puo' un bimbo di 3 mesi prendere l'epatite b?

    Tramite contagio materno, per contatto con materiale infetto (sangue, liquidi biologici), durante il parto per esempio o interventi chirurgici, lesioni alla bocca, alle mucose, farmaci contaminati o l'allattamento (frequentissimo il sanguinamento del capezzolo) ed in più con un quota di meccanismi sconosciuti. Serve sottolineare che sono molte le persone che non sanno di essere affette da epatite B, che da noi in Italia ha un'alta incidenza (che è diminuita proprio dopo l'introduzione della vaccinazione). Naturalmente vi sono bambini più a rischio ed altri meno e naturalmente la vaccinazione non ha solo effetto sull'infanzia ma a vita, proteggendo l'individuo da una malattia molto grave.
    ...

    RispondiElimina
  144. ...

    Se il vaccino e' controindicato ai soggetti immunodepressi o con problemi al sistema immunitario,io come posso sapere se il mio bimbo puo' avere di questi problemi? Che esami debbo fare?

    Quel documento indicato prima può essere molto utile, in generale un grave problema di immunodepressione (perché sono quelli che rappresentano una reale controindicazione) si nota già dopo i primi giorni di vita (almeno si sospetta) e solo pochi di questi sono davvero una controindicazione alla vaccinazione. Se si hanno sospetti in questo senso si avverta il pediatra che saprà consigliare gli esami del caso (quelli specifici, perché altrimenti bisognerebbe fare centinaia di esami che oltre ad essere dispendiosi sono stressanti per mamma e bambino ed in generale inutili). Un bambino che "sta bene" non ha normalmente alcun problema immunitario. Faccio un esempio: in un neonato, subito dopo la nascita abbiamo sospettato un problema immunitario perché al primo giorno di vita ha manifestato una candidiasi (una grave infezione da candida, un fungo), le indagini lo hanno confermato. Quel bambino non aveva una piccola lesione da fungo sulla cute ma era colonizzato dall'infezione. Il problema era evidente.

    Infine una nota che può servire a razionalizzare l'ansia immancabile che colpisce tutti i genitori (anche me!) prima della vaccinazione: basta pensare a quanti bambini (ed adulti) sono vaccinati ogni giorno in Italia: almeno 80.000 (al giorno!).

    Tutte le statistiche ed i registri riportano un elenco di eventi avversi per la quasi totalità lievi e locali (e passeggeri): ho fatto un calcolo sul registro Emilia-Romagna (ne ho parlato negli articoli sui vaccini) e gli eventi avversi gravi erano lo 0,004%, ovvero infinitamente minori del rischio di incidente stradale o annegamento, in pratica dovremmo vivere con molta più preoccupazione un viaggio in macchina o una vacanza al mare (anche se queste cose non proteggono da malattie). Razionalizzando questo dato, probabilmente affronteremo questa fase della vita con più tranquillità.
    Saluti!

    RispondiElimina
  145. Se possibile, visto che trovo l'articolo interessante ed equilibrato, vorrei sapere perchè oggi queste malattie sono rischiose. Non erano tanto le famiglie quanto i pediatri stessi che consigliavano di fare contagiare i bambini (io sono nata nel 1970, "non sono riuscita" a contrarre soltanto la varicella da bambina). E la mia generazione è sopravvissuta dopo aver contratto tutte le malattie esantematiche e la pertosse, erano appunto malattie "normali". Non ho figli, quindi la mia è solo una curiosità, ma perchè oggi sono diventate un pericolo? Sono più deboli le nuove generazioni? Anche perchè leggo in giro anche articoli abbastanza colpevolizzanti ed estremi per i genitori che non vaccinano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè oggi queste malattie sono rischiose

      Non lo sono diventate OGGI, lo sono sempre state (parliamo del morbillo, altre sono molto meno rischiose), solo che oggi abbiamo come prevenirle, un tempo no, senza dimenticare che le malattie virali non hanno praticamente cura.

      E la mia generazione è sopravvissuta dopo aver contratto tutte le malattie esantematiche e la pertosse, erano appunto malattie "normali"

      Anche la generazione di mio padre è sopravvissuta senza l'uso obbligatorio delle cinture di sicurezza e del casco in moto. Ogni tanto qualcuno ci lasciava la pelle ed ovviamente non può venire qui a raccontarlo. Ma se dicessi "io non ho mai usato il casco in moto eppure sono qui vivo e vegeto" secondo lei sarei considerato un genio o un idiota?
      ;)

      leggo in giro anche articoli abbastanza colpevolizzanti ed estremi per i genitori che non vaccinano.

      Io sono per la libertà individuale di scelta ma è anche vero che i vaccini non sono solo una libertà individuale ma un dovere verso gli altri ed i più deboli.
      A me può non importare se un ragazzo non mette in casco in moto, certo, lo considererei uno sprovveduto ma nel caso dei vaccini un bambino non vaccinato per scelta può rappresentare un pericolo per gli altri, quindi la libertà è molto relativa.
      Comunque sì, nonostante fermamente convinto di lasciare libera scelta la mia opinione è che i genitori che non vaccinano sono molto sprovveduti e giocano con la salute del figlio.

      Saluti!

      Elimina
  146. beh, credo che le generazioni precedenti siano sopravvissute senza casco o cintura perchè il traffico era limitato, c'erano probabilmente meno incidenti, oltre a mezzi meno veloci o potenti. Quindi qualcosa è cambiato. Se in un paesino con 50000 abitanti, per esempio, ci fossero solo 10 auto e 3 motorini la morte per incidente non avrebbe una grande rilevanza statistica. E nemmeno sarebbero frequenti gli incidenti non mortali, tenendo conto anche delle velocità ridotte dei mezzi di allora e di una serie di altre probabili circostanze di allora. Quello che può non essere un problema 50 anni fa, può diventarlo oggi perchè sono cambiate le circostanze e lo stile di vita. E mi chiedevo se è cambiato qualcosa anche nel caso di queste malattie. I morti non vengono a raccontare nulla (non sono così idiota) ma ci sono le statistiche su cui ragionare. Poi è chiaro che per far soffrire un bambino inutilmente, anche se sopravvivesse, quando c'è il vaccino, sicuramente è meglio evitare. Ritengo che non sia utile contrapporsi per schieramenti e darsi dell'idiota vicendevolmente ma discutere apertamente di dubbi, pregi e limiti di ogni scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che le generazioni precedenti siano sopravvissute senza casco o cintura perchè il traffico era limitato

      Le "generazioni" sono sopravvissute a tutto, è evidente, altrimenti non saremmo qui. Sono gli individui che muoiono o restano gravemente danneggiati. Ed uno usa il casco per la propria salute. Senza casco non muori "sicuramente" ma se cadi, rischi molto di più. La stessa cosa per i vaccini: chi non si vaccina non muore (o non si ammala) sicuramente ma, se non si vaccina, rischia molto di più.

      Quello che può non essere un problema 50 anni fa, può diventarlo oggi perchè sono cambiate le circostanze e lo stile di vita.

      Per esempio la facilità degli spostamenti (treni, aerei...) e quindi il maggior rischio di diffusione delle malattie, la facilità di contatti (città e locali affollati), il poco timore delle malattie infettive con conseguente abbassamento delle precauzioni (la buona abitudine di lavarsi le mani è ormai un optional) e tanto altro. Una volta se morivano 4 figli su 6 di malattia infettiva era la norma, accettata ed ordinaria, oggi no.

      mi chiedevo se è cambiato qualcosa anche nel caso di queste malattie

      I virus non sono scomparsi dal pianeta, sono lì che aspettano (l'unico che abbiamo eliminato è il vaiolo) e per vivere cercano corpi da infettare. Le malattie virali fondamentalmente non hanno cura ma nel caso di alcune malattie infettive possiamo prevenirle ed ecco il ruolo dei vaccini (ed anche dell'igiene, che sempre medicina è). Vaccinando gran parte della popolazione abbiamo ridotto tantissimo la circolazione dei microrganismi infettivi, non si vedono più malati di polio (ora ci sono i bambini di un tempo) o di morbillo. Io ho visto due soli casi di rosolia congenita quando i miei colleghi anziani ne vedevano 5-6 l'anno e così via.
      I virus non sono "cambiati", hanno solo la vita più difficile.

      ci sono le statistiche su cui ragionare

      Certo. Parlano chiaro. Se ci vacciniamo manteniamo bassissimi i contagi, i malati, i morti, se non lo facciamo no.

      Ritengo che non sia utile contrapporsi per schieramenti e darsi dell'idiota vicendevolmente ma discutere apertamente di dubbi, pregi e limiti di ogni scelta.

      Assolutamente d'accordo. Mai dato dell'idiota ad un genitore che non vuole vaccinare (controlli pure) la ritengo una scelta incosciente e probabilmente dettata da cattiva informazione ma non posso certo entrare nelle scelte personali.
      Al contrario considero dei furbi gli "antivaccinisti", negli anni ne ho conosciute le manipolazioni, i giochi di parole, il terrorismo e la malafede.
      Se domani nascesse un'associazione (o un medico) che discutesse degli eventuali dubbi (o rischi) dei vaccini in maniera onesta, diventerebbe il mio miglior amico, il "controllore" (serio), il revisore, sarebbe una figura importantissima ed utile. Ad oggi invece, tra quelli che fanno aperta campagna anti-vaccino, ho trovato solo maniche di pazzi.

      Elimina
  147. Salve dottore. l'eccessiva quantità di zuccheri ingeriti quotidianamente possono nel tempo causare il diabete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui siamo fuori tema ma la risposta è: assolutamente sì e non solo il diabete.

      Elimina
    2. Chiedo scusa ma non sapevo dove scrivere la domanda. Sa dirmi per quale motivo provoca il diabete?

      Elimina
    3. Sa dirmi per quale motivo provoca il diabete?

      Principalmente per l'aumento di peso e la tendenza all'obesità. Stiamo parlando del diabete tipo II perché l'I ha origine genetica mentre il II, oltre al coinvolgimento dei geni, ha una componente chiaramente legata allo stile di vita ed all'alimentazione ricca di zuccheri.
      Lo stesso per le malattie cardiovascolari (ed i fattori di rischio sono in molti casi comuni).

      Elimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!