giovedì 29 ottobre 2009

Grigio Argento

Come una stupida testardaggine può renderti la vita durissima.

Una delle scoperte più importanti per tutto il genere umano furono gli antibiotici. Sostanze utilizzate per eliminare le infezioni causate da batteri, hanno segnato il passo per decine di malattie, molte banali ma molte mortali, prima dell'avvento dei farmaci antibiotici.

L'aumento dell'età media e del benessere della specie umana lo si deve il larga parte proprio a loro.

Ma prima dell'avvento degli antibiotici, l'uomo cercava in tutti i modi di sconfiggere le malattie di cui spesso non conosceva nemmeno la causa.
Era la saggezza popolare, quasi sempre, ma a volte spregiudicati guaritori, a fornire i consigli per guarire una o l'altra malattia.

Così, estratti di piante, decotti, pozioni, metalli, polveri di vari minerali, erano gli unici rimedi per la cura delle malattie batteriche. Le teorie che stavano alla base di queste pozioni erano quasi sempre campate in aria, superstizioni. L'alcol per esempio, era alla base di molti di questi intrugli. L'idea dell'alcol che brucia, lasciava credere ad un effetto letale nei confronti dei "germi" che causavano le malattie. In realtà l'effetto antibatterico dell'alcol è molto meno marcato di quello di altre sostanze attualmente in commercio.
Tra le varie sostanze utilizzate come trattamento delle malattie, era conosciuto l'argento. Le popolazioni antiche lo conoscevano come antibatterico ed in effetti un effetto antibatterico esiste davvero. L'argento come metallo era utilizzato (anche pochi decenni addietro) come componente di protesi, soluzioni di sali d'argento venivano utilizzate come terapie di disordini mentali, dipendenza da nicotina, gastroenteriti e malattie infettive e le proteine colloidali dell'argento erano utilizzate (se ne conoscono casi di utilizzo comune anche negli anni '90) per diminuire i sintomi dell'influenza.

Un incremento dell'utilizzo dell'argento colloidale nella cura di diverse malattie, avvenne alla fine degli anni '90, inizio 2000, non come farmaco, proibito nel 1975 dalla FDA per i suoi effetti tossici, ma come integratore o come supplemento dietetico.

Diverse industrie, specie negli Stati Uniti, prepararono composti a base di argento colloidale, inizialmente come cura delle malattie da virus influenzali e poi estendendone l'uso ad una miriade di patologie, fino ad arrivare alla pretesa di curare quasi tutte le malattie, compreso il cancro.

Gli enti governativi proibirono la commercializzazione e la produzione di integratori contenenti questa sostanza. Si erano verificati diversi casi di intossicazione ed anche alcuni decessi, tantissimi gli effetti collaterali. Uno degli integratori in vendita in America inoltre, fu sequestrato perchè nei flaconi fu rinvenuta una carica batterica pericolosamente elevata. Attualmente l'argento viene utilizzato proprio per la sua blanda azione antibatterica in alcuni prodotti da banco: disinfettanti, cerotti, spazzolini da denti, spray.
L'uso di argento, ha fondamentalmente poco senso. Lo avrebbe in piccolissime dosi, in caso di infezioni batteriche banali, specie se localizzate (per esempio sulla cute), ma che senso ha assumerlo se le stesse infezioni guariscono con le normali difese del nostro corpo?
In infezioni più gravi, un antibiotico è molto più efficace ed ha meno effetti collaterali. Basti pensare che per avere un effetto battericida ("che uccide i batteri") servono dalle 2 alle 4 ore di esposizione all'argento colloidale (e nessuna via di somministrazione raggingerebbe questi tempi di esposizione, probabilmente neanche quella "esterna" sulla cute).
Ma si sa, chi è convinto non cambia idea.

Pian piano così, l'uso dell'argento colloidale diventò una "moda" di nicchia, riservata a quelle persone e quei gruppi, seguaci di medicina alternativa. In particolare, negli ultimi anni, queste persone, cominciarono anche a preparare artigianalmente, le loro dosi di argento colloidale, assumendolo come cura per qualche malattia, ma anche come integratore, capace di prevenire tantissimi mali. Oggi esistono gruppi (nel famigerato forum aerrepici lo consigliano di continuo) che promuovono e pubblicizzano l'uso dell'argento come rimedio per tantissime patologie.

In Italia, negli ambienti "alternativi", l'argento colloidale è conosciuto anche con la sigla ACI (Argento Colloidale Ionico).
La preparazione dell'argento "fai da te" è talmente complicata (ed a volte costosa) che non si capisce il motivo che lo farebbe preferire ad altri antibatterici (o adirittura ad antibiotici) molto meno costosi, facili da reperire ed efficaci.
L'uso come antibatterico dell'argento colloidale è stato sconsigliato prima e proibito dopo, proprio perchè sulla bilancia rischi benefici, i rischi di effetti collaterali gravi, erano reali.

L'effetto collaterale più temibile, non letale, ma fortemente invalidante, è l'argiria. Si tratta di una colorazione blu-grigiastra, della pelle, delle mucose e degli occhi, causata dal deposito dei sali di argento nell'organismo che lo assume.
Questa colorazione è purtroppo IRREVERSIBILE, non si muore, certo, ma trascorrere il resto della propria vita, come un fenomeno da baraccone, non deve essere piacevole.
Chi pubblicizza l'argento colloidale come rimedio, sminuisce questo problema, sottolineando che si tratta di casi rarissimi dipendenti dal dosaggio. Non è proprio così: il deposito dell'argento nelle cellule umane è un evento assolutamente soggettivo. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che, vista l'affinità degli ioni argento con le cellule del fegato, alcuni tessuti "meno nobili" come la cute, e certe mucose, lo sequestrino per liberare il fegato da quella sostanza che, legandosi al glutatione, recherebbe danni molto importanti al metabolismo.

In ogni caso è impossibile stabilire se una persona sia più o meno predisposta a sviluppare argiria e non è solo un problema di dosaggi o via di somministrazione.
Basti pensare, parlando di dosaggi, che sono conosciuti casi di argiria localizzata all'orecchio, in donne che portavano orecchini d'argento o altri casi di argiria alla faringe in persone che utilizzavano disinfettanti nasali all'argento.

Gli effetti sulla cute sono i più evidenti e conosciuti e sono causati dall'argento nella sua forma solubile ma non sono i più gravi. L'argento può causare irritazione bronchiale, bronchiti ed enfisema se si respirano i vapori, diarrea, steatosi epatica, alterazioni di forma dei globuli rossi ed altro. I sintomi dipendono dalla forma dell'argento e dalla via di somministrazione. Quasi tutto l'argento venduto o prodotto da chi ne fa uso "terapeutico" è assunto per via orale. In questi casi l'effetto più tipico è proprio quello di cui parlavo prima, l'argiria.

Una delle donne colpite da argiria, Rosemary Jacobs, fu consigliata dal suo medico, che per curare una forma influenzale ricorrente, le consigliò di assumere argento colloidale come spray nasale, diventò definitivamente bluastra, la donna alla fine, fisicamente e psicologicamente colpita, dichiarò qualcosa che io ripeto ad ogni articolo:
IF MY DOCTOR HAD READ
THE MEDICAL LITERATURE
INSTEAD OF THE ADS
I WOULDN'T
LOOK LIKE THIS TODAY
Se il mio dottore avesse studiato la letteratura medica al posto della pubblicità, non sarei mai diventata come sono ora.

Per unire una tragedia alla tragedia, la povera donna finì nella mani di un altro alternativo che per risolvere il problema le propose un esperimento: una cura che prevedeva l'abrasione della sua cute, in modo da farle sparire quella colorazione. Vi risparmio le immagini, ma la donna non guarì, nonostante la sua cute del viso fu interamente "abrasa", il risultato fu che assieme alla colorazione grigio-blu, apparvero delle vere e proprie lesioni cutanee da trauma che la rovinarono definitivamente.

Naturalmente quello di Rosemary non è l'unico caso, se ne conoscono centinaia nel mondo, tra quelli più noti mediaticamente, un candidato al senato statunitense, Stan Jones ed uno che diventò anche "famoso" perchè intervistato dalla TV, Paul Karason, detto l'"uomo blu":


Attenzione, le foto non sono venute male o colorate artificialmente, queste persone hanno la pelle proprio di quel colore e l'avranno per tutta la vita e tutto per una stupida testardaggine, utilizzare un metodo obsoleto e praticamente inutile per curare malattie che spariscono da sole.
I casi nel mondo (soprattutto negli Stati Uniti) sono molto numerosi, arrivano all'osservazione dei medici che possono fare davvero poco (leggi niente) per queste persone e quando devono comunicare ai pazienti che la loro colorazione sarà definitiva, la prima reazione è quella di sentirsi profondamente in colpa, stupidi per aver ceduto ad una tentazione così ridicola.
Esistono degli studi che analizzano i vari casi di argiria "domestica" da ingestione di argento colloidale, ormai quasi tutti questi casi derivano da ingestione di preparati artigianali o acquistati via internet, visto che integratori e farmaci sono praticamente introvabili. Gli studi sono concordi: è l'uso "artigianale di argento colloidale che ha causato la colorazione blu definitiva della pelle dei malcapitati (che è il sintomo "visibile" della malattia, anche gli organi interni sono "blu"). Sono sospettati ed a volte dimostrati, altri effetti collaterali, anche gravi, causati da dosi relativamente basse di argento colloidale (per esempio un rallentamento della formazione di globuli rossi o azione dannosa diretta sulle cellule).


Ho letto un testo che descrive le proprietà dell'argento colloidale (Colloidal Silver Handbook di Rama Kanduri) disponibile anche in rete e la lettura mi ha profondamente deluso, lasciandomi stupito anche perchè questo testo è considerato il riferimento da persone che pubblicizzano l'uso dell'ACI: enormi inesattezze, affermazioni senza senso nè basi scientifiche, frasi ambigue che giocano sulla ignoranza di chi le legge, termini inseriti solo per dare un'apparente scientificità ad argomenti che non sono scientifici nemmeno da lontano, un misto di credenze e bugie. Insomma, un insieme di parole buttate lì per far presa ma che non aggiungono nulla di quanto risaputo.
Per fare un esempio, riporto qualcosa dal libro:

- L’Argento Colloidale è altresì l’unico antibiotico totalmente innocuo per il corpo.
Non è vero. Come abbiamo visto, esistono effetti collaterali anche gravi.

- L’Argento Colloidale è atossico per mammiferi, rettili, piante e tutte le forme di vita che non siano monocellulari.
Di nuovo, abbiamo visto che non è vero.

-Tutti gli altri antibiotici di sintesi sono efficaci soltanto su cinque o sei tipi di germi, sempre che un particolare ceppo non sia diventato resistente.
Non è vero. Tutti i batteri conosciuti sono sensibili ad un tipo di antibiotico o ad una loro combinazione, anche i batteri teoricamente sconosciuti possono esserlo, basta capirne i meccanismi patogenetici.

- Gli antibiotici convenzionali sono realizzati con procedimento industriale dalle tossine prodotte per la difesa da altri batteri.
Non è vero. Oggi la maggioranza degli antibiotici sono di sintesi ed intervengono in processi vitali per il batterio, interrompendoli e causandone così la morte. Questa affermazione poteva essere vera per la penicillina, il primo antibiotico ad essere scoperto dall'uomo.

- Il cancro è causato da un virus.
Dovrebbero parlarne con Simoncini...
Il cancro è causato da una serie di fattori, anche i virus, che non sono gli unici responsabili della malattia.

- Il Dr. Bjorn Nordstrom (in bibliografia citato come Norstrom) del Karolinska Institute in Svezia, ha utilizzato per anni l’argento nelle sue cure per il cancro e riporta di aver curato con successo pazienti che altri medici avevano diagnosticato in fase terminale.
Non esiste nessun dottor Bjorn Nordstrom (né Norstrom) su MedLine, l'unico omonimo che sembra corrispondere a questa persona si rintraccia in documenti di un certo Yarrow che si occupa di onde elettromagnetiche per curare le malattie e che cita lo stesso nome come quello di un medico che curava il cancro con agopuntura e trasmissione di onde elettromagnetiche.

Le affermazioni sono tutte di questo tenore.

...e poi una serie di affermazioni categoriche: l'argento colloidale..."non elimina soltanto le forme attuali di virus, ma anche le forme future di qualsiasi virus (e come fanno a saperlo, se non conoscono i virus "futuri"?)", guarisce dall'AIDS, dal cancro e da oltre 650 patologie, volete la lista? L'avete voluto voi...:
Acne, Aids, Allergie, Appendicite, Artrite, Epidermofizia interdigitale – piede d’atleta, Infezioni della Vescica, Parassiti del sangue, Avvelenamento del sangue, Bolle, Peste bubbonica e Bruciature; Cancro, Candida, Caniprovirus, Geloni, Colera, Colite, Congiuntivite e Cistite; Forfora, Dermatite, Diabete e Dissenteria; Eczema ed Encefalite; Fibrosite; Gastrite e Gonorrea, Febbre da Fieno, Herpes, Impetigine e Indigestione; Keratite, Lebbra, Leucemia, Lupus, Linfatite e Malattia di Lyme; Malaria e Meningite.
Inoltre, Neurastenia; Infezioni da parassiti, Pleurite, Polmonite, Infezione della prostata, Prurito Anale, Psoriasi e Oftalmia purulenta; Reumatismi, Rinite e Tricofitosi, Scarlattina, Sepsi (occhi, orecchie, bocca, gola); Seborrea, Setticemia, Fuoco di Sant’Antonio, Infezioni da Stafilococco, Infezioni da Streptococco, Gastroenterite e Sifilide, Mughetto (infezione da lieviti), Infezioni della Tiroide, Tonsilliti, Tossiemia, Tracoma, Piede da trincea e Tubercolosi; Ulcera dello stomaco, Virus (tutti i tipi); Verruche e Tosse convulsa e Infezioni da lieviti (femminili).
Non credo servano grossi sforzi per definire questa dell'argento una grossa bolla di sapone.
Ma chi si ostinasse ad utilizzare l'argento per guarire da tutti i mali sia ben cosciente che in effetti potrebbe guarire da una dermatite che passerebbe in 8 giorni con il rischio di avere una pelle omogeneamente bluastra per il resto della vita.
Al solito, la tanto invocata libertà di scelta terapeutica mi sembra la libertà di farsi del male.


Paul Karason "l'uomo blu"
Alla prossima.

Aggiornamento 26/09/13: È morto Paul Karason, forse il malato di argiria da ACI più noto mediaticamente.

[Aggiornato dopo la pubblicazione iniziale]

182 commenti:

  1. Certo che i post ce li tiri fuori con il contagocce (comprensibile, data la complessità degli argomenti) ma quando lo fai smuovi mari e montagne. Al solito, si riscontra qualcosa di sbagliato nell'agire/pensare di chi segue queste cure. In pratica, chi accusa la medicina convenzionale di ingozzare di farmaci i propri assistiti, si ingozza di questa roba per tutta la vita convinta che sia "naturale" e che non faccia male. E poi vengono a dirti "hai visto? sono sano come un pesce". Salvo poi venire a dirmelo con la faccia blu. Dopo aver fatto una ricerca su tutte le cure alternative, stimolato dai tuoi post, e aver letto di terapie completamente idiote come la urinoterapia, non mi stupisco più di nulla. Certo è che gli argomenti di questo blog non credo si esauriranno mai, primo perchè esistono centinaia di "medicine alternative", tutte diverse e tutte convinte di poter guarire qualunque cosa (e tutte perlopiù cianciano di misteriose energie che guarirebbero il corpo), secondo perchè chi le spaccia e chi le compr sono sempre più numerosi. I primi senza pietà, i secondi senza cervello. Una guerra interessante...

    RispondiElimina
  2. Non ricordo piu' chi sia stato, ma c'era qualcuno che postava su questo blog che sosteneva a spada tratta l'uso dell'argento colloidale. Quando qualcuno gli ha fatto notare che uno degli effetti collaterali era quello di diventare come un puffo, si e' parecchio irritato

    RispondiElimina
  3. @The Foe-Hammer: era Riccardo, se non sbaglio

    RispondiElimina
  4. Non per essere monotematici ma la ricerca "Argento Colloidale Scie Chimiche" da parecchi risultati, spesso sconcertanti.
    Ciao e grazie per lo splendido lavoro che svolgi.

    RispondiElimina
  5. Un'unica precisazione all'importante articolo, più che altro per evitare che salti fuori il solito troll ad accusare WeWee di chissà cosa: gli "alternativi" non c'entrano per nulla, con la decisione della Jacobs di cercare di curarsi rimovendo gli strati superficiali della cute. Nel sito linkato, lei stessa racconta onestamente che l'idea fu tutta sua (se ne era convinta osservando che alcuni piccoli graffi di gatto avevano lasciato una zona bianca), e che dovette faticare moltissimo prima di trovare un dermatologo che fosse disposto, sia pure con grande riluttanza, a tentare l'operazione.

    RispondiElimina
  6. Come la malafede e l'assoluta mancanza di obiettività nasconde il vero.

    L'argento colloidale trova applicazione nell'uso esterno per ulcerazioni, ferite infette, herpes e simili, come coluttorio, per lavaggi nasali, rettali ecc.

    In questi casi, caro uiui, l'argiria non costituisce problema e non ci sono rischi di alcun genere.

    Chiaro che se ti bevi la soluzione concentrata a 500 ppm più volte al giorno scatta l'effetto puffo e gargamella ti aspetterà sotto casa.

    Tu vanti che questo blog fa informazione e allora falla per bene con onestà e correttezza invece di dare addosso a tutto ciò che non capisci o non ti paga lo stipendio. L'ACI è un ottimo antimicrobico al pari di altri. Perchè non ti bevi un po' d'acqua ossigenata e poi ci racconti che fa male?

    Il peggior bugiardo è colui che dice mezze verità.

    RispondiElimina
  7. dovette faticare moltissimo prima di trovare un dermatologo che fosse disposto, sia pure con grande riluttanza, a tentare l'operazione.

    Io l'ho interpretato diversamente:
    I found a dermatologist willing to experiment on me. Many doctors that I spoke with refused saying that they were afraid that they would "ruin" my face.

    Ha trovato un dermatologo che fu disposto a "sperimentare" la dermoabrasione (che è logicamente inutile) dopo che tutti gli altri si erano giustamente rifiutati per non rovinarle la faccia. Anche un medico può essere "alternativo" nel senso che si lancia in esperimenti non scientificamente razionali.

    RispondiElimina
  8. Ciao a tutti.
    Circa l'argento proteinato, non piu' tardi di due anni fa un medico l'aveva prescritto al mio figlio minore sotto forma di gocce nasali, come antisettico locale (non si trattava della nostra pediatra, in quanto ci trovavamo in villeggiatura, ma era comunque un medico ospedaliero che faceva servizio per i turisti).
    L'ho regolarmente acquistato in una farmacia, non ricordo se con o senza esenzione.

    Circa il discorso delle dosi, avrei qualche dubbio.
    Ok la variabilita' soggettiva, ma dovrebbe esistere comunque una dose minima sotto la quale un fenomeno esteso a tutto il corpo (come nei casi indicati da WeWee) non dovrebbe essere possibile.
    Altro il discorso per un evento localizzato come l'argiria al lobo dell'orecchio.

    In pratica, per vedere una colorazione grigio-blu della pelle, deve esserci un numero minimo di molecole depositate in almeno una frazione delle cellule cutanee. Ovvero, deve esserci una certa densita' superficiale di ioni argento. Moltiplicando questa densita' per la superficie della pelle, dovremmo avere la dose minima.

    Provero' a fare qualche conto e vediamo cosa viene fuori.

    A scanso di equivoci: ammesso che sia possibile, calcolerei cosi' la dose minima per diventare blu, NON avrei ASSOLUTAMENTE alcuna indicazione sul fatto che, al di sotto di quella dose, l'argento colloidale non faccia male. Mi par di capire che la tinta all'ultima moda sia solo uno (e non il piu' serio) degli effetti collaterali possibili.

    RispondiElimina
  9. L'argento colloidale trova applicazione nell'uso esterno per ulcerazioni, ferite infette, herpes e simili, come coluttorio, per lavaggi nasali, rettali ecc.

    L'ho scritto, leggi meglio e poi puoi permetterti di criticare (nel tuo caso insultare).

    In questi casi, caro uiui, l'argiria non costituisce problema e non ci sono rischi di alcun genere.

    Infatti non mi riferisco agli usi approvati, basta leggere.
    In ogni caso, anche se molto raro, sono conosciuti casi di argiria localizzata anche dall'uso di orecchini d'argento, anche questo l'ho scritto.
    Leggi quindi meglio e poi puoi permetterti di insultare.

    Perchè non ti bevi un po' d'acqua ossigenata e poi ci racconti che fa male?

    Non la bevo perchè fa malissimo sarebbe come bere soda caustica ti fa buchi nell'esofago grandi come mandarini. Informati meglio, studia e poi puoi permetterti di criticare (nel tuo caso, insultare).

    Per punizione oggi studierai le proprietà dell'acqua ossigenata e degli ioni d'argento.
    Dietro il banco fino a domani.


    Il peggior ignorante è quello che crede di saperle tutte.
    :)

    RispondiElimina
  10. Mi par di capire che la tinta all'ultima moda sia solo uno (e non il piu' serio) degli effetti collaterali possibili.

    L'argiria è dovuta principalmente al deposito dell'argento a livello cellulare, poi esistono altri danni (anche molto gravi, fino alla morte) legati all'inalazione dei vapori per esempio. In ogni caso l'argiria è "solo" il primo e più banale effetto collaterale.

    RispondiElimina
  11. Santiago, WeeWee non critica l'uso di argento colloidale come disinfettante ma come alternativa agli antibiotici. C'e' una bella differenza mi pare.

    RispondiElimina
  12. In ogni caso l'argiria è "solo" il primo e più banale effetto collaterale.

    Certo che fa venire i brividi chiamarlo "banale", vivere tutta la vita con quel colore sulla faccia. Almeno a carnevale poi ti strucchi quando torni a casa...

    RispondiElimina
  13. Una cosa, correggimi se sbaglio WeeWee, per quanto ne so l'argento viene inserito in alcune pomate volte al contenimento delle ustioni, è così?

    A prescindere, comunque , come dice TheFoeHammer, caro Santiago, qui non si discute dell'utilizzo dell'argento come disinfettante, bensì si discute che la gente, oltre ad utilizzarlo erroneamente come antibiotico, lo prende per qualunque cosa nella convinzione che faccia bene per "tutto" (come le cure dei ciarlatani) e che prevengano tutto. Il discorso che potrebbe fare uno come Riccardo sarebbe "ma io lo prendo da anni e sono sano come un pesce" è completamente infondato e ascientifico, perchè anch'io sono sano come un pesce, e di medicine non ne prendo quasi mai, per farti una stima dell'utilizzo che ne faccio, varia tra lo zero assoluto, neanche una piccola aspirina, e il 2-3 giorni all'anno, proprio quando ho l'influenza stagionale e per alleviare la febbre prendo giusto una pastiglia. Questo non significa che non prendere medicine fa bene, significa che bisogna fare ricorso a farmaci solo se c'è necessità. Qui il problema è che la gente si ingozza di argento anche se non ha nulla, convinta che prevenga le malattie, da qualche parte addirittura qualcuno delirava che previene il cancro, il tutto basato su supposizioni personali completamente errate e non supportate da fatti. Le tue continue accuse di malafede sono ridicole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente si ingozza di medicine perché la società ci vuole malati e bisohnosi di cure. Ciò serve per mantenere in piedi il gioco del mondo, che non finisce mai, mai...non sono d'accordo con l'uso indiscriminato e da ciarlatani, ma sulla conoscenza e la consapevolezza. Per arrivare a ciò bisogna essere sani di mente ed equilibrati. Ma nn é appannaggio di questa civiltà. Viola

      Elimina
  14. l'argento viene inserito in alcune pomate volte al contenimento delle ustioni

    Sì, esistono diversi prodotti che usano l'argento come antibatterico e cicatrizzante, alcuni per le ustioni. Se fai caso per un periodo è stato pubblicizzato (credo sia ancora in commercio) anche uno spazzolino che conteneva sali di argento nella "spazzola" e c'è anche uno spray disinfettante e cicatrizzante molto utilizzato (anche negli ospedali) sulle ferite chirurgiche (si chiama K*****n).
    Qualcuno però usa l'ACI non solo come rimedio per tutte le malattie ma anche come "preventivo" di tutte le malattie, costruendosi degli alambicchi che usa a casa e bevendo dell'acqua con argento ogni giorno. Motivo? Non si sa, farebbe bene, a prescindere.

    RispondiElimina
  15. Ho letto un sacco di post su come fare l'ACI in casa... come pensate mi stia la pelle blu?

    RispondiElimina
  16. WeWee: c'è in giro anche una pozione chiamata "oro monoatomico". è solo una truffa o è anche pericolosa?

    RispondiElimina
  17. @economa:
    come pensate mi stia la pelle blu?

    Secondo me abbinandola con colori pastello ti darebbe un'aria molto frizzante...vabbè, lasciamo stare...
    :)

    @ Elena:

    c'è in giro anche una pozione chiamata "oro monoatomico". è solo una truffa

    Già l'oro "monoatomico" dovrebbe far sospettare la truffa (non esiste un oro "monoatomico") e poi anche questo dovrebbe curare di tutto, fino al cancro.
    Ho letto poi che "solo poche persone sarebbero capaci di produrlo" e che "può essere preparato soltanto da persone che hanno ricevuto la grande illuminazione"

    Diciamo che non mi sembra ci siano le basi per qualcosa di serio...
    :)

    Di sicuro è già una truffa, bisognerebbe capire cosa ci mettono dentro perchè non credo che dei truffatori si impegnino a venderti oro...sono più portati a vendere acqua a peso d'oro...
    ;)

    RispondiElimina
  18. nel mio frigo c'è un adesivo argentato con scritto

    PROTEZIONE ANTIBATTERICA
    ARGENTO

    non è che mi diventa blu il salame? :)

    RispondiElimina
  19. Ne avevano parlato ad una conferenza CICAP a Novi, nel 2006 o 2007, ed avevo scritto un articolo al riguardo (certo non così completo e dettagliato), Novembre 2008.
    Ciao

    RispondiElimina
  20. salve a tutti,mi sembra assurdo che tocca a me difendere l'ACI con tanti espertoni in rete che ci stanno.
    Parlo per me e mia esperienza personale,ultimamente sono allergica agli antibiotici e prima ancora di questo evento la loro assunzione mi causava la candida ,quindi mi son messa alla ricerca di altre opzioni per i miei problemi ,quindi ho scoperto l'aci a 10 ppm ,che mi ha aiutato moltissimo nella mia sinusite cronica e durante un'orticaria pazzesca dovuta all'antibiotico per la sinusite -nonostanmte prendessi cortisone e antistaminico -ho avuto sollievo facendo impacchi di aci .
    A questi valori 10ppm l'argento non causa l'argiria ,questo è quanto.
    non sono blu :parola ;)

    Molto interessante il post di Terenzio aspetto i suoi calcoli.

    Secondo il mio parere andrebbe indagata la concentrazione pericolosa, come ,quanta e perchè.
    grazie :)

    RispondiElimina
  21. non sapevo che il 2 punti corrisponde a linguaccia :(

    RispondiElimina
  22. Ciao Simonetta e bentornata.

    A basse concentrazioni e per periodi di assunzione brevi l'argento non dovrebbe causare grossi problemi. Come ho scritto l'argento colloidale lo vendono anche in farmacia in diversi prodotti da banco.

    Ha delle proprietà conosciute da secoli (che oggi comunque ha poco senso sfruttare). I problemi iniziano quando lo si usa a concentrazioni elevate, per problemi seri e per lunghi periodi di tempo.

    Uno degli studi che ho linkato parla di un caso di argiria di una donna che ha bevuto un litro di ACI al giorno per un anno e non per curare qualcosa ma così, tanto per fare l'alternativa.
    E' più blu di Gargamella. Un genio.

    RispondiElimina
  23. non sapevo che il 2 punti corrisponde a linguaccia

    il due punti seguito dalla pi, simonetta..

    se questa è la tua capacità osservativa non ti offendere se non considero minimamente le tue valutazioni sull'argento..

    RispondiElimina
  24. theDRaKKaR ha commentato...

    non sapevo che il 2 punti corrisponde a linguaccia

    il due punti seguito dalla pi, simonetta..

    se questa è la tua capacità osservativa non ti offendere se non considero minimamente le tue valutazioni sull'argento..


    Mageri potrei avere l'età di tua madre e non essere cosi sgamaticamente informatica come te ,le faccine le compongo di rado, nel mio forum sono già belle e pronte senza tanto smanettare (gergo informatico)
    Sicuramnte non mi offendo ,perchè le tue valutazioni sulla mia capacità di osservazione mi lasciano un poco .. perplessa

    cmq rispondo a wewee dicendo che ho capito e letto l'articolo sulla donna e l'uomo blu,ma non è questo il punto;da come si commenta non si specifica la concentrazione e questo fà la differenza .
    Se la dose fà il veleno ...

    RispondiElimina
  25. Economa domestica, se poi ti fai anche i capelli biondi, con la pelle blu sembreresti la puffetta :)

    RispondiElimina
  26. Se la dose fà il veleno ...

    Per tutto ciò che si assume la dose fa il veleno e l'ho ribadito anche nel caso dell'argento. Solo che sono conosciuti anche casi di argiria localizzata per il semplice uso di orecchini.
    Inoltre non è prevedibile la dose "inoffensiva" individuale perchè non credo siano stati fatte sperimentazioni di questo tipo.
    Considerando che l'argento non serve praticamente a nulla, perchè quindi andarsi a dannare la vita rischiando? A cosa ci serve sapere se l'argiria è un rischio per una o per l'altra concentrazione?
    Io infatti ho iniziato l'articolo con il termine "testardaggine": l'argento per quello che riesce a fare è una sostanza superata e blandamente utile ed ha dei rischi (anche gravi) a cosa serve utilizzarlo?

    Se anche chi lo pubblicizza non sa fornire una sola spiegazione seria delle sue proprietà, perchè una persona dovrebbe utilizzarlo?

    Terenzio il Troll comunque ha scritto che farà qualche calcolo, per stabilire la dose minima necessaria per avere una colorazione sulla pelle, sarà interessante.

    RispondiElimina
  27. @Simonetta

    A me sembra che Wewee abbia fatto delle osservazioni molto pertinenti e incisive.
    Anche col la tua cura non puoi sapere quando svilupperai gli effetti collaterali da accumulo ed in che entità. Fossi in te ci starei molto, molto attente.

    Vorrei farti una domanda (se pensi sia troppo invadente mandami pure al diavolo): tu dici di essere allergica "agli antibiotici". Ora qui c'è qualcosa che non torna. Che io sappia diverse tipologie di antibiotici usano diversi principi attivi e, se non ricordo male, ci sono diversi principi attivi per lo stesso range di batteri (proprio per evitare allergie ed eventuali resistenze dei batterei). Hai mai fatto i test allergologici per vedere esattamente a cosa sei allergica? Per assurdo potrebbe essere un eccipiente oppure un altro farmaco assunto in concomitanza.
    Te lo dico con il cuore in mano: prima di procedere oltre con una terapia che dà blandi benefici, pesanti effetti collaterali e che non è predicibile.... forse sarebbe maglio scoprire esattamente a cosa sei allergica.

    RispondiElimina
  28. "Attualmente l'argento viene utilizzato proprio per la sua blanda azione antibatterica in alcuni prodotti da banco: disinfettanti, cerotti, spazzolini da denti, spray."

    ne siamo sicuri?

    "Saggi in vitro hanno dimostrato per l'argento solfadiazina un ampio spettro antibatterico e antimicotico. In particolare tutti i ceppi di microrganismi comunemente incontrati nelle superfici ustionate: Pseudomonas aeruginosa, Pseudomonas maltophilia, Enterobacter species, Enterobacter cloacae, Klebsiella, Escherichia coli, Serratia, Proteus mirabilis, Proteus morganii, Proteus rettgeri, Proteus vulgaris, Providencia, Citrobacter, Herellea, Mima, Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis, Streptococcus Beta emolitico, Enterococcus (Gruppo D Streptococcus), Corynebacterium diphtheriae, Clostridium perfrigens, Candida albicans, sono risultati sensibili a concentrazioni di argento solfadiazina estremamente basse, da 0,78 a 100 mcg/ml, inferiori rispetto alla solfadiazina da 25 a 100 volte."

    http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/SOFARGEN.htm

    RispondiElimina
  29. ne siamo sicuri?

    Sicuri di cosa?

    Quella che hai copiato è una crema antibiotica usata nelle ustioni (ma anche nelle ferite "umide") che contiene argento ed un antibiotico la solfadiazina, non capisco a cosa ti riferisci di preciso.

    RispondiElimina
  30. sicuri che ha una blanda azione antibatterica.

    "Sui microrganismi l'argento solfadiazina agisce a livello delle membrane cellulari, mentre l'argento nitrato agisce sulle strutture intime. La solfadiazina svolge solo attività batteriostatica."

    RispondiElimina
  31. sicuri che ha una blanda azione antibatterica.

    Certamente. Non per nulla l'utilizzo dei sali di argento come antibiotico è fondamentalmente topico (per uso locale) e quasi sempre in associazione (se fosse il caso, come nelle ustioni gravi) con antibiotici sistemici (per via generale). L'uso "interno" (come nei beveroni che utilizzano molti "alternativi") come ho scritto è caratterizzato da numerosi rischi che non giustificano il suo impiego che oltretutto è ottimamente svolto (con molta più sicurezza) da altri antibiotici ben conosciuti e testati.

    Per dire: anche la candeggina ha effetto antibiotico (ben più potente dell'argento), questo non vuol dire che sia salutare da bere (anche se c'è chi lo fa) ma in certi casi l'uso topico è permesso e commercializzato.

    RispondiElimina
  32. attività batteriostatica: ovvero non uccide il battere ma ne blocca la crescita, finchè presente.
    Perchè non dovrebbe corrispondere alla definizione di "blanda azione antibatterica"?
    -piccolo inciso... i "mcg" come unità di misura non li ho mai visti.. si intende microgrammi?

    ovvio poi che lo spettro sia ampio, non è un antibiotico. anzi, m'aspetto che sia molto più ampio di quello indicato. Anche l'acqua ossigenata ha uno spettro enorme, proprio perchè non sono "specifici".

    Il problema è e rimane: sono antibatterici, perchè se li trangugio dovrebbe avere effetto antibatterico in altri luoghi al di fuori del tratto gastroenterico?
    se bevo betadine mi passa la polmonite?

    RispondiElimina
  33. se bevo betadine mi passa la polmonite?

    Proprio come l'esempio che avevo fatto per la candeggina. I derivati dello iodio sono appunto utilizzati come disinfettanti topici ma solo un folle potrebbe ingerirli come "antibiotici".

    RispondiElimina
  34. by the way... un batteriostatico con somministrazione prolungata diventa battericida, ma questo in piastra petri, non ho idea dell'effetto che farebbe un qualunque batteriostatico usato per le ustioni sul paziente per molto tempo

    RispondiElimina
  35. grazie per le risposte.
    non mettevo in dubbio il fatto che esistono antibiotici migliori dei sali di argento per somministrazione sistemica.
    Dico solo che non sembra che ha "una blanda azione antibatterica"... anzi!

    RispondiElimina
  36. La solfadiazina ha un effetto batteriostatico, è l'argento nitrato che ha un effetto battericida.

    "Nella sierosità delle lesioni Sofargen libera lo ione argento, il cui potere battericida si associa all'effetto batteriostatico del radicale sulfamidico."


    "un batteriostatico con somministrazione prolungata diventa battericida"
    non penso..al massimo aiuta il sistema immunitario ad eliminare i microrganismi più velocemente.

    "ma questo in piastra petri, non ho idea dell'effetto che farebbe un qualunque batteriostatico usato per le ustioni sul paziente per molto tempo"
    sviluppo di resistenza da perte del microrganismo? immunosoppressione e sviluppo di infezioni gravi da parte di microorganismi non sensibili?
    tutte cose che succedono ante con un battericida?

    RispondiElimina
  37. @cierkw:

    non penso..al massimo aiuta il sistema immunitario ad eliminare i microrganismi più velocemente.

    no, confermo. Se i batteri sono "bloccati" per troppo tempo muoiono, ovvero non è più possibile per loro replicarsi. Poi confermo di non sapere nulla delle conseguenze su un paziente, ma in laboratorio è così.

    sviluppo di resistenza da perte del microrganismo? immunosoppressione e sviluppo di infezioni gravi da parte di microorganismi non sensibili?
    tutte cose che succedono ante con un battericida?


    Io parlavo di possibili effetti tossici del batteriostatico sul paziente. Le resistenze dei batteri non nascono così: un batterio sensibile non diventa resistente, semmai i batteri resistenti vengono selezionati dall'agente chimico in questione e la colonia diventa tutta resistente con la loro diffusione.
    Immunosoppressione non credo, anche se non ho dati certi (non mi sento di escluderlo ma direi che mi sembra improbabile)

    RispondiElimina
  38. no, confermo. Se i batteri sono "bloccati" per troppo tempo muoiono.

    dopo ore? giorni ? mesi ? anni ? dipende dal tipo di batteri penso...

    "Io parlavo di possibili effetti tossici del batteriostatico sul paziente."
    vale anche per un battericida... o no ?

    RispondiElimina
  39. "un batterio sensibile non diventa resistente"

    sicuro?

    RispondiElimina
  40. @cieorkw:
    dopo ore? giorni ? mesi ? anni ? dipende dal tipo di batteri penso Certo, dipende dal batterio, ma non si parla di mesi o anni, al massimo di giorni.

    vale anche per un battericida... o no ? quale parte di "Poi confermo di non sapere nulla delle conseguenze su un paziente" non hai capito?

    RispondiElimina
  41. sicuro?

    Sì, sicurissimo. Il batterio sensibile muore, quello resistente sopravvive. Non sto dicendo "batterio" come per dire "il tipo di batterio" ma proprio la singola cellula procariotica.

    RispondiElimina
  42. Dico solo che non sembra che ha "una blanda azione antibatterica"... anzi!

    Prendiamo il caso di microorganismi che siano resistenti ai comuni antibiotici sistemici. E' stato visto che le medicazioni con argento (per esempio negli ustionati) sono MENO efficaci dei comuni antibiotici sistemici.

    Cioè se un batterio è resistente ai comuni antibiotici lo è ancora di più all'argento. Il suo effetto quindi non è così potente ma, appunto, blando che vuol dire "leggero".

    Anche comparando per via topica il prodotto che hai citato prima (argento+sulfadiazina) con la Clorexidina (il comune disinfettante che ultimamente sta sostituendo l'alcol e che molti di noi abbiamo a casa) si è dimostrata un'efficacia minore dell'argento.
    Non ci sono quindi evidenze di una POTENTE AZIONE ANTIBIOTICA dell'argento.

    In caso di patologie dove è necessario un forte effetto antibiotico (non stiamo parlando di dermatiti, per quelle l'argento può anche andare bene per via topica) l'argento (soprattutto di fronte ai suoi effetti collaterali) è inutile.

    Assumerlo poi per via orale (bevendolo) non ha praticamente significato, anzi, se proprio vogliamo essere pignoli potrei pure sospettare l'instaurarsi di resistenza agli antibiotici perchè la continua assunzione di una sostanza a dosi basse, potrebbe diminuire la sensibilità dei batteri ad altri antibatterici (è solo una mia ipotesi).

    In poche parole: per ferite banali o "umide" (ulcere, ustioni, in questo modo si rilasciano i suoi ioni) l'argento può essere localmente efficace, per infezioni sistemiche o gravi, meglio utilizzare gli antibiotici classici.

    Questo lo dimostrano anche alcuni studi ben precisi: utilizzare l'argento per via topica può avere un senso, farlo per via generale no che poi è quello che succede nella realtà, gli usi topici sono conosciuti e permessi, quelli sistemici sono conosciuti e non permessi.

    RispondiElimina
  43. "Certo, dipende dal batterio, ma non si parla di mesi o anni, al massimo di giorni."

    anche le spore batteriche inpiegano giorni a "morire" ?
    http://it.wikipedia.org/wiki/Spore_batteriche

    " Sì, sicurissimo. Il batterio sensibile muore, quello resistente sopravvive. Non sto dicendo "batterio" come per dire "il tipo di batterio" ma proprio la singola cellula procariotica. "
    ok... capito. quindi "il tipo di batterio" può sviluppare resistenza.

    RispondiElimina
  44. anche le spore batteriche inpiegano giorni a "morire"?
    Che c'entrano le spore batteriche? Se hai un'infezione stai tranquillo che non hai spore, ma batteri belli vivi. Comunque, se vuoi divagare e cercare un punto in cui ne sai più di me sui batteri prego, la partita cominci

    ok... capito. quindi "il tipo di batterio" può sviluppare resistenza
    Certo. Hai presente Staphylococcus aureus? E' un batterio dannatamente bastardo a volte, tanto che ne esistono ceppi resistenti alla stragrande maggioranza degli antibiotici chiamati MRSA che sta per Methicillin-resistant Staphylococcus aureus. Quelli sono causa di tantissime infezioni nosocomiali e debellarli è molto difficile. Altri stafilococchi aurei invece se ne vanno con antibiotici comuni, per fortuna.

    RispondiElimina
  45. WeWee grazie per la risposta!

    "Cioè se un batterio è resistente ai comuni antibiotici lo è ancora di più all'argento. Il suo effetto quindi non è così potente ma, appunto, blando che vuol dire "leggero"."

    ma mi pare di capire che non è sempre così... ad esempio lo staphylococcus aureus ormai è diventato resistenze a diversi antibiotici ma non all'argento solfadiazina.

    mi sembra di avere capito che in laboratorio sui batteri è efficace, non altrettanto per via sistemica( e poco per via tipica).

    RispondiElimina
  46. "Che c'entrano le spore batteriche? Se hai un'infezione stai tranquillo che non hai spore, ma batteri belli vivi."

    ok... io sapevo che spore batteriche potevano restare in vita per anni dentro l'organismo prima di iniziare l'infezione.

    RispondiElimina
  47. lo staphylococcus aureus ormai è diventato resistenze a diversi antibiotici ma non all'argento solfadiazina.

    Da quello che ho letto hanno efficacia simile (un po' di più gli antibiotici classici) ma sempre per via topica (per via sistemica è spesso necessaria una terapia multiantibiotica se c'è resistenza).

    in laboratorio sui batteri è efficace, non altrettanto per via sistemica( e poco per via tipica).

    In "vitro" è efficace ma non più di altri antibiotici conosciuti. In "vivo" è efficace meno (o in alcuni casi come) gli antibiotici classici ma ha molti limiti (per esempio deve essere nella forma ionica quindi ha bisogno di liquidi per agire) ed effetti collaterali poco controllabili e poco conosciuti. Il più evidente è proprio l'argiria ma ce ne sono altri molto più gravi, in fondo l'argiria non è mortale ma "solo" gravemente antiestetica.

    RispondiElimina
  48. per lilaiel

    tranquilla non ti stai intromettendo..
    casomai ti ringrazio dell'interessamento :)
    personalmente non assumo oralmente aci ,
    lo uso come spray nasale e come collirio.
    sono allergica alla penicillina
    ciao

    RispondiElimina
  49. ok... io sapevo che spore batteriche potevano restare in vita per anni dentro l'organismo prima di iniziare l'infezione.

    No, la spora si forma quando le condizioni ambientali sono avverse alla vita del batterio (di alcuni batteri), ma nell'organismo è nell'ambiente ideale per proliferare

    RispondiElimina
  50. err... un attimo...

    non ne sono sicuro al 100%, ma dubito che un batterio possa sviluppare resistenza a composti come l'argento, l'acqua ossigenata o altri antibatterici: gli antibiotici si legano a uno specifico recettore, e al batterio "basta" mutare il sito d'interazione.
    H2O2, o anche l'argento, non attaccando un sito preciso non sono "resistenziabili", almeno che il batterio non iperproduca tutto un armamentario per controbatterlo (es: per H2O2, che butti fuori catalasi come se piovesse).
    L'altra faccia della medaglia è che servono concentrazioni MOLTO maggiori rispetto agli antibiotici (se fate i conti sulle dosi indicate prima, s'arrivava quasi ai grammi/litro)

    @Giuliano
    sì, infatti ho indicato che il batteriostatico blocca la crescita, finchè è presente. Ma in vivo dubito tu riesca a mantenere una copertura costante e omogenea.

    RispondiElimina
  51. Buon giorno a tutti. A grande richiesta, ecco i quattro conti di cui avevo parlato sulla dose di argento per diventare blu.

    Occorrono un paio di spiegazioni a contorno per spiegare il ragionamento ed inoltre sto scrivendo da una connessione internet a singhiozzo. Abbiate pazienza, che spezzo il commento in due o tre post: aspettare la fine per replicare.

    Ripeto anzitutto che non dovete fidarvi di questi calcoli (che potrebbero benissimo essere sbagliati) per sapere quale sia la dose "sicura" di argento. Se volete prendere una soluzione di argento, CONSULTATE IL VOSTRO MEDICO.

    Il mio scopo era farmi un'idea di quanto argento occorra assumere, come minimo, per ottenere un "effetto puffo" tipo quello indicato da WeWee (colorazione blu uniforme di tutta la pelle). Prendete per buono l'ordine di grandezza, non la cifra esatta.

    RispondiElimina
  52. Dunque: il difficile e' capire quanto argento serva per vedere il colore blu. Un singolo atomo di argento non siamo in grado di percepirlo: quanto argento deve esserci in una data area perche' i nostri occhi vedano una macchia?

    La risposta puo' venire dalla fotografia, dove il materiale sensibile della pellicola e' un alogenuro di argento.

    Scartabellando in rete, ho trovato questo documento (la grana fotografica ha ricevuto una montagna di studi).

    RispondiElimina
  53. Orbene, dal precedente documento scopriamo che per una pellicola BN extra fine il supporto sensibile ha le seguenti caratteristiche:
    diametro grano 0.2 micron,
    15 grani micron^2

    Dalle foto nel documento vediamo che la maggior parte della superficie della pellicola e' supporto: ci sono solo pochi granuli sensibili annegati in un mare di gelatina, nonostante questo, noi percepiamo una superficie uniforme e densamente colorata.

    Da quest'altra fonte ricaviamo qualche informazione sul bromuro di argento:

    densita' 6470 kg/m3,
    % peso dell'Ag circa 0,5.

    A questo punto, possimao ricavare la densita' superficiale in peso dell'argento necessaria per vedere una macchia blu:

    -> volume grano 4/3pi*(2*10^-7)^3 circa= 3,2*10^-22 m3.
    -> peso grano 6,5*10^3 * 3,2*10^-22 circa 2,1*10^-18 kg, ovvero 2,1*10^-12 mg.
    -> densita' 15 (numero grani per micron2) * peso in Ag di un grano 15 * 2,1*10^-12 circa= 30*10^-12 mg/micron2.

    Adesso ci serve la superficie della pelle di un uomo medio. Da questo documento pare che i medici abbiano elaborato varie formule per calcolarla. Il valore tipico per il signor Mario Rossi e' di circa 1,8 m2.

    Ora quindi:
    -> quantita' di Ag minima per diventare blu:
    superficie della pelle(espressa in micron2) * densita' 1,8*10^12 * 30*10^-12 = 54 mg


    Benissimo: con meno di 54 mg di Ag in forma ionica il nostro Mario Rossi non puo' diventare uniformemente blu.

    RispondiElimina
  54. Ora, pero', un paio di considerazioni.

    1) circa 50 mg servono per diventare UNIFORMEMENTE blu. Nulla vieta che uno, con un terzo di quella dose, possa diventare a pois. Stile fungo di Alice nel Paese delle Meraviglie.

    2) Quanto ACI occorre assumere per accumulare 50mg di argento ionico nella pelle? Non ne ho idea: qualcuno che conosca un po' di fisiologia puo' venire in aiuto di questo povero troll? Magari tutto quello che ingeriamo finisce accumulato nella pelle, magari meno dell'1% o dell' 1 per mille. Non ho idea di come si comporti il nostro corpo con l'argento: lascio la parola a medici e biologi.

    3) Considerazione personale: spesso su questo blog abbiamo sentito l'accusa secondo cui i medici usino due pesi e due misure: se una sostanza e' usata dagli alternativi, allora fa malissimo mentre invece le schifezze usate per la chemio sono sciure ed approvate.
    Ora pero' stiamo assitendo al fenomeno inverso.
    I sali di mercurio usati come conservanti nei vaccini (proprio per le loro proprieta' battericide ad amplissimo spettro) sono il male assoluto, mentre i sali di argento o direttamente l'argento in forma ionica (che hanno praticamente lo stesso meccanismo di azione del mercurio a livello cellulare) sono toatlmente innoqui e possone essere bevuti a litri da chiunque.

    Come e' possibile?

    Infine, due risposte ad altri utenti.

    Simonetta, se ho capito bene ti e' stato prescritto un medicinale a base di argento per lo stesso motivo per cui e' stato dato a mio figlio: una sinusite. Sei sicura che fosse ACI e non argento proteinato? In entrambi i casi, quel medicinale serve da antisettico locale, non come sostituto di un antibiotico. Che tu sia allergica alla pennicillina e che grazie ad un antisettico utilizzato localmente abbia potuto evitarti di prendere un antibiotco (e' esattamente lo stesso motivo per cui l'avevano dato a mio figlio: evitare un ciclo di antibiotici ad un bimbo piccolo) non mi sembra in contraddizione con l'articolo di WeWee. Ma forse ho capito male il tuo intervento.

    Per Thh: "i "mcg" come unità di misura non li ho mai visti".
    Non preoccuparti: e' solo che sei giovane.
    "mcg" sono i microgrammi di chi scrive a 7 bit, o con una macchina da scrivere.

    Bene, fine della sbrodolata, per oggi.
    Spero di non avervi annoiati troppo.

    RispondiElimina
  55. Se è possibile (e puoi farlo) si potrebbe calcolare quanti ioni argento dovrebbero esserci in una soluzione? Quante ppm (parti per milione), perchè che io sappia chi consuma argento per via orale usa questi dosaggi.

    Grazie.

    mcg sono microgrammi e ne ho spesso a che fare...

    RispondiElimina
  56. @Terenzio il Troll: ti rompo un po' le uova nel paniere, ma secondo me sei ottimista: secondo me per diventare blu occorrerebbe una quantità sicuramente superiore a quella da te calcolata quasi per tutte le persone al mondo, con eccezione degli albini. E' solo un'ipotesi ma credo che la melanina mascheri un po' questo effetto collaterale, quindi la quantità di argento dovrebbe essere maggiore per un nero e minore per un bianco, ma sempre più alta di quella che dici tu, che forse potrebbe andare bene appunto per gli albini o per i pazienti gravi di vitiligine (tipo Michale Jackson, per intenderci)

    RispondiElimina
  57. Poi c'è un "piccolo" particolare:

    a quanto pare l'argento verrebbe "dirottato" sulle cellule dell'epidermide per preservare quelle più importanti e delicate di altri organi. Ad esempio il primo filtro delle molecole di argento è il fegato ma invece di depositarsi nel fegato nell'argiria si è visto che le cellule epatiche tendono ad essere risparmiate mentre quelle della cute diventano "deposito".

    Questo vorrebbe dire che non vi è una distribuzione uniforme ma sbilanciata a favore della cute e delle mucose. Prima si colorano le sclere (il bianco del globo oculare) poi la cute.
    Un po' quello che succede con i pigmenti biliari nell'ittero. Le cellule degli organi interni sono le ultime a diventare "gialle" e sono precedute da quelle dell'occhio e poi della cute.
    Credo sia particolarmente difficile calcolare con buona approssimazione la quantità sufficiente a colorare la cute.
    Comunque "l'esperimento" è molto interessante...

    RispondiElimina
  58. Giuliano, WeWee: credo che ci sia un equivoco.
    Quella che ho provato a calcolare e' la quantita' minima di argento necessaria per vedere la pelle blu uniforme: e' una soglia inferiore.

    Ottima l'obiezione di Giuliano: fattori di "mascheramento" potrebbero aumentare di molto questo valore minimo, ma cio' non toglie che con MENO di cosi' non otterresti quell'effetto.

    Circa l'obiezione di WeWee, quello che ho calcolato e' quanto Ag deve esserci NELLA PELLE per vedere la pelle blu: meno di cosi', non ci sono abbastanza atomi per far vedere un tono uniforme al nostro occhio. Ho anche scritto che non so quanto argento uno si debba bere per arrivare ad avere quella quantita' nella pelle: non conosco il metabolismo dell'argento...

    Per rispondere alla tua domanda precedente invece, WeWee, dovrei capire se intendono la concentrazione in peso od in volume.
    Credo che la intendano in peso, perche' e' facile lavorare con una bilancina ed un contagocce, mentre le pipette da laboratorio con il dosatore mi sa che non le hanno a casa in molti.

    In peso, dunque.
    Scartabellando in rete, ho visto tre concentrazioni che vanno per la maggiore: 10ppm, 200ppm e 700ppm.

    A 10ppm -> 1*10^-5 grammi per grammo di soluzione.
    Se non mi sbaglio, si assume che 20 gocce d'acqua pesino 1 g, quindi 1 goccia 0,05 g di soluzione e 5*10^-7 g di Ag (5*10^-4 mg).
    In totale, per arrivare a 50 mg, servirebbero 10^5 gocce, ovvero 5000 grammi (5 litri) di soluzione.
    A 9 gocce al giorno (posologia trovata in rete: tre gocce tre volte al di'), significa 11000 gocce circa, ovvero 30 anni.

    Che a 200 ppm diventano un anno e mezzo ed a 700 ppm poco meno di 3 mesi.

    Sembrerebbe che 10 ppm sia una concentrazione abbastanza sicura.
    Solo che mi chiedo a che accidente serva una soluzione cosi' diluita: non siamo a livelli omeopatici, ma poco ci manca. Ma questa e' un'altra storia: sta ai proponenti l'ACI (e su questo sito non ne ha commentanto nessuno) spiegare il perche' di un certo dosaggio piuttosto che un altro e per quali malattie.

    RispondiElimina
  59. Ok Terenzio ora mi è tutto più chiaro. Questi calcoli sono molto interessanti, io non avrei saputo da dove cominciare.

    In genere ho trovato la concentrazione di 10 ppm.

    Grazie mille.

    RispondiElimina
  60. linko http://dermatology.cdlib.org/111/case_reports/argyria/wadhera.html
    trattato abbastanza esaustivo.. tra l'altro, si capisce perchè la dermoabrasione è inutile: l'argento si deposita nel derma, non nell'epidermide ma nel derma sottostante, che non dovrebbe essere toccato (diventerebbe una cicatrice continua)

    (anche se terenzio mi lincerà per averla trovata DOPO i suoi calcoli :) peace!)

    RispondiElimina
  61. Terenzio il Troll ha commentato... "Simonetta, se ho capito bene ti e' stato prescritto un medicinale a base di argento per lo stesso motivo per cui e' stato dato a mio figlio: una sinusite. Sei sicura che fosse ACI e non argento proteinato? In entrambi i casi, quel medicinale serve da antisettico locale, non come sostituto di un antibiotico. Che tu sia allergica alla pennicillina e che grazie ad un antisettico utilizzato localmente abbia potuto evitarti di prendere un antibiotco (e' esattamente lo stesso motivo per cui l'avevano dato a mio figlio: evitare un ciclo di antibiotici ad un bimbo piccolo) non mi sembra in contraddizione con l'articolo di WeWee. Ma forse ho capito male il tuo intervento."

    Guarda Terenzio , io non volevo entrare in contraddizione con l'articolo di wewwe ,il rischio argirya lo conosco da anni ed è bene che venga esposto ,ci mancherebbe ...
    La mia osservazione era relativa ai commenti successivi, ovvero secondo me non era chiaramente dedotto che l'ACI a 200 ppm causa la puffite a 10 ppm no.
    Tutto qui .

    Spero di essermi spiegata

    Grazie dei conteggi :)

    RispondiElimina
  62. Nessun problema, Thh. Anzi, trovo molto interessante poter fare il confronto con un caso reale per vedere di quanto ho sbagliato.
    Il signore citato nel tuo articolo ha assunto 450 ml di Ag colloidale a 450 ppm tre volte al giorno per 10 mesi.

    Significa che ha ingerito in totale 600 mg Ag al giorno. Ha notato il cambiamento di colore dopo circa 5 mesi (e ne ha aspettati alri 5 per farsi vedere: all'anima dell'ostinazione...), quindi fanno 90 g di Ag in totale.
    A quanto pare, sempre secondo quello che e' riportato nell'articolo, circa il 10% dell'Ag viene assorbito dal corpo, quindi questo ci lascia con 9g di Ag nel corpo.
    Distribuiti come? L'aritcolo e WeWee parlano di pelle, fegato e surreni.
    Esageriamo, e facciamo 1/3 a testa?
    Ci restano 3g di Ag nella pelle: 55 volte la quantita' calcolata da me.

    Diciamo che il mio calcolo non era molto accurato e stendiamoci sopra un velo pietoso.
    Probabilmente:
    1) ha ragione Giuliano sull'effetto della melanina,
    2) non ho pensato che finisse negli strati profondi della pelle: dovrei calcolare un certo grado di filtraggio da parte della pelle piu' esterna.

    RispondiElimina
  63. Aggiungo una cosa.
    Nel testo c'e' scritto: "Although the Environmental Protection Agency (EPA) recommends that the silver level in drinking water not exceed 50 ppb, drinking water supplies in the United States have been found to contain silver levels up to 80 ppb".

    A che serve bere una pozione a 10 ppm se dal rubinetto ne assumianmo comunque di piu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 80 parti per miliardo (80 ppb) e' molto di meno di 10 parti per milione (10 ppm)

      Elimina
  64. Solo un'ultima considerazione e poi mi vado a leggere l'ultimo post di WeeWee:
    a prescindere da quanto ACI ci voglia per diventare come il grande puffo, mi chiedo il perchè ci si ostini ad utilizzarlo solo perchè l'argiria non è così facile prenderla. Innanzitutto come ha detto WeeWee (qualcuno si ostina a dimenticare che si tratta di un medico) non è l'unico effetto collaterale, in secondo luogo è fondalmentalmente inutile per gli scopi per cui molti vorrebbero spacciarlo come cura, sia preventiva che patologica. Sembra di discutere qualcosa come "sì, lo so, mangiare sabbia di mare non è proprio il massimo della salute, ma se non esageri vedrai che non hai complicazioni". Capito l'antifona?

    RispondiElimina
  65. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  66. X grezzo
    se hai scritto per me ti rispondo:
    ritengo di non aver mancato mai in educazione rivolgendomi a wewee o a chiunque altro,inoltre questo forum è aperto al pubblico e non ai soli professionisti del settore ,quindi la mia deduzione è ,di sentirmi libera di poter far domande e chiarire eventuali miei dubbi.

    Se ho errato in qualcosa ,preferirei essere ripresa dal padrone di casa .

    RispondiElimina
  67. Simonetta, non mi rivolgevo a te e soprattutto non rivolgevo una critica nei tuoi confronti, era solo una considerazione riassuntiva relativa al consumo scriteriato che taluni fanno di ACI, che pensando possa guarire qualunque cosa.

    RispondiElimina
  68. ok grezzo l'importante è chiarirsi :)

    RispondiElimina
  69. @Terenzio
    già, quella sulla dose presa dall'acqua di rubinetto ha fatto sorridere anche me :)

    due possibili risposte
    1) la dose di ACI è in aggiunta a quella "di fondo" dell'acqua di rubinetto, che di per sè sarebbe sotto l'intervallo terapeutico.
    2) discorso paroparo a quello dei prodotti omeopatici XD

    impongo qui il copyright sulla prima risposta, non vorrei trovarmela poi in altri siti XD

    RispondiElimina
  70. Terenzio il Troll ha scritto:
    A che serve bere una pozione a 10 ppm se dal rubinetto ne assumianmo comunque di piu?

    Veramente 10 ppm sono 10˙000 ppb, quindi direi un ciccinino di più dei 50 ppb cui fa riferimento l'EPA.
    Va' che se mi fai 'sti casini con le percentuali ti mando a ripetizione da Rosario, eh...

    RispondiElimina
  71. No axlman, sarebbe meglio dal fisico bestiale Corrado :-)

    RispondiElimina
  72. Non è giusto quello che stai facendo! Non riesco a capire il perché di questa denigrazione del ACI. La mia amica del cuore lo ha usato e si è liberata da un carcinoma alla ghiandola surrenale destra! E lo usa ancora. E non è diventata blù o griggia! Anche io lo uso. Insieme all'ascorbato di potassio, alla Coenzima Q10, al cloruro di magnesio, alla niacina e amigdalina. E non sono nè blù, nè griggia!
    E lo do anche alla mia famiglia, compresa la cagnolina. non è diventato nessuno blù o griggio! Le mie piante sono più sane, più robuste, più rigogliose.
    Mi sembra che ti stai comportando come quelli che sostengono che il vaccino A/H1N1 e davvero utile e privo di conseguenze indesiderate e grave.
    Puoi spiegare per chi fai questo lavoro?
    Anche quell che viene detto in questo video riuscirai a smentire?

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3463
    Qui bono?

    RispondiElimina
  73. Non riesco a capire il perché di questa denigrazione del ACI.

    Ma che denigrazione, io ho spiegato cosa può succedere, poi puoi berti litri di ACI, non sono tuo papà che deve dirti quello che DEVI fare nella tua vita, ho altri doveri morali io...
    :)

    La mia amica del cuore lo ha usato e si è liberata da un carcinoma alla ghiandola surrenale destra!

    Questi sono episodi che davvero lasciano stupefatto. Mi invieresti tutta la documentazione (sempre che non l'abbia persa in un trasloco) che così la preparo per un congresso?
    Grazie.

    Anche io lo uso. Insieme all'ascorbato di potassio, alla Coenzima Q10, al cloruro di magnesio, alla niacina e amigdalina. E non sono nè blù, nè griggia!

    Che overdose di sostanze...ma che malattia hai...?

    Puoi spiegare per chi fai questo lavoro?

    Non è un lavoro, mica mi pagano e nessuno ti ha obbligato a leggermi...

    Anche quell che viene detto in questo video riuscirai a smentire?

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3463


    Già smentito da tempo ed abbondantemente, quella è acqua passata, è un video pericoloso se vogliamo ma peggio per chi pensa di curarsi il cancro con i suggerimenti di un webmaster piuttosto che andare dal medico, ti ripeto che non sono qui per fare da balia ma per informare.
    :)

    Grazie della visita.

    RispondiElimina
  74. Anche qui è arrivato lo spam comico :))
    Quante fesserie che leggo ,ci vuole una bella coperta di peli sullo stomaco per divulgare coglionate del genere.
    Un giorno la tua famiglia ti ringrazierà per averla abbeverata ad aci ,sviluppando qualche malattia epatica ,visto e considerato il suo deposito nel fegato ed effetti collaterali a lungo raggio sono sconosciuti.
    Però aci è naturale hai raggione :))
    Ti diranno :grazie Terra Mater

    ave

    RispondiElimina
  75. Scusa WeWee: intanto Gargamella non era blu, quelli erano i Puffi.
    Poi, dal momento che sono arrivato al tuo blog cercando informazioni sull'argento colloidale, vorrei che tu fornissi le fonti attendibili da cui trai le tue affermazioni. no, perché, cio che hai detto mi interessa molto, non mi interessa certo prendermi qualcosa che mi avvelena ingrassando le tasche del cialtrone di turno, ma da chi si erge a paladino della serietà 'pretendo' documenti attendibili, le FONTI alle quali possa risalire per verificare cio che hai detto, altrimenti non sei migliore di quelli che critichi.
    Per precisare poi, ho letto che l'argento colloidale ionico non sarebbe un vero e proprio argento colloidale poiché i colloidi non sarebbero ioni.. riguardo all'argento proteinato, non credo sia la stessa cosa. Ma quello che ho letto io lo puoi leggere anche tu basta che cerchi in rete. Certo quel libretto 'patetico' del signor indiano, di appena 30 paginette, mi sembra più un opuscoletto pubblicitario... è indubbiamente difficile trovare informazioni attendibili sull argento colloidale.

    RispondiElimina
  76. vorrei che tu fornissi le fonti attendibili da cui trai le tue affermazioni

    Di quali affermazioni di preciso "pretenderesti" le fonti?
    Perchè "qualche fonte" nell'articolo c'è...

    Certo quel libretto 'patetico' del signor indiano, di appena 30 paginette, mi sembra più un opuscoletto pubblicitario...

    Sarà pubblicitario ma è il "libretto" più comune che circola tra gli utilizzatori dell'ACI. A me lo ha inviato una persona che l'ACI lo usa, lo vende e dice funzioni.

    RispondiElimina
  77. Mah scusa sono io cieco??non ne vedo di links ,non c'è bibliografia di nessun tipo..
    Comunque mi piacerebbe che dessi un occhiata a questo sito http://www.silver-colloids.com/Reports/reports.html#types
    E l'unica fonte di informazioni almeno apparentemente dettagliate sull' argento colloidale che sia riuscito a trovare, poi niente altro solo forum inutili e siti di individui che vendono la macchinetta per produrlo a casa come fosse acqua zuccherata.

    RispondiElimina
  78. Mah scusa sono io cieco??non ne vedo di links ,non c'è bibliografia di nessun tipo..

    I links ci sono, proprio a bibliografia. Ti richiedo: quale aspetto dell'ACI vorresti chiarire?

    Comunque mi piacerebbe che dessi un occhiata a questo sito

    Ad una prima veloce lettura mi sembra un sito che spiega le differenze tra i vari tipi di argento in commercio, leggerò meglio. In giro ci sono siti, forum e venditori che sbandierano le proprietà disinfettanti dell'argento come "curative", non ho trovato altro.

    RispondiElimina
  79. Non capisco dove sono si links, io parlo di studi e documenti

    RispondiElimina
  80. Basta cliccare sui link presenti nell'articolo, per tua comodità copio direttamente qui i link agli studi che mostrano vari casi di argiria da uso domestico di argento colloidale:

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8157823
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19097083
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20523812
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16021155
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12780705

    Cercando su PubMed il termine argiria hai comunque una lista con 400 studi, seleziona quelli che ti interessano se vuoi.

    E' molto curioso il caso che descrive l'argiria localizzata da uso in agopuntura di aghi d'argento (questo un caso, ne esistono decine anche con argiria apparsa dopo 20 anni dalle applicazioni di aghi), questo per rispondere a chi dice che l'argiria è una conseguenza dell'uso massivo di argento a dosi elevate quando in realtà la malattia ha dei rischi molto soggettivi ed anche per esposizioni minime.

    RispondiElimina
  81. Beh, premesso, che i links sull'argiria non sono sufficenti perché tu parlavi di argento colloidale non di argiria, è come se parlando di antidepressivi mettessi solo la doc. sulla 'sindrome serotoninergica' (giusto??).
    Poi la tipa di 58 anni aveva ingerito un litro di argento coll. per 13 mesi ogni giorno!! Vorrei edere chi ,se piglia continuamente antiinfiammatori, non si devasta lo stomaco..

    RispondiElimina
  82. io credo che dovresti leggere approfonditamente quel sito che ho linkato..

    RispondiElimina
  83. Beh, premesso, che i links sull'argiria non sono sufficenti perché tu parlavi di argento colloidale non di argiria

    Visto che nemmeno quei link ti vanno bene, a questo punto non riesco a capire cosa vuoi sapere esattamente, te lo chiedo di nuovo: quali sono i punti che non ti sono chiari e per i quali chiedi della documentazione?

    Poi la tipa di 58 anni aveva ingerito un litro di argento coll. per 13 mesi ogni giorno!!

    ...e quindi?

    In ogni caso ho linkato anche un caso (ce ne sono diversi) di argiria localizzata da uso di aghi d'argento, ne esistono anche da orecchini d'argento se è per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusami come mai l'argento colloidale e stato inserito negli ospedali? sale operatorie?

      Elimina
  84. Vabbeh, guarda mi sembra di capire che l'argomento non ti interessi molto.
    In ogni caso se ti spulci quel sito ne riparliamo.

    RispondiElimina
  85. @ Bob 69

    A me sembra che a te non interessi invece il punto centrale dell'articolo di WeWee, che non si limita ai danni dell'argiria. Il punto fondamentale è semmai un altro: ha senso usarlo? Non è efficace. Nonostante questa considerazione c'è chi lo usa ogni giorno consigliato da improbabili medici improvvisati, anche senza nessuna patologia da curare, nella convinzione che questo coso gli dia chissà quali immunità da malattie varie, e ovviamente c'è chi giura (vedi anche commenti sopra) che curi pure il cancro, questo particolare è onnipresente in tutte le "cure" alternative che vengono spacciate su internet e vendute agli sprovveduti. Serve davvero altro?

    RispondiElimina
  86. Vabbeh, guarda mi sembra di capire che l'argomento non ti interessi molto.

    Ma rispondere alla domanda no? Uno cerca pure di aiutarti, ma se non sa cosa vuoi...

    RispondiElimina
  87. Uno cerca pure di aiutarti, ma se non sa cosa vuoi...

    Il problema è che nemmeno lui sa cosa vuole... :-)

    RispondiElimina
  88. xOtomassimo: sei parecchio arrogantuccio...
    io sono cosa voglio ma non mi va di fare domande troppo specifiche. Dite che non è efficace??Bene, mi date qualche prova??Ed anche se fosse il problema principale è se è nocivo o no; poi che caratterisatiche dovrebbe avere, per non essere acquea sporca. Mi sembra che pigliate l'argomento con molta superficialità..

    RispondiElimina
  89. Ma come si correggono i commenti??
    volevo scrivere: 'io so cosa voglio'...

    RispondiElimina
  90. Dite che non è efficace??Bene, mi date qualche prova??

    Cioè? Vuoi una prova del fatto che no nsia efficace? Personalmente non so se sia stata fatta una prova del genere, wewee ha seguito la vicenda meglio di me e lui risponderà più esattamente, ma tu puoi darmi la prova che ingoiare uno spazzolino intero non curi l'asma? No perché io ho sentito dire così...

    Ed anche se fosse il problema principale è se è nocivo o no; poi che caratterisatiche dovrebbe avere, per non essere acquea sporca

    Non ho capito

    Ma soprattutto:
    io so cosa voglio ma non mi va di fare domande troppo specifiche.

    E allora aspettati risposte generiche. Io personalmente non ho imparato a leggere nel pensiero nemmeno faccia a faccia, figuriamoci dietro una tastiera...

    RispondiElimina
  91. @bob69
    Ed anche se fosse il problema principale è se è nocivo o no;

    Non ho capito, guarda che qui non si parla di acqua zuccherata come nell'omeopatia, qua si tratta di un metallo (l'argento, appunto), che in epoche passate veniva usato per il suo blando effetto antibatterico, effetto che oggi si ottiene con medicinali più specifici, più efficaci e che hanno effetti collaterali trascurabili. Oltre alla tossicità, la domanda che dovresti porti sarebbe piuttosto "ha qualche senso usare questa cosa?". WeWee ti ha già spiegato nell'articolo in che cosa è "efficace" questo ACI, ovvero come antibiotico inutile. Hai posto una domanda, se esistono prove di inefficacia, oltre all'assurdità della cosa (totalmente antiscientifica, semmai dovresti chiedere a chi vende questa roba se esistono prove di EFFICACIA sulle patologie che millantano di guarire), prima che WeWee come medico ti risponda, dovresti perlomeno chiarire che cosa vorresti guarire tu con l'aci, e WeWee se ne ha voglia ti farà sapere se esistono prove di efficacia o meno per quella patologia.

    Tieni presente una cosa, però, dichiarare che può servire a prevenire malanni è un'assurdità senza capo nè coda. Altrimenti da domani vado a brevettare il mio personale antimalanno, una martellata in testa al giorno per prevenire il cancro al polmone e ogni mese porto come prova una radiografia dove non vi è traccia di lesioni. Se non sono proprio sfigato la passerei liscia, e comunque potrei dire nel caso sfortunato che appartengo a una piccola percentuale di insuccesso che rientra nelle casistiche e continuerei a propagandare la mia martellata in testa indisturbato. Capisci l'assurdità della cosa?

    RispondiElimina
  92. Ma come si correggono i commenti??

    Non si possono correggere, Blogger permette solo di cancellarli.

    non mi va di fare domande troppo specifiche.

    Non ti va di fare domande specifiche e pretendi "documenti attendibili, le FONTI alle quali possa risalire per verificare cio che hai detto"?

    Mi dispiace, sse non sai nemmeno tu quello che vuoi chiedere non ho modo di risponderti.

    Dite che non è efficace??Bene, mi date qualche prova??

    Efficace in cosa? Prova di cosa?
    E' chi propone l'ACI come cura per centinaia di malattie che deve provarne l'efficacia, non chi non lo usa. L'ACI è un antibatterico che può servire per disinfettare in maniera generica. Stop. Tutti gli altri usi non sono dimostrati nè autorizzati.
    Hai prove contrarie? Fammele avere, grazie.

    RispondiElimina
  93. Bene che bei discorsi... Chiunque faccia un affermazione dovrebbe dimostrarla, tu (soprattutto DA MEDICO ) non puoi denigrare niente senza avere (o ,se le hai, fornirle) prove e documentazioni.. ce bisogno che ve lo spieghi io???Allora stiamo messi bene!
    Se invece come dici tu, di documenti e studi non ne esistono, non è possibile dimostrare né la sua efficacia né il contrario. Per cui a rigor di logica non avreste gli elementi né per parlarne bene né male.
    A me personalmente non necessitano 'prove' della sua efficacia, perché, se fosse veramente privo di effetti collaterali come dicono (ai dosaggi consigliati, e stando attenti a 'cosa' sia) mi basterebbe prenderlo per un pò, e vedere se ho dei miglioramenti, se non funziona lo butto via e pazienza.
    Ho già buttato via parecchi soldi in 'cure' 'ufficiali' totalmente inefficaci, per cui...
    Ora visto che state sicuramente fremendo per sapere a quali cure mi riferisca, mi metto di santa pazienza, e vi inondo di parole, perche pare abbiate bisogno di giustificazioni e motivazioni plausibili per stanarvi dal partito preso che mi pare abbiate su queto argomento...
    Io soffro di riinite vasomotoria, probabilmente sin da piccolo, ma circa negli ultimi 8-9 anni è peggiorara parecchio, prima mi pigliava con muco abbondante al naso e le vie rsp.alte sempre otturate adesso piu che altro nella zona delle corde vocali (almeno questa è la mia sensazione) o in generale in gola.

    RispondiElimina
  94. Innanzi tutto mi ci sono voluti anni, per averla diagnosticata, perché il mio primo otorino, da cui andavo sin da piccolo, insisteva nel dire che non avevo niente; per cui il fatto che respirassi con mezza narice era solo una mia impressione secondo il becero..quando ho deciso di mandarlo affanculo, sono finito prima nella fauci di un tipo che mi voleva rimuovere i turbinati chirurgicamente senza sapere che cosa avessi a cui io ho detto educatamente 'ciao' senza farmi più rivedere (coincidenza l'intervento me lo faceva nella sua clinica..), poi dopo vicissitudini dall'allergologo sono approdato da un medico che ne capiva, e che mi ha spiegato che cosa avevo, e che rimuovere i turbinati non avrebbe risolto niente perche col tempo si sarebbero riformati.. in ogni caso il problema (per quel che ho capito) è di tipo immunitario, una specie di riinite allergica ma che non è allergica e che è anche causata da cause nervose, infatti quando mi agito , soprattutto se faccio movimento e sudo mi gronda il naso di muco..
    Tra l'altro, coincidenza delle coincidenze, dal 2002 assumo antidepressivi (ed infatti il problema è peggiorato proprio nel corso di questi ultimi 8 anni), e sempre 'coincidenza', da 6-7 anni sono sempre piu fragile ai malanni come raffreddori e influenze varie, mentre 10 anni fà avevo una salute di ferro, non soffrivo il freddo, e se mi veniva qualcosa spesso con una notte di sonno mi passava. Premetto che ho 34 anni , non 70. Ci sono altri malesseri che ho da quando assumo antidepressivi ma non volgio uscire fuori argomento.
    Ora (e devo dire che l'otorino che me lo diagnostico mi disse onestamente che non esistono cure) ho fatto aerosol e spray nasali vari, inutilmente; l'ultimo mio otorino (che mi segue da 3 anni) mi ha fatto prendere immunostimolanti, oltre alle solite gocce e aerosol, ma nessun beneficio. Ma ciò che è peggio per ben due anni mi è toccato di spendere un sacco di soldi per andare ogni santo giorno a fare le cure di aerosl alle terme... un patrimonio speso in benzina.
    Tutto oviamente senza nessun beneficio.

    RispondiElimina
  95. Mi era quindi venuto in mente, visto che dicono che l'Argento colloidale rinforza il sistema immunitario, di vedere se ne avrei avuto benefici, riguardo alla riinite ed anche alla mia fragilità generale. Non è normale che, da tipo che poteva uscire in maglietta col freddo senza prendere un raffreddore, sono passato a 'malaticcio' in meno di 10 anni.

    Riguardo alle mie domande sull'Argento coll....

    RispondiElimina
  96. Sul sito da me postato ho letto che i colloidi non sarebbero ioni (cioé non avrebbero carica elettrica pos.) ma delle microparticelle di argento NON cariche positivamente. Cio avrebbe importanza perché gli ioni di Argento si legherebbero all'interno dell'organismo con degli anioni di non mi ricordo cosa( leggetevi il sito se vi interessa) impedendo la loro espulsione e rimanendo cosi nei tessuti. Per non parlare dell Argento proteinato cioé legato a proteine che sarebbe ad alto rischio di argiria; mi pare che almeno 1 di quei casi (da te, Wewee) elencati riguardasse il caso di una donna che beveva argento proteinato.
    L'argento colloidale prodotto col metodo elettrolitico 'fai da te', che è la stragrande maggioranza di quello venduto e consumato nel mondo e sopr negli USA sarebbe Argento coll. ionico, che ha una colorazione trasparente o addirittura giallina.
    Però io ho letto che i colloidi sono caratterizzati dal fatto di essere 'torbidi' indipendentemente dalla dimensione delle particelle... tipo il latte.. vabbeh io di chimica non ne capico per cui volevo il vostro parere.
    Si da il caso però, che in quel sito (di cui non so l'attendibilità ) dicano insmma che l'Argento colloidale presenta delle ben specifiche caratteristiche (tra cui il colore scuro e non trasparente, e il non essere composto da ioni) e che il cosiddetto Argento colloidale ionico, è in realtà un prodotto scadente di scarsa efficacia e con un maggior rischio di effetti collaterali.
    Ora si da il caso che il 90 % della gente che usa Argento colloidale in realtà fa uso di Argento colloidale ionico, spesso fatto in casa con l'elettrolisi(giusto??vabbe insoma mi capite lo stesso) per cui...
    Ora io non so se queste info siano vere o no, ma l'argomento andrebbe quantomeno approfndito, mentre voi mi sembra proprio ve ne fottiate altamente.

    RispondiElimina
  97. ce bisogno che ve lo spieghi io???Allora stiamo messi bene!

    Sì, ci sarebbe bisogno che tu riuscissi a spiegare COSA vuoi sapere. Ma mi sono stancato di ripetertelo. L'ACI è un blando antibatterico quindi è efficace SOLO contro le infezioni non diffuse, localizzate e non gravi. BASTA, nient'altro.
    Se tu (o chiunque altro) hai prove che possa essere efficace in un altro tipo di patologia sta a te (o a quel chiunque altro) dimostrarlo.
    Funziona così, se non ne eri al corrente ora lo sai.
    Non puoi chiedere agli uomini (pur con tutta la loro buona volontà) di dimostrarti che qualsiasi sostanza sia inefficace contro qualsiasi malattia, se la cosa non ti fa dormire mi dispiace, fattene una ragione.

    Per cui a rigor di logica non avreste gli elementi né per parlarne bene né male.

    Hai un concetto molto strano del "parlare male", ti ho elencato le proprietà dell'ACI, non ne ho "parlato male". l'ACI non è brutto è cattivo, è il suo uso ingiustificato che è idiota. Lui non ne ha colpa, poverino.

    A me personalmente non necessitano 'prove' della sua efficacia

    Cioè stai sfruculiando i maroni da tre giorni perchè vuoi le "prove della sua inefficacia" e non ti interessano le prove di efficacia?
    Ma dici sul serio o sei solo un provocatore?

    E allora cosa vuoi da me? Perchè continui a chiedere in maniera vaga e continui a postare? Se non ti servono prove di efficacia per usare un prodotto per la tua salute che cerchi a fare qui?

    In questo blog non trovi nè promesse di miracoli nè trucchetti di prestigio, quello che c'è da sapere sull'ACI l'ho scritto, se hai letto fino a qui sai come la penso, poi puoi pure farti i cocktail con l'ACI, ognuno è padrone della sua vita.

    In bocca al lupo.

    visto che dicono che l'Argento colloidale rinforza il sistema immunitario

    Dicono?? Ma chi? Su Facebook?
    E vieni qui a chiedermi le "prove" di chissà cosa?

    Ma sai quanti santoni e pseudomedici ci sono in internet? Chiedi a loro, che di "prove" te ne forniranno a volumi, c'è anche uno che vende le macchinette che fanno l'ACI, vai, vai...in bocca al lupo, in senso letterale.

    RispondiElimina
  98. voi mi sembra proprio ve ne fottiate altamente.

    Ma ci mancherebbe.
    Cosa devo approfondire scusami?
    Dovrei bermi l'argento colloidale per quale motivo? Se sto bene a cosa mi serve? Un blando antibatterico per via orale A COSA CASPITA MI SERVE?
    Se ho un'influenza, senza fare nulla guarisco in 3 giorni, con l'ACI guarisco in tre giorni. Perchè dovrei bermi questo intruglio?

    Se sto MALE (veramente male), un blando antibatterico A COSA MI SERVE?
    Se ho una setticemia e rischio la morte, perchè caspita dovrei bermi la pozione di ACI?

    Me lo spieghi?
    Non lo capisco sinceramente, cosa vuoi risolvere con l'ACI?
    Sai cosa ti consiglio?
    Soffri di rinite?
    Bene: bevi il succo di un limone una volta al giorno per un mese e metti tre gocce di succo di limone per narice per un mese, appena prima di andare a letto. Tra un mese ci risentiamo, ti garantisco che sarai guarito perfettamente. Non spendi soldi (un limone lo abbiamo tutti a casa...), non rischi nulla e guarisci alla grande. E non diventi nemmeno blu.
    Ciao.

    RispondiElimina
  99. io ho spiegato anche troppo cosa volevo sapere, adesso mi sono rotto i colgioni io. ho sempre il brutto difetto di sopravalutare le persone, e perderci tempo. Tu, scrivi un articolo su qualcosa che non ti interessa, che non hai mai provato, di cui non ti sei informato perché non ti interessa o dai per scontato sia una bufala, non fornisci alcuna documentazione o bibliografia di studi fatti su cio di cui parli che ne attestino nè l'efficacia, nè l'inefficacia, nè la sicurezza.
    Ti rifiuti di dare informazioni ad una persona che è curiosa e non ha pregiudizi in merito (se no non sarei stato a perdere tempo a chiedere informazioni A TE!!!!), anzi lo trovi pure irritante, forse perché quelle
    informaziioni non le hai.
    io non devo dimostrare NIENTE, perché ho solo fatto domande e non ho mai detto nulla su efficacia o inefficacia dell Argento!!Sei tu che devi,in quanto hai impostato il post 'CONTRO' e non in modo imparziale. E se non hai la capacità di capirlo (ma secondo me fai lo gnorri), forse dovrestri cambiare mestiere...intanto comincia col non scrivere cose su cose che non conosci e che nemmeno ti interessa conoscere.
    Di gente superficiale ce n'è abbastanza senza che si mettano a fare i cybergiornalisti improvvisati del cazzo!!!
    Povera italia!!

    RispondiElimina
  100. Di gente superficiale ce n'è abbastanza senza che si mettano a fare i cybergiornalisti improvvisati del cazzo!!!

    Bene.
    Ora che hai sfogato i tuoi istinti più bestiali, puoi considerare chiuso il discorso.

    Naturalmente dal prossimo post contenente volgarità o che andrà contro le regole sarai bannato.
    Saluti.

    RispondiElimina
  101. Povera Italia davvero, con gente del genere... che tristezza

    RispondiElimina
  102. Stefan Danov: non pubblico il tuo commento perchè va contro le regole del blog (che sei invitato a leggere prima di partecipare alle discussioni), in particolare con il punto:

    "Non sono gradite affermazioni antiscientifiche o non riconosciute dalla medicina se non accompagnate da adeguati riscontri verificabili e dimostrabili."

    Saluti.

    RispondiElimina
  103. Per favore puoi allegare gli studi da cui hai dedotto quello che hai detto?
    Per essere un' articolo su un farmaco è campato in aria. Io sto usando l'argento da molti anni, e non ho riscontrato niente di quello che hai detto. Ciononostante vorrei saperne di più; perchè per un normale farmaco si fanno un sacco di test e su questo, che per quanto riguarda la mia famiglia funziona a meraviglia su una lunga serie di problemi di salute. Non mi sembra un argomento di fede. Se uno dice una cosa la deve dimostrare.

    RispondiElimina
  104. Per favore puoi allegare gli studi da cui hai dedotto quello che hai detto?

    Clicca sui link che parlano proprio degli studi, ce ne sono tantissimi.

    Per essere un' articolo su un farmaco è campato in aria.

    Non è un farmaco, è una sostanza tossica e non serve a nulla.

    Se uno dice una cosa la deve dimostrare.

    Cosa dovrei dimostrare, che l'argento può essere tossico?
    Beh, studia la chimica e la tossicologia della sostanza e lo capirai da solo, io ne ho parlato qui, non mi posso ripetere all'infinito.

    Se poi sei davvero convinto che "faccia bene", prosegui pure, l'importante che tu, oltre ai venditori di ciarlatanerie, abbia sentito l'altra campana, così potrai dire di essere cosciente ed informato delle tue scelte.

    In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  105. Ah, ho aggiunto una nuova foto di argiria da argento colloidale, così puoi vedere i benefici di questo "farmaco".

    Posso capire l'ignoranza o la poca preparazione medica, ma perchè regalare soldi ai truffatori?
    Vabbè...

    RispondiElimina
  106. Interessante articolo e interessanti notizie: grazie, generoso e pazientissimo Medbunker.

    RispondiElimina
  107. Se è per questo leggetevi l'arrampicata sugli specchi di questo tizio per giustificare il fatto che l'argiria non sia dovuta all'uso di argento colloidale...

    RispondiElimina
  108. @weewee posso dire che sei caduto in una troll-trappola di quelle delle più banali? Son bastati due commenti per farmi pensare don't feed the troll ;)

    RispondiElimina
  109. Unknow il tuo commento va contro le regole quindi non verrà pubblicato. Se vuoi esprimere la tua opinione sull'ACI non citare prodotti in vendita, non fare pubblicità e rileggi le regole del blog.

    Grazie.

    RispondiElimina
  110. peccato che non si tratti di pubblicità, ma solamente del metodo (unico) di produzione che prende questo nome....oltre che ignorante sei pure presuntuoso!....siete un pericolo per la libera informazione democratica....un sito come questo andrebbe prontamente segnalato...

    RispondiElimina
  111. siete un pericolo per la libera informazione democratica

    LOL

    El pueblo unido jamás será vencido.

    un sito come questo andrebbe prontamente segnalato

    Come miglior sito dell'anno, immagino.
    :)

    RispondiElimina
  112. http://www.nanomedjournal.com/article/S1549-9634%2806%2900346-7/abstract

    Eppure le nanoparticelle sembra che siano potenti germicide...

    RispondiElimina
  113. Eppure le nanoparticelle sembra che siano potenti germicide...

    L'effetto battericida e batteriostatico dell'argento non è una novità (l'ho scritto, nell'articolo) ma gli "alternativi" amanti di questa sostanza lo assumono non per "curare" un'infezione ma così, genericamente per stare meglio.
    In ogni caso il suo effetto sarebbe "topico", locale, non per assunzione orale. In più l'effetto battericida, naturalmente, non ha alcun significato in caso di infezioni virali o malattie non batteriche, cosa che si scontra con l'uso sconsiderato che fanno in tanti.
    Devo ritrovare il documento che descrive uno dei primi casi (recentissimo) di argiria accaduto in Italia proprio in seguito all'uso di argento per...mah...non so perché, per curarsi genericamente dal nulla.

    RispondiElimina
  114. E' ancora attiva la discussione? Nel bene e nel male e' molto interessante questo argomento.
    Ci sono aggiornamenti in merito?
    A quanto ho capito puo' essere indicato per un uso eventualmente locale.
    Per un uso orale non ha ovviamente senso.. Capisco che prevenire sia meglio che curare, ma questo non mi sembra proprio il modo corretto.

    RispondiElimina
  115. A quanto ho capito puo' essere indicato per un uso eventualmente locale.

    Sì, infatti esistono diversi prodotti che usano l'argento come disinfettante e naturalmente molto meglio comprarli già pronti in farmacia che costruirsi un'apparecchiatura (è l'ultima "moda") che lo produca.

    RispondiElimina
  116. Ma l'argento proteinato è argento colloidale con aggiunta di proteine? Che differenza c'é? I pediatri lo consiglaino come antisettico delle fosse nasali a seguito di intervento di adenoidectomia.

    RispondiElimina
  117. Ma l'argento proteinato è argento colloidale con aggiunta di proteine? Che differenza c'é?

    Soprattutto di dimensioni delle sue particelle. Nel prodotto c'è una sostanza (appunto l'argento proteinato) a base d'argento, nell'argento colloidale...ioni d'argento.
    Oltretutto l'argento colloidale si dovrebbe ingerire tutti i giorni per curare non si sa cosa, mentre l'argento proteinato ha lo scopo di favorire la cicatrizzazione e la disinfezione con un uso limitato in quantità e tempo.

    RispondiElimina
  118. L'argento colloidale non ha effetti collaterali.
    I rari casi di argiria si sono riscontrati a causa dall’assunzione di preparati ad altissima concentrazione di argento proteinato o vitellinato dell'ordine di 500-5000 ppm.

    Le strane storie e le foto che girano in rete hanno ben poco di scientifico e non dimostrano nessun legame con l'argento colloidale.

    RispondiElimina
  119. Post interessante questo...
    Resta il fatto che sono in molti a dichiararsi molto soddisfatti dell'efficacia dell'argento colloidale 10ppm... Possibile che sia solo effetto placebo?

    RispondiElimina
  120. Possibile che sia solo effetto placebo?

    Prima bisognerebbe chiedersi per cosa lo utilizzano, visto che molti lo assumono "per stare meglio" ed un lieve effetto antibiotico, quando non hai nulla, non "fa stare meglio" nessuno.

    Per il resto, come al solito si tratta di impressioni personali (e di chi vende i macchinari per preparare l'argento), di dati, numeri e fatti c'è molto poco.
    :)

    RispondiElimina
  121. venite a me o voi aflitti da malattie e vi guariro'con le mie mani gratis si intende

    RispondiElimina
  122. L'argiria non è mai comparsa a causa dell’uso di argento colloidale ionico. I pochi casi sono comparsi per l’uso di argento auto-prodotto con apparecchi fatti in casa (con la comparsa di sali d’argento), per un uso continuo per anni e anni ed a volte addirittura aggravato da una forte insufficienza renale.

    RispondiElimina
  123. In relazione con l'attuale isteria da Ebola:

    Back in 2008, the U.S. Department of Defense (DOD) in conjunction with several other federal agencies quietly conducted clinical research into the use of silver nanoparticles against Ebola and other hemorrhagic fever viruses.

    And what they found was astonishing. They discovered that silver nanoparticles were highly effective against these deadly viruses, including the Ebola virus.

    They later presented their findings to federal health regulators and other national health authorities. But it was all kept top secret. The presentation was called “Silver Nanoparticles Neutralize Hemorrhagic Fever Viruses.”

    And the gist of the presentation was that silver nanoparticles displayed “powerful neutralizing effects against hemorrhagic fever viruses,” including Arenavirus and Filovirus (i.e., Ebola).

    RispondiElimina
  124. In pratica il "dipartimento della difesa" statunitense ha sperimentato l'argento in nanoparticelle per curare l'ebola: risultati "stupefacenti" ma tutto tenuto in segreto.

    Ora, visto che hai postato questo commento, mi spiegheresti per favore perché il governo lo avrebbe "tenuto segreto"? Visto che non esiste cura e non si parla neanche di vaccino...
    E forse ti servirà sapere che questa notizia (che ti preannuncio è fondamentalmente una bufala) è stata "diffusa" dal proprietario di un'azienda che produce argento ionico, così sai chi ne è l'autore.
    Se comunque conosci l'inglese c'è una pagina che può interessarti.
    :)
    http://www.riskscience.umich.edu/nano-silver-used-treat-ebola-victims-nigeria/
    Saluti.

    RispondiElimina
  125. Il governo degli Stati Uniti fa molte cose incomprensibili agli occhi della gente comune, come brevettare una delle varianti dell'ebola
    http://www.google.com/patents/US20120251502

    Carino il filmato di Risk Science Center, peccato sia sponsorizzato, tra gli altri, da Johnson & Johnson che è una multinazionale farmaceutica.

    RispondiElimina
  126. Il governo degli Stati Uniti fa molte cose incomprensibili agli occhi della gente comune, come brevettare una delle varianti dell'ebola

    In effetti i profani possono non capire i motivi che giustificano dei ricercatori a brevettare la mappatura del genoma e le conoscenze su un virus (oggi inutile, visto che si tratta di un ceppo diverso da quello in atto epidemico), ma in fondo per capirlo basterebbe pensare a cosa si fa quando anche un privato scopre qualcosa di nuovo: proprio il brevetto, stupefacente, vero?

    peccato sia sponsorizzato, tra gli altri, da Johnson & Johnson che è una multinazionale farmaceutica.

    Bello, ti stupisci che una multinazionale "sponsorizzi" un video (quale?) e non leggi la quintalata di spiegazioni sul perché l'uso dell'argento per l'ebola (ma anche per altro) sia una bufala, persino la FDA l'ha definito "fraudolento", nello stesso tempo non ti accordi che il genio che vuole usare l'argento abbia una clinica ed un'azienda che lo produca, la multinazionale deve essere cattiva (eppure potrebbe produrlo questo argento se fosse così efficace) mentre il povero proprietario di cliniche private buono ed altruista.
    Come sempre vediamo quello che vogliamo vedere.

    Comunque, il succo del discorso è che l'argento colloidale è un blando disinfettante e non ti salverà né da ebola né da malattie gravi, se vuoi usarlo per i gargarismi fai pure (con il rischio ti diventino le guance blu), prenditene le responsabilità, fai la scelta, apri il portafogli e...in bocca al lupo.
    ;)

    RispondiElimina
  127. Guarda e stupisciti, i brevetti di:

    Adenovirus, poxvirus, stomatite vescicolare virale...e ne trovi quanti ne vuoi. Su Google. :)


    - https://www.google.com/patents/US3429965?dq=virus&hl=it&sa=X&ei=EApGVJ6ZN8HyPO3RgJAN&ved=0CFwQ6AEwBw

    - https://www.google.com/patents/US5756103?dq=virus&hl=it&sa=X&ei=KwpGVM__OIy_PPL0gLgC&ved=0CDcQ6AEwAzgK

    - https://www.google.com/patents/US20140271564?dq=virus&hl=it&sa=X&ei=KwpGVM__OIy_PPL0gLgC&ved=0CEcQ6AEwBTgK

    RispondiElimina
  128. L'argento colloidale è talmente una bufala che il ministro dell'informazione della Sierra Leone lo ha definito un trattamento valido
    http://drrimatruthreports.com/this-works-sierra-leone-information-minister/
    Nessuno meglio di loro può dirlo, dato che hanno migliaia di casi.

    L' FDA dice che un trattamento è "fraudolento" se Big Pharma (suo sponsor) rischia di perdere un sacco di soldi.

    RispondiElimina
  129. il ministro dell'informazione della Sierra Leone lo ha definito un trattamento valido

    Alla faccia! Ora si che in ospedale lo useremo, ci mancava il ministro della Sierra Leone... :D

    Non capisco comunque perché insisti, non è che postando link a caso o il parere del ministro dell'informazione della Sierra Leone (eh, beh...), "noto" ingegnere minerario voce di peso "indubbio ( :D )della medicina internazionale, si possa cambiare la storia della medicina,
    L'argento colloidale è una sciocchezza alternativa venduta per spillare soldi ai boccaloni, fattene una ragione.
    Per questo ti ricopio la conclusione di qualche commento fa, leggila bene e traine le conclusioni (e tanti auguri).

    l'argento colloidale è un blando disinfettante e non ti salverà né da ebola né da malattie gravi, se vuoi usarlo per i gargarismi fai pure (con il rischio ti diventino le guance blu), prenditene le responsabilità, fai la scelta, apri il portafogli e...in bocca al lupo.

    Aggiungo: rileggi il regolamento del blog prima di commentare, i link che posti (pagine bufala, siti non scientifici, siti esca) non sono ammessi, di conseguenza i commenti che li contengono non saranno accettati.
    Ciao!

    RispondiElimina
  130. Non credo che si diventi grigi dalla sera alla mattina. Queste persone, incuranti del primo ingrigirsi della cute, hanno continuato ad assumere argento. Chi è causa del suo mal...
    Utile comunque per chi voglia fare il mimo (statua vivente) risparmiando sul trucco.

    RispondiElimina
  131. Comunque sembra che l'ebola venga trattato con successo anche con l'acido ascorbico (vitamina C) e l'ozonoterapia.
    Affaire à siuvre...

    RispondiElimina
  132. Alla luce di questo http://www.nanoscalereslett.com/content/3/4/129

    che senso dare a questa cosa di 100 anni fa? http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2301194/pdf/brmedj07208-0016.pdf
    Possibile che per qualche remoto motivo abbia azione contro i poxvirus anche in vivo? Ovviamente non sto pensando alla specie umana, ma a quelle animali nelle quali i poxvirus sono tutt'ora una piaga... Secondo voi avrebbe senso un tentativo terapeutico o saremmo a livelli di cancro&bicabornato?

    RispondiElimina
  133. Possibile che per qualche remoto motivo abbia azione contro i poxvirus anche in vivo?

    Possibile ma ci sarebbe un problema di fondo, se agisse sui virus le nanoparticelle dovrebbero depositarsi in tutte le cellule del corpo, non so se a quel punto l'argiria sarebbe matematica. Salvarsi la vita diventando blu per sempre mi preoccuperebbe. Nel primo documento parliamo comunque di test in vitro, molto limitato, nel secondo si parla di "ELECTRARGOL", non so di cosa si tratta.

    L'argento ha un potere antibatterico noto da tempo, è però un metallo, ha quindi anche un potenziale di tossicità, si deposita nelle mucose, ha dei limiti d'uso.

    RispondiElimina
  134. Hm nessuno che abbia mai pensato di farsi venire l'argiria volontariamente?
    Di body modder ce ne sono tanti e fanno cose anche più deliranti, mi stupisce che non ci sia nessuno che abbia provato a diventare blu di scelta...

    RispondiElimina
  135. Volevo mettere solo l'immagine, ma non si può ;) . In qualche sito italiano che pubblicizza l'uso dell'argento e del oro colloidale puro, spray e, creme ecc.., ci piazzano i loghi di FDA, OMS e pure della NASA!!! La Nasa!!!!!!
    " L'USO DELL'ARGENTO COLLOIDALE è APPROVATO ED UTILIZZATO DALLE SEGUENTI ORGANIZZAZIONI MONDIALI"
    ..e del mondo dei puffi ;)

    RispondiElimina
  136. La NASA, l'agenzia spaziale russa (Roscosmos) e quasi tutte le compagnie aeree utilizzano filtri d'argento per purificare l'acqua a bordo dei loro velivoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se è per questo ci sono pure gli spazzolini con la testa in argento

      Elimina
  137. L'oro monoatomico esiste e il beneficio lo si puo avere se si ha una coscienza abbastanza elevata non si puo fregare la natura.. Il corpo è l'espressione della coscienza.. Difatto il corpo lo produce gia se si è a certi livelli.. Il fine sarebbe aumentare la percezione energetica..

    RispondiElimina
  138. Ma Lei è sicuro di esser laureato in medicina, e se si dove è successo ? sa cosa penso? che lei sia laureato e magari un buon medico, ma non è in buona fede

    RispondiElimina
  139. Ma Lei è sicuro di esser laureato in medicina, e se si dove è successo ?

    Certo che sono sicuro, università di Catania, c'è il mio curriculum in rete, essendo un dipendente pubblico. Lavoro anche per lei.

    sa cosa penso? che lei sia laureato e magari un buon medico, ma non è in buona fede

    Pensa?
    Allora lo dimostri, non si sa mai, potrei correggermi. Altrimenti sta solo diffamando e la diffamazione è un reato (oltre ad essere disonesta).
    Saluti!

    RispondiElimina
  140. Risposte
    1. Risposta facile che mi aspettavo

      Bene!
      Quindi avrà avuto anche tutto il tempo di preparare la lista delle cose che dimostrerebbero la mia malafede.
      Altrimenti in malafede è lei (e pure vigliacco perché non sa motivare le se diffamazioni) .
      Aspetto eh?
      Saluti!

      Elimina
  141. inntanto non ho diffamato nessuno è semmai Lei che mi apostrofa,non serve una lunga lista.
    QUESTO BASTA E AVANZA
    Il dottor Graziani Gabriele, 71 anni, proviene da una famiglia di farmacisti. Ha conseguito la laurea in
    Farmacia nel 1964 con 110/110 e lode e la Laurea in Scienze Biologiche con 108/110, entrambe presso
    l’università di Bologna. Ha poi intrapreso la carriera di ricercatore farmacologo prima presso l’università, poi
    nell’industria farmaceutica. Dopo un lungo periodo di formazione in Inghilterra nel Centro ricerche Glaxo, ha
    fondato e diretto i laboratori di ricerca farmaco-tossicologica del centro di ricerche Glaxo di Verona, ancor
    oggi prestigioso centro di ricerche in Italia.
    È autore di oltre 60 pubblicazioni scientifiche ed è stato membro di prestigiose Associazioni quali la New
    York Academy of Sciences. Per 25 anni è stato titolare dell’omonima farmacia rurale in provincia di Como,
    ora gestita dalla figlia. La sua conoscenza dell’argento colloidale (AC) deriva dallo studio personale e
    dall’esperienza quotidiana di farmacista territoriale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, oltre alla interessante, prestigiosa vita ed esperienza quotidiana del farmacista territoriale, titolare della farmacia rurale e che conosceva l'argento colloidale non mi sa dire (e che c'entra questo con la mia malafede lo sa solo il suo cervello).
      Come immaginavo quindi, diffamatore e vigliacco.

      Non saranno più accettati suoi commenti, naturalmente (e come da regolamento, quando si accusa il prossimo si devono motivare le accuse), impari l'educazione e l'onestà (ed il rispetto, prima di tutto).

      Elimina
    2. Buongiorno gentile dott. Di Grazia,
      sto facendo ricerca per capirne di più sull'ACI (che mi è stato regalato e devo decidere se usarlo o meno su me stessa e la mia famiglia).
      Con tutto rispetto, comprendo che Lei ha scritto questo articolo senza altro interesse personale oltre a quello di voler aiutare ed "illuminare" se possibile il prossimo sulle conclusioni da Lei tratte e ritenute significative.

      Per sua informazione io sono completamente neutra alla cosa. Sono forse si propensa a cercare soluzioni alternative agli antibiotici quando possibile (visto che quello che mi è stato dimostrato finora, ma mi potrei sbagliare in quanto non sono medico, è che il nostro sistema immunitario equivale un pò alla "fossa biologica" del corpo, e buttarci dentro antibiotici non sarebbe diciamo una soluzione priva di effetti collaterali parecchio negativi) ma d'altro canto li uso e ho usati con gratitudine in casi in cui l'ho ritenuto strettamente necessario. Non ho pareri preconcetti in quanto non ho mai sentito parlare dell'ACI prima d'ora, MA in questo preciso momento sono alla ricerca sul web di qualcuno che proponendomi argomenti logici e ben fondati, mi risulti affidabile e mi sappia convincere del proprio parere, indifferentemente se il parere in questione è negativo o positivo rispetto all'ACI.

      Sto cercando questo per rispondere urgentemente (visto che ho figlia con streptococco a cui preferirei evitare antibiotico) alla famigerata domanda chiave che credo che abbia spinto molti lettori su questo blog :

      >>>ACI SI o ACI NO?

      Mi lascia frustrata il fatto che dopo aver letto gran parte delle discussioni su questa pagina (alcune più serie altre davvero poco~ma non è colpa sua) mi ritrovo come si suol dire "più stupida di prima" (in realtà intendo dire che non ne so più di quando sono approdata qui, un'ora fa).

      Non che lei sia obbligato ad aiutare il prossimo, ma visto che ha immesso in rete un articolo su questo tema, mi auguravo che questo articolo potesse risultare convincente in virtù di argomenti che dimostrino quello che Lei sostiene (e Lei sostiene che usare l'ACI sia una "stupida testardaggine" espressione dalla quale si deduce chiaramente che Lei in generale ne è contrario e ne sconsiglia l'uso, mi corregga se ho capito male).
      Se Lei gentilmente mi potesse portare degli argomenti convincenti a sostegno delle Sue conclusioni in merito (a parte quello della colorazione blu che da quello che ho capito leggendo tutti i commenti, in piccole dosi non sarebbe un rischio), le sarei davvero grata. Non vorrei mai nuocere a mia figlia, e devo quindi decidere, velocemente, se le deriverebbero più danni dall'uso dell'antibiotico o da quello dell'Argento Colloidale, e che beneficio le può derivare da entrambi. Ah dimenticavo di aggiungere che le ho già fatto due cicli di antibiotico nei mesi precedenti che a quanto pare, danni a parte, sono stati inutili ai fini di debellare lo Streptococco.

      Ovviamente Lei è un medico, ma non ha nessun obbligo a rispondermi. Grazie comunque per avermi letta.
      Buona giornata !

      Elimina
    3. Se Lei gentilmente mi potesse portare degli argomenti convincenti a sostegno delle Sue conclusioni in merito

      Se nell'articolo (che ho scritto io) non ha trovato "argomenti convincenti" non credo possano essercene altri. Gli argomenti sono di una banalità unica, l'ACI non è un antibiotico ma un blando antibatterico ad azione quasi esclusivamente locale. Se sua figlia ha un problema di salute che richiede antibiotico usi questo, su prescrizione medica, se invece non ha nulla di particolare non gli dia nulla. Se proprio è convinta di usarlo abbia almeno la precauzione di acquistarlo in farmacia, ha almeno la ragionevole sicurezza della preparazione che, al contrario, in molti casi è "artigianale" e rischiosa.
      Personalmente non userei mai l'ACI per curare qualcosa né lo prescriverei ai miei pazienti.

      Saluti!

      Elimina
    4. Grazie per la risposta :)
      Si, a parte l'argomento Argiria (che mi ha certamente convinta a non ingerire un litro di ACI al giorno per un anno! ma s'è per quello nemmeno per un giorno !) nel Suo articolo ho trovato le Sue conclusioni, che suppongo si basino su verifiche da Lei fatte più scientificamente possibile nel corso della Sua esperienza di medico.

      Diciamo che queste verifiche (quelle che l'hanno portata alle sopraccitate conclusioni) potrebbero essere argomenti per me convincenti. Se Lei mi comunica solo le Sue conclusioni, può avermi messo una pulce nell'orecchio, ma non avermi dato una vera base per creare per me stessa lo stesso tipo di convinzione a cui è arrivato Lei.

      Come ripeto, forse Lei non ha voglia di condividere tutto quello che sta a monte, però capirà che un'articolo dove segnala solo le Sue conclusioni non basta per chi è intenzionato VERAMENTE ad arrivare a fondo (per quanto possibile) dell'argomento, e vorrebbe evitare di basarsi su preconcetti emotivi o superstizione (il condannare a priori QUALSIASI COSA rappresenta secondo me in un'atto emotivo e superstizioso, se alla base non esistono verifiche il più possibile basate sul metodo scientifico ipotesi - esperimento - verifica ecc).

      Nel caso specifico di mia figlia, come dicevo ha lo streptococco. Si tratta di un batterio, quindi diciamo che in dose minima potrebbe a rigor di logica non essere insensato somministrarle l'ACI localmente (sciacqui alla gola dove ha placche).....però mi pare di capire che Lei personalmente non lo farebbe.
      Posso chiederle gentilmente di chiarirmi qual'è per Lei il motivo di questo? (così posso capirci meglio).

      Grazie per il consiglio sulla Farmacia.
      La ringrazio ulteriormente.
      Saluti !

      Elimina
  142. Posso chiederle gentilmente di chiarirmi qual'è per Lei il motivo di questo?

    Il nostro corpo ha già le armi (si chiamano "sistema immunitario") per contrastare e sconfiggere infezioni batteriche o virali di lieve entità (lo fa praticamente di continuo) ed i bambini ne sono molto soggetti. Non è necessario, nella stragrande maggioranza dei casi, fare nulla. Fare "sciacqui" o bere ACI in questi casi, visto il suo scarso potere battericida, sarebbe quindi una perdita di tempo (tanto vale non dare nulla).
    In questo studio, ad esempio, per ottenere un effetto battericida, sono state necessarie dalle 2 alle 4 ore di esposizione dei batteri all'ACI, mi sembra evidente che il suo uso come battericida quindi, sarebbe del tutto inutile.

    Al contrario, quando l'infezione si estende, peggiora, si complica, è necessario intervenire con decisione ed in quel caso sono fondamentali gli antibiotici perché evidentemente non bastano le normali difese immunitarie e si rischiano gravi complicazioni. Spendere soldi per somministrare un rimedio inutile o "leggero" (se un'infezione è "leggera" non ha bisogno di rimedi) o trattare da malato un bambino che non ha particolari malattie o peggio imbottirlo di farmaci nello stesso caso, è dannoso (ed anche potenzialmente pericoloso), svuota il portafogli e trasforma i bambini in malati immaginari.
    Si tratta di medicina ma anche di buon senso.

    Mio figlio, fino a circa 4-5 anni soffriva spesso di tonsilliti o faringiti con febbre, anche alta. Solo in un caso gli ho somministrato antibiotici (una tonsillite si era complicata in otite) ed in un altro caso paracetamolo (febbre a più di 41 gradi), per il resto mai dato altro. Da quel periodo, il tempo che richiedeva la maturazione del suo sistema immunitario (la "crescita", popolarmente la chiamiamo così) non ha praticamente avuto mai più nulla, nemmeno una febbricola. Ho evitato di intossicarlo con medicine inutili o rimedi "casalinghi" altrettanto inutili e non l'ho trattato da malato. Io ho il vantaggio di poter usare la mia professionalità ma chi non può farlo ha sempre a disposizione il pediatra.

    Saluti.

    RispondiElimina
  143. Gentile Dott. Di Grazia,

    la ringrazio per l'ottimo articolo informativo.

    Volevo chiederle: su internet leggo molte testimonianze che una buona cura naturale per la candida preveda l'uso di argilla ventilata, nonchè olio di malaleuca (tea tree oil).

    Lei che ne pensa dell'assunzione orale di argilla ventilata?

    Consiglierebbe una specifica terapia per candida e cistite?

    Grazie mille per la sua gentile opinione!

    RispondiElimina
  144. Lei che ne pensa dell'assunzione orale di argilla ventilata?

    Una pratica senza nessuna particolare utilità (per il consumatore, non per chi la vende, è chiaro) e con qualche rischio se proseguita per lungo tempo. L'argilla è considerata "antibatterica" per "assorbimento" e se si usasse per combattere infezioni completamente esterne (pelle, genitali) si dovrebbe usare continuamente e con uso prolungato (cosa quasi mai possibile), se si usa per combattere infezioni interne (candidiosi di organo) è inutile e rischiosa.

    Consiglierebbe una specifica terapia per candida e cistite?

    Qui non posso consigliare terapie (che è sempre pericoloso chiedere via internet), sicuramente i due problemi sono spesso collegati e si alimentano a vicenda e quindi bisogna considerarli assieme (parlo in generale) per una buona terapia (che prevederebbe prima anche l'esecuzione di tamponi ed urinocoltura).

    Saluti!

    RispondiElimina
  145. Io comprato da un mese Ag colloidale a 40ppm .... lo usato per influenza e orticaria seria (tipo grattarsi a sangue) Risultati: ZEROOOOOOOOOO!!!! Idem funghi cinesi miracolosi per mioma come pure L-glutatione 39.90 (30 pastigliette) Vitamine C varie, alghe miracolose ecc... ecc.... Una cosa di buono: ti sostengono ed aiutano ma di certo il mioma e le influenze continue non le guariscono ste cose!!! Unico beneficio: la cura dell'alimentazione, questo si mi ha salvato fino ad ora-------- poco glutine, meglio zero e poche proteine, tante verdure CRUDE, minestroni, riso, pesce, frutta fresca, patate, uova. Formaggi e latte al gatto di casa...

    RispondiElimina
  146. Non sono certo fanatica della medicina alternativa essendomi sottoposta a chemio, ma vorrei capire perché le nanoparticelle di oro non sarebebro pericolose per la salute umana e quelle di argento sì... un po' di dubbi mi sovvengono visto che la comunità scientifica è piuttosto confusa "Secondo l’autore, sebbene preliminari, questi dati sono molto eccitanti perché le nano-particelle non sono tossiche e potrebbero rappresentare un’alternativa alla chemioterapia per la cura dei linfomi non-Hodgkin." http://www.galileonet.it/2013/01/un-cuore-doro-per-uccidere-il-linfoma-senza-chemio/

    RispondiElimina
  147. vorrei capire perché le nanoparticelle di oro non sarebebro pericolose per la salute umana e quelle di argento sì...

    Il fatto stesso che le nanoparticelle di oro siano usate per uccidere le cellule tumorali (quindi sono citotossiche) dovrebbe farlo capire benissimo.
    Solo che, nel caso del tumore intossicare le cellule è ciò che vogliamo (per curare la malattia), chi invece si beve bicchieroni d'argento lo fa (ipoteticamente) per stare meglio. Inoltre in un caso parliamo di tumori (non proprio una malattia passeggera), gli appassionati di argento lo usano per qualsiasi cosa, anche per...niente, solo per prevenire chissà cosa.

    La realtà è abbastanza chiara: se si ha bisogno di un antibiotico si prende l'antibiotico, se non si ha bisogno non si prende nulla.
    Invece i venditori di argento colloidale ti dicono che per "fregare" Big Pharma, devi usare l'argento (che naturalmente non è gratis e lo compri a loro).
    ;)

    RispondiElimina
  148. salve ragazzi(…) c'e' ancora il dottor we wee?! az era il 2010…volevo solo dirgli che dal suo primo post ai seguenti gia ha corretto il tiro..e di molto, dal 1 post sembrava bastasse annusarlo per diventare blu …ovvio che dipende dalle dosi e dal tempo, quindi critica tanto chi ne parla bene senza prove e poi non e' che abbia fatto tanto diversamante nel suo attacco a zero. ma volevo dirgli che la medicina occidentale…quanti limiti ha!!!!! accidenti potrei parlare e scrivere per ore per tutte le volte che i medici presuntuosi a prescindere han fatto e detto corbellerie e quante volte nella storia, prima di accettare qlc di nuovo, han fatto mille resistenze ad accettare un nuovo concetto?! poi rivelatosi esatto nel tempo?!? ci sono tanti cialtroni anche con la laurea (1 fra tutti mio medico di base che ogni volta che lo contraddicevo mi sparava la solita papirata che esordiva sempre con " sai quante patologie sono in grado di curare?!" peccato che non mi abbia mai fatto fare gli esami giusti per capire l origine dei miei problemi facendomi perdere anni!!!!!! di pessima salute e che dire dei reumatologi che ancora oggi non sanno un c….. sull importanza della vitamina D per il sistema immunitario nonostante le migliaia di casi trattati con super dosaggi (me compreso)prima per un influenza io restavo KO per almeno un mese..e mio medico saccente "beh ma lo sai tu sei fatto cosi, vuoi cambiare antibiotico?" non e' la cultura di un individuo che ne dimostra il livello mentale ma il livello mentale dell individuo che fa progredire la cultura ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dal 1 post sembrava bastasse annusarlo per diventare blu …ovvio che dipende dalle dosi e dal tempo

      Dove l'ho scritto?
      Posso provare a spiegarmi meglio per gli utenti che hanno difficoltà: l'argento colloidale è un blando disinfettante. Berlo o usarlo quando non si hanno problemi è da idioti, può avere gravi effetti collaterali, e non serve a nulla. Usarlo su piccole ferite, escoriazioni, piccoli tagli, può avere un senso ma quando basta un po' di acqua e sapone, comprare argento colloidale è anche questo un po' stupido.

      ma volevo dirgli che la medicina occidentale…quanti limiti ha!!!!!

      Ammettiamo per un attimo che la "medicina occidentale" (e che è?) abbia tantissimi limiti, invalicabili, incredibili, illimitati: quindi?
      Il fatto che non riusciamo ad andare sulla Luna con la bicicletta, rende colui che vuole andarci con il tappeto volante un genio o questo resta un povero pazzo?
      PS: Fai controllare la tastiera del PC, si è incastrato il tasto del punto esclamativo.

      non e' la cultura di un individuo che ne dimostra il livello mentale ma il livello mentale dell individuo che fa progredire la cultura ;-)

      Già. E che alimenta i ciarlatani, aggiungerei.
      ;-)

      Elimina
    2. …per la medicina occidentale infatti gli agopuntori cinesi erano dei poveri pazzi…si e' visto :-)))) la med occ ha tanti limiti lo sanno tutti (lei compreso) primo problema e' troppo settoriale, ci sono ultramicro specialisti che trattano solo sintomi di quel dato punto del corpo e appena gli chiedi come mai? ti risponde non lo so dovresti andare da quell altro specialista…. :-)))) purtroppo parlo anche per mia esperienza personale anni e anni che vado dall ortopedico per malanni in qlc distretto e ci torno 2 mesi dopo per un analogo dolore in un altro distretto (muscolo tendine nervo) ogni volta mi curava il sintomo …mai che a questi specialisti pluri decorati del Pini di Milano venisse in mente di chiedersi "che strano pero'…andiamo a fondo cosa manca al suo organismo cosa c'e' sotto?! nooo troppo lavoro mentale meglio rispondere " eh sei sfortunato eh? prenditi del polase di piu non sappiamo dirti!!(testuali parole) oppure pensare " e' debolino il ragazzo" ne avrei avute tante di battute da fare loro, ma ero troppo abbattuto…30 anni per trovare una persona che mi facesse fare l esame giusto e capire che rientro nella " CFS" 30 anni a sentirmi "Debolino e chimnato sfaticato pigro..." non immaginate la rabbiaaaaa in quanti medici ciarlatani (usando suo termine, io preferisco definirli manovali della medicina) mi sono imbattuto quanti ancora non sanno a cosa serve veramante la vit D nel ns organismo, perche ufficialmente non risulta ancora nei loro protocolli, ma non ce l ho col singolo medico perche in fondo e' un dipendente che svolge, con tutti i suoi limiti personali, una professione. perche quel che conta davvero e fa la differenza e' il livello mentale del singolo professionista in ogni ramo e professione, e il difficile e' trovarlo quando se ne ha bisogno….e sono troppo pochi
      p.s. mi rendo conto di essere uscito dal seminato (aci)chiedo scusa
      p.p.s. se insisto sul concetto di M.L. livello mentale e' perche e' il mio settore sono psicologo ricercatore

      Elimina
    3. …mai che a questi specialisti pluri decorati del Pini di Milano venisse in mente di chiedersi "che strano pero'…andiamo a fondo

      Bah, non ho capito, in due commenti ha scritto un lungo (e disarticolato) sfogo personale sui suoi problemi (che neanche si capiscono bene), criticando la "medicina occidentale" (sic.) e saltando da palo in frasca.
      Se questo può aiutarla mi fa piacere ma, per favore, se deve commentare un articolo rimanga in argomento, faccia le sue osservazioni argomentandole e non divaghi, altrimenti non sta commentando ma si sta (come d'altronde sembra) sfogando (e gli sfoghi non servono a nessuno). Qui si parla della truffa dell'argento colloidale, se le interessa l'argomento discutiamone, altrimenti lasci stare (e legga il regolamento del blog).
      Grazie!

      PS: Interessante il fatto che gli ortopedici non riuscirebbero a risolvere i suoi disturbi, però lei li consulta "da anni ed anni" (30 anni!), in genere quando un rimedio non funziona, in genere ribadisco, si cambia.
      Saluti.

      Elimina
  149. Personalmente lo produco e uso in forma ionica (10 ppm) da anni, sia per uso interno che esterno e posso affermare che funziona egregiamente.
    Non essendo assolutamente tossico, lo somministro anche ai miei figli come "aiuto" alle difese immunitarie durante i periodi di picco dell'influenza stagionale... finora con buoni risultati.
    Lo spauracchio dell'argiria? Provate ad abusare di qualsiasi farmaco e il colore della pelle sarà l'ultimo dei vostri problemi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fatti sono esposti nell'articolo, c'è pure altro per dimostrare che sta mentendo su certi aspetti (sulla tossicità e l'argiria, per esempio): https://nccih.nih.gov/health/silver
      http://www.quackwatch.com/01QuackeryRelatedTopics/PhonyAds/silverad.html
      https://www.sciencebasedmedicine.org/hi-ho-silver/
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24579810
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24231525

      Elimina
  150. Adoro i .org e .gov, sai già prima di leggerli da che parte stanno :-)

    RispondiElimina
  151. Adoro i .org e .gov, sai già prima di leggerli da che parte stanno

    Sono fatti proprio per questo, così puoi sapere se stai leggendo informazioni attendibili o bufale, per quelle ci sono i siti .ciarlatan e .ignorant
    Libero accesso alle informazioni, basta scegliere da che parte stare.

    RispondiElimina
  152. Non credevo che il mondo fosse cosi' pieno di ipovedenti e apparteneti alla sottofamiglia dei bovidi. Dott. Di Grazia, ho letto tutti i suoi interventi, grande. Non caschi nel tranello dei troll..quelli sono terribili ed hanno tanto tempo da perdere.

    Buona vita Dott.

    RispondiElimina
  153. Appena iscritta a questo ottimo blog: meno male che ne ho sentito parlare ad una conferenza (pro-vaccini)!
    A tutto questo ottimo articolo, aggiungerei anche che, anche ammettendo la capacità dell'ACI di far fuori praticamente tutti i batteri, passati, presenti e futuri, questo causerebbe non pochi scompensi al nostro corpo: come potrebbe l'ACI risultare così intelligente da liberare il nostro corpo solo dai batteri patogeni e non anche da quelli per noi utili (vd. flora batterica intestinale)? ;)

    RispondiElimina
  154. Si fa una gran confusione tra l'argento colloidale proteinato (tossico) e l'argento colloidale ionico che è assolutamente atossico. L'uomo con la pelle blu aveva infatti usato abbondante argento colloidale proteinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'argento colloidale ionico che è assolutamente atossico.

      Non è proprio così, anche l'argento colloidale ionico ha forte tossicità, anche a dosi basse. Da tempo ne è stata dimostrata anche citotossicità (che significa che potrebbe uccidere i batteri ma potrebbe provocare pure malattie e persino tumori).
      Di fronte ad un effetto blando e locale e di fronte ad utilizzi completamente inutili ed arbitrari il rischio è presente e ci porta di nuovo di fronte all'uso del buon senso: se hai una malattia vera curati veramente, se hai una sciocchezza aspetta che passi senza buttare soldi inutilmente arricchendo qualche truffatore.

      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22101214

      Elimina
  155. trovo l'articolo interessante anche se forse sarebbe stato più adeguato, vista la feroce critica, dare dei dati statistici, ad esempio: qual è la % di possibilità di contrarre l'argiria? viene usata come spauracchio ma credo che la possibilità di contrarla sia molto ma molto bassa (e ciò non vuol dire che bisogna ignorarla, comunque). Inoltre, si è posto solo l'accento sugli effetti negativi e l'inefficacia ma in realtà esistono capacità antibatteriche dell'argento riconosciute anche dalle aziende moderne, un esempio sono gli spazzolini da denti che usano l'argento come antibatterico... e di esempi in realtà ce ne sono molti... troverei costruttivo aggiungere quando ha senso usare questo metodo, piuttosto che stroncarlo definitivamente. In ultimo, assolutamente non condivido che l'uso degli antibiotici sia così efficace e sicuro.. questi farmaci su di me hanno effetti nefasti, dagli effetti collaterali davvero importanti (vomito, dolori di stomaco, diarrea, tachicardia e altri) alle vere e proprie reazioni allergiche con eruzioni cutanee e difficoltà respiratorie... per questo trovare un metodo alternativo per le piccole infezioni più essere utile ad evitare di assumere antibiotici in continuazione, diventando sensibili, creando batteri resistenti e riducendo l'efficacia di questi farmaci.

    RispondiElimina
  156. Vorrei sapere se potrebbero esserci dei rischi di intossicazione dormendo su materassi e cuscini con fodere antibatteriche a base di argento, che vengono tanto pubblicizzate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. Non conosco bene questi prodotti, se l'argento è "solido" (non cioè polveri) non ci dovrebbe essere nessuna tossicità, in genere la quantità d'argento è minima (per ovvi motivi di costi) ed altre volte è virtuale, cioè di argento ci sono solo tracce, con minimi effetti antibatterici, quasi trascurabili e quindi scarsa/nulla tossicità.

      Elimina
  157. E se uso l'oro colloidale divento giallo?

    RispondiElimina
  158. Io uso un mix di argento a 15 ppm ~ ed oro a 1 ppm da me prodotto.
    Conosco bene l' elettronica e so qualcosa di chimica applicata con l' elettronica.
    In gioventù ho lavorato ai processi dei circuiti stampati, nelle galvaniche, dove si depositavano i metalli come l' oro oppure il rame o il cobalto, tramite elettrolisi. Posso solo dire che l' argento colloidale ionico è un ottimo antibatterico ed è possibile dimostrarlo, utilizzandolo semplicemente come ascellare. Dopo esservi lavati ed asciugati, bagnate le ascelle con ACI e lasciate asciugare. Se non sudate a catinelle non puzzerete per almeno 24 ore. Problemi di forfora? Stesso procedimento e non vedrete + la forfora. Sfido qualsiasi azienda farmaceutica a produrre un prodotto economico come ACI. Con 20€ di argento puro a 99.9999% e con 100€ di acqua pura si producono 200 litri di prodotto, più che sufficienti per ottemperare al fabbisogno giornaliero in tante piccole necessità.
    Quanto costa uno sciampo contro la forfora? Un ascellare profumatissimo? Del resto, parliamo di un coadiuvante in alcune patologie per uso esterno. Uso mezzo litro di prodotto ogni 2 giorni da + di un anno e non ho la pelle blu. Produce + danni lavorare nelle industrie chimiche o respirare in una grande città che lavarsi con l'ACI. In ogni caso, come sostiene qualche produttore di farmaci per l' estetica e "non", prodotti dagli stessi effetti, possono essere molto pericolosi, tuttavia anche condizionare i consumatori, inducendo ad una patologia... Caro Dottore non potrà fare altro che convenire con questo aforisma :-) Saluti

    RispondiElimina
  159. pendo argento colloidale da 35 anni e sono ancora bianco e non ho visto l'ospedale e la semplice influenza e altre malattie fin'ora quindi ,gli esami del sangue e altri esami di routine per i miei 55 anni li ho fatti periodicamente e vanno bene ,quindi ,mi SAPETE SPIEGARE PERCHE? se l'argento e' fatto infinitesimo ,il colore trasparente dell'acqua e fatto bene in PPM 15 come densita e' ottimo e senza effetti collaterali,altri amici che conosco idem . quindi se le cose sono fatte bene e' un ottimo prodotto anzi quasi eccellente ,la parola CONFONDE I FATTI NO....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi SAPETE SPIEGARE PERCHE?

      Mah. Guardi, io ho 49 anni, non ho mai avuto un ricovero né ho malattie. Esami perfetti. Non prendo medicine, argento, oro, altri metalli pesanti o altre truffe. Visto che sto bene non uso niente e risparmio pure.
      Sono i misteri della vita.
      :)

      Saluti!

      Elimina
    2. LOL³ :D
      Perché accanirsi tanto? L' astio di chi non riconosce i benefici di un coadiuvante, quando facoltosi dottori nelle interviste, pubblicizzano ad esempio, prodotti innovativi contro MRSA, ma effettivamente in pochissimi Ospedali vengono utilizzati farmaci dall' alto costo, "ideati per abbattere i costi della sanità". Molti medici del settore non sono neppure informati della disponibilità del nuovo prodotto e della loro esistenza. Seguendo protocolli legiferati scientifici economici, quali; internazionale, €uropeo, statale e regionale, quale miglioria dovrebbe apportare, quando per chi è lecito e tacito utilizzare un farmaco per un altro non lo é?. Che follia, Mah?! Del resto, la psichiatria secondo la mia misera opinione non è una scienza.

      Elimina
  160. Io ormai sono sulla soglia dei 60 e sto benissimo. Senza nessun metallo aggiunto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metalli pesanti... Probabilmente chi non beve l' acqua sorgiva della Valle d' Aosta non sa neppure cosa siano i metalli pesanti assimilabili in natura. Acqua ricca d' argento ed oro, per non parlare del ferro e dire che qualche malato ne soffre la carenza.
      Fare il bagno in un torrente rende benefici, bere 10 litri d' acqua fa male, è una questione di quantità e di qualità.
      Prevenire le malattie non sempre determina un buono stato di salute, ci sono persone ultra vaccinate contro ogni male dei viaggi che sono ritornate a casa con la malaria LOL³
      Oggettivamente parlando, quando necessario, l' ACI +ò essere utile come coadiuvante o come cura definitiva, dipende dalla patologia.
      La prevenzione è un' altra cosa. Ad esempio una malattia infettiva si +ò evitare dal frequentare alcuni luoghi o astenendosi dal contatto con altre persone.
      L' ACI in alcuni casi +ò aiutare anche come disinfettante battericida.
      L' argento è un metallo ideale anche nella costituzione delle protesi, dove al contrario del titanio non genera infezioni e tantomeno rigetti e sono le percentuali a parlare dei suoi benefici, traendo i dati sui possibili problemi causati da una protesi d' anca.
      Negare una cura non invasiva va contro ogni etica morale.
      Poi è una questione di scelta, vige il libero arbitrio e se qualcuno ha voglia di rischiare, intraprendendo una cura invasiva per una patologia prima di tentare una cura meno pericolosa è liberissimo di farlo.
      Oggi si rischia la vita per curare un' acidità di stomaco, un raffreddore, un infiammazione, una qualsiasi malattia, oltre ad indebolire il proprio fisico creando altro malessere dovuto al farmaco assunto ed in qualche caso utilizzando gli antibiotici tradizionali, rafforzare i batteri patogeni. Questo sarà il problema negli anni a venire.
      Del resto, l' intelligenza non s' impara.

      Elimina
    2. Oltre che ottimo per le protesi, da ricordare che l'argento è anche un buon conduttore elettrico! Potremmo assumerlo per migliorare le connessioni neurali ;)

      Elimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!